Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

of

Report Rete Logistica Integrata 2 Slide 1 Report Rete Logistica Integrata 2 Slide 2 Report Rete Logistica Integrata 2 Slide 3 Report Rete Logistica Integrata 2 Slide 4 Report Rete Logistica Integrata 2 Slide 5 Report Rete Logistica Integrata 2 Slide 6
Upcoming SlideShare
What to Upload to SlideShare
Next
Download to read offline and view in fullscreen.

0 Likes

Share

Download to read offline

Report Rete Logistica Integrata 2

Download to read offline

Report Rete Logistica Integrata 2

Related Books

Free with a 30 day trial from Scribd

See all

Related Audiobooks

Free with a 30 day trial from Scribd

See all
  • Be the first to like this

Report Rete Logistica Integrata 2

  1. 1. 1 Un progetto di Regione Basilicata e FEEM
  2. 2. 2 Un progetto di Regione Basilicata e FEEM RETE LOGISTICA INTEGRATA REGIONE BASILICATA REPORT INFORMAZIONI GENERALI Linea di intervento: Gestione Sistema Monitoraggio Ambientale Linea progettuale: CULTURA E SVILUPPO SOCIALE Sito internet: // Budget: 45.000 euro Periodo attività: settembre 2017 – febbraio 2018 Luogo: Basilicata Soggetti proponenti: Regione Basilicata – Dipartimento Programmazione e Finanze; Osservatorio Regionale Banche - Imprese di Economia e Finanza (OBI) Adesioni: // Da alcuni anni la logistica è diventata un tema di grande attualità che ha travalicato l’ambito ristretto degli specialisti, per coinvolgere un pubblico sempre più ampio, forse diretta conseguenza dell’importanza che essa ha assunto in un mondo globalizzato, attraversato da flussi di merci di ogni tipo che alimentano le catene produttive e distributive delle aziende. Nonostante vecchie e nuove criticità, legate soprattutto a carenze di tipo infrastrutturale, nel Mezzogiorno d’Italia, e in particolare in Basilicata, sono da registrare importanti segnali positivi. Nel corso degli ultimi anni, ad esempio, diverse imprese lucane sono state acquistate da imprenditori esteri, a dimostrazione della vitalità del tessuto imprenditoriale locale e della sua capacità di costruire imprese “appetibili” ad acquirenti stranieri. Il Mezzogiorno ha nei paesi europei sia il principale mercato di sbocco della loro produzione, sia il loro principale fornitore. L’arrivo di capitali esteri accelera il processo di internazionalizzazione di cui beneficiano non soltanto le singole imprese, ma anche tutto l’insieme dell’indotto locale. Il Mezzogiorno è interessato inoltre da uno dei 9 corridoi principali della rete Ten-T previsti dalla Commissione Europea, denominato Scandinavo-Mediterraneo, che per la parte italiana unisce, sull’asse del Brennero, Nord e Sud Italia, affidando alla Basilicata un ruolo importantissimo di connessione. Immagine: la rete Ten-T in Italia La logistica può essere quindi un’opportunità. Ed è per questo che bisogna accompagnare e sostenere i processi di crescita e le iniziative imprenditoriali con politiche economiche ben congegnate, partendo dalla realtà del mercato e dai bisogni reali delle imprese. In questo modo la logistica può rappresentare sia un fattore autonomo di crescita e di sviluppo per il territorio, sia uno strumento attraverso il quale le aziende del Mezzogiorno accedono con successo ai propri mercati di sbocco. Ecco perché il progetto Rete Logistica Integrata Regione Basilicata, inserendosi in questo contesto, rappresenta un punto di partenza per lo sviluppo e l’implementazione di un settore che rappresenta sicuramente una grande opportunità di crescita per il futuro.
  3. 3. 3 Un progetto di Regione Basilicata e FEEM Il progetto Il progetto Rete Logistica Integrata Regione Basilicata prevede la realizzazione di uno studio di fattibilità di una Rete Logistica Integrata (ferro – gomma) in Basilicata, dedicata al trasporto merci. In particolare, l’attività di studio è concentrata sulla ricognizione (indagine desk) di tutta la documentazione esistente (studi, rapporti, mappe, legislazione nazionale e regionale), per verificare la fattibilità del Centro Intermodale di Ferrandina e dell’Autoparco di Galdo di Lauria, nodi centrali per il trasporto delle merci da e verso il Mezzogiorno d’Italia. Nel dettaglio, il progetto prevede una corposa attività di ricerca e implementazione del database sul commercio estero (fonte Istat) e del database sulla struttura produttiva regionale (fonte Movimprese Unioncamere), procedendo all’analisi economica degli stessi ed elaborando gli indicatori statistici ritenuti significativi. Si passa poi ad un inquadramento e ad uno studio dell’evoluzione storica del sistema produttivo della regione Basilicata, con analisi dettagliata delle imprese più significative delle province di Potenza e Matera. A tal fine è previsto l’utilizzo di microdati per meglio comprendere le realtà industriali presenti sul territorio e la loro evoluzione nel corso del tempo. Particolare attenzione viene prestata ai settori dell’agroalimentare, dell’automotive (soprattutto per quanto riguarda la produzione della FIAT di Malfi) ed estrattivo, per la provincia di Potenza, ed agroalimentare, del legno-mobilio (salotti) e della chimica. per la provincia di Matera. Si procede poi con un’analisi del sistema dei trasporti del Mezzogiorno e, nello specifico, della Basilicata, nel quadro più ampio dei trasporti europei ed extraeuropei, con particolare riferimento al Corridoio Scandinavo Mediterraneo relativo alla politica europea per le reti trans europee (Ten-T) per i trasporti, l’energia e le telecomunicazioni. Quest’analisi è propedeutica alla predisposizione di uno scenario di previsione di sviluppo del Centro Intermodale di Ferrandina, con stima degli impatti ambientali, economici ed occupazionali e di un’analisi di fattibilità/opportunità della realizzazione dell’Autoparco di Galdo di Lauria lungo l’Autostrada del Mediterraneo, tenendo in considerazione le normative vigenti sull’autotrasporto di merci e delle dotazioni infrastrutturali ad oggi presenti lungo la suddetta tratta, al fine di evitare la “rottura di carico” per il trasporto merci lungo le direttrici Sud-Nord e Nord-Sud. Ad integrazione di questo lavoro teorico, vengono realizzate una serie di interviste dirette sul campo presso interlocutori locali privilegiati, con una particolare attenzione al tessuto imprenditoriale locale (singoli imprenditori o imprenditori riuniti in associazioni produttive), per verificare il quadro attuale del sistema logistico regionale e l’eventuale utilità della creazione dei due centri. Obiettivi L’obiettivo principale del progetto Rete Logistica Integrata Regione Basilicata è quello di verificare la fattibilità tecnico-amministrativa ed economico-finanziaria della realizzazione di una Rete Logistica Integrata in Basilicata, attraverso la realizzazione del Centro Intermodale di Ferrandina e dell’Autoparco di Galdo di Lauria. La realizzazione della Rete ha, tra gli obiettivi indiretti, il collegamento dei sistemi produttivi lucani al corridoio tirrenico, con sbocco al Porto di Gioia Tauro, e a quello jonico, con sbocco al Porto di Taranto. Questo porterebbe a sfruttare appieno le potenzialità geografiche di una regione come la Basilicata, che si configura come possibile anello di collegamento tra il Mezzogiorno e il Centro-Nord, per facilitare l’accesso dei prodotti ai mercati di sbocco, sia quelli diretti (in Italia e all’estero), sia quelli indiretti (alle regioni del Nord Italia collegate con i mercati esteri). Altro obiettivo raggiungibile attraverso lo studio di fattibilità è la verifica della possibilità di accesso del trasporto multimodale alla Rete Europea Ten-T (Helsinki-Valletta), con il conseguente rafforzamento dei nodi logistici e di trasporto regionale, con un potenziale miglioramento della competitività delle imprese regionali e la creazione di nuove imprese e occupazione. Beneficiari A beneficiare della realizzazione di una Rete Logistica Integrata in Basilicata sarebbero, in primis, la Regione e i Comuni, che ne trarrebbero vantaggi a livello infrastrutturale e per una migliore organizzazione dei trasporti. L’intero settore produttivo, ossia tutte le imprese che si avvalgono dei trasporti regionali, nazionali ed esteri, ricaverebbe grossi benefici dalla realizzazione della Rete. Il miglioramento della competitività sui mercati nazionali ed esteri delle imprese lucane, porterebbe inevitabilmente ad un maggiore sviluppo dell’intero comparto produttivo, con un aumento notevole dell’occupazione in regione, a beneficio di tutti i cittadini.
  4. 4. 4 Un progetto di Regione Basilicata e FEEM Opportunità e criticità Il progetto Rete Logistica Integrata Regione Basilicata rappresenta un’opportunità di crescita sia per il settore dei trasporti in regione, sia per tutte le industrie, grandi e piccole, ad esso collegate. La realizzazione del Centro Intermodale di Ferrandina e dell’Autoparco di Galdo di Lauria può contribuire senza dubbio a migliorare la posizione strategica della Basilicata nel Mezzogiorno, all’interno del corridoio Scadinavo – Mediterraneo (nell’ambito della Rete Europea Ten-T) e sulle direttrici Sud-Nord e Nord-Sud, con importanti ricadute infrastrutturali, economiche ed occupazionali, sia nel breve che nel medio-lungo periodo. Il territorio lucano, inoltre, è ben predisposto alla creazione di imprese internazionali nel settore logistico. La realizzazione pratica delle opere previste dallo studio di fattibilità è certamente legata al superamento di alcune criticità, come alcune carenze infrastrutturali e la necessità di reperire le risorse economiche necessarie alla realizzazione del progetto. Benefici attesi Tra i benefici attesi dalla realizzazione di una Rete Logistica Integrata in Basilicata c’è sicuramente una diminuzione dei tempi di percorrenza delle merci e dei prodotti rispetto ai mercati potenziali; una diminuzione dei costi di trasporto ed un aumento della competitività delle imprese utilizzatrici, con particolare riferimento a quelle dei sistemi produttivi lucani interessati. La realizzazione del progetto potrebbe portare inoltre alla creazione di nuove imprese e di nuove opportunità lavorative nel settore della logistica integrata, oltre che offrire un sostegno ai processi di internazionalizzazione delle imprese esistenti. Stato dell’arte Il progetto è iniziato, con l’affidamento all’Osservatorio Regionale Banche – Imprese di Economia e Finanza, a Settembre 2017. Nel corso del progetto, il team di ricerca ha effettuato anche una serie di interviste sul campo per verificare il quadro attuale del sistema logistico regionale e raccogliere feedback sull’eventuale utilità della creazione del Centro Intermodale di Ferrandina e dell’Autoparco di Galdo di Lauria. Queste le interviste effettuate: - Dott. Lunati – CEO Azienda Agricola “La Taverna” - Dott. Serio – Consigliere Delegato “Apofruit” - Sig. Carone – Responsabile Logistico dello Stabilimento “Apofruit” - Avv. Carlo Chiaruzzi – Amministratore ASI Matera - Dott. Zoccali – già Direttore Attività Produttive Regione Basilicata e già Direttore ASI Potenza - Ing. Bitondo – Ingegnere Comune di Matera e azienda “Di Leo” Il 20 Febbraio 2018, dopo aver svolto tutte le attività previste di analisi ed elaborazione dei dati raccolti, il Report Finale, validato dall’OBI, è stato consegnato alla Regione Basilicata – Dipartimento Programmazione e Finanze.
  5. 5. 5 Un progetto di Regione Basilicata e FEEM Goals SdGS individuati nell’ambito del progetto: Da sempre nella storia dell’uomo il viaggio rappresenta un momento importante e caratterizzante delle diverse epoche e modelli sociali. Ogni antica civiltà fondava il proprio potere e la propria forza sulla capacità di avviare e mantenere rapporti con popoli diversi, attraverso gli scambi commerciali, scambi che consentivano di far viaggiare non solo merci ma idee, conoscenze e cultura. Il progetto Rete Logistica Integrata Regione Basilicata vuole verificare la fattibilità tecnico–amministrativa ed economico– finanziaria di una Rete Logistica Integrata in Basilicata e collegare i sistemi produttivi lucani tramite una moderna rete intermodale, nell’ottica di uno sviluppo sostenibile legato all’energia, sfruttando le potenzialità geografiche della Basilicata, quale anello di collegamento tra il Mezzogiorno, il Centro e il Nord e verificando così la possibilità e l’opportunità di accesso del trasporto multimodale alla Rete Europea TEN-T (Helsinki – Valletta). Il progetto vuole dunque promuovere una crescita economica, creando nuovi modelli di sviluppo, slegandoli dal degrado ambientale, investendo in infrastrutture sostenibili, nella ricerca scientifica e tecnologica, pulita e rispettosa dell’ambiente. L’urbanizzazione pone anche grandi sfide. Le città moderne hanno un enorme impatto ambientale. Entro il 2030 fornire l'accesso ai sistemi di trasporto sicuri, accessibili, e sostenibili, migliorando la sicurezza e creando modelli rappresentativi, avviando processi decisionali a tutti i livelli, è obiettivo importante e il progetto si muove su queste linee guida, poiché promuove la cooperazione regionale tra Nord e Sud del mondo, nell’ottica di un sistema commerciale basato su regole, aperto e multilaterale.
  6. 6. 6 Un progetto di Regione Basilicata e FEEM

Report Rete Logistica Integrata 2

Views

Total views

34

On Slideshare

0

From embeds

0

Number of embeds

0

Actions

Downloads

2

Shares

0

Comments

0

Likes

0

×