Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

La 3° alternativa nel team coaching

654 views

Published on

L'individualismo è il vero freno al processo di aggregazione. Per un futuro delle PMI Italiane, sarà strategico la ricerca di modelli “Gruppo di vendita” che rispettino la tipicità delle strutture familiari, con particolare attenzione alle relazione tra le persone.

Published in: Business
  • Be the first to comment

La 3° alternativa nel team coaching

  1. 1. Relatori: Andrea Biagioni e Marco Cucchi AGGREGAZIONE NEL BUSINESS LA 3a ALTERNATIVA E IL TEAM COACHING COACHING CLUB MARCHE 18 Aprile 2015 - Auditorium San Rocco - Senigallia INCONTRO TEMATICO CON I COACH DELLE MARCHE
  2. 2. AGGREGAZIONE NEL BUSINESS LA 3° ALTERNATIVA E IL TEAM COACHING L’Impresa Italiana è espressione del motto “piccolo è bello”, contenitore di relazioni e storie familiari, cresciuta grazie ad imprenditori fantasiosi e creativi che dopo avere affrontato le sfide più impensabili devono combattere un nemico terribile, che rallenta e mina la capacità di affrontare le sfide più globali, un vero sabotatore focalizzato sugli interessi personali e di breve termine: “L’Individualismo”. “La 3° alternativa”, l’ultimo straordinario contributo di Steven Covey, e la collaudata metodologia del Team Coaching possono rappresentare degli strumenti facilitanti per l’aggregazione nel business. Quello che viene proposto è un modello concreto di relazione che combina entrambi gli approcci, per la generazione di Nuove Alternative negli incontri d’affari, dalle riunioni dei team interni al confronto tra differenti realtà aziendali. I N T R O D U Z I O N E COACHING CLUB MARCHE
  3. 3. Stephen Covey Stephen Covey, il principale impegno della sua attività imprenditoriale: proporre strumenti di formazione e produttività ai singoli e alle organizzazioni. La sua missione: ”Favorire la grandezza nelle persone e nelle organizzazioni in tutto il mondo". Numerosi progetti ed impegni di alto profilo contraddistinguono la sua vita. COACHING CLUB MARCHE
  4. 4. Covey – I Sette pilastri del successo (1989) Il libro di consulenza più venduto in tutto il mondo (oltre 25 milioni di copie). Promuove quello che si definisce "il carattere etico": allineare i propri valori con i cosiddetti “principi universali e senza tempo". Covey proclama che i valori governano il comportamento delle persone, ma i principi alla fine determinano le conseguenze. COACHING CLUB MARCHE
  5. 5. COACHING CLUB MARCHE Covey – I Sette pilastri del successo (1989) INDIPENDENZA VITTORIA PUBBLIC A VITTORIA PRIVATA1.ESSERE PROATTIVI INTERDIPENDENZA DIPENDENZA 1 Essere proattivi: Il nostro comportamento dipende dalle nostre decisioni e non dalle condizioni in cui viviamo. L’approccio proattivo alla vita è di cambiare dall’interno verso l’esterno, essere diverso, intraprendente, migliore, creativo, responsabile, cooperativo. DALLA DIPENDENZA ALL’INDIPENDENZA
  6. 6. COACHING CLUB MARCHE Covey – I Sette pilastri del successo (1989) INDIPENDENZA VITTORIA PUBBLIC A VITTORIA PRIVATA 2. COMINCIA PENSANDO ALLA FINE 1.ESSERE PROATTIVI INTERDIPENDENZA DIPENDENZA 2 Cominciare pensando alla fine: Essere attivi senza essere efficaci è come arrampicarsi duramente sulla scala del successo e scoprire che poggia su un muro sbagliato. E’ necessaria una dichiarazione personale sul cosa fare e come farlo, uno strumento che accompagni la nostra crescita personale in un processo continuo di riflessione/azione della nostra visione e valori. DALLA DIPENDENZA ALL’INDIPENDENZA
  7. 7. COACHING CLUB MARCHE Covey – I Sette pilastri del successo (1989) INDIPENDENZA VITTORIA PUBBLIC A VITTORIA PRIVATA 2. COMINCIA PENSANDO ALLA FINE 1.ESSERE PROATTIVI 3 STABILIRE LE PRIORITA’ INTERDIPENDENZA DIPENDENZA 3 Stabilire le priorità: Utilizzo del modello di gestione del tempo a 4 quadranti, focalizzandosi sul quadrante non urgente-importante. Gestire la vita in modo efficace con la massima attenzione all’importante oltre che all’urgente. DALLA DIPENDENZA ALL’INDIPENDENZA
  8. 8. COACHING CLUB MARCHE Covey – I Sette pilastri del successo (1989) INDIPENDENZA VITTORIA PUBBLICA VITTORIA PRIVATA 2 . COMINCIA PENSANDO ALLA 1.ESSERE PROATTIVI 3 STABILIRE LE PRIORITA’ 4 PENSARE WIN-WIN’ INTERDIPENDENZA DIPENDENZA 4 Pensare Win-Win: trovare espressione in accordi dove entrambe le parti vincono, gestendo le aspettative e non il come fare. Scaturisce da “un’etica del carattere” con doti di spiccata coerenza, maturità e senso dell’abbondanza, e non “dall’etica della personalità”. DALL’INDIPENDENZA ALL’INTERDIPENDENZA
  9. 9. COACHING CLUB MARCHE Covey – I Sette pilastri del successo (1989) INDIPENDENZA VITTORIA PUBBLICA VITTORIA PRIVATA 2 . COMINCIA PENSANDO ALLA 1.ESSERE PROATTIVI 3 STABILIRE LE PRIORITA’ 4 PENSARE WIN-WIN’ INTERDIPENDENZA DIPENDENZA 5 ASCOLTO ATTIVO 5 Ascoltare attivamente: sviluppare la capacità di ascolto empatico, non tanto per cercare i punti comuni di condivisione ma per capire profondamente l’altro da un punto di vista emotivo e intellettuale. Costruire relazioni che ispirano apertura e fiducia evitando giudizi affrettati che creano barriere. DALL’INDIPENDENZA ALL’INTERDIPENDENZA
  10. 10. COACHING CLUB MARCHE Covey – I Sette pilastri del successo (1989) INDIPENDENZA VITTORIA PUBBLICA VITTORIA PRIVATA 2 . COMINCIA PENSANDO ALLA 1.ESSERE PROATTIVI 3 STABILIRE LE PRIORITA’ 4 PENSARE WIN-WIN’ INTERDIPENDENZA DIPENDENZA 5 ASCOLTO ATTIVO 6 CREA SINERGIE 6 Creare sinergie: L’essenza della sinergia sta nell’apprezzare le differenze e rispettarle, costruire sulle zone di forza e compensare le debolezze. Quando vediamo soltanto due alternative, quella nostra e quella sbagliata, possiamo cercare una terza alternativa, sinergica, migliore per ciascuno degli interessati. DALL’INDIPENDENZA ALL’INTERDIPENDENZA
  11. 11. COACHING CLUB MARCHE Covey – I Sette pilastri del successo (1989) INDIPENDENZA VITTORIA PUBBLICA VITTORIA PRIVATA 2 . COMINCIA PENSANDO ALLA 1.ESSERE PROATTIVI 3 STABILIRE LE PRIORITA’ 4 PENSARE WIN-WIN’ INTERDIPENDENZA DIPENDENZA 5 ASCOLTO ATTIVO 6 CREA SINERGIE 7 Affilare la lama: Dedicare tempo alla capacità di rinnovare le 4 dimensioni: Fisica: esercizio, alimentazione, controllo dello stress. Mentale: leggere, visualizzare, pianificare, scrivere. Spirituale: impegno, studio e meditazione. Sociale/emozionale: servizio, empatia, sinergia, sicurezza interiore. 7 AFFILA LA LAMA LA SETTIMA ABITUDINE
  12. 12. Covey – L’ottava regola (2004) Sintomo del nostro tempo: le persone non stanno crescendo all’interno delle organizzazioni in cui lavorano, non sono appagate ne stimolate, sono frustrate. Causa: Stiamo vivendo il passaggio dall’età industriale all’età dell’information worker ma non vogliamo cambiare il modello comportamentale dell’era industriale, legato alla filosofia del bastone e la carota. COACHING CLUB MARCHE
  13. 13. Covey – L’ottava regola (2004) Soluzione: Stabilire un percorso per vivere i principi universali, trovando la voce e ispirando i gruppi di influenza (Famiglia, lavoro, comunità, associazione…) a trovare la loro. L’ottava regola è la voce dello spirito umano, dotata di un potenziale sconfinato al servizio del bene comune. COACHING CLUB MARCHE
  14. 14. COACHING CLUB MARCHE Covey – L’ottava regola (2004) Persona a tutto tondo Vittima Essere un modello Scarsa fiducia TROVA LA TUA VOCE Aiuta gli altri a trovare la loro PERDI LA TUA VOCE Impedisci agli altri di trovare la loro Coscienza Ego DONI INNATI: - Scelta - Principi - 4 Intelligenze
  15. 15. COACHING CLUB MARCHE Covey – L’ottava regola (2004) Persona a tutto tondo Vittima Essere un modello Scarsa fiducia TROVA LA TUA VOCE Aiuta gli altri a trovare la loro PERDI LA TUA VOCE Impedisci agli altri di trovare la loro Coscienza Visione PassioneDisciplina Ego Vittimismo Mollezza Specchio sociale DONI INNATI: - Scelta - Principi - 4 Intelligenze Scopri i tre doni che spesso trascuriamo: Scelta: ricerca la “libertà di scelta” tra stimolo e risposta. Principi: orienta la “coscienza morale” ai principi universali, trovare il vero nord. Intelligenze: sviluppa le “quattro intelligenze”: fisica, mentale, sociale/emozionale e spirituale
  16. 16. DONI INNATI: -Scelta -Principi - 4 Intelligenze COACHING CLUB MARCHE Covey – L’ottava regola (2004) Trovare la strada LegittimareAllineare Visione PassioneDisciplina Persona a tutto tondo Vittima Essere un modello Scarsa fiducia ESPRIMI LA TUA VOCE Aiuta gli altri a trovare la loro PERDI LA TUA VOCE Impedisci agli altri di trovare la loro Coscienza Visione PassioneDisciplina Ego Vittimismo Mollezza Specchio sociale Sviluppare le quattro intelligenze: Intelligenza fisica: alimentazione equilibrata, allenamento fisico bilanciato e costante, riposo adeguato, gestione dello stress e pensiero preventivo. Intelligenza mentale: studiare e istruirsi in maniera sistematica e disciplinata, coltivare l’autoconsapevolezza. Intelligenza emotiva: motivazione personale, autoregolazione, empatia, capacità di comunicazione. Intelligenza spirituale: coerenza (educare la coscienza e obbedirle), significato (dare un proprio contributo alle cause e alle persone), la voce (allineare il nostro lavoro con i nostri talenti e con la nostra missione).
  17. 17. DONI INNATI: -Scelta -Principi - 4 Intelligenze COACHING CLUB MARCHE Covey – L’ottava regola (2004) Trovare la strada LegittimareAllineare Visione PassioneDisciplina Persona a tutto tondo Vittima Essere un modello Scarsa fiducia ESPRIMI LA TUA VOCE Aiuta gli altri a trovare la loro PERDI LA TUA VOCE Impedisci agli altri di trovare la loro Coscienza Visione PassioneDisciplina Ego Vittimismo Mollezza Specchio sociale Vivere le manifestazioni delle quattro intelligenze: Visione: vedere con gli occhi della mente ciò che è possibile realizzare nelle persone, nei progetti, nelle cause e nelle imprese (il cosa). Disciplina: trasformare la visione in realtà, fare in modo che accada, il sacrificio di fare tutto per fare accadere le cose (il come). Passione: il fuoco, il desiderio, la forza della convinzione e lo slancio che incoraggia alla disciplina nel realizzare la visione (la forza emotiva dietro il perché, il cosa e il come). Coscienza: l’intima consapevolezza morale di ciò che è giusto o sbagliato (il perché).
  18. 18. DONI INNATI: -Scelta -Principi - 4 Intelligenze COACHING CLUB MARCHE Covey – L’ottava regola (2004) Trovare la strada LegittimareAllineare Visione PassioneDisciplina Persona a tutto tondo Vittima Essere un modello Scarsa fiducia ESPRIMI LA TUA VOCE Aiuta gli altri a trovare la loro PERDI LA TUA VOCE Impedisci agli altri di trovare la loro Coscienza Visione PassioneDisciplina Ego Vittimismo Mollezza Specchio sociale Prendiamo i ruoli più importanti della nostra vita e rispondiamo: •Che bisogno percepisco (famiglia, comunità, azienda)? •Possiedo un vero talento che se disciplinato e applicato può soddisfare il bisogno? •L’opportunità di soddisfare il bisogno utilizza al meglio la mia passione? •La mia coscienza mi ispira ad entrare in azione?
  19. 19. COACHING CLUB MARCHE Covey – L’ottava regola (2004) Trovare la strada LegittimareAllineare Visione PassioneDisciplina Persona a tutto tondo Vittima Essere un modello Scarsa fiducia ESPRIMI LA TUA VOCE Aiuta agli altri a trovare la loro PERDI LA TUA VOCE Impedisci agli altri di trovare la loro Coscienza Visione PassioneDisciplina Ego Vittimismo Mollezza Specchio sociale DONI INNATI: -Scelta -Principi - 4 Intelligenze L’Azienda è un’organizzazione basata su una relazione che ha lo scopo di soddisfare tutti gli stakeholder coinvolti. Covey: “Saranno le aziende che permetteranno ad una massa critica di persone e gruppi di raggiungere la piena realizzazione della propria voce, di ottenere un salto di qualità inaudito nella produttività, nell’innovazione, nella leadership, sul mercato e nella società”. Aiuta gli altri a trovare la loro
  20. 20. COACHING CLUB MARCHE Covey – L’ottava regola (2004) Trovare la strada LegittimareAllineare Visione PassioneDisciplina Persona a tutto tondo Vittima Essere un modello Scarsa fiducia ESPRIMI LA TUA VOCEAiuta gli altri a trovare la loro PERDI LA TUA VOCE Impedisci agli altri di trovare la loro Coscienza Visione PassioneDisciplina Ego Vittimismo Mollezza Specchio sociale DONI INNATI: -Scelta -Principi - 4 Intelligenze - Ruoli della Leadership - FOCUS Essere un modello (coscienza): esprime il concetto di dare il buon esempio Trovare la strada (visione): determinare di comune accordo la direzione ESECUZIONE Allineare (disciplina): stabilire e gestire i sistemi per mantenere la direzione scelta Legittimare (passione): focalizzare il talento sui risultati e non sui metodi, quindi dare spazio alle persone e aiutarle solo su loro richiesta.
  21. 21. Covey – La terza alternativa (2011) La prima alternativa è il mio modo di vedere le cose La seconda alternativa è il tuo modo assurdo di vedere le cose Il nemico in questi casi è l’arroganza…. Gli imprenditori devono prendere decisioni “solide”. Scelte sbagliate vengono prese ogni giorno da uomini incapaci di ascoltare. COACHING CLUB MARCHE
  22. 22. Covey – La terza alternativa (2011) La terza alternativa è il “nostro modo”, non è fare a modo mio o a modo tuo, ma in un modo nuovo, migliore. La 3a alternativa è la sinergia, quella che nello sport chiamiamo “chimica” quando il gruppo ottiene risultati maggiori della somma delle prestazioni dei singoli. La sinergia esiste da sempre in natura. Un esempio? Gli uccelli migratori che volano in stormo riescono a percorrere il doppio del percorso grazie alle correnti ascensionali generate dal battito delle ali. COACHING CLUB MARCHE
  23. 23. COACHING CLUB MARCHE Covey – La terza alternativa (2011) Il mio modo Il tuo modo Il nostro modo La Terza Alternativa Deming Combatti o fuggi? Ghandi non scappo’ e non reagì con la violenza ma la sua azione cambiò la condizione di milioni di persone Ghandi Edward Deming negli anni ‘40 propose la qualità nei processi produttivi. Rifiutato in USA andò in Giappone e combinò le sue idee con la filosofia “Kanban”.
  24. 24. Covey – La terza alternativa (2011) La terza alternativa: sintesi del modello Mi Vedo Ti Vedo Cerco di trovarti Entro in sinergia con te COACHING CLUB MARCHE
  25. 25. Mi vedo: Vedo me stesso come win-win, desidero che nessuno di noi perda qualcosa Ti vedo: Vedo la controparte come una persona, dotata di talenti, passione e punti di forza. Mostro autentico rispetto per lui e voglio meritare la sua fiducia. Opposto: la classica visione delle due alternative, ti vedo come un nemico su un campo di battaglia “io/noi contro te/loro”. COACHING CLUB MARCHE Covey – La terza alternativa (2011) Nel 1968 …dopo 4 anni di rancori e sentimenti di vendetta….Mandela cambia atteggiamento nei confronti del suo carceriere “Lo sentivo parlare della sua famiglia…”. Mandela e Christo Brand diventarono grandi amici.
  26. 26. Cerco di trovarti: Vedo i punti di vista diversi come risorsa. Ho un ascolto empatico, focalizzo sul contenuto ed emozione. Ho una visione più ampia e globale del problema. Opposto: Vedo i tuoi punti di vista sbagliati e non utili. I tuoi pensieri sono una minaccia e cerco di ignorarti e contrastarti. COACHING CLUB MARCHE Covey – La terza alternativa (2011) Un infinità di controversie: ogni anno, solo negli USA, 1,2 mln di Avvocati fatturano parcelle per 71 miliardi di dollari.
  27. 27. Entro in sinergia con te: Cerco una soluzione che sia migliore di quella che ciascuno di noi ha in mente, Risultato: uno+uno farà dieci, cento o mille. Opposto: Cerco lo scontro e la vittoria di opinione, consapevole che alla fine dovrò scendere a compromesso. insisto sulla mia personale soluzione limitata. Risultato: uno+uno farà zero. COACHING CLUB MARCHE Covey – La terza alternativa (2011) La Repubblica delle Mauritius è indipendente dalla GB dal 1968. All’epoca hanno saputo armonizzare tre diverse culture: cristiana, islamica e induista. Per la convivenza delle diverse etnie e il risptetto delle minoranze nel corso delle elezioni oltre agli eletti hanno il seggio anche gli 8 “sconfitti migliori” inoltre tutti celebrano le principali feste religiose cristiane, islamiche, induiste.
  28. 28. Il cuore del processo: “entro in sinergia con te” COACHING CLUB MARCHE Covey – La terza alternativa (2011) LE QUATTRO FASI VERSO LA SINERGIA: 1. Fai la domanda della terza alternativa 2. Definisci i parametri di successo 3. Crea terze alternative 4. Arriva alla sinergia e alla terza alternativa
  29. 29. Terza alternativa: Sei disposto ad elaborare una soluzione che sia migliore di quella che ognuno di noi ha elaborato in precedenza? Due alternative: Altre informazioni COACHING CLUB MARCHE Covey – La terza alternativa (2011) 1. Fai la domanda della Terza Alternativa
  30. 30. Terza alternativa: Elenca le caratteristiche di un risultato positivo: •Siamo tutti coinvolti nel definire i parametri? •Quali risultati desideriamo davvero raggiungere? •Qual è il vero compito da svolgere? •Quali risultati costituiscono una vittoria per tutti? •Stiamo cercando di superare le esigenze radicate per trovare una soluzione migliore? Due alternative: giustifica le tue posizioni, comportamento manipolatorio. COACHING CLUB MARCHE Covey – La terza alternativa (2011) 2. Definisci i parametri di successo
  31. 31. Terza alternativa: applica le tecniche del teatro magico definendo i prototipi e contro- prototipi. Simile al brainstorming, lento e autocritico, il Teatro Magico è un incontro dove ognuno può dare il suo contributo e nessuna idea é proibita. Si é disposti a trascorrere del tempo in una stanza “solo per pazzi”? Due alternative: contratta con relazioni Vinci/Perdi COACHING CLUB MARCHE Covey – La terza alternativa (2011) 3. Crea terze alternative
  32. 32. Regole del Teatro magico Gioca, non è per davvero e tutti sanno che è un gioco. Evita la chiusura e l’accordo prematuro. Evita di giudicare le idee degli altri e le tue. Realizza dei modelli, disegna su una lavagna, costruisci dei prototipi… Ribalta l’opinione comune. Opera velocemente: imposta un limite di tempo, in maniera tale che l’energia e il pensiero creativo fluiscano con rapidità. Pensa ad un infinità di idee: non si può prevedere quale sarà l’improvvisa intuizione che può condurre alla terza alternativa. COACHING CLUB MARCHE Covey – La terza alternativa (2011)
  33. 33. Aggregazioni nel business: lo stato dell’arte Terza alternativa: riconosci una valida alternativa dal senso di eccitazione e dall’ispirazione di tutti. •Il vecchio conflitto è stato abbandonato? •La nuova alternativa soddisfa i parametri di successo? Evita di commettere l’errore di scambiare il compromesso per sinergia. Il compromesso implica che tutti perdano qualcosa; sinergia significa che tutti vincono. Due alternative: Arriva al compromesso Perdi/Perdi COACHING CLUB MARCHE 4. Arriva alla sinergia L’azienda Danese Lego negli anni ‘00 ha subito un attacco informatico. Gli hacker, presto individuati dalle forze dell’ordine, sono stati convocati dalla Lego per esporre le loro intenzioni: utilizzare la lista di tutte le singole referenze per progettare nuove costruzioni. Risultato: l’azienda ha utilizzato la loro consulenza per costruire un portale dove tutti i clienti possono configurarsi la loro creazione.
  34. 34. La Terza Alternativa in sette steps Proposta di un modello efficace per il Team Coaching nel business COACHING CLUB MARCHE 7654321
  35. 35. COACHING CLUB MARCHE La Terza Alternativa in sette steps Arriva alla sinergia Due modalità alternative per arrivare al risultato Poni domande sugli obiettivi Stimola il confronto tra le parti Invita al raggiungimento di un intesa Dai un feedback ad ogni avanzamento Poni la domanda della terza alternativa Invita a stabilire i parametri di successo Stimola la generazione di idee creative Aiuta a riconoscere la terza alternativa Attività propedeutica: RICONOSCERSI
  36. 36. “Riconoscersi” fase A - Esercitazione a coppie Svolgimento: i partecipanti hanno 15 minuti a disposizione per scoprire l’uno dell’altro i 4 aspetti della loro vita che li appassionano di più Output: in un minuto ciascuno deve raccontare al gruppo cosa ha scoperto dell’altra persona COACHING CLUB MARCHE La Terza Alternativa in sette steps 1 2Mi vedo Ti vedo
  37. 37. COACHING CLUB MARCHE La Terza Alternativa in sette steps “Riconoscersi” fase B - Esercitazione delle stesse coppie Svolgimento: i partecipanti hanno 15 minuti a disposizione per scoprire l’uno dell’altro quali sono i rispettivi obiettivi sul lavoro e cosa si aspettano da questo incontro di team coaching Output: In un minuto ciascuno deve raccontare al gruppo cosa ha scoperto dell’altra persona 3Cerco di trovarti
  38. 38. COACHING CLUB MARCHE La Terza Alternativa in sette steps Pongo la domanda della 3° Alternativa Svolgimento: scrivo alla flip chart…. “Sei disposto a trovare una soluzione nuova, che sia migliore di quella che ognuno di noi ha elaborato in precedenza?” Output: verifico con un giro di tavolo la disponibilità di tutti. 4Pongo la domanda
  39. 39. COACHING CLUB MARCHE La Terza Alternativa in sette steps Invito a stabilire parametri di successo - Esercitazione individuale Svolgimento: ogni partecipante ha 10 minuti per scrivere su un cartoncino i risultati che costituirebbero una vittoria per tutti. Output: i cartoncini vengono attaccati alla flip chart e discusso dal gruppo fino a completa condivisione. 5Parametri di successo
  40. 40. COACHING CLUB MARCHE La Terza Alternativa in sette steps Stimolo la generazione di idee creative - Esercitazione individuale Utilizzare le principali regole del “Teatro Magico”: - Proponi tutto quello che ti viene in mente ed evita il giudizio Svolgimento: i partecipanti con l’uso di carta, pennarelli, ritagli di giornale creano un cartellone che sintetizzi la propria idea… 6Idee creative
  41. 41. COACHING CLUB MARCHE La Terza Alternativa in sette steps Aiuto a riconoscere la terza alternativa Dalla generazione creativa alla sintesi delle idee Svolgimento: il coach riassume le soluzioni proposte e invita i partecipanti a confrontarle con i parametri di successo stabiliti. Da questo processo di selezione può nascere l’idea per una 3° alternativa, una nuova soluzione migliore delle precedenti. 7Arriva la sinergia
  42. 42. COACHING CLUB MARCHE La Terza Alternativa: case history 2015 Due Aziende concorrenti che operano nell’ambito della Consulenza e formazione nel settore Automotive da anni hanno un cliente comune. Martedì 2 dicembre 2014 decidono di incontrarsi informalmente presso il Ristorante Ciccarelli di Dossobuono (VR) per valutare una possibile collaborazione nelle attività che coinvolgono quel cliente. “Luca, te la senti di progettare assieme e condividere tutti i corsi del 2015?” “Marco, é una proposta interessante: posso già dirti di sì!” Sono seguiti numerosi incontri operativi che hanno dato vita ad una partnership efficace.
  43. 43. COACHING CLUB MARCHE La Terza Alternativa: conclusione “Tu vedi le cose in modo diverso da me. Devo necessariamente ascoltarti!” Stephen R. Covey
  44. 44. AGGREGAZIONE NEL BUSINESS COACHING CLUB MARCHE GRAZIE! I Coach delle Marche LA 3a ALTERNATIVA E IL TEAM COACHING

×