Acqua azzurraacquachiara

10,786 views
10,286 views

Published on

Percorso sull'acqua scuola dell'infanzia Bassagrande

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
10,786
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
22
Actions
Shares
0
Downloads
30
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Acqua azzurraacquachiara

  1. 1. Progetto “Acqua azzurra acqua chiara” Scuola infanzia Paradiso Istituto comprensivo “Buonarroti” A.S 2011-2012
  2. 2. FinalitàIl progetto è inteso come articolazione di un ben più ampio percorso di educazione scientifica ambientale che vede nell’acqua un naturale elemento di gioco e di divertimento, una materia che offre ai bambini la possibilità di vivere sensazioni piacevoli, di conoscere e di esplorare
  3. 3. Obiettivi• Essere in grado di conoscere le caratteristiche e le proprietà dell’acqua (liquidità, trasparenza, tensione superficiale, caratteristiche delle gocce d’acqua, forma, aspetto, comportamento)• Essere in grado di sperimentare e conoscere la proprietà di solubilità
  4. 4. Obiettivi• Essere in grado di sperimentare e conoscere il cambiamento di stato di acqua• Essere in grado di sperimentare e conoscere il fenomeno del galleggiamento• Essere in grado di costruire semplici strumenti di misurazione
  5. 5. Organizzazione• Insegnanti: tutte le insegnanti della scuola dell’infanzia Paradiso• Alunni: tutti gli alunni, divisi per fascia di età (tre, quattro, cinque anni)• Spazi: classi, spazi comuni interni della scuola• Tempi: Aprile / maggio• Produzione di un CD del progetto
  6. 6. Materiali• Materiale di recupero • Computer• Materiale cartaceo • Videocassette• Fotografie • Registratore• Libri illustrati • Macchina fotografica• Colori di vario genere • Materiale estratto da vari• Materiale specifico per i siti internet vari esperimenti • Produzione di un CD del progetto
  7. 7. Modalità di svolgimento • Sperimentare le• Verifica delle competenze caratteristiche e le già esistenti negli alunni proprietà dell’acqua sull’argomento • Sperimentare il• Introduzione cambiamento di stato dell’argomento tramite dell’acqua illustrazioni e un • Effettuare mescolanze racconto sul ciclo e con acqua e altre sull’importanza sostanze dell’acqua.
  8. 8. Modalità di svolgimento• Effettuare registrazioni e • Conoscere il ciclo misurazioni dell’acqua• Costruire semplici strumenti di misurazione • Conoscere l’utilizzo e l’importanza dell’acqua
  9. 9. Controllo degli apprendimenti• Documentazione:• Check- list per valutare l’efficacia del progetto con l’argomento trattato• Check- list di autovalutazione dell’intervento didattico• Materiale grafico pittorico prodotto dai bambini• Fotografie durante l’esperienza didattica
  10. 10. Check-list per valutare l’efficacia del progetto anni 3• I contenuti individuati sono risultati poco Abbastanza molto accessibili ai bambini? X• I contenuti sono stati gerarchizzati Si no adeguatamente rispetto al loro X grado di complessità?• I prerequisiti richiesti sono stati si, tutti in parte tutti necessari? X• I tempi per lo svolgimento delle attività proposte sono stati si no In parte sufficienti? x• Le competenze specifiche, fissate per il livello di apprendimento, parzialm Completame sono state perseguite? ente nte X
  11. 11. Check-list per valutare l’efficacia del progetto anni 4• I contenuti individuati sono risultati poco abbastanza Molto accessibili ai bambini? X• I contenuti sono stati gerarchizzati adeguatamente rispetto al loro si no grado di complessità? X• I prerequisiti richiesti sono stati tutti necessari? si, tutti in parte• I tempi per lo svolgimento delle X attività proposte sono stati sufficienti? Si no• Le competenze specifiche,fissate X per il livello di apprendimento,sono state perseguite? parzialm Completame ente nte X
  12. 12. Check-list per valutare l’efficacia del progetto anni 5• I contenuti individuati sono risultati poco abbastanza Molto accessibili ai bambini? X• I contenuti sono stati gerarchizzati si no adeguatamente rispetto al loro grado di complessità? X• I prerequisiti richiesti sono stati si, tutti in parte tutti necessari? X• I tempi per lo svolgimento delle attività proposte sono stati si No in parte sufficienti?• Le competenze specifiche,fissate per il livello di apprendimento,sono parzialm Completame state perseguite? ente nte X
  13. 13. Check-list di autovalutazione dell’intervento didattico anni 3• Sono stata capace di rendere gli poco abbastanza Molto argomenti più facili e più gradevoli X senza svuotarli di significato?• Sono riuscita a facilitare il ruolo poco abbastanza Molto attivo dei bambini nelle diverse X situazioni di apprendimento?• Dopo lo svolgimento degli poco Abbastanza Molto interventi, le competenze dei X bambini sono migliorate?• Sono riuscita a predisporre poco abbastanza Molto condizioni adeguate a facilitare x l’apprendimento?• Sono riuscita a comunicare in raramente Spesso sempre maniera assertiva con i bambini? X
  14. 14. Check-list di autovalutazione dell’intervento didattico anni 4• Sono stata capace di rendere gli poco abbastanza Molto argomenti più facili e più gradevoli X senza svuotarli di significato?• Sono riuscita a facilitare il ruolo poco Abbastanza molto attivo dei bambini nelle diverse X situazioni di apprendimento?• Dopo lo svolgimento degli poco abbastanza Molto interventi, le competenze dei X bambini sono migliorate?• Sono riuscita a predisporre poco abbastanza Molto condizioni adeguate a facilitare X l’apprendimento?• Sono riuscita a comunicare in raramente spesso Sempre maniera assertiva con i bambini? X
  15. 15. Check-list di autovalutazione dell’intervento didattico anni 5• Sono stata capace di rendere gli poco abbastanza Molto argomenti più facili e più gradevoli X senza svuotarli di significato?• Sono riuscita a facilitare il ruolo poco abbastanza Molto attivo dei bambini nelle diverse X situazioni di apprendimento?• Dopo lo svolgimento degli poco abbastanza Molto interventi, le competenze dei X bambini sono migliorate?• Sono riuscita a predisporre poco abbastanza Molto condizioni adeguate a facilitare X l’apprendimento?• Sono riuscita a comunicare in raramente Spesso sempre maniera assertiva con i bambini? X
  16. 16. Anni tre• Conosciamo le caratteristiche dell’acqua
  17. 17. Le caratteristiche dell’acqua: la osservo, la tocco, la uso
  18. 18. I nostri disegni: siamo bambini di tre anni Cosa serve l’acqua inLa storia della gocciolina natura
  19. 19. L’utilità dell’acquaLe funzioni della pioggia in natura L’uso dell’acqua nel mondo
  20. 20. Adesso diventiamo scienziati!!!!!!!Il galleggiamentoOsserviamo gli oggetti….Alcuni riescono agalleggiare altri affondano,Quale sarà il motivo diquesta differenza dirapporto con l’acqua?.....
  21. 21. E adesso….proviamo noi!
  22. 22. Il galleggiamento
  23. 23. I cambiamenti di stato Dentro la pentola c’è dell’acqua molto calda, cosa gli sarà successo all’acqua se l’abbiamo fatta bollire?........ Oh Oh Oh!!!! Alzando il coperchio esce del vapore………perché una parte dell’acqua si è trasformata Come sarà diventata? C’è stato un cambiamento, da liquida a gassosa cioè è diventata gas che sale nell’aria e non rimane dentro la pentola
  24. 24. Quante cose si imparano qui!
  25. 25. Si impara divertendosi
  26. 26. Cambiamenti di stato L’acqua adesso in cosa si trasformerà?! La mettiamo in congelatore dentro a dei simpatici sacchettini e dei bicchierini di plastica ma dentro l’acqua ci abbiamo messo anche un buon sciroppo all’arancia. Cosa succederà adesso all’acqua? …… ma sono diventati dei cubetti di ghiaccio …. E il ghiaccio è duro e freddo!!!
  27. 27. Cambiamenti di stato dell’acqua Dal liquido al solido Dall’acqua al ghiaccio L’acqua mettendola in congelatore non è più liquida ma è diventata solida…… e….anche buona!
  28. 28. Cambiamenti di statoCome è fredda! Che bei gelati!
  29. 29. I nostri disegnicon l’acqua si possono fare gustosi gelati
  30. 30. Anni quattropercorso:Siamo partiti con ilritrovamento di una bottiglia,che ci ha fatto scoprire ilpirata Serafino... Apriamo labottiglia e troviamo la storiadi una gocciolina...raccontiamo la storia....
  31. 31. Materiale grafico pittorico anni 4
  32. 32. Caratteristiche dell’acquaIl pirata Serafino vuol saperese i bambini conoscono bene lequalità dellacqua. Laosserviamo, la annusiamo, labeviamo...... Tesi lacqua èinsapore, inodore e trasparente Chiediamo ai bambini selacqua ha forma. Varierisposte: rettangolo, tonda,come il bicchiere etc... solocon il ns aiuto arrivano a direche non ha forma
  33. 33. La solubilitàMescolanze, solubilità… usiamo acqua,tempera, carta crespa,cacao, zucchero
  34. 34. Il galleggiamentoIl pirata Serafino chiede aiuto ai bambini di verificare sebottiglie, soldi, tappi. spugne etc galleggiano o affondano.Selezioniamo ciò che galleggia da ciò che va affondo.Disegno
  35. 35. Cambiamenti di statoLacqua si trasforma diventa vapore, poi ghiaccio , neve e(passaggio di stato) : ritorna ad essere acqua
  36. 36. JIM NELLISOLA DEL TESORO...
  37. 37. Disegni anni quattro
  38. 38. Anni cinqueIl racconto: storia della gocciolina
  39. 39. Dal racconto alla drammatizzazione della «Storia della gocciolina» Dopo il racconto i bambini hanno drammatizzato la storia in modo semplice ma efficace, infatti di seguito sono state fatte domande di verifica della comprensione del testo e rielaborazione verbale del racconto diviso in sequenze raccontate dai bambini stessi, con risultati molto buoni.
  40. 40. L’acqua elemento importante per tuttiSeduti in cerchio ai bambini sonostate poste domande riguardoall’argomento acqua, per testareciò che potevano già sapere e ciòche era bene potenziare o ciò chepoteva essere totalmente nuovoper loro.Sono emersi argomenti riferitiall’utilità, alla provenienza e aimestieri riguardanti questoelemento; inoltre è emerso chel’acqua può essere anchenascosta ma esistere comedentro gli esseri viventi o alimenti.
  41. 41. Disegni anni cinque
  42. 42. I filmatiAgli alunni sono stati presentati vari filmati su PC, riguardanti letematiche dell’acqua.Il primo film è stato LacquaLe caratteristiche generali di questa importantissima molecola(http://cicloacqua.altervista.org/h20/water.html)•Il secondo film Il ciclo dellacquaTutte le fasi di questo importantissimo ciclo naturale(http://cicloacqua.altervista.org/h20/water.html) Ad ogni filmato ne faceva seguito o una drammatizzazione semplicedei bambini oppure una sperimentazione diretta di ogni partecipante,sugli vari argomenti esplorati scientificamente, poi l’elaborazionegrafico-pittorica.
  43. 43. Il ciclo dell’acqua
  44. 44. Il ciclo dell’acqua
  45. 45. La solubilità I bambini stimolati dalle insegnanti hanno conversato su come l’acqua reagisce se le viene unita un’altra sostanza come ad esempio: zucchero, cacao, tempere colorate, riso, olio. È stata poi inventata una semplice rappresentazione drammatizzata di come si comportano le molecole delle due sostanze prima e dopo che sono state mescolate.
  46. 46. Fotografie durante l’esperienza didatticaEsperienza:La solubilità: Sperimentiamo con i bambini le trasformazioni dell’acqua con altre sostanze (zucchero, cacao, olio, detersivo, ecc…), creando soluzioni solubili e non solubili.
  47. 47. La solubilità
  48. 48. Disegni sull’esperimento
  49. 49. Il galleggiamentoI bambini sono stati invitati ad osservare un filmato su PC Il galleggiamento Una semplice spiegazione del perché i corpi galleggiano o affondano (http://cicloacqua.altervista.org/h20/water.html)
  50. 50. Fotografie durante l’esperienza didattica Esperienza: Il galleggiamento: Proponiamo giochi in cui si deve immergere nell’acqua oggetti di forma, dimensione e materiali diversi, per scoprire insieme il galleggiamento, grazie alla forza ascensionale dell’acqua che oppone resistenza.
  51. 51. Il galleggiamento
  52. 52. Come cambia il galleggiamento in relazione alla forma e alla densità
  53. 53. GalleggiamentoLa densità della pallinadi plastilina è maggioredi quella dell’acqua equindi affonda.La plastilina schiacciateraccoglie nello spaziovuoto l’aria (che ha unadensità inferioredell’acqua) quindi ladensità totale dellaplastilina più aria èinferiore a quelladell’acqua quindigalleggia
  54. 54. disegniIl galleggiamento in relazione alla forma e alla densità
  55. 55. I cambiamenti di stato dell’acquaInvitiamo i bambini a porre attenzione su ad un filmato in PC Gli stati dellacqua Come si comportano lacqua e la materia allo stato solido, liquido e gassoso (http://cicloacqua.altervista.org/h20/water.html)
  56. 56. Fotografie e disegni durante l’esperienza didatticaEsperienza:Cambiamento di stato: Proponiamo ai bambini delle esperienze e sperimentazioni per osservare che l’acqua si presenta sotto diverse forme: allo stato liquido quando la beviamo o la usiamo per lavare, allo stato gassoso quando la temperatura la riscalda e allo stato solido quando la temperatura la fa raffreddare tanto da trasformarla in un materiale solido.
  57. 57. Cambiamenti di stato dell’acqua
  58. 58. Facciamo bollire l’acqua ed ecco il vapore!
  59. 59. Disegni cambiamento di stato
  60. 60. CopertinaGli elaborati saranno raccolti in libricini per ogni singolo bambino
  61. 61. Giochi d’acqua anni treho giocato con l’acqua e ho scoperto che:Lisa: «abbiamo fatto le bolle e volanoRebecca C.: «abbiamo tirato i sassi nel secchio dell’acquae andavano giù»Giorgia: «abbiamo riempito i secchi con i bicchierinid’acqua….che bello!!
  62. 62. Cambiamento di stato Anni 4Ho scoperto che:Dopo aver letto la storia della gocciolina….Samuele: «Le gocce vanno sempre più su, su,su e arrivano al monte»Jacopo B.: «No prima evaporano»Diego: «Si e poi vanno sul monte e diventano ghiacciate»Rocco: «Si come neve»Insegnante: «Allora le goccioline diventano neve?»Insegnante: «Cosa succede se il sole scalda la neve?»Andrea C. : «Si scioglie e diventa un’alta volta acqua»Insegnante: «Allora possiamo dire che le goccioline si trasformano in ghiaccio e poi diventano nuovamente goccioline»
  63. 63. Solubilità Anni 5HO SCOPERTO CHEInsegnante: «se mettiamo il cacao nell’acqua cosa succede? Maria Chiara: «il cacao si è sciolto e ha fatto colorare l’acqua, il cacao si è sciolto perché è idrosolubile»Insegnante: «ora proviamo con l’alio» «cosa succede?»Alessia: « il giallo è sopra, l’olio sta a galla galleggia»Carolina: «l’olio sta a galla perché è leggero»Maria Chiara: «l’olio manda via l’acqua, non la vuole; non si scioglie, non è solubile»

×