Your SlideShare is downloading. ×
The scientific impact of italy de nicolao Genova 25-10-10
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

The scientific impact of italy de nicolao Genova 25-10-10

935
views

Published on

Materiale presentato all'Assemblea dei Ricercatori dell'Ateneo di Genova, 25/10/2010

Materiale presentato all'Assemblea dei Ricercatori dell'Ateneo di Genova, 25/10/2010

Published in: Education, Travel, Technology

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
935
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
33
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. The Scientific Impact of Italy Giuseppe De Nicolao – Università di Pavia I Centri ministeriali di Eccellenza istituiti presso le Università tra il 2001 e il 2003 Roma - Accademia dei Lincei 28 Settembre 2010
  • 2. Metafora #1: “il sacco bucato”
  • 3. The Shanghai Institute of Education has recently published a list of the top 500 world universities. The order is based on the number of Nobel laureates from 1911 to 2002, highly cited researchers, articles published in Science and Nature, the number of papers published and an average of these four criteria compared with the number of full-time faculty members in each institution. I believe none of these criteria are as reliable as citations. D. A. King, “The scientific impact of nations - What different countries get for their research spending”, Nature, vol. 430|15, July 2004, www.nature.com/nature Assessing scientific impact of nations
  • 4. Goals of the presentation 1. Assess the scientific impact of Italy as measured by citations 1. Assess research efficiency by input-output analysis • input = research spending • output = scientific impact
  • 5. Data • Citations 2008 – Cumulative cites of scientific documents published in 2008: 15 best countries are considered – Source: SCImago (powered by SCOPUS) http://www.scimagojr.com • Gross Domestic Product (GDP’06) • Research & Development expenditure (R&D’06) – Currency unit: million dollars (M$) (Purchasing-Power-Parity adjusted) – Source: World Bank http://data.worldbank.org
  • 6. What is the scientific impact of countries?
  • 7. Italy’s Citation Rankings ‘08 (SCImago/SCOPUS) Subject Area Rank All 8 Medicine 5 Pharmacol., Toxicol. & Pharmaceutics 5 Earth and Planetary Sc. 6 Mathematics 6 Neuroscience 6 Biochem., Genetics & Molec. Biol. 7 Dentistry 7 Health Professions 7 Immunology and Microbiology 7 Nursing 7 Physics and Astronomy 7 Veterinary 7 Chemistry 8 Subject Area Rank Computer Science 8 Economics, Econometrics and Finance 8 Engineering 8 Arts and Humanities 9 Energy 9 Multidisciplinary 9 Psychology 9 Agriculture and Biol. Sc. 10 Decision Sciences 10 Environmental Science 10 Social Sciences 10 Chemical Engineering 11 Materials Science 11 Business, Manag. & Accounting 13
  • 8. Italy’s Relative Production of Documents
  • 9. What is the wealth of countries?
  • 10. How much do countries spend in R&D?
  • 11. How much do countries spend relative to their GDP? R&D intensity = R&D/GDP
  • 12. Comments • Compared to expenditure, Italy’s scientific impact is good: – R&D intensity ranks #15 – Absolute R&D expenditure ranks #9 – Citations rank #8 (scientific impact) • Five excellence areas that rank #5 or #6 • Next: let’s assess efficiency …
  • 13. Efficiency assessment • Fact: cited papers are mostly written by academic researchers Gagliarducci, Ichino, Peri, Perotti (2005) http://www2.dse.unibo.it/ichino/gipp_declino_18.pdf • Business R&D expenditure has other goals: technical innovation, patents, new products, … • Relevant expenditure to be considered: Higher-education Expenditure in R&D (HERD‘06) Source: OECD Main Science and Technology Indicators, 2009/2
  • 14. How much do countries spend in academic R&D?
  • 15. How much do countries spend in HERD relative to their GDP? HERD intensity = HERD/GDP
  • 16. What do countries get for their academic research spending ? Academic research efficiency = cites/HERD
  • 17. Is Italy’s research inefficient? • Italy’s Gross Expenditure in R&D (GERD) ranks #9 • Italy’s Higher-education Expenditure in R&D (HERD) ranks #8 • The ranking of Italy’s citations (#8) is equal the ranking of academic research spending (#8) you get what you spend for • Italy’s academic research efficiency is average among 15 most research-oriented countries. In particular, Italy is more efficient than Germany, France, USA, Canada, Korea and, Japan
  • 18. Technical remarks • To account for the delay of scientific results with respect to funding, the analysis considered 2006 expenditure (input) against 2008 citations (output) • The rankings of Italy are rather insensitive to the following changes: – #papers in place of #cites as impact criterion (#8 in both cases) – removing purchasing-power-parity adjustment – different citations years (ranking of Italy’s impact remains stable) – different spending years (Italy’s research intensity remains stable)
  • 19. What about university education? From OECD “Education at a glance 2010” : 1.Average expenditure per student throughout the course of tertiary studies. The figures account for all students for whom expenditure is incurred, including those who do not finish their studies. 1.Expenditure for university education as %GDP 2.Ratio of students to teaching staff
  • 20. How much do countries spend in university education per student?
  • 21. Average expenditure per student throughout the course of university studies
  • 22. Comment Italy’s average expenditure per student throughout the course of university studies ranks #16 among 24 considered countries: in particular, we invest less than our main competitors (Sweden, NL, Switzerland, UK, Germany, Japan, Spain, Australia, France, Belgium, ...)
  • 23. How much do countries spend in university education relative to their wealth?
  • 24. Expenditure for university education as %GDP’07
  • 25. Comments • Among 33 considered countries, only Brazil spends less than Italy for university education as %GDP • With the planned budget reduction, Italy will fight for last position
  • 26. “che nell’università ci siano troppi professori è un fatto” F. Giavazzi, Corriere della Sera 24-10-10
  • 27. Ratio of students to teaching staff (calculations based on full time equivalents)
  • 28. che nell’università ci siano troppi professori è un fatto ... falso Among 29 considered countries, only Chile, Turkey, and Slovenia and have a greater ratio of students to teaching staff (Table D2.2, p. 387)
  • 29. I TAGLI AL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO (FFO)
  • 30. A LIVELLO NAZIONALE VARIAZIONI 2010 2011 2012 RISPETTO 2009 - 4.3% - 18.1% - 19.1% RISPETTO 2001 +15.9% - 0.9% - 2.2% FINANZIAMENTO
  • 31. I TAGLI ALLE BORSE DI STUDIO
  • 32. 41 • Fondi 08/09: tassa per diritto allo studio (30%) + fondo integrativo statale (43%) + integrazione regionale (27%) • Soglia Isee fra i 14.364 e i 19.152 euro • Beneficiari in Francia o in Germania: >>300mila (30% degli universitari) • Beneficiari in Italia: 150mila (13% degli universitari) Borse di studio 1/2 (fonte Sole24Ore 7/6/10)
  • 33. 42 • Per mancanza di fondi, non tutti gli idonei riescono ad ottenerle: 151.760 su 184.043 aventi diritto nel 2008/09 (82.5%) (sarebbe un diritto costituzionale) • Nell’A.A. 2008/09 soltanto 10 regioni su 20 hanno garantito il sostegno al 100% degli aventi diritto (50% in Calabria, Campania, Puglia e Molise) • Fondo integrativo statale: dal 2009 al 2011 passa da 246 a 76 milioni (-69%) equivalente al taglio di 45.000 borse Borse di studio 2/2 (fonte Sole24Ore 7/6/10)
  • 34. I TAGLI ALLE RETRIBUZIONI
  • 35. Esempio 1: RU NC (presa servizio Giugno 2008) 2010 2015 2020 2025 2030 2035 2040 0 20 40 60 80 100 120 Anno k€ NO rivalutaz. deposito SI rivalutaz. deposito IMPATTO CUMULATIVO La rivalutazione è stata calcolata supponendo un tasso d’interesse sulla somma depositata del 1.5% annuo
  • 36. Esempio 2: PO (presa servizio Giugno 2005) IMPATTO CUMULATIVO 2010 2015 2020 2025 2030 2035 2040 0 20 __40 __60 _80 100 120 140 160 180 200 Anno k€ NO rivalutaz. deposito SI rivalutaz. deposito NB: Si ricordi che l’impatto della manovra è SUPERIORE a quanto qua mostrato. Il grafico NON mostra l’effetto su pensione e buona uscita La rivalutazione è stata calcolata supponendo un tasso d’interesse sulla somma depositata del 1.5% annuo
  • 37. Metafora #2: “l’esercito accerchiato”
  • 38. Qualcuno ha paragonato l’Università italiana di oggi alle Signorie del Cinquecento, che si rivolsero alle potenze straniere perché non sapevano risolvere i loro problemi. Ma l’immagine più propria è quella di una colonna di prigionieri stracciati e dagli occhi vuoti, che strascicano i piedi sotto il controllo di poche guardie armate. C. Ciancio, M. Dogliani, F. Vercellone, In difesa dell’Università
  • 39. Perché reagire? • I tagli, ovviamente! • Ma non solo ...
  • 40. I punti critici del DdL • L’imposizione di forme di governo molto diverse da quelle che ci hanno permesso di crescere nella reputazione internazionale. • Pesanti incertezze sul destino dei giovani ricercatori per la mancanza di una programmazione nella progressione delle loro carriere. • Scarsa attrattività della carriera accademica per le nuove generazioni poste di fronte a una serie di contratti a tempo determinato che aumenta il loro senso di precarietà.
  • 41. Oggi, 4 ottobre 2010, il Senato Accademico e il Consiglio di Amministrazione del Politecnico di Milano riunitisi in seduta congiunta, hanno deciso all’unanimità di intraprendere alcune iniziative: •una lettera agli studenti e alle loro famiglie •un messaggio agli utenti del sito che sostituirà la home page dell’ateneo; •una comunicazione rivolta agli interlocutori istituzionali e alla società civile sotto forma di conferenza stampa, durante la quale saranno sospese le lezioni; •una pagina di un quotidiano per rilanciare la discussione pubblica sui principali temi di analisi e proposta; •una commissione di Senato integrata da due ricercatori designati dal Coordinamento dei Ricercatori.
  • 42. I punti critici del DdL • L’imposizione di forme di governo molto diverse da quelle che ci hanno permesso di crescere nella reputazione internazionale. • Pesanti incertezze sul destino dei giovani ricercatori per la mancanza di una programmazione nella progressione delle loro carriere. • Scarsa attrattività della carriera accademica per le nuove generazioni poste di fronte a una serie di contratti a tempo determinato che aumenta il loro senso di precarietà. Giulio Ballio - Rettore del Politecnico di Milano Lettera agli studenti e alle famiglie
  • 43. “L’approvazione di una legge che non tenga conto di queste criticità e di un programma pluriennale di finanziamento all’Università rischia di produrre una situazione anche peggiore dell’attuale” Giulio Ballio - Rettore del Politecnico di Milano Lettera agli studenti e alle famiglie
  • 44. 57
  • 45. Da: Magnifico Rettore Università dell'Aquila [rettore@cc.univaq.it] Inviato: venerdì 8 ottobre 2010 11:10 A: 'segreteriacrui@crui.it’ Oggetto: Sulla richiesta della Commissione di garanzia dell'attuazione della legge sullo sciopero Caro Presidente Decleva, tutti noi rettori stiamo fronteggiando nei nostri Atenei una situazione molto difficile e complessa, sospesi tra la legittima protesta dei ricercatori da un lato e preoccupati, dall'altro, per l'altrettanto legittima aspirazione dei nostri studenti a far valere il loro diritto allo studio. Questa situazione ... è un portato inevitabile dei contenuti del ddl Gelmini, che di fatto non risolve i veri problemi dell'Università italiana. ... Ti chiedo pertanto di assumere, a nome dei rettori delle Università italiane, ogni possibile iniziativa per salvaguardare l'Autonomia del sistema universitario, presupposto indispensabile per garantirne la sua sopravvivenza. Cordiali saluti Ferdinando di Orio
  • 46. *Rettore dell’Univ. degli Studi di Torino