Il pubblico si deve divertire
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Il pubblico si deve divertire

on

  • 170 views

Testo teatrale dedicato a Leo e Perla in memoriam

Testo teatrale dedicato a Leo e Perla in memoriam

Statistics

Views

Total Views
170
Views on SlideShare
170
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Microsoft Word

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Il pubblico si deve divertire Il pubblico si deve divertire Document Transcript

  • Pasquale Stanziale Il pubblico si deve divertire (Omaggio a Leo e Perla) Scherzo per voci recitanti con Schömberg e neomelodici Officine Kulturali Aurunke www.slideshare.net/geseleh
  • www.stanziale.it
  • Pasquale Stanziale Il pubblico si deve divertire (Omaggio a Leo e Perla) Officine Kulturali Aurunke www.slideshare.net/geseleh
  • Il pubblico si deve divertire © by P: STANZIALE 2012 In copertina Leo De Berardinis (Corriere del Mezzogiorno 12.8.09)
  • Il pubblico si deve divertire (Omaggio a Leo De Berardinis e Perla Peragallo, in memoriam) Mix canzone napoletana neomelodica / Schömberg Eccoci qua, ci siamo, ce simm‘arrivati: nui stammo accà e il pubblico sta allà. ‗O tiatro è questo evento, scena e parole, parole ca se ne vanno c‘‘o viento. E dint‘a memoria ce rimane poco o niente. Effimero è il messaggio ma lungo il viaggio che è senza fine comme per ogni notte ce sta sempe ‗na matina. ‗A vita nosta avimm‘abbrusciato cu cient‘‘e sti nnuttate, Leo, Perla e ‗a passione eccoli, fuori dagli anni, oltre ogni immaginazione. Eccoli, tornati, ancora in questi anni disordinati, con la grande poesia, quattro tavole, lampadine e il teatro così sia.
  • M- (Trova un topo) Ah che bello sorice, assa fa a Dio, accummencia bona ‗a jurnata, chist‘ m‘‘o magno cchiù tardi. A- Totò il principe di Danimarca è passato da queste parti.. B- Strunz, ma chillo era Amleto.. A- See, ma stai fore.. quanno mai Amleto è passato per Caserta.. B- Hai ragione .. acca nun ce passa mai nisciuno.. figurammoce... * Siamo pronti, jammo, non ci lasciamo prendere dalle emozioni, procediamo. Ah, ma è un grande momento È una grande emozione essere in azione e qui ci vuole subito una situazione. Vuò ricere situescion comedi... Eh si, chella cosa llà, uno spunto e uno ce mette ‗o punto. Noi dobbiamo divertire chi ce sta a sentire, chill’ c’hanno lasciato le loro confortevoli case, hanno camminato, hanno guidato e song’arrivati, in questo luogo oscuro con loschi figuri, cose d’attore ca alla fine è crudele: o vinci o muori.. Stop... ma che stammo facenno... Ma comme nunn’o ssaie o rap-tiatro, rap di divertimento parole in libertà, ma scritto autorevolmente, rap d’autore, dagli all’untore, è un’epidemia, musica e parole e così sia.
  • Riempiamo ‘sta scena ca ccà è tutta ‘na pena, scetammoce, abballammo tutta a serata sott’a ‘sta nfrascata. Vino vero e sfogliatelle, signurì ‘a vita è bella e ll’autore e soddisfatto e ‘o spettaculo è bell’è fatto. Ue... ma che succere, qua stiamo alla sceneggiata e chi te l’ha cumandata, so tre ore ca pazziammo, sta cummedia s’adda fa o chist ce ne caccian’a ccà. E finalmente o vulimm di chi songh’io e chi si tu o stu sparpetiamiento nun fernisce cchiù. E dunque due attori di provincia assieme ad una madam mangiasurece zoccola si mettono assieme e decidono di fondare una coop tiatrale per fare il soldeggio, sperando senza il pubblico dileggio, senza drammi o male ‗e capo, una cosa soft, inzomma, digeribile, assimilabile comme dicere: uno yogurt al bifidus ca prima te lo mangi e poi ... E accussi, siamo nella .... ‗o ssapevo, ca la coop faceva subitamente ‗na brutta fine.. Ma ch‘‘è capito la coop teatrale è comme se dice: una coop multiscoop può fare sempre l‘impresa di Leo: costruire i ponti intercontinentali. E po‘ è chesta una situescion comedi, la trama, la storia.. ‗O tiatro-rap, i ponti intercontinentali, ma non hai rispetto per il pubblico.. i ponti intercontinentali.. Ma è lo spiazzamento brechtiano, noi siamo una coop culturale cul- turale, de culo, mica simm mast‘‘è festa, ca overamente ce ne stanno assaje, noi siamo intellettuali meridionali che cercano il senso e forse il con-senso pubblico, un abbraccio collettivo inzomma , tutti avimma campà.. .. Si ma il soldeggio, ‗a pilamma, ma allora la coop deve produrre... ponti intercontinentali.... ma è una cosa seria?... Accussì putimmo fa il riscatto del sud con annesso proiet finanzing... Eh, si tratta di costruire ponti intercontinentali senza pilastri... lu ponte se costruisce con materiali economici e leggeri.. All‘anima... e che materiale è? Ma comme, polistirolo e tufo friabile..
  • Ah avimmo sentito parlà è chesta tecnica ...‘na bella idea. Donc on mett le polistirol su agua e le polistilor galleggia Ma che... mo parli franzese.. E quello è la lingua multinazional... allora il polistirol galleggia e alor on appuia sopra nu bello tufo, poi prend altro polistirol e lo mette vicino, aropp mentre con un piede stai sul primo polistirol con tufo chiavi ‗n‘atu bello tufo friabil sul secondo pezzo di polistirol e ci appoggi l‘altro piede. E accussi di seguito: polistirol, ci chiavi il tufo e metti il piede, polistirol, ci chiavi ‗n‘atu tufo e metti l‘altro piede e così di chiavata in chiavata on costrui le pont intercontinental . Sevrè. Sevrè, verissimo, geniale... ma i fondi l‘investimento addò sta? Ma è la qui presente madama magnasurece zoccola che ha la moneta ... madam.. Ma chesta è propitamente ‗na bella situescion comedi.. Musica Schömberg M- I murti so' murt e quanno i murt so piccinunne te fanno cchiù piccolo 'u core. 'A vocca sopa a menna te zuca e te stregne cchiù 'u core. Ieunfitte! (getta manciate di confetti) I timp d'ogge! I filie nasceno co' tre cape quatt'ucchie e cinche mane. Stace pe se stutà 'u sole. Forse era meglio Quanno tenvo ‗u curaggio de vive int‘i bucie Forse era meglio quanno chiudevo l'ucchie stanchi, me bruciano apirte sempe e a morte sulamente i potè arripusà. A notte eterna che nun passa maie nfosa d'acqua nera che te face a lutto e muta e cecata e senza dint manco pe' na risata. Ah! A vita! Ah! A vita! Ancora! Che cosa può volere il vento? Dopo aver piegato il ramo secco. Cercava ciò che troppo presto era sparito. La polvere fugace dell'estate di tanto tempo prima... Ma guardati intorno, guarda il vento volare, sulle cime degli alberi e verso il ciclo! Certo, come in un sogno lui sa che c'è sempre una fragranza che soffia!
  • Oh coleottero vieni fuori dal tuo nido fiorito — e chiedi, piccola creatura, e vita — e un sorriso — e la luce del sole per te. Bianchi cavalli s'impennano intorno al lago, e i grilli danzano riempendo il prato. Tutte le creature del bosco si svegliano e cantano rivolte al ciclo. Aspettano la nascita del sole... Sveglia — Svegliatevi — Sbocciate alla felicità — See... Canzone napoletana - Ora a questo punto è essenziale la trama: due intellettuali centro-meridionali decidono di abbondonare... eh! abbondo-nare il cervello a li affari. In poche parole i dui mannano affanculo 'u cirviello pe‘ ffa 'o suldeggio. ‗a pila. Dal provenzale pille, che si pronuncia pie, und piotta, in romanesco piotta 'a cient lire. ‗E capito o no? Allora... come riggìa... proprio 'o squallora... come riggìa! Intanto i due intellettuali decidono di chiedere il finanzing alla madam la zoccola. Il che è effettivamente una contraddizione, cioè una cooperativa non può avere una finanzing, tanto meno zoccola per giunta. Tanto meno — zoccola — per giunta. Come recitazione... come recitazione sarà... elegante con punta... con delle punte... con punto e basta. Eh ammo lua-to 'a miezo pure 'a recitazione... elegantemente, con noscialanze: ba fa' mmocca 'e echi t'é muorto. Pure 'a recitazione accussì s'è ne ghiuta a ffa ncubo... oh... che chiù??? Siamo veramente finiti nella ...mah. Siamo veramente stracchi strutti e ..... Questo ver-zo non è mio è di Raffaele Viviani. Non è vero! Ma come terrorismo culturale funziona sempre. Intanto quella figlia di zoccola, quella zoccola figli di zoccola s'è mangiata tutta quanta ieia... 'o sorice... Buongiorno madam... con rispetto...ahe.. Chisto è ‗o signore c‗adda accattà i pontili. M- Che modo di presentar.. Che caz de manier! M- Che manier de caz vui site di fronte a na madamoisella.. quale madam. Chillo caz ‗e sorice me vene sempe ‗ncanna! All‘anima ‗e ... vui facite overamente schifo madam .. M- O farfallone amoroso
  • Ma quale farfallone amoroso.. M- Pagamento con cambiali.. A lunghissima scadenza.. ‗na scadenza ca m‘‘a scordo madam... A me sta situescion comedi me pare proprio ‗na strunzata. Ponti intercontinentali si, ma per i topi, p‘e surice.. Tra poco voleranno leggere e dirompenti ‗e ppummarole, ci stiamo prendendo per il culo. Altro che industrializzazione del mezzogiorno, il riscatto, il suldeggio, la coop... è meglio ca turnammo al rap-tiatro.. Musica Schömberg M- Machenzi lancsam das licht aus grun electriziteten sint fir gescent sin scion.. i confetti! u mare luntane da sta terra da qua sopa se vede pure u mare luntane. Mo' u mare, a st'ora, è ancora niro ma u mare a st'ora nun se vede ancora. Ma io 'o saccio che ce stace u mare e u saccio andò stace u mare. Stace labbascio, 'nfronte a sta terra, d'arance spaccate .. zucate da nuie. Ma pure arance hanno zucato u mare e tengo tanto mare int'a sta panza perciò. Na panza chiena d'acqua d'acqua nera na panza senza luna come eie u mare mo' come eie sta vocca vacante senza manco i dinti come eie sta sacca vacante senza manco nu soldo. E menu male che i dinti nun ce stanno ringrazia la madonna cu pane tusto te face schifo. M-E l'acqua nera me addiventa grigia o meglio grigio-perla come me. Sopa a n'onda po' vace abbascio e nun a vidi chiù e quando sopa a n'ata onda
  • ritorna chiù grossa sie e chiù luce face e l'acqua celeste mo' me pare e quanno d'abbascio vene n'ata vota azzurra l'acqua è diventata mare e minzo a tutto stu ventalerio eie asciuta 'a luna mo', eie asciuta 'a luna mo', chiù forte de nu sole. Surece, surece janche mie… Machenzi lancsam das licht aus grun electriziteten sint fir gescent sin scion... i confetti! 'A museca 'A museca Astipatella 'a museca Astipatavella 'a museca. Mò me costruisco 'nu bellu ponte intercontinentale e me ne vaco da ccà. Mettere piccolo pezzette polistirolo ( fischia) mò ci chiavo 'a coppa 'nu bellu tufo (fischia) mò ci chiavo 'o primmo pere acoppa (fischia) mamma mia e che stanchezza ( fischia) me fanno male 'e cianchi ( fischia) mò m'arriposo nu poco... E arreposate... 'o solito pessimismo piccolo borghese. Chisto è 'nu passaggio a livello (Un attore ritma di continuo il rumore del treno ed un altro ne imita il fischio) Stanno 'e stazioni Surece ianchie mie (fischio del treno) Fino 'a o funno ita arrivà E po' ne parlammo T'anna pesca Arravugliate int'a 'na rete E po' ne parlammo (fischio del treno) Te mparà 'A pacienza Che sta ccà 'imo Surece Surece ianche mie (fischio del treno)
  • Nun ve scurdate Pure se ve ne site jute Pure se ve ne andrete Che chello che vagghio ditto E vi dirò (fischio del treno) I nostri ponti Noi non lo sapevamo Che potevano essere sfruttati sulamente da vuie Perché siete leggeri. Surece, Surece ianche mie Nun ve scurdate de chello che vaggio ditto E vi dirò Che niente È ditto per l'urtima volta L'urtima volta: (fischio del treno) è 'a morte Che tra l'ascoltare E il non ascoltare A nuie hanno luvata tutta l'acqua che 'na vota... A nuie, a nuie Int'è lacreme E se chiamava (fischio del treno) E se chiamava mare. 'O treno. 'O treno(fischio del treno). Eie passato 'o treno. Che cazzo 'ce vaco a ffà da chell'ata parte d'o mare? 'O pessimismo 'o vi... Tanto pure ‗a chell'ata parte d'o mare nun 'ce sta niente . M'eveno ditto 'nu sacco 'e bucie... 'Nu sacco 'e bucie... eh! Dall'altra parte del mare non c'è niente? Chi t'ha ditto a te? La critica dell'Unità! Il pessimismo! Il solito pessimismo! E ... niente, c‘è altro mare. E dopo un mare c'è ancora mare, oltre... Manzoni! Quest'è! L'Adelchi... Cos'è?... Oltre quei monti altri monti-.-Chi t'é muò! Dall'altra parte del mare non vi può essere altro mare... ci deve essere per forza la crosta terrestre. La terra è fatta in un certo modo o no? All'anima ...'O pessimismo! Che jammo a ffa da chell'ata parte d'o mare? Nuie ci eravamo aggarbati accussi belle! Avevamo fatto la cooperativa-COOP con la zoccola proprietaria, tu lavoratore e io menager. E proprio adesso 'ncoppo 'o cchiù bello mi lasci cosi? Che cazzo ne faccio de tutto 'stu polistirolo c'aggio accattato? Che ne faccio de stu polistirolo? È stato anche rovinato, sbriciolato qua pe' fà le improvvisazioni del cazzo e mi
  • rompete... il polistirolo. Che n'aggia fà de tutto stu polistirolo? Quattro lampadine cinquanta euro costano tutte. Chi cazzo 'e pava? Tu? * E dunque cu tutto chello ca c’iavimmo miso Alla fine è arrivata ‘a crisi. È lo spred teatrale, se tratta de nu vero e proprio spred mentale. Ate che divertimento, chist’è ‘na specie ‘e turmento. Turmento e tormentone ‘a facimm sta confessione. C’o core mmano putimmo parlà fino a dimane. ‘A verità? ‘A verità? ‘A verita è che all’autore è finita ll’ispirazione. Sta sulo sotto a n ‘onbrellone a Baia Domizia, bella situazione. È in fase depressiva E accussì la situescion comedi scivola via , si nturcina, si i imballa e tutto addiventa ‘na rottura ‘e .... Ma, un momento, vedi, vedi, ecco l’autore s’è ripreso, ‘a redbull ha funzionato e il testo è vulato, ‘a situazione s’è sbloccata, divertimento assicurato. SI COMUNICA AI CLIENTI DEL LIDO ARANCIO CHE TRA UN QUARTO D‘ORA CI SARA‘ LA SECONDA LEZIONE DI ZUMBA-FITNESS- TUTTI POSSONO PARTECIPARE- UOMINI- DONNE E BAMBINI. Musica (Tutti ballano) M- Chiudi gli occhi, non guardare, nu guardà ‗o sole c‘addiventa viola ‗a notte schiarita c‘‘a luna gialla e o mare acido che squaglia ‗e nnavi.. Ncopp‘a riva arriva chiummo fuso..
  • Chiudi gli occhi.. C‘avimmo fatto.. King lir lacrime napulitane Tre jurni Avita murì Rusp spers E aroppo, niente è restato. Sulo nu piano fisso, inquadratura in bianco e nero, e ‗a voce roca ―essere o non essere‖... Ehe... va bbuono, ja... mo basta, qua ci siamo incartati, ci vuole qualcosa di nuovo, non si va avanti,...la situescion sta degenerando... qua ci vuole .... ci vuole, comme se dice.. un cup de tiatro. Che vo dicere? Vo dicere che a un certo punto della commedia succere qualcosa che ribalta la situescion, ‗a cagna .. chello ca prima era ‗na cosa addiventa n‘ata cosa.. una cosa imprevedibile.. non prevista.. una sorpresa che rompe l‘equilibrio.. Rompe.. L‘equilibrio. Eh, ci vuole un cup, proprio un cup sinnò è meglio che ci facciamo la cartella... io tu e a magnasurece. Canzone napoletana È a questo punto che l‘autore, sotto l‘ombrellone a Baia Domizia, mmiez‘addurmuto, ha l‘ineluttabile colpo di genio ovvero inserisce il cup di tiatro e allora fa dicere alla madam magnasurece zoccola ... M- Fermi tutti, stop... mo oi, questo è il momento del realismo magico. Il pubblico vuole il reale: la vita che addiventa spettacolo e lo spettacolo che addiventa vita, ma no ‗na cosa televisiva, una cosa magica, la svolta, olé. Ecco... io non sono quella che sembra... non sono la madam magnasurece, avimmo pazziato abbastanza cu stu fatto, mo basta. Ecco.. ‗a verità è che io sono Assunta, ‗a figlia ‗e Filippo ‗o meccanico e de Teresina ‗a ricamatrice... Assunta, che deve dare una svolta alla sua vita.. Embè, e noi che ci centriamo? M- Voi state qua, convocati dall‘autore pecché mo è il momento della.... lettera. Nu momento. Comunicazione di servizio: caro autore, tu che scrivi ‗sti ccose non so cosa ti sei fumato ultimamente ma qua ci cominciamo a preoccupare. Prima il rap, poi il ponteggio
  • e gli sfoghi di madam- o Assunta che sia- e mo il realismo magico... ma il pubblico, il pubblico t‘‘o si scurdato... hanno pavato..o no? Ma nunn‘è capito.. simm‘all‘appi auar del teatro.. e quella è l‘inversione geniale: ‗o spettaculo ca diventa tiatro .. E chesta è ‗na cosa difficile pe me... i me ne vaco cu ‗è surece... sui ponti intercontinentali... M- See! Ohè fermi tutti, voi non potete sfuggire al vostro destino.. io debbo scrivere ‗sta lettera e voi mi dovete aiutare, e nunn‘è ‗na cosa ‗e niente, qua è in gioco l‘insostenibile leggerezza dell‘essere, la terra dei nostri padri, l‘estetica della fuga... ve pare niente.. jammo.. (Si siedono) Ciccì qua ci stiamo giocando la serata, mo facimmo pure Totò e Peppino con la lettera... e chesto, è chiaro, nunn‘è pessimismo piccolo-borghese. Ma verimm ‗e che se tratta, prego madam .. tanto col pubblico avimmo già costruito ll‘aspettativa... vogliamo sapere di che si tratta... Musica M- (La donna scrive e quindi vengono poi sottolineati vari passaggi dai due attori che inscenano anche una ironica coreografia)) Al dott. Fredrik Reinfeldt E chi è? M- È il primo ministro del Parlamento svedese, Stoccolma Svezia. E che tenimm ‗a spartere? M- Tenimmo, tenimmo, tengo... allora , vediamo se va bene: La sottoscritta Assunta Addolorata Fracchiotta nata a Carsano Casaobliata in provincia di Caserta il 12.11.1972, ivi residente e domiciliata in via Lottizzazioni Abusive senza numero, di professione maesta di taglio e cucito... Parlanno cu decenza.. ex magnasurece e zoccola... M- Statte zitto.. con la presente chiede alla Vostra Signoria... asilo politico alla Svezia. No, tu m‘ea dicere c‘avimmo fatt‘‘e male, e che c‘entra mo stu fatto... A me invece me pare proprio nu cup della serie .. passiamo al paradosso sociale chest‘è robba post-moderna fratò, dietro c‘è il dramma, la sofferenza, le lacrime.. robba forte inzomma, procedete donn‘Assù.. M- Chiede alla Vostra Signoria... asilo politico alla Svezia.. e chiede di essere accolta e tutelata secondo la vostra legge essendo in stato confusionale e in via di fuga dall‘Italia e propriamente da questa zona casertana nella quale ogni giorno ca passa mi sento sempe cchiù in soggezione e strania con l‘aggiunta di depressione e
  • saurimento in atto, oltre a essere politicamente scorretta e, scusate, schifata in senso generale. Le ragioni della mia richiesta di dipartita da Caserta sono le seguenti, da considerare come causa della seguente domanta. All‘anema d‘a signora.... questa si spila proprio bene pure se con qualche... allocuzione barocca, si fa per dire.. M- Primo. La casa addove domicilio non esiste nel senso che non sta scritto da nessuna parte che qui c‘è una casa. Le buonanime dei miei genitori si erano affidate a Ciro che gli aveva fatto fare la casa su una terra inquinata, schiattata di diossina e di scartiti industriali, ca quanno viene l‘estate ogni tanto qua attorno spuntano i fuochi e ll‘anno scorsi mi sono abbruciata pure le Hogan originali. Ora Ciro interpellato per il problema edilizio della casa mi ha esposto che potrei chiedere il condono ma adesso non c‘è il condono e poi che siccome non ho votato per Ciardiellone mo sono cazzi miei. Scusate signò, ma Ciro chi è? Noi e.. il pubblico ‗o vulimmo sapé.. M- Ciro c‘è e non c‘è… Ciro, dicono che è impiegato al Ministero ma fa il portaborse a Ciardiellone Ciro è al momento giusto al posto giusto Ciro è alto, coi capelli lunghi, ricci, gli occhiali Dior, scarpe Paciotti, jeans Trussardi e camicia Calvin Klein, Rolex falso e Mercedes kompressor nera Ciro, tiene una moglie, tre figlie e due amanti russe Ciro è quello che trovi in tutti gli uffici del mondo, banche, poste, ASL, regione, provincia, comune, ministeri, inps Ciro è quello che passa sempre avanti, non fa file, conosce tutti, impiegati e dirigenti Ciro non mangia mai a casa Ciro ha tre telefonini e un ai pad. E quello lo conosciamo tutti a Ciro, ca tiene un sacco di fratelli uguali.. Ciro è l‘essenza del contemporaneo, la sintesi estrema... M- Secondo Esercito la mia professione di taglio e cucito in piccolo laboratorio solitario e tonomo ma pure questa mia professione non esiste. Mi volevo mettere a posto e ho chiesto a Ciro di fare le carte. Ciro le ha fatte e si è preso mille euro e poi mi ha detto che ci volevano 34 permessi e per ognuno si doveva interessare Ciardiellone e per ognuno dovevo pagare ma siccome non ho votato per Ciardiellone erano.. cazzi miei. È la società del rischio di Beck.. siamo in pieno post-capitalismo.. M-Terzo Siccome la casa è un poco innumidita mi vengono spesso i dolori cervicali e la lombaggine…. E qua, caro primo ministro la cosa è tombale nel senso proprio di andare al cimitero. Ci dovete venire alla ASL di Burghignano, non vi voglio ammorbare ma la conclusione è che devo fare la ginnastica al Ciardiellone center a pagamento e le siringhe a pagamento perché mi ha detto Ciro che non ho mai fatto il setteetrenta e il setteequaranta pecché non si poteva fare pe via del lavoro nero e della casa assente e che quindi sono..
  • Cazzi tuoi! È l‘apoteosi del corpo... non poteva mancare.. M- Quarto E qua signor ministro ci dobbiamo intrattenere un poco. Sono una fervente lettrice di Donna Moderna, di Famiglia Cristiana e di Vaniti fair e vedo la televisione a schermo piatto liquido pe capire quello ca succede ma la mattina quando mi risveglio non saccio se sto in un incubo o in una farsa Non so se ho capito bene ma Fucolt (Donna Moderna del 13 giugno 2007) ha detto che tutto è riconducibile al sesso e al potere e Zizek ha detto che questa è l‘età del godimento, della gioia, Engioi.. inzomma, ci siamo, ci siamo... M-Se è così inzomma noi stiamo a posto siamo al toppolo del modernizzato… solo che qua a Carsano, case lottizzate, sesso: per quanto mi riguarda, a esclusione di qualche tentativo di Ciro che non mi è mai piaciuto.. la Svezia è ‗na nazione effettivamente moderna, eh, si inzomma mi piace assai Clotilde Addolorata, pur‘essa, ca sta qua di fronte, ca il marito mazzola ogni vota ca se mbriaca e qualche volta è venuta a ripararsi tra le mie braccia e poi è successo… e che ci posso fare, la natura è natura e voi svedesi lo sapete, ca tenete rispetto.. Si tratta della trasgressione implicita, cosa naturale.. andate che state scrivendo proprio nell‘alveo dell‘impressionismo materico.. M- Potere: qua è zona di Ciro e Ciardiellone e il grasso non esce da fore ‗a pignata. Io ho votato pe Scarrozza ca mi pareva ‗na brava persona ma ha perso e gli hanno appicciato pure ‗a machina sotto al comune. Aroppo Ciro mi ha detto che lo sapeva che non avevo votato per Ciardiellone e che mo erano cazzi miei. E inzomma sesso, potere e soldi... ma qua è solo Ciardiellone che è all‘altezza della situazione, ca tiene meza banca popolare dei comuni, ca è sottosegretario alle soprastrutture, e tene ‗a corte d‘è zoccole nigeriane ‘e Varcaturo. Evidentemente Ciardiellone è un dispositivo focultiano.. Overamente a me me pare nu gran figlio .... M-Quinto A me mi piace il mare ma qua è una cosa impossibile. Il mare qua o è una fogna a superficie aperta o è ammorbato di gente. Fatevi una camminata il 15 agosto alla spiaggia libera di Montegragnone, si tratta della serie il quinto girone infernale con sonoro da esaurimento. Niente a che vedere col vostro mare baltico addifrescato e pulito... E siamo alla sensibilità ecologica.. che finesse.. M- Settimo Il lavoro grazie a dio non manca, lavoro niro pefforza, ca si taglia e si cuce ca qua sono tutti con la ciccia e con la cellulite ma i pagamenti tardano, si mette a libretto,
  • siamo a livello di sopravvivenza quanno non c‘è il ricatto, chist‘ so‘ ‗e sordi sinnò chiamm‘‘a finanza... e chest‘è! E allora Assù, avimmo capito... stringiamo.. chist‘è ‗n‘atto unico mica ‗na tragedia.. M- Eccellenza Inzomma non so se è terzo o quarto mondo, ma la situazione è critica assai e questa e solo una parte di tutto quello che mi succede qui, da questa periferia dell‘impero, se volete una documentazione completa per la mia pratica di asilo politico delle cose che debbo sopportare e che mi hanno secutato ve la posso preparare ma senza chiedere niente a Ciro sennò so‘ cazzi miei. Inzomma addò sta ‗a cittadinanza.. i diritti. E io sono cittadina …‗e che ?…. Cittadina della monnezza che fa da paesaggio perpetuo.. Ah, chella bella neve ca tenite, bianca, pulita, con le strade senza fuochi, con le machine ca si possono lasciare aperte p‘‘a via, addò lo stato assiste il cittadino dalla nascita e c‘è l‘ordine overamente. E qua manca la dimensione pragmatica. Ma sorvoliamo .. M- L‘idea della Vostra nazione svedese mi è venuta un giorno che sono andata a sbendare all‘Ikea di Casoria. Ho visto i mobili e le foto e ho detto: la Svezia è proprio fresca co le foreste, i laghi, le volvo ca non si scassano mai e senza stu cazz‘‘e sole ca ce scoce ‗e puzza. Eccellenza, ascoltate questo grido di dolore da Addolorata, concedetemi asilo politico, rifugiatemi, ma voglio che si sappia: non sono emigrante, sono rifugiata politica affettiva. Un esempio pe‘ dicere finalmente addò stammo, comme stammo e ... vaffanculo... scusate eccellenza ma io non mi tengo niente sullo stommaco. Nell‘attesa che questa mia venga accolta benevolmente e presto possa diventare suddita del vostro re monarchico vi saluto accaloratamente, Vostra Assunta Addolorata Fracchiotta. E chest‘è ‗a chiusura post: postindustriale, postcapitalistica e così via... Grazie Assù, statte bona, auguri per la fuga. Eh, qua tutti se ne vanno.. tutti, l‘importante però è che nun tornano..... E qui finisce la storia ... mo che ormai ll‘autore sta facenno ‗o zunba-fitness a Baia Domizia .... mentre scende la sera.. che tristezza... E per la catarsi finale mo ce serve ‘o testamento sinnò nun rummane ‘o riest’’e niente Co rap-tiatro ce simmo allummate c’’a lirica ce simm’abbandonati e la sperimentazione tiatrale è proseguita naturale ma nuie non sapremo mai se il pubblico è soddisfatto, si è bene o male chello c’avimmo fatto.
  • M- E ‘a fine ‘o testamento ‘o llassammo ae sureci, ai topi che stanno prendendo la strada del mare leggeri suricilli bianchi sui ponti intercontinentali là verso l’orizzonte lontano ..suricilli nun ve scurdate e nui... A- Totò il principe di Danimarca è passato da queste parti.. B- Strunz, ma chillo era Amleto.. A- See, ma stai fore.. quanno mai Amleto è passato per Caserta... B- Hai ragione .. acca nun ce passa mai nisciuno.. figurammoce... Agosto/settembre 2012 (Liberamente tratto ed ispirato ad ASSOLI di Leo De Berardinis e Perla Peragallo, Scena/3- 1977) © P. Stanziale 2012 - 2014
  • Pasquale Stanziale è nato a Sessa Aurunca in provincia di Caserta, laureato in Filosofia, docente di Storia e Filosofia nei Licei, collabora con Università ed Agenzie di Formazione ed è docente di Filosofia Teoretica presso l‘ISSR ―S. Pietro‖ di Caserta. Ha al suo attivo un‘ampia pubblicistica nel campo delle Scienze Umane. Collabora con la rivista Civiltà aurunca per la parte socioantropologica. Tra le sue pubblicazioni Omologazioni e anomalie (Caserta 1999), ricerca divenuta un classico degli studi locali, Mappe dell’alienazione (Roma 1995), saggio di filosofia politica, la traduzione del best- seller la Società dello spettacolo di G. Debord (Viterbo 2002). Ha curato anche Il Manuale di saper vivere ad uso delle giovani generazioni di R. Vaneigem (Viterbo 2004) ed una antologia di autori situazionisti (Viterbo 1998). Tra le pubblicazioni più recenti Cultura e società politica nel Mezzogiorno (Caserta 2007), Materiali per un’economia politica dell’immaginario, (Civiltà Aurunca n. 72 . 1012/2008- Latina), Scenari tra economia e scienze umane (Quaderni CRAET n. 11 – Sec. Univ. Napoli- 3/2009) Cyberanalysis (Quaderni CRAET- n. 14 - Sec. Un. Studi Napoli –6/2010), Manuale minimo di economia politica dell’immaginario, (Cirem, Napoli 2011).