Cittadinanza e costituzione   parte iv
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
6,106
On Slideshare
6,106
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
148
Comments
0
Likes
1

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. CITTADINANZA E COSTITUZIONE Materiale didattico – parte IV
  • 2. LA COSTITUZIONE – LA LEGGE PER ECCELLENZA
    • La Costituzione è la legge fondamentale dello Stato
    • Delinea le sue caratteristiche, descrive principi e valori, stabilisce l’organizzazione politica del paese.
    • La struttura della Costituzione italiana:
    PRINCIPI FONDAMENTALI ARTT. 1-12 DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI ARTT. 13-54 ORDINAMENTO DELLA REPUBBLICA ARTT. 55-139 DISPOSIZIONI TRANSITORIE FINALI
  • 3. I PRINCIPI FONDAMENTALI
    • I primi dodici articoli della nostra Costituzione sanciscono i principi su cui si fonda il nostro Stato.
  • 4. ARTICOLO 1
    • L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.
  • 5. L' Italia è un a Repubblica : significa che l' Italia non è una nazione che ha il Re ma il Presidente. Democratica   significa che il popolo sceglie i suoi rappresentanti e che tutti sono uguali. Fondata sul lavoro   significa che il lavoro rappresenta un mezzo per diventare un vero cittadino, cioè utile alla collettività. COSA VUOL DIRE L’ARTICOLO 1?
  • 6. ARTICOLO 2
    • La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.
  • 7. COSA VUOL DIRE L’ARTICOLO 2? Ciascun cittadino e ogni formazione sociale (famiglia, partiti, associazioni …) hanno sia diritti (alla vita, alla libertà…) che doveri (per es. pagare le tasse)
  • 8. ARTICOLO 3
    • Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.
  • 9. Che cosa significa?
    • Tutti i cittadini hanno pari dignità : vuol dire che ogni cittadino italiano, non importa se bianco, nero, uomo o donna, ricco o povero … può esprimere la propria opinione davanti alla Repubblica e alle leggi.
      • vuol dire inoltre che lo Stato ha il dovere di eliminare qualsiasi ostacolo che impedisca ai cittadini di sviluppare le proprie potenzialità. .
  • 10. ARTICOLO 4
    • La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un'attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.
  • 11. DI CHE COSA TRATTA L’ARTICOLO 4?
    • L’ARTICOLO 4 SI OCCUPA DEL TEMA DEL LAVORO.
    • Tutti i cittadini hanno diritto a un lavoro e devono contribuire al progresso della società in cui vivono.
    • Tutti i lavori hanno pari dignità.
  • 12. ARTICOLO 5
    • La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle esigenze dell'autonomia e del decentramento.
  • 13. Cosa significa questo articolo?
    • Questo articolo stabilisce che lo Stato è uno e non può essere diviso.
    • Riconosce però ampia autonomia alle Regioni, alle Province e ai Comuni.
    Per esempio: la Regione si occupa di ambiente, sanità, lavoro ecc.; La Provincia della manutenzione delle strade ecc.; Il Comune degli asili, delle mense scolastiche ecc.
  • 14. ARTICOLO 6
    • La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche.
  • 15. In Italia esistono alcune popolazioni che parlano lingue diverse dall’italiano: sloveno in Friuli Francese in Valle d’Aosta Tedesco e ladino in Trentino Albanese in Calabria L’occitano in Piemonte … La Repubblica protegge con leggi particolari i piccoli gruppi di persone italiane che parlano lingue diverse.
  • 16. ARTICOLO 7
    • Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani. I loro rapporti sono regolati dai Patti Lateranensi. Le modificazioni dei Patti, accettate dalle due parti, non richiedono procedimento di revisione costituzionale.
  • 17. Lo Stato italiano e la Chiesa cattolica hanno le proprie leggi e la propria indipendenza. Sono legati tra di loro dai Patti Lateranensi. Accordi stipulati nel 1929 per regolamentare le relazioni tra lo Stato italiano e la Santa Sede. Gli accordi comprendevano un trattato politico e un concordato. - Con il primo veniva ufficialmente creato lo stato indipendente della Città del Vaticano; il papa si impegnava a mantenersi neutrale nelle questioni internazionali. - Il concordato riconosceva il cattolicesimo religione di stato in Italia (oggi non è più così).
  • 18. ARTICOLO 8
    • Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge. Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l'ordinamento giuridico italiano. I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese con le relative rappresentanze.
  • 19. Cosa vorrà dire? Significa che l' Italia accetta tutte le religioni, ma le leggi di quelle religioni non devono essere in contrasto con le leggi della Repubblica italiana.
  • 20. ARTICOLO 9
    • La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.
  • 21. Questo articolo vuol dire che la Repubblica fa in tutti i modi che la cultura, la ricerca scientifica e tecnica vadano sempre avanti. La Repubblica protegge il patrimonio sociale, culturale e economico del Paese.
  • 22. ARTICOLO 10
    • L'ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute. La condizione giuridica dello straniero è regolata dalla legge in conformità delle norme e dei trattati internazionali. Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l'effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d'asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge. Non è ammessa l'estradizione dello straniero per reati politici.
  • 23. Il diritto internazionale è l’insieme delle leggi e delle norme che regolano i rapporti fra gli Stati. Lo Stato italiano riconosce le norme del diritto internazionale e impone al governo di osservarle. Vieta inoltre l’estradizione per reati politici, cioè il provvedimento che consente di rimandare nel suo Paese di origine, su richiesta di questo, uno straniero rifugiatosi in Italia dopo che gli è stata inflitta una condanna per reati politici.
  • 24. ARTICOLO 11
    • L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.
  • 25. Cosa vuol dire? Questo articolo afferma che non si può ricorrere alla guerra per risolvere il contrasto fra i popoli e che l’Italia favorisce le organizzazioni internazionali che si occupano della pace e della giustizia internazionale.
  • 26. ARTICOLO 12
    • La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni.
  • 27.
    • La Costituzione stabilisce le caratteristiche della bandiera, che è espressione dell’unità nazionale.
  • 28. BY ELENA TUBARO