Gli inceneritori ed il bambu' cinese
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Gli inceneritori ed il bambu' cinese

on

  • 1,144 views

Relazione presentata dal Dott. Gianluca Garetti (Associazione Medici per l'Ambiente ISDE) durante l'incontro pubblico del 14 gennaio 2011 organizzato da Assovaldisieve presso i locali della Chiesa S. ...

Relazione presentata dal Dott. Gianluca Garetti (Associazione Medici per l'Ambiente ISDE) durante l'incontro pubblico del 14 gennaio 2011 organizzato da Assovaldisieve presso i locali della Chiesa S. G. Gualberto a Pontassieve

Statistics

Views

Total Views
1,144
Views on SlideShare
1,124
Embed Views
20

Actions

Likes
0
Downloads
12
Comments
0

2 Embeds 20

http://assovaldisieve.blogspot.com 14
http://assovaldisieve.blogspot.it 6

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Gli inceneritori ed il bambu' cinese Gli inceneritori ed il bambu' cinese Presentation Transcript

  • ik
  • Gli INCENERITORI ed il BAMBU CINESE Gian Luca GarettiAssociazione medici per lambiente ISDE-Medicina Democratica Pontassieve 14.01.2011“Laria pura è il primo alimento e ilprimo medicamento. ...” Ippocrate
  • Gli INCENERITORI ed il BAMBU CINESE● Il fenomeno, lallegoria del bambù cinese ci insegna che:● Non è detto che poiché non vediamo nulla,nulla accade. I pericoli più grandi spesso non sono quelli più visibili.● Alcuni cambiamenti (ad es. i tumori) sono il risultato di una lenta evoluzione che non riusciamo a percepire.(il cd.effetto ritardo)● È ingannevole basare la nostra sicurezza sulla temporanea, iniziale, presunta assenza di cambiamenti negativi.● Ci vogliono robusti studi a breve e lungo termine, per affermare se una sostanza, un farmaco è nocivo o no e poi le interazioni....●
  • I nuovi inceneritori appartengono alla categoria bambù cinese. ● Perchè le polveri ultrasottili, i metalli pesanti, le diossine, tutte le sostanze”mimetiche” , i nuovi cocktail, che fuoriescono in quantità massicce( anche se sotto soglia) dai fumi dei moderni inceneritori(e sono pure nelle ceneri,nei filtri) solo dopo molti anni finiscono per provocare tumori, ce ne accorgiamo quando è ormai troppo tardi.
  • I MOTIVI DEL NO AGLI INCENERITORI:● sono nocivi● sono inutili● sono insicuri● producono una enorme quantità di rifiuti tossici● non eliminano le discariche● contribuiscono al riscaldamento globale● non creano occupazione● sono truffaldini, CIP 6, certificati verdi● necessitano di grandissimi investimenti● ma “in Italia anche a bruciar acqua ci si guadagna” e linformazione è spesso distorta: il rischio zero!
  • LA SOLUZIONE● NO ALLA VECCHIA INUTILE LOGICA INCENERITORE-DISCARICA!● SI a COMBUSTIONI ZERO ed a RIFIUTI ZERO!● Passando per la prevenzione, per la riduzione e per il riciclo totale, dei MATERIALI POST CONSUMO.
  • EMISSIONI DEGLI INCENERITORI●  Lungi dall’essere, come si auspicava nei decenni and ati, distruttori di sostanze pericolose. Gli inceneritori sono veri e propri moltiplicatori e diffusori di sostanze geno-tossiche e cancerogene: metalli pesanti( arsenico,berillio,cromo,cadmio,nickel,mercuri o,piombo) idrocarburi policiclici aromatici (IPA), molecole diossino-simili e particolato fine e ultrafine.● Gli inquinanti possono pericolosamente interagire tra loro ,anche se sono al di sotto dei limiti di legge, bio- amplificandosi , creando nuovi composti, provocando possibili danni alla salute neoplastici e NON neoplastici. NOCIVITA
  • Le malattie OGGI in aumento ● Sono le malattie cronico degenerative, e cioè tumori, malattie endocrine, metaboliche, autoimmuni, neurodegenerative, disordini della fertilità, problemi riproduttivi.● Che riconoscono anche una etiopatogenesi ambientale, cioè sono dovute anche all’esposizione sempre più ubiquitaria ad agenti inquinanti ambientali: PARTICOLATO U.F, DIOSSINE, FURANI, METALLI PESANTI, che si ritrovano ormai stabilmente nel cibo, nell’acqua, nell’ aria, ma anche nei nostri corpi, e addirittura dal latte materno.
  • PARTICOLATO ULTRAFINE● Gli inceneritori, specie quelli moderni,emettono particolato fine e ultrafine,primario e secondario.●Le conseguenze che il particolato esercitasulla salute umana sono ormaiuniversalmente riconosciute ed èparimenti assodato che esse sono tantopiù gravi quanto più le particelle sono dipiccolo diametro: si pensi che l’UE valutache siano ben 380.000 le morti causateogni anno in Europa dal particolato fine(PM 2,5)
  • Agenzia Europea per l’Ambiente 10/10/2007 Loss of statistical life expectancy (months) due to anthropogenic PM 2.5 emitted in 2000 Le polveri di diametroinferiore ai 2.5 microncausano ogni anno, in Europa, 380,000 morti premature.
  • INALAZIONE DEL PARTICOLATO PM 10● PM 10-PM 2,5
  • PARTICOLATO ULTRAFINE● Grazie a dimensioni, simili a quelle dei virus, questo tipo diparticelle, emesse in grande quantità anche dagli inceneritori diultima generazione, pur dotati di B.A.T, sono in grado di superarela parete degli alveoli alveolari, entrare nel circolo sanguigno equindi, attraverso il sangue, giungere in ogni distrettodell’organismo. I danni che ne conseguono sonorappresentati da stress ossidativi, stato di infiammazionegeneralizzato, aumentata della viscosità del sangue, con dannicardio-circolatori,polmonari, con alterazione delle più delicatecardio-circolatori,polmonarifunzioni cellulari che giungono  a  danneggiare direttamente lostesso genoma. Si stanno inoltre accumulando evidenze cheparticelle di queste dimensioni possano arrivare direttamente,attraverso il nervo olfattivo, ai lobi frontali e che patologieneurodegenerative in drammatico aumento quali Parkinson edAlzheimer possano riconoscere una genesi di questo tipo.
  • Altre patologie da polveri fini● esordio o peggioramento asma● aumento di ricoveri ospedalieri per asma,bronchite..● ridotta funzione polmonare modesta nei sani, più seria per chi soffre di malattie croniche.● aumento dei sintomi respiratori...tosse, riniti..● aumento delle m.cardiache, ischemiche. aritmogene
  • MALATTIE CRONICHE ED AGENTI INQUINANTI:DIOSSINE, FURANI, METALLI PESANTI● Sono contenuti nelle emissioni degli inceneritori.● Noi li assumiamo prevalentamente per la via alimentare: sono numerose molecole persistenti e bioaccumulabili, cancerogene, che subiscono un processo di biomagnificazione (ovvero di concentrazione progressiva) lungo la catena alimentare e si accumulano nei tessuti dellorganismo, compreso il tessuto adiposo materno,il sangue placentare, I tessuti embrionali e fetali.....il latte materno.● Sono contenuti nelle ceneri, nei filtri degli inceneritori, che devono essere stoccate in discariche speciali, ma possono ugualmente contaminare l’ambiente (di questo 20- 30% di tossicità si parla poco).
  • La diffusione degli inquinanti: dai camini..ai polmoni, alla tavola... al cordone ombelicale ed al latte materno!
  • EMISSIONI DEGLI INCENERITORI diossine e malformazioni fetali.● Gli inceneritori emettono diverse migliaia di sostanze inquinanti, di cui solo il 10-20% è conosciuto. Molti studi hanno evidenziato gravissimi danni alle popolazioni esposte alle loro emissioni, a cominciare dai tumori fino alle malattie respiratorie, cardiache, endocrine, metaboliche, nonché alle malformazioni. ●Un recentissimo studio pubblicato su Occup. Environ. Med. (67:493-499;2010) condotto da una equipe dell’Università di Lione, nel Sud Est della Francia, in un’area in cui sono attivi 21 inceneritori.Nella zona sono emersi picchi di malformazioni nei nuovi nati: 304 neonati hanno evidenziato gravi difetti all’apparto genitale con rischio statisticamente significativo in relazione all’esposizione a diossine, emesse dagli inceneritori, e calcolata su un modello di ricaduta entro 10 km da ogni impianto.
  • INCIDENZA DEI TUMORI INFANTILI (0-14 anni IN ITALIA 1988-2002 INCREMENTO ANNUO AaANNUO D CANCRO NELL’ INFANZIA: U.S.A: +0.6% EUROPA: + 1.1% annuo ITALIA: + 2% 1° anno di vita: + 3.2%
  • NON è LO STILE DI VITA O LESPOSIZIONE DEL BAMBINO● A determinare lincremento del 3,2% dei TUMORI INFANTILI nel primo anno di età ( insieme a quello dei LINFOMI del 4.6% rispetto allo 0,9 anno dellEuropa!)● ma piuttosto lesposizione della madre a numerosi fattori ambientali cancerogeni.
  • UNESPOSIZIONE CONTINUA ANCHE A PICCOLE DOSI ● cioè “sotto i limiti di legge” , ● di metallipesanti( arsenico, cadmio ,cromo, nichel, mercu rio, piombo), di polveri ultrasottili,di   ultrasottili interferenti endocrini ( diossine,pesticidi,ftalati,fitoestrogeni ecct) ècapace di provocare uno stress (epi)genetico, che crea le premesse per mutazione cellulari che possono generare tumori. Questo avviene nelladulto, ma specialmente nel feto nel periodoprenatale,aprendo la strada anche a patologie che poi si manifesteranno in età adulta.
  • IL SOLITO FILM● Linceneritore di TARANTO supera i limiti di diossina a maggio, ma lo stop allinceneritore arriva a fine ottobre! Nel frattempo cosa sarà uscito dal camino non lo saprà mai nessuno.● A MONTALE, NEL 2007, PER OLTRE 75 GIORNI LINCENERITORE HA EMESSO DIOSSINE E PCB diossino-simili OLTRE I LIMITI DI LEGGE!● CHE HANNO INQUINATO CIBI, CONTAMINATO IL LATTE MATERNO, LACQUA POTABILE ED I CITTADINI.●
  • GUASTI CONTINUI DEGLI INCENERITORI, INCHIESTE della Magistratura....• A Colleferro A Taranto......• A ACERRA• A Terni• A Massafra sono insicuri!!!• A Pietrasanta• A Forlì• A Modugno• A Baciacavallo• A Montale
  • Lo scandalo di Montale● Nonostante che dagli esami eseguiti su matrici animali nelle zone di ricaduta degli inceneritori di Montale e Baciacavallo,siano risultati livelli di diossine e PCB dioxin like ben oltre i limiti di legge(nella carne di pollo arrivano fino a oltre 10 volte il limite ammesso), nonostante che nel latte di madri residenti nella zona siano state rinvenute quantità non trascurabili dei suddetti inquinanti(qualitativamente sovrapponibili), nonostante che nellacqua delle condotte comunali si siano trovati valori di diossine elevatissimi.● Le Autorità competenti non hanno emesso nessuna ordinanza di divieto per il consumo ed hanno negato la correlazione con le emissioni dell’ inceneritore, nonostante levidenza dei fatti!
  • INVECE IN GERMANIA La DIOSSINA è stata trovata in questi primi giorni del2011 in allevamenti in Germania.. migliaia di polli sonostati abbattuti e circa 4600 allevamenti di polli, maiali etacchini sono stati chiusi in Bassa Sassonia, dopo lascoperta di mangimi contenenti diossina..U.e teme estensione contaminazione.ADDIRITTURA le uova di fattoria sarebbero piùcontaminate di quelle di allevamento,perchè le gallineruspanti,come quelle di Montale,vivevano in terreniinquinati...In Germania cè un alto numero di inceneritoried accierie.!La diossina è un po il "marker" della nostra civiltà basata sulconsumo irresponsabile e sui roghi di
  • I polli di Montale “alla diossina” in libera vendita, ........nessun divieto... divieto ”questi NON sono alimenti!”
  • DIOSSINE● NE ESISTONO 126 CONGENERI(MOLECOLE SIMILARI) FRA CONGENERI QUESTI 27 SONO SICURAMENTE TOSSICHE PER LUOMO.● LA LORO TOSSICITA E elevatissima TANTO CHE SI MISURANO IN PICOGRAMMI(miliardesimi di milligrammi) PICOGRAMMI● SONO SOSTANZE LIPOFILE e PERSISTENTI,hanno una emivita di PERSISTENTI 7/10 anni nel tessuto adiposo(da 25 a 100anni nel suolo)● VENGONO ASSUNTE PER IL 95% PER VIA ALIMENTARE (carne,pesce,latte,latticini)● LA PRIMA FONTE DI EMISSIONE DELLE DIOSSINE, IN ITALIA SONO gli INCENERITORI, il 37% contro 1,1%prodotto dal traffico. INCENERITORI● LE DIOSSINE OLTRE AD ESSERE CANCEROGENE SONO”DISTURBATORI ENDOCRINI”e possono provocare DANNI ENDOCRINI” TRANSGENERAZIONALI.
  • DIOSSINE Alterazione di molteplici fisiologiche funzioni dell’ organismo: effetti sul Sistema Immunitario, Neurologico, Endocrino, Riproduttivo, Sviluppo fetale Effetti non cancerogeni: Ipotiroidismo, Diabete, Endometriosi, Disturbi nello sviluppo puberale, del comportamento, Patologie cardiovascolari, Difetti alla nascita, Aumento nati femmine e parti gemellari 1997 la TCDD viene riconosciuta dalla IARC a livello I (cancerogeno certo per l’uomo) Effetti cancerogeni: Sarcomi, Linfomi Non-Hodgkin, Polmone, Mammella, Prostata, Colon- retto.
  • CORRELAZIONE FRA LIVELLI DI DIOSSINA NEL SIERO E LINFOMA NON HODGKINRecentissimo studio fatto in Francia sulle popolazioniintorno allinceneritore di Besancon sugli aumentatirischi di linfomi non-Hodgkin, studio che correla lasinergia distruttrice di pesticidi, diossine, furani ePCB sparsi nel territorio.Vie J. e al- Inc as d ris of non Hodgkin Lymphoma and l t re e ks rum organoc e hlorinec e onc ntrationsamong neighborsof amunic ipal solid w teinc rator-Environ Int (2010) as ine
  • Ridurre le esposizioni delle popolazioni,promuovere la PREVENZIONE PRIMARIADa dati ufficiali emerge, che in Italia, nel pieno rispetto dei limiti dilegge, abbiamo immesso in un anno in aria e acqua: benzene715.6 ton, arsenico 8.0 ton, cadmio 3.0 ton, cromo 140.0 ton,nichel 80.6 ton.L’ inventario europeo delle diossine ci dice che in un anno nelnostro paese ne sono state prodotte 558 grammi, ovvero, in media,circa 1,5 g al giorno: può sembrare poco ma rappresenta la dosemassima tollerabile per oltre 10 miliardi (!) di persone.Sapendo che si tratta di molecole che hanno tempi didimezzamento di decine/centinaia di anni e che quindi ogni nuovadose si aggiunge alla precedente, come la mettiamo?Ci siamomai chiesti dove vanno a finire tutti questi veleni?
  • RISCHIO ZERO ?● SEGUE UNA RASSEGNA DI LAVORI SCIENTIFICI, SULLA NOCIVITA DEGLI INCENERITORI, CHE DOVREBBERO FAR SCATTARE QUANTO MENO IL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE E CHE INVECE VENGONO SOTTOVALUTATE E DELEGITTIMATE● Dei lavori scientifici, sbandierati da certe amministrazioni, sono stati addirittura taroccati per dimostrare che non cera rischio intorno agli inceneritori!!!!. inceneritori!!!!
  • LO STUDIO FRANCHINI DELLISTITUTO SUPERIORE DI SANITA46 STUDI EPIDEMIOLOGICI CONDOTTI IN PROSSIMITA’ DI IMPIANTI DI INCENERIMENTO DI DIVERSI TIPI DI RIFIUTIRiscontro significativo di biomarcatori e sostanze ad effetto mutageno nei liquidi biologici (sangue, urine, sperma) In 2/3 degli studi riguardanti il cancro , incremento statisticamente significativo di Mortalità-Incidenza- Prevalenza per tumori.  (Franchini M,Annali Istituto Superiore di Sanità, 2004)
  • DUE STUDI RECENTI● Nella ricerca condotta da la Vielle Sanitarie in Francia,e pubblicata nel 2008,su due milioni e mezzo Francia di persone residenti intorno a 16 inceneritori,si sono avuti eccessi di sarcomi,linfomi non H,cancro al fegato e di tutti i cancri nelle donne;incremento di incidenza di mieloma multiplo nei due sessi.● Risultati altrettanto preoccupanti emergono dallo studio Enhance Health,finanziato dalla UE,nel Health quartiere di Coriano a Forlì,dove sono attivi due inceneritori,uno per rsu e laltro per rifiuti ospedalieri, con eccessi statisticamente significativi, per le donne,sia per il rischio di morte per tutte le cause,che per la mortalità da tumori,in particolare colon- retto,mammella e stomaco.
  • Effetti avversi sulla salute provocati dagliinceneritori:rassegna della letteratura medica.● EFFETTI NON NEOPLASTICI:alterazione del NEOPLASTICI metabolismo degli estrogeni,incremento di nati femmine e parti gemellari,incremento di malformazioni congenite,ipofunzione tiroidea,disturbi pubertà e diabete,pat.cerebrovascolari,ischemiche cardiache,problemi comportamentali,tosse persistente,bronchiti,allergie.● EFFETTI NEOPLASTICI:segnalati aumenti di cancro al NEOPLASTICI fegato,laringe,stomaco,colonretto,vescica,rene,mammella.● però i TUMORI più significativi sono: cancro del polmone,linfomi non Hodgkin,neoplasie infantili e sopratutto sarcomi,”sentinelle”dellinquinamento da inceneritori.
  • I NUOVI INCENERITORI● Ricapitolando,IN ESTREMA SINTESI, emettono, FRA LALTRO:● diossine, che r iescono a bloccar e solo par zialmente( bioaccumulabili e cancerogene)● metalli pesanti e par ticolato ultr afine, "pr oiettili invisibili che uccidono anche in modo r itar dato" ....il bambù cinese..● polver i secondar ie e cener i (dal 2 0 al 3 0 %).
  • I NUOVI INCENERITORI Hanno una tecnologia “controproducente”:I filtri lasciano passare il particolato più fine, quello più pericoloso per la salute I nuovi impianti, per economie di scala, hanno maggiori dimensioni, quindi flussi di massa maggiori La maggiore altezza del camino assicura più diluizione, solo a livello locale, ma un identico impatto complessivo per inquinanti persistenti nell’ambiente e che entrano nella catena alimentare (P.O.P. e metalli pesanti)
  • SU COSA SI BASA IL DOGMA “NUOVI INCENERITORI”● “Non ci sono per motivi di tempo di latenza studi epidemiologici relativi agli effetti a lungo termine sugli inceneritori di nuove generazione.”● “I modelli di ricaduta degli inquinanti non fanno ipotizzare un rischio concentrato nella popolazione residente nelle adiacenze.”● Da “Effetti sulla salute associati alla residenza in prossimità di inceneritori” a cura di P.Comba,L.Fazzo,F.Bianchi.● Centro Incontri -Regione Piemonte-Torino-29 e 30 novembre 2007
  • È immorale● Aggiungere nocività, inutile, come quella degli inceneritori, che come si è visto, rappresentano● una minaccia concreta per la salute ● nostra e delle generazioni future,●  quando esiste la possibilità di uno smaltimento alternativo dei materiali post consumo (rifiuti).
  • Una bella notizia nellomologazione trasversale dei piro-politici italiani.● “ FINO A QUANDO SARO SINDACO IO,● IL TERMOVALORIZZATORE● A GREVE NON SI FARA ”●dice Alberto Bencistà,● Metropoli del 7 gennaio 2011.
  • fine● GRAZIE PER LATTENZIONE
  • Perchè rischiare?● Molte delle sostanze emesse sono comunque cancerogene, anche se sono sotto soglia● I cocktail di nuove sostanze● Le interazioni sconosciute, di tante sostanze, anche nuove emesse, anche sotto soglia...le interazioni sul mio computer dei farmaci...● I controlli solo su poche sostanze(sulle diossine 3 volte anno)● I tumori ,infantili e non, sono in aumento...● Se non ci fosse altra soluzione, potrebbe essere un rischio da correre, ma le soluzioni a zero tumori ci sono.
  • Il parco della PianaUn parco agricolo strategico nel cuore della Piana«Un progetto di "parco agricolo" in grado di sviluppareuna serie di effetti positivi, dalleconomia agricola allaqualità della vita per gli insediamenti che vi si affacciano,dalla mitigazione ecologica e climatica della pianafiorentina alla fruibilità dei beni culturali. Un progetto diparco come continuum di aree agricole fertili, come retedi percorsi di mobilità alternativa tra i diversiinsediamenti, di connessioni ecologiche, di beniculturali».
  • Citta e campagna● Gli inceneritori in città così non inquinanano le culture.....● È ovvio che non si possono fermare...
  • Psicologia ambientale unaltra categoria bambù cinese● “La nostra mente è molto sensibile ai cambiamenti veloci dellambiente, ma non a cambiamenti che avvengono gradualmente e lentamente.”● “Linquinamento urbano, dei gas di scarico delle macchine, [degli inceneritori, delle industrie] pur essendo responsabile di molte e gravi malattie non viene percepito dalla maggior parte delle persone come un reale pericolo, perchè a parte lodore di smog, non siamo in grado di valutare lentità dellinquinamento o la presenza di polveri sottili o di ozono nellatmosfera.” da Marco Costa-Psicologia ambientale e architettonica-F.Angeli ed
  • Evidentemente si pensa davvero che gli inceneritori purifichino laria«Le produzioni di qualità dellagricoltura toscanaed il suo paesaggio rurale – sottolinea lassessoreallagricoltura Gianni Salvadori - sono il biglietto da visitadella Toscana nel mondo, una delle maggiori attrattivedel turismo nella nostra regione e una delle principali vocidellexport agroalimentare. Era del tutto logico e coerentecon la politica di tutela e valorizzazione del territorio edelle produzioni agroalimentari di qualità andare nelladirezione assunta con questa delibera. Incentiviamo lusodelle energie alternative – conclude Salvadori – macertamente queste devono essere compatibili con ilnostro territorio e le sue produzioni di qualità»
  • ● “Povero luomo che almeno una volta nella vita, non ha rimesso tutto in discussione” Pascal● Perchè insistere su scelte ormai superate, pericolose per la salute, per lambiente, perchè insistere su credenze dogmatiche
  • ALTRI STUDI SUL PM10● Lo Studio MISA-2 condotto dal prof. Annibale Biggeri,sugli effetti a breve termine,dal 96 al 2002, di PM10,ozono,biossido di azoto,monossido di carbonio,stima che si sarebbero potuto evitare circa 2000 decessi allanno se linquinamento fosse stato contenuto.● Lo Studio RisCAT, da parte dellArpat,nellambito del progetto Epiair, mette in evidenza che cè unassociazione significativa fra lincremento(10microgr/m3) del PM10,O3,Monossido di carbonio e linfarto miocardico acuto, specie negli anziani e donne.
  • EFFETTI PM10 ed OZONO in 13 CITTÀ ITALIANE (oltre 200.000 abitanti) 8220 morti/anno per PM10 superiore a 20µg/m3 516 morti/anno per OZONO (STUDIO OMS 15 giugno 2006)● nellarea fiorentina i morti attribuibili direttamente al PM10 in eccesso erano 250/anno come carico di mortalità a lungo termine dovuta a cancro al polmone,infarto,ictus e 28-30 come carico di mortalità a breve termineTUTTI QUESTI MORTI SI SAREBBERO POTUTI EVITARE SE IL PM10 NON AVESSE SUPERATO 20 MICROGRAMMI PER METRO CUBO.
  • Da Repubblica,venerdi 20 luglio Repubblica 2007, terza pagina di cronaca● “La notizia è gravissima.Conferma lassurda pericolosità degli inceneritori e linstabilità delle loro emissioni”......e emissioni” continua● “E ora di chiudere definitivamente il bidone di Montale” dice Fabio Roggiolani, lallora presidente della Commisione sanità alla Regione Toscana.
  • INCENERITORI TAV-NUCLEARE● grandi opere inutili, che servono solo a chi le fa e che provocano danni spesso irreparabili alle popolazioni che le subiscono.
  • “PORTA A PORTA” A SAN FRANCISCONel 2002 S.FRANCISCO HARICICLATO ILil 63% dei suoi Mat. Post.Consumo .Nel 2020 obiettivoZERO WASTE
  • CONTROLLI● La legge prevede controlli solo per alcune delle sostanze emesse, spesso con autocertificazione della ditta che gestisce limpianto; per le diossine ad es. i controlli sono previsti per 3 volte all’anno da un minimo di 6 ad un massimo di 8 ore. ore● I controlli non vengono mai fatti nelle fasi di accensione-spegnimento quando le diossine raggiungono valori di 10 volte superiori al normale
  • Continua il film.... ARIA,POLLI,LATTE,ACQUA alla DIOSSINA● Unordinanza dell8 maggio 2009, da parte della Provincia di Lucca,ordina a Veolia,società che gestisce linceneritore di Falascaia (Pietrasanta),di mettere in sicurezza il tratto del torrente Baccatoio,che scorre accanto allimpianto.● Nei sedimenti di quel torrente le analisi Arpat ,hanno trovato tracce,oltre i limiti,di sostanze potenzialmente nocive,come diossine e metalli pesanti, provenienti dallimproprio lavaggio dei filtri....● ( a Falascaia poi si scopre che venivano pure taroccati i dati delle emissioni...)●
  • Come si difende la salute? ●● Con Interventi di Prevenzione Primaria, ovvero di riduzione dei fattori di rischio. ● L’ambiente è un determinante fondamentale per la salute delle persone.
  • Il giardinoinfinito● Immerso in un giardino incolto
  • ROTTAMIAMO GLI INCENERITORI DR. GIAN LUCA GARETTI MEDICINA DEMOCRATICA-ISDE AGLIANA16 11 2010“Laria pura è il primo alimento e il primo medicamento. ...” Ippocrate
  • Sullinceneritore di Montale-il 9 Aprile 2009: INTERROGAZIONE SCRITTA ALPARLAMENTO EUROPEO- CE UN PROCESSO IN CORSO...• Il 21 ottobre 2010 la “storia” dellinceneritore di Montale arriva in Parlamento, grazie allinterrogazione dellonorevole Sclilipoti dellIDV.