Slide del Dr. Paolo Franceschi

1,543 views

Published on

Effetti sulla salute dei Liguri delle fonti di inquinamento attualmente presenti sul territorio ligure. In particolare le centrali a carbone presenti a Savona, Genova e La Spezia.
Per chi si vuole informare direttamente da uno dei massimi esperti.

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,543
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Slide del Dr. Paolo Franceschi

  1. 1. I DANNI ALLA SALUTE DELLE CENTRALI A CARBONE <br />Dottor Paolo Franceschi,<br />Specialista in Pneumologia<br />franceschipao@libero.it<br />Referente scientifico <br /> della Commissione Ambiente <br /> e Salute dell’ Ordine dei Medici di Savona<br />Referente ISDE Savona<br />Portavoce CNCMAS<br />per la Liguria<br />SPOTORNO 17 dicembre 2009<br />
  2. 2. Principali inquinanti emessi dalle centrali termoelettriche a carbone:il nodo della combustione <br />POLVERI (in particolare PM2.5)<br />benzopirene, diossine, benzene<br />NOx<br />SO2<br />Microinquinanti inorganici (Cd, Cromo, Mn, Ni, Pb, Cu, Co, Hg, Arsenico, Vanadio)<br />Isotopi Radioattivi naturali<br />Il carbone è il combustibile fossile più sporco<br />
  3. 3. COME L’ INQUINAMENTO<br />ATMOSFERICO PRODOTTO<br />DALLE CENTRALI ELETTRICHE<br />METTE A RISCHIO LA SALUTE<br />DEI BAMBINI AMERICANI<br />
  4. 4. I limiti di legge sono sempre calcolati su individui adulti:i bambini e gli organismi in accrescimento possono avere una suscettibilità totalmente diversa!!!<br />
  5. 5.                                            <br />Environ. Health Perspec 115:1264-1270(2007)<br />PARACELSO : LA DOSE FA’ IL VELENO......<br /> MA NON SEMPRE! <br />MOLTO SPESSO IL MOMENTO IN CUI ESSO AGISCE E’ CRUCIALE!<br />
  6. 6.
  7. 7. Environment<br />fluid (epi)genome<br />ROS<br />Rivoluzione Epidemicadel XX Secolo<br />mRNAs<br />HSPs <br />Activation<br />(Auto)Immunity<br />Danger Theory<br />developmental <br />plasticity<br />HSPs/petides<br />Autoinflammation<br />
  8. 8. A SilentPandemic<br />Industrial Chemicals Are Impairing <br />The Brain Development of Children Worldwide<br />Fetal and early childhood exposures to industrial chemicals in the environment can damage the developing brain and can lead to neurodevelopmental disorders (NDDs):autism,attention deficit disorder (ADHD), and mental retardation…<br />lead, methylmercury, polychlorinated biphenyls [PCBs], arsenic, and toluene)… Exposure to these chemicals during early fetal development can cause brain injury at doses much lower than those aff ecting adult brain function<br />L’esposizione in età fetale e nella prima infanzia a sostanze chimiche presenti nell’ ambiente può danneggiare il cervello durante lo sviluppo e indurre disturbi dello sviluppo del sistema nervoso: autismo, disturbi da deficit attentivo, e ritardo mentale…<br />piombo, metilmercurio, policlorobifenili (PCB), arsenico : L’ esposizione a queste sostanze chimiche precocemente durante lo sviluppo fetale può causare danni cerebrali a dosi molto inferiori che negli adulti<br />
  9. 9.
  10. 10. .. come risulta chiaramente dal recente progetto ACCIS (Automated Childhood Cancer Information System) - un ampio monitoraggio condotto da una squadra di epidemiologi IARC su 63 registri oncologici di 19 paesi europei, per un totale di oltre 130 mila tumori di tutti i tipi (113 mila pediatrici e 18 mila di età adolescenziale) <br />http://www-dep.iarc.fr/accis.htm<br />INCIDENZA DINEOPLASIE in INFANZIA E ADOLESCENZA IN EUROPA (anni 1970-1999)<br />latency<br />mother<br />Steliarova-Foucher E, Stiller C, Kaatsch P, Berrino F, Coebergh JW, Lacour B, Parkin M. Geographical patterns and time trends of cancer incidence and survival among children and adolescents in Europe since the 1970s (the ACCISproject): an epidemiological study.Lancet. 2004 Dec 11-17;364(9451):2097-105<br />Un primo report del progetto, pubblicato su Lancet nel 2004, evidenziò un incremento annuo dell’1-1,5 % per tutte le neoplasie (con aumenti più marcati per linfomi, sarcomi dei tessuti molli, tumori delle cellule germinali e del sistema nervoso). <br />
  11. 11. Rapporto AIRTUM 2008 -Tumori infantili. Incidenza, sopravvivenza, andamenti temporaliEpidemiologia & Prevenzione 2008; 32(3) Suppl 2: 1-112<br />… se possibile ancora peggiori sono le notizie per i bambini italiani. I recenti dati del Rapporto AIRTUM (Associazione Italiana Registri Tumori) 2008 sui tumori infantili , dimostrano infatti come i dati di incidenza e gli andamenti temporali siano in Italia peggiori che negli altri paesi europei e negli USA(il che, sia detto per inciso, priva di qualsiasi valore l’ipotetico fattore “miglioramento diagnostico”). <br />
  12. 12. Il cancro e le leucemie infantili <br />sono strettamente correlati con<br /> alti livelli di emissioni prodotte<br /> da processi di combustione.<br />
  13. 13. Prevenire il danno per la sa-<br />lute delle generazioni at-<br />tuali e future.<br />Protegge tutti gli individui <br />senza le discriminazioni di <br />tipo socio-economico inevitabi-<br />li con gli approcci diagnostici <br />e terapeutici. <br />PREVENZIONE<br />PRIMARIA<br /> Si può ottenere una efficace<br />prevenzione primaria del cancro con<br /> 1) Riduzione del numero dei carcinogeni<br /> ai quali sono esposti gli esseri umani<br /> 2)Riduzione dei livelli di esposizione <br /> ai carcinogeni<br />
  14. 14. …<br />…l’enfasi data ai fattori di rischio collegati allo stile di vita<br />adetrimento dell’ informazione sul ruolo degli inquinanti chimici<br />ha favorito l’ ininterrotta produzione di sostanze con effetti negativi sulla salute<br /> che sono dimenticati o nascosti o deliberatamente sottostimati.. <br />… The emphasis given to life-style factors <br />to the detriment of information on the role of chemical pollutants<br />favoured the uninterrupted production of agents with negative effects on health that remain hidden or secret or are deliberately underestimated.. <br />
  15. 15. Nuovi casi edecessi per tumore in ItaliaTassi standardizzati per età (numero casi ogni 100.000 abitanti) Periodo 1988-2002 (Epidemiologia e Prevenzione, 2006)<br />Mortalità<br />Nuovi casi<br />
  16. 16. L’inquinamento può causare fino al 7 % dei casi di cancro al polmone nei non/ex fumatori<br />CONCLUSIONS: We have also estimated that5-7% of lung cancers in European never smokers and ex-smokers are attributable to high levels of air pollution, as expressed by NO2. NO2 is the expression of a mixture of combustion (traffic-related) particles and gases, and is also related to power plantsand waste incinerator emissions. <br />Environmental Health. 2007;6:1-7.<br />
  17. 17. Installations that burn fossil fuels to generate power<br /> may represent a health problem due to the toxic substances <br />which they release into the environment.<br />RESULTS: Excess mortality was detected in the vicinity of pre-1990 installations for lung cancer in the overall population, and laryngeal cancer among men .<br /> Lung cancer displayed excess mortality for all types of fuel used,<br /> whereas in laryngeal and bladder cancer, the excess was associated with coal-fired industries. <br />There was a risk gradient effect in the proximity of <br />a number of installations <br />È stato rilevato un eccesso di<br /> mortalità per cancro del <br />polmone, della laringe e <br /> della vescica nelle città site <br />nei pressi di centrali elettriche.<br />Il cancro della vescica e della <br />laringe è associato alla <br />combustione del carbone.<br />C’è un effetto gradiente<br /> di rischio in prossimità di <br />molte instrallazioni <br />
  18. 18. Psychological Distress in Long-term Survivors of Adult-Onset Cancer<br />CONCLUSIONS: Long-term survivors of adult-onset cancerare at increased risk for psychological distress. This studyidentifies several clinical and sociodemographic factors associatedwith seriouspsychologicaldistressthat may help target high-risk survivors for psychologicalscreening and support.Archives of Internal Medicine 2009; 169: 1274-1281<br />I sopravissuti a lungo termine al cancro<br />Insorto in età adulta sono sottoposti ad un serio<br /> stress psicologico <br />
  19. 19. IL TUMORE DANNEGGIA LE FINANZE DEL MALATO E DI TUTTA LA SUA FAMIGLIA<br />Uno studio presentato dalla Fondazione Istud il 14/12/2007 a Roma ed effettuato al Policlinico Umberto I di Roma ha messo in evidenza che:<br /><ul><li> il 72 per cento dei familiari di un malato di tumore denuncia infatti una perdita economica "rilevante" dovuta al mancato guadagno per la permanenza in ospedale; - il 38 per cento subisce delle perdite stimabili tra i 700 e i 1.000 euro al mese; - il 25 per cento lamenta delle perdite addirittura superiori ai 1.200 euro mensili; - il 22 per cento addirittura lascia il lavoro; - il 13 per cento è costretto a mettersi in aspettativa.</li></li></ul><li>ESSERE MALATI CRONICI PU0’ COSTARE 1500 EURO AL MESE<br />Il dato emerge dal Rapporto di CittadinanzAttiva sulle malattie croniche. La spesa sostenuta da chi soffre di una malattia cronica per farmaci, presidi, ausili e aiuti esterni è di circa 1500 euro al mese.<br />
  20. 20. Polveri tossiche ed emorragia cerebrale<br />L’emorragia cerebrale può essere causata dall’esposizione alle polveri fini ed ultrafini e può manifestarsi appena due ore dopo l’esposizione<br />1) Stroke. February 2007 2) S Yamazakiet al. Environmental Medicine. Sept. 2006<br />
  21. 21. CONCLUSIONS: We observed associations between recent PM2.5 and O3 exposure and ischemic stroke/TIA risk even in this community with relatively low pollutant levels. <br />AnnNeurol. 2008;64(1):53-9.<br />Conclusioni: abbiamo osservatoassociazioni fra recente<br />esposizione a PM 2,5eozonoe rischio per ictus ichemici e TIA,<br />anche in questa comunità dove i livelli di inquinanti sono<br />relativamente bassi<br />
  22. 22. CONCLUSIONS:Long-term exposure to particulate air pollutionis associated with altered coagulation function andDVT risk. Other risk factors for DVT may modulate the effect of particulate air pollution. <br />ArchInternMed.2008;168(9):909-911.<br />CONCLUSIONI:l’ esposizione a lungo termine <br />all’ inquinamento da particolato è associatocon una<br />alterazione della funzione coagulativa e al rischio di<br />trombosi venose profonde ( incidenza + 70% ogni 10 microg/m3<br />
  23. 23. PM 2.5: effetti cardio- e cerebrovascolari <br />Per ogni aumento di esposizione di 10 microg./m3 di PM 2.5<br />Aumento decessi del:<br />76% per cause cardiovascolari (infarti ecc.)<br />83% per ictus<br />
  24. 24. CONCLUSIONS: These results support the hypothesis thatelevated levels of particulate air pollution, below the current limitsset by the United States Environmental Protection Agency, are associated with an increase in the rate of hospital admission for exacerbation of CHF. <br />Am J Cardiol. 2006;98(3):423-424.<br />CONCLUSIONI: questi risultati supportano l’ ipotesi che <br />elevati livelli di inquinamento da particolato al di sotto <br />degli attuali limiti stabiliti dall’ Agenzia per la Protezione<br />dell’ Ambiente degli Stati Uniti sono associati con un incremento<br />della frequenza di ospedalizzazioni per esacerbazioni di insuffi-<br />cienza cardiaca.<br />

×