Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Questionario sul clima etico modello @spazioetico

293 views

Published on

Slide presentate in occasione del webinar IFEL: "Il clima etico. Soggetti e strumenti per misurare il contesto interno", del 14 giugno 2017

Published in: Education
  • Be the first to like this

Questionario sul clima etico modello @spazioetico

  1. 1. Il clima etico. Soggetti e strumenti per misurare il contesto interno Focus su: Strumenti di «misurazione» del clima etico di un’amministrazione 14 giugno 2017 Massimo Di Rienzo
  2. 2. Questione • Come noto, l’adozione del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione (PTPC) non si configura come un’attività una tantum, bensì come un processo ciclico in cui le strategie e gli strumenti vengono via via affinati, modificati o sostituiti in relazione al feedback ottenuto dalla loro applicazione.
  3. 3. Questione • Il PTPC ha bisogno, come ogni piano di prevenzione, di informazioni qualificate e aderenti con il contesto di riferimento. • In particolare, il capitolo dedicato all’analisi del contesto interno rappresenta uno degli elementi centrali dell’intero Piano e, di contro, uno degli elementi più difficili da ricostruire.
  4. 4. by Andrea Ferrarini LA CORRUZIONE COME «ESCALATION»
  5. 5. DATI QUANTITATIVI • organi di indirizzo, • struttura organizzativa, • ruoli e responsabilità; • politiche, obiettivi, e strategie; • risorse, conoscenze, sistemi e tecnologie; • qualità e quantità del personale; DATI QUALITATIVI • cultura organizzativa, con particolare riferimento alla cultura dell’etica; • sistemi e flussi informativi, • processi decisionali (sia formali sia informali); • relazioni interne ed esterne. NUMERI CLIMA ETICO …per l’analisi del contesto interno, il PNA raccomanda di considerare i seguenti dati…
  6. 6. Come raccogliere informazioni rilevanti e significative per costruire una analisi del clima etico credibile? di quali strumenti ha bisogno il RPCT?
  7. 7. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DEL CLIMA ETICO Il questionario è disegnato sulla base di specifiche “QUALITA’ ETICHE” di una amministrazione. Esse sono: • PIENA OPERATIVITA’ • MANUTENZIONE DELLO SPAZIO ETICO • VISIBILITA’, TRASPARENZA, TRACCIABILITA’ • DISCUSS-ABILITY • ASSENZA DI INTERFERENZE • LEADERSHIP ETICA • ACCOUNTABILITY DESTINATARI: Dipendenti di Enti Locali Scarica il questionario
  8. 8. RISCHIO: ASIMMETRIA OPERATIVA «non si gioca ad armi pari» • Il sistema corruttivo può avere interesse a sfruttare una certa assenza di operatività da parte dell’amministrazione, allo scopo di trarre un vantaggio per se o per altri 1 Ad esempio: • Si depotenzia un ufficio, spostando risorse umane o non sostituendo personale • Si fanno ruotare funzionari o dirigenti scomodi • Si assegnano «determinate pratiche» ad un funzionario che non ha esperienza • Si effettua una «riqualificazione organizzativa» senza una specifica motivazione
  9. 9. 9 PIENA OPERATIVITA’ competenze e conoscenze informazioni mezzi tempoprocedure regole simmetria operativa …avere le carte in regola… 1…il questionario indaga:
  10. 10. 10 LEGGI LE AFFERMAZIONI CHE SEGUONO. IN CHE MISURA TALI AFFERMAZIONI SI ADATTANO ALLA REALTA’ DELLA TUA AMMINISTRAZIONE? (1= per nulla, 5 = del tutto) QUALITA’: PIENA OPERATIVITA’. Tutti i diversi ruoli e le funzioni intervengono adeguatamente nelle attività: (es. competenze adeguate, regolamentazione) Cod. Indicatori 1 2 4 5 1 Ho le competenze e le conoscenze adeguate per svolgere il mio lavoro in modo responsabile 2 Ho informazioni sufficienti per svolgere i miei compiti in modo responsabile 3 Ho mezzi adeguati per svolgere i miei compiti in modo responsabile 4 Ho tempo sufficiente per svolgere i miei compiti in modo responsabile 5 Esistono procedure chiare e condivise che mi orientano nella gestione del compito che mi viene assegnato 6 Le regole (norme, regolamenti) che devo applicare per svolgere il mio compito sono chiare 7 Nelle interlocuzioni con privati, utenti o cittadini non mi sento mai in una posizione di inferiorità per quanto concerne le competenze o le conoscenze in merito alla questione di cui si tratta 1
  11. 11. RISCHIO: COMPRESSIONE DELLO SPAZIO ETICO «chi gioca non conosce le regole» • Il sistema corruttivo può avere interesse a sfruttare una certa condizione di inconsapevolezza (totale o parziale) o collusione dell’operatore pubblico che è chiamato ad assumere la decisione. 2 Ad esempio: • Si inseriscono o si mantengono determinati operatori pubblici in conflitto di interessi per tutelare o promuovere interessi illeciti • Si scaricano su operatori pubblici che ricoprono ruoli marginali le responsabilità che dovrebbero essere assunte da ruoli e funzioni di primo piano
  12. 12. 12 MANUTENZIONE SPAZIO ETICO gestione conflitto di interessi «momento decisionale» resilienza individuale percezione della resilienza organizzativa …avere le persone giuste al posto giusto… 2…il questionario indaga:
  13. 13. LEGGI LE AFFERMAZIONI CHE SEGUONO. IN CHE MISURA TALI AFFERMAZIONI SI ADATTANO ALLA REALTA’ DELLA TUA AMMINISTRAZIONE? (1= per nulla, 5 = del tutto) QUALITA’: MANUTENZIONE DELLO SPAZIO ETICO. Il processo richiede che chi si trova ad assumere decisioni sia consapevole dei rischi e delle implicazioni delle sue decisioni 2 Cod. Indicatori 1 2 4 5 8 Ogni volta che mi viene assegnata la responsabilità di un compito, una attività o un procedimento, cerco sempre di capire se sono in una posizione di conflitto di interessi 9 Non mi trovo mai ad assumere decisioni difficili da solo 10 Non mi viene mai chiesto di fare cose che sono al limite della legalità 11 Mi sembra che non venga mai chiesto ai miei colleghi di fare cose che sono al limite della legalità
  14. 14. RISCHIO: OPACITA’ «i giocatori e le regole sono invisibili» • Il sistema corruttivo può avere interesse a sfruttare le vulnerabilità organizzative e la cattiva gestione del processo da parte dell’amministrazione, allo scopo di mantenere le decisioni ad un livello di «invisibilità» 3 Ad esempio: • Si tende ad assegnare compiti ed attività secondo criteri ampiamente discrezionali • Si tende ad rinviare o ritardare la digitalizzazione dei flussi informativi e la gestione dei flussi documentali • Si tende a non rispondere alle istanze di accesso • Si tende ad escludere ogni interlocuzione con la comunità locale
  15. 15. 15 VISIBILITA’, TRASPARENZA E TRACCIABILITA’ criteri di assegnazione compiti tracciabilità attività informale qualità delle motivazioni gestione delle informazioni gestione accesso civico generalizzato pressione esterna …più attentamente saremo osservati, meglio ci comporteremo… (Jeremy Bentham) 3…il questionario indaga:
  16. 16. LEGGI LE AFFERMAZIONI CHE SEGUONO. IN CHE MISURA TALI AFFERMAZIONI SI ADATTANO ALLA REALTA’ DELLA TUA AMMINISTRAZIONE? (1= per nulla, 5 = del tutto) QUALITA’: VISIBILITA’, TRASPARENZA E TRACCIABILITA’. Le scelte compiute nel corso del processo sono sufficientemente documentate e giustificate. Esistono flussi informativi trasparenti fra i soggetti coinvolti in uno stesso processo. 3 Cod. Indicatori 1 2 4 5 12 All’interno del mio ufficio, i compiti vengono assegnati secondo criteri certi e condivisi 13 Ogni interlocuzione, anche informale, con privati, utenti o cittadini è adeguatamente documentata 14 I provvedimenti che adotto quando vengo chiamato a svolgere un compito sono adeguatamente documentati e giustificati 15 So bene come trattare le informazioni che acquisisco durante lo svolgimento del mio compito 16 Se mi viene fatta una richiesta di accesso generalizzato a documenti o informazioni da parte di un privato, cittadino o utente, so bene come gestirla 17 Ho la sensazione che le azioni che il mio ufficio pone in essere siano attentamente osservate e valutate all’esterno dell’amministrazione dai cittadini o dalla stampa locale
  17. 17. RISCHIO: DISCUSS-DISABILITY «tutti contro tutti» • Il sistema corruttivo può avere interesse a sfruttare l’incapacità dell’organizzazione di far emerger rischi e di reagire difensivamente alle critiche da parte della leadership 4 Ad esempio: • Si incentivano forme di sanzione (formali o informali) nei confronti di coloro che rilevano criticità, segnalano o denunciano condotte illecite, motivando i provvedimenti sanzionatori, ad esempio, con l’aver nuociuto all’immagine dell’amministrazione • Si promuove il lavoro «per silos», cioè in compartimenti stagni, al fine di un mantenere un certo «monopolio delle informazioni»
  18. 18. 18 DISCUSS- ABILITY libertà di espressione libertà di critica approccio interdisciplinare …dire-la-verità-senza-paura… 4…il questionario indaga:
  19. 19. LEGGI LE AFFERMAZIONI CHE SEGUONO. IN CHE MISURA TALI AFFERMAZIONI SI ADATTANO ALLA REALTA’ DELLA TUA AMMINISTRAZIONE? (1= per nulla, 5 = del tutto) QUALITA’: DISCUSS-ABILITY. Clima inclusivo, condivisione, benessere organizzativo. Assenza di monopolio nella gestione amministrativa. 4 Cod. Indicatori 1 2 4 5 18 Nel mio ambiente di lavoro c’è ampia possibilità di esprimere le proprie opinioni 19 Nel mio ambiente di lavoro c’è ampia possibilità di esprimere delle critiche al lavoro altrui, compreso quello del superiore gerarchico 20 Nel mio ambiente di lavoro si promuove un approccio interdisciplinare al lavoro, con il coinvolgimento di personale appartenente a uffici diversi
  20. 20. RISCHIO: INTERFERENZE E ASIMMETRIE DI POTERE «si gioca secondo le regole del più forte» • Il sistema corruttivo può avere interesse a sfruttare un ruolo o una funzione particolare al fine di influenzare e orientare il processo decisionale dell’operatore pubblico 5 Ad esempio: • Si esercitano pressioni al fine di influenzare vari processi decisionali, tra cui: o la pianificazione delle attività di un ufficio o la gestione delle risorse umane o l’esito di procedimenti amministrativi
  21. 21. 21 ASSENZA DI INTERFERENZE pressioni politiche sulla pianificazione attività pressioni politiche sulla gestione risorse umane pressioni politiche sull’esito di procedimenti amministrativi procedure per prevenire pressioni pressioni da privati sull’esito di procedimenti amministrativi pressioni sul superiore gerarchico …lei non sa chi sono io… 5…il questionario indaga:
  22. 22. LEGGI LE AFFERMAZIONI CHE SEGUONO. IN CHE MISURA TALI AFFERMAZIONI SI ADATTANO ALLA REALTA’ DELLA TUA AMMINISTRAZIONE? (1= per nulla, 5 = del tutto) ASSENZA DI INTERFERENZE. Nel processo, la componente di indirizzo (politica) e la componente gestionale (dirigenza) non entrano in conflitto fra loro (es. componente di indirizzo non interferisce nell’attività degli uffici, oppure la componente gestionale non interferisce nella funzione di indirizzo della componente politica dell’amministrazione). Il processo richiede una relazione con soggetti (pubblici o privati) esterni all'organizzazione, che comunque non interferiscono con le scelte della componente politica, gestionale e operativa. 5 Cod. Indicatori 1 2 4 5 21 Non ho mai subito pressioni da parte di un esponente della componente politica 22 Non ho mai assistito a fatti o eventi in cui un esponente della componente politica abbia esercitato pressioni in merito alla pianificazione delle attività del mio ufficio 23 Non ho mai assistito a fatti o eventi in cui un esponente della componente politica abbia esercitato pressioni in merito alla gestione delle risorse umane del mio ufficio 24 Non ho mai assistito a fatti o eventi in cui un esponente della componente politica abbia esercitato pressioni in merito all’esito di un procedimento amministrativo gestito dal mio ufficio 25 Esistono procedure chiare per cui risulta impossibile per un esponente della componente politica esercitare indebite influenze sui componenti del mio ufficio 26 Non ho mai subito pressioni da parte di un privato in merito all’esito di un procedimento amministrativo 27 Non ho mai assistito a fatti o eventi in cui un privato abbia esercitato pressioni in merito all’esito di un procedimento amministrativo gestito dal mio ufficio 28 Ho la sensazione che il mio superiore gerarchico non subisca le interferenze che provengono dai politici
  23. 23. RISCHIO: LEADERSHIP DEBOLI «si gioca secondo le regole del più forte» • Il sistema corruttivo può avere interesse a determinare o a sfruttare una certa debolezza o fiduciarietà della leadership al fine di orientare a proprio vantaggio le decisioni 6 Ad esempio: • Si avverte una sostanziale «assenza di controllo» o, viceversa, un «controllo sistematico» da parte della leadership; in entrambi i casi strumentale a orientare i processi decisionali
  24. 24. LEADERSHIP ETICA esemplarità della politica esemplarità della dirigenza pianificazione e verifica del lavoro chiara definizione delle responsabilità resistenza alle forzature gestione dei dilemmi etici resistenza alle pressioni …comportamenti organizzativi: che fare?… 6…il questionario indaga:
  25. 25. LEGGI LE AFFERMAZIONI CHE SEGUONO. IN CHE MISURA TALI AFFERMAZIONI SI ADATTANO ALLA REALTA’ DELLA TUA AMMINISTRAZIONE? (1= per nulla, 5 = del tutto) QUALITA’: LEADERSHIP ETICA. Esemplarità dei comportamenti della leadership, affidabilità, onesta, capacità di gestione dei comportamenti organizzativi, corretto flusso e gestione delle informazioni, capacità di valutazione, gestione delle segnalazioni. 6 Cod. Indicatori 1 2 4 5 29 La condotta della componente di indirizzo (politica) è pienamente compatibile con l’etica pubblica e rappresenta un buon esempio per tutti 30 La condotta della componente gestionale (dirigenza) è pienamente compatibile con l’etica pubblica e rappresenta un buon esempio per tutti 31 Ho la sensazione che il mio lavoro venga adeguatamente verificato da un superiore gerarchico 32 Ho la sensazione che il mio lavoro venga adeguatamente pianificato da un superiore gerarchico 33 Ho la sensazione che mi venga assegnato un compito sulla base di una chiara definizione delle responsabilità all’interno dell’ufficio 34 Il mio superiore gerarchico non autorizzerebbe mai una condotta illecita al fine di raggiungere un obiettivo 35 Quando mi trovo ad assumere decisioni in situazioni complesse, con elevata carica di responsabilità, posso contare sul supporto del mio superiore gerarchico 36 Ho la sensazione che il mio superiore gerarchico non subisca le interferenze che provengono dai privati
  26. 26. RISCHIO: IMPUNITA’ «il baro ne esce pulito» • Il sistema corruttivo può avere interesse a mantenere una situazione di sostanziale impunità al fine di promuovere condotte illecite nell’amministrazione 7 Ad esempio: • Le segnalazioni, anche se fondate, non vengono prese in considerazione • Le violazioni delle regole di condotta non vengono sanzionate • Colui che segnala o denuncia una condotta illecita viene fatto oggetto di ritorsioni • A seguito di una segnalazione, l’identità del segnalante viene resa nota
  27. 27. 27 ACCOUNTABILITY riservatezza delle segnalazioni presa in carico delle segnalazioni certezza della sanzione disciplinare assenza di ritorsioni a seguito di segnalazione …del «rendere conto»… 7…il questionario indaga:
  28. 28. LEGGI LE AFFERMAZIONI CHE SEGUONO. IN CHE MISURA TALI AFFERMAZIONI SI ADATTANO ALLA REALTA’ DELLA TUA AMMINISTRAZIONE? (1= per nulla, 5 = del tutto) QUALITA’: ACCOUNTABILITY. Capacità dell’organizzazione di identificare e sanzionare i comportamenti non corretti o illeciti. 7 Cod. Indicatori 1 2 4 5 37 Sono certo che se segnalassi una condotta illecita, il mio superiore gerarchico proteggerebbe la mia riservatezza 38 Sono certo che se segnalassi una condotta illecita, il mio superiore gerarchico la prenderebbe in seria considerazione 39 Sono certo che alla violazione di una regola di condotta da parte mia o di un mio collega corrisponderà una adeguata sanzione disciplinare 40 Ho la sensazione che, se segnalassi una condotta illecita da parte di un mio collega, non subirei ritorsioni
  29. 29. Grazie per l’attenzione Massimo Di Rienzo spazioeticomail@gmail.com I materiali saranno disponibili su: www.fondazioneifel.it/formazione @Formazioneifel Facebook Youtube

×