V For Vendetta 01

2,745 views

Published on

Published in: Education, News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,745
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
11
Actions
Shares
0
Downloads
39
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Film Clips: Clear and Present Danger excerpts
  • Queste élite al di sopra della massa devono spingere per una nuova politica dello Stato italiano, una politica di dominio sul mondo, verso nuovi destini imperiali, come quelli dell’antica Roma. La figura dannunziana del superuomo è, comunque, uno sviluppo di quella precedente dell’esteta, la ingloba e le conferisce una funzione diversa, nuova. Il culto della bellezza è essenziale per l’elevazione della stirpe, ma l’estetismo non è più solo rifiuto sdegnoso della società, si trasforma nello strumento di una volontà di dominio sulla realtà.
  • V For Vendetta 01

    1. 1. V for Vendetta La politica in un fumetto «  non è il popolo a dover temere il proprio governo, è il governo a dover temere il proprio popolo.  »
    2. 2. Background <ul><li>Guy Fawkes cercò di dar saltare in aria il Parlamento inglese il 5 Novembre del 1605 </li></ul><ul><li>L’attentatore agiva da solo (come V) </li></ul><ul><li>Credeva che distruggendo un simbolo (il palazzo di Westminster) potesse cambiare la politica nazionale </li></ul>
    3. 3. Il fascismo come sistema totalitario: Dalle mobilitazioni di massa alle persecuzioni. Confronto: V for Vendetta e Regime Fascista I deportati venivano spogliati di tutto, dai vestiti ai capelli Evey, alleata di V, passa un breve periodo in un lager ove le vengono tolti gli indumenti e tagliati i capelli Treni di deportazione (ebrei, disabili e diversamente abili, anziani e coloro non utili alla comunità) Il treno utilizzato da V nelle scene finali del film ricorda decisamente i treni di deportazione ebrea fascisti Il potere è nelle mani di un dittatore Il potere è esclusivamente nelle mani del dittatore Nessuna possibilità di opposizione nei confronti del regime Nessuna possibilità di opposizione nei confronti del regime Tutto è sotto diretto controllo del regime Tutto sotto il diretto controllo del governo: the Big Brother Popolo assuefatto dal regime Popolo assuefatto dal regime Campi di concentramento in piena attività Campi di concentramento ormai fuori uso: erano stati utilizzati soltanto inizialmente per l’adesione al regime totalitario Regime autoritario Regime autoritario Regime Fascista V for Vendetta
    4. 4. 1984 <ul><li>Britain in ruled in totalitarian dictatorship </li></ul><ul><li>The Leader is: Big Brother </li></ul><ul><li>Everyone is costantly obseved </li></ul><ul><li>Children are encuraged to denounce their own families </li></ul><ul><li>The party manipulates people minds </li></ul><ul><li>History is constantly rewritten by the Big Brother </li></ul><ul><li>The protagonist feels different from the other members of the party </li></ul><ul><li>Nobody can’t change totalitarian system </li></ul>George Orwell is setting in a probably future.
    5. 5. Il sodalizio tra il Duce e il poeta Gabriele D’Annunzio <ul><li>L'estetismo&quot;Il Piacere&quot; e' considerato dalla critica la vera e propria &quot;bibbia&quot; del decadentismo estetico italiano. </li></ul><ul><li>Esteta fino all'eccesso, Andrea Sperelli (alias di D'Annunzio) vive da uomo fuori dal comune perche' eccezionalmente dotato e raffinato. </li></ul><ul><li>Il desiderio di imporsi, di agire sconfina in megalomania (superomismo). </li></ul><ul><li>D'Annunzio, avendo rifiutato di porsi una problematica del vivere, si proiettò in una vita attiva e combattiva. </li></ul><ul><li>Egli perciò insiste sui temi della grandezza, dell'orgoglio, dell'eroismo estetizzante. Determinò la svolta più importante del decadentismo, quella superomistica, a cui aderì dopo la (errata) interpretazione di Nietzsche. </li></ul><ul><li>In D'Annunzio il superuomo trova la sua perfetta identificazione con l'artista. In lui non e' tanto la vita a tenere dietro l'arte, ma l'arte a seguire le eccentricità della vita e questo costò al poeta un'accusa di superficialità. </li></ul><ul><li>Suggerisce i modi di fare propaganda </li></ul><ul><li>Superiorità culturale del “Vate” nell’uso dei media </li></ul><ul><li>Esorta Mussolini a rimediare alla “vittoria mutilata” </li></ul>
    6. 6. <ul><li>Gabriele D’Annunzio, nella sua fase superomistica, è profondamente influenzato dal pensiero di Nietzsche, tuttavia, molto spesso, banalizza e forza, entro un proprio sistema di concezioni, le idee del filosofo. </li></ul><ul><li>Dà molto rilievo al rifiuto del conformismo borghese e dei principi egualitari, all’esaltazione dello spirito &quot;dionisiaco&quot;, al vitalismo pieno e libero dai limiti imposti dalla morale tradizionale, al rifiuto dell’etica della pietà, dell’altruismo, all’esaltazione dello spirito della lotta e dell’affermazione di sé. Rispetto al pensiero originale di Nietzsche queste idee assumono una più accentuata coloritura aristocratica, reazionaria e persino imperialistica. </li></ul><ul><li>Per D’Annunzio devono esistere alcune élite che hanno il diritto di affermare se stesse, in sprezzo delle comuni leggi del bene e del male. </li></ul><ul><li>Il suo è un fraintendimento, una volgarizzazione fastosa ma povera di vigore speculativo. Ciò che D’Annunzio scopre in Nietzsche è una mitologia dell’istinto, un repertorio di gesti e di convinzioni che permettono al dandy di trasformarsi in superuomo. </li></ul>Il Superomismo Gabriele D’Annunzio
    7. 7. Spirito Apollineo e Spirito Dionisiaco <ul><li>La vita e' scontro tra due modi d'essere, tra due istinti, che Nietzsche chiama spirito apollineo e spirito dionisiaco. </li></ul><ul><li>Lo spirito apollineo e' quell'istinto estetico per cui l'uomo si sente appagato dalla dimensione esterna così come gli appare, in una sorta di contemplazione estatica </li></ul><ul><li>Lo spirito dionisiaco vede il bello come slancio esistenziale </li></ul><ul><li>Socrate e molti altri pensatori distrussero la possibilità di coesistenza di queste due anime </li></ul><ul><li>lo spirito apollineo divenne sempre più astratto e contemplativo </li></ul><ul><li>lo spirito dionisiaco espulso dalla società, condannato e criminalizzato </li></ul>Friedrich Nietzsche
    8. 8. Etica di massa e nichilismo <ul><li>l’etica viene affidata alla ragione; </li></ul><ul><li>la componente dionisiaca emarginata: un'omologazione e una &quot;spersonalizzazione&quot; del soggetto (etica &quot;di facciata“); </li></ul><ul><li>&quot;il mettere in atto da parte del soggetto azioni falsamente etiche, private di un'adesione individuale“ fa nascere il nichilismo; </li></ul><ul><li>l'uomo ha esaurito il suo compito, cadendo in questo baratro di nichilismo, e deve sparire, lasciando spazio spazio alla nascita di un super-uomo o, meglio, di un oltre-uomo (traducendo letteralmente il tedesco uber Mensch). </li></ul>Friedrich Nietzsche
    9. 9. Il Superuomo <ul><li>Occorre un uomo nuovo, che volti le spalle ai vecchi valori e ne crei di nuovi, con la sua natura, che e' &quot;dionisiacamente&quot; &quot;essenza energetica&quot;, e la sua volonta' di potenza. </li></ul><ul><li>Il superuomo è dunque un essere libero e superiore agli altri esseri umani. Egli dunque non deve, ma vuole agire liberamente e fondare una nuova morale. </li></ul>Friedrich Nietzsche <ul><li>Il tempo non ha principio né fine, ma è fatto di attimi presenti, non è lineare (come lo presenta la tradizione ebraico-cristiana), ma circolare, con una periodica ed eterna ripetizione: percio' non bisogna considerare il passato (che ci condiziona in quanto irreversibile) né il futuro (che ci condiziona in quanto incombente). Ogni singolo istante ha un proprio valore immenso e merita quindi di essere vissuto come fosse eterno. </li></ul>
    10. 10. Il fallimento della formazione del saggio <ul><li>L’educazione di Nerone </li></ul><ul><li>Seneca accompagnò l'ascesa al trono del giovane Nerone (54 - 68) e lo guidò durante il suo cosiddetto &quot;periodo del buon governo&quot;, il primo quinquennio del principato. </li></ul><ul><li>Deterioramento del rapporto tra Nerone e Seneca </li></ul><ul><li>Il De beneficiis e il De clementia: due trattati di carattere etico-politico e si riferiscono al momento dell'impegno di Seneca a fianco di Nerone. </li></ul>Seneca C. Savolini, La morte di Seneca , tela.
    11. 11. Futurismo Il manifesto di Marinetti <ul><li>Tecnica divisionista </li></ul><ul><li>Distacco dalla pittura tradizionale </li></ul><ul><li>Influsso Cubismo analitico </li></ul><ul><li>Utilizzo del dinamismo nella pittura </li></ul>Umberto Boccioni
    12. 12. Fine
    13. 15. <ul><li>1-Noi vogliamo cantare l'amor del pericolo, l'abitudine all'energia e alla temerità. </li></ul><ul><li>2-Il coraggio, l'audacia, la ribellione, saranno elementi essenziali della nostra poesia. </li></ul><ul><li>3-La letteratura esaltò fino ad oggi l'immobilità penosa, l'estasi ed il sonno. Noi vogliamo esaltare il movimento aggressivo, l'insonnia febbrile, il passo di corsa, il salto mortale, lo schiaffo ed il pugno. </li></ul><ul><li>4-Noi affermiamo che la magnificenza del mondo si è arricchita di una bellezza nuova: la bellezza della velocità  </li></ul><ul><li>5-Noi vogliamo inneggiare all'uomo che tiene il volante, la cui asta attraversa la Terra, lanciata a corsa, essa pure, sul circuito della sua orbita. </li></ul><ul><li>6-Bisogna che il poeta si prodighi con ardore, sfarzo e magnificenza, per aumentare l'entusiastico fervore degli elementi primordiali. </li></ul><ul><li>7-Non vi è più bellezza se non nella lotta. Nessuna opera che non abbia un carattere aggressivo può essere un capolavoro. </li></ul><ul><li>8-Noi siamo sul patrimonio estremo dei secoli!  poichè abbiamo già creata l'eterna velocità onnipresente. </li></ul><ul><li>9-Noi vogliamo glorificare la guerra-sola igene del mondo-il militarismo, il patriottismo, il gesto distruttore  </li></ul><ul><li>10-Noi vogliamo distruggere i musei, le biblioteche, le accademie d'ogni specie e combattere contro il moralismo, il femminismo e contro ogni viltà opportunistica o utilitaria </li></ul><ul><li>11-Noi canteremo  le locomotive dall'ampio petto,  il volo scivolante degli areoplani. E' dall'Italia che lanciamo questo manifesto di violenza travolgente e incendiaria col quale fondiamo oggi il Futurismo </li></ul>Queste le parole con cui Filippo Tommaso Marinetti fonda il 20 Febbraio 1909 a Parigi il manifesto futurista.

    ×