Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

L'illuminismo nella letteratura italiana

4,506 views

Published on

Vengono affrontate e discusse le caratteristiche principali dell'illuminismo nella cultura italiana, attraverso tre dei suoi più grandi rappresentanti: Carlo Goldoni, Vittorio Alfieri e Giuseppe Parini

Published in: Education
  • My brother found Custom Writing Service ⇒ www.HelpWriting.net ⇐ and ordered a couple of works. Their customer service is outstanding, never left a query unanswered.
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • I just discovered this and suggest you see this immediately. There are over 16,000 woodworking plans that comes with step-by-step instructions and detailed photos ☞☞☞ https://t.cn/A62Ye5eM
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Hi there! I just wanted to share a list of sites that helped me a lot during my studies: .................................................................................................................................... www.EssayWrite.best - Write an essay .................................................................................................................................... www.LitReview.xyz - Summary of books .................................................................................................................................... www.Coursework.best - Online coursework .................................................................................................................................... www.Dissertations.me - proquest dissertations .................................................................................................................................... www.ReMovie.club - Movies reviews .................................................................................................................................... www.WebSlides.vip - Best powerpoint presentations .................................................................................................................................... www.WritePaper.info - Write a research paper .................................................................................................................................... www.EddyHelp.com - Homework help online .................................................................................................................................... www.MyResumeHelp.net - Professional resume writing service .................................................................................................................................. www.HelpWriting.net - Help with writing any papers ......................................................................................................................................... Save so as not to lose
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Writing you here to say that this is one of the best collection of plans I've seen I'm on my 4th day and have already build a few wooden toys for my daughter! ➢➢➢ https://t.cn/A62Ye5eM
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Make 16,000 Projects With Step By Step Plans, ...even if you don't have a large workshop or expensive tools! ☞☞☞ https://t.cn/A62Ygslz
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here

L'illuminismo nella letteratura italiana

  1. 1. «Dopo abbiamo avuto l'illuminismo, abbiamo cominciato a ragionare; anche se con poco coraggio, il nostro cervello lo sappiamo anche usare.» [Umberto Galimberti]
  2. 2. • Empirismo • Razionalismo L'esaltazione della ragione umana come strumento d'indagine e di conoscenza della realtà sensibile • Dopo la Rivoluzione francese • Felicità, uguaglianza, libertà, fraternità L’attenzione per i problemi politico-giuridici • “Uso pubblico" della ragione • Allargamento del pubblico e legame con borghesia La concezione dell’intellettuale e della cultura • Filosofica, monista, legata all’ateismo • …o meccanicismo Concetto di materialismo • Ostacolo ricerca felicità • Ateismo o deismo? Il rapporto con la fede • Progressivismo, quindi ottimismo • Pessimismo per il passato Il rapporto con la storia • Cosmopolitismo • Individualismo Concezione dell’uomo Le caratteristiche principali dell’illuminismo sono:
  3. 3. Tra i principali esponenti dell’illuminismo nella letteratura italiana troviamo: • Carlo Goldoni; • Vittorio Amedeo Alfieri; • Giuseppe Parini.
  4. 4. Carlo Goldoni • Nato a Venezia 1707 da famiglia borghese. • studia a Perugia (Gesuiti) fino al 1721, quando segue una compagnia di comici. • Studia diritto a Pavia fino al 1725. • Crisi depressiva nel 1727. • Lavora nell’amministrazione giudiziaria fino al 1729. • Si laurea in legge a Padova nel 1731, lo stesso anno in cui muore il padre. • A Verona nel 1734 incontra Giuseppe Imer (capocomico S.Samuele). • Nel 1736 sposa Nicoletta Connio. • Dirige il teatro di S.Giovanni, rappresentando proprie commedie. • Fugge a Pisa nel 1745 per debiti, ed esercita la professione di avvocato. • Incontra Medebach nel 1747 che gli offre un contratto per un’intensa produzione di commedie. • Si trasferisce a Parigi nel 1762, ma ne rimane deluso, qui rimarrà fino al 1770. • Versailles (1765), Parigi (1770), Versailles (1775). • Si trasferisce definitivamente a Parigi nel 1780, dove compone Memoires. • Muore il 6 febbraio 1793
  5. 5. Aderenza alla realtà • Allargamento del pubblico • Iniziale esaltazione dei valori borghesi Critica sociale Spirito riformatore • Riforma della commedia • Fallimento utopia borghese • Critica all’ozio dei nobili • Rivalutazione nel popolo
  6. 6. LA RIFORMA DELLA COMMEDIA Nasce nella Venezia del XVIII secolo Un ambiente aperto al dinamismo sociale e alla concretezza delle classi produttive Si sviluppa A partire dalla Commedia dell’Arte Guardando a due modelli di riferimento: il Teatro e il Mondo Con un impianto realistico, con personaggi a tutto tondo, i “caratteri” Analizza la realtà del tempo Coglie i vizi e le virtù di ogni classe sociale Goldoni riformatore di teatro
  7. 7. Analisi realtà del tempo Stile semplice Prevalenza della paratassi, periodi brevi, reticenze e giochi di parole Dialetto come mezzo espressivo e di caratterizzazione sociale Linguaggio diverso e specifico - Veneziano standard (vecchia nobiltà) - Diretto (borghesia mercantile) - Colorito e vivace (ceti popolari) Toscano standard Allargamento del pubblico Nei teatri: Commedia e Melodramma Esaltazione realismo
  8. 8. L’ideologia Coglie i vizi e le virtù di ogni classe sociale Sottolinea i limiti di un ceto popolare ignorante e bisognoso di guida Tuttavia rivaluterà il popolo come portatore di energia, vitalità e valori sani Manifesta uno sguardo più benevolo nei confronti dei vizi della borghesia Ma si dimostra portata all’avarizia e al conservatorismo Quindi mutamento ideologico, in favore del popolo Prende di mira la vuota e inutile superbia della nobiltà Ben delineato ne “La locandiera”
  9. 9. Le commedie 1° fase (1730-1738) Periodo di apprendistato Accetta strutture tradizionali Si rifà a testi già esistenti il Belisario (tragicommedia 1734) 2° fase (1738-1748) Vecchia struttura ma parte del protagonista scritta per intero Responsabilità creativa dell’autore Compromesso tra controllo dell’autore e vivacità della commedia dell’Arte Momolo cortesan (1738) 3° fase (1748-1753) La riforma e la collaborazione con il teatro S. Samuele Rappresentazione realismo mondo popolare e vita quotidiana Cambiamento dell’ideologia in favore dei ceti popolari e a discapito della borghesia La vedova scaltra (1748), Il teatro comico, La bottega del caffè (1750), La locandiera (1752) 4° fase (1753-1762) Facili successi e nuove sperimentazioni Disarmonia tra personaggi e ambiente sociale Delusione davanti ai valori borghesi Realismo: caratteri individuali e conflitti di classe Il campiello (1756), I rusteghi (1760), Le baruffe chiozzotte (1762) 5° fase (1762-1793) In Francia Il distacco e la malinconia Il ventaglio (1765), Il burbero benefico (1771)
  10. 10. La locandiera (1752) Progetto audace e scarso successo nel pubblico Ambiguità di Mirandolina Presunta immoralità Valore negativo dei protagonisti Consapevolezza del fallimento storico della borghesia Moralità al contrario Valore esemplare negativo Cavaliere “presunzione avvilita” Mirandolina “brutalità donne nel burlarsi dei miserabili”
  11. 11. Mémoires • Riflessione su sé stesso. • Profonda consapevolezza culturale e ideologica. • Dialogo con il pubblico. • Produzione autobiografica divisa in tre parti. • La vita e il teatro: il destino di Goldoni. • La vita come una commedia: piccole e grandi avventure. • Ironia e distacco priva di toni confidenziali e intimi o aspri e tragici
  12. 12. Vittorio Amedeo Alfieri • Nasce ad Asti il 16 gennaio 1749, da una ricca famiglia nobile • Frequenta l’Accademia Reale di Torino fino al 1766. • Comincia una prima stagione di viaggi in Italia e all’estero fino al 1768. • Riprende a viaggiare nel 1769. • A Torino compone la sua prima opera nel 1773 e fonda un’Accademia anticonformista; lo stesso anno si lega a Gabriella Falletti. • Compone la sua prima tragedia nel 1774, e continua a scriverne fino al 1782. • Nel 1776 si reca in Toscana per perfezionare la lingua e incontra la contessa d’Albany. • Si trasferisce a Firenze nel 1778, dopo aver rinunciato al patrimonio. • Si trasferisce a Roma nel 1781, ma lascia la città per lo scandalo suscitato dalla sua relazione clandestina. • Compone le sue ultime tragedie dal 1783 al 1787. • Vive con la contessa tra Parigi e l’Aslazia, ma si allontana dalla Francia a causa della piega radicale che assume la Rivoluzione francese • Trascorre a Firenze gli ultimi cinque anni di vita, e si dedica alla stesura della Vita. • Muore a Firenze l’8 ottobre 1803
  13. 13. Individualismo • Eroismo tragico • Scontro titanico Sentimento rivoluzionario • Critica all’autoritarismo civile e religioso • Critica astratta alle classi sociali • Critica alle realtà politiche Puramente letterario e intellettuale
  14. 14. L’ideologia Individualismo Affermazione dell’io Ripresa modelli classici Nuova concezione intellettuale Scrittura come antitesi irriducibile al potere Critica alla tirannide Scontro titanico Nella critica delle diverse classi sociali L’ostilità verso la borghesia rivoluzionaria Soggettività e autobiografismo nelle Rime
  15. 15. Titanismo Scontro titanico tra tiranno e l’oppositore Consapevolezza della certa sconfitta Ma volto a far emergere il secondo per il suo coraggio Di natura eroica e individuale Impone condizione eterna della tirannide
  16. 16. Le Rime Punti in comune Sonetto come forma privilegiata Paesaggio con funzione di interiorità Linguaggio e stile tesi ed essenziali Differenze Tensione eroica, fierezza e sdegno nell’io Natura orrida e minacciosa Raffigurazione dissidio e inquietudine • Soggettività e tendenze autobiografiche • Rapporto con Petrarca: Poeta-Eroe
  17. 17. Il teatro La tarda commedia: il risentimento reazionario e il moralismo Centralità tragedia Temperamento volto alla teatralizzazione dei conflitti interiori e alla radicalizzazione Sfida: creare in Italia una tradizione tragica Metodo di composizione: “ideare, stendere, verseggiare” Innalzamento operato dalla metrica e lo stile Azione bloccata verso la catarsi conclusiva Destino di morte quale riscatto della grandezza eroica Ideologia: contrapposizioni elementari Indifferenza verso i gusti del pubblico Espressione privilegiata della personalità alfieriana
  18. 18. Le tragedie Filippo •Il tiranno e la virtù eroica •Il dissidio interiore della virtù e la sua impotenza Polinice e Antigone •L’affermazione dell’io e la purezza inerme degli ideali Agamennone e Oreste •Eroismo e insensatezza Virginia •Tragedia della libertà La congiura de’ Pazzi •Il declino dei moderni Timoleone •Tirannia e libertà Maria Stuarda • La crudeltà e l’inettitudine Ottavia •Fragilità della virtù Meope e Saul e la Mirra •Il tirannicidio virtuoso • L’influenza della compostezza neoclassica Algide •La dimensione problematica del potere
  19. 19. Senso del dovere, anche a discapito delle proprie intenzioni • David: eroismo generoso e fedeltà verso il re. • Micol: ma non disposta a contrastare la volontà del padre. • Gionata: rinuncia in suo favore alla successione al trono Tra desiderio di affermazione e bisogno di aiuto Difficile rapporto con David: • Ambivalenza psicologica Titanismo in Saul: • Dissidio interiore • Confronto risolutivo con la morte Saul
  20. 20. Conflitto all’interno della protagonista: • Cerca inizialmente di reprimere una parte di sé, colpevole e inaccettabile Espressione dell’incupirsi affettivo e ideologico dell’autore: • Individuo in preda a lacerazioni interiori Tragedia costruita sul non-detto Innocente dissimulazione ma empia confessione: • Morte come esclusione sociale Mirra
  21. 21. La Vita • Genere autobiografico (1790) • Motivi: privati + studio dell’uomo attraverso l’analisi di sé stesso. • Diviso in due parti: 1. In quattro “epoche” (Puerizia, Adolescenza, Giovinezza, Virilità). 2. “Continuazione quarta epoca”. a. Reminescenze dell’infanzia e primi sintomi di inclinazioni naturali. b. Un’ insoddisfacente formazione umana e culturale. c. Una stagione di viaggi d. L’attività letteraria • Tema principale: rievocazione tappe nel diventare scrittore • Letteratura come vera identità, come pratica di una libertà solitaria e aristocratica • L’esaltazione della natura e il rapporto preromantico con il paesaggio naturale • Naturalezza e cura della scrittura. • Stile medio, sostenuto e sorvegliato
  22. 22. Giuseppe Parini • Nasce a Bosisio (Como) il 23 maggio 1729 da una famiglia di piccoli commercianti. • Si trasferisce a Milano nel 1739 e prosegue gli studi. • Pubblica la sua prima opera nel 1752 • Nel 1753 entra nell’accademia dei Trasformati. • Diventa sacerdote nel 1754. • Precettore presso i duchi Serbelloni, e continua a pubblicare altre opere. • Precettore di Carlo Imbonati dal 1762 al 1768, intanto comincia la scrittura de “Il Giorno”. • Diventa poeta ufficiale del Teatro Regio nel 1765. • Nominato professore presso le scuole Palatine. • Compone diverse Odi, trattando di diversi temi. • L’ultima stagione creativa si sviluppa tre il 1787 al 1795, lavorando ancora al “Giorno” e ad altre odi. • Viene nominato sovrintendente delle Scuole comunali di Brera nel 1791. •Collabora alla Municipalità rivoluzionaria nel 1796. •Muore a Milano il 15 agosto del 1799,
  23. 23. Critica alla nobiltà • Visione utilitaristica • Critica parassitismo Sostiene l’eguaglianza, la tolleranza e l’umanitarismo Era difensore della fisiocrazia • La ricchezza di uno Stato è data dall’agricoltura. • la concezione della vita agreste come valore morale.
  24. 24. L’ideologia Moderazione Atteggiamento ambivalente Critica alla nobiltà Vecchie strutture sociali operano il rinnovamento Perdere i propri vizi affinché diventi meritevole dei privilegi che ha ereditato Non comprensione dell’importanza della borghesia nell’ottica di un rinnovamentoTrasformazione i contenuti conservando le strutture Trasformazioni strutture produttive Non stravolgere ma modernizzare Contro il pragmatismo e l’utilitarismo illuministico Utilità + bellezza
  25. 25. Le Odi 1°fase (1757-1770) Temi sociali e civili Esaltazione vita agreste Contrapposizione tra città e campagna La salubrità dell’aria (1759), L’ipostura (1761) 2°fase (1777-1785) Temi civili con funzione sociale della cultura e dell’ educazione Prospettiva individuale sostituisce quella collettiva La recita de’ versi (1783), La caduta (1785) 3°fase (1787-1795) Ripiego malinconico e nostalgico sui temi dell’interiorità esistenziale Tema amoroso come movente del rimpianto per la vita che trascorre Disillusione per rivolgimenti della Rivoluzione francese Il pericolo (1787), Alla Musa (1795) • Rinnovamento materia trattata ma forme sono debitrici della tradizione arcaica • Un desiderio di concretezza e un impulso polemico nuovi • Improvviso cambiamento ideologico da parte dell’autore, riscontrabile anche nel Giorno
  26. 26. Il Giorno Personaggi Giovin Signore Vita dedita a frivolezze e divertimenti Contraddizione con eroico Non dotato di interiorità né di capacità di azione Narratore (Precettore) Critica indiretta e ironica ai costumi nobiliari Attraverso la retorica dello straniamento Personaggi secondari Privi di spessore psicologico o di personalità Dama come corrispettivo femminile Spazio Descrittivo Interni Novità e originalità Gerarchia Esterni Tempo Innaturalità e parodia Troppi eventi in una sola giornata Giornate impossibili come stile di vita Criterio organizzativo Titolo e sottotitoli
  27. 27. La poetica e lo stile • Altezza registro stilistico + contenuti banali • Ridicolizzare attraverso l’esagerazione ma ironia non immediata • Meccanismo antifrastico La retorica dello straniamento •Poesia didascalica, satirica e polemica •Endecasillabo sciolto: non per tradizione ma per moda •Registro eroico e soggetti inadeguati sullo stesso piano •Stile raffinatissimo (morfologia, lessico, costruzioni sintattiche e figure retoriche) Metrica e stile • Funzione: bravura letteraria e nobilitazione • Conferire serietà a dati irrilevanti (origine della cipria, gioco tric-trac, origini e sviluppi del canapè) • Favola del piacere: disuguaglianza tra uomini e classi sociali Favole mitologiche
  28. 28. Il cambiamento ideologico nel Giorno Primo progetto Tre poemetti tra loro collegati (Il mattino, il Mezzogiorno, la Sera) Avverte una possibile alternativa sociale Il progetto di riforme austriaco e la crisi dell’aristocrazia dopo la Rivoluzione francese Toni meno impegnati in senso civile, prevalenza del sarcasmo Cambiamento ideologia e poetica Secondo progetto Poema unitario suddiviso in quattro parti (Il mattino, il Meriggio, il Vespro e la Notte) Rappresentazione meno contrastata e radicale corrispondente a una visione più sfumata dei rapporti sociali Settori disponibili alla collaborazione e classe nobiliare sull’orlo dell’estinzione Ricerca di equilibrio e decoro, temi individuali e privati, ironia distaccata e dolente Cambiamento ideologia e poetica

×