Mappe Mentali e mappe Concettuali

14,232 views

Published on

La formazione dei concetti in ogni individuo risponde ad un complesso processo che si articola secondo un modello a rete in cui ogni concetto...

0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
14,232
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
253
Actions
Shares
0
Downloads
348
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Mappe Mentali e mappe Concettuali

  1. 1. edizioni anicia FIADEL Corso di Aggiornamento per insegnanti della Scuola dell’Infanzia MAPPE MENTALI e MAPPE CONCETTUALI 1 A cura di Marco Raffaelli San Benedetto del Tronto Settembre 2009
  2. 2. 2
  3. 3. 3
  4. 4. Mappe mentali - Mappe concettuali Alla fine degli anni '60 Toni Buzan ha semplificato e divulgato le idee di Novak con le sue mind maps (mappe mentali). La mappa mentale serve per presentare in modo sintetico e sinottico una struttura di pensiero anche complessa (un libro, un film, un progetto, un problema). E' utile per organizzare e comunicare le idee, strutturare le informazioni, sviluppare piani, supportare e facilitare il pensiero creativo, il problem solving, le decisioni. 4
  5. 5. mappa concettuale mappa mentale La mappa concettuale è una tecnica grafica usata per rappresentare la conoscenza attraverso la strutturazione di una La mappa mentale è una rete di concetti, interconnessa e tecnica grafica che serve a correlata (struttura reticolare, rappresentare i concetti modello connessionista). correlati ad un concetto centrale (struttura radiale, modello associazionista). La mappa concettuale può partire da più argomenti principali, in una struttura a La mappa mentale parte rete anche tridimensionale da un concetto centrale da cui deriva gli altri concetti. 5
  6. 6. 6
  7. 7. 7
  8. 8. 8
  9. 9. 9
  10. 10. 10
  11. 11. 11
  12. 12. 12
  13. 13. Mappe mentali Alla fine degli anni sessanta il ricercatore inglese Tony Buzan ha presentato una modalità orientata più all’evocatività che non all’espressività: le mappe mentali. Questa tecnica fa leva soprattutto sulle capacità creative personali e di gruppo, sulle risorse mentali inconsce, sulle sinestesie create con colori e immagini, sui processi che spontaneamente ristrutturano le informazioni e che ogni volta lasciano aperta più di una chiave interpretativa. Il modello di riferimento per la realizzazione di una mappa mentale è associazionista: la sua costruzione procede con la libera associazione mentale, iniziando dall'elemento centrale, agganciando progressivamente nuovi elementi verso l'esterno della struttura oppure ristrutturando dinamicamente quelli già inseriti. 13
  14. 14. Struttura delle mappe mentali Secondo l’impostazione originale di Tony Buzan, una mappa mentale è caratterizzata innanzitutto da una struttura gerarchico-associativa: a partire dal centro, le relazioni tra gli elementi concettuali possono essere solo di due tipi: 1. gerarchiche (dette anche rami): permettono la creazione di strutture nelle quali ciascun nodo concettuale possiede un solo antecedente 2. associative (dette anche associazioni): permettono di integrare la tassonomia gerarchica e di creare legami trasversali 14
  15. 15. Struttura delle mappe mentali Altra caratteristica per questo tipo di mappe è la geometria radiale: una mappa mentale possiede sempre un centro o comunque un elemento principale che, al contempo, funge da snodo e da riferimento per l’intero schema. La lettura in alcuni casi avviene percorrendo le direttrici gerarchiche, in altri secondo ideali livelli concentrici, riferiti all’intera mappa oppure localmente ad un certo ramo. Le caratteristiche sopra indicate riguardano essenzialmente la struttura della mappa e permettono di ricondurre il modello di Buzan a quello più generale 15 delle mappe concettuali.
  16. 16. Struttura delle mappe mentali A fare concretamente la differenza per le mappe mentali è l'impiego sistematico di elementi evocativi che, attraverso la libera associazione mentale, possono stimolare il processo creativo e la memorizzazione. In particolare: • l’uso di immagini accattivanti, simpatiche, divertenti, grottesche, assurde, tridimensionali, dissonanti o stridenti, che richiamino alla mente idee e suggestioni • l'impiego di colori vivaci o contrastanti, che attirino l'attenzione, oppure gamme di tonalità, che diano un senso di armonia alla rappresentazione l'uso di singole parole chiave per sintetizzare i concetti. 16
  17. 17. Mappe concettuali Negli anni '60 Joseph D. Novak della Cornell University, muovendo dalle teorie di David Ausubel, ha elaborato la metodologia delle concept maps, come integrazione di nuove idee entro strutture cognitive preesistenti, basandosi sulle proprietà associative del pensiero, le stesse che ispirano la struttura ipertestuale. Lo strumento "mappa concettuale" "costringe" chi la prepara a riflettere sulle proprie conoscenze, a correlare le idee e i dati a disposizione, a sforzarsi di essere preciso e chiaro nella comunicazione. 17
  18. 18. Mappe concettuali A proposito di mappe concettuali dice Marco Guastavigna: "la specificità formativa di una mappa risiede nel chiarimento e nella costruzione progressiva di un ragionamento: il metodo infatti non richiede di ricorrere a regole predefinite - come capita invece per diagrammi di flusso, istogrammi e altri sistemi di rappresentazione, ma consente di individuare ed esplicitare gradualmente il proprio percorso formale di organizzazione delle informazioni, in funzione del progressivo decantarsi e dispiegarsi dell'impianto concettuale e delle sue connessioni. Il valore di una mappa concettuale di per sé non va quindi misurato in riferimento al prodotto finale, ma agli aspetti di rappresentazione dinamica del processo cognitivo che lo ha reso possibile“. 18
  19. 19. Esempi di mappe concettuali 19
  20. 20. 20
  21. 21. 21 21
  22. 22. 22
  23. 23. CONCLUSIONE Le mappe mentali e le mappe concettuali sono strumenti che ci aiutano ad organizzare le nostre idee, a trovare le parole chiave, a sviluppare le associazioni fra idee diverse e le relazioni fra idee simili, ad usare la memoria visiva e cognitiva con l'uso di colori, simboli, icone, frecce, evidenziatori di testi, a partire da un'idea centrale per svilupparla in più direzioni. Le mappe ci permettono di vedere con una sola occhiata tutto l'insieme e 23 anche i particolari.
  24. 24. edizioni anicia 24 San Benedetto del Tronto Settembre 2009

×