Insegnare con le mappe concettuali

1,785 views

Published on

Corso per insegnare con le mappe concettuali.
Capitolo 3

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,785
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
62
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Insegnare con le mappe concettuali

  1. 1. Albez edutainment production Modulo III Le mappe concettuali
  2. 2. Giuseppe Albezzano IISS Boselli Alberti Pertini 2
  3. 3. Ragione d’essere delle mappe concettuali L’utilizzo delle mappe concettuali ha le sue radici nelle teorie dell’elaborazione dell’informazione nell’apprendimento. Secondo queste teorie:  La conoscenza è organizzata in una rete proposizionale  Le connessioni si creano tra le proposizioni per formare una rete  La rete concettuale, proposizionale, di ogni individuo è unica, essendo il risultato delle esperienze particolari di quella persona  La rete proposizionale non è stabile, nella misura in cui si apprende nuova informazione, la rete cambia e si formano nuove connessioni tra i concetti e i dati  Le proposizioni sono tipicamente descritte (anche se in modo semplicistico) come connessioni nome-vervo-nome  La conoscenza è reperita o ricordata come risultato di una attivazione nella rete proposizionale Le mappe concettuali rispecchiano questa struttura reticolare proposizionale. Giuseppe Albezzano IISS Boselli Alberti Pertini 3
  4. 4. Ragione d’essere delle mappe concettuali L’idea che sta dietro alle mappe concettuali deriva dalla teoria di Ausubel dell’apprendimento significativo contro l’apprendimento per ripetizione. L’apprendimento significativo avviene quando lo studente intenzionalmente cerca di integrare nuova conoscenza nella conoscenza esistente. Uno studente che riesce ad integrare nuova conoscenza avrà nella sua mente una rete cognitiva più estesa, e per questo più percorsi di reperimento L’apprendimento per memorizzazione avviene quando uno studente semplicemente memorizza informazione, senza l’interesse o la motivazione di relazionare quell’informazione alla conoscenza precedente. Per questo, lo studente memorista avrà una rete meno estesa di quella dello studnete significativo e meno percorsi di reperimento tra i concetti nella sua conoscenza. Giuseppe Albezzano IISS Boselli Alberti Pertini 4
  5. 5. Ragione d’essere delle mappe concettuali Dal punto di vista didattico, le mappe concettuali stimolano l’apprendimento significativo evidenziando le relazioni tra i concetti dell’argomento, le loro istanze, i percorsi rilevanti e i dati necessariamente associati. Come strumento per lo studente, le mappe concettuali favoriscono l’apprendimento significativo incoraggiando gli studenti a generare le proprie connessioni tra concetti. Come strumento di valutazione, le mappe concettuali permettono di valutare se e quanto è significativo l’apprendimento in atto. Per aiutare gli studenti ad andare oltre l’apprendimento per memorizzazione, è necessario insegnare loro come organizzare i concetti importanti in modo che portino alla comprensione di relazioni significative. È preferibile che gli studenti realizzino l’apprendimento cognitivo piuttosto che diventino ricevitori di termini e d’informazione sconnessa. Giuseppe Albezzano IISS Boselli Alberti Pertini 5
  6. 6. Cos’è la mappa concettuale? La mappa è una rappresentazione essenzialmente logica, coerente e visiva della conoscenza su un argomento preciso, ma con contorni flessibili (avendo relazioni aperte o latenti con qualunque altro argomento), principalmente concettuale e in certa misura fattuale. L’aspetto visivo ha l’obiettivo di facilitare la visione, la guida e l’analisi, ma la mappa non deve essere considerata come un’immagine. La mappa concettuale è uno strumento mentale. Gli strumenti cognitivi sono dispositivi, tanto mentali quanto informatici, destinati al sostegno, alla stimolazione, all’orientamento, all’analisi e all’estensione delle capacità analitiche e di pensiero degli studenti. La mappa concettuale è la rappresentazione visiva della struttura cognitiva di un individuo su di un argomento: la sua comprensione sui contenuti specifici. Giuseppe Albezzano IISS Boselli Alberti Pertini 6
  7. 7. Vantaggi nell’uso delle mappe concettuali Nelle fasi preparatorie dell’attività didattica: La mappa concettuale aiuta a selezionare il materiale istruttivo appropriato. La mappa concettuale permette di individuare le aree che risultano superflue, e che è meglio eliminare dal corso. È più facile scoprire i temi che è necessario enfatizzare. La costruzione della mappa aiuta a identificare i concetti che sono cruciali per più di una disciplina o materia, fatto che contribuisce ad identificare i percorsi che travalicano i limiti delle discipline tradizionali. Le mappe sono un valido supporto per lo stile olistico dell’apprendimento. Dalle mappe prodotte dai suoi studenti l’insegnante può comprendere come ognuno di essi organizza la propria conoscenza in modo personale; ciò contribuisce al miglioramento della comunicazione e all’adeguamento dell’insegnamento alle diverse forme di pensiero. Giuseppe Albezzano IISS Boselli Alberti Pertini 7
  8. 8. Vantaggi nell’uso delle mappe concettuali Nell’attività in aula: Diventa possibile spiegare in modo visivo le relazioni concettuali utilizzate per i propri obiettivi didattici in qualunque materia o livello di corso. Si riduce lo sforzo dell’insegnante nella riconcettualizzazione dei contenuti del corso. La mappa può essere utilizzata per fornire una base per la discussione tra gli studenti e per ricapitolare i concetti generali del corso. L’insegnante espande la sua capacità di utilizzare molteplici modi di esprimere significato per gli studenti. Il rafforzamento della didattica con le mappe aumenta l’interesse e l’attenzione degli studenti. Costruendo la mappa, gli insegnanti possono distinguere tra i concetti essenziali e quelli complementari, che possono essere indicati come periferici. Giuseppe Albezzano IISS Boselli Alberti Pertini 8
  9. 9. Vantaggi nell’uso delle mappe concettuali Nell’attività di apprendimento o di ricerca cognitiva personale con le mappe: Rappresentare strutture complesse (testi lunghi, argomenti, ipermediali, siti web, ecc.). Comunicare idee complesse. Migliorare le fasi di rappresentazione e selezione di alternative nella soluzione di problemi. Facilitare l’esplicitazione e la gestione della conoscenza. Supportare la comprensione della lettura. La costruzione delle mappe può portare a nuovi approfondimenti e ragionamenti. Preparare la scrittura. Giuseppe Albezzano IISS Boselli Alberti Pertini 9
  10. 10. Vantaggi nell’uso delle mappe concettuali La mappa come strumento di valutazione: Misurare la comprensione e diagnosticare la non-comprensione. Analizzare il processo dell’attività decisionale. Misurare l’apprendimento. o o o o o o Apprezzare: capacità organizzative abilità cognitive profondità dell’elaborazione background culturale cambiamento concettuale e livello raggiunto apprendimento significativo Giuseppe Albezzano IISS Boselli Alberti Pertini 10
  11. 11. Storia delle mappe concettuali Negli anni ’60 apparvero due tecnologie cognitive orientate a cambiare il modo di apprendere e di insegnare : • Le reti semantiche; • Le mappe concettuali. Entrambi i modelli hanno come origine studi di psicologia e pedagogia applicata. Entrambi propongono in sostanza lo stesso modello per la rappresentazione cognitiva: • • • • • sono orientati all’analisi e allo studio, sono costituiti da nodi (concetti), dalle loro istanze, e dalle relazioni nominali, che con i concetti (e con i dati relazionati) formano proposizioni. Queste proposizioni a loro volta si relazionano per formare una rete cognitiva. Giuseppe Albezzano IISS Boselli Alberti Pertini 11
  12. 12. Storia delle mappe concettuali A Joseph D. Novak dell’Università di Cornell si riconosce di avere proposto l’idea delle mappe concettuali e di avere realizzato una estesa ricerca sul loro utilizzo. Novak si basava sulle teorie di David Ausubel. Ausubel enfatizzava l’importanza della conoscenza precedente come base imprescindibile per l’apprendimento di nuovi concetti. Novak affermò che:“L’apprendimento significativo implica l’assimilazione di nuovi concetti e proposizioni nelle strutture cognitive esistenti”. La disponibilità, l’organizzazione e la forza delle strutture cognitive sottostanti sono i fattori più significativi che controllano la validità del nuovo apprendimento, e che determinano anche la facilità ed efficienza dell’acquisizione e della stabilizzazione di questo apprendimento. Giuseppe Albezzano IISS Boselli Alberti Pertini 12
  13. 13. Storia delle mappe concettuali La conoscenza non è organizzata in modo gerarchico, la conoscenza è reticolare, multidimensionale e multimodale. La multimodalità nella comunicazione consiste nell’utilizzo di diverse modalità, come la voce, la gestualità, ecc. e nel riferimento a diverse forme di espressione. In corrispondenza di ciò, la conoscenza si costruisce anche in modo multimodale: strutture cognitive, immagini, modo uditivo, ecc. Ogni modalità esercita il corrispondente effetto sull’apprendimento. Multimodale non è equivalente a multimediale: la multimedialità implica l’utilizzo integrato di diversi “media”, mentre il multimodale consiste nel modo ridondante di esprimere e rappresentare, con diverse modalità concorrenti. Giuseppe Albezzano IISS Boselli Alberti Pertini 13
  14. 14. Storia delle mappe concettuali Il termine “rete semantica” deriva dalla tesi di dottorato in psicologia cognitiva di Ross Quilian (1968), che per primo lo introdusse come modo di esprimere l’organizzazione della memoria semantica umana, ossia della memoria per concetti espressi in parole. Specificamente, le reti semantiche furono concepite come un “formato rappresentativo che permettesse di immagazzinare il significato delle parole (concetti) in modo di renderne possibile l’elaborazione da parte delle persone”. Da questa prospettiva i concetti acquisiscono significato quando sono relazionati con altri concetti attraverso relazioni nominali, che descrivono la natura delle relazioni tra i concetti. Nelle reti semantiche e nelle mappe concettuali, la struttura è tutto. Giuseppe Albezzano IISS Boselli Alberti Pertini 14
  15. 15. Storia delle mappe concettuali Nello sviluppo del concetto di rete semantica fu subito riconosciuta la necessità di accettare nella rete semantica medesima non soltanto la conoscenza concettuale (il tipo più importante di conoscenza) ma anche informazione fattuale, complementare al ragionamento e rilevante per la soluzione di problemi. La possibilità di usare conoscenza per risolvere problemi è uno degli scopi principali dell’apprendimento. La maggioranza degli insegnanti, nella realizzazione delle mappe concettuali, include sempre informazione fattuale, dati. Sembra quindi che tutti noi, pensando di fare mappe concettauli, abbiamo fatto in realtà reti semantiche. Per comodità, la convergenza dei due modelli viene semplicemente chiamate mappa concettuale. Giuseppe Albezzano IISS Boselli Alberti Pertini 15
  16. 16. FINE Giuseppe Albezzano IISS Boselli Alberti Pertini 16
  17. 17. Bibliografia H. Fortez “Insegnare e apprendere con le mappe concettuali” Guida teorico-pratica per l’insegnante immedia editrice Giuseppe Albezzano IISS Boselli Alberti Pertini 17

×