[Sirem 2013] Tutor 2.0. Una proposta per la moderazione nel Social Network
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

[Sirem 2013] Tutor 2.0. Una proposta per la moderazione nel Social Network

on

  • 295 views

Slide di presentazione al Convegno Sirem 2013 (Bari, 14-15 novembre 2013)

Slide di presentazione al Convegno Sirem 2013 (Bari, 14-15 novembre 2013)

Statistics

Views

Total Views
295
Views on SlideShare
295
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
2

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • I post riguardano: questioni logistiche/questioni didattiche <br />

[Sirem 2013] Tutor 2.0. Una proposta per la moderazione nel Social Network [Sirem 2013] Tutor 2.0. Una proposta per la moderazione nel Social Network Presentation Transcript

  • Convegno nazionale 14-15 Novembre 2013 Università di Bari "Aldo Moro" Tutor 2.0 Una proposta per la moderazione nel Social Network Serena Triacca, Università Cattolica di Milano Livia Petti, Università degli Studi di Milano-Bicocca
  • Le Community di studenti universitari: tra LMS e social network  Le Community di studenti in contesto universitario italiano, se previste a livello istituzionale, vengono generalmente create all'interno di LMS  La diffusione massiccia di Facebook ha favorito la nascita di molti gruppi aperti spontaneamente dagli studenti  Rari i casi in cui tali spazi vengano attivati e moderati da un tutor universitario ICT in Higher Education and Lifelong Learning Bari, 14-15 novembre 2013 2
  • L'importanza dell'e-moderation (anche) nelle Community 2.0  Identità del tutor: e-moderator (Rivoltella, 2006)  Complessità della moderazione 2.0  ambienti informali  assenza strumenti di moderazione classici  funzione modellizzante dell’e-tutor  moderazione della comunicazione e dei contenuti  rapidità degli scambi comunicativi Il livello molto alto di sincronia determina un'interazione che tende all’immediatezza (Rivoltella, Ferrari, 2010) ICT in Higher Education and Lifelong Learning Bari, 14-15 novembre 2013 3
  • Funzioni dell’e-tutor (Rivoltella, 2006) …anche in ambiente 2.0! Ruolo tecnico esercitatore organizer scaffolder scaffolder istruttore Contenuti collettore animatore osservatore Relazioni information sharing facilitazione tecnologica socializzazione knowledge building scaffolding scaffolding Attività ICT in Higher Education and Lifelong Learning Bari, 14-15 novembre 2013 4
  • Il caso di studio Università Cattolica, sede di Brescia Facoltà di Scienze della Formazione Gruppo Facebook "Matricole di Scienze della Formazione Primaria” a.a. 2011/12 ICT in Higher Education and Lifelong Learning Bari, 14-15 novembre 2013 5
  • Il Servizio Tutorato Mission: prevenire abbandono o rinuncia agli studi Ufficio Tutorato Docente referente Tutor di gruppo matricole  Lettera a casa  E-mail  “Benvenuta matricola”  Incontri informativi  Incontri formativi  Ricevimento studenti anni successivi al I ICT in Higher Education and Lifelong Learning Bari, 14-15 novembre 2013 6
  • La proposta della Community A livello istituzionale, l'Università Cattolica di Brescia non ha una tradizione consolidata di Community di studenti del corso di laurea di Scienze della formazione primaria in Blackboard. In accordo tra i due Tutor di gruppo, previa approvazione del docente referente e del servizio, ad ottobre 2011 viene attivata in Facebook una Community per facilitare gli studenti nel processo di networking, oltre i tempi e gli spazi accademici. ICT in Higher Education and Lifelong Learning Bari, 14-15 novembre 2013 7
  • Gli iscritti L’80% delle matricole (91 su 114) per l’a.a. 2011/12 risulta iscritto al Gruppo Facebook attivato dai Tutor ICT in Higher Education and Lifelong Learning Bari, 14-15 novembre 2013 8
  • Scopo della ricerca Il caso è stato studiato con l’obiettivo di avanzare una proposta di modello per la moderazione in ambiente 2.0. ICT in Higher Education and Lifelong Learning Bari, 14-15 novembre 2013 9
  • Metodologia #1  Approccio mixed method (Creswell, 2003)  Versante qualitativo Strumento: interviste telefoniche strutturate (Anderson 1990) Campione: 10 membri del gruppo Facebook Obiettivi: indagare le motivazioni che li hanno spinti ad iscriversi al gruppo, aspettative iniziali e soddisfazione delle stesse, utilità del gruppo, punti di forza e di debolezza della figura del tutor-moderatore, cambiamenti rilevati dopo il termine del mandato del tutor ICT in Higher Education and Lifelong Learning Bari, 14-15 novembre 2013 10
  • Metodologia #2  Versante quantitativo Strumento: griglia di analisi post Facebook Campione: 100 post pubblicati sulla bacheca del gruppo dalla sua apertura (ottobre 2011-aprile 2012) Obiettivi: mettere a fuoco il ruolo del tutor moderatore e le strategie comunicative ed organizzative messe in atto ICT in Higher Education and Lifelong Learning Bari, 14-15 novembre 2013 11
  • Analisi delle interviste  Pubblicizzazione gruppo FB: passaparola/incontri presenziali, no sul canale istituzionale (sito CdL)  Per cosa vi è stato utile il gruppo delle matricole in FB? - appelli d’esame - organizzazione del corso di laurea - aspetti burocratici - lezioni  Quali sono i punti di forza e di debolezza di avere un tutor all’interno del gruppo di Facebook? - risposte «certificate» - creazione del documento «Domande esami I anno» - immagini per sviluppare thread - informazioni utili: scadenze, convegni, seminari - fading ICT in Higher Education and Lifelong Learning Bari, 14-15 novembre 2013 12
  • Esempio di thread creato con le immagini Descrizione del thread Spazio dei commenti ICT in Higher Education and Lifelong Learning Bari, 14-15 novembre 2013 13
  • Photo gallery con topics ICT in Higher Education and Lifelong Learning Bari, 14-15 novembre 2013 14
  • Analisi dei post #1  100 post (risalendo al primo post inserito 7/10/2011)  Numero di post per categoria ICT in Higher Education and Lifelong Learning Bari, 14-15 novembre 2013 15
  • Analisi dei post #2  Attività del moderatore ICT in Higher Education and Lifelong Learning Bari, 14-15 novembre 2013 16
  • Conclusioni  Centralità del Tutor  Social Network richiede competenze di moderazione complesse  Il Tutor - ha proposto un modello di moderazione - ha fornito risposte utili e affidabili - è andato in fading Interveniva solo quando era necessario, per il resto ci lasciava libere di discutere.  Gruppo in FB utilizzato dagli studenti in modo strumentale  Gruppi in FB buon ambiente dove sviluppare community universitarie  scambi veloci di informazioni legati al bisogno ICT in Higher Education and Lifelong Learning Bari, 14-15 novembre 2013 17
  • Convegno nazionale 14-15 Novembre 2013 Università di Bari "Aldo Moro"