Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
Le battaglie per il futuro di Internet 10
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Le battaglie per il futuro di Internet 10

  • 300 views
Published

La rete neutrale (corso di Comunicazione Digitale e Multimediale, Università di Pavia, a.a. 2012-2013)

La rete neutrale (corso di Comunicazione Digitale e Multimediale, Università di Pavia, a.a. 2012-2013)

Published in Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
300
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
19
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Università di Pavia Le battaglie Comunicazione Innovazione Multimedialità per il futuroAnno Accademico 2012-2013 di Internet Paolo Costa
  • 2. 10a lezioneLA RETE NEUTRALE
  • 3. Definizioni
  • 4. Di che cosa stiamo parlandoNeutralità della Rete è il principio per il qualetutti i dati di Internet sono trasportati in base alcriterio del best effort (“meglio che si può”)Pertanto non viene fatta alcuna discriminazionené per quanto riguarda l’origine dei dati né perquanto riguarda la tipologia di servizioSu questo principio – caro ai «padri fondatori» – èin atto uno dei confronti più aspri e importantiper determinare il futuro assetto di Internet
  • 5. Tre tipi di neutralitàRispetto al contenuto: il fornitore dell’accesso nondeve in alcun modo influenzare il contenutoinformativo delle comunicazioni fra gli utentiRispetto alla connettività: ogni punto diconnessione pubblico deve essere raggiungibileda qualsiasi altro punto di connessioneRispetto alla qualità: tutti gli utenti forniti dellastessa tipologia di accesso devono godere dellastessa qualità percepita del servizio
  • 6. Ma chi è l’utente?Con l’espressione utente («end user») designiamoruoli diversi che – in quanto tali – possono avereinteressi non coincidenti: L’utente come consumatore L’utente come cittadino L’utente come fornitore di contenuti/servizi L’utente come amministratore di LAN
  • 7. Neutralità e non-discriminazioneChe cosa significa trattare alla stessa manieraqualsiasi contenuto, piattaforma o servizio?La non-discriminazione si riferisce al modo in cuii pacchetti IP sono passati attraverso la reteLa non-discriminazione può essere assoluta (es.:«first come, first served»), oppure relativaLa discriminazione relativa o «limitata» rispondeall’obiettivo di gestire la qualità del servizio (QoS)
  • 8. Deep packet inspectionÈ la forma più spinta di ispezione dei pacchettiche vengono scambiati attraverso una rete IP,praticata mediante l’esame di header e payloadPermette di discriminare – con strumenti softwareo hardware – il pacchetto in base al protocollo, almittente o al destinatarioRisponde a diversi obiettivi: bloccare il trafficoillegale, studiare gli usi degli utenti, regolare laQoS, garantire livelli di servizio definiti («tiered»)
  • 9. Stanno discriminando il mio traffico?Chiunque può verificare se il proprio ISPdiscrimina alcune tipologie di traffico (es.: P2P,Flash video over HTTP, …)Esistono diversi strumenti che permettono dimonitorare la presenza di filtri o di attivitàispettive sui pacchetti scambiatiEs.: http://broadband.mpi-sws.org/transparency/bttest-mlab.php
  • 10. La situazione nel mondo
  • 11. Fonte: Glasnost (http://netneutralitymap.org/)How neutral is the net? Unamappa interattiva di Glasnost
  • 12. La linea segnata dal Cile del 2010Nel 2010 il Cile è stato il primo paese a sancireper legge(*) il principio della neutralità della ReteUn’iniziativa partita dalla mobilitazione disoggetti della società civile (Neutralidad Sí)Tuttavia alcuni limiti della legge furono segnalatiin occasione della sua approvazione: Dimensione «relativa» del principio Incertezza sulle norme applicative(*) www.leychile.cl/Navegar?idLey=20453
  • 13. Neutralità: principio assoluto o relativo?La legge cilena stabilisce che i fornitori di accesso«no podrán arbitrariamente bloquear, interferir,discriminar entorpecer ni restringir» (art. 24 H a)il diritto all’uso dei contenuti in ReteIl divieto non è assoluto, ma si applica acomportamenti arbitrari del fornitore del servizioEsiste dunque una discriminazione non arbitrariae per questo motivo legittima?
  • 14. Il quadro normativo europeoLa materia è regolata dagli artt. 20 e 21 delladirettiva sul servizio universale, parte delPacchetto Telecom adottato dalla UE nel 2009Le norme vigenti concedono un notevole marginedi manovra agli operatori rispetto al networkmanagement e alla discriminazione del trafficoViene tuttavia sancito il principio dellatrasparenza, che si traduce nell’obbligo diinformare gli utenti di ogni discriminazione
  • 15. La scelta di Olanda e SloveniaNel 2011 l’operatore telefonico KPN annunciòl’intenzione di far pagare un extra per il trafficodati 3G relativo all’uso di Skype o WhatsAppUn anno dopo il parlamento olandese ha varatouna legge che vieta pratiche come quella di KPN,la deep packet inspection e il traffic filteringSempre nel 2012 una scelta analoga è statacompiuta dalla Slovenia, all’interno della nuovalegge quadro sulle telecomunicazioni
  • 16. La carta di principi norvegeseIn Norvegia, pure in assenza di un riferimentonormativo, gli operatori del settore hannosottoscritto una carta di principi già nel 2009Si riconosce il diritto dell’utente a un accesso allaRete non discriminato, ma si concedono al serviceprovider diversi margini di discrezionalitàIn particolare l’operatore può impedire l’accesso aservizi illegali ed è autorizzato a gestire il trafficoper mantenere l’integrità del proprio network
  • 17. « Blocking or charging extraoperators VoIP has been reported on mobile fees for in Austria, Germany Italy, the Netherlands, Portugal, and Romania. Mark my words: if measures to enhance competition are not enough to bring Internet providers to offer real consumer choice, I am ready to prohibit the blocking or lawful services or applications.» Neelie KroesLa posizione del Commissarioeuropeo per l’agenda digitale
  • 18. La recente iniziativa della FranciaIl mese scorso il Conseil National du Numériqueha pubblicato un importante rapporto sullaneutralità della rete(*), seguito al caso Free-GoogleIl governo di Parigi ne ha fatte proprie leconclusioni, suggerendo al parlamento di varareuna nuova legge che recepisca il principioPer Jérémie Zimmerman è un progetto «senzadenti»: non chiarisce il concetto di discriminazionee non prevede sanzioni per i trasgressori(*) www.cnnumerique.fr/neutalite/
  • 19. La situazione negli USA: il caso ComcastIl primo Internet Policy Statement emesso dallaFederal Communications Commision (FCC) sullaneutralità della Rete risale al 2005Nel 2008 la FCC intimò al service providerComcast di ripristinare l’accesso a BitTorrent,istituito senza comunicazione ai propri clientiComcast fece ricorso contro l’ordinanza e nel2010 ne ottenne l’annullamento in seguito a unasentenza della Corte d’appello
  • 20. La situazione negli USA: il quadro attualeLa questione è definita dall’Open Internet Order2010(*), regolamento varato dalla FCC tre anni faEsso distingue due tipi di accesso a Internet:tramite linea fissa a banda larga e «wireless»Ai fornitori di accesso con linea fissa si vieta ogniforma di «irragionevole discriminazione»: Può essere discriminato il traffico illegale È ammesso il network management per QoS(*) http://hraunfoss.fcc.gov/edocs_public/attachmatch/FCC-10-201A1_Rcd.pdf
  • 21. La situazione negli USA: Google-ViacomNel 2010 Google e Verizon hanno pubblicato undocumento congiunto sul tema nella neutralità: Ajoint policy proposal for an open Internet(*)I due operatori propongono di regolare in mododiverso l’accesso con linea fissa e quello mobile,escludendo per il secondo l’obbligo di neutralità(*)Si vedano, nel blog ufficiale di Google, il testo della proposta(http://googlepublicpolicy.blogspot.it/2010/08/joint-policy-proposal-for-open-internet.html) e un successivo post di chiarimento(http://googlepolicyeurope.blogspot.it/2010/08/facts-about-our-network-neutrality.html)