Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Introduzione a Internet (2/2) - 18/19

1,209 views

Published on

Introduzione alle reti di computer e Internet

Published in: Education
  • Be the first to comment

Introduzione a Internet (2/2) - 18/19

  1. 1. Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Corso di Strumenti e applicazioni del Web 3. Introduzione a Internet (II) Giuseppe Vizzari Edizione 2018-19
  2. 2. Queste slides Queste slides fanno parte del corso “Strumenti e applicazioni del Web”. Il sito del corso, con il materiale completo, si trova in https://gvizzari.hopto.org/wp/. Data la rapida evoluzione della rete, il corso viene aggiornato ogni anno. Il presente materiale è pubblicato con licenza Creative Commons “Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo – 3.0” (http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/it/deed.it ): La licenza non si estende alle immagini provenienti da altre fonti e alle screen shot, i cui diritti restano in capo ai rispettivi proprietari, che, ove possibile, sono stati indicati. L'autore si scusa per eventuali omissioni, e resta a disposizione per correggerle.
  3. 3. Sintesi della lezione precedente (I) • Internet è una rete di reti, a commutazione di pacchetto • Utilizza un insieme di protocolli organizzati in una pila, una struttura a layer • La rete è "stupida": l'intelligenza applicativa sta “fuori” (o meglio, ai bordi, se pensiamo che i terminali sono parte della rete) 3
  4. 4. Sintesi della lezione precedente (II) • Internet è una rete di reti, a commutazione di pacchetto • La rete è "stupida": l'intelligenza applicativa sta fuori dalla rete • I nodi della rete sono individuati da un indirizzo IP, di 32 bit (IPv4), poi 128 bit (IPv6) • Gli indirizzi sono assegnati ai nodi in modo • Manuale e statico, per reti particolari (ad es. rete di Ateneo) • Automaticamente e dinamicamente dai server DHCP, che mantengono una tabella di indirizzi disponibili localmente 4
  5. 5. DNS (Domain Name System) • Per collegarvi al sito dell’Università digitate nella barra del browser l’indirizzo 130.186.7.82? • Per facilitarci la vita, possiamo associare ad ogni indirizzo IP un nome simbolico, più facilmente memorizzabile • La corrispondenza viene conservata localmente da programmi detti DNS Server, che la comunicano su richiesta 5
  6. 6. Domain Name Space 6 Top level domains support.microsoft.com Second level domains Hosts Managed by Microsoft google
  7. 7. Esempio •www.disco.unimib.it 7 Top level domain Second level domain Third level domain Computer name
  8. 8. DNS: come funziona 8
  9. 9. DNS e altri servizi: E- Mail
  10. 10. Protocolli di comunicazione: modello ISO/OSI Livello Definizione Contesto 7 Applicazione Interfaccia di comunicazione con i programmi (Application program interface). 6 Presentazione Formattazione e trasformazione dei dati a vario titolo, compresa la cifratura e decifratura. 5 Sessione Instaurazione, mantenimento e conclusione delle sessioni di comunicazione. 4 Trasporto Invio e ricezione di dati in modo da controllare e, possibilmente, correggere gli errori. 3 Rete Definizione dei pacchetti, dell'indirizzamento e dell'instradamento in modo astratto rispetto al tipo fisico di comunicazione. 2 Collegamento dati (data link) Definizione delle trame (frame) e dell'indirizzamento in funzione del tipo fisico di comunicazione. 1 Fisico Trasmissione dei dati lungo il supporto fisico di comunicazione. SMTP, POP3, IMAP, HTTP, …
  11. 11. ICANN • Internet Corporation for Assigned Names and Numbers: http://www.icann.org/ • Organizzazione privata non profit, basata a Los Angeles, sotto il controllo dell'US Department of Commerce • Include IANA (Internet Assigned Numbers Authority) • Assegnazione di blocchi di indirizzi IP ai Regional Internet Registry) e gestione dei domini di primo livello • Diverse proposte per togliere lo IANA dal controllo USA. Il contratto con l’US Department of Commerce scade nel 2015. Poi… 11
  12. 12. New generic top-level domain (gTLD) • A partire dal 2013 sono attivati nuovi domini di primo livello (molto costosi) proposti dagli utenti • Esempi: .aero .museum .travel .xxx • http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_Internet_top- level_domains 12
  13. 13. Regional Internet Registries •African Network Information Centre •American Registry for Internet Numbers •Asia-Pacific Network Information Centre •Latin America and Caribbean Internet Addresses Registry •Réseaux IP Européens Network Coordination Centre 13
  14. 14. Per approfondire • Indirizzo IP: http://it.wikipedia.org/wiki/Indirizzo_IP • TCP/IP: http://it.wikipedia.org/wiki/Suite_di_protocolli_Internet • DNS: http://it.wikipedia.org/wiki/Domain_name_system 14
  15. 15. Gli attori dell'ecosistema di Internet 15 Alcuni rivestono più di un ruolo; tutti hanno interessi e punti di vista diversi Internet Content & Service providers (CSP) (OTT: Over The Top) Network providers (ISP) Access device providers Technology components providers (HW & SW) Internet governance organizations
  16. 16. Gli attori dell'ecosistema di Internet 16 Internet Content & Service providers (CSP) (OTT: Over The Top) Network providers (ISP) Access device providers Technology components providers (HW & SW) Internet governance organizations
  17. 17. Internet governance • Nessun governo centrale Ogni rete connessa a Internet ha proprie regole e politiche • Modello multi-stakeholders • La governance di Internet è condotta attraverso un insieme di organismi internazionali, autonomi e interconnessi, cui partecipano la società civile, il settore privato, i governi, le comunità accademiche e della ricerca e le organizzazioni nazionali e internazionali • Essi lavorano cooperativamente, nei loro rispettivi ruoli, per determinare lo sviluppo e l'applicazione di principii, norme, regole, procedure decisionali e programmi condivisi che guidano l'evoluzione e l'uso di Internet per il pubblico bene • Derivante dalla evoluzione storica La presenza USA nel processo decisionale è molto significativa 17
  18. 18. http://en.wikipedia.org/wiki/Internet_governance W3C – World Wide Web Consortium
  19. 19. Gli organismi principali •ICANN •Regional Internet Registries •Internet Society (ISOC) •Internet Governance Forum (IGF) 19
  20. 20. Internet Society (ISOC) • Organizzazione internazionale non profit , dal 1992 • Missione: "promuovere lo sviluppo aperto, l'evoluzione e l'uso di Internet per il bene della popolazione di tutto il mondo" • www.internetsociety.org • Membri: 130 organizzazioni e 55.000 persone • Comprende: • IAB (Internet Architecture Board) • IETF (Internet Engineerign Task Force) • IESG (Internet Engineering Steering Group) • IRTF (Internet Research Task Force) 20 Prima di diventare standard veri e propri, i protocolli internet vengono descritti in documenti detti “Request for Comments” (RFC)
  21. 21. Internet Governance Forum (IGF) • Forum multi-stakeholder costituito su iniziativa delle Nazioni Unite nel 2006 per dibattere i problemi riguardanti la Internet governance • www.intovforum.org • Gruppi di lavoro informali elaborano proposte 21
  22. 22. Gli attori dell'ecosistema di Internet 22 Internet Content & Service providers (CSP) (OTT: Over The Top) Network providers (ISP) Access device providers Technology components providers (HW & SW) Internet governance organizations
  23. 23. Chi fornisce l'acccesso a Internet? 23 Internet Service Provider Content & Service Provider Utente finale CSP ISP 2 ISP 1
  24. 24. ISP • Gli ISP sono tantissimi: molti piccoli, pochi grandi • Ogni Paese ne ha spesso uno grandissimo, con una larga parte del mercato (l'ex monopolista della rete telefonica fissa) • Ovviamente la situazione cambia nel tempo: la privatizzazione di Telecom Italia (ora TIM) è avvenuta nel 1997… voi quando siete nati? • I rapporti fra gli ISP sono di due tipi principali: • Peering Due ISP si scambiano il traffico gratuitamente; ognuno si tiene i ricavi dai propri clienti (bill&keep) Possono usare degli Internet Exchange condivisi • Transit Un ISP paga un altro ISP per l'accesso alla sua rete
  25. 25. ISP: Una situazione molto complessa25 Internet
  26. 26. Esempio: rete GARR R.Polillo - Marzo 2015 26 Gruppo per la Armonizzazione delle Reti della Ricerca Consorzio senza fini di lucro che gestisce una rete italiana a larga banda, cui sono connesse 450 sedi (università, centri di ricerca, biblioteche, ecc.) e 2 milioni di utenti finali
  27. 27. User ISP del CSP Internet Le prestazioni di un servizio online dipendono da molti fattori 27 Banda verso User ISP Congestione della rete Caratteristiche dell'ISP Banda verso CSP Caratteristiche della infrastruttura del CSP Caratteristiche del servizio Caratteristiche dell'ISP CSP User ISP CSP IPS Velocità del terminale
  28. 28. Larghezza di banda • In genere, la banda in downstream è superiore a quella in upstream • ADSL  Asymmetric Digital Subscriber Line (più banda in downstream…) • Il termine "banda larga" ("broadband") non ha un significato preciso • ITU (International Telecommunication Union) definisce "broadband" qualunque connessione, fissa o mobile, con velocità di downstream >= 256 Kbps • Provate la vostra banda (attuale) con www.speedtest.net (o con app SpeedTest per mobile) 28
  29. 29. Approfondimenti • Cos’è la cosidetta net-neutrality? Quali sono gli stakeholder in conflitto in questo scenario? • Cos’è Google Fiber? Perché qualcuno dovrebbe regalare connettività? • Perché non è necessariamente una buona idea agganciarsi e usare una rete wi-fi aperta? Cos’è uno sniffer? • Provate a discutere questi argomenti con commenti al post delle slide

×