Sicurezza

270 views
181 views

Published on

Sicurezza nella scuola

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
270
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
7
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Pagina iniziale
  • Seconda
  • Terza con collegamento secondario a 4,5,6,7,8,9 Collegamento a scuola 10
  • Collegamento primario alla diapositiva dell’elenco scuola sicura, secondari 11,12,13
  • Collega ai vari link
  • Sicurezza

    1. 1. 626 Decreto Legislativo 626/94: Sicurezza, Prevenzione e salute nei luoghi di lavoro Detta le norme per la messa a punto del sistema sicurezza all’interno di ogni struttura privata e pubblica   La legge prevede tre momenti fondamentali :      Istituzione obbligatoria del servizio di prevenzione e protezione dai rischi: persone,sistemi e mezzi finalizzati alla prevenzione dei rischi professionali; Obbligo di redazione e tenuta di un documento di analisi del rischio, programmazione degli interventi di protezione e prevenzione; Coinvolgimento nel sistema di sicurezza di tutti i partecipanti alla vita lavorativa, formazione e informazione dei lavoratori
    2. 2. Sicurezza?Nella nostra scuola si…
    3. 3. A scuola … L'ambiente scolastico deve essere pulito, accogliente, sicuro,le condizioni igieniche e di sicurezza dei locali devono garantire una permanenza a scuola confortevole per gli alunni e per il personale La scuola rappresenta il contesto ideale nel quale  strutturare, articolare ed approfondire la cultura della sicurezza affinché nelle nuove generazioni il concetto venga radicato e diventi stile di vita  Ogni scuola deve essere dotata di …
    4. 4. Ogni scuola deve essere dotata di …  Piano di emergenza; almeno due volte nel corso dell’anno scolastico devono essere svolte prove di simulazione  Un allarme che segnala l’emergenza  Planimetria della scuola con l’indicazione delle vie di fuga  Servizio di pronto soccorso  Impianto elettrico conforme alla normativa, dotato della relativa documentazione di sicurezza e sottoposto a regolare manutenzione  Impianto di riscaldamento funzionante e opportunamente regolato e certificato; la temperatura all’interno delle aule, dei servizi igienici e delle palestre non deve provocare disagi né in inverno né in estate  Livello di illuminazione adeguato in tutti i locali con uno stretto rapporto di integrazione dell'illuminazione naturale con quella artificiale
    5. 5. Le cause più frequenti di incidenti a scuola … Urti, tagli, ferimenti e cadute provocati da :  Ante delle finestre  Termosifoni  Maniglie delle porte  Pilastri in risalto  Pavimenti
    6. 6. La prevenzione  Non spingere per le scale  Non correre nei corridoi  Fare attenzione agli spigoli vivi  Fare attenzione nell’utilizzare i servizi igienici
    7. 7. Scuola sicura …  Scopo del piano di evacuazione  I possibili rischi  Il comportamento degli esseri umani in condizioni di pericolo  La prevenzione - Teorica - Pratica  Verifica quotidiana  Modalità di evacuazione  Predisposizioni organizzative  Norme comportamentali in caso di calamità
    8. 8. Scopo del piano di evacuazione … Il piano di evacuazione studia e pianifica le operazioni da compiere nelle scuole in caso di emergenza, per consentire un esodo ordinato e sicuro di tutti gli occupanti dell’edificio Esso individua:  Le norme di comportamento da tenersi in caso di emergenza  Le predisposizioni organizzative da porre in atto  Le azioni da compiere Inoltre assegna i compiti di competenza agli operatori scolastici e agli alunni
    9. 9. La prevenzione Il panico può essere fronteggiato e ridotto sotto controllo o, meglio, contenuto con idonee misure di prevenzione Prepararsi alle situazioni di pericolo consente di:  Stimolare in ciascuno la fiducia in se stesso  Indurre un minimo di autocontrollo  Reagire all’eccitazione collettiva con comportamenti il più possibile disciplinati e consapevoli
    10. 10. La prevenzione sul piano pratico Sul piano pratico è determinante la verifica dell’avvenuto apprendimento dei comportamenti da tenere in caso di emergenza Occorrono perciò:  Esercitazioni pratiche e prove parziali effettuate senza preavviso, senza allertamento degli enti esterni e senza evacuazione totale dell’edificio  Prove generali con l’evacuazione dell’edificio, il trasferimento nei punti di raccolta e l’attivazione degli enti esterni Al termine di ogni esercitazione pratica le singole classi dovranno effettuare
    11. 11. Verifica quotidiana Ugualmente importante è la verifica quotidiana( a cura di un ausiliario) dei dispositivi, di cui si prevede l’impiego in caso di evacuazione In particolare è necessario controllare ogni giorno prima dell’inizio delle attività scolastiche:  L’efficienza delle serrature delle porte d’uscita (specialmente di quelle non ordinariamente utilizzate), nelle quali – in mancanza dei maniglioni antipanico – durante l’orario di funzionamento deve comunque restare posizionata la chiave  L’efficienza dei campanelli di allarme(dove esistenti), degli interruttori elettrici generali, delle chiavi di arresto dell’impianto idrico
    12. 12. Modalità di evacuazione Le operazioni di evacuazione devono essere eseguite mantenendo la calma, per favorire un deflusso ordinato e senza incidente È preferibile disporre di libertà di movimenti, perciò bisogna lasciare sul posto gli oggetti ingombranti e pesanti (zaini,ombrelli) e prendere solo eventuali indumenti per proteggersi dal freddo L’insegnante prenderà il registro di classe e coordinerà le operazioni di evacuazione, intervenendo dove necessario
    13. 13. Lo studente apri-fila ha il compito di rispettare le precedenze stabilite per l’impegno del corridoio e delle scale e di seguire puntualmente la segnaletica Gli studenti serra-fila hanno il compito di assistere i compagni in difficoltà, di accertarsi che l’aula sia rimasta deserta e di chiudere la porta; dovranno inoltre collaborare con l’insegnante, appena raggiunta l’area di raccolta, per compilare il modulo di evacuazione, da consegnare alla direzione delle operazioni
    14. 14. Norme comportamentali in caso di calamità Terremoto
    15. 15. Il terremoto Il rischio sismico, in una determinata area, può essere misurato dal danno che ci si può aspettare, in un intervallo di tempo stabilito, a seguito dei terremoti. Può essere espresso in termini di vittime, costo economico, danno alle costruzioni. Rischio e pericolo non sono la stessa cosa: il pericolo è rappresentato dal terremoto che può colpire una certa area(la causa); il rischio è rappresentato dalle sue possibili conseguenze, cioè dal danno che ci si può attendere(l’effetto)
    16. 16. A scuola  Mantieni la calma  Al suono dell’allarme lascia tutto l’equipaggiamento  Interrompi immediatamente ogni attività  Mettiti in fila  Ricordati di non spingere, di non gridare e di non correre  Segui le vie di fuga indicate  Non usare l’ascensore  Ricongiungiti con gli altri compagni di classe nella zona di raccolta assegnata  Segui le indicazioni delle insegnanti  Non precipitarti fuori  Resta in classe e riparti sotto il banco, sotto l’architrave della porta o vicino ai muri portanti  Allontanati dalle finestre, porte con vetri, armadi perché cadendo potrebbero ferirti
    17. 17. Incendio  Mantieni la calma  Se l’incendio si è sviluppato in aula o nel locale dove ti trovi, esci subito chiudendo la porta  Se l’incendio è fuori dalla tua aula e il fumo rende impraticabili le scale e i corridoi, chiudi bene la porta e cerca di sigillare le fessure con dei panni (meglio bagnati, se ti è possibile)  Apri la finestra e, senza esporti troppo chiedi soccorso
    18. 18. Predisposizioni organizzative Affinchè il piano sia efficace, in linea generale gli adulti dovranno rispettare le seguenti regole:  Esatta osservanza di tutte le disposizioni riguardanti la sicurezza  Adesione al principio che tutti gli operatori sono al servizio degli allievi  Abbandono dell’edificio solo ad avvenuta evacuazione di tutti gli allievi All’interno dell’edificio scolastico ogni persona dovrà comportarsi ed operare per garantire a se stessa e agli altri un sicuro sfollamento in caso di emergenza.
    19. 19. Capo d’istituto o collaboratore vicario Dovrà vigilare sulla corretta applicazione:  Dell’ordine di servizio relativo al controllo quotidiano della praticabilità delle vie d’uscita, da effettuare prima dell’inizio delle lezioni  Delle disposizioni inerenti l’eliminazione dei materiali infiammabili  Del divieto di sosta agli autoveicoli nelle aree della scuola non espressamente dedicate a tale uso e che, in ogni caso, creino impedimento all’esodo  Dell’addestramento periodico del personale all’uso corretto di estintori e di altre attrezzature antincendio Avrà cura di richiedere all’ente locale competente, con tempestività, gli interventi
    20. 20. Personale docente Dovrà :  Informare gli allievi sulla necessità di una disciplinata osservanza delle procedure      indicate dal piano, per assicurare l’incolumità a se stesso e agli altri Illustrare periodicamente il piano di evacuazione e tenere lezioni teorico-pratiche sulle problematiche derivanti dalle situazioni di emergenza Intervenire prontamente laddove si dovessero determinare situazioni critiche dovute a condizioni di panico Controllare che gli allievi apri-fila, serra-fila e addetti agli alunni portatori di handicap eseguano correttamente i compiti In caso di evacuazione, portare con sé il registro di classe per effettuare il controllo delle presenze ad evacuazione avvenuta Raggiunta la zona di raccolta, far pervenire alla direzione delle operazioni tramite ragazzi serra-fila, il modulo di evacuazione debitamente compilato.
    21. 21. Personale A.T.A. Il personale di segreteria dovrà coadiuvare il capo d’istituto o collaboratore vicario nella gestione del piano. Al segnale di allarme riceverà incarichi relativi alle segnalazioni ed ai collegamenti con l’esterno In particolare, il responsabile amministrativo, nell’ordine:  Effettua le previste chiamate di soccorso  Si porta all’esterno dell’edificio, per organizzare le operazioni di ricovero di alunni e docenti nelle aree di raccolta  Rileva dai ragazzi serra-fila i moduli di evacuazione, per consegnarli al responsabile
    22. 22. I collaboratori scolastici, avvertito il segnale d’allarme svolgeranno i seguenti compiti:  Gli addetti specificamente disattiveranno gli impianti elettrici e termici  Gli addetti ai piani controlleranno che lo sfollamento sia stato totalmente effettuato  Attiveranno, senza pregiudizi per la salute personale estintori ed idranti  Evacueranno l’edificio, dirigendosi nelle aree di raccolta
    23. 23. Alunni Appena avvertito il segnale d’allarme, dovranno:  Interrompere ogni attività  Mantenere l’ordine e l’unità della classe durante e dopo l’esodo  Tralasciare il recupero di oggetti personali  Disporsi in fila, evitando grida e richiami  Rimanere collegati appoggiando una mano sulla spalla del compagno che precede  Seguire le indicazioni dell’insegnante, per assicurare il rispetto delle precedenze  Camminare in modo sollecito, senza soste ingiustificate e senza spingere  Collaborare con l’insegnante per controllare le presenze dei compagni prima e dopo lo sfollamento
    24. 24. L’ edificio è realizzato su cinque livelli: Legenda  Piano terra  Primo piano  Secondo piano  Terzo piano Vie di Fuga Uscita d’emergenza

    ×