Your SlideShare is downloading. ×
Spesa, risultati, efficienza. Miti, leggende e realtà dell'università italiana
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Spesa, risultati, efficienza. Miti, leggende e realtà dell'università italiana

25,929
views

Published on

Lo stato dell'università italiana: il confronto tra cosa dicono gli opinionisti e cosa dicono i numeri.

Lo stato dell'università italiana: il confronto tra cosa dicono gli opinionisti e cosa dicono i numeri.

Published in: Education

1 Comment
9 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total Views
25,929
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
15
Actions
Shares
0
Downloads
82
Comments
1
Likes
9
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Spesa,  risulta-,  efficienza     Mi-,  leggende  e  realtà  dell'università  italiana   Giuseppe  De  Nicolao   Università  di  Pavia  
  • 2. 1.  Spesa  
  • 3. Ha   ragione   Roberto   Pero.:   il   sistema   universitario   e   della   ricerca   in   Italia   non   sono   riformabili.   Serve   un   cambiamento   radicale   perché   riversare   più   fondi   in   questo  sistema  è  come  bu5arli  al  vento   R.  Alesina  e  F.  Giavazzi  ww.lavoce.info  16-­‐12-­‐2003   In   luglio   il   Senato   ha   approvato   la   riforma   dell'università.   Non   è   una   legge   ideale,   ma   va   dato   aCo   al   ministro   Gelmini   di   aver   faCo   un   importante   passo   avanE.   La   legge   riconosce   che   i   corsi   devono   essere   rido7,  le  università  snellite,  alcune  chiuse   F.  Giavazzi,  Corriere  della  Sera  24-­‐10-­‐10  
  • 4. Giavazzi  dispone  e  ANVUR  provvede:   “E  qualche  sede  dovrà  essere  chiusa.”   SERGIO BENEDETTO (CONSIGLIO DIRETTIVO ANVUR) 4–02-2012!
  • 5. In   Italia   abbiamo   100   università,   una   per   provincia.  Sono  troppe?    Dipende  ...  Il  problema   è   che   tu5e   e   100   le   nostre   università   offrono,   oltre   ai   corsi   di   triennio,   corsi   di   biennio   e   di   do5orato   F.  Giavazzi,  Corriere  della  Sera  6-­‐11-­‐10  
  • 6. 61 Atenei statali, di cui 51 offrono corsi di Dottorato MIUR: Banche dati ed Analisi Statistiche
  • 7. Troppi  atenei  per  abitante?   •  •  •  •  •  •  •  Università  ed  altri  is-tu-  di  formazione  terziaria   1.6/milione  in  Italia  (61  atenei  statali  +  6  scuole  superiori  +  26  non  statali   [10  telemaIche])   1.7/milione  in  Spagna  (75  Università  di  cui  25  private)   2.3/milione  nel  Regno  Unito  (117  Università  +  24  Colleges  of  Higher   EducaIon)   3.4/milione  nei  Paesi  Bassi  (14  Università  +  41  Hogescholen)   3.9/milione  in  Germania  (104  Università  +  184  Fachhocschulen  +  103  altre   scuole  superiori)   8.4/milione  in  Francia  (83  Università  +  444  Grandes  Ecoles)   14.5/milione  negli  USA  (4314  totali  di  cui:  2.629  con  corsi  quadriennali,   1.685  college  biennali,  622  con  doWorato,  2.626  privaI).   “Malata  e  denigrata  :  l’universita  italiana  a  confronto  con  l’Europa”    (a    cura  di  M.  Regini,  Roma,  Donzelli  2009)  
  • 8. Troppi  corsi  di  laurea  per  abitante?   •  72.8/milione  in  Spagna  (soCosEmato  non  considerando  le   università  private,  [1/3  del  totale])   •  77.4/milione  in  Francia  (soCosEmato  perché  mancano  i  daE   sui  corsi  nelle  Grandes  Ecoles)   •  101.4/milione  in  Italia  (sovrasEmato  comprendendo  29  corsi   anteriori  all’introduzione  del  “3+2”)   •  107.2/milione  nei  Paesi  Bassi   •  154.1/milione  in  Germania  (soCosEmato  perché  calcolato   considerando  solo  i  corsi  universitari)   •  610.0/milione  nel  Regno  Unito  (sovrasEmato  perché  al  posto   dei  corsi  considera  una  sEma  dei  cosidde.  “programmes”,  più   o  meno  equivalenE  agli  indirizzi).   “Malata  e  denigrata  :  l’universita  italiana  a  confronto  con  l’Europa”    (a    cura  di  M.  Regini,  Roma,  Donzelli  2009)  
  • 9. Spesa per università (% PIL): l’Italia è 32° su 37
  • 10. Reazione alla crisi: 24 nazioni su 31 aumentano spesa per istruzione (% PIL) L’Italia è quella che taglia di più dopo l’Estonia
  • 11. che  nell’università  ci  siano     troppi  professori  è  un  fa5o   F.  Giavazzi,  Corriere  della  Sera  24-­‐10-­‐10  
  • 12. Rapporto studenti/docenti: su 27 nazioni solo 4 stanno peggio di noi 27 countries INDONESIA CZECH REP. 1 3 SLOVENIA 2 BELGIUM 4 ITALY 5
  • 13. Ricercatori accademici (% occupati): l’Italia è 18° su 20
  • 14. Che  tasse  pagano  gli  studen-  e   che  sostegni  ricevono?  
  • 15. non  possiamo  più  perme5erci     un'università  quasi  gratuita   F.  Giavazzi,  Corriere  della  Sera  24-­‐10-­‐10  
  • 16. INFERNO TASSE UNIV. SOSTEGNO ECONOMICO PARADISO
  • 17. Tasse  di  iscrizione:   l’Italia  è  7°  su  19   (3°  su  15  nazioni  europee)   %  di  studen-  che  ricevono  sussidi:   l’Italia  è  16°  su  19  
  • 18. La soluzione? alzare le tasse universitarie e far indebitare gli studenti
  • 19. per   a5rarre   bravi   studenQ,   si   comincerà   dall’offrire   stanze   singole   nelle   residenze   studentesche,   poi   la   Tv   via   cavo   gratuita,   poi   la   Jacuzzi   privata   e   l’abbonamento   annuale   alla   palestra   e   così   via…   TuCe   cose   che   ai   purisE   dell’accademia   possono   apparire   in   stridente   contrasto   con   l’ideale   dell’amore  disinteressato  del  sapere,  ma  che  fanno  parte  della   realtà  umana      Roberto  PeroX,  L’Università  truccata,  Einaudi  2008  
  • 20. Pres--  universitari:   “The  proof  of  the  pudding   is  in  the  eaQng”   Cosa  succede  dove  sono  applica-?  
  • 21. USA: le tasse universitarie crescono più rapidamente di ogni altra spesa (casa, energia, sanità) Fonte: Moody’s Analytics 2011 TASSE UNIVERSITARIE
  • 22. Aumento degli studenti insolventi: sta per esplodere bolla dei prestiti
  • 23. Negli USA i prestiti stanno fallendo. Nessun problema: Terlizzese e i fratelli Ichino non propongono il modello USA, ma quello inglese si   chiede   di   sapere   [...]   se   il   Governo   non   ritenga   opportuno   ado5are   al   più   presto   misure   che   consentano   di   applicare   anche   in   Italia   un   meccanismo   di   incremento   del   finanziamento   analogo  a  quello  che  si  sta  ado5ando  in  Inghilterra   Interrogazione  ai  ministri  dell’economia  e  delle  finanze  e  dell’istruzione,  dell’università   e  della  ricerca  presentata  in  data  18  maggio  2011  dai  senatori:   Pietro   Ichino,   CeccanI,   D’Alia,   Germontani,   Leddi,   Marino,   Morando,   Poli   Bortone,   Rossi,  Rusconi,  Rutelli,  Tonini,  Treu,  Valditara    
  • 24. 8 December 2012
  • 25. 2.  Risulta-  
  • 26. Risulta-:  ricerca  scien-fica   Che  ruolo  ha  l’Italia  nel  panorama     della  ricerca  mondiale?  
  • 27. •  ...  l’università  italiana  non  ha  un  ruolo   significaEvo  nel  panorama  della  ricerca   mondiale     Roberto  PeroX,  L’Università  truccata,  Einaudi  2008   •  L’università  conEnua  a  produrre  …  ,  anche  se   con  alcuni  disEnguo,  poca  ricerca  (Roberto   Pero.  docet)     Bisin  &  De  Nicola,  la  Repubblica  12-­‐4-­‐2012  
  • 28. Classifiche:  va  proprio  così  male?   •  Nel  mondo  ci  sono  10.000-­‐20.000  Università     –  20.000  secondo  hWp://www.webometrics.info/en/node/36   –  17.000  secondo  hWp://www.whed-­‐online.com/   –  11.000  secondo  hWp://www.4icu.org/   •  Classifiche:  di  norma  selezionano  le  prime  500   •  Non  tengono  conto  delle  risorse  (alcune  università   USA  hanno  bilanci  superiori  a  piccole  nazioni)   •  Entrare  in  classifica  significa  essere  nel  “top  5%”   •  Proviamo  a  giudicare  le  nazioni  in  base  alla  %  di   atenei  che  entrano  in  questo  “top  5%”  
  • 29. Fonte:  “Malata  e  Denigrata”  a  cura  di  M.  Regini,  Donzelli  2009  
  • 30. INTERNAZIONALIZZAZIONE   Fonte:  “Malata  e  Denigrata”  a  cura  di  M.  Regini,  Donzelli  2009  
  • 31. Classifica SCImago (2.813 istituzioni) [entra solo chi produce abbastanza ricerca indicizzata su Scopus] 58 università statali in classifica di cui 57 con normalized impact ≥ 1 [= impatto medio della ricerca sopra media mondiale] 58  Italian  state  universi-es  are  ranked     Only  one  is  below  the  world  average Source:  World  Report  SIR  2010  (based  on  Scopus  data)
  • 32. L’Italia nelle classifiche degli atenei •  Buon livello medio degli atenei italiani: •  •  •  •  •  Times QS: 18% degli atenei italiani sono nei top 500 Shanghai: 28% nei top 500 Taiwan: 37% nei top 500 Leiden: 40% nei top 250 (questa classifica tiene conto delle dimensioni) SCImago: quasi tutti nei top 2.800 •  Punti di forza: ricerca e reputazione scientifica •  Debolezze legate anche alle poche risorse: •  •  basso rapporto docenti/studenti scarsa internazionalizzazione di docenti e studenti
  • 33. Classifiche  degli  atenei:  è  vera  scienza?   •  All criteria used by authors of the ranking are only loosely connected with what they intended to capture. •  The evaluation of these criteria involves several arbitrary parameters and many micro-decisions that are not documented. •  Therefore, it does not seem unfair to say that the Shanghai ranking is a poorly conceived quick and dirty exercise. •  Again any of our MCDM student that would have proposed such a methodology in her Master’s Thesis would have surely failed according to our own standards.
  • 34. The Shanghai Institute of Education has recently published a list of the top 500 world universities. The order is based on the number of Nobel laureates from 1911 to 2002, highly cited researchers, articles published in Science and Nature, the number of papers published and an average of these four criteria compared with the number of full-time faculty members in each institution. I believe none of these criteria are as reliable as citations.
  • 35. Italia:  7°  per  citazioni  
  • 36. Italia:  8°  per  ar-coli  scien-fici  
  • 37. Ma come fanno questi italiani a produrre così tanta ricerca con così poche risorse? OCTOBER 2009
  • 38. Ma  Perol  non  è  convinto  ...   è   fondamentale   tenere   conto   anche   della   qualità   della   ricerca,   che   viene   misurata   dalle   citazioni   medie  ricevute  da  ogni  pubblicazione  ...  il  criterio   del   “faCore   di   impaCo   standardizzato”...   che   ...   misura   la   qualità   indipendentemente   dalle   dimensioni   Roberto  PeroX,  L’università  truccata  
  • 39. è   fondamentale   tenere   conto   anche   della   qualità   della   ricerca,   che   viene   misurata   dalle   citazioni   medie   ricevute   da   ogni   pubblicazione   ...   il   criterio   del   “famore   di   impamo   standardizzato”...  che  ...  misura  la  qualità  indipendentemente  dalle  dimensioni   Perol,  L’università  truccata,  pp.  49-­‐50  
  • 40. Ecco la superpotenza scientifica mondiale secondo il fattore di impatto standardizzato: l’arcipelago Chagos
  • 41. ...  ma  “mio  cuggino  mi  ha  demo”  che  c’è   stato  un  crollo  della  ricerca  italiana   22 agosto 2011 CROLLO  PUBBLICAZIONI   DA  2008  A  2009:  -­‐23%  !  
  • 42. Andiamo alla fonte:
  • 43. ma qui crollano anche tutte le altre nazioni!
  • 44. L’ARMAGEDDON DELLA RICERCA EUROPEA? NO! È SOLO UN PROBLEMA DI ....
  • 45. .... RITARDI ESEMPIO: A CAUSA DEI BEN NOTI RITARDI DI REGISTRAZIONE NEI DATABASE BIBLIOMETRICI, NEL 2010 LA NATIONAL SCIENCE FOUNDATION RITENEVA INAFFIDABILI I DATI DEL 2008 E 2009
  • 46. Infatti, i dati SCOPUS aggiornati al 2010 smentiscono il crollo
  • 47. Italy:  scien-fic  documents   %  Western  Europe   %  World  
  • 48. La morale della favola I dati bibliometrici degli ultimi 1-2 anni non sono assestati. Non usare a scopo scientifico!
  • 49. VIENE LANCIATO L’ALLARME ...
  • 50. MA IL CONTAGIO DELLA BIBLIOMETRIA FAI-DA-TE SI DIFFONDE ... ... NELL’ANVUR
  • 51. I dati bibliometrici degli ultimi 1-2 anni non sono assestati. Non usare a scopo scientifico! BIBLIOMETRY la  normalizzazione  dell’indice   h  verrà  effemuata  u-lizzando   il  contemporary  h-­‐index   Con  il  “contemporary  h-­‐index”  le  citazioni   (non  assestate)  di  un  ar-colo  pubblicato   nel  2012  sono  pesate  quamro  volte  di  più  di   quelle  (assestate)  di  un  ar-colo  del  2008      
  • 52. Intermezzo   La  ricerca  universitaria  Eene  il  passo  della   concorrenza  internazionale.   E  le  imprese?  
  • 53. Spesa per ricerca e sviluppo delle imprese (% PIL): l’Italia è ultima su 22
  • 54. Ricercatori delle imprese (% occupati): l’Italia è ultima su 20
  • 55. Occupati nelle professioni più qualificate fonte: sintesi del “XIV Rapporto AlmaLaurea sulla condizione occupazionale dei laureati”
  • 56. Imprese innovatrici (% delle imprese): l’Italia è 11° su 12
  • 57. Italia: quote di mercato in settori hi-tech (1981-2008)
  • 58. Crescita  del  PIL  2000-­‐2010:     peggio  dell’Italia  solo  Hai-  e  Zimbabwe   Crescita  PIL  pro-­‐capite:  Italia    167°  su  179   167°
  • 59. Fine  dell’intermezzo   Torniamo  all’università  
  • 60. L’Italia   non   cresce,   le   imprese   non   fanno   ricerca   e   perdono   terreno  nei  semori  hi-­‐tech:  che  fare?   Risponde   De   Rita:   “le   università   italiane   sono   cresciute   troppo”,  troppi  ingegneri,  “non  abbiamo  bisogno  di  geni”  
  • 61. Un  paese  di  camerieri?   •  Siamo  sicuri  che  questo  paese  davvero  abbia  bisogno   di  più  laureaE?   Francesco  Giavazzi,  28-­‐11-­‐2012  Lavoce.info     •  Ci  sono  un  miliardo  e  quaCro  di  cinesi  e  un  miliardo   di   indiani   che   vogliono   vedere   Roma,   Firenze   e   Venezia   ...   L’Italia   non   ha   un   futuro   nelle   biotecnologie   perché   purtroppo   le   nostre   università   non   sono   al   livello,   però   ha   un   futuro   enorme   nel   turismo   Luigi  Zingales,  novembre  2012,  Servizio  Pubblico  
  • 62. http://ricercatorialberi.blogspot.com 65
  • 63. Troppi  laurea-?   Quale  %  della  popolazione  di  età  25-­‐34  anni    ha  un  Etolo  di  studio  universitario?  
  • 64. %  della  popolazione  nella  fascia  25-­‐34  anni   con  -tolo  universitario:  l’Italia  è  34°  su  37  
  • 65. 3.  Efficienza  
  • 66. Cosa  spendiamo  per  ogni  studente?  
  • 67. Spesa  per  studente  universitario:     l’Italia  è  23°  su  36  
  • 68. “Gli  universitari  più  finanzia-  del  mondo”?   La  fonte  è  Perol  che  “corregge”  l’OCSE   è  ben  noto  che  in  Italia  circa  il  50%  degli  iscri.   sono  fuori  corso,  e  il  20%  non  ha  superato  esami.   Se   si   uElizza   il   coefficiente   di   0.483   ...   per   converEre   il   numero   di   studenE   iscri.   nel   numero  di  studenE  equivalenE  a  tempo  pieno,  la   spesa  italiana  per  studente  equivalente  a  tempo   pieno  diventa  16.027  dollari  PPP,  la  più  alta  del   mondo  dopo  Usa,  Svizzera  e  Svezia   Roberto  PeroX,  L’università  truccata  
  • 69. DATO OCSE
  • 70. ...  et  voilà!   DATO PEROTTI DATO OCSE
  • 71. Perché  viene  corremo  solo  il  dato  italiano?   Questo   è   un   Paese   incapace   di   mantenere   i   tempi,  è  un  Paese  sempre  in  ritardo.  Il  baco  è  la   scuola:  è  l’unico  Paese  al  mondo  dove  esistono  i   fuoricorso   Francesco  Profumo  (Ministro  MIUR)   24-­‐4-­‐2012  
  • 72. In  realtà,  il  problema  è  mondiale:   Vediamo  la  situazione  negli  USA     (fonte:  U.S.  Department  of  Educa-on,  Na-onal  Center  for  Educa-on  Sta-s-cs)  
  • 73. Quanto  si  spende  cumulaQvamente     in  formazione  universitaria   per  singolo  studente?   L’OCSE  avverte  che  per  i  confron-  si  deve   usare  questo  indice  perché  -ene  conto   delle  diverse  durate  degli  studi  (e  anche   dei  fuoricorso),  ma  Perol  “dimen-ca”  di   citare  il  dato  OCSE  
  • 74. Spesa  cumula-va  per  studente  lungo  tumo  il   corso  degli  studi:  l’Italia  è  16°  su  25   16°  
  • 75. Cosa  spendiamo     per  ogni  arQcolo  scienQfico  e   per  ogni  citazione  o5enuta?  
  • 76. Bisogna   concepire   la   ricerca   come   un   formidabile   processo   internazionale   in   cui   il   nostro   apporto   è   di   qualche   percento…   Noi   siamo   un   paese   che   ha   limiE   e   bisogna   prendere   aCo   di   quesE   limiE.   Non   possiamo   assolutamente   più   pensare   di   essere   un   paese   di   serie   A   in   tanQ   se5ori   perché   le   ricerche   sono   condo5e   con   mezzi   che   non   possiamo  perme5erci.”            Guido  Possa  –  Radio3,  22  Febbraio  2011  
  • 77. Efficienza:  Italia  bame     Germania,  Francia  e  Giappone  
  • 78. C’è anche chi guarda i dati senza lenti colorate Dicembre 2010
  • 79. 4.  Conclusioni  
  • 80. Solo gli apprendisti stregoni credono nelle favole e nelle pozioni magiche Cosa serve: •  competenza e onestà scientifica nell’analisi dello stato dell’università: basta con la disinformazione •  conoscenza del quadro internazionale: basta leggende •  interventi basati sulla conoscenza dei fatti: basta pozioni magiche
  • 81. Links   OCSE  Educa-on  at  a  Glance  2012   http://www.oecd.org/edu/eag2012.htm   SCImago  Journal  &  Country  Rank   http://www.scimagojr.com/   CERIS-­‐CNR:  Scienza  e  Tecnologia  in  Cifre   http://www.cnr.it/sitocnr/IlCNR/Datiestatistiche/ScienzaTecnologia_cifre.html