Smart city (M2M) L’una tira l’altra.
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Smart city (M2M) L’una tira l’altra.

on

  • 316 views

Introduzione ...

Introduzione
Il concetto di SMART city va finalmente prendendo connotazioni più nette. Sono alle spalle le sia visioni
più utopiche, sia quelle tecnicistiche. Prendono sempre più corpo quelle che puntano a piattaforme
flessibili e aperte all’innesto dei più diversi servizi. Sono essenziali per dare respiro alle iniziative e,
soprattutto, per fare entrare i gioco tutti gli stakeholder.
E l’M2M cresce, anche perché ha molto da dire in quest’ambito, come mostrano le esperienze a Milano,
Trento, Venezia e in vista di Expo 2015.

Statistics

Views

Total Views
316
Views on SlideShare
313
Embed Views
3

Actions

Likes
0
Downloads
2
Comments
0

1 Embed 3

https://twitter.com 3

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Smart city (M2M) L’una tira l’altra. Smart city (M2M) L’una tira l’altra. Presentation Transcript

  • Smart citySmart citySmart citySmart city ---- M2MM2MM2MM2M LLLL’una tira l’altra.’una tira l’altra.’una tira l’altra.’una tira l’altra. Introduzione Il concetto di SMART city va finalmente prendendo connotazioni più nette. Sono alle spalle le sia visioni più utopiche, sia quelle tecnicistiche. Prendono sempre più corpo quelle che puntano a piattaforme flessibili e aperte all’innesto dei più diversi servizi. Sono essenziali per dare respiro alle iniziative e, soprattutto, per fare entrare i gioco tutti gli stakeholder. E l’M2M cresce, anche perché ha molto da dire in quest’ambito, come mostrano le esperienze a Milano, Trento, Venezia e in vista di Expo 2015. Tutti gli analisti concordano che l’ambito delle Smart City è molto promettente. Lo è sulla base di esigenze ineludibili di governo del territorio, di qualità della vita e di economie di sistema. Ma ancora oggi e in tutto il mondo, i progetti di smart city sono a carico della Amministrazioni pubbliche per più del 70% (fonte IDC). Ed è così un fatto che quelle attese si concretizzeranno tanto prima quanto prima si creerà la convenienza a investire per i più diversi soggetti economici. Il riferimento non è tanto agli operatori telco e IT, ma soprattutto a tutti i potenziali provider di servizi su reti fisse e mobili tramite l’infrastruttura smart: dalle utility alle banche, dalle aziende di trasporto locale agli esercizi turistici e commerciali e così via, sino alla stessa PA.
  • > Solomobile.it [+be on the move copyright 2013 2 Questa visione è anche quella lascia intravedere un intreccio spinto tra smart city e tecnologie machine- to-machine (M2M). E’ infatti solo facendo in modo che i più diversi dispositivi parlino tra di loro senza intervento umano che è possibile tenere il passo con la “fame istantanea” di dati che caratterizza le applicazioni smart: da quelle informative a quelle di controllo del traffico, di pagamento (nfc) e di ticketing. In più la stessa evoluzione dell’M2M, anche in Italia, promette bene. Milioni di oggetti già connessi Secondo il Politecnico di Milano (marzo 2013) il mercato italiano dell’M2M ha valso 810 milioni di euro nel 2012, con già 5 milioni di oggetti connessi e una crescita del 25% sull'anno prima. Ci sono poi altre stime ancora, come quelle di Assinform-NetConsuting, con valori diversi, ma concordi sulla buona crescita e sul fatto che fatto che oggi gli ambiti trainanti sono l’automotive, la logistica, il fleet management, lo smart metering e l’energy management.
  • > Solomobile.it [+be on the move copyright 2013 3 M2M: 5 milioni di oggetti connessi Per il Politecnico di Milano, a fine 2012 erano già più di 2 milioni i veicoli connessi con moduli M2M Gps e Gprs per localizzare i mezzi, registrare i parametri di guida con finalità assicurative, fornire e ricevere informazioni sulla situazione del traffico. Erano poi 1,4 milioni gli oggetti connessi nell’ambito delle utility: contatori e device intelligenti per ottimizzare i consumi (es. sistemi di illuminazione o di climatizzazione capaci di allinearsi alle condizioni ambientali), bilanciare la disponibilità e la produzione di energia di energia in ragione delle variazioni della domanda e dell’immissione da fonti alternative diautoproduzione. E fra 1,6 milioni di oggetti M2M rimanenti, per arrivare i 5 indicati complessivamente, spiccavano gli oltre 500 mila per applicazioni di Smart Asset Managment: dal controllo degli accessi, delle slot machine del funzionamento di impianti civili (es. ascensori).
  • > Solomobile.it [+be on the move copyright 2013 4 M2M: fattore abilitante Il peso assunto da taluni ambiti applicativi è proprio quello che dà conferma del ruolo abilitante delle tecnologie M2M in ambito smart city. Purtroppo non sono ancora agevolmente reperibili analisi quantitative che diano il quadro complessivo dei casi più specificamente legati all’M2M in Italia. Questo avverrà probabilmente a breve sotto la regia dell’Agenzia per l’Italia Digitale e con l’evolvere delle attività d’osservatorio in materia condotte da Anci, Politecnico di Milano, Assinform, Confindustria Digitale, Smau e altri ancora. Ma intanto così è, e a questo si aggiunge poi che le realizzazioni più legate all’M2M sono parte di progetti più articolati, con componenti e applicazioni molto diverse. Ci sono però casi faro, che vale la pena di richiamare.
  • > Solomobile.it [+be on the move copyright 2013 5 Da Milano a Trento Nell’area urbana di Milano - 800 mila i veicoli pubblici e privati circolanti ogni giorno, 680 milioni di corse annue nel sistema dei trasporti pubblici, 1,2 milioni di tessere conctact-less, 15 mila i clienti di bike sharing e 3000 di car sharing – l’azienda locale di trasporto (ATM) ha sviluppato un’interessante piattaforma integrata per il trasporto pubblico. È basata sulla gestione unificata dei dati raccolti direttamente dai mezzi di trasporto (circa 1780) attraverso canali radio dedicati. Su di essa sono già innestate applicazioni per un monitoring continuo delle flotte e l’analisi preventiva di eventuali guasti; sistemi per il controllo del traffico e del territorio (videosorveglianza) la gestione intelligente della sosta e dei parcheggi riguardante 18 strutture dedicate per una capienza totale di 15mila posti auto. E poi, ancora, sistemi di infomobilità basati su web e display per i mezzi di superficie e metro e mobilità alternativa come bike sharing (103 stalli per 1400 bici) e car sharing (80 stalli per 120 auto). La Provincia autonoma di Trento ha sviluppato, in collaborazione la locale Arpa, un sistema di monitoraggio capillare della qualità dell’aria. I device di rilevazione dialogano in rete con sistemi remoti non solo per segnalare i livelli delle principali emissioni nocive , ma anche meglio calibrare le rilevazioni.
  • > Solomobile.it [+be on the move copyright 2013 6 Da Venezia a Bologna Il Comune di Venezia ha dato corso a un progetto per rendere disponibili nuovi servizi con il supporto di Vodafone e Venis (Venezia Informatica e Sistemi Spa). Di esso fanno parte non solo iniziative per fare arrivare ovunque la banda larga e sistemi per il pagamento dei parcheggi via smartphone e SMS (Telepago) o per la segnalazione, via pannelli luminosi o sms, di messaggi gli alert per le maree, ma anche sistemi basati sull’M2M. Tramite Sim inserite nelle telecamere poste ai varchi delle ZTL (zone a traffico limitato), sugli autobus e sulle imbarcazioni in servizio rilevano quanto serve a comunicare poi in tempo reale cittadini e turisti eventuali ritardi o variazioni di percorso dei mezzi pubblici. A Bologna, prima città a libera la wifi dalla password e Smart City d'Italia 2013 secondo la graduatoria elaborata da Between, le iniziative in tema di smart city sono numerose, e meriterebbero una disamina ad hoc. Fra le tante e fra quelle riferibili all’M2M è quella partita a giugno che a breve consentirà, con l’apporto di Enel Sole, di ridurre i consumi energetici per l’illuminazione pubblica per oltre il 30%, attraverso l’installazione su tutti i nuovi lampioni e apparecchi illuminanti di sensori per il controllo da remoto in base alle effettive esigenze. Il progetto costerà circa 21 milioni di euro e permetterà di sostituire 45.000 vecchi lampioni e 5.000 semafori.
  • > Solomobile.it [+be on the move copyright 2013 7 Nell’area Expo 2015 Ancora a Milano, sotto il coordinamento scientifico del Cefriel del Politecnico di Milano si guarda ad Expo 2015. Protagonisti ancora ATM e poi InfoBlu, Sea, Serravalle, Ferrovie dello Stato e Trenord, per un approccio integrato in cui anche l’M2M assume rilevanza. Le applicazioni poggeranno su un’unica piattaforma tecnologica in capace di far comunicare tra loro oggetti e sistemi e denominata Expo Service Delivery Platform. Pur diverse anche per modalità di fruizione (l’output avverrà da pannelli, email, app mobili, sms, ed è potenzialmente estensibile a tutti i device comunicanti) raccoglieranno, aggiorneranno e restituiranno informazioni sempre aggiornate sul traffico stradale, treni e voli in partenza o in arrivo, circolazione dei mezzi pubblici disponibilità di posti nei parcheggi di raccordo fra le strade extraurbane e i capolinea della metropolitana. Fra queste è già l’app per Android (anche fruibile dal sito Web) lanciata da InfoBlu, società del gruppo Autostrade per l’Italia.
  • > Solomobile.it [+be on the move copyright 2013 8 Oltre le prime incertezze La via italiana alla Smart City sta ancora prendendo forma. Non è facile ricondurre all’M2M progetti che seguono logiche pubblicizzazione non sempre omogenee e con diversi accenti. Del resto anche lo stesso M2M, secondo Assinform (Rapporto 2013) è in tutto il mondo ancora allo stadio embrionale, distante dal paradigma del “tutto interconnesso” che promette 50 miliardi di device comunicanti tra loro nel 2020. Resta il fatto che l’M2M cresce e che conta sempre più per realizzare approcci smart, anche se alcuni fra gli ambiti potenzialmente più promettenti mancano ancora all’appello. Come quell’dell’e-health, che soffre ancora della scarsa consapevolezza di come e quanto la tecnologia possa aiutare proprio sul fronte del contenimento della spesa sanitaria. Sono poi fatti incoraggianti, anche se di contesto, la massiccia adesione dei comuni italiani al Patto dei Sindaci, il seguito avuto dai due bandi in tema di smart city lanciati dal Miur lo scorso anno per un totale di circa un miliardo di euro, i 162 progetti si smart city censiti da Smau-Politecnico lo scorso autunno, attesi attestarsi su valori più elevati quest’anno.
  • > Solomobile.it [+be on the move copyright 2013 9 Patto dei Sindaci: emissioni ed energia in chiave smart Il patto dei Sindaci è un’iniziativa lanciate dalla Commissione UE nell’ambito del programma Europa 2020, che declina gli obiettivi di abbattimento delle emissioni e di ottimizzazione dei consumi energetici in chiave di progettualità smart city. Su gli oltre 4400 comuni che hanno aderito, bel il 54% sono comuni italiani. Un fatto che si spiega solo in parte con la minor dimensione media dei comuni italiani. La marcia in più? Aggregazioni Le crescita dell’M2m in chiave smart city è certa. Meno certa è semmai la velocità con cui potrà concretizzarsi. C’è infatti ancora molto da migliorare sul fronte della connettività. C’è ancora immaturità sul fronte della gestione e dell’integrazione di grandi moli di dati, ciò che rimanda ai progressi che si faranno sul fronte del cloud computing e dei big data. Ma ad oggi le risorse e le competenze tecniche non mancano per quanto appare realizzabile a breve e nei centri urbani più strutturati; quelli destinati a creare effetto volano anche altrove. Il punto chiave è di portare al successo i programmi destinati ad aggregare i più diversi investitori, superando il problema della partnership pubblico-privato.
  • > Solomobile.it [+be on the move copyright 2013 10 Smart City: i top trend secondo IDC E’ del gennaio scorso lo studio di IDC sui top trend delle smart city nel mondo per i prossimi 12-18 mesi. Lo studio è intitolato “Worldwide Smart City 2013 Top 10 Predictions”. Per gli ambiti applicativi, a primi posti si confermeranno energia, trasporti e sicurezza: nel 2013 il 70% delle risorse sarà destinato a queste aree. Il 90% degli investimenti sarà ancora a carico delle Amministrazoni Pubbliche, centrali e locali. Tutto quanto riguarda l’ambito dei big data, centrale per la raccolta e il trattamento dei crescenti volumi di informazioni legate agli ambiti smart city, è destinato ad avere spinta. E lo stesso è atteso per tutto quanto ruota attorno all’M2M, anche se a partire da valori ancora contenuti e limitatamente ai centri urbani di medio-grandi dimensioni. Vivacità è prevista anche per le iniziative open data, che determineranno la nascita di nuove applicazioni mobili sfruttate dalla PAL per comunicare con cittadini e imprese. Oltre alla rete mobile saranno sempre più utilizzati i social network, su cui lavoreranno intensamente le smart community.
  • > Solomobile.it [+be on the move copyright 2013 11 Nessuno potrà fare da solo Le soluzioni ICT consentiranno il lancio di progetti e iniziative di qualsiasi tipo e la gran parte delle aziende ICT proporranno al mercato servizi dedicati. Nessuno potrà comunque fare da solo: già in a partire dal 2013 il 70% dei programmi presentati sarà dominato da joint venture e partnership pubblico/privato sempre più grandi e preferite per il modello di sostenibilità offerto. Hai trovato interessante questo white paper? Vieni a trovarci su SOLOMOBILE.IT, il canale di comunicazione b2b per i servizi mobile. Potrai accedere a 10 canali tematici ricchi di preziose informazioni per il tuo business. Per informazioni scrivi a redazione@solomobile.it Visita il nostro sito http://www.solomobile.it