Seminario sulla mobilità savant a carpi ( mo) dicembre 2012

249 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
249
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Seminario sulla mobilità savant a carpi ( mo) dicembre 2012

  1. 1. Carpi – città e mobilità savant – 4 dicembre 2012 Gli stati generali della bicicletta a Reggio EmiliaObbiettivi:1. crescere sino al 20% la percentuale modale di spostamenti in bici nei prossimi 10 anni2. Arrivare al 30% dove già si sia oltre il 153. Individuati i tre livelli di governance sui quali intervenire: nazionale, regionale e comunale.
  2. 2. Proposte nel medio periodo1. Livello Nazionale- Istituzione della “Direzione Generale per la Mobilità Ciclistica” che si occupi di mobilità ciclistica a livello nazionale, all’interno del MIT (Ministero Infrastrutture e Trasporti).
  3. 3. 2. Livello Regionale - Le Regioni si devono dotare di strumenti legislativi per lo sviluppo della mobilità ciclistica e delle reti ciclabili (leggi già approvate da Lombardia con L.R. n. 7/2009, Toscana con L.R. n. 27/12 e Calabria con L.R. 16/03 e in via di approvazione in Abruzzo e Puglia); - le leggi regionali di governo del territorio devono prevedere che all’interno degli strumenti di pianificazione del territorio e della mobilità siano necessariamente inseriti i piani di rete ciclabile alle varie scale, quali piani di settore, come previsti dalla legge n. 366/98 e dal DM 557/99.- La normativa regionale deve indicare la quota parte di urbanizzazione destinati alla mobilità ciclistica - Istituire l’Ufficio regionale Mobilità ciclistica
  4. 4. Livello Comunale-elevare gli indici di spostamenti in bicicletta (modal share) almeno al 20% entro 10 anni -Istituire l’Ufficio comunale Mobilità ciclistica. Si occupa dell’attuazione del piano di rete ciclabile comunale con interventi a supporto dell’offerta (infrastrutture ciclabili e moderazione del traffico)…………………
  5. 5. ………………………….e della domanda (cicloposteggi, campagnepromozionali, servizi, formazione dei tecnici esterni incaricati dellaprogettazione della rete all’interno dei piani attuativi).destinano nei piani di riparto dei proventi derivanti da multe, sosta eoneri di urbanizzazione, le somme a favore della mobilità ciclistica. All’interno delle norme di attuazione degli strumenti urbanistici i Comuni prevedono gli standard di dotazione per gli stalli per le bici ad uso pubblico e ad uso pertinenziale. I Comuni incentivano la necessaria partecipazione delle associazioni dei ciclisti nella redazione e realizzazione degli interventi in materia.
  6. 6.  I Comuni incentivano la necessaria partecipazione delle associazioni dei ciclisti nella redazione e realizzazione degli interventi in materia.
  7. 7. 4. Misure per favorire la mobilità dolce - Dotazione parcheggi - Esigenza di elaborare nuovi parametri, misure ed indicatori di costo/beneficio nella Pianificazione urbana per raffrontare scelte ed indirizzi strategici. - Assicurazione del ciclista agevolata e non obbligatoria - Innovazione tecnologica - Servizi, convenzioni e agevolazioni (Incentivare la nuova mobilità mettendo a disposizione locali idonei per vere e proprie “Stazioni di Servizio” anche mobili a supporto della ciclabilità).
  8. 8. Investimenti per agire sul territorio - Adeguamento ciclabile delle strade esistenti e di nuova progettazione - Zone 30 - Manutenzione (anche forma innovativa di occupazione) - Dotazione minima di stalli bici
  9. 9. UTRECTH: 95 per cento degli studentitra i 10 e I 12 anni di età raggiungono laloro scula in bicicletta il più delle voltedurante l’anno scolastico.
  10. 10. The Hague: la ciclabilità rappresenta il 27% di tutti gli spostamenti di una città di 500,000 abitanti, esattamente la media olandese. La municipalità ha speso negli ultimi anni unamedia 10 million di €/anno per aumentare la velocità ciclabile e la sua sicurezza.
  11. 11. Non solo ciclalibili e sicurezza ma anche ilparcheggio della è importante per aumentare laciclabilità e non solo nel centgro storico eviciono ad edifici che hanno funzioni di rangoelevato ( poste, municpio, etc).Mentre l’auto ha il “diritto” di essereparcheggiata di fornte o sottomcasa, la bici no.
  12. 12. E poi c’è il furto delle bici. Deve essere unapriorità per la municiplaità fare il possibileper evitare I furti, in tutti I modi.Vanno creati luoghi sicuri per la custodia dellebici in tutte le aree residenziali, nei centricommerciali, sui luoghi di lavoro e studio.
  13. 13. Groningen: 180.000 abitanti, 30 posteggi custoditiche ad un costo nominale assicura e tiene al sicurola bici. E non può essere altrimenti in una cittàdove il 60% degli spostamenti sono in bici. E poinelle aree densamente popolate altri cicloposteggi.1 posto auto, 1 ciclo posteggio

×