SlideShare a Scribd company logo
1 of 3
Download to read offline
Stampa | Staffetta Quotidiana                                                                                         25/05/12 11:30




                                                                                                  stampa | chiudi




  Copyright © RIP Srl
  Politica energetica nazionale                                                           venerdì 25 maggio 2012

 di Dario Di Santo
  Una pausa di riflessione prima del Piano energetico
  Una riflessione sulle lobby, sulle politiche caratterizzate da stop and go, sugli interventi miracolosi e di
  breve respiro affidati a emendamenti estemporanei. L'energia richiede pianificazione, conoscenza e
  organizzazione

      C'erano una volta gli Antichi Romani, che in qualche secolo seppero diffondere in un'ampia regione
 le loro idee di stato organizzato, interconnesso, fondato sulle infrastrutture e sul diritto (ovviamente
 questione di punti di vista).

        A calpestare le antiche consolari siamo rimasti noi, mentre le capacità organizzative e il senso di
 comunità devono essere rotolati dietro qualche pietra miliare. Di per sé non è un fatto negativo,
 sicuramente avremo delle qualità che i Latini di allora ci invidierebbero. Il fatto è che in un modo o
 nell'altro siamo sulla strada del declino. Non per colpa della crisi degli ultimi anni, dell'euro o di chissà
 quali cause esogene. Da questo punto di vista anche se l'apertura della Cina ai mercati non ha aiutato
 l'Italia – per le sue caratteristiche produttive più vicine all'artigianato e per l'incapacità di fare un fronte
 comune e di gestire le trasformazioni – e ha sicuramente avuto un effetto negativo su parte della nostra
 industria, i problemi nascono prima. E non è nemmeno colpa dei politici o delle istituzioni, ma di come
 siamo fatti noi e di come (non) funziona il sistema paese, sempre più chiuso su paure e individualismi.

      Un articolo a firma di Letizia Reichlin sul Corriere della Sera del 17 maggio ci ricorda dati noti, che
 ci vedono “arretrare” nel bel mezzo degli anni novanta, con un'incapacità di fondo di rimettere in pista il
 Paese. E non è certo questa la decrescita latouchiana che può intrigare alcuni. Nel tempo ci sta
 portando a un abbrutimento collettivo.

     Che c'entra con la Staffetta tutto questo? C'entra perché l'energia, oltre a essere il motore della
 nostra vita e della democrazia (attraverso la scolarizzazione diffusa) è, per le sue caratteristiche di
 complessità infrastrutturale, un tema che richiede pianificazione e, di conseguenza, conoscenza e
 organizzazione; ossia quello che nel nostro Paese al momento non esiste, se non in percentuali
 comparabili alle particelle di sodio fantasma della nota acqua minerale.

     Gli esempi di quanto faccia male agire senza basarsi su dati adeguati sono sotto gli occhi di tutti.
 Anche se recentemente la parte del leone la gioca il fotovoltaico, energetico Malaussène delle nostre
 soleggiate regioni, di inefficienze ne possiamo mettere a fattore comune molte di più. In un decennio
 abbondante siamo riusciti a essere molto improduttivi, in effetti.

      Abbiamo vissuto una fase di bolla del gas e poi una di crisi invernali del gas nonostante il crollo
 della domanda e parallelamente un deficit di potenza elettrica disponibile seguito da un eccesso della
 medesima potenza (che, tolto il fotovoltaico, rimane e stupisce). Avevamo un sistema elettrico con tanto
 termoelettrico e il pompaggio di modulazione, ora ci ritroviamo con “montarozzi” fotovoltaici giornalieri
 (basta guardare il diagramma di produzione del giorno di punta nei rapporti mensili di Terna) e il
 termoelettrico in modulazione per salvare gli investimenti fatti pochi anni prima, mentre le importazioni
 viaggiano apparentemente costanti (con un'alta percentuale di fonti non programmabili le reti non
 potrebbero aiutare a gestire i flussi legati all'energia solare in senso lato?). Fra un po' cominceranno a
 farsi sentire in bolletta gli interventi sulle reti, che arriveranno al solito in ritardo, e la modulazione locale
 condita di stoccaggio. Che dire poi dei contratti take or pay sul metano e l'elettricità? Presumibilmente
 convenienti all'inizio, lo sono anche ora, almeno in un'ottica di sistema? Speriamo di sì, ma certo
 qualche domanda conviene farsela anche su questo fronte.



http://www.staffettaonline.com/Stampa.aspx?id=105066                                                                    Pagina 1 di 3
Stampa | Staffetta Quotidiana                                                                                         25/05/12 11:30



       Sul fronte della generazione distribuita abbiamo i tentativi regolatori di gestire le connessioni
 selvagge che continuano a infrangersi sulla giustizia amministrativa e i sistemi efficienti d'utenza – i
 SEU introdotti perché producono benefici energetici e ambientali – che sono difficilissimi da usare, fra
 distributori che approfittano della mancata definizione di alcune regole e Agenzia delle Dogane che
 ritiene non possa esserci autoconsumo sul fronte delle accise. Molto più agevole la vita di RIU e SAAE.
 Da notare che più il sistema apporta benefici, più diventa difficile farvi ricorso.

      Insomma, in dieci anni abbiamo sì stravolto il sistema energetico, ma non proprio secondo le
 logiche e gli indirizzi decantati all'inizio.

      Poi c'è l'efficienza energetica negli usi finali, da sempre la soluzione migliore del mondo sotto tutti i
 punti di vista e dunque prioritaria per tutti i governi, i politici e le istituzioni. Peccato che quando si tratta
 di passare ai fatti i decreti collegati arrivino sempre per ultimi, a valle di tutto il resto. Dunque le priorità
 reali non coincidono con quelle dichiarate, e questo andrebbe anche bene, se le prime fossero più utili
 delle seconde, cosa di cui si può ragionevolmente dubitare. Chi vince, dove non si fondano le scelte sui
 dati, sono le lobby più forti.

      Almeno si potesse dire che tanta rappresentanza lobbistica aiuta chi ce l'ha! Le lobby raramente
 ragionano in un'ottica di sistema e ancora più raramente sanno proporre soluzioni meditate e ragionate,
 col risultato che la traduzione parlamentare dei loro desideri quando va bene richiede grandi sforzi per
 essere attuata e quando va male può addirittura sortire effetti opposti alle aspettative. In ogni caso il
 gioco consiste nell'intervenire il più frequentemente possibile, pronti a sistemare quanto prodotto spesso
 solo pochi mesi prima dal gruppo di interesse antagonista. I ministeri e le autorità preposte passano di
 conseguenza il loro tempo a fare e disfare provvedimenti, la maggior parte dei quali si ferma allo stato di
 bozza (senza parlare dei ricorsi alla giustizia amministrativa, che flagellano in particolare le autorità),
 con grande dispendio di energia e pochi effetti utili.

      La domanda che mi pongo è: cosa succederebbe se le associazioni di categoria fossero una per
 ambito (meno direttori e amministrativi, più “tecnici”), dedicassero un po' di risorse a studi di mercato e
 di settore seri (aiutate dallo Stato, capace di promuovere anche le misure di supporto e
 accompagnamento, e non solo gli incentivi all'installazione delle tecnologie), offrissero più servizi agli
 associati per aiutarli a operare nel mondo esistente, rinunciando a cercare sempre e solo più soldi del
 necessario, invece di eliminare gli ostacoli e le storture di mercato? E se il Parlamento, perché stimolato
 da lobby più mature, evitasse di cambiare direzione persino all'interno della stessa legislatura,
 rinunciasse ai commi miracolosi sparsi su provvedimenti dedicati a tutt'altro – raramente utili perché non
 inseriti in un contesto organico di modifiche – e consentisse così ai ministeri e alle autorità di lavorare su
 regole più stabili, ordinate e basate su studi di mercato e di settore e su indirizzi di medio periodo? E se
 gli operatori e gli utenti finali potessero perdere meno tempo nel seguire estenuanti modifiche e
 potessero costruire di più?

      Non credo sia solo un'utopia. Di meglio potremmo fare. Perché il vero problema, mentre ogni tanto
 qualcuno sostiene che in Italia si lavora poco per le troppe festività, è che lavoriamo troppo, ma per fare
 niente. Rispetto a dieci anni fa il ritmo è cresciuto, ma non la produttività, che è diminuita, perché
 avendo meno tempo per pensare e capire ciò che si fa, si finisce per agire a casaccio, cambiando
 spesso idea e facendo perdere tempo a chi ci circonda, sia un collega o un terzo. La continua
 ridefinizione degli obiettivi e delle vie per raggiungerli, tipica di chi non ha capito chi è e cosa vuole fare
 da grande, ci rende sempre meno capaci di combinare qualcosa di concreto e di costruttivo. E anzi
 genera un malcontento crescente perché si lavora male, perché gli altri ci lasciano senza contratti chiusi
 dopo mesi di trattative e noi facciamo lo stesso con altri ancora, tutti colpevoli pur essendolo sempre di
 meno.

     Questa non è politica energetica, sono d'accordo. Ma se non sapremo liberare le energie che
 abbiamo dentro dalle resistenze crescenti che le dissipano inutilmente, fra qualche anno saremo dei
 poveretti. E questo è un problema che trascende il nostro settore.

     Facciamolo questo piano energetico nazionale di cui molti parlano. Ma prima creiamo le condizioni
 per poterlo scrivere e rendere applicabile: investiamo in conoscenza e fermiamoci a meditare sul nostro
 modello di lavoro. Applichiamo i principi dei sistemi di gestione aziendale al nostro modo di fare.
 Troviamo il modo di mettere in discussione il diluvio di attività improduttive quotidiane per dedicare un
 po' di tempo a pensare. La tanto invocata crescita non potrà derivare da norme o slogan politici di
 movimenti vecchi o nuovi, ma da persone che sapranno dare spazio alle idee, valorizzare le capacità
 umane e incanalarle verso la costruzione. Le capacità per fare molto di più le abbiamo in questo Paese,

http://www.staffettaonline.com/Stampa.aspx?id=105066                                                                    Pagina 2 di 3
Stampa | Staffetta Quotidiana                                                                                    25/05/12 11:30



 sono dentro di noi. E una volta capito chi siamo, allora sì che tutte le strade porteranno a Roma.




                                                       © Tutti i diritti riservati
                        E' vietata la diffusione e o riproduzione anche parziale in qualsiasi mezzo e formato.




http://www.staffettaonline.com/Stampa.aspx?id=105066                                                               Pagina 3 di 3

More Related Content

Similar to Tutte le strade portano a Roma

Italia Patria del rovescio
Italia Patria del rovescioItalia Patria del rovescio
Italia Patria del rovescioDario Di Santo
 
Osservazioni FIRE sulla Strategia Energetica Nazionale (SEN)
Osservazioni FIRE sulla Strategia Energetica Nazionale (SEN)Osservazioni FIRE sulla Strategia Energetica Nazionale (SEN)
Osservazioni FIRE sulla Strategia Energetica Nazionale (SEN)Dario Di Santo
 
Know it - dicembre_2018
Know it - dicembre_2018Know it - dicembre_2018
Know it - dicembre_2018Flavio Petrino
 
il Portico 303 settembre 2013
il Portico 303 settembre 2013il Portico 303 settembre 2013
il Portico 303 settembre 2013novellara
 
Portico n.262 dicembre 2009
Portico n.262 dicembre 2009Portico n.262 dicembre 2009
Portico n.262 dicembre 2009novellara
 
Attenzione alle persone e cambiamento. La riforma al bivio
Attenzione alle persone e cambiamento. La riforma al bivioAttenzione alle persone e cambiamento. La riforma al bivio
Attenzione alle persone e cambiamento. La riforma al bivioFPA
 
Portico n.284
Portico n.284Portico n.284
Portico n.284novellara
 
Presentazione Agenda Digitale del Veneto
Presentazione Agenda Digitale del VenetoPresentazione Agenda Digitale del Veneto
Presentazione Agenda Digitale del VenetoCarlo Mochi Sismondi
 
Lettera cda 5 novembre 2012
Lettera cda 5 novembre 2012Lettera cda 5 novembre 2012
Lettera cda 5 novembre 2012Asati
 
Le politiche locali dopo Parigi - speech
Le politiche locali dopo Parigi - speechLe politiche locali dopo Parigi - speech
Le politiche locali dopo Parigi - speechANCI - Emilia Romagna
 
Lettera orari comp cpo naz slc cgil
Lettera orari comp  cpo naz  slc cgilLettera orari comp  cpo naz  slc cgil
Lettera orari comp cpo naz slc cgilFabio Bolo
 
Analisi di un anno di governo Monti - Antonio De Poli
Analisi di un anno di governo Monti - Antonio De Poli Analisi di un anno di governo Monti - Antonio De Poli
Analisi di un anno di governo Monti - Antonio De Poli Antonio De Poli
 
Elaborato seminario marta facci
Elaborato seminario marta facciElaborato seminario marta facci
Elaborato seminario marta facciClaudia Lanteri
 
Comunicato 25 gennaio
Comunicato 25 gennaioComunicato 25 gennaio
Comunicato 25 gennaioFabio Bolo
 
Relazione segr convegno 19 20 giugno
Relazione  segr  convegno 19 20 giugnoRelazione  segr  convegno 19 20 giugno
Relazione segr convegno 19 20 giugnoFabio Bolo
 
Compendio reti d'impresa
Compendio reti d'impresaCompendio reti d'impresa
Compendio reti d'impresaBHR Group
 
Riforma Pubblica Amministrazione
Riforma Pubblica Amministrazione Riforma Pubblica Amministrazione
Riforma Pubblica Amministrazione saramoretto80
 

Similar to Tutte le strade portano a Roma (20)

Italia Patria del rovescio
Italia Patria del rovescioItalia Patria del rovescio
Italia Patria del rovescio
 
Osservazioni FIRE sulla Strategia Energetica Nazionale (SEN)
Osservazioni FIRE sulla Strategia Energetica Nazionale (SEN)Osservazioni FIRE sulla Strategia Energetica Nazionale (SEN)
Osservazioni FIRE sulla Strategia Energetica Nazionale (SEN)
 
Know it - dicembre_2018
Know it - dicembre_2018Know it - dicembre_2018
Know it - dicembre_2018
 
il Portico 303 settembre 2013
il Portico 303 settembre 2013il Portico 303 settembre 2013
il Portico 303 settembre 2013
 
Il PAESC ai tempi della pandemia
Il PAESC ai tempi della pandemiaIl PAESC ai tempi della pandemia
Il PAESC ai tempi della pandemia
 
Portico n.262 dicembre 2009
Portico n.262 dicembre 2009Portico n.262 dicembre 2009
Portico n.262 dicembre 2009
 
Attenzione alle persone e cambiamento. La riforma al bivio
Attenzione alle persone e cambiamento. La riforma al bivioAttenzione alle persone e cambiamento. La riforma al bivio
Attenzione alle persone e cambiamento. La riforma al bivio
 
Portico n.284
Portico n.284Portico n.284
Portico n.284
 
Presentazione Agenda Digitale del Veneto
Presentazione Agenda Digitale del VenetoPresentazione Agenda Digitale del Veneto
Presentazione Agenda Digitale del Veneto
 
Lettera cda 5 novembre 2012
Lettera cda 5 novembre 2012Lettera cda 5 novembre 2012
Lettera cda 5 novembre 2012
 
Sostenibilità cosa vuol dire?
Sostenibilità cosa vuol dire?Sostenibilità cosa vuol dire?
Sostenibilità cosa vuol dire?
 
Le politiche locali dopo Parigi - speech
Le politiche locali dopo Parigi - speechLe politiche locali dopo Parigi - speech
Le politiche locali dopo Parigi - speech
 
Lettera orari comp cpo naz slc cgil
Lettera orari comp  cpo naz  slc cgilLettera orari comp  cpo naz  slc cgil
Lettera orari comp cpo naz slc cgil
 
Analisi di un anno di governo Monti - Antonio De Poli
Analisi di un anno di governo Monti - Antonio De Poli Analisi di un anno di governo Monti - Antonio De Poli
Analisi di un anno di governo Monti - Antonio De Poli
 
Elaborato seminario marta facci
Elaborato seminario marta facciElaborato seminario marta facci
Elaborato seminario marta facci
 
Comunicato 25 gennaio
Comunicato 25 gennaioComunicato 25 gennaio
Comunicato 25 gennaio
 
Relazione segr convegno 19 20 giugno
Relazione  segr  convegno 19 20 giugnoRelazione  segr  convegno 19 20 giugno
Relazione segr convegno 19 20 giugno
 
Compendio reti d'impresa
Compendio reti d'impresaCompendio reti d'impresa
Compendio reti d'impresa
 
Riforma Pubblica Amministrazione
Riforma Pubblica Amministrazione Riforma Pubblica Amministrazione
Riforma Pubblica Amministrazione
 
La riforma della Pubblica Amministrazione (4 agosto 2015)
La riforma della Pubblica Amministrazione (4 agosto 2015)La riforma della Pubblica Amministrazione (4 agosto 2015)
La riforma della Pubblica Amministrazione (4 agosto 2015)
 

More from Dario Di Santo

Audizione alla 10a Commissione della Camera sul recepimento della direttiva EPBD
Audizione alla 10a Commissione della Camera sul recepimento della direttiva EPBDAudizione alla 10a Commissione della Camera sul recepimento della direttiva EPBD
Audizione alla 10a Commissione della Camera sul recepimento della direttiva EPBDDario Di Santo
 
Il ruolo degli energy manager nella sanità
Il ruolo degli energy manager nella sanitàIl ruolo degli energy manager nella sanità
Il ruolo degli energy manager nella sanitàDario Di Santo
 
Certificati bianchi: storia, situazione e proposte
Certificati bianchi: storia, situazione e proposteCertificati bianchi: storia, situazione e proposte
Certificati bianchi: storia, situazione e proposteDario Di Santo
 
Efficienza e generazione distribuita: l'era dei prosumer
Efficienza e generazione distribuita: l'era dei prosumerEfficienza e generazione distribuita: l'era dei prosumer
Efficienza e generazione distribuita: l'era dei prosumerDario Di Santo
 
Fotovoltaico: considerazioni e prospettive
Fotovoltaico: considerazioni e prospettiveFotovoltaico: considerazioni e prospettive
Fotovoltaico: considerazioni e prospettiveDario Di Santo
 
rapporto energy manager FIRE 2018
rapporto energy manager FIRE 2018rapporto energy manager FIRE 2018
rapporto energy manager FIRE 2018Dario Di Santo
 
White certificates in Italy: will it overcome the huge challenges it has been...
White certificates in Italy: will it overcome the huge challenges it has been...White certificates in Italy: will it overcome the huge challenges it has been...
White certificates in Italy: will it overcome the huge challenges it has been...Dario Di Santo
 
Audizione FIRE presso la X Commissione della Camera dei Deputati
Audizione FIRE presso la X Commissione della Camera dei DeputatiAudizione FIRE presso la X Commissione della Camera dei Deputati
Audizione FIRE presso la X Commissione della Camera dei DeputatiDario Di Santo
 
Alcune considerazioni sugli obiettivi per l'efficienza energetica al 2030
Alcune considerazioni sugli obiettivi per l'efficienza energetica al 2030Alcune considerazioni sugli obiettivi per l'efficienza energetica al 2030
Alcune considerazioni sugli obiettivi per l'efficienza energetica al 2030Dario Di Santo
 
Il ruolo del fotovoltaico: situazione e prospettive
Il ruolo del fotovoltaico: situazione e prospettiveIl ruolo del fotovoltaico: situazione e prospettive
Il ruolo del fotovoltaico: situazione e prospettiveDario Di Santo
 
Incentivi per l'efficienza energetica e la cogenerazione
Incentivi per l'efficienza energetica e la cogenerazioneIncentivi per l'efficienza energetica e la cogenerazione
Incentivi per l'efficienza energetica e la cogenerazioneDario Di Santo
 
Il pacchetto clima energia: cosa attendersi per l'efficienza energetica
Il pacchetto clima energia: cosa attendersi per l'efficienza energeticaIl pacchetto clima energia: cosa attendersi per l'efficienza energetica
Il pacchetto clima energia: cosa attendersi per l'efficienza energeticaDario Di Santo
 
Finanziare l'efficienza energetica nell'industria
Finanziare l'efficienza energetica nell'industriaFinanziare l'efficienza energetica nell'industria
Finanziare l'efficienza energetica nell'industriaDario Di Santo
 
L'energy manager nella pubblica amministrazione
L'energy manager nella pubblica amministrazioneL'energy manager nella pubblica amministrazione
L'energy manager nella pubblica amministrazioneDario Di Santo
 
Certificati bianchi, uno schema complesso
Certificati bianchi, uno schema complessoCertificati bianchi, uno schema complesso
Certificati bianchi, uno schema complessoDario Di Santo
 
Efficienza energetica negli edifici alla luce delle nuove direttive
Efficienza energetica negli edifici alla luce delle nuove direttiveEfficienza energetica negli edifici alla luce delle nuove direttive
Efficienza energetica negli edifici alla luce delle nuove direttiveDario Di Santo
 
Energy industry challenges
Energy industry challengesEnergy industry challenges
Energy industry challengesDario Di Santo
 
EPC for the renovation of public buildings in Italy
EPC for the renovation of public buildings in ItalyEPC for the renovation of public buildings in Italy
EPC for the renovation of public buildings in ItalyDario Di Santo
 
Sfide efficienza energetica industria
Sfide efficienza energetica industriaSfide efficienza energetica industria
Sfide efficienza energetica industriaDario Di Santo
 
Decarbonizzazione: obiettivi, temi e limiti
Decarbonizzazione: obiettivi, temi e limitiDecarbonizzazione: obiettivi, temi e limiti
Decarbonizzazione: obiettivi, temi e limitiDario Di Santo
 

More from Dario Di Santo (20)

Audizione alla 10a Commissione della Camera sul recepimento della direttiva EPBD
Audizione alla 10a Commissione della Camera sul recepimento della direttiva EPBDAudizione alla 10a Commissione della Camera sul recepimento della direttiva EPBD
Audizione alla 10a Commissione della Camera sul recepimento della direttiva EPBD
 
Il ruolo degli energy manager nella sanità
Il ruolo degli energy manager nella sanitàIl ruolo degli energy manager nella sanità
Il ruolo degli energy manager nella sanità
 
Certificati bianchi: storia, situazione e proposte
Certificati bianchi: storia, situazione e proposteCertificati bianchi: storia, situazione e proposte
Certificati bianchi: storia, situazione e proposte
 
Efficienza e generazione distribuita: l'era dei prosumer
Efficienza e generazione distribuita: l'era dei prosumerEfficienza e generazione distribuita: l'era dei prosumer
Efficienza e generazione distribuita: l'era dei prosumer
 
Fotovoltaico: considerazioni e prospettive
Fotovoltaico: considerazioni e prospettiveFotovoltaico: considerazioni e prospettive
Fotovoltaico: considerazioni e prospettive
 
rapporto energy manager FIRE 2018
rapporto energy manager FIRE 2018rapporto energy manager FIRE 2018
rapporto energy manager FIRE 2018
 
White certificates in Italy: will it overcome the huge challenges it has been...
White certificates in Italy: will it overcome the huge challenges it has been...White certificates in Italy: will it overcome the huge challenges it has been...
White certificates in Italy: will it overcome the huge challenges it has been...
 
Audizione FIRE presso la X Commissione della Camera dei Deputati
Audizione FIRE presso la X Commissione della Camera dei DeputatiAudizione FIRE presso la X Commissione della Camera dei Deputati
Audizione FIRE presso la X Commissione della Camera dei Deputati
 
Alcune considerazioni sugli obiettivi per l'efficienza energetica al 2030
Alcune considerazioni sugli obiettivi per l'efficienza energetica al 2030Alcune considerazioni sugli obiettivi per l'efficienza energetica al 2030
Alcune considerazioni sugli obiettivi per l'efficienza energetica al 2030
 
Il ruolo del fotovoltaico: situazione e prospettive
Il ruolo del fotovoltaico: situazione e prospettiveIl ruolo del fotovoltaico: situazione e prospettive
Il ruolo del fotovoltaico: situazione e prospettive
 
Incentivi per l'efficienza energetica e la cogenerazione
Incentivi per l'efficienza energetica e la cogenerazioneIncentivi per l'efficienza energetica e la cogenerazione
Incentivi per l'efficienza energetica e la cogenerazione
 
Il pacchetto clima energia: cosa attendersi per l'efficienza energetica
Il pacchetto clima energia: cosa attendersi per l'efficienza energeticaIl pacchetto clima energia: cosa attendersi per l'efficienza energetica
Il pacchetto clima energia: cosa attendersi per l'efficienza energetica
 
Finanziare l'efficienza energetica nell'industria
Finanziare l'efficienza energetica nell'industriaFinanziare l'efficienza energetica nell'industria
Finanziare l'efficienza energetica nell'industria
 
L'energy manager nella pubblica amministrazione
L'energy manager nella pubblica amministrazioneL'energy manager nella pubblica amministrazione
L'energy manager nella pubblica amministrazione
 
Certificati bianchi, uno schema complesso
Certificati bianchi, uno schema complessoCertificati bianchi, uno schema complesso
Certificati bianchi, uno schema complesso
 
Efficienza energetica negli edifici alla luce delle nuove direttive
Efficienza energetica negli edifici alla luce delle nuove direttiveEfficienza energetica negli edifici alla luce delle nuove direttive
Efficienza energetica negli edifici alla luce delle nuove direttive
 
Energy industry challenges
Energy industry challengesEnergy industry challenges
Energy industry challenges
 
EPC for the renovation of public buildings in Italy
EPC for the renovation of public buildings in ItalyEPC for the renovation of public buildings in Italy
EPC for the renovation of public buildings in Italy
 
Sfide efficienza energetica industria
Sfide efficienza energetica industriaSfide efficienza energetica industria
Sfide efficienza energetica industria
 
Decarbonizzazione: obiettivi, temi e limiti
Decarbonizzazione: obiettivi, temi e limitiDecarbonizzazione: obiettivi, temi e limiti
Decarbonizzazione: obiettivi, temi e limiti
 

Tutte le strade portano a Roma

  • 1. Stampa | Staffetta Quotidiana 25/05/12 11:30 stampa | chiudi Copyright © RIP Srl Politica energetica nazionale venerdì 25 maggio 2012 di Dario Di Santo Una pausa di riflessione prima del Piano energetico Una riflessione sulle lobby, sulle politiche caratterizzate da stop and go, sugli interventi miracolosi e di breve respiro affidati a emendamenti estemporanei. L'energia richiede pianificazione, conoscenza e organizzazione C'erano una volta gli Antichi Romani, che in qualche secolo seppero diffondere in un'ampia regione le loro idee di stato organizzato, interconnesso, fondato sulle infrastrutture e sul diritto (ovviamente questione di punti di vista). A calpestare le antiche consolari siamo rimasti noi, mentre le capacità organizzative e il senso di comunità devono essere rotolati dietro qualche pietra miliare. Di per sé non è un fatto negativo, sicuramente avremo delle qualità che i Latini di allora ci invidierebbero. Il fatto è che in un modo o nell'altro siamo sulla strada del declino. Non per colpa della crisi degli ultimi anni, dell'euro o di chissà quali cause esogene. Da questo punto di vista anche se l'apertura della Cina ai mercati non ha aiutato l'Italia – per le sue caratteristiche produttive più vicine all'artigianato e per l'incapacità di fare un fronte comune e di gestire le trasformazioni – e ha sicuramente avuto un effetto negativo su parte della nostra industria, i problemi nascono prima. E non è nemmeno colpa dei politici o delle istituzioni, ma di come siamo fatti noi e di come (non) funziona il sistema paese, sempre più chiuso su paure e individualismi. Un articolo a firma di Letizia Reichlin sul Corriere della Sera del 17 maggio ci ricorda dati noti, che ci vedono “arretrare” nel bel mezzo degli anni novanta, con un'incapacità di fondo di rimettere in pista il Paese. E non è certo questa la decrescita latouchiana che può intrigare alcuni. Nel tempo ci sta portando a un abbrutimento collettivo. Che c'entra con la Staffetta tutto questo? C'entra perché l'energia, oltre a essere il motore della nostra vita e della democrazia (attraverso la scolarizzazione diffusa) è, per le sue caratteristiche di complessità infrastrutturale, un tema che richiede pianificazione e, di conseguenza, conoscenza e organizzazione; ossia quello che nel nostro Paese al momento non esiste, se non in percentuali comparabili alle particelle di sodio fantasma della nota acqua minerale. Gli esempi di quanto faccia male agire senza basarsi su dati adeguati sono sotto gli occhi di tutti. Anche se recentemente la parte del leone la gioca il fotovoltaico, energetico Malaussène delle nostre soleggiate regioni, di inefficienze ne possiamo mettere a fattore comune molte di più. In un decennio abbondante siamo riusciti a essere molto improduttivi, in effetti. Abbiamo vissuto una fase di bolla del gas e poi una di crisi invernali del gas nonostante il crollo della domanda e parallelamente un deficit di potenza elettrica disponibile seguito da un eccesso della medesima potenza (che, tolto il fotovoltaico, rimane e stupisce). Avevamo un sistema elettrico con tanto termoelettrico e il pompaggio di modulazione, ora ci ritroviamo con “montarozzi” fotovoltaici giornalieri (basta guardare il diagramma di produzione del giorno di punta nei rapporti mensili di Terna) e il termoelettrico in modulazione per salvare gli investimenti fatti pochi anni prima, mentre le importazioni viaggiano apparentemente costanti (con un'alta percentuale di fonti non programmabili le reti non potrebbero aiutare a gestire i flussi legati all'energia solare in senso lato?). Fra un po' cominceranno a farsi sentire in bolletta gli interventi sulle reti, che arriveranno al solito in ritardo, e la modulazione locale condita di stoccaggio. Che dire poi dei contratti take or pay sul metano e l'elettricità? Presumibilmente convenienti all'inizio, lo sono anche ora, almeno in un'ottica di sistema? Speriamo di sì, ma certo qualche domanda conviene farsela anche su questo fronte. http://www.staffettaonline.com/Stampa.aspx?id=105066 Pagina 1 di 3
  • 2. Stampa | Staffetta Quotidiana 25/05/12 11:30 Sul fronte della generazione distribuita abbiamo i tentativi regolatori di gestire le connessioni selvagge che continuano a infrangersi sulla giustizia amministrativa e i sistemi efficienti d'utenza – i SEU introdotti perché producono benefici energetici e ambientali – che sono difficilissimi da usare, fra distributori che approfittano della mancata definizione di alcune regole e Agenzia delle Dogane che ritiene non possa esserci autoconsumo sul fronte delle accise. Molto più agevole la vita di RIU e SAAE. Da notare che più il sistema apporta benefici, più diventa difficile farvi ricorso. Insomma, in dieci anni abbiamo sì stravolto il sistema energetico, ma non proprio secondo le logiche e gli indirizzi decantati all'inizio. Poi c'è l'efficienza energetica negli usi finali, da sempre la soluzione migliore del mondo sotto tutti i punti di vista e dunque prioritaria per tutti i governi, i politici e le istituzioni. Peccato che quando si tratta di passare ai fatti i decreti collegati arrivino sempre per ultimi, a valle di tutto il resto. Dunque le priorità reali non coincidono con quelle dichiarate, e questo andrebbe anche bene, se le prime fossero più utili delle seconde, cosa di cui si può ragionevolmente dubitare. Chi vince, dove non si fondano le scelte sui dati, sono le lobby più forti. Almeno si potesse dire che tanta rappresentanza lobbistica aiuta chi ce l'ha! Le lobby raramente ragionano in un'ottica di sistema e ancora più raramente sanno proporre soluzioni meditate e ragionate, col risultato che la traduzione parlamentare dei loro desideri quando va bene richiede grandi sforzi per essere attuata e quando va male può addirittura sortire effetti opposti alle aspettative. In ogni caso il gioco consiste nell'intervenire il più frequentemente possibile, pronti a sistemare quanto prodotto spesso solo pochi mesi prima dal gruppo di interesse antagonista. I ministeri e le autorità preposte passano di conseguenza il loro tempo a fare e disfare provvedimenti, la maggior parte dei quali si ferma allo stato di bozza (senza parlare dei ricorsi alla giustizia amministrativa, che flagellano in particolare le autorità), con grande dispendio di energia e pochi effetti utili. La domanda che mi pongo è: cosa succederebbe se le associazioni di categoria fossero una per ambito (meno direttori e amministrativi, più “tecnici”), dedicassero un po' di risorse a studi di mercato e di settore seri (aiutate dallo Stato, capace di promuovere anche le misure di supporto e accompagnamento, e non solo gli incentivi all'installazione delle tecnologie), offrissero più servizi agli associati per aiutarli a operare nel mondo esistente, rinunciando a cercare sempre e solo più soldi del necessario, invece di eliminare gli ostacoli e le storture di mercato? E se il Parlamento, perché stimolato da lobby più mature, evitasse di cambiare direzione persino all'interno della stessa legislatura, rinunciasse ai commi miracolosi sparsi su provvedimenti dedicati a tutt'altro – raramente utili perché non inseriti in un contesto organico di modifiche – e consentisse così ai ministeri e alle autorità di lavorare su regole più stabili, ordinate e basate su studi di mercato e di settore e su indirizzi di medio periodo? E se gli operatori e gli utenti finali potessero perdere meno tempo nel seguire estenuanti modifiche e potessero costruire di più? Non credo sia solo un'utopia. Di meglio potremmo fare. Perché il vero problema, mentre ogni tanto qualcuno sostiene che in Italia si lavora poco per le troppe festività, è che lavoriamo troppo, ma per fare niente. Rispetto a dieci anni fa il ritmo è cresciuto, ma non la produttività, che è diminuita, perché avendo meno tempo per pensare e capire ciò che si fa, si finisce per agire a casaccio, cambiando spesso idea e facendo perdere tempo a chi ci circonda, sia un collega o un terzo. La continua ridefinizione degli obiettivi e delle vie per raggiungerli, tipica di chi non ha capito chi è e cosa vuole fare da grande, ci rende sempre meno capaci di combinare qualcosa di concreto e di costruttivo. E anzi genera un malcontento crescente perché si lavora male, perché gli altri ci lasciano senza contratti chiusi dopo mesi di trattative e noi facciamo lo stesso con altri ancora, tutti colpevoli pur essendolo sempre di meno. Questa non è politica energetica, sono d'accordo. Ma se non sapremo liberare le energie che abbiamo dentro dalle resistenze crescenti che le dissipano inutilmente, fra qualche anno saremo dei poveretti. E questo è un problema che trascende il nostro settore. Facciamolo questo piano energetico nazionale di cui molti parlano. Ma prima creiamo le condizioni per poterlo scrivere e rendere applicabile: investiamo in conoscenza e fermiamoci a meditare sul nostro modello di lavoro. Applichiamo i principi dei sistemi di gestione aziendale al nostro modo di fare. Troviamo il modo di mettere in discussione il diluvio di attività improduttive quotidiane per dedicare un po' di tempo a pensare. La tanto invocata crescita non potrà derivare da norme o slogan politici di movimenti vecchi o nuovi, ma da persone che sapranno dare spazio alle idee, valorizzare le capacità umane e incanalarle verso la costruzione. Le capacità per fare molto di più le abbiamo in questo Paese, http://www.staffettaonline.com/Stampa.aspx?id=105066 Pagina 2 di 3
  • 3. Stampa | Staffetta Quotidiana 25/05/12 11:30 sono dentro di noi. E una volta capito chi siamo, allora sì che tutte le strade porteranno a Roma. © Tutti i diritti riservati E' vietata la diffusione e o riproduzione anche parziale in qualsiasi mezzo e formato. http://www.staffettaonline.com/Stampa.aspx?id=105066 Pagina 3 di 3