Genetica

16,887 views

Published on

Le leggi dell'ereditarietà: la genetica mendeliana e quella moderna

Published in: Education, Lifestyle, Technology
0 Comments
5 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
16,887
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1,883
Actions
Shares
0
Downloads
300
Comments
0
Likes
5
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Genetica

  1. 1. Prof. ssa R. Coianiz GENETICA
  2. 3. MAPPA DELLA PRESENTAZIONE <ul><li>PRIME OSSERVAZIONI </li></ul><ul><li>NASCITA DELLA GENETICA: </li></ul><ul><li>studi ed esperimenti di Mendel </li></ul><ul><li>- scelta del modello: Pisum sativum (caratteri) </li></ul><ul><li>- esperimenti  leggi </li></ul><ul><li>- che cosa non aveva spiegato Mendel </li></ul><ul><li> GENETICA MODERNA </li></ul><ul><li>- geni e cromosomi </li></ul><ul><li>- spiegazione delle leggi di Mendel </li></ul>
  3. 4. <ul><li>Perché assomigliamo ai nostri genitori? </li></ul>
  4. 5. <ul><li>Perché da genitori con gli occhi castani possono nascere figli con gli occhi azzurri? </li></ul>
  5. 6. <ul><li>I caratteri vengono ereditati casualmente </li></ul><ul><li>o secondo </li></ul><ul><li>precise regole? </li></ul>
  6. 7. <ul><li>È utile </li></ul><ul><li>conoscere </li></ul><ul><li>la genetica? </li></ul>
  7. 8. <ul><li>La genetica </li></ul><ul><li>riguarda la nostra vita di tutti </li></ul><ul><li>i giorni? </li></ul>
  8. 9. <ul><li>Hai mai </li></ul><ul><li>mangiato </li></ul><ul><li>un OGM? </li></ul>
  9. 10. Genitori… Stefania Sandrelli Kirk Douglas Ingrid Bergman
  10. 11. … e figli Amanda Sandrelli Michael Douglas Isabella Rossellini
  11. 12. <ul><li>Nei figli </li></ul><ul><li>i caratteri </li></ul><ul><li>dei genitori </li></ul><ul><li>si mescolano </li></ul><ul><li>a caso come in </li></ul><ul><li>una tavolozza </li></ul><ul><li>di colori? </li></ul>
  12. 13. <ul><li>Ossia, se la madre ha i capelli castano scuro e il padre è biondo, i figli avranno i capelli di un colore intermedio? </li></ul>
  13. 14. IL PADRE DELLA GENETICA Il primo che cercò di rispondere scientificamente a questa domanda fu il monaco agostiniano Gregor Mendel . 1822 - 1884
  14. 15. IL PADRE DELLA GENETICA Egli è considerato il padre della genetica , cioè della scienza che si occupa della trasmissione dei caratteri ereditari. 1822 - 1884
  15. 16. IL PADRE DELLA GENETICA Mendel, nel 1856, nell’ abazia di Br ün n, allo-ra in Austria (oggi è Brno , nella repubblica Ceca) iniziò a fare incroci con le piante di pisello. 1822 - 1884
  16. 17. IL PADRE DELLA GENETICA Fece esperimenti per dieci anni, utilizzando circa 30 · 000 piante e conteggiò scrupolosamente i risultati ottenuti.
  17. 18. L’abazia…
  18. 19. … e l’orto dei suoi esperimenti
  19. 20. Scelse di utilizzare il Pisum sativum ( pisello degli orti ), che presen-tava alcune caratteri-stiche ben precise e diversi vantaggi:  si trovavano in commercio varietà già selezionate (ad esempio a fiori rossi o a fiori bianchi);
  20. 21.  si potevano incrocia-re liberamente gli indi-vidui tra loro (anche tra piante genitori e figlie);  si ottenevano veloce-mente i discendenti de-gli incroci;  i discendenti (semi di pisello) erano numerosi e permettevano di ave-re un campione signifi-cativo per i conteggi;
  21. 22.  si potevano conoscere esattamente i genitori degli incroci, grazie all’impollinazione incrociata “guidata” (v. dopo).
  22. 23. Ripassino… <ul><li>Chi era Mendel? </li></ul><ul><li>In che periodo ha effettuato i suoi studi? </li></ul><ul><li>Che cosa voleva scoprire? </li></ul><ul><li>Che piante scelse di studiare? </li></ul><ul><li>Perché? </li></ul>?
  23. 24. Esse differivano per queste caratteristiche: Colore del fiore ( rosso porpora o bianco )
  24. 25. Esse differivano per queste caratteristiche: Colore del seme ( giallo o verde )
  25. 26. Esse differivano per queste caratteristiche: Forma del seme ( liscio o rugoso )
  26. 27. Esse differivano per queste caratteristiche: Altezza del fusto ( alto o basso )
  27. 28. Esse differivano per queste caratteristiche: Inserimento dei fiori ( lungo il fusto o solo al termine )
  28. 29. Esse differivano per queste caratteristiche: Forma del baccello ( liscio o con rientranze )
  29. 30. Esse differivano per queste caratteristiche: Colore del baccello ( verde o giallo )
  30. 31. <ul><li>Mendel scelse (molto saggiamente) di studiare poche caratteristiche per volta. </li></ul>I petali del pisello avvolgono ovario ed antére, per cui, in natura, il fiore si autofeconda ( autoimpollinazione ).
  31. 32. <ul><li>Per controllare meglio gli esperimenti e poter selezionare i genitori, eliminò la parte maschile di alcuni fiori e impollinò questi con il polline (cioè i gameti maschili) ottenuto da altri fiori ( impollina-zione incrociata ). </li></ul>
  32. 33. Mendel incrociò dunque fra loro ripetutamente fiori con lo stesso colore, in modo da ottenere solo discendenti con fiori solo rossi o solo bianchi e li chiamò linee pure .
  33. 34. Poi incrociò fra loro le linee pure e ottenne discendenti che chiamò ibridi .
  34. 35. Ripassino… <ul><li>Che cosa sono le linee pure? </li></ul><ul><li>Che cosa sono gli ibridi? </li></ul><ul><li>Che caratteri presentano </li></ul><ul><li>i piselli degli orti? </li></ul><ul><li>Che cos’è l’impollinazione incrociata? </li></ul>?
  35. 36. Prepara tre pagine del quaderno in questo modo: (qui dovrai disegnare dei fiori, riportando gli esperi-menti di Mendel) (qui dovrai in seguito rappresen-tare delle tabelle che li spieghino) almeno 17 quadretti 1° ESPERIMENTO 1ª LEGGE: della ……………………
  36. 37. Prepara tre pagine del quaderno in questo modo: 2° ESPERIMENTO 2ª LEGGE: della ……………………
  37. 38. Prepara tre pagine del quaderno in questo modo: 3° ESPERIMENTO 3ª LEGGE: della ……………………
  38. 39. IL PRIMO ESPERIMENTO rosso P bianco tutti rossi F1 Il bianco è scomparso? generazione P arentale 1ª generazione F iliale linea pura linea pura
  39. 40. IL PRIMO ESPERIMENTO rosso P bianco tutti rossi F1 linea pura linea pura Dato che il colore rosso domina nei discendenti (che sono TUTTI di questo colore), Mendel chiamò DOMINANTE la linea pura rossa e RECESSIVA quella bianca, che sembra scomparsa. Il bianco è scomparso?
  40. 41. 1ª LEGGE DI MENDEL o LEGGE DELLA DOMINANZA Incrociando una linea pura dominante ed una recessiva si ottengono solo discendenti dominanti ( uniformità degli ibridi ) rosso P bianco tutti rossi F1 linea pura linea pura
  41. 42. Mendel, con esperimenti sugli altri caratteri, scoperse che tutti i caratteri della pianta si comportavano in questo modo.
  42. 43. Dominanti e recessivi
  43. 44. Dominanti e recessivi Consideriamo, per praticità, solo questi caratteri e teniamo a mente che sono dominanti i fiori rossi e i semi gialli e lisci .
  44. 45. Quali sono dominanti ? ?
  45. 46. Ripassino… <ul><li>Come è chiamata la prima legge di Mendel? </li></ul><ul><li>Che cosa afferma la prima legge di Mendel? </li></ul><ul><li>Che cos’è l’uniformità degli ibridi della F1? </li></ul>?
  46. 47. IL SECONDO ESPERIMENTO rosso F1 ibrido ibrido rosso Nel secondo esperimento Mendel incrociò due individui della prima generazione, cioè due ibridi (in pratica, due fratelli)
  47. 48. IL SECONDO ESPERIMENTO rosso F1 bianchi rossi F2 75% 1ª generazione F iliale 2ª generazione F iliale ibrido ibrido rosso 25%
  48. 49. IL SECONDO ESPERIMENTO rosso F1 bianchi rossi F2 75% ibrido ibrido rosso 25% Nei discendenti ricompare il colore bianco (recessivo)! Si ottengono ¾ rossi e ¼ bianchi
  49. 50. 2ª LEGGE DI MENDEL o LEGGE DELLA SEGREGAZIONE Dall’incrocio di due ibridi , il 75% dei discendenti è dominante e il 25% è recessivo (il carattere recessivo sègrega , cioè si separa da quello dominante) rosso F1 bianchi rossi F2 75% ibrido ibrido rosso 25%
  50. 51. <ul><li>La 1ª e la 2ª legge valgono anche se consideriamo gli altri caratteri, ad esempio il tipo di seme (liscio o rugoso) </li></ul>P F1 F2 tutti lisci liscio rugoso ¾ liscio ¼ rugoso
  51. 52. Ripassino… <ul><li>Come è chiamata la seconda </li></ul><ul><li>legge di Mendel? </li></ul><ul><li>Che cosa afferma la seconda legge di Mendel? </li></ul><ul><li>Che cosa significa che il carattere recessivo si separa? </li></ul><ul><li>Che cosa significano P, F1 e F2? </li></ul>?
  52. 53. PAROLE CHIAVE GENETICA Scienza che studia le leggi che regolano la trasmissione dei caratteri ereditari.
  53. 54. PAROLE CHIAVE AUTOIMPOLLINAZIONE Autofecondazione di alcune piante, per cui il polline di una pianta feconda gli ovuli della medesima pianta.
  54. 55. PAROLE CHIAVE IMPOLLINAZIONE INCROCIATA Fecondazione di alcune piante, per cui il polline di una pianta feconda l’ovulo di un’altra pianta.
  55. 56. PAROLE CHIAVE LINEA PURA Organismo la cui discendenza mostra un solo tipo di carattere (omozigote).
  56. 57. PAROLE CHIAVE IBRIDO Organismo derivato dall’ incrocio di due linee pure; mostra il carattere dominante, ma porta in sé anche quello recessivo.
  57. 58. PAROLE CHIAVE CARATTERE DOMINANTE Carattere che si mostra sempre, dominando su quello recessivo, alternativo ad esso.
  58. 59. PAROLE CHIAVE CARATTERE RECESSIVO Carattere che si mostra solo nelle linee pure.
  59. 60. IL TERZO ESPERIMENTO Infine Mendel ha incrociato linee pure considerando contemporaneamente due caratteri (ad esempio il colore ed il tipo di seme): giallo x verde (dominante) (recessivo) liscio x rugoso (dominante) (recessivo)
  60. 61. IL TERZO ESPERIMENTO Giallo e Liscio P F1 verde e rugoso F2 Giallo Liscio verde Liscio Giallo rugoso verde rugoso Giallo Liscio 9_ 16 3_ 16 3_ 16 1_ 16
  61. 62. 3ª LEGGE DI MENDEL o LEGGE DELL’INDIPENDENZA DEI CARATTERI Dall’incrocio di due individui che differiscono per due o più caratteri, ognuno di questi si trasmette ai discendenti seguendo la 1ª e la 2ª legge, indipendentemente dagli altri caratteri.
  62. 63. Che cosa non seppe spiegare <ul><li>Mendel chiamò fattori ereditari i caratteri ereditati dai genitori, ma non ne seppe spiegare la natura fisica (i cromosomi non erano an-cora stati scoperti). </li></ul>
  63. 64. Che cosa non seppe spiegare I suoi risultati furono pubblicati nel 1866, dopo 10 anni di esperi-menti.
  64. 65. Che cosa non seppe spiegare Le sue scoperte non ebbero successo nel mondo scientifico di allora e ven-nero dimenticate: la scienza infatti considerava l'ereditarietà solo come un particolare momento dello svilup-po.
  65. 66. In seguito Mendel abbandonò i suoi studi: nominato abate, si occupò esclusivamente della conduzione dell’abazia.
  66. 67. Finchè, nel 1900, tre scienziati riscoprirono le sue ricerche, simul-taneamente e “indipendentemente” in Olanda, in Germania ed in Austria… Hugo de Vries Carl Correns Erich von Tschermak
  67. 68. http://www.mendel-museum.org/
  68. 69. GENETICA MODERNA Prof. ssa R. Coianiz
  69. 70. ovvero COME SI SPIEGANO LE LEGGI DI MENDEL … e molto altro…
  70. 71. <ul><li>Successivamente agli studi di Mendel si scoperse che ogni carattere è presente in due varianti, detti alléli , di cui uno è dominante ed uno è recessivo, ossia, in presenza di quello dominante, l’allele recessivo non si mostra, viene “nascosto” da questo. </li></ul><ul><li>Gli alleli corrispondono a geni nella stessa posizione sul cromosoma. </li></ul>Gli alleli
  71. 72. <ul><li>Ad esempio: </li></ul><ul><li>Gli alleli per la calvizie umana sono posti sul cromosoma 5 </li></ul><ul><li>in questa posizione: </li></ul><ul><li>Gli alleli per i capelli rossi si trovano invece sul cromosoma 18: </li></ul>Gli alleli
  72. 73. <ul><li>L’ allele dominante viene indicato con una lettera maiuscola (ad esempio A ), che di solito è l’iniziale del nome del carattere; </li></ul><ul><li>quello recessivo si indica con la stessa lettera , ma minuscola ( a ). </li></ul><ul><li>Ad esempio: per il pisello degli orti il colore del fiore rosso è R (perché è dominante), mentre quello bianco è r . </li></ul>Gli alleli
  73. 74. <ul><li>Quante combinazioni fra i due alleli sono possibili? </li></ul>Gli alleli
  74. 75. <ul><li>Sono possibili tre combinazioni: </li></ul><ul><li>Aa  vedo il carattere dominante </li></ul><ul><li>perché c’è l’allele dominante </li></ul><ul><li>AA  vedo il carattere dominante </li></ul><ul><li>perché c’è l’allele dominante </li></ul><ul><li>aa  vedo il carattere recessivo </li></ul><ul><li>perché non c’è l’allele dominante </li></ul><ul><li> che lo copre </li></ul>Gli alleli
  75. 76. <ul><li>Se gli alleli sono diversi , l’individuo è un eterozigote (corrisponde a un ibrido di Mendel). I casi in cui gli alleli sono identici si chiamano omozigoti (e corrispondono alle linee pure di Mendel). </li></ul><ul><li>GENETICA MODERNA GENETICA MENDELIANA </li></ul><ul><li>Aa  eterozigote (ibrido) </li></ul><ul><li>AA  omozigote dominante (linea pura) </li></ul><ul><li>aa  omozigote recessivo (linea pura) </li></ul>
  76. 77. <ul><li>La composizione di alleli di un individuo per un certo carattere è detta genotipo , mentre </li></ul><ul><li>il modo in cui si mostra (appare) il carattere è detto fenotipo </li></ul><ul><li>(dal greco, pheno = mostrarsi) . </li></ul>Genotipo e fenotipo
  77. 78. Genotipo e fenotipo recessivo aa (omozigote recessivo) dominante AA (omozigote dominante) dominante Aa (eterozigote) fenotipo corrispondente genotipo
  78. 79. <ul><li>Così il colore dei fiori del pisello, che può essere rosso ( R ) o bianco ( r ), presenta queste possibilità: </li></ul>Genotipo e fenotipo bianco rr rosso RR rosso Rr fenotipo corrispondente genotipo
  79. 80. <ul><li>Viceversa, dal fenotipo non si può sempre risalire al genotipo corrispondente: </li></ul>Genotipo e fenotipo sicuramente è solo rr bianco può essere RR oppure Rr (si indica con R _) rosso genotipo corrispondente fenotipo
  80. 81. <ul><li>Com’è il genotipo dei fiori di pisello qui sotto? </li></ul><ul><li>E sono omozigoti o eterozigoti? </li></ul><ul><li>Dominanti o recessivi? </li></ul>?
  81. 82. <ul><li>Com’è il genotipo dei fiori di pisello qui sotto? </li></ul><ul><li>E sono omozigoti o eterozigoti? </li></ul><ul><li>Dominanti o recessivi? </li></ul>? rr omozigote recessivo
  82. 83. <ul><li>Com’è il genotipo dei fiori di pisello qui sotto? </li></ul><ul><li>E sono omozigoti o eterozigoti? </li></ul><ul><li>Dominanti o recessivi? </li></ul>?
  83. 84. <ul><li>Com’è il genotipo dei fiori di pisello qui sotto? </li></ul><ul><li>E sono omozigoti o eterozigoti? </li></ul><ul><li>Dominanti o recessivi? </li></ul>? R_ , cioè R r o R R eterozigote oppure omozigote dominante
  84. 85. Diagrammi di Punnett <ul><li>Per rappresentare i genotipi possibili dei discendenti si utilizzano tabelle dette diagrammi di Punnett in cui si incrociano i gameti prodotti dai genitori. </li></ul><ul><li>I diagrammi di Punnett presentano due righe e due colonne, mentre le sovrap-posizioni di righe e colonne rappresentano gli zigoti che ne derivano. </li></ul>
  85. 86. Diagrammi di Punnett <ul><li>Ad esempio, se i genitori sono AA x aa , possono produrre solo un tipo di gamete ciascuno: A la madre e a il padre, cioè </li></ul>GAMETI DEL PADRE (spermatozoi o polline) GAMETI DELLA MADRE (ovuli) AA A A aa a a
  86. 87. Diagrammi di Punnett <ul><li>Ad esempio, se i genitori sono AA x aa , possono produrre solo un tipo di gamete ciascuno: A la madre e a il padre. </li></ul>GAMETI DEL PADRE (spermatozoi o polline) GAMETI DELLA MADRE (ovuli) POSSIBILI GENOTIPI DEI FIGLI Aa Aa A Aa Aa A a a padre madre
  87. 88. Spiegazione della 1ª legge di Mendel RR x rr rosso P bianco tutti rossi F1 linea pura linea pura i discendenti sono tutti rossi (eterozigoti) Rr Rr R Rr Rr R r r padre (polline) madre (ovuli)
  88. 89. Spiegazione della 2ª legge di Mendel Rr x Rr i discendenti sono ¾ rossi (omozigoti dominanti ed eterozigoti) e ¼ bianchi (omozigoti recessivi) rosso F1 bianchi rossi F2 75% ibrido ibrido rosso 25% rr Rr r Rr RR R r R padre (polline) madre (ovuli)
  89. 90. Spiegazione della 3ª legge di Mendel In questo caso Mendel aveva considerato due caratteri contemporaneamente, ad esempio il colore e la forma del seme (che possiamo vedere nello stesso seme) l (rugoso) L (liscio) forma del seme g (verde) G (giallo) colore del seme recessivo dominante carattere
  90. 91. Spiegazione della 3ª legge di Mendel Un individuo di cui consideriamo due caratteri avrà un genotipo con quattro alleli, cioè due per ogni carattere. Come sono i fenotipi dei seguenti semi?
  91. 92. Spiegazione della 3ª legge di Mendel Un individuo di cui consideriamo due caratteri avrà un genotipo con quattro alleli, cioè due per ogni carattere. GGLL Come sono i fenotipi dei seguenti semi? GgLL ggLl ggll ggLL Ggll GgLl
  92. 93. Spiegazione della 3ª legge di Mendel Come sono i genotipi dei seguenti semi?
  93. 94. Spiegazione della 3ª legge di Mendel Come sono i genotipi dei seguenti semi? (GGLL o GgLL o GGLl o GgLl) G_ll ggL_ ggll G_L_ (GGll o Ggll) (ggLL o ggLl) (solo questo!)
  94. 95. Spiegazione della 3ª legge di Mendel Quali gameti possono produrre i seguenti individui? G G G g g g LL Ll l l g g G g G G gameti individuo l l L l L L gameti individuo
  95. 96. Spiegazione della 3ª legge di Mendel Quali gameti possono produrre i seguenti individui? G G  solo G  G e g  solo g G g g g LL  solo L  L e l  solo l Ll l l g g g g G G g G G G gameti individuo l l l l L L l L L L gameti individuo
  96. 97. Spiegazione della 3ª legge di Mendel Quali gameti possono produrre i seguenti individui? (questa volta consideriamo due geni per volta, quindi quattro alleli) GGLL GGLl GGl l GgLL GgLl Ggl l ggLL ggLl ggl l
  97. 98. Spiegazione della 3ª legge di Mendel Quali gameti possono produrre i seguenti individui? (questa volta consideriamo due geni per volta, quindi quattro alleli) GGLL  GL GGLl  GL Gl GGl l  Gl GgLL  GL gL GgLl  GL Gl gL gl Ggl l  Gl gl ggLL  gL ggLl  gL gl ggl l  gl
  98. 99. <ul><li>Benissimo! </li></ul><ul><li>Ora siamo pronti per capire la… </li></ul>
  99. 100. Spiegazione della 3ª legge di Mendel Giallo e Liscio P F1 verde e rugoso F2 Giallo Liscio verde Liscio Giallo rugoso verde rugoso Giallo Liscio reincrocio 9_ 16 3_ 16 3_ 16 1_ 16
  100. 101. Spiegazione della 3ª legge di Mendel Giallo e Liscio P F1 verde e rugoso F2 Giallo Liscio verde Liscio Giallo rugoso verde rugoso Giallo Liscio GG LL x gg l l Gg Ll x Gg Ll reincrocio reincrocio 9_ 16 3_ 16 3_ 16 1_ 16
  101. 102. Spiegazione della 3ª legge di Mendel Giallo e Liscio P F1 verde e rugoso F2 Giallo Liscio verde Liscio Giallo rugoso verde rugoso Giallo Liscio GG LL x gg l l Gg Ll x Gg Ll reincrocio reincrocio 9_ 16 3_ 16 3_ 16 1_ 16 ggll ggLl Ggll GgLl gl ggLl ggLL GgLl GgLL gL Ggll GgLl GGll GGLl Gl GgLl GgLL GGLl GGLL GL gl gL Gl GL x
  102. 103. Spiegazione della 3ª legge di Mendel Giallo e Liscio P F1 verde e rugoso F2 Giallo Liscio verde Liscio Giallo rugoso verde rugoso Giallo Liscio GG LL x gg l l Gg Ll x Gg Ll Genotipi? reincrocio reincrocio 9_ 16 3_ 16 3_ 16 1_ 16
  103. 104. Spiegazione della 3ª legge di Mendel Giallo e Liscio P F1 verde e rugoso F2 Giallo Liscio verde Liscio Giallo rugoso verde rugoso Giallo Liscio GG LL x gg l l G_ L_ Gg Ll x Gg Ll Genotipi? gg L_ G_ l l Gg l l reincrocio reincrocio 9_ 16 3_ 16 3_ 16 1_ 16
  104. 105. Spiegazione della 3ª legge di Mendel GgLl x GgLl ggll ggLl Ggll GgLl gl ggLl ggLL GgLl GgLL gL Ggll GgLl GGll GGLl Gl GgLl GgLL GGLl GGLL GL gl gL Gl GL x
  105. 106. Spiegazione della 3ª legge di Mendel ggll ggLl Ggll GgLl gl ggLl ggLL GgLl GgLL gL Ggll GgLl GGll GGLl Gl GgLl GgLL GGLl GGLL GL gl gL Gl GL x 9 sono gialli e lisci ( G _L_) 16
  106. 107. Spiegazione della 3ª legge di Mendel ggll ggLl Ggll GgLl gl ggLl ggLL GgLl GgLL gL Ggll GgLl GGll GGLl Gl GgLl GgLL GGLl GGLL GL gl gL Gl GL x 3 sono gialli e rugosi ( G _ l l ) 16
  107. 108. Spiegazione della 3ª legge di Mendel ggll ggLl Ggll GgLl gl ggLl ggLL GgLl GgLL gL Ggll GgLl GGll GGLl Gl GgLl GgLL GGLl GGLL GL gl gL Gl GL x 3 sono verdi e lisci ( gg L_) 16
  108. 109. Spiegazione della 3ª legge di Mendel ggll ggLl Ggll GgLl gl ggLl ggLL GgLl GgLL gL Ggll GgLl GGll GGLl Gl GgLl GgLL GGLl GGLL GL gl gL Gl GL x 1 è verde e rugoso ( gg l l ) 16
  109. 110. Verifichiamo che le prime due leggi siano seguite. ggll ggLl Ggll GgLl gl ggLl ggLL GgLl GgLL gL Ggll GgLl GGll GGLl Gl GgLl GgLL GGLl GGLL GL gl gL Gl GL x
  110. 111. Se consideriamo solo il colore del seme , c’è il rapporto 3:1? (cioè, ci devono essere ¾ gialli e ¼ verde sul totale; quindi dovrebbero esserci ¾ · 16 = 12 gialli e ¼ · 16 = 4 verdi ) ggll ggLl Ggll GgLl gl ggLl ggLL GgLl GgLL gL Ggll GgLl GGll GGLl Gl GgLl GgLL GGLl GGLL GL gl gL Gl GL x
  111. 112. Se consideriamo solo la forma del seme , c’è il rapporto 3:1? (cioè, ci devono essere ¾ lisci e ¼ rugosi sul totale; cioè dovrebbero esserci ¾ · 16 = 12 lisci e ¼ · 16 = 4 rugosi ) ggll ggLl Ggll GgLl gl ggLl ggLL GgLl GgLL gL Ggll GgLl GGll GGLl Gl GgLl GgLL GGLl GGLL GL gl gL Gl GL x

×