Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Riflessione su psicoanalisi e letteratura

923 views

Published on

Riflessione su psicoanalisi e letteratura

Published in: Education
  • Be the first to comment

Riflessione su psicoanalisi e letteratura

  1. 1. Riflessioni su psicoanalisi e letteratura Università degli studi “G.D’Annunzio” Facoltà di Psicologia Relatore Ch.mo prof. Filippo Maria Ferro Correlatore Ch.mo prof. Giustino Galliani Candidata Francesca Di Sipio Anno Accademico 2006-2007
  2. 2. • Sigmund Freud nasce a Frieberg, l’attuale Pribor, una cittadina della Moravia, il 6 maggio 1856 da una povera famiglia israelitica. Suo padre Jacob è un commerciante di stoffe. SIGMUND FREUDSIGMUND FREUD • Sigmund frequenta lo Sperl Gynnasium e si dimostra un allievo modello, al punto che un suo stesso docente gli attribuirà l’importante appellativo di “idiotico”.
  3. 3. CHARCOT BREUER L’IPNOSI FREUD
  4. 4. La teoria psicoanalitica • Breuer con il caso di Anna O. lascia cadere le chiavi, Freud le raccoglie.
  5. 5. Prima topica: Inconscio Preconscio Conscio
  6. 6. • i lapsus linguae, atti mancati e banali incidenti quotidiani; • le Associazioni libere, il suo metodo. • il sogno, appagamento di desideri rimossi; L’INCONSCIO SI MANIFESTA NE:
  7. 7. • Il Transfert: Il paziente depone nell’analista i propri conflitti che, molto spesso, hanno origine nell’infanzia e nel rapporto con i propri genitori. • La sessualità infantile 1. FASE ORALE; 2. FASE ANALE; 3. FASE GENITALE • Il complesso di Edipo È l’attaccamento libidico nei riguardi del genitore di sesso opposto. La scelta oggettuale, in età adulta, sarà profondamente influenzata dalla risoluzione di questa fase.
  8. 8. Il liet-motiv è quello stato d’animo che designa ciò che è lontano, indefinito, sconosciuto: ciò che è proprio di un animo che avverte un costante sentimento di mancanza. IL ROMANTICISMO
  9. 9. Il Romanticismo in Germania Il Romanticismo in Francia Il Romanticismo in Inghilterra Il Romanticismo in Russia Il Romanticismo in Italia
  10. 10. Giacomo Leopardi Centro della riflessione leopardiana è l’uomo che, per sua stessa costituzione, aspira non ad un piacere generico e relativo, bensì al piacere, un piacere assoluto.
  11. 11. • Pessimismo; • Pessimismo storico; • Pessimismo cosmico.
  12. 12. Quando novellamente nasce nel cuor profondo un amoroso affetto, languido e stanco insiem con esso in petto un desiderio di morir si sente: AMORE E MORTE
  13. 13. come, non so: ma tale d’amor vero e possente è il primo effetto. Canti
  14. 14. Lo stesso amore d’oggetto ci mostra una seconda polarità di questo tipo, quella tra amore (tenerezza) e odio (aggressività). Al di là del principio del piacere
  15. 15. La base della visione decadente è un irrazionalismo misticheggiante DECADENTISMO LANGUER Sono l’Impero alla fine della decadenza, che guarda passare i grandi barbari bianchi componendo acrostici indolenti dove danza il languore del sole in uno stile d’oro. P.Verlaine
  16. 16. Il Decadentismo in Francia Il Decadentismo in Inghilterra Il Decadentismo in Germania Il Decadentismo in Italia
  17. 17. Nel poeta sono riscontrabili quel senso di sfiducia nella scienza e quell’apertura verso l’ignoto e verso il mistero dell’inconoscibile, propri di quella sensibilità artistica di chi capta i messaggi indecifrabili emessi dalla natura e li ritrasmette senza l’ambizione di volerli tradurre. Pascoli è il poeta non solo del sublime e dell’elevato, ma anche dell’umiltà delle piccole cose. Giovanni Pascoli
  18. 18. È il fanciullino che popola l’ombra di fantasmi e il cielo di dei. Egli è quello che piange e ride senza un perché.
  19. 19. Senza lui, non solo non vedremmo tante cose a cui non badiamo per solito, ma non potremmo nemmeno pensarle e ridirle, perché egli è l’Adamo che mette nome a tutto ciò che vede e sente. Prose
  20. 20. Non dovremmo forse cercare già nell’infanzia le prime tracce della fantasia poetica?
  21. 21. Il poeta si comporta come il bambino che gioca. Egli crea un mondo di fantasia che prende molto sul serio- in cui cioè investe una grande carica emotiva. Psicoanalisi dell’arte e della letteratura
  22. 22. Gabriele D’Annunzio Sin dall’inizio sono ravvisabili, tra le pagine dannunziane, segni di distanza e innovazione: la stanchezza e le immagini fascinose della morte.
  23. 23. Egli celebra il godimento, l’eccesso, lo spirito dionisiaco, anche grazie all’utilizzo barocco e ostinato della parola, i cui aspetti fonetici la rendono tutt’altro
  24. 24. Il verso è tutto.
  25. 25. Un verso perfetto è assoluto, immutabile, immortale; tiene in sé le parole con la coerenza di un diamante; chiude il pensiero in un cerchio preciso che nessuna forza mai potrà rompere. Prose di romanzi
  26. 26. Le parole sono un materiale plastico con cui ci si può fare di tutto. Ci sono parole che, quando sono usate in determinati modi, perdono il loro pieno significato originario, ritrovandolo in un altro contesto. Il motto di spirito
  27. 27. Una qualunque somiglianza delle cose o delle rappresentazioni verbali tra due elementi del materiale inconscio viene presa come pretesto per dar vita ad una terza cosa, a una formazione mista, di compromesso, che fa le veci di entrambe le componenti. Psicopatologia della vita quotidiana
  28. 28. FREUD: LA CULTURA, L’ARTE E LA LETTERATURA Sin da bambino il piccolo Sigmund manifesta una precocissima passione per i libri e la lettura. Ma nel 1873 Vienna ospita l’Esposizione Universale, con l’ambizione di richiamare l’attenzione e superare l’empasse del declino imperiale. La “Sezession” Ad ogni tempo la sua arte libertà per le arti
  29. 29. PITTURA Gustav Klimt ARCHITETTURA Otto Wagner Joseph Maria Olbrich e Josef Hoffmann MUSICA Gustav Mahler Arnold Schoenberg
  30. 30. PITTURA Egon Scheile FILOSOFIA Ernst Mach
  31. 31. Psicoanalisi dell’arte e della letteratura Freud propone una lettura psicoanalitica della creazione poetica Egli identifica tre fasi: quella in cui un’esperienza reale, tangibile, ridesta nell’artista il ricordo di un’esperienza precedente, generalmente riconducibile all’infanzia, da qui si genera una tensione che trova il proprio sfogo, la propria via di fuga nella creazione. Graf in una delle riunioni del Mercoledì si esprime a proposito della Metodologia della psicologia dei poeti FREUD PSICOANALISTA O SCRITTORE?
  32. 32. La Psicoanalisi nella cultura e nella letteratura italiane Trieste, porto franco Edoardo Weiss Umberto Saba James Joice Italo Svevo È il trionfo della psicoanalisi e del suo fruttuoso incontro italiano con la letteratura.

×