Hittiti

20,509 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
20,509
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3,383
Actions
Shares
0
Downloads
151
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Hittiti

  1. 1. GLI ITTITI
  2. 2. 2500 a.C - 1800 a.C. Migrazioni & insediamenti 1700 a.C – 1500 a.C. Antico Regno 1400 a.C. – 1300 a.C. Nuovo Impero LINEA DEL TEMPO 1180 ca. Popoli di Mare Crollo Impero Stati neo-ittiti 743 a.C Supremazia Assiri
  3. 3. CHI SONO: <ul><li>Gli Ittiti sono un popolo Indoeuropeo che abitava nell’Asia minore specificamente in Anatolia, l’attuale Turchia. </li></ul><ul><li>Il loro arrivo, non è molto </li></ul><ul><li>determinato ma gli storici </li></ul><ul><li>formulano due ipotesi : </li></ul><ul><li>Dalle steppe a nord attraverso il Caucaso </li></ul><ul><li>Oppure da ovest attraverso </li></ul><ul><li>i Balcani. </li></ul><ul><li>È molto difficile anche la </li></ul><ul><li>datazione del loro arrivo; ma si </li></ul><ul><li>pensa che questo sia avvenuto </li></ul><ul><li>tra il 2500 a.C. e il 2000 a.C. . </li></ul>
  4. 4. AMBIENTE <ul><li>Anatolia (dal greco: sorgere del sole) è una regione geografica dell'Asia sud-occidentale e corrisponde all'odierna Turchia asiatica. </li></ul><ul><li>Grazie alla sua posizione strategica di comunicazione fra Asia ed Europa, l'Anatolia è stata la culla di numerose popolazioni e civiltà fin dall'età preistorica. </li></ul><ul><li>L’ Anatolia è occupata da catene montuose: i monti Pontici a nord e i monti del Tauro a sud. Il monte più alto è il monte Ararat (5165 m) </li></ul><ul><li>I fiumi più importanti sono il Tigri e l'Eufrate. </li></ul><ul><li>La parte orientale è tutta occupata da grandi bacini diretti al Golfo Persico; quella nord-orientale porta le acque verso il Mar Caspio. </li></ul><ul><li>Il territorio divide in 3 diverse zone climatiche: </li></ul><ul><li>sulla costa del Mar Mediterraneo si hanno estati molto calde e inverni miti </li></ul><ul><li>sulle montagne del Tauro il clima è più umido </li></ul><ul><li>mentre il resto del paese ha un clima più caldo e afoso. </li></ul>
  5. 5. LE ORIGINI Per molto tempo non si sapeva esattamente della loro esistenza, perché nonostante siano citati nella Bibbia venivano considerati una leggenda, perché,pur avendo occupato per anni ed anni l’Anatolia non erano state trovate fonti che citassero la loro esistenza, la loro cultura e le loro tradizioni. Perciò fino ai nostri giorni nostri la civiltà ittita è una civiltà molto misteriosa sulla quale si hanno pochi dati.
  6. 6. GOVERNO <ul><li>Gli ittiti erano inizialmente organizzati in Città-Stato indipendenti. </li></ul><ul><li>Successivamente diventarono un impero e con esso nacque l’Antico Regno. </li></ul><ul><li>Esisteva una classe regale ed una sacerdotale, anche se il re era considerato sommo sacerdote e presiedeva tutte le funzioni di carattere religioso. </li></ul><ul><li>Il re, dunque, aveva la maggior parte del potere a parte qualche eccezione </li></ul><ul><li>in cui era necessaria la presenza del Consiglio dei Nobili . </li></ul>
  7. 7. IL PERIODO IMPERIALE Il periodo imperiale fu pieno di battaglie e saccheggi. Nel 1400 a.C. venne saccheggiata e bruciata la capitale, ma grazie al governo di Suppiluliuma l’impero si riprese. Verso il 1200 a.C. gli ittiti si scontrarono contro gli egiziani di Ramesse II nella battaglia di Kadesh. Successivamente fu stabilito un rapporto di pace con l’Egitto, ma sul fronte siriano c’era tensione con gli Assiri: il fronte resistette ma l’impero si sgretolò da dentro.
  8. 8. LA FINE - I NUOVI STATI La sconfitta definitiva fu causata dall’invasione dei “popoli di mare” (fra cui Achei, Sardi e Filistei) attorno al 1180 a.C La fine dell'impero non segna la fine della storia ittita. Nella situazione politicamente ed etnicamente mutata dopo il 1200 emerse tutta una serie di piccoli stati detti &quot;neo-ittiti&quot;, caratterizzati dall'uso della scrittura ittita geroglifico. Solo col crescere della potenza assira la loro sorte fu segnata La vittoria di Tiglatpileser III sugli Urartei (743) rese gli Assiri padroni della zona neo-ittita, e i singoli stati dovettero capitolare e furono ridotti a province assire
  9. 9. SOCIETÀ La società era organizzata nel seguente modo: sulla vetta vi era il re e il consiglio dei nobili che gestivano il potere politico e la maggior parte del potere economico. Un’altra classe era quella dei militari o soldati dell’esercito Infine vi erano gli schiavi che erano in grande quantità. RE NOBILI ARISTOCRATICI e MILITARI SCHIAVI
  10. 10. ECONOMIA L’agricoltura costituiva la principale attività del popoli ittita ed erano coltivati prevalentemente grano e orzo e venivano allevati bovini e ovini. La proprietà terriera di conseguenza aveva un altissimo valore sociale. L’unico problema fu il clima dell’anatolia centrale che condizionò l’agricoltura Si sviluppò successivamente un’importante industria estrattiva e metallurgica grazie ai ricchi giacimenti di rame, piombo, argento e ferro. Essi venivano lavorati con tecniche molto progredite per l’epoca: gli ittiti potrebbero essere stati i primi a lavorare il ferro.
  11. 11. RELIGIONE Di natura politeistica come tutta la cultura ittita, la religione nasce per influsso della civiltà mesopotamica. Formatasi con l'impero ittita la religione è ragione della sua costruzione. Gli ittiti si “appropriarono” degli dei e dei templi delle popolazioni che conquistarono.
  12. 12. IL RE-SACERDOTE <ul><li>Come in altre religioni, anche nella popolazione Ittita il Re, aveva la funzione di capo Sacerdote. </li></ul><ul><li>Il potere gli derivava dal servizio che prestava agli dei, per questo era definito “servo degli dei” di tutta l’Anatolia. </li></ul><ul><li>Il suo compito era di dare al Dio la sovranità sul territorio sul quale si trovava il tempio </li></ul>
  13. 13. IL PANTHEON Il Pantheon ittita era composto di varie Divinità. Il “servizio” agli dei da parte degli Ittiti comportava l’adeguamento alla volontà del Dio. Una sua importanza aveva l’auspicio ovvero interpretare il volo degli uccelli.
  14. 14. CULTURA Gli Ittiti utilizzarono ed integrarono la loro cultura con tutto quanto c’era di locale: arte, religione e lingua. Addirittura per quest’ultima fecero totalmente propria quella anatolica. Tant’è che anche la loro scrittura è di tipo Cuneiforme Nessun popolo conquistatore si comporterà mai in questo modo.
  15. 15. L’ARTE <ul><li>L'arte ittita venne influenzata dall'arte siriaca, è stata resa nota attraverso degli scavi, che hanno riportato alla luce templi, palazzi, mura, porte e fortificazioni del periodo imperiale. </li></ul><ul><li>La scultura è è documentata da rilievi rupestri, dagli ortostrati a rilievo [lastre che vengono appese a una parete a scopo decorativo] </li></ul><ul><li>Inoltre importanti sono sigilli cilindrici intagliati, statuette-amuleto di oro e argento che riproducono le statue dei templi </li></ul>
  16. 16. Bibliografia <ul><li>Le informazioni sono state raccolte da: </li></ul><ul><li>Enciclopedia “Compact” De Agostini </li></ul><ul><li>“ Storia Antica” – Paolo di Sacco </li></ul><ul><li>Atlante Enciclopedico “Storia antica & Medievale” </li></ul><ul><li>Wikipedia ( www.wikipedia.org ) </li></ul><ul><li>MSN Encarta ( it . encarta . msn . com ) </li></ul>
  17. 17. GRAZIE PER L’ATTENZIONE
  18. 18. Mohsin Elachab, Simone Romboli, Pietro Bertoni

×