Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Tecniche di progettazione esviluppo di applicazioni mobilePotenzialità del mercato, posizionamento,strategie di presenza o...
Secondo giorno➔Oggi faremo una carrellata sugli strumenti che abbiamoa disposizione per operare al meglio nei canali e nei...
“When all you have in your handsis a hammer, all problemstake the shape of a nail”[anonimo]
Obiettivi di business,target e valore scambiatoRicordiamo il primo diagramma della prima lezione:Obiettivi di businessInte...
Quale valore possiamo dare➔Soluzione ai problemi➔Informazioni utili➔Competenza, professionalità➔Divertimento, intrattenime...
Il social customer
Capire il target, fornire valore➔Comprendere il nostro target ed i suoi processi diricerca, selezione e decisione➔Privileg...
Creare un sistema minimo
Creare un sistema minimo➔Sito web che illustra la vostra professionalità e/ola vostra applicazione➔Blog in cui pubblicare ...
Dal funnel al customer journeySEOWWWAPPSTORESMMSOCIAL WEBSOCIAL WEBIn estrema sintesi...
Elementi➔Sito web strutturato come landing site ottimizzatoper motori di ricerca (SEO)➔Blog integrato al sito, ottimizzato...
“Il problema non è quello che piace a Google.ma quello che piace ai tuoi clienti”
Soddisfare i bisogni dellutente
SEO fattori di ranking➔Il fattore dominante èla link popularity➔Cominciano a farsisentire i fattori sociali➔Google+ divent...
Parole chiave➔Creare un pool di parole chiave (circa 5) da usarenei vari contesti; ad esempio:➔sviluppo di app➔app per and...
SERP – Search Engine Result Page
In Page SEO – buone prassi➔TITLE, 70 car., <Primary Kw, Secondary Kw, Brand>➔URL, <www.example.com/category-kw/subcategory...
Link building – buone prassi➔Cercare i siti con maggiore autorità: meglio qualità che quantità➔Creare contenuto di grande ...
Qualità non quantità dei link
Landing page e call-to-action➔Avete 4 secondi per convincere lutente che hatrovato quello che cercava➔Le landing page serv...
Landing page
Esempio di landing page
Landing site➔Un landing site è un sito realizzato per effettuareuna veloce e rapida conversione dellutente incliente➔È un ...
Esempio di landing site
Social sharing – buone prassi➔Aggiungere sempre i tool di condivisione (Addthis,Sharethis, o i tool a se stanti)➔Aggiunger...
Blogging➔Il corporate blog è uno degli strumenti principali dicontatto e di creazione della lead nel mercato B2B➔Particola...
Blogging – buone prassi➔Usare un tono conversazionale, coinvolgere la platea➔Fornire informazioni di valore, porre domande...
Social network... che fare?➔Esistono molte piattaforme, ciascuna con lapropria peculiarità:➔Linkedin, curriculum, professi...
Social network... che fare?➔Slideshare, presentazioni, ottimo per veicolareprofessionalità, conoscenza➔Youtube, video, uti...
Social media – buone prassi➔Cercate i vostri interlocutori – partite da quelli checonoscete – registratevi ai vari social ...
Customer care – buone prassi➔Usate tutti i canali per curare i vostri clienti: il blog,twitter, facebook, linkedin, review...
Misurare per migliorare➔Definiti gli obiettivi, dispiegata la comunicazione,potete misurarne lefficacia➔Misurate cose semp...
Evitare le trappole➔Non lasciarsi prendere dallentusiasmo, non perderemai di vista lobiettivo;➔non usare i canali solo per...
“È gente che conosce gente,e mi servono le loro email”[The Social Network]
CRM➔La gestione dei clienti (CRM) prima che unsoftware è una modalità organizzativa➔Il primo passo è far entrare la gestio...
Il flusso dellemail marketing
Deliverability
Quando inviare email(c) Mailchimp, 2013
Quando inviare email(c) Mailchimp, 2013
Numero di link Vs. click(c) Mailchimp, 2013
Email marketing – buone prassi➔Attenzione allopt-in / opt-out; le regole sullaprivacy sono severe➔Acquisizione, gestione e...
Bibliografia essenziale➔SEO tutorial http://www.seomoz.org/learn-seo➔S.E. Ranking factors: http://goo.gl/o3Yp➔Hubspot reso...
GraziePotrete trovare la presentazione suhttp://slideshare.net/bolpet
Mobile App Development - Strategie di web marketing e comunicazione - Parte 2
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Mobile App Development - Strategie di web marketing e comunicazione - Parte 2

424 views

Published on

Il modulo facente parte del corso sulle "Tecniche di progettazione e sviluppo di applicazioni mobile" organizzato da AREA Science Park, intende fornire una serie di spunti su come promuovere una Mobile App partendo dall'analisi della domanda, per arrivare alla promozione online vera e propria. Parte 2 - Strumenti, canali, contesti

Published in: Business
  • Be the first to comment

Mobile App Development - Strategie di web marketing e comunicazione - Parte 2

  1. 1. Tecniche di progettazione esviluppo di applicazioni mobilePotenzialità del mercato, posizionamento,strategie di presenza online2 – strumenti, canali, contestiPaolo Bolpet – web strategist @ eFlux
  2. 2. Secondo giorno➔Oggi faremo una carrellata sugli strumenti che abbiamoa disposizione per operare al meglio nei canali e neicontesti della comunicazione online➔Nello specifico parleremo di:➔SEO, ottimizzazione per motori di ricerca➔Email marketing➔Social media marketing➔Applicati alla promozione della app e/o di noi stessi
  3. 3. “When all you have in your handsis a hammer, all problemstake the shape of a nail”[anonimo]
  4. 4. Obiettivi di business,target e valore scambiatoRicordiamo il primo diagramma della prima lezione:Obiettivi di businessInterlocutoreValore scambiato
  5. 5. Quale valore possiamo dare➔Soluzione ai problemi➔Informazioni utili➔Competenza, professionalità➔Divertimento, intrattenimento➔…
  6. 6. Il social customer
  7. 7. Capire il target, fornire valore➔Comprendere il nostro target ed i suoi processi diricerca, selezione e decisione➔Privilegiare la redazione di contenuti di qualità,ottimizzati, appositamente predisposti per i diversicanali di comunicazione web➔Presidiare in modo efficace i diversi contesti webcoerentemente alle proprie forze
  8. 8. Creare un sistema minimo
  9. 9. Creare un sistema minimo➔Sito web che illustra la vostra professionalità e/ola vostra applicazione➔Blog in cui pubblicare contenuti aggiornati, unici,interessanti e condivisibili➔Social web in cui creare profili che mostrino lavostra professionalità con cui interagire perpromuovere voi stessi e/o la vostra applicazione
  10. 10. Dal funnel al customer journeySEOWWWAPPSTORESMMSOCIAL WEBSOCIAL WEBIn estrema sintesi...
  11. 11. Elementi➔Sito web strutturato come landing site ottimizzatoper motori di ricerca (SEO)➔Blog integrato al sito, ottimizzato, popolato concontenuti sempre aggiornati ed interessanti➔Su tutte le pagine strumenti che permettanoallutente di commentare e condividere➔Profili sui social network scelti in base allatipologia di utenti e ai propri obiettivi
  12. 12. “Il problema non è quello che piace a Google.ma quello che piace ai tuoi clienti”
  13. 13. Soddisfare i bisogni dellutente
  14. 14. SEO fattori di ranking➔Il fattore dominante èla link popularity➔Cominciano a farsisentire i fattori sociali➔Google+ diventa unfattore chiave➔I fattori sono però incontinua modifica
  15. 15. Parole chiave➔Creare un pool di parole chiave (circa 5) da usarenei vari contesti; ad esempio:➔sviluppo di app➔app per android e ios➔nome cognome➔...
  16. 16. SERP – Search Engine Result Page
  17. 17. In Page SEO – buone prassi➔TITLE, 70 car., <Primary Kw, Secondary Kw, Brand>➔URL, <www.example.com/category-kw/subcategory-kw/primary-keyword.html➔DESCRIPTION, 155 car., Non è utilizzato perlindicizzazione ma solo per attrarre lutente➔CONTENUTO, orientato allutente, interessante, unico,di valore➔IMMAGINE inserire sempre lAlt Tag che devedescrivere cosa limmagine contiene
  18. 18. Link building – buone prassi➔Cercare i siti con maggiore autorità: meglio qualità che quantità➔Creare contenuto di grande qualità, utile che possa essereaccettato da siti con alta authority➔Diversificare il testo usato come ancora, renderlo attraente edautoesplicativo➔I link dentro il contenuto sono migliori dei link associati alcontenuto➔I link dai social media sono importanti, soprattutto seprovenienti da utenti➔I link devono puntare alla pagina in cui ci sono le informazionidescritte (landing page)
  19. 19. Qualità non quantità dei link
  20. 20. Landing page e call-to-action➔Avete 4 secondi per convincere lutente che hatrovato quello che cercava➔Le landing page servono a concentrare inununica schermata le informazioni ed il modo perconcludere lazione➔Le landing page sono lesasperazione dellacomunicazione web: il concentrato del viaggio delvostro cliente
  21. 21. Landing page
  22. 22. Esempio di landing page
  23. 23. Landing site➔Un landing site è un sito realizzato per effettuareuna veloce e rapida conversione dellutente incliente➔È un sito costruito per fornire tutta una serie ditouch-points per informare e convincere➔Ciscuna pagina, ciascuna sezione spinge lutenteverso la call-to-action
  24. 24. Esempio di landing site
  25. 25. Social sharing – buone prassi➔Aggiungere sempre i tool di condivisione (Addthis,Sharethis, o i tool a se stanti)➔Aggiungere al CMS plugin che permettano dipersonalizzare i contenuti condivisi (open graph)➔Se avete qualcosa di interessante da fornire,come ad esempio white paper, potete usare ilsistema www.paywithatweet.com
  26. 26. Blogging➔Il corporate blog è uno degli strumenti principali dicontatto e di creazione della lead nel mercato B2B➔Particolarmente adatto a creare un ambiente diprofessionalità e competenza da condividere➔Particolarmente amato dai motori di ricerca nellaindicizzazione, soprattutto se i contenuti vengonocondivisi dagli utenti sui social network➔Utile a creare un ambiente maggiormente friendlyrispetto alla comunicazione istituzionale
  27. 27. Blogging – buone prassi➔Usare un tono conversazionale, coinvolgere la platea➔Fornire informazioni di valore, porre domande➔Concentrarsi sulla platea non su se stessi➔Usare sistemi di condivisione➔Promuovere i post sui social media➔Rispondere ai lettori➔Usare sistemi di registrazione (feed, newsletter)
  28. 28. Social network... che fare?➔Esistono molte piattaforme, ciascuna con lapropria peculiarità:➔Linkedin, curriculum, professionale con areededicate allo scambio di conoscenza (gruppi)➔Facebook, ludico, un insieme di reti quasiimpermeabili luna allaltra; contiene gruppiinteressanti; da sfruttare per le potenzialità virali➔Twitter, sincrono, per creare community, utile per ilsupporto e la comunicazione veloce
  29. 29. Social network... che fare?➔Slideshare, presentazioni, ottimo per veicolareprofessionalità, conoscenza➔Youtube, video, utile per i video embedded nel sitoe/o nel blog; i video sono un elementofondamentale nella comunicazione della app➔Flickr, Pinterest, foto, per veicolare screenshot,fotogallery di eventi➔Niche social network, lattenzione si sta spostandolì: cercate i vostri
  30. 30. Social media – buone prassi➔Cercate i vostri interlocutori – partite da quelli checonoscete – registratevi ai vari social network edascoltate, guardate come si muovono gli altri➔Definite gli obiettivi, valutate le forze: qui si creanorelazioni, bisogna investire tempo➔Preparate un piano editoriale, provocate discussioni,dimostrate professionalità, non abbiate paura adesprimete le vostre opinioni➔Pubblicate spesso... ma non troppo spesso
  31. 31. Customer care – buone prassi➔Usate tutti i canali per curare i vostri clienti: il blog,twitter, facebook, linkedin, review degli app store➔Un canale di customer care ben curato non è uncosto ma una risorsa➔Un commento negativo ha maggiori effettibenefici di uno positivo... se ben gestito
  32. 32. Misurare per migliorare➔Definiti gli obiettivi, dispiegata la comunicazione,potete misurarne lefficacia➔Misurate cose semplici, reali, importanti➔Le misure classiche del marketing: brandawareness, customer acquisition, customerretention➔Usate Google Analytics URL builder permonitorare i link esterni http://goo.gl/QsDME
  33. 33. Evitare le trappole➔Non lasciarsi prendere dallentusiasmo, non perderemai di vista lobiettivo;➔non usare i canali solo perché di moda;➔non avere paura di sbagliare, ma nemmeno essereavventati;➔non pensare che le attività non si possano misurare;➔non pensare che la tecnologia possa sopperire allemancanze operative/organizzative
  34. 34. “È gente che conosce gente,e mi servono le loro email”[The Social Network]
  35. 35. CRM➔La gestione dei clienti (CRM) prima che unsoftware è una modalità organizzativa➔Il primo passo è far entrare la gestione dei propricontatti nelle attività giornaliere➔Lemail marketing è la naturale estensione delCRM
  36. 36. Il flusso dellemail marketing
  37. 37. Deliverability
  38. 38. Quando inviare email(c) Mailchimp, 2013
  39. 39. Quando inviare email(c) Mailchimp, 2013
  40. 40. Numero di link Vs. click(c) Mailchimp, 2013
  41. 41. Email marketing – buone prassi➔Attenzione allopt-in / opt-out; le regole sullaprivacy sono severe➔Acquisizione, gestione e pulizia delle liste; acadenza regolare mandate un avviso➔Fornite valore, usate la giusta frequenza,segmentate le liste➔Curate la grafica, attenzione ai terminali mobili
  42. 42. Bibliografia essenziale➔SEO tutorial http://www.seomoz.org/learn-seo➔S.E. Ranking factors: http://goo.gl/o3Yp➔Hubspot resources: http://goo.gl/aMo4i➔eConsultancy “mobile” tag: http://goo.gl/hFciL➔Gigaom mobile blog: http://gigaom.com/➔Vari blog: http://goo.gl/3ML7p
  43. 43. GraziePotrete trovare la presentazione suhttp://slideshare.net/bolpet

×