A che punto è la notte 2.0

396 views

Published on

In questa conferenza abbiamo parlato della "Crisi" e come poter uscirne insieme a nuove economie come quella del Terzo Settore o economia green

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
396
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
156
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

A che punto è la notte 2.0

  1. 1. CNA FERMO A CHE PUNTO È LA NOTTE 2.0 6 aprile 2014, Grottammare (AP)
  2. 2. 2 Una prospettiva di USCITA 2.0 Possibile EXIT strategy A che punto è la CRISI
  3. 3. > > A CHE PUNTO è LA CRISI
  4. 4. Dati «duri» Dati «soft» SCENARIO DI RIFERIMENTO Sistema produttivo (80%) Pattuglia esportatori (20%) Fine della caduta nel terzo trimestre 2013 Miraggio della domanda estera 4
  5. 5. 5 CICLO REALE vs CICLO PERCEPITO 96,5 97,5 98,5 99,5 100,5 101,5 102,5 320000 330000 340000 350000 360000 370000 380000 T1-2006 T2-2006 T3-2006 T4-2006 T1-2007 T2-2007 T3-2007 T4-2007 T1-2008 T2-2008 T3-2008 T4-2008 T1-2009 T2-2009 T3-2009 T4-2009 T1-2010 T2-2010 T3-2010 T4-2010 T1-2011 T2-2011 T3-2011 T4-2011 T1-2012 T2-2012 T3-2012 T4-2012 T1-2013 T2-2013 T3-2013 T4-2013 PIL, valori concatenati prezzi di riferimento 2005 Indice OCSE anticipatore 2010=100, asse destro Fonte: elaborazioni su dati ISTAT e OCSE
  6. 6. > > La ripresa secondo i «dati soft»…
  7. 7. INDICE ANTICIPATORE DEL CICLO ECONOMICO 7 93 95 97 99 101 103 105 Jan-2005 Mar-2005 May-2005 Jul-2005 Sep-2005 Nov-2005 Jan-2006 Mar-2006 May-2006 Jul-2006 Sep-2006 Nov-2006 Jan-2007 Mar-2007 May-2007 Jul-2007 Sep-2007 Nov-2007 Jan-2008 Mar-2008 May-2008 Jul-2008 Sep-2008 Nov-2008 Jan-2009 Mar-2009 May-2009 Jul-2009 Sep-2009 Nov-2009 Jan-2010 Mar-2010 May-2010 Jul-2010 Sep-2010 Nov-2010 Jan-2011 Mar-2011 May-2011 Jul-2011 Sep-2011 Nov-2011 Jan-2012 Mar-2012 May-2012 Jul-2012 Sep-2012 Nov-2012 Jan-2013 Mar-2013 May-2013 Jul-2013 Sep-2013 Nov-2013 Francia Germania Italia Stati Uniti Cina Fonte: OCSE
  8. 8. INDICE DI FIDUCIA DELLE IMPRESE 8 65 75 85 95 105 115 125 Gen-2007 Mar-2007 Mag-2007 Lug-2007 Set-2007 Nov-2007 Gen-2008 Mar-2008 Mag-2008 Lug-2008 Set-2008 Nov-2008 Gen-2009 Mar-2009 Mag-2009 Lug-2009 Set-2009 Nov-2009 Gen-2010 Mar-2010 Mag-2010 Lug-2010 Set-2010 Nov-2010 Gen-2011 Mar-2011 Mag-2011 Lug-2011 Set-2011 Nov-2011 Gen-2012 Mar-2012 Mag-2012 Lug-2012 Set-2012 Nov-2012 Gen-2013 Mar-2013 Mag-2013 Lug-2013 Set-2013 Nov-2013 Gen-2014 Manifattura Costruzioni Servizi Commercio Fonte: ISTAT
  9. 9. INDICATORI «SOFT» SULLA MANIFATTURA 9 65 75 85 95 105 115 125 Gen-2007 Mag-2007 Set-2007 Gen-2008 Mag-2008 Set-2008 Gen-2009 Mag-2009 Set-2009 Gen-2010 Mag-2010 Set-2010 Gen-2011 Mag-2011 Set-2011 Gen-2012 Mag-2012 Set-2012 Gen-2013 Mag-2013 Set-2013 Gen-2014 Indice di fiducia delle imprese manifatturiere -80 -70 -60 -50 -40 -30 -20 -10 0 10 Gen-2007 Mag-2007 Set-2007 Gen-2008 Mag-2008 Set-2008 Gen-2009 Mag-2009 Set-2009 Gen-2010 Mag-2010 Set-2010 Gen-2011 Mag-2011 Set-2011 Gen-2012 Mag-2012 Set-2012 Gen-2013 Mag-2013 Set-2013 Gen-2014 Giudizio sul livello del portafoglio ordini Totali Interni Esteri -30 -20 -10 0 10 20 30 Gen-2007 Mag-2007 Set-2007 Gen-2008 Mag-2008 Set-2008 Gen-2009 Mag-2009 Set-2009 Gen-2010 Mag-2010 Set-2010 Gen-2011 Mag-2011 Set-2011 Gen-2012 Mag-2012 Set-2012 Gen-2013 Mag-2013 Set-2013 Gen-2014 Attese di produzione -6 -4 -2 0 2 4 6 8 10 Gen-2007 Mag-2007 Set-2007 Gen-2008 Mag-2008 Set-2008 Gen-2009 Mag-2009 Set-2009 Gen-2010 Mag-2010 Set-2010 Gen-2011 Mag-2011 Set-2011 Gen-2012 Mag-2012 Set-2012 Gen-2013 Mag-2013 Set-2013 Gen-2014 Giudizio sul livello delle scorte
  10. 10. > > … ma incertezza dai «dati hard»
  11. 11. PRODUZIONE E FATTURATO INDUSTRIALE 11 80 85 90 95 100 105 110 115 120 125 Gen-2005 Apr-2005 Lug-2005 Ott-2005 Gen-2006 Apr-2006 Lug-2006 Ott-2006 Gen-2007 Apr-2007 Lug-2007 Ott-2007 Gen-2008 Apr-2008 Lug-2008 Ott-2008 Gen-2009 Apr-2009 Lug-2009 Ott-2009 Gen-2010 Apr-2010 Lug-2010 Ott-2010 Gen-2011 Apr-2011 Lug-2011 Ott-2011 Gen-2012 Apr-2012 Lug-2012 Ott-2012 Gen-2013 Apr-2013 Lug-2013 Ott-2013 Gen-2014 Produzione Fatturato Fonte: ISTAT +0,3% al mese
  12. 12. PRODOTTO INTERNO LORDO 12 -4 -3 -2 -1 0 1 2 esportazioni nette variazione scorte investimenti fissi lordi consumi pubblici e isp consumi famiglie residenti PIL Fonte: ISTAT +0,1%
  13. 13. PREVISIONI DI CONSENSO 13 1255000 1305000 1355000 1405000 1455000 1505000 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 PIL Domanda interna previsione Fonte: Commissione Europea +0,6% 2014 +1,2% 2015
  14. 14. «GRANDE CONTRAZIONE» 14 0 20000 40000 60000 80000 100000 fallimenti liquidazioni altre procedure totale chiusure 2011 2012 2013 Fonte: CERVED Nel 2013 hanno chiuso 111.000 aziende (+7,3%); +12% i fallimenti, +5,6% le liquidazioni, +53,8% le altre procedure
  15. 15. CREDITO ALLE FAMIGLIE 15 Fonte: Banca d’Italia e stime Nomisma 0 2.000 4.000 6.000 8.000 10.000 12.000 14.000 16.000 18.000 2009q1 2009q2 2009q3 2009q4 2010q1 2010q2 2010q3 2010q4 2011q1 2011q2 2011q3 2011q4 2012q1 2012q2 2012q3 2012q4 2013q1 2013q2 2013q3 2013q4 2014q1 2014q2 2014q3 2014q4 2015q1 2015q2 2015q3 2015q4 2016q1 2016q2 2016q3 2016q4 erogazioni mutui (consuntivo) erogazioni mutui (previsioni) Linea di tendenza (consuntivo) Linea di tendenza (previsioni)  50%
  16. 16. CREDITO ALLE IMPRESE 16 Fonte: Banca d’Italia 70 80 90 100 110 120 130 140 150 160 170 01/02/2005 01/06/2005 01/10/2005 01/02/2006 01/06/2006 01/10/2006 01/02/2007 01/06/2007 01/10/2007 01/02/2008 01/06/2008 01/10/2008 01/02/2009 01/06/2009 01/10/2009 01/02/2010 01/06/2010 01/10/2010 01/02/2011 01/06/2011 01/10/2011 01/02/2012 01/06/2012 01/10/2012 01/02/2013 01/06/2013 01/10/2013 Come mai il credito aumentava e la produzione calava?
  17. 17. RAZIONAMENTO CREDITO 17 Fonte: Bank Lending Survey Banca d’Italia, Bundesbank, BCE
  18. 18. «SOFFERENZE» BANCARIE 18 Fonte: Banca d’Italia 0 2 4 6 8 10 12 14 16 01/01/2005 01/05/2005 01/09/2005 01/01/2006 01/05/2006 01/09/2006 01/01/2007 01/05/2007 01/09/2007 01/01/2008 01/05/2008 01/09/2008 01/01/2009 01/05/2009 01/09/2009 01/01/2010 01/05/2010 01/09/2010 01/01/2011 01/05/2011 01/09/2011 01/01/2012 01/05/2012 01/09/2012 01/01/2013 01/05/2013 01/09/2013 01/01/2014 Società non finanziarie Famiglie consumatrici Famiglie produttrici
  19. 19. > > SPECIFICITÀ MARCHE
  20. 20. BANCA D’ITALIA (Rapporto Marche 2013) 20 «L’economia marchigiana è risultata particolarmente esposta alla crisi iniziata nel 2008. Vi hanno concorso la spiccata vocazione industriale, la notevole diffusione di imprese subfornitrici di piccola dimensione e la specializzazione produttiva» «Sono soprattutto comparti a basso contenuto tecnologico (abbigliamento, tessile, calzature) a guidare la crescita delle esportazioni» «Gli investimenti delle imprese sono diminuiti. In assenza di un miglioramento delle condizioni per investire, i piani delle aziende non prefigurano una ripresa del processo di accumulazione del capitale» «A differenza di quanto osservato nel resto del paese, dove le condizioni lavorative si sono deteriorate soprattutto per i lavoratori con bassi livelli di istruzione, in regione il peggioramento è risultato diffuso, indipendentemente dal titolo di studio posseduto» 1 2 3 4
  21. 21. 21 Andamento della povertà relativa (2007-2012, incidenza % su tot. famiglie) Fonte: Istat COESIONE SOCIALE Anno 2008 2009 2010 2011 2012 Aumento della povertà relativa 2008-2012 Italia 11,3 10,8 11 11,1 12,7 +12,4 Veneto 4,5 4,4 5,3 4,3 5,8 +28,9 Emilia-Romagna 3,9 4,1 4,5 5,2 5,1 +30,8 Toscana 5,3 5,5 5,3 5,2 6,8 +28,3 Marche 5,4 7 8,5 5,2 8,6 +59,3
  22. 22. 22 UNA MAPPA DEI «NODI» DELLE MARCHE Gap globalità Specializzazione non intelligente Gap innovativo Fiducia e solitudine Da «sviluppo senza fratture» a «fratture senza sviluppo»? Da «sviluppo senza fratture» a «fratture senza sviluppo»?
  23. 23. 23 UNA MAPPA DEI «PERCORSI» Da «sviluppo senza fratture» a «fratture senza sviluppo»? «Aprire» mercati interni per beni di interesse collettivo (casa, ambiente, sicurezza, rifiuti) «Sostenere» il percorso innovativo delle imprese, ampliando la platea di quelle che per condizioni strutturali non riescono a rivolgersi a mercati esteri «Puntare» su innovazione di rottura per una nuova specializzazione intelligente a livello internazionale «Favorire» processi di collaborazione tra imprese e integrazione tra settori «Ricostituire» le condizioni per investire (formazione, ambiente, qualità)
  24. 24. «MARCHE 2020» 24 INTERNAZIONALIZZAZIONE (aggregazione) INNOVAZIONE (adattamento e rottura) NUOVE NICCHIE (nuovi bisogni urbani) COESIONE SOCIALE (welfare motore di sviluppo)
  25. 25. > > POSSIBILE EXIT STRATEGY
  26. 26. 2008-2009 - 7,2% Crollo commercio mondiale 2010-2011 +2,9% «Ripresina» 2011-2013 -4,7% Crollo domanda interna DUE RECESSIONI A CONFRONTO 26
  27. 27. Fonte: elaborazioni Nomisma su fonti varie 0,85 0,9 0,95 1 1,05 1,1 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 PIL pro-capite 2007-2017, 2007=1, dal 2013 previsioni FMI 1929-1939, 1929=1, stime Banca d'Italia e Istat 18 anni! DUE DECENNI DI CRISI A CONFRONTO 27
  28. 28. 28 «QUESTIONE PUBBLICO»
  29. 29. x 10 x 3 «QUESTIONE FAMIGLIA» 29
  30. 30. Redistribuzione = Crescita Dai beni privati ai beni di interesse collettivo Politiche normative rivolte ai luoghi che abitiamo Città in cerca di economie, ma economie in cerca di città Occasione europea UN «NUOVO» SVILUPPO POSSIBILE 30
  31. 31. > > Qualche esempio concreto di rilancio dei «beni comuni»
  32. 32. Nuovi scenari demografici («suburbanizzazione») e mutamenti nella mobilità («confini mobili») Città tradizionali vs città reali  «Sovracapitalizzazione» edilizia privata («scarsa qualità»)  «Sottocapitalizzazione» spazi funzionali (verde) e connettività (trasporti, infrastrutture, banda larga)  Valorizzazione «centri storici», ma anche di altri «centri vitali» (aree simbolo, aree degradate, etc)  Attrattività capitali e qualità urbana 32 SFIDE «VOCAZIONALI» DELLE CITTA’
  33. 33. RI-generare aree urbane RI-qualificare patrimoni urbani RI-funzionalizzare spazi pubblici RI-connettere pezzi di città RI-generare servizi avanzati RI-creare luoghi produttivi 33 «TRACCE URBANE»
  34. 34. STOCK ABITATIVO 34
  35. 35. QUALITÀ DELL’ OFFERTA ABITATIVA 35 D-E-F-G 88,4% C 5,0% B 3,6% A 3,0%
  36. 36. RI-ABITARE RI-APPROPRIAZIONE DELLA CITTÀ Partita ENERGETICA Partita SISMICA Partita ESTETICA Messa in SICUREZZA Nuova ACCESSIBILITÀ Nuova QUALITÀ Spinta pubblica Partnership privata Metodo europeo 36 RIQUALIFICAZIONE URBANA
  37. 37. Privato Riqualificazione dell’esistente Nuove soluzioni abitative per nuova domanda Pubblico Rifunzionalizzazione patrimonio Nuove forme di valorizzazione sociale Privato- sociale Rigenerazione urbana Ricucitura e connessione di «pezzi» di città 37 UNA MAPPA DI RILANCIO URBANO (target)
  38. 38. Appalto tradizionale Tempi lunghi e regole restrittive Sviluppo e finanziamento progetti Pubblico- Privato Attrattività e tempi investimento Equilibrio interessi e governance Strumenti europei Complessità Cofinanziamento 38 UNA MAPPA DI RILANCIO URBANO (strumenti)
  39. 39. RIQUALIFICAZIONE URBANA 39
  40. 40. 40 RISORSE FINANZIARIE Mancano o vengono male impiegate? Come qualificare la spesa pubblica? Mettere nelle condizioni alcuni Comuni di spendere per cogliere delle opportunità! Manifestazioni di partenariato Risveglio degli «spiriti animali»
  41. 41. Riqualificazione urbana Energie rinnovabili Investimento 23,9 miliardi di € (in tre anni) 220 miliardi di € totali dal 2008 al 2030 (10 miliardi di € l'anno) Occupazione attivata 382.000 130.000 Risparmio energetico 0,75 miliardi di € l'anno 1,86 miliardi di € l'anno Effetti sul PIL +4,96% in 10 anni con stimolo fiscale +2,2% nel 2030 Effetti sull'import Irrilevante 8,4 miliardi di € verso Germania e Cina per componentistica 41 SPESA PUBBLICA A CONFRONTO
  42. 42. > > LE «DOMANDE» DELLA COMUNITÀ
  43. 43. SENTIMENTI POST-INFARTO 43 «Infarto» provocato dal malfunzionamento del «cuore» e dagli stili/comportamenti di vita SMARRIMENTO SFIDUCIA RABBIA 94,5% FAMIGLIE non riescono a far quadrare il bilancio a fronte di un imprevisto GESTIONE VULNERABILITÀ DEPRESSIONI
  44. 44. DOMANDE POST-INFARTO 44 Vivere in una comunità «protegge»? Come gestire la «rabbia»? Come acquisire «fiducia»?
  45. 45. 45 GAME OVER, RE-START Un’idea di futuro Definire una rotta Ritrovare una propria capacità di produzione di valore Mettersi in «relazione con»
  46. 46. > > UNA PROSPETTIVA DI USCITA 2.0
  47. 47. 47 USCITA «ILLUSORIA»: EURO Crisi economica, sfiducia istituzioni, propaganda elezioni europee Tempi: come gestire la transizione con il rischio di fuga dei capitali? Svalutazione: effetti di breve (competitività, produzione, occupazione) e medio periodo (inflazione, costo del debito, «collasso») Debito pubblico: si svaluta il pregresso ma quanto «costerebbe» indebitarsi? Competitività: costo o valore aggiunto per unità di prodotto?
  48. 48. 48 USCITA «REALE»: CREDITO E DOMANDA • Necessità di allentare il vincolo alle imprese è un fattore di competitività CREDITO • Potere d’acquisto delle famiglie è arretrato al 1998: diseguaglianze e impoverimento • Miraggio della domanda esteraDOMANDA • Strutturali, per migliorare fattori contestuali e di produttività • Si devono fare, ma diventano inefficaci senza domanda RIFORME
  49. 49. 49 COME FARE? REDISTRIBUZIONE FISCAL COMPACT Occorrono risorse per conciliare il sostegno dalla domanda interna ed estera
  50. 50. 50 USCITA «2.0»: QUALE NUOVA IDEA DI SVILUPPO? NEO STATALISMO Ai servizi pensa lo Stato Terzo settore come «stampella del pubblico» NEO LIBERISMO Ai servizi pensa il Mercato A recuperare i «danni» del mercato ci pensa la Filantropia ECONOMIA CIVILE «Complementarietà strategica»: Stato, Mercato, Società Civile Società CON il mercato e non società DI mercato; Stato ‡ Pubblico
  51. 51. 51 ECONOMIA CIVILE: QUALI PRINCIPI FONDANTI? Economia politica Polis greca «Escludente» Scambio e redistribuzione Economia civile Civitas romana «Includente» Reciprocità
  52. 52. 52 ECONOMIA CIVILE: QUALE MERCATO? Imprese capitalistiche «For profit» Riesce ad assorbire solo 70% forza lavoro Imprese civili VA ma finalità «non profit» Obiettivo «piena occupazione»
  53. 53. 53 «La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie» (J.M. KEYNES)
  54. 54. Marco MARCATILI Analista economico 340.3586912 marco.marcatili@nomisma.it

×