A che punto è la notte 2.0 - Presentazione di Ivan Castelli

436 views

Published on

In questa presentazione il ricercatore ambientale Ivan Castelli ci ha illustrato un progetto molto interessante di Economia Green realizzato in Inghilterra

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
436
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
156
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

A che punto è la notte 2.0 - Presentazione di Ivan Castelli

  1. 1. Il futuro appartiene alla nazione che meglio educa i suoi cittadini, e miei colleghi americani, noi abbiamo tutto quello che serve per essere quella nazione. Abbiamo le migliori università e i più rinomati ricercatori. Barack Obama
  2. 2. Investire in ricerca è uno dei migliori modi per generare posti di lavoro e crescita economica, dicono i sostenitori della ricerca. Ma, come riporta Colin Macilwain, le prove dietro tali affermazioni sono irregolari. Ogni US $ speso dal NIH tipicamente genera 2,21 dollari in produzione economica aggiuntiva entro 12 mesi.
  3. 3. Fuga di cervelli • Nepotismo • Corruzione • Pregudizio sociale • Scarso investimeno in R&S • Scarsa trasparenza nelle assunzioni • 120.000 giovani italiani sono andati all'estero nel 2008-09, di cui il 70 per cento erano laureati Cause Conseguenze
  4. 4. Conseguenze per i paesi che perdono cervelli • Costi economici • Impatto negativo sullo sviluppo industriale • Perdita di forza propulsiva interna Conseguenze per i paesi che guadagnano cervelli • Molti lavoratori qualificati • Solitamente si stabilizzano e non tornano indietro generalmente paesi in via di sviluppo
  5. 5. • 6 mln gli italiani che vivono fuori; 4,5 mln quelli registrati all’AIRE • 5 mila sono I laureati con I voti più alti che ogni anno lasciano l’Italia e trovano un lavoro con prospettive di carriera • 25% dei laureati alla Bocconi di Milano nel 2013 son ogià al lavoro a Londra, Parigi, Shanghai e New York; 15% nel 2010 • 250 mila sono I giovani italiani arrivati a Londra nell’ultimo biennio • 38% delle assunzioni in Italia entro il 2015 potrebbe arrivare dalla green economy
  6. 6. REDD+: Riduzione delle emissioni da deforestazione e degrado forestale Gestione sostenibile delle foreste e la valorizzazione degli stock di carbonio
  7. 7. Alla riunione dell'UNFCCC (COP 15) a Copenaghen, Danimarca, nel dicembre 2009, alcune delle parti hanno sviluppato un progetto di decisione conosciuto come l'accordo di Copenaghen. Questo accordo costituisce la base per REDD+. Distruggere le foreste tropicali rilascia più C02 dell'intero settore dei trasporti a livello globale (20% circa) NO soluzioni per la deforestazione NO soluzioni per il Cambiamento Climatico
  8. 8. I paesi industrializzati pagheranno paesi in via di sviluppo per il mantenimento delle loro foreste FINORA Valore economico quando le foreste vengono tagliate per legno o cancellati per i terreni
  9. 9. REDD+ È un sistema per assegnare un valore finanziario agli stock di carbonio nelle foreste tropicali
  10. 10. Ogni 4 secondi su una superficie pari a quella di un campo da calcio viene distrutta per soddisfare la domanda globale di: Legname Produzione di carne Soia Olio di palma
  11. 11. Chi paga? A chi?
  12. 12. Biomasse Frazione biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti dall’agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali), dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, comprese la pesca e l’acquacoltura, nonché la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani • Biomassa da boschi (Pellet; Cippato) • Residui agricoli (Paglia) • Potature
  13. 13. Vantaggi • Non aumentano il contenuto di CO2 in atmosfera • Stoccaggio dell’energia • Continuità dell’erogazione • Tecnologia semplice e costi ridotti • Non soggetto a problemi geopolitici come per combustibili fossili, a causa della diseguale distribuzione di questi ultimi sulla superficie terrestre. Svantaggi • Minore contenuto potere calorifero rispetto ai combustibili fossili: 4200 Kcal/Kg, contro 10000 Kcal/Kg combustibili fossili

×