costi Lezione I 08_09

350 views

Published on

costi 6

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
350
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

costi Lezione I 08_09

  1. 1. Programmazione econtrolloCLEGI – corso serale –Sabrina Giglisabrina.gigli@unibo.it
  2. 2. Ricevimenti e materiale didattico Ricevimenti: lunedì alle 17 e (mercoledì alle 13) www.sa.unibo.it – docenti e ricercatori – gigli sabrina – didattica – programmazione e controllo – materiale didattico - occcc
  3. 3. I sistemi di pianificazione e controllo: di cosa parliamo… Implicazioni Il controllo di gestione nel sistema di pianificazione I soggetti Diverse forme di e controllocontrollo in azienda Caratteristiche attitudinali da cui dipendonoNozioni ambigue di le performance aziendali controllo Rapporto tra controllo di gestione e pianificaz. strategicaOggetti del controllo di gestione Gli obiettivi aziendali La pianificazione strategica di lungo periodo Fasi e strumenti del controllo di gestione
  4. 4. Le diverse forme di controllo inazienda Controllo burocratico: controllo effettuato sugli atti, generalmente sulla loro correttezza formale, da parte di soggetti esterni all’azienda Internal auditing: controllo sul rispetto delle procedure prescritte dall’azienda Ispettorato: particolare forma di internal auditing finalizzato, per lo più, alla verifica della consistenza del patrimonio aziendale Controllo di gestione
  5. 5. Il controllo di gestione: cos’è e acosa serveLe funzioni: guida per i manager (verso comportamenti MONITORAGGIO orientati all’efficacia e all’efficienza); responsabilizzazione dei manager in base agli obiettivi prefissati.MISURAZIONE
  6. 6. Il controllo di gestione: unadefinizione Sistema direzionale (inteso quale insieme di principi, regole, strumenti) con cui i manager ai vari livelli si accertano che la gestione aziendale si sta svolgendo in condizioni di efficienza ed efficacia tali da permettere il raggiungimento degli obiettivi di fondo della gestione stessa, stabiliti in sede di pianificazione strategica (Brusa)
  7. 7. Il controllo di gestione: alcuneprecisazioni1. Un sistema direzionale, insieme di principi, regole e strumenti per prendere decisioni che consentano di raggiungere gli obiettivi:  una componente “strutturale”: monitoraggio ed insieme di metodologie di misurazione;  una componente di “processo”: parte dinamica, attività manageriale, cosa fanno i manager.1. La direzione è il primo e fondamentale autore del controllo:  tutti i manager, non solo l’alta direzione, che rimane comunque il principale protagonista; esistono poi gli specialisti del controllo (controller).
  8. 8. Il controllo di gestione: alcuneprecisazioni3. Controllo come sinonimo di monitoraggio dei risultati, si misura il grado di:  efficienza: attitudine all’ottimizzazione del rapporto input/output;  efficacia: attitudine a conseguire ed ottimizzare i risultati.3. Monitoraggio ancorato a dei parametri che traggono origine dagli obiettivi stabiliti in sede di pianificazione strategica:  obiettivi di lungo periodo (redditività, valore creato) che si inseriscono in un sistema di obiettivi e sub-obiettivi.
  9. 9. La pianificazione strategica: unadefinizione Sistema direzionale finalizzato a produrre decisioni di contenuto rilevante e di ampiezza temporale estesa (di norma 3/5 anni) - la pianificazione formalmente conduce alla predisposizione dei piani d’azione (con cui si da concreta attuazione alla strategia definita)
  10. 10. Pianificazione Vs programmazione A livello semantico, nel linguaggio comune, sono sinonimi In Economia aziendale: Pianificazione: determina gli obiettivi di fondo (riferiti al medio-lungo periodo) e le scelte di piano Programmazione: da concreta attuazione, nel breve periodo, alle scelte di piano
  11. 11. Pianificazione: i caratteri degliobiettivi di fondo Devono essere chiari, espliciti e (possibilmente) quantificabili Sono diversi a seconda del tipo di azienda cui si fa riferimento Sono obiettivi di lungo periodo nel senso dei tempi per il loro raggiungimento e della loro durata Devono essere articolati in una serie di sub-obiettivi aziendali coerenti tra loro e devono essere collegati strettamente ai vincoli che li caratterizzano
  12. 12. Rapporto tra controllo di gestione e pianificazione strategicaall’interno del sistema di pianificazione e controllo Sistema di pianificazione e controllo Sistema di pianificazione strategica Sistema di controllo di gestione
  13. 13. Il controllo di gestione: strumentonecessario o sufficiente E’ necessario Non è sufficiente
  14. 14. Il controllo di gestione: alcune implicazioni  il controllo di gestione si può articolare in una componente di struttura e in una componente di processo;  il primo e fondamentale attore del processo di controllo di gestione è la direzione aziendale (intesa come insieme di tutti i manager ai vari livelli); il controllo di gestione inteso come componente di struttura Il controllo di gestione inteso come componente di processo  il controllo di gestione va inteso come monitoraggio deve essere opportunamente inquadrato nell’articolazione è l’attività manageriale svolta dei risultati della gestione alla luce dell’efficacia edell’impresa in sottosistemi e nell’elaborazionedi gestione dai manager nelle varie fasi del controllo di metodologie dell’efficienza; e strumenti tecnico-contabili per la misurazione dei risultati  (comprende di gestione va ancorato a parametri da e il controllo sia aspetti tecnici, sia aspetti organizzativi di tali sottosistemi comportamentali) definire accuratamente in fase di pianificazione strategica (definizione degli obiettivi di fondo).
  15. 15. Il controllo di gestione: i soggettiAlta direzione: Chi è coinvolto: Gli specialisti del controllo dideve assolutamente dimostrare di gestione: tutti i manager (chiunque in aziendacredere nell’utilità del controllo di necessita di informazioni pergestione per dare maggiore sono i cosiddetti controller, si prendere decisioni)credibilità al sistema ai livelli occupano della progettazione e dellasottostanti manutenzione del sistema e svolgono funzioni consulenziali per i manager
  16. 16. Caratteristiche attitudinali da cuidipendono le performance aziendali Efficacia: attitudine ad ottimizzare i risultati (output) della gestione - non è quindi univocamente definita in quanto può riguardare anche aspetti quali quantità, qualità, tempestività, ... Efficienza: attitudine dell’azienda o di un sub- sistema aziendale ad ottimizzare la quantità di risorse (input) da impiegare per ottenere un determinato volume di output - essere efficienti significa quindi minimizzare gli sprechi
  17. 17. Alcune nozioni ambigue di controllo inrelazione con il controllo di gestione Controllo strategico: è un controllo gestionale sulle variabili ritenute strategiche per il successo dell’azienda Controllo operativo: è un controllo su specifiche operazioni di gestione attuato nel brevissimo periodo o in tempo reale Controllo organizzativo: controllo (avente implicazioni psico-sociali e culturali) con cui l’azienda cerca di influenzare il comportamento degli individui
  18. 18. Gli oggetti del controllo di gestioneLa progettazione di un sistema di controllo di gestione richiede un’opportuna modellazione dell’azienda per: ridurne la complessità individuando obiettivi e risultati per singole porzioni aziendali; risalire alle vere cause dei risultati aziendali; individuare i soggetti responsabili per i risultati; aziendali ottenuti
  19. 19. Gli oggetti del controllo di gestione Rappresentazione dell’azienda mediante un modello sistemico Scomposizione del sistema azienda in sottosistemi Individuazione dei sub-sistemi rilevanti per il controllo di gestione in funzione delle specificità aziendali
  20. 20. Principali modalità di disaggregazionedel sistema aziendale Spesso si integrano più oggetti in base all’operatività/extra-operatività della gestione; per prodotti, famiglie di prodotti o business per il controllo di gestione, per clienti o tipi di clienti tipicamente: per zone geografiche servite per canali distributivi per progetti o commesse prodotti per aree funzionali o extra-funzionali per processi … centri di responsabilità processi
  21. 21. Le fasi del controllo di gestione Controllo susseguente ∆ CO.GE. Controllo concomitante Controllo antecedente BUDGET
  22. 22. Gli strumenti del controllo digestioneContabilità generale Contabilità analiticabilancio d’esercizio Reporting Budget e altre Rilevazioni misurazioni a extra-contabili preventivo

×