Il processo di miglioramento          continuo     Formazione per RSPP – Modulo C
Il processo  È un’attività che utilizza risorse per    trasformare elementi in ingresso  (input) in elementi in uscita (ou...
Se si vuole descrivere un processo è    necessario definire una serie di            elementi quali:                       ...
Il processoSi distinguono:• )Processi       Processi di   Processioperativi      supporto      Direzionali(ad es.        (...
Processo ed organizzazione• Il processo attraversa l’organizzazione,  in quanto coinvolge in modo  trasversale le diverse ...
Misure di prestazione delprocesso  Gli indicatori di performance (IP)   sono degli elementi di valutazione       aziendale...
Gli Indicatori di Performance devono essere  legati ad obiettivi impostati secondo lo  schema “SMART”                     ...
S (specific) cioè concreti, esenti da   ambiguità;M (measurable) cioè accompagnati da   chiari criteri di misura volumi, i...
Indicatori di performance per il         sistema di gestione qualità• Misurazione dei processi produttivi quali la produtt...
Indicatori di performance per il     sistema di gestione ambientale• Quantità rifiuti prodotti verso quantità di produzion...
Indicatori di performance per il     sistema di gestione sicurezza• Numero incidenti o di quasi-incidenti per unità  tempo...
Indicatori di performance per la         misura dell’efficienza• Misura dell’accuratezza, ossia lo scostamento tra valore ...
Indicatori di performance per la          misura dell’efficacia• Valutazione della produttività in considerazione dei  tem...
ACT                        Il ciclo di DemingCHECK          CICLO DI   PLAN          DEMING              DO
PLAN= Pianifico, cioè fisso obbiettivi                                               coerenti con la politica di impresa, ...
Il ciclo di Deming è una impostazione logica da  utilizzare per la gestione e il miglioramento del      business di cui la...
Sistemi di gestionee miglioramento continuo Il sistema di gestione della qualità si       basa sul paradigma di DemingNell...
1. Orientamento al cliente  Le organizzazioni dipendono dai      propri clienti e dovrebbero pertanto capire le esigenze p...
2. LeadershipI capi stabiliscono unità di intenti e di    indirizzo dell’ organizzazione. Essi   dovrebbero creare e mante...
3. Coinvolgimento delpersonale     Le persone, a tutti i livelli,     costituiscono l’essenza dell’    organizzazione ed i...
4. Approccio per processiUn risultato desiderato si ottiene con    maggiore efficienza quando le     relative attività e r...
5. Approccio sistemico allagestione Identificare, capire e gestire (come    fossero un sistema) processi tra        loro c...
6. Miglioramento continuo  Il miglioramento continuo delle      presentazioni complessive     dovrebbe essere un obiettivo...
7. Decisioni basate su dati difatto  Le decisioni efficaci si basano sull’     analisi di dati ed informazioni
8. Rapporti di reciprocobeneficio con i fornitori Un’organizzazione ed i suoi fornitori      sono interdipendenti ed un   ...
Qualità   Il concetto di qualità si definisce     nelle ISO 9000 “Grado in cui un         insieme di caratteristiche     i...
Qualità ambientale: alcune problematiche   •   Acque          • Serbatoi   •   Atmosfera      • Risparmio energetico   •  ...
Cesvor ® sas di Bisio Carlo e C.                    Sede legale: Via Umberto I, 20 – 20862 Arcore (MB)                    ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Miglioramento continuo

376 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
376
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
36
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Miglioramento continuo

  1. 1. Il processo di miglioramento continuo Formazione per RSPP – Modulo C
  2. 2. Il processo È un’attività che utilizza risorse per trasformare elementi in ingresso (input) in elementi in uscita (output) Il processo genera valore
  3. 3. Se si vuole descrivere un processo è necessario definire una serie di elementi quali: Gli input e i fornitori I clienti e gli Scopo output del processo I bisogni dei clienti Il responsabile di processo Gli indicatori di prestazione
  4. 4. Il processoSi distinguono:• )Processi Processi di Processioperativi supporto Direzionali(ad es. (ad es. di (ad es.imballaggio) Approvvigio definizione namento) di politiche)
  5. 5. Processo ed organizzazione• Il processo attraversa l’organizzazione, in quanto coinvolge in modo trasversale le diverse funzioni o ruoli
  6. 6. Misure di prestazione delprocesso Gli indicatori di performance (IP) sono degli elementi di valutazione aziendale per monitorare:• Il buon funzionamento/andamento dei processi aziendali • I progressi per il raggiungimento degli obbiettivi aziendali.
  7. 7. Gli Indicatori di Performance devono essere legati ad obiettivi impostati secondo lo schema “SMART” M (measurable) A (achievable)S (specific) SMART T (timed) R (relevant)
  8. 8. S (specific) cioè concreti, esenti da ambiguità;M (measurable) cioè accompagnati da chiari criteri di misura volumi, indici operativi, specifici di qualità, ecc…A (achievable) cioè stimolanti ma realistici e raggiungibili;R (relevant) cioè significativi in rapporto al ruolo e agli obbiettivi dell’ azienda;T (timed) accompagnati da una chiara indicazione dei tempi di completamento, anche delle scadenze dei passi intermedi.
  9. 9. Indicatori di performance per il sistema di gestione qualità• Misurazione dei processi produttivi quali la produttività, % prodotto rilavorato, % prodotto conforme, % utilizzo della capacità produttiva, disponibilità alle attrezzature;• Misurazione del processo di manutenzione impianti quali tempi di fermo macchina o impianto.• Misurazione dei processi amministrativi, quali riduzione del numero di giorni dei ritardi nei pagamenti, tempi di emissione di una fattura ecc…• Misurazione del processo di vendita, quali indici di customer satisfaction, tempi di risposta ai reclami, numero di reclami, % ordini soddisfatti nei tempi, riduzione del numero di richieste di informazioni, aumento % del fatturato, ecc…• Rapporto tra casi soddisfacenti (es scarti) sul totale dei casi considerati ( es. prezzi dei prodotti).• Azioni correttive/preventive aperte nelle verifiche ispettive per unità temporale (giorni, mesi, trimestri, anno).
  10. 10. Indicatori di performance per il sistema di gestione ambientale• Quantità rifiuti prodotti verso quantità di produzione;• Quantità rifiuti riciclati verso la quantità di rifiuto prodotto;• Quantità risorse naturali utilizzate per quantità di prodotto;• Quantità dei parametri di emissione verso un periodo temporale prestabilito;• Azioni correttive/preventive aperte nelle vecchie verifiche ispettive per unità temporale o verso reparto.
  11. 11. Indicatori di performance per il sistema di gestione sicurezza• Numero incidenti o di quasi-incidenti per unità temporale (giorni/mesi/trimestri) o verso reparto• Infortuni (indice di gravità, di frequenza)• Addestramento per emergenze (ore di addestramento per addetto)• Azioni correttive/preventive realizzate
  12. 12. Indicatori di performance per la misura dell’efficienza• Misura dell’accuratezza, ossia lo scostamento tra valore impostato e valore registrato;• Misura della capacità di riduzione dei costi, scarti, rilavorazione, scorte ecc…• Misura della reattività dei processi e del personale per tempi e qualità di esecuzione a fronte di speciali richieste interne ed esterne (flessibilità)• Misura della capacità organizzativa del personale per tempi e qualità di esecuzione a fronte di speciali richieste interne ed esterne (flessibilità)
  13. 13. Indicatori di performance per la misura dell’efficacia• Valutazione della produttività in considerazione dei tempi di set-up (cambi formati, messa a punto del sistema, ecc…)• Misura delle capacità operative del personale;• Misura dei tempi di risposta dei sistemi computerizzati per l’elaborazione dei dati;• Misura dei tempi di produzione (lead-time);• Valutazioni dei tempi di evasione di un ordine di consegna ecc…
  14. 14. ACT Il ciclo di DemingCHECK CICLO DI PLAN DEMING DO
  15. 15. PLAN= Pianifico, cioè fisso obbiettivi coerenti con la politica di impresa, stabilisco i processi necessari, definisco PLAN ed assegno le risorse.DO=Eseguo quanto ho pianificato. DO ACT= Agisco, o meglio reagisco adottando azioni per il trattamento delle non conformità. Posso quindi individuare azioni diCHECK= Controllo, misuro, miglioramento verifico, CHECK e ripianificare iconfronto quanto ho fatto contenuti del sistema di rispetto a quanto avevo ACT gestione. pianificato.
  16. 16. Il ciclo di Deming è una impostazione logica da utilizzare per la gestione e il miglioramento del business di cui la Qualità, l’ Ambiente, la Salute e la Sicurezza sul lavoro rappresentano una parte importante e non prescindibile
  17. 17. Sistemi di gestionee miglioramento continuo Il sistema di gestione della qualità si basa sul paradigma di DemingNelle norme ISO 9000 (versione 2008) sono stati enunciati otto principi ispiratori che riassumono l’ intera filosofia gestionale
  18. 18. 1. Orientamento al cliente Le organizzazioni dipendono dai propri clienti e dovrebbero pertanto capire le esigenze presenti e future di questi, soddisfare i loro requisiti e mirare a superare le loro stesse aspettative.
  19. 19. 2. LeadershipI capi stabiliscono unità di intenti e di indirizzo dell’ organizzazione. Essi dovrebbero creare e mantenere un ambiente interno che coinvolga pienamente il personale nel perseguitamento degli obbiettivi dell’ organizzazione.
  20. 20. 3. Coinvolgimento delpersonale Le persone, a tutti i livelli, costituiscono l’essenza dell’ organizzazione ed il loro pieno coinvolgimento permette di porre le loro capacità al servizio dell’organizzazione.
  21. 21. 4. Approccio per processiUn risultato desiderato si ottiene con maggiore efficienza quando le relative attività e risorse sono gestite come un processo.
  22. 22. 5. Approccio sistemico allagestione Identificare, capire e gestire (come fossero un sistema) processi tra loro correlati contribuisce all’efficacia ed all’efficienza dell’organizzazione nel conseguire i propri obbiettivi
  23. 23. 6. Miglioramento continuo Il miglioramento continuo delle presentazioni complessive dovrebbe essere un obiettivo permanente nell’organizzazione.
  24. 24. 7. Decisioni basate su dati difatto Le decisioni efficaci si basano sull’ analisi di dati ed informazioni
  25. 25. 8. Rapporti di reciprocobeneficio con i fornitori Un’organizzazione ed i suoi fornitori sono interdipendenti ed un rapporto di reciproco beneficio migliora, per entrambi, la capacità di creare valore.
  26. 26. Qualità Il concetto di qualità si definisce nelle ISO 9000 “Grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti”.L’ aggettivo “intrinseco” significa che è presente in qualcosa come caratteristica permanente.
  27. 27. Qualità ambientale: alcune problematiche • Acque • Serbatoi • Atmosfera • Risparmio energetico • Rumore • Inquinamento elettro- • Rifiuti magnetico • Olii esausti • Inquinamento luminoso • Amianto • Aziende a rischio di incidente rilevante • Ozono
  28. 28. Cesvor ® sas di Bisio Carlo e C. Sede legale: Via Umberto I, 20 – 20862 Arcore (MB) P. IVA 05459350962 – Registro Imprese MB 1824224 Piazza IV Novembre, 4 - 20124 Milano, Italy (MM 2 - 3, Centrale) Tel.: +39 02 67165 307 - Fax: +39 02 67165 266 Numero verde 800 59 24 20Cesvor - Communications House - 26 York Street, London W1U 6PZ, UK - Tel.: +442081330910Cesvor è unimpresa affiliata alla Camera di Commercio e Industria Italiana per il Regno Unito Cesvor ® è un marchio comunitario depositato (n° 008906661) www.cesvor.com

×