Osservatorio VedoGreen: risultati della survey su investitori istituzionali e opinion leader

460 views

Published on

Intervento di Anna Lambiase – CEO VedoGreen e di Renato Mannheimer - Presidente ISPO al workshop "Industria verde e nuovi orizzonti globali".

Published in: Investor Relations
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
460
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
91
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Osservatorio VedoGreen: risultati della survey su investitori istituzionali e opinion leader

  1. 1. Osservatorio VedoGreen: risultati della survey su investitori istituzionali e opinion leader Anna Lambiase – CEO VedoGreen Renato Mannheimer ISPO Milano, 18 ottobre 2013 In collaborazione con Gruppo
  2. 2. VEDOGREEN VedoGreen, società specializzata nella finanza per le aziende green quotate e private. OSSERVATORIO PERMANENTE SULLE IMPRESE GREEN ITALIANE E SUGLI INVESTITORI Venture Capital / Private Equity SOCIETA’ GREEN Italiane INVESTITORI ISTITUZIONALI La prima SPAC italiana specializzata nelle imprese della Green Economy Raccolta Euro 40 milioni CoPromotori: IDEA CAPITAL FUNDS SGR (Gruppo De Agostini) e Matteo Carlotti - Target: società EV > Euro 100 Milioni premoney Gruppo
  3. 3. OSSERVATORIO VEDOGREEN Investitori Istituzionali Opinion Leader • Indagine realizzata da IR TOP per VedoGreen • Indagine realizzata da ISPO per VedoGreen • Obiettivo: indagare l’interesse e le prospettive del “green investing” • Obiettivo: indagare come viene percepita la “Green Economy”, i giudizi e gli atteggiamenti, le attese per il futuro. • Realizzata tramite un questionario strutturato inviato a circa 100 Investitori Istituzionali Europei (Italia, Francia, Germania, UK, Svizzera)  Gli investitori istituzionali sono stati selezionati dal DATABASE VEDOGREEN e sono riconducibili a differenti categorie tra cui Fondi etici, Investment Bank, Family Office, Fondi di Private Equity, Asset manager 3 • Realizzata tramite interviste telefoniche (sistema CATI) su un campione di 100 casi. • Gli opinion leader sono stati selezionati dal DATABASE ISPO di personalità altamente qualificate. Le categorie di appartenenza degli intervistati sono: il mondo economico (imprenditori delle più grandi aziende, amministratori delegati, presidenti, direttori, ecc.), i media (giornalisti economici: direttori, vicedirettori, giornalisti, ecc.), il mondo culturale (docenti, analisti finanziari) e il mondo politico (istituzioni/associazioni di categoria). Gruppo
  4. 4. OSSERVATORIO VEDOGREEN: Percezione Investitori Istituzionali 4 Gruppo
  5. 5. SURVEY: GREEN INVESTING PER VEDOGREEN E PER GLI INVESTITORI Come considera il «green investing»?  La green economy non è un «settore» ma un criterio di investimento applicabile a molteplici settori produttivi (86%) Investimento in uno specifico settore 14%  Investire nella green economy significa investire in imprese del nostro sistema industriale che stanno rivedendo i propri processi e i propri prodotti in chiave sostenibile puntando sull’efficienza e sul miglioramento dell’impatto ambientale. Criterio di investimento per differenti settori 86% Source: VedoGreen Survey 2013  VedoGreen ha classificato le aziende della Green Economy in 10 settori Smart Energy Green Chemistry Waste Management Ecobuilding Environmental Services Agribusiness Lighting Solutions Water, Air, Noise Treatment Ecomobility White biotech Gruppo
  6. 6. SURVEY: GREEN INVESTING E SCELTE DEGLI INVESTITORI Quali settori cresceranno maggiormente in futuro? Eco-building 71% Smart energy 69% Green chemistry 65% Agribusiness 62%  Smart Energy (69%) Waste management 57% Water, air & noise treatment 50% Eco-mobility 36% Environmental services Lighting solutions White biotech  Secondo il giudizio degli investitori il settore con maggiori potenzialità di crescita, in Italia e all’estero, è l’Ecobuilding (riqualificazione del patrimonio edilizio esistente e costruzione di nuovi edifici in linea con le normative sulle certificazioni energetiche) 25% 21% 14%  Green Chemistry (65%) settore nel quale l’Italia ha da sempre un primato a livello mondiale che negli ultimi anni ha rivoluzionato l’intero processo produttivo costruendosi importanti riconoscimenti a livello internazionale come eccellenza di innovazione.  L’agribusiness biologiche a ambientale) (produzioni ridotto impatto  Waste management (57%) Source: VedoGreen Survey 2013 Gruppo
  7. 7. SURVEY: GREEN INVESTING E SCELTE DEGLI INVESTITORI Nel campo specifico delle energie Idrico 71% rinnovabili dove pensa sia più opportuno investire? Biomasse 43% Eolico 29% Solare Geotermico Quali sono le 25% 21% 50% aree a 36% maggior 34% 25% potenziale di crescita 14% 7% green? Sud-est asiatico Sud America Africa e Medio Oriente Europa dell’Est Nord Europa Europa centromeridionale Source: VedoGreen Survey 2013 Gruppo
  8. 8. SURVEY: GREEN INVESTING E SCELTE DEGLI INVESTITORI Motivazioni per investire nel green? Settore ad elevato potenziale di crescita 43% Trend irreversibile/risorse fossili limitate 36% 21% CSR Vantaggi degli investimenti infrastrutturali Riduzione inquinamento 14% 14%  Le due principali motivazioni suggerite dagli investitori per investire nel green sono: - le elevate potenzialità di crescita della Green Economy - l’irreversibilità del processo legata alla limitatezza delle risorse fossili Rendimenti 14% So urce: Vedo Green Survey 201 3 Gruppo
  9. 9. SURVEY: GREEN INVESTING E SCELTE DEGLI INVESTITORI Ostacoli agli investimenti nel green? Rischio normativo 43% Eccessiva burocrazia 21% Valutazione nuovi Business Model 21%  Lobby dei settori dell'energia convenzionale Il principale ostacolo agli investimenti green è rappresentato dal rischio normativo (43% 14% degli intervistati), dovuto alla generale incertezza delle norme e alla scarsa Costi di investimento armonia tra i sistemi legislativi dei diversi 14% Paesi. Attuale congiuntura economica Rischio tecnologico (fase start up) 14%  Atri fattori di ostacolo sono l’eccessiva burocrazia, le lobby settoriali e i costi di 7% investimento Source: VedoGreen Survey 2013 Gruppo
  10. 10. SURVEY: GREEN INVESTING E SCELTE DEGLI INVESTITORI Quali sono gli interventi che i governi dovrebbero attuare per favorire lo sviluppo della green economy? Semplificazione della burocrazia 71% Nuove politiche di sviluppo e incentivi economici adeguati 57% Incentivi fiscali o detrazioni governative per chi investe nel mondo green 43% Creazione di fondi di investimento dedicati di natura pubblica 36% Apertura di linee di credito bancarie green 29% 21% Accordi tra Paesi Campagne di comunicazione e sensibilizzazione Programmi educativi per la formazione di nuove figure professionali specializzate 14% 7% So urce: Vedo Green Survey 201 3 Gruppo
  11. 11. SURVEY: GREEN INVESTING E SCELTE DEGLI INVESTITORI Pensa di aumentare la quota investimenti green nei prossimi 3 anni? 17% Si, leggermente Sì, in maniera significativa 50% No 33%  L’83% degli intervistati afferma di voler investire maggiormente all’interno del settore green nei prossimi 3 anni. Gruppo
  12. 12. OSSERVATORIO VEDOGREEN: Percezione Opinion Leader 12 Gruppo
  13. 13. La Green Economy è il settore chiave per il rilancio dell’Italia, unanime il giudizio positivo degli opinion leader 13 Gruppo
  14. 14. Nonostante la congiuntura economica sfavorevole i giudizi sull’andamento attuale dei singoli settori economici sono nella maggior parte dei casi positivi L’ANDAMENTO PERCEPITO DEI DIVERSI SETTORI ECONOMICI Voti POSITIVI (6-10) Voti NEGATIVI (1-5) Moda e design 11 84 Turismo 71 Editoria e media 28 1 6,0 5,1 59 4,6 76 TESTO DELLA DOMANDA: “Esprima un suo GIUDIZIO SULL’ANDAMENTO di ciascuno dei seguenti settori. Risponda dando un voto da 1 a 10, dove 1=andamento molto negativo e 10=andamento molto positivo” 6,2 5,6 42 41 24 6,2 39 58 Automotive 6,2 28 61 Green economy e green industry 6,8 23 72 ICT e hi-tech 6,9 16 77 Grande distribuzione Infrastrutture e grandi opere Voto medio (escluso i “non sa”) 89 Food & beverage 14 Non sa Gruppo
  15. 15. Per rilanciare il Paese bisogna puntare su TURISMO, GREEN ECONOMY e INFRASTRUTTURE I SETTORI CHIAVE PER IL RILANCIO DEL PAESE 71 Turismo 61 Green economy e green industry 57 Infrastrutture e grandi opere 36 ICT e hi-tech 28 Food & beverage 20 Moda e design 11 Automotive 7 Grande distribuzione Editoria e media 15 3 TESTO DELLA DOMANDA: “E quali di questi, a suo parere, sono i SETTORI CHIAVE PER IL RILANCIO DEL PAESE in questo momento?” Gruppo
  16. 16. Elevate le potenzialità attribuite alla green industry LE POTENZIALITÀ DELLA GREEN INDUSTRY Voti POSITIVI (6-10) Voti NEGATIVI (1-5) Non sa Può rendere il nostro Paese più competitivo Voto medio (escluso i “non sa”) 98 2 7,7 97 3 8,1 Consente di ridurre le conseguenze dell'inquinamento sulla salute dell'uomo 96 31 8,2 Può rilanciare il nostro sistema industriale, agricolo e dei servizi 96 4 7,6 Può creare o difendere posti di lavoro 95 5 8,1 Può creare nuove figure professionali 83 Può attrarre investimenti esteri nel nostro Paese E' un terreno fertile per lo sviluppo di attività illecite E' solo un altro modo per farsi pubblicità senza pensare realmente all’ambiente 16 56 39 7,0 5,8 44 4,6 61 TESTO DELLA DOMANDA: “Sempre a proposito di green economy e green industry indichi ora, con un voto da 1 a 10, dove 1=per nulla e 10=molto, in che misura ritiene che il settore della green economy e green industry …” 16 1 Gruppo
  17. 17. Più fiduciosi gli opinion leader rispetto alla popolazione riguardo ai possibili effetti dello sviluppo della green industry LE POTENZIALITÀ DELLA GREEN INDUSTRY % di VOTI POSITIVI Consente di ridurre le conseguenze dell'inquinamento sulla salute dell'uomo 96 96 Può rilanciare il nostro sistema industriale, agricolo e dei servizi 96 82 95 Può creare o difendere posti di lavoro 80 E' un terreno fertile per lo sviluppo di attività illecite E' solo un altro modo per farsi pubblicità senza pensare realmente all’ambiente 56 Tra gli opinion leader 51 Tra la popolazione * 39 54 TESTO DELLA DOMANDA: “Sempre a proposito di green economy e green industry indichi ora, con un voto da 1 a 10, dove 1=per nulla e 10=molto, in che misura ritiene che il settore della green economy e green industry …” 17 *POPOLAZIONE: Dati ISPO, riferiti ad un campione rappresentativo della popolazione italiana, 800 casi. Nell’indagine per il target popolazione i giudizi non erano espressi in voti ma come grado di accordo (“molto”, “abbastanza”, “poco”, “per nulla”) Gruppo
  18. 18. Le aziende green sono considerate strategiche per gli investitori e ad elevate potenzialità di sviluppo 18 Gruppo
  19. 19. Elevate le potenzialità di sviluppo attribuite al settore della Green Industry, che viene inoltre ritenuto innovativo e strategico IL PROFILO DI IMMAGINE DELLE AZIENDE DELLA GREEN INDUSTRY Voti POSITIVI (6-10) Voti NEGATIVI (1-5) Non sa Voto medio (escluso i “non sa”) Con forti potenzialità di sviluppo 99 Strategiche per gli investitori 95 Innovative Solide 70 67 7,6 9 83 16 26 1 4 6,8 6,5 6,1 33 TESTO DELLA DOMANDA: “Le leggerò ora una serie di caratteristiche che un’azienda può avere. Indichi rispetto a ciascuna di esse che giudizio darebbe alle aziende della green industry. Risponda dando un voto da 1 a 10, dove 1=pessimo e 10=ottimo” 19 7,8 7,5 5 91 Competitive Internazionali 1 Gruppo
  20. 20. Alle aziende della Green Industry viene attribuita un’alta responsabilità ambientale e un elevato livello tecnologico LE CARATTERISTICHE DISTINTIVE DELLE AZIENDE DELLA GREEN INDUSTRY Risposte spontanee – Possibili più risposte 63 Alta responsabilità ambientale 29 Alta tecnologia 17 Capacità di vision Le componenti della responsabilità ambientale emerse dalla prima risposta sono: 13 CSR • la sostenibilità dei processi • il risparmio energetico Buone performances economiche (alti rendimenti, bassi investimenti) 7 3 14 Altro Non sa • le basse emissioni • la tutela della salute Attenzione alle risorse umane e alla specializzazione Maggiore accesso ai finziamenti pubblici • l’attenzione alle materie prime 10 5 TESTO DELLA DOMANDA: “Secondo lei quali sono le caratteristiche che distinguono le aziende della green industry da quelle degli altri settori economici di cui abbiamo parlato in precedenza?” 20 Gruppo
  21. 21. Energie rinnovabili, gestione dei rifiuti e mobilità sostenibile sono i principali settori green sui quali investire 21 Gruppo
  22. 22. Secondo gli opinion leader la Green Industry dovrebbe investire soprattutto sul settore delle energie rinnovabili; segue la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti I SETTORI DELLA GREEN INDUSTRY SUI QUALI INVESTIRE Tra la popolazione * Tra gli opinion leader 69 Energie rinnovabili Raccolta, smaltimento, trattamento e recupero dei rifiuti 55 Trasporti a basse emissioni (es. veicoli elettrici, ibridi, etc.) 48 Edilizia sostenibile (che adotta ecniche e materiali a basso impatto ambientale) 39 Tecnologie di risparmio energetico (che consentono di ridurre gli sprechi di energia) 25 Gestione responsabile pesca, agricoltura e foreste 14 10 Gestione responsabile dell’acqua Trattamento aria e acqua inquinante Tutti allo stesso modo Raccolta, smaltimento, trattamento e recupero dei rifiuti 46 40 Energie rinnovabili 27 Trattamento aria e acqua inquinante Trasporti a basse emissioni (es. veicoli elettrici, ibridi, etc.) 22 Tecnologie di risparmio energetico (che consentono di ridurre gli sprechi di energia) 18 Edilizia sostenibile (che adotta tecniche e materiali a basso impatto ambientale) 17 Gestione responsabile dell’acqua 19 Gestione responsabile pesca, agricoltura e foreste 5 11 13 26 Tutti allo stesso modo Non so 2 TESTO DELLA DOMANDA: “Mi dica quali sono i settori della green industry sui quali pensa che sarebbe più opportuno investire?” 22 *POPOLAZIONE: Dati ISPO, riferiti ad un campione rappresentativo della popolazione italiana, 800 casi Gruppo
  23. 23. In particolare secondo gli Opinion Leader bisognerebbe investire soprattutto nel campo dell’energia solare LE ENERGIE RINNOVABILI SU CUI SAREBBE PIÙ OPPORTUNO INVESTIRE Tra la popolazione * Tra gli opinion leader 84 Solare 60 Biomasse 70 Solare 32 Eolico 54 Idrico 23 Idrico 50 Eolico 12 Biomasse Tutti allo stesso modo 3 Tutti allo stesso modo Non so 10 6 Non so 1 TESTO DELLA DOMANDA: “Nel campo specifico delle energie rinnovabili dove pensa sia più opportuno investire? Metta sempre le risposte in ordine di importanza” 23 *POPOLAZIONE: Dati ISPO, riferiti ad un campione rappresentativo della popolazione italiana, 800 casi Gruppo
  24. 24. Per lo sviluppo della Green Economy occorre un forte impegno del Governo e dell’Unione Europea: gli opinion leader indicano gli interventi più urgenti da attuare 24 Gruppo
  25. 25. Rispetto alla popolazione, gli opinion leader sono ancora più critici sul posizionamento dell’Italia vs l’estero sulle tematiche della green economy IL POSIZIONAMENTO DEI PAESI ESTERI RISPETTO ALL’ITALIA SULLE TEMATICHE DELLA GREEN ECONOMY 86 Più avanti 47 11 Nella stessa posizione 34 2 Più indietro 3 tra gli opinion leader tra la popolazione* 1 Non sa 16 TESTO DELLA DOMANDA: “Nel settore della green industry ritiene che i paesi esteri rispetto all’Italia siano:” 25 *POPOLAZIONE: Dati ISPO, riferiti ad un campione rappresentativo della popolazione italiana, 800 casi Gruppo
  26. 26. Lo sviluppo di iniziative “Green” può essere favorito soprattutto da soggetti politici, prima di tutto dal Governo, seguito dall’Unione Europea GLI ATTORI DI MAGGIOR RILIEVO PER LO SVILUPPO DI INIZIATIVE “GREEN” 88 Il governo 74 L’Unione Europea 43 Gli enti locali 39 Le istituzioni bancarie 28 Gli istituti di ricerca 13 Le associazioni di categoria 10 I consorzi 3 Le istituzioni non bancarie Altro 26 1 TESTO DELLA DOMANDA: “Quali tra i seguenti soggetti possono esercitare il peso più rilevante nello sviluppo di iniziative di green economy e green industry?” Gruppo
  27. 27. I suggerimenti più citati spontaneamente dagli opinion leader per valorizzare la green industry GLI INTERVENTI PIÙ URGENTI CHE IL PROSSIMO GOVERNO DOVREBBE ATTUARE Risposte spontanee – Possibili più risposte Incentivare gli investimenti (anche a fondo perduto), fornire agevolazioni, incentivi, sgravi alle aziende e ai consumatori 75 Individuare alcuni settori su cui investire di più (per es. raccolta differenziata, trasporti a bassa emissione, energie rinnovabili, ristrutturazioni) 30 Legislazione chiara e certa, fornire linee guida, fare pianificazioni di medio/lungo periodo, punire chi inquina 23 22 Semplificare le procedure burocratiche Sviluppare e investire sulla ricerca, l'innovazione 19 Agevolare le assunzioni (anche defiscalizzando gli stipendi) 12 Favorire la formazione della cultura green nella popolazione (specie tra i giovani) e nelle imprese 12 Migliorare le infrastrutture, rilanciare le grandi opere 11 Creare un piano industriale green 11 7 Formare figure professionali adeguate Attuare un regime di tassazione differenziata (tassando maggiormente chi inquina di più) 3 Favorire il credito alle imprese 3 Ridurre il costo dell'energia Altro 27 2 14 TESTO DELLA DOMANDA: “Quali sono secondo lei gli interventi più urgenti che il prossimo governo dovrebbe attuare per valorizzare pienamente le potenzialità della green economy e green industry?” Gruppo
  28. 28. GRAZIE Via C. Cantù, 1 20123 Milano Tel: 02 45473884 vedogreen.it info@vedogreen.com 28 Gruppo

×