Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Merchandising Operativo

1,854 views

Published on

Published in: Lifestyle
  • Be the first to comment

Merchandising Operativo

  1. 1. Come fare il Merchandiser
  2. 2. <ul><li>Incontro con il cliente: </li></ul><ul><li>Opportunità di fidelizzazione. </li></ul><ul><li>Analisi dell’andamento del mercato. </li></ul><ul><li>Le visite si distinguono in due categorie: </li></ul><ul><li>Standard </li></ul><ul><li>Eccezionale o reset. </li></ul>LA VISITA
  3. 3. Nel primo caso, parliamo di un normale passaggio, dove il merchandiser si occuperà di controllare l’esposizione (rispetto degli spazi), le scadenze, le rotture di stock, cartellonistica, materiale informativo. Nel secondo caso, parliamo di visite particolari, dove andiamo a ridimensionare e sistemare tutti gli spazi espositivi. In questo caso possiamo trovarci di fronte al restyling di un p.d.v. già esistente, o all’allestimento di una nuova realtà commerciale. In entrambi i casi, è bene contrattare lo spazio a noi riservato prima di ogni altro concorrente, per essere sicuri di accaparrarsi la postazione migliore e più consona ai nostri prodotti. STANDARD RESET
  4. 4. Interno PdV Entrata Uscita Cassa A B C D E Park ECCO il LAY OUT : 1° L’ingresso: porta di vetro, con adesivi, di chi. 2° Quante vetrine, cosa viene esposto 3° Analizzare dove il percorso del Cliente (dx,diritto,sx) 4° Tipo di illuminazione e dov’è + intensa o mancante. 5° Quante corsie ci sono 6° Quali marche espongono 7° Esistono scaffali a muro ed in che quantità. 8° Zona di poco passaggio e di alto passaggio. 9° E = Zona oggettistica, collari,guinzagli, ecc. 10 D = Espositori a tutto tondo 11 C = Magazzino o ripostiglio 12 F = Zona di sosta obbligata 13 …… Analizziamo: Espositore in cartone cane e gatto situato in un angolo a poco transito con nessun’ altra segnaletica FORZA10 ben visibile e che indichi la nostra posizione. Risulta un investimento Negativo F
  5. 5. <ul><li>Referenze fondamentali devono essere sempre presenti nel p.d.v. </li></ul><ul><li>I prodotti devono essere i primi (possibilmente) a essere visti. </li></ul><ul><li>Il consumatore ha un budget di spesa che va esaurendosi lungo il percorso. </li></ul><ul><li>Organizzare il p.d.v. per reparti in maniera particolare presso le grandi catene (cane, gatto…). Per quanto riguarda le piccole realtà, optare per un’isola espositiva. </li></ul><ul><li>Utilizzare l’esposizione verticale a blocco, per pezzatura e fasce di vita. </li></ul><ul><li>Compattare il blocco del secco da quello dell’umido. </li></ul><ul><li>Agevolare la scelta del consumatore: formati prova ad altezza occhi . </li></ul>ALLESTIMENTO
  6. 6. Le altezza a scaffale di maggiore impatto per le vendite, sono quelle corrispondenti tra 1,10 – 1,70 mt. POSIZIONAMENTO 1,7 1,10
  7. 7. Richiamare l’attenzione del cliente, tramite l’utilizzo mirato del materiale a nostra disposizione, facendo in modo di provocare una sosta davanti allo scaffale. Accertarsi sempre che il punto vendita, abbia a disposizione del materiale informativo. SCAFFALI
  8. 8. <ul><li>La totale o parziale mancanza del prezzo, pone il consumatore davanti a difficoltà: </li></ul><ul><li>Impossibilità di fare un confronto. </li></ul><ul><li>Dubbi sulla sufficienza del proprio budget. </li></ul><ul><li>L’imbarazzo di dovere chiedere il prezzo al negoziante. </li></ul><ul><li>Optare per prodotti, il cui prezzo è ben chiaro. </li></ul>IL PREZZO
  9. 9. I periodi promozionali danno una maggiore visibilità e disponibilità del prodotto all’interno del pdv. Cercare sempre di creare una doppia esposizione, mantenendo comunque integro lo spazio a scaffale. Es: un fuori banco (tramite relativi espositori e display), possibilmente vicino all’entrata o comunque una postazione di grande impatto visivo. PROMOZIONI
  10. 10. <ul><li>E’ il biglietto da visita di ogni attività commerciale. </li></ul><ul><li>La vetrina non può essere solo bella </li></ul><ul><li>ma soprattutto efficace. </li></ul><ul><li>Deve invogliare i passanti a soffermarsi davanti la vetrina, e spingerli ad entrare all’interno del pdv, </li></ul><ul><li>o quanto meno a far scaturire in loro </li></ul><ul><li>il bisogno dell’oggetto esposto. </li></ul><ul><li>Nell’allestimento della vetrina è buon uso </li></ul><ul><li>seguire tre principi fondamentali, </li></ul><ul><li>deve essere: </li></ul><ul><li>Visibilità, </li></ul><ul><li>Chiarezza, </li></ul><ul><li>Efficacia (scopo commerciale), </li></ul><ul><li>Visibilità del marchio. </li></ul>LA VETRINA
  11. 11. Studiare la posizione del pdv, rispetto al contesto. Analizzare il flusso pedonale o di autovetture. Determiniamo la vetrina di nostro interesse, in totale accordo con il negoziante. Essa può avere come soggetto il nostro prodotto, o il nostro marchio. In questa ultima ipotesi, andremo a utilizzare le vetrofanie. In questo modo la vetrina contribuirà alla diffusione e conoscenza del marchio in maniera durevole. Può inoltre essere utilizzata in un secondo tempo per il lancio di nuovi messaggi e promozioni.
  12. 12. Pensiero positivo. Entrare in relazione diretta con le aspettative del gerente il p.d.v. Imparare a conoscere le esigenze del Cliente. Consigli Utili per Tutti . . .
  13. 13. “ Nella vita puoi avere quello che vuoi, se solo aiuti abbastanza altre persone ad avere quello che vogliono” Zig Ziglair

×