• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
L'autonomia di movimento dei bambini: una necessità per loro, una risorsa per la città e per la scuola
 

L'autonomia di movimento dei bambini: una necessità per loro, una risorsa per la città e per la scuola

on

  • 894 views

Francesco Tonucci...

Francesco Tonucci
Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione (ISTC) Del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)
Responsabile del progetto internazionale “La città delle bambine e dei bambini”

Settimana Unesco di Educazione allo Sviluppo Sostenibile 2010

Statistics

Views

Total Views
894
Views on SlideShare
894
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
2
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    L'autonomia di movimento dei bambini: una necessità per loro, una risorsa per la città e per la scuola L'autonomia di movimento dei bambini: una necessità per loro, una risorsa per la città e per la scuola Document Transcript

    • L’autonomia di movimento dei bambini: una necessità per loro, una risorsa per la città e per la scuola Francesco Tonucci Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione (ISTC) Del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile del progetto internazionale “La città delle bambine e dei bambini” Nella città moderna il crollo delle autonomie Credo si possa dire che la differenza più importante fra lessere bambino ai miei tempi, ma anche a quelli dei miei figli, ed oggi è la scomparsa dell’autonomia di movimento. Secondo il ricercatore inglese Hillman nel 1970 i bambini inglesi, dai 6 agli 11 anni, che andavano da soli a scuola erano il 90%. Nel 1990 erano il 10%! È scomparsa la possibilità di uscire di casa senza essere accompagnati, incontrarsi con amici, scegliere con loro un gioco e realizzarlo in un tempo libero e in un spazio scelto perché adeguato a quel gioco. Vivere insieme - anche se allinterno di un giusto confine di regole dettate dalla famiglia- le esperienze dellavventura, della scoperta, del rischio, e non vedere lora di tornare a casa per raccontarle. Durante la mia infanzia spesso i genitori non c’erano e noi potevamo approfittare della loro assenza per sperimentare quello che la loro presenza avrebbe impedito, e questo ci permetteva di crescere, imparare e prepararci a vivere. Oggi invece gli adulti ci sono sempre. Se non sono i genitori saranno gli insegnanti o gli animatori o gli allenatori, o i ludotecari, ecc. A questo crollo dell’autonomia di movimento si contrappone un enorme aumento di autonomia nell’informazione e nella comunicazione grazie alla televisione, internet e il cellulare. La nuova situazione blocca i bambini per molto tempo davanti ad uno schermo e prepara situazioni paradossali come il fenomeno giapponese Hikikomori: 1 milione di giovani fra i 14 e i 30 anni, prevalentemente maschi, vivono chiusi nella loro stanza, alimentati dai genitori, rifiutando studi e lavoro. Vivono davanti ad uno schermo, dentro un mondo virtuale e dal loro isolamento escono solo per suicidarsi collettivamente. Nel 2004 si sono contati 32.000 suicidi. Quanto costa ai bambini questa città? La scomparsa dellautonomia di movimento nellinfanzia sta producendo una serie di gravi conseguenze sia per i bambini sia per le città. Non potendo uscire liberamente di casa, i bambini non possono vivere adeguatamente e compiutamente lesperienza del gioco che, come ormai sappiamo bene, è certamente lesperienza più importante dello sviluppo cognitivo, sociale e affettivo: nel gioco si mettono le basi sulle quali poi la scuola, la famiglia, la società potranno costruire la formazione della persona e del cittadino. Perdendo la possibilità di movimento spontaneo e sufficiente, che solo il gioco libero può garantire, e passando molto tempo tra i banchi di scuola o davanti ad uno schermo, stanno soffrendo, in percentuali sempre crescenti, di obesità infantile e di altre patologie fisiche e del comportamento come iperattività o passività. Non potendo vivere esperienze autonome i bambini non conoscono lesperienza dellostacolo, del rischio, della frustrazione, del successo, nei tempi e nei modi giusti. Limpossibilità di queste esperienze “forti”, negate dalla presenza di adulti vigilanti, produce un accumulo di desiderio che potrà realizzarsi solo quando i bambini non saranno più bambini, ma adolescenti. Quando avranno per la prima volta la chiave di casa in tasca o un motorino sotto il sedere. Credo che gran parte di quelli che oggi consideriamo i drammi delladolescenza, come il vandalismo, il bullismo, labuso di alcol e di droga, gli incidenti di moto (prima causa di morte in Italia fino ai 26 anni), i suicidi, non siano problemi delladolescenza ma conseguenze di errori educativi nellinfanzia. Chi non ha potuto fumare di nascosto a otto anni ha più facilità a subire il fascino dello spinello a tredici, chi non ha potuto sbucciarsi le ginocchia in bicicletta è più facile che subisca incidenti gravi in moto.Via S. Martino della Battaglia 44, 00185 Roma - tel 06 445954286 www.lacittadeibambini.org - e-mail laboratorio@lacittadeibambini.org 1
    • Infine i costi per la città. Lassenza di bambini che si muovono da soli nelle nostre strade, rende peggiori i nostri comportamenti. Se non abbiamo i bambini fra noi siamo peggiori. Le città senza bambini sono peggiori Un conflitto nuovo Intorno all’infanzia si sono sempre sviluppati dei conflitti. Il conflitto fra i bambini e la scuola è storico, è sempre esistito. Si è analizzato e descritto quasi come un fenomeno necessario e naturale. Anche il conflitto fra i bambini e le automobili ha origini antiche perché le auto creano pericolo e il pericolo crea paura negli adulti e riduce l’autonomia dei bambini. Possiamo dire più in generale che il rapporto fra bambini e adulti ha sempre provocato un certo conflitto perché i bambini sono molesti, disturbatori.. Ma quello che registro oggi come conflitto nuovo è quello fra i bambini e i loro stessi genitori: i bambini chiedono alla società, alla città, agli amministratori maggiore sicurezza, maggiore controllo e vigilanza per i loro figli; bambini, i loro figli, chiedono alla società, alla città, agli amministratori, maggiore libertà e maggiore autonomia. Un bambino del Consiglio dei bambini di Roma chiedeva al suo sindaco: “Noi chiediamo a questa città il permesso di uscire di casa” Di fronte a questo conflitto ciascuno deve scegliere con chi stare, con le bambine e i bambini o con i loro genitori? Se stiamo con i genitori stiamo certamente contro i bambini, ma se stiamo con i bambini non stiamo contro i genitori. Questa è una bella regola della democrazia e della giustizia: ogni volta che si favoriscono i piccoli, gli ultimi si arricchiscono tutti, ogni volta che chi ha potere lo aumenta soffrono tutti i sottoposti. Ho capito questo riflettendo sulle battaglie e sulle vittorie delle donne: ogni loro conquista è stato un passo avanti per tutti. Con chi stiamo noi? Con chi sta la scuola? Con chi sta la città? Con chi sta il sindaco? Con chi sta la politica? I bambini possono aiutarci: il progetto “La città delle bambine e dei bambini” Se siamo convinti che un cambiamento è necessario e urgente i bambini possono aiutarci. Ma dobbiamo essere disposti e capaci di ascoltarli. Per questo sono necessarie alcune condizioni: essere sicuri che hanno cose importanti da dirci, saper capire quel che ci chiedono anche oltre a quel che ci dicono e avere il coraggio di tener conto di quello che chiedono costi quel che costi . Il progetto “La città delle bambine e dei bambini” propone ai sindaci, ai politici, agli amministratori, ma anche agli educatori (genitori e insegnanti) di chiedere aiuto e consiglio ai bambini. Di assumere i bambini come parametro di valutazione e di cambiamento per le città, pensando che una città adatta ai bambini sia una città migliore per tutti1. I bambini quindi non vengono chiamati come una delle tante categorie sociali o generazionali, ma come capaci di rappresentare l’”Altro”, il diverso, il lontano dal potere, dalla competenza, dalla opinione comune, omogenea e conformista dell’adulto. Il bambino quindi come paradigma della diversità: il sindaco che impara ad ascoltare i bambini diventa realmente il sindaco di tutti. Un aspetto particolarmente emozionante è notare come le proposte di cambiamento urbano dei bambini coincidano sostanzialmente con quelle degli esperti e degli scienziati e in particolare degli psicologi, degli ambientalisti, dei sociologi, degli urbanisti, dei pediatri e anche dei giuristi e come invece si allontanino dalle scelte dei politici e degli amministratori delle città.. Il progetto si articola su due assi principali: La partecipazione dei bambini al governo delle città attraverso i Consigli dei bambini considerati come organi consultivi dei sindaci e delle Amministrazioni locali, come applicazione corretta dell’art. 12 della Convenzione del 1989 e la progettazione di spazi e arredi urbani partecipata ai bambini. La restituzione ai bambini del diritto di muoversi liberamente nella propria città, rivedendo le politiche della mobilità, per permettere ai bambini le attività indispensabili del gioco, della 1 Per una migliore conoscenza delle motivazioni, delle proposte e delle esperienze del progetto si possono consultare i volumi Tonucci, “La città dei bambini”, Laterza, 1996; Tonucci, “Se i bambini dicono: adesso basta!”, Laterza, 2002 e il sito web www.lacittadeibambini.orgVia S. Martino della Battaglia 44, 00185 Roma - tel 06 445954286 www.lacittadeibambini.org - e-mail laboratorio@lacittadeibambini.org 2
    • esplorazione, della avventura. La presenza dei bambini negli spazi urbani restituirà sicurezza alle città. Il progetto ha promosso adesione in varie città e oggi ha una rete di quasi 200 città in Italia, Spagna, Argentina e altri Paesi dell’America Latina. Per favorire la mobilità autonoma delle bambine e dei bambini proponiamo tre esperienze. 1. A scuola ci andiamo da soli: i bambini per strada fanno la strada sicura Per favorire il recupero dell’autonomia perduta il progetto propone ai bambini e alle bambine a partire dai sei anni, di andare a scuola a piedi o in bicicletta, senza essere accompagnati da adulti. È una esperienza difficile però necessaria e possibile. Una esperienza molto più forte e coerente di Pedibus che propone invece che i bambini siano accompagnati da operatori. Un’esperienza facile e ma che non restituisce ai bambini nessun livello di autonomia. Noi preferiamo proporre l’esperienza difficile, che deve fare i conti con la paura delle famiglie, deve avere una adeguata preparazione, richiede una adeguata accoglienza ambientale dei bambini coinvolgendo commercianti, anziani, vigili urbani e, naturalmente, un notevole impegno da parte della scuola. Bisogna preparala adeguatamente, discutere con le famiglie, studiare i percorsi con i bambini, proporre migliorie alla Amministrazione, chiedere la collaborazione dei negozianti (che lavorano sulla strada) e degli anziani. Importante sarà lo stimolo dei pediatri. Se ci sarà una buona collaborazione fra tutti i protagonisti i risultati saranno positivi. Il numero dei bambini autonomi salirà di molto e gli effetti della presenza dei bambini sulle strade sarà sorprendente: le strade saranno più sicure non perché aumentano le misure di difesa (polizia, telecamere, sistemi elettronici di allarme) ma perché aumenta l’attenzione e la solidarietà fra i cittadini. I bambini diventano una preoccupazione di tutti e questo produce sicurezza. I genitori non lasciano uscire i bambini da soli perché le strade sono insicure, ma in realtà le strade sono insicure perché non ci sono i bambini. Valga come documento a riprova di questa affermazione, solo apparentemente paradossale, l’esperienza di Buenos Aires. Nel 2001, dopo l’ennesimo atto di violenza contro i bambini che andavano a scuola, in uno dei distretti periferici della città la gente si ribella e si riunisce per decidere cosa fare. Rifiuta la richiesta di maggiore presenza di polizia (possono avvenire sparatorie con esiti imprevedibili) e dicono di voler far andare i bambini a scuola da soli facendo riferimento al nostro progetto “La città dei bambini”. Per farlo coinvolgono, come previsto, commercianti e anziani, sensibilizzano le scuole e i quartieri e chiamano questa esperienza “Senderos seguros hacia la escuela”. Nel 2005, quando l’esperienza si era ormai diffusa in vari distretti della Gran Buenos Aires ed era entrata nella Capital Federal, il responsabile della sicurezza della città, in un convegno pubblico, dichiarò che nei distretti che promuovevano questa esperienza i fatti di criminalità urbana erano diminuiti del 50%! 2. Prima i pedoni L’esperienza “A scuola ci andiamo da soli” è la proposta principale, quella a cui vale la pena dedicare tutte le energie disponibili. Per favorirla il Consiglio dei bambini di Roma ha studiato alcune proposte per “rieducare” i genitori e gli adulti del loro quartiere al rispetto dei diritti dei pedoni. È nata così la campagna “Prima i pedoni!" che per tre anni ha mobilitato e più di 900 classi delle scuole primarie romane con quasi 20.000 alunni, promossa dal Laboratorio “Roma la città dei bambini”. La campagna proponeva la realizzazione di quattro attività elaborate dal Consiglio dei bambini: A. La rilevazione delle infrazioni. Per prima cosa i bambini hanno cercato di conoscere lentità e la gravità del fenomeno del mancato rispetto della precedenza dei pedoni sulle strisce. Armati di apposite schede, si sono appostati a coppie vicino ai passaggi pedonali e hanno registrato per mezzora quante macchine e quante moto non rispettavano la precedenza dei pedoni. Riferendo questa esperienza una bambina ha detto: "Siamo rimasti sconvolti e indignati!". I bambini si sono "indignati" non solo per la percentuale altissima delle violazioni ma perché a violare le leggi cerano anche i loro genitori, i loro insegnanti e perfino le macchine e le moto della polizia municipale! È evidente che una conoscenza così traumatica è diventata la motivazione più forte per le azioni successive.Via S. Martino della Battaglia 44, 00185 Roma - tel 06 445954286 www.lacittadeibambini.org - e-mail laboratorio@lacittadeibambini.org 3
    • B. I manifesti. La seconda azione proposta era la realizzazione di manifesti di denuncia delle infrazioni e di proposta di comportamenti corretti. Sono stati distribuiti centinaia di manifesti monocromi che prevedevano un ampio spazio centrale da riempirsi con il disegno dei bambini. I manifesti sono stati esposti dei Municipi, nei quartieri e nelle scuole. I migliori sono stati esposti in Campidoglio durante un convegno. Il manifesto scelto da una commissione, della quale facevano parte anche dei bambini, è stato stampato ed è diventato il manifesto cittadino dell’anno successivo. C. Le multe. Per denunciare la pessima abitudine di parcheggiare la loro auto o la moto sui marciapiedi o sulle strisce pedonali, rendendo ficcale, pericoloso e a volte impossibile la vita dei pedoni i bambini hanno progettato una multa da infilarsi sotto il tergicristallo. I blocchetti delle multe portavano come enti emissari l’Assessorato dei diritti dei bambini e il Comando dei Vigili urbani. D. Rieducazione dei genitori. Come ultima e più originale iniziativa i bambini dovevano impegnarsi ad “obbligare” i genitori a rispettare la precedenza dei pedoni sulle strisce pedonali quando erano insieme in macchina. Gli effetti sono stati diversi ma sempre interessanti: dal fastidio degli adulti a confessate “conversioni”. Ma i bambini non erano sicuri che l’effetto sarebbe stato garantito anche in loro assenza e hanno chiesto la realizzazione di un adesivo da attaccare sul cruscotto con scritto: “Ricordati la promessa, prima i pedoni!”. 3. La bicicletta, un mito La terza proposta intende far entrare la bicicletta a scuola come un materiale didattico. Si propone di aprire nelle scuole elementari e medie un laboratorio della bicicletta nel quale gli studenti, con la competente guida dei loro insegnanti, possano conoscere le parti di questo elementare mezzo di trasporto, smontarle, pulirle e aggiustarle; studiare le caratteristiche fisiche di questa macchina semplice; studiarne la storia nei secoli; conoscere la storia e le caratteristiche del ciclismo. Obiettivo di questa nuova “disciplina scolastica” è far appassionare i bambini e i ragazzi alla bicicletta, sceglierla come mezzo di trasporto urbano, comprendere che per le ragioni economiche, ecologiche e fisiche è il mezzo più vantaggioso oggi disponibile, la vera “city car” moderna. Esiste un grande sforzo economico per produrre automobili sempre più piccole e a minore consumo energetico, ma per quanto piccole bruciano carburante e occupano spazio pubblico, con il pericolo che nel parcheggio di una normale automobile si possano parcheggiare due mini-auto. Un bambino, una bambina che fin da piccoli si appassionano a muoversi da soli a piedi o in bicicletta saranno adulti che potranno poi evitare di iscriversi ad un corso di ginnastica o di nuoto dopo essersi mossi per tutto il giorno seduti in macchina ed essersi innervositi per le difficoltà del traffico. Per essere poi disponibile agli interessi degli allievi e trasferire questa “conoscenza” nel mondo rale degli alunni, il laboratorio della bicicletta scolastico dovrebbe rimanere aperto anche in alcuni pomeriggi nei quali i bambini e ragazzi possano tornare a scuola con le loro biciclette e, con l’aiuto di qualche nonno o ciclista in pensione, le possano pulire e aggiustare. Sarà poi naturale e spontaneo organizzare nei fine settimana delle gite in bicicletta che coinvolgano alunni e insegnanti, per andare insieme a scoprire luoghi interessanti da un punto di vista paesaggistico, naturalistico o artistico.Via S. Martino della Battaglia 44, 00185 Roma - tel 06 445954286 www.lacittadeibambini.org - e-mail laboratorio@lacittadeibambini.org 4