Educazione allo sviluppo

1,442 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,442
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
14
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Educazione allo sviluppo

  1. 1. EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO
  2. 2. Il Sole Onlus Associazione per la cooperazione internazionale e le adozioni a distanza Nel 1997 nasce, a Como, l’Associazione Il Sole Onlus. La sua mission è garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi inVia di SviluppouguaglianzadiDiritti,opportunitàedignità. Il Sole Onlus opera, per raggiungere i suoi obiettivi, indipendentemente da etnia, religione e appartenenza socio-culturale dei bambini. I suoi interventi sono mirati a dare concrete e adeguate risposte ai bisogni dei bambini più emarginati, bisognosi e vulnerabili con l’obiettivo di garantirgli una vita dignitosa nel rispettodei lorodiritti fondamentali. Infunzionedella propria missionIl SoleOnlussi occupa prevalentementedelleseguenti problematiche: • Tuteladeibambinivittimediviolenzasessuale • Promozioneetuteladeldirittoall’identitàdi ogni bambino • Lottacontrolapovertà Strumenti idonei per dare una risposta adeguata a queste problematiche sono i progetti di cooperazioneallosviluppoeleadozioniadistanza. Il Sole Onlus si occupa, nei Paesi del Sud del Mondo, di sostegno a distanza ravvicinata, declinato in progetti di sviluppo e adozioni a distanza. Il sostegno, che vuole riavvicinare la distanza, cerca di creare un ponte per uno sviluppo partecipato capace di coinvolgere, in egual misura, Nord e Sud del Mondo, sostenitori e beneficiari. In Italia l’Associazione cerca, attraverso progetti di educazione allo sviluppo, di sensibilizzare bambini, con interventi nelle scuole, e adulti, attraverso convegni, seminari e mostre fotografiche sull’importanza dei Diritti dei più piccoli, sulla loro negazione e sul divario tra Nord e Sud del Mondo. Per quanto riguarda i progetti di cooperazione allo sviluppo, Il Sole Onlus è presente in Etiopia, Benin, Burkina Faso, India, Sri Lanka e Cambogia, dove collabora con partner locali, prevalentemente Organizzazioni Non Governative (ONG) selezionate sulla base della loro affidabilità ed autorevolezza sul territorio. Il Sole Onlus promuove l’incontro, la collaborazione e la cooperazione internazionale come uno strumento di alleanza nel pieno rispetto delle proprie autonomie culturali, religiose e politiche.
  3. 3. Il Sole Onlus è un’Organizzazione Non Governativa riconosciuta dal Ministero degli Affari Esteri come idonea per organizzare, realizzare e gestire percorsi di educazione allo sviluppo volti a sensibilizzare la società civile italiana, rispetto a tematiche relative al divario tra Nord eSud del Mondo. In questo ambito Il Sole Onlus propone l’inserimento del progetto “EsploriamoiDiritti” nelvostroPianodiOffertaFormativa. Questo progetto prevede interventi strutturati nelle scuole atti a diffondere la conoscenza dei diritti dei bambini previsti dalla Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia promulgata nel 1989 e ratificata dall’Italia il 27 maggio1991. Per i bambini delle scuole primarie è stato creato il laboratorio: “X un mondo diritto”, mentre per i ragazzi delle scuole medie inferiori e superioriil laboratorioè: “FiliamoDiritti”. In particolare Il Sole Onlus attraverso “Esploriamo i Diritti” vuole proporreun percorsoformativoededucativovoltoa: “Esploriamo i Diritti” Progetto di educazione allo sviluppo • migliorare, incoraggiare, sostenere la partecipazione attiva degli studenti, intesa come conditio sinequanonpercrearecittadiniconsapevolieresponsabilizzati • migliorare, approfondire, perfezionare le tematiche legate al divario tra Nord e Sud del Mondo inerentilediversemodalitàeconcezionidi(non)rispettoetuteladeidirittideibambini. Gli interventi e i laboratori sono pensati per attivare un percorso di produzione creativa di materiale: fiabe, videoclip, canzoni, racconti chesi possanotrasformareinbagagliodidatticoed espositivo. Gli elaborati degli studenti verranno presentati al pubblico Il 27 maggio 2011, in occasione del ventennale della ratifica, da parte dell’Italia, della Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia. Sarà l’occasione per rendere protagonisti i Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza interpretati, tramite le più svariateformecreative, dai bambini edai ragazzi stessi.
  4. 4. “X un Mondo diritto” Il progettonascedall’esigenza di farconoscereainostriragazzi, figli dell’occidenteindustrializzato, laConvenzionedeiDirittidell’Infanzia, promulgata dall’ONU nel 1989 eratificata dall’Italia conla Legge n. 176/91. Il fineprimariodi questolaboratorioèquellodi sensibilizzareerenderepartecipii bambini dellescuole elementari nei confronti dei diritti dell’infanzia edellegravi violazioni cheavvengononel Sud del mondo. La meta di “Xunmondodiritto”èquella di responsabilizzare ibambiniaffinchési faccianoessi stessi promotori dei diritti dell’infanzia perchéil mondoappaia, a tutti, meno“storto”. E’ unfattotristementenotoche, benchétutti i bambini siano titolari degli stessi diritti, permolti di essi la negazionedei diritti èla vera norma di vita. “X un mondo diritto” risponde alla necessità di promuovere i diritti dell’infanzia e cerca un modo alternativoperfarli conoscerenellescuoleefarsì chegli stessi bambini senefaccianoportavoce. Inventiamo una fiaba per sensibilizzare tutti sui diritti dei bambini I bambini verranno stimolati con la lettura di fiabe Africane e Asiatiche a meditare sulle condizioni dei loro coetanei nel Sud del mondo e saranno invogliati a improvvisare su situazioni tipo “immagina di essere un bimbo in Africa o dell’Asia che deve andare a lavorare” e a inventare possibili fiabe che abbiano come tematica i diritti e in particolare: il diritto all’identità il diritto al gioco il diritto all’infanzia e la lotta controla violenza il dirittoall’infanzia/protezionedel minore. A seconda di come si svilupperanno gli incontri, i bambini potranno illustrare tali fiabe con disegni o fumetti, oppure animarle o ancora scrivere lettere a bambini di altri paesi o ai loro genitori o ai capi di Stato. “X un mondo diritto” è un progetto aperto, ad ogni classe verrà data la possibilità di esprimere il proprio estroartisticoela propria sensibilità secondolemodalità eleespressioni piùcongeniali ai partecipanti.
  5. 5. “X un Mondo diritto” Come si svolge il laboratorio Incontri e durata Gli animatori, l’attrice Erika Renai e il musicista Luca (Pepe) Schiavo, dopo un primo incontro introduttivo in cui i bambini potranno constatare le condizioni di un bambino del Sud del mondo e verranno spiegati i principi fondamentali della Carta dei diritti, condurranno la classe in un viaggio immaginario sulle note e sulle parole di fiabe dal sapore lontano, alla scoperta di culture, usi e costumi diversi dai nostri, affinchéla lorocreatività prenda spuntodal confronto. Sarà previsto l’utilizzo di strumenti multimediali e la realizzazione di qualche semplice lavoro manuale. “X un mondo diritto” si articolerà in un minimo di 4 incontri di 1 ora e mezza ciascuno, fino a un massimo di 7 incontri, con cadenza settimanale o mensile + 1 incontro di 2 ore circa, in cui un operatore de Il Sole Onlus illustrerà, nello specifico, i progetti globali di cooperazione allo sviluppo di cui si occupa. A ogni classe verrà data la possibilità di esprimere il proprio estro artistico e la propria sensibilità secondo le modalità e le espressioni più congeniali ai partecipanti, nello specifico i bambini saranno invogliati a creare fiabe da illustrare o animare che abbiano come tematica i diritti dell’infanzia e che potrannopoi essereeventualmenteraccolteinuna piccola pubblicazione. Il laboratorio si potrebbe chiudere con una “lezione aperta” in cui parenti, amici, insegnanti e le altre classi saranno spettatori di una presentazione del lavoro svolto, sui quali testare l’efficacia di quantoprodottodalla classeinteressata sul tema dei diritti dei bambini. La lezione aperta sarà un incontro in più, extra budget, un’occasione in cui invitare tutti coloro che non hanno potuto convenire durante gli incontri precedenti e ai quali potremmo proporre di partecipareinfuturo. Proposta lezione aperta
  6. 6. “Filiamo diritti” Conoscere i diritti dei bambini per diventarne promotori “Filiamo Diritti” risponde alla necessità di promuovere i diritti dell’infanzia e cerca un modo alternativoperfarli conoscerenellescuoleefarsì chei ragazzi senefaccianoportavoce. I ragazzi verranno stimolati con la visione di video e la lettura di alcuni testi a lavorare sui principali diritti dei bambini e con un lavorod’improvvisazionesaranno invogliatiainventareunacanzone- su una base musicale già data - e a girare un videoclip (qualora il numero degli incontri fosse sufficiente a realizzarlo), oppure inventando una storia e illustrandola a fumetti o con fotografie, insomma usare lacreativitàper“pubblicizzare”idirittieinparticolare: “Filiamo Diritti” è un progettoaperto, nel senso che a ogni classe verrà data la possibilità di esprimere il proprio estro artistico e la propria sensibilità secondo le modalità e le espressioni più congeniali ai partecipanti (suddividendo anche la classe in diversi gruppi di lavoro), questo comporterà una varietà e una molteplicità di “prodotti/slogan” sui diritti dell’infanzia che potranno essere eventualmente raccolti insupporti cartacei omultimediali ediffusi inaltrescuoleeinaltresedi. Una canzone, un videoclip o un fumetto, una storia, uno slogan per i Diritti dell’infanzia La scelta del percorso da intraprendere (video clip, canzone, storia illustrata, fumetto, eccetera) dipenderà sia dalla sensibilità edalla volontà dei ragazzi chedalla durata del laboratoriostesso. il dirittoall’identità il dirittoal gioco il dirittoall’infanzia la lotta controla violenza il dirittoall’infanzia/protezionedel minore
  7. 7. “X un Mondo diritto” Come si svolge il laboratorio La conduttrice del laboratorio, l’attrice Erika Renai in un primo incontro mostrerà ai ragazzi video, spezzonidifilm, leggerà loro delle storiedivitavissuta, affinché possano constatare le condizioni di un bambino del Sud del mondo, inoltre gli verranno letti e spiegati i principi fondamentali della Carta dei diritti dell’infanzia. Nei successivi incontri verrà chiesto ai ragazzi di manifestare il proprio interesse per la realizzazione di una canzone o per la narrazione di una storia. In base alle preferenze i ragazzi verranno suddivisi in gruppi e, e con un lavoro d’improvvisazione saranno invogliati a mettereingiocolapropriacreatività, provando a inventarsi un testo di una canzone (magari rap) con una base musicale data o già esistente e a realizzare - qualora ce ne fosse il tempo - un videoclip, oppure a provare a narrare una storia da animare, o illustrare a fumetti o con foto o video. Sarà previsto l’utilizzo di strumenti multimediali ela realizzazionedi qualchesemplicelavoromanuale. “Filiamo Diritti” si articolerà in un minimo 3 incontri di 2 ore circa, fino a un massimo di 7 incontri ciascuno con cadenza settimanale o mensile + 1 incontro di 2 ore circa in cui un operatore de Il Sole Onlus illustrerà, nello specifico, i progetti globali di cooperazione allo sviluppo di cui si occupa. A uno degli incontri si consiglia caldamente la presenza di un musicista che aiuterà i ragazzi nell’adattamento del testoalla melodia. Il laboratorio si potrebbe chiudere con una “lezione aperta” in cui parenti, amici, insegnanti e le altre classi saranno spettatori di una presentazione del lavoro svolto, sui quali testare l’efficacia di quantoprodottodalla classeinteressata sul tema dei diritti dei bambini. La lezione aperta sarà un incontro in più, extra budget, un’occasione in cui invitare tutti coloro che non hanno potuto convenire durante gli incontri precedenti e ai quali potremmo proporre di partecipareinfuturo. Proposta lezione aperta
  8. 8. Erika Renai Attricediplomata pressola Scuola del PiccoloTeatrodi Milano. Dopoaverlavoratoconregisti comeRonconi, SteineDe Bosio, conil Maestroepianista GiorgioGaslini eavercalcato decinedi palcoscenici conla compagnia teatraleI Guitti, dal 2004 -alternandoa questa attività anchequella di speaker radiofonica -ha lavoratoanchedietrola telecamera, svolgendo variemansioni. Ha collaboratocomeautriceespeakerconla trasmissioneCult Book di Stas’Gawronski (RAI TreeRAI Storia)peril progetto Booktrailers(brevi cortometraggi/spotsui libri). Molti dei booktrailersrealizzati perla trasmissionehannola sua voceoff etutti la sua direzioneartistica. Inoltre, èstata ed èformatrice, nell’ambitodell’iniziativa sperimentalepromossa incollaborazioneconRai Educational, di laboratori di booktrailers. Artisti/animatori Da qualche anno svolge attività di didattica con laboratori di dizione e di educazione teatrale per bambini e adulti. Attualmente è conduttrice, insieme al musicista Luca Schiavo, dei laboratori/ animazione “Il Giro del mondo in 80 fiabe” e “Animali da favola” per bambini dai 3 ai 10 anni. Questi laboratori sono da lei ideati e condotti presso la Casa delle Culture del Mondo, provincia di Milano.
  9. 9. Artisti/animatori Luca “Pepe” Schiavo Classe1975, inizia gli studi di chitarra classica conil MaestroGianni Bonelli all’età di 11 anni. Congli anni la passionesi sposta versola chitarra moderna esuccessivamenteversola chitarra jazz. Studia inItalia conLucianoZadro, inSpagna con Chema Vilchez epressoil Conservatoriodi Musica di ComoconRobertoCecchetto, MarcoMicheli, AlbertoMandarini eRiccardoLuppi. Attualmenteè laureandoinjazz pressoil Conservatoriodi Como. Negli anni è cresciuta anche la passione per l’insegnamento e in particolare si è specializzato nell’insegnamento di musica nella scuola primaria. Da molti anni collabora con diverse scuole elementari e scuole civiche di musica (Nerolidio) e si dedica anche a progetti di musica come terapia (CPA , Centri di Aggregazione Giovanile, Progetto “Fiori che rinascono “ ad Addis Abeba in collaborazione con Il Sole Onlus), e musica nel teatro (compagnia teatrale Cuarta Pared di Madrid e AttivaMentedi Como), colonnesonore. Con Erika Renai conduce i laboratori/animazione “Il Giro del mondo in 80 fiabe” e “Animali da favola” perbambini dai 3 ai 10 anni, pressola Casa delleCulturedel Mondo, provincia di Milano.
  10. 10. Il Sole Onlus Associazione per la cooperazione internazionale e le adozioni a distanza via L. Leoni, 20 22100 Como(CO) Tel. (+39)031.275.065 Fax (+39)031.275.7275 www.ilsole.org Per informazioni: VittorioVilla vittorio.villa@ilsole.org Tel. (+39)031.275.065

×