• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Pitagora da Policrate
 

Pitagora da Policrate

on

  • 1,756 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,756
Views on SlideShare
1,685
Embed Views
71

Actions

Likes
0
Downloads
8
Comments
0

1 Embed 71

http://storymat.wikispaces.com 71

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Pitagora da Policrate Pitagora da Policrate Presentation Transcript

    • PER SPIEGARE LA DIMOSTRAZIONE DELLE PIASTRELLE
    • Cari bambini, grazie per essere venuti al nostro spettacolino. Vi vogliamo presentare la storia di un grande filosofo chiamato Pitagora. Sapete, ha inventato un famoso teorema! Ora il mio collega Francesco vi spiegherà dove e quando è vissuto Pitagora...
    • Pitagora è vissuto in Grecia verso il 500 a. C. Come potete vedere la Grecia si trova in Europa, vicino all’Italia; ha molte isole, ha molte montagne e poca pianura...
    • Le città della Grecia si chiamavano Polis e nella piazza, chiamata “agorà” si discutevano le leggi. Tutti gli abitanti liberi potevano partecipare alle discussioni. Le prime leggi nacquero proprio verso il 500 a. C., proprio il periodo in cui visse Pitagora! Tra i greci c’erano uomini che amavano studiare, conoscere e che vennero chiamati “filosofi”
    • CARO PITAGORA, SICCOME SEI UN FAMOSO FILOSOFO TI INVITO AL MIO CASTELLO. FIRMATO: RE POLICRATE UN GIORNO PITAGORA RICEVETTE UNA LETTERA DAL RE CHE LO INVITAVA NELLA SUA REGGIA...
    • ARRIVATO ALLA REGGIA PITAGORA INCONTRÒ UN SERVITORE CHE GLI DISSE DI ASPETTARE MEZZ’ORETTA. POI RE POLICRATE SAREBBE ARRIVATO...
    • MENTRE ASPETTAVA, PITAGORA SI MISE AD OSSERVARE LE PIASTRELLE DEL PAVIMENTO. POI PRESE UN GESSETTO, TRACCIÒ DELLE LINEE E SI ACCORSE DI AVER FATTO UNA GRANDISSIMA SCOPERTA...!!!
    • Scusate l’interruzione ma ora vi vogliamo spiegare cosa scoprì Pitagora. Come potete vedere, questo è un triangolo rettangolo. Infatti ha un angolo retto, cioè di 90 gradi e due angoli acuti, cioè minori di 90 gradi. Nel triangolo rettangolo i lati hanno dei nomi speciali: il lato lungo si chiama IPOTENUSA e i lati corti, che in questo caso sono lunghi uguali, si chiamano CATETI. Questo triangolo è metà di una piastrella osservata da Pitagora...
    • Il teorema di Pitagora dice che SE COSTRUIAMO DUE QUADRATI SUI CATETI, LA LORO SOMMA EQUIVALE AL QUADRATO COSTRUITO SULL’IPOTENUSA. Ecco, qui abbiamo costruito i quadrati sui cateti.
    • Se adesso togliamo i pezzi usati per i due quadrati e li riusiamo attaccandoli all’ipotenusa otteniamo il quadrato costruito sull’ipotenusa
    • GUARDA, MENTRE TI ASPETTAVO HO OSSERVATO LE PIASTRELLE E... HO VISTO CHE LA SOMMA DEI QUADRATI COSTRUITI SUI DUE CATETI EQUIVALE AL QUADRATO COSTRUITO SULL’IPOTENUSA!!! FINALMENTE RE POLICRATE INCONTRÒ PITAGORA CHE GLI MOSTRÒ SUBITO LA SUA IMPORTANTISSIMA SCOPERTA... MMM... VEDIAMO...
    • FANTASTICO!!! TI NOMINO IL PIÙ GRANDE FILOSOFO DEL MIO REGNO!!! RE POLICRATE FU MOLTO ORGOGLIOSO DEL SUO SUDDITO...
    • Ecco gli attori che salutano il loro pubblico
      • Alla fine si apre il dibattito ed il pubblico può fare delle domande...
      • “ Pitagora era un GRANDE filosofo o era un filosofo come tutti gli altri?”
      • “ Cosa vuol dire TEOREMA?”
      • “ Non ho capito quando è vissuto...”
      • (bisogna spiegare la datazione a.C.)
      • “ Come si riconosce un triangolo rettangolo?”
      • “ Ma i Greci si vestivano proprio così?”
      Gli attori erano molto emozionati ed hanno recitato un po’ “di corsa”. È sembrato opportuno quindi riproporre la spiegazione aiutando i bambini più piccoli a riconoscere le figure, triangoli e quadrati, facendo loro rivedere scomposizioni, spostamenti e ricomposizioni