SlideShare a Scribd company logo
UNA DIDATTICA PER I
DSA:
Strumenti per interagire
-a cura di SCAPIN CATERINA
LO SVILUPPO DELL’INTELLIGENZA
NUMERICA
• Gelman e Gallistel = teoria dei principi di
conteggio
• Fuson = teoria dei principi della conta (
teoria dei contesti diversi)
• Hughes = classificazione stadi di scrittura
del numero
AREE DI INTERVENTO
•PROCESSI LESSICALI = capacità di attribuire
il nome ai numeri
•PROCESSI SEMANTICI = capacità di
comprendere il significato dei numeri attraverso
una rappresentazione mentale di tipo
quantitativo.
•PROCESSI SINTATTICI = le particolari
relazioni spaziali tra le cifre che costituiscono i
numeri
•COUNTING = capacità di conteggio
PROCESSI LESSICALI
1.Puntualizzare il nome del numero incluso lo zero
2.Definire il numero dieci
3.Imparare il nome dei numeri oltre il numero dieci
4.Leggere il nome dei numeri oltre il numero venti, le centinaia e le
migliaia, con la virgola; leggere le frazioni
5.Riflettere sullo zero che modifica il nome dei numeri e imparare a
leggerlo all'interno dei numeri
6.Associare il lessico delle operazioni alla loro funzione ( addizione,
sottrazione, moltiplicazione, divisione)
7.Associare il lessico alla funzione dei segni maggiore-minore
8.Apprendere alcuni termini specifici: doppio, metà, paio, dozzina
9.Associare il nome dei numeri all'ordinalità
PROCESSI SEMANTICI
1.Stimare le quantità ( di + e di - )
2.Cogliere l'uguaglianza tra quantità
3.Cogliere il significato dello zero
4.Passare dalla rappresentazione analogica di una quantità al numero (
leggere la quantità )
5.Comprendere le operazioni( addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e
divisioni) e il significato di alcune proprietà
6.Riflettere sulle diverse operazioni
7.Comprendere la quantità relativa al numero, dai numeri decimali
8.Comprendere il valore e la funzione dello zero in relazione alla
posizione che occupa all'interno dl numero
PROCESSI SINTATTICI
1.Considerare i numeri a due cifre
2.Puntualizzare il posto delle cifre
3.Fissare il valore posizionale delle cifre
4.Intuire il valore posizionale dopo il cento
5.Intuire il valore posizionale dopo il mille
6.Definire la funzione dello zero
7.Automonitoring
8.Conoscere ed imparare a discriminare le differenti posizioni delle
cifre nella struttura del numero intero, nella sequenza da destra a
sinistra ( e da sinistra a destra)e determinare il valore del numero, del
numero decimale
9.Conoscere il valore posizionale delle cifre nella frazione
CALCOLO A MENTE
1.Stimare le quantità ( di + e di - )
2.Cogliere l'uguaglianza tra quantità
3.Cogliere il significato dello zero
4.Passare dalla rappresentazione analogica di una quantità al numero (
leggere la quantità )
5.Comprendere le operazioni: addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e
divisioni
6.Riflettere sulle diverse operazioni
7.Scoprire e analizzare diverse modalità di calcolo a mente
8.Affrontare diverse strategie utili nel calcolo mentale di addizioni,
sottrazione, moltiplicazione, suddivisione e spartizione
CALCOLO A MENTE
1.Calcolare con subitizing; aggiungere e togliere da una determinata
quantità sempre il subitizing
2.Strategie per il calcolo: avviare all'uso della strategia n + n nel calcolo
verticale (addizione); avviare all'uso del raggruppamento per cinque,
come facilitazione; effettuare il calcolo verticale con l'applicazione dei
raggruppamenti per cinque; avviare all'uso della strategia di sommare a
partire dal numero maggiore; consolidare la strategia di variare l'ordine
degli addendi; avviare all'uso dell'arrotondamento della decina
successiva; strategie di composizione e scomposizione dei numeri;
strategie di composizione e scomposizione dei numeri con calcoli a
due cifre;
3.Comprensione del riporto
4.Tabelline (1-10); ( 2); (5); (3-4); ( 6-7-8-9)
5.Calcolo della divisione
CALCOLO SCRITTO
1.Riflettere sulla funzione del calcolo scritto
2.Apprendere le procedure del calcolo scritto nell'addizione,
sottrazione, moltiplicazione, divisione
3.Imparare la prova delle operazioni
4.Imparare a stimare il risultato
5.Apprendere alcune procedure nel calcolare la frazione di una
quantità
ELEMENTI PREDITTIVI
SCUOLA DELL’INFANZIA
•Difficoltà di linguaggio
•Difficoltà nella copia da modello e disordine nello spazio del foglio
•Difficoltà di memoria
•Difficoltà di attenzione
•Manualità fine difficoltosa
•Goffaggine nel vestirsi, allacciarsi le scarpe, riordinare
•Difficoltà a ripetere sequenze ritmiche
SCUOLA PRIMARIA : POSSIBILI DIFFICOLTA’
IN SCRITTURA:
• Copiare dalla lavagna
• Usare lo spazio del foglio
• Mantenere la direzionalità della scrittura
• Copiare i diversi caratteri tipografici
• Errori di: omissione, sostituzione, inversione
• Scrivere gruppi consonantici complessi, digrammi, trigrammi
• Usare correttamente la punteggiatura (inadeguata o ignorata)
• Memorizzare le classificazioni grammaticali
• Costruire testi lessicalmente ricchi e sintatticamente complessi
IN LETTURA:
• Riconoscere i caratteri tipografici
• Mantenere il segno nella lettura (perdita della riga e salto della
parola)
• Riconoscere i suoni simili
• Leggere ad alta voce: lentezza ed errori ostacolano la comprensione
SCUOLA PRIMARIA : POSSIBILI DIFFICOLTA’
IN MATEMATICA:
• Errori di inversione nella scrittura di numeri
• Numerare regressivamente in particolare al cambio della decina
• Memorizzare gli algoritmi del calcolo delle quattro operazioni
• Memorizzare le tabelline
• Memorizzare i termini specifici delle figure geometriche
• Memorizzare le formule
• Discriminare i segni grafici ><- +
• Effettuare calcoli orali
NELLO STUDIO:
• Difficoltà attentive e di memoria
• Memorizzare informazioni in sequenza (ordine alfabetico, giorni
della settimana, mesi, filastrocche, poesie)
• Ricordare date, epoche storiche, i nomi nelle carte
• Ampliare il lessico comprendendo i termini specifici delle discipline
• Costruire organizzatori spazio-temporali
• Terzo livello
• Quarto livello
• Quinto livello
14/10/09
ELEMENTI PREDITTIVI
SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO
• Difficoltà di copia dalla lavagna
• Perdita della riga e salto della parola in lettura
• Difficoltà d’uso dello spazio del foglio
• Omissione delle lettere maiuscole- Lettere e numeri scambiati
• Sostituzione di suoni simili - Difficoltà nei digrammi
• Punteggiatura ignorata
• Difficoltà ad imparare le tabelline
• Difficoltà a memorizzare le procedure delle operazioni aritmetiche
• Difficoltà a ricordare i termini specifici delle discipline, le epoche
storiche, le date degli eventi
• Difficoltà espositive
• Difficoltà di pianificazione
• Difficoltà nel metodo di studio
ELEMENTI PREDITTIVI
SI DISTRAE FACILMENTE………
NON RIESCE A SEGUIRE LA SPIEGAZIONE
DIFFICOLTA’ A
MEMORIZZARE
LINGUAGGI SPECIFICI
DIFFICOLTA’ A MEMORIZZARE
FORMULE, REGOLE…
DIFFICOLTA’ FINE-MOTORIA..
DIFFICOLTA’ A PIANIFICARE, PROGRAMMARE…
STANCHEZZA, NOIA
INSUCCESSO SCOLASTICO……
Secondaria
Secondaria
FRUSTRAZIONE,
STRESS
DEPRESSIONE
FUGA…..
ABBANDONO SCOLASTICO
Quali effetti genera la disabilità sul
processo di apprendimento (2)
* difficoltà a svolgere sequenze ripetitive di
lavoro in modo standardizzato
* difficoltà a procedere da solo nel compito
* incapacità di controllare da
solo l’adeguatezza del
risultato
COME AIUTARE
IL RAGAZZO DISLESSICO?
MISURE
COMPENSATIVE DISPENSATIVE
Strumenti che consentono di Modificazioni nell’espletamento
compensare le difficoltà di dell’attività didattica
esecuzione di compiti
automatici derivate da una
disabilità specifica
CREARE CLIMA POSITIVO, LAVORARE SULLE DIVERSITA’
• Cercare di organizzare lo spazio in
modo accogliente e intenzionale,
con punti di riferimento precisi.
• Anche lo spazio insegna e stimola
l’apprendimento.
• Lo spazio ben strutturato aiuta i
bambini ad orientarsi meglio nelle
attività
• Lo spazio dovrebbe garantire sia
l’attività individuale che l’attività
di reciproco aiuto
BANCO DI
FRONTE
STAMPATO
MAIUSCOLO
I-II CLASSE
Pareti parlanti:
• Una parete per la scrittura
con riferimenti chiari, visivi
per ogni lettera e mano
mano per le successive
difficoltà ortografiche
• Una parete per i numeri con
tutti i numeri ben visibili,
linea dei numeri…
III-IV-V CLASSE
Pareti attrezzate:
• Spazi con riferimenti visivi
per la lingua, la matematica,
la storia, la geografia e
riferimenti extralinguistici
(grafici temporali, foto,
schemi, mappe…)
Pianificazione del lavoro:
• Controllare, tutte le volte
che si può, nel quaderno e
nel diario che ogni cosa sia
stata copiata
• Qualsiasi sia l’età dei ragazzi munisci l’aula di un orologio grande e
leggibile e di calendario.
• Proporre giornalmente giochi linguistici per migliorare la
competenza fonologica e metafonologica
• Inizialmente presentare i caratteri scritti in stampato
maiuscolo; passare allo stampato minuscolo dopo che tutti i
suoni, compresi quelli complessi, sono stati presentati e
padroneggiati; introdurre il corsivo con gradualità
• Evitare assolutamente di presentare più caratteri
contemporaneamente
• Fermare il lavoro più tempo sui suoni difficili
• Far manipolare le lettere in particolare con i bambini che
faticano a memorizzarle
• Pensare sempre che la scrittura è un mezzo per comunicare,
quindi ci dovranno essere mille occasioni per scrivere
• Lavorare molto sull’ortografia in modo vario e vivace
• Assicurarsi che le cose scritte alla lavagna, per essere
copiate, rimangano fino a che tutti abbiano trascritto
• Organizzare spesso lavori di scrittura in gruppo così da
favorire la crescita cognitiva
• Organizzare un lavoro sulla struttura del testo
(ideazione-progettazione-stesura-revisione)
• Motivare i ragazzi alla scrittura facendo scrivere testi che si
ritrovano nella quotidianità (articoli giornalistici, pubblicità, inviti…)
• Non introdurre la grammatica troppo presto; selezionare gli aspetti
più significativi
• Presentare le lezioni in modo da lavorare in gruppo, con materiali che
attivino conflitti cognitivi e li portino a riflettere sull’uso delle parole
• Non “abusare” della grammatica: selezionare gli aspetti più significativi
e tralasciare il resto
• Lavorare ancora molto sull’ortografia, in modo vario e vivace
• Se si vede che l’ortografia è un “campo minato” sollecitare ad usare
mezzi compensativi (computer con correttore) e non valutarla
• Predisporre un lavoro strutturato in base alle difficoltà da usare a
scuola e a casa anziché assegnare compiti in serie
ALL’ INIZIO
• In fase di apprendimento, lasciar leggere per anticipazione accettando ciò che
viene letto anche se inventato
• Relativamente alla tecnica di lettura, organizzare un lavoro molto graduato e
all’inizio, puntare molto sulle sillabe e non sulle lettere separate
• Far fare brevi allenamenti in coppia assegnando un amico come tutor e
predisponendo un percorso man mano più complesso
( sillabe – bisillabe – trisillabe –
parole con lettere ponte –
digrammi - trigrammi…)
E PER CONTINUARE
• Non forzare a leggere a voce alta tutti i bambini:
non avendo gli stessi tempi di lettura non è
possibile far tenere il segno
• Organizzare la lettura ad alta voce con
“appuntamenti”
• Non utilizzare la lettura dei ragazzi ad alta voce
su testi specifici: meglio la lettura dell’adulto
perché guida, spiega, chiarisce
• Leggere a voce alta fiabe, favole, racconti, romanzi a
seconda dell’età dei bambini per potenziare l’ascolto e far
amare la lettura; ritagliarsi un tempo di lettura ogni giorno.
• Predisporre, fin dalla prima, una biblioteca di classe con libri
di vario tipo, formato, difficoltà, caratteri.
• Tenere diviso l’allenamento alla lettura dalla comprensione
dei testi e dall’uso della biblioteca di classe.
• Lasciare tempo ogni giorno, anche solo 15 o 20 minuti per la
lettura individuale, senza il controllo delle prestazioni
• Insegnare la tecnica della
sottolineatura, mostrare
schemi, mappe e farli
costruire
• Fare molto lavoro
differenziato: ricerche a
coppie, esperimenti,
riflessioni a gruppi sulle
fonti, sulle carte
geografiche, sulle ipotesi
scientifiche
• Usare materiale
audiovisivo e tutti i sussidi
possibili
• Richiedere tempi di
attenzione contenuti e
fare riposare cinque minuti
tra un’attività e l’altra
• Programmare le interrogazioni
• Avvisare 10 minuti prima di
interrogare
• Far spiegare ai ragazzi, tra
loro, i diversi metodi che
ognuno usa per prepararsi, per
stare attento…
• Proporre molto spesso il
lavoro di gruppo
(apprendimento cooperativo)
• Responsabilizzare i compagni
per la lettura e la dettatura e
concordare tutor coetanei
• Ricordarsi che i ragazzi
dislessici hanno bisogno di più
tempo, quindi ridurre la
quantità di esercitazioni e
studio a casa ed a scuola
• Il bambino dislessico spende già molte energie a far
corrispondere ai suoni le lettere della lingua italiana
• Con lo studio di un’altra lingua i suoni e la concordanze da
ricordare aumentano rendendo più faticoso l’apprendimento
COSA FARE?
• Concordare con chiarezza i suoni con le lettere
• Ricordare il significato delle parole
• Se deve imparare una seconda lingua, sarebbero da preferire
le lingue con una base latina perché più trasparenti
• Se deve imparare l’inglese, è opportuno puntare sulla lingua
parlata
• Aiutare a pianificare i tempi di una
prova orale ( rilettura del testo, degli
appunti e/o mappa, preparare una lista
di domande e/o schema di
interrogazione, simulare
l’interrogazione rispondendo ai quesiti
formulati, curando l’esposizione..)
• Attirando l’attenzione durante la lezione
in classe (utilizzando enfasi in alcune
parti del discordo: tono della voce,
gestualità, mimica,uso di immagini;
riformulando i concetti con esempi e
parole diverse, creando conflitto
cognitivo; proponendo
esemplificazioni)
ALCUNI COMPITI RISULTANO
PARTICOLARMENTE DIFFICILI PER
ALUNNI CON DIFFICOLTA’ DI
ATTENZIONE ( come per alunni dislessici)
Questi compiti sono:
• Lavori molto lunghi anche se semplici e
comprensibili,
• Compiti che richiedono, in generale, buone
abilità organizzative;
• Prendere appunti durante la spiegazione
dell’insegnante;
• Prove di comprensione di testi difficili;
• Produzioni scritte in assenza di una guida
esterna o senza un insegnamento specifico
delle strategie di composizione;
• Studio di materie antropologiche o
scientifiche senza che ci sia stato un
insegnamento mirato delle strategie di studio;
• Interrogazioni che richiedono la formulazione
di discorsi articolati ed esaustivi riguardanti
argomenti studiati molto tempo prima.
STRUMENTI DISPENSATIVI
 lettura a voce alta
 scrittura veloce sotto dettatura
 ricopiare alla lavagna
 uso del vocabolario
 uso mnemonico delle tabelline
 programmazione di tempi più lunghi per prove scritte e studio
domestico
 riduzione del carico di lavoro
 organizzazione interrogazioni programmate
 valutazione delle prove scritte ed orali che tengano conto del
contenuto e non della forma
STRUMENTI COMPENSATIVI
 computer: + controllo sintattico
+ controllo ortografico
+ sintesi vocale
 tabella dei mesi, tabella dell’alfabeto e dei vari caratteri
 tabella delle misure, tabella delle formule geometriche
 tavola pitagorica
 tavole di sviluppo mnemonico
 calcolatrice
 audio registratore o lettore MP3 (con cuffia)
 cassette registrate
 vocabolario multimediale
 enciclopedia informatica multimediale su CD ROM
 libro parlato (centri)
 testi ridotti con audio cassette + CD ROM
 scanner - OCR
 internet
• Possibilità d'uso di testi ridotti non per
contenuto, ma per quantità di pagine come
già avviene in vari paesi europei in cui esiste
lo stesso testo ampio oppure ridotto per i
dislessici
• Utilizzo, per lo studio, di cassette registrate
(dagli insegnanti, dagli alunni, e/o allegate ai
testi)
• Uso del libro parlato per arricchire il lessico e
come motivazione alla lettura (uso extra
scolastico)
un buon TESTO
deve avere:
fondo COLORATO
testo chiaro
guida allo studio
parole chiave evidenziate
cartine-tabelle
immagini
DISPENSARE
dalla LETTURA ad ALTA VOCE
Prot. n.4099/A4 del 5.10.04
LETTURA
… efficace lettura fatta dall’insegnante
DISPENSARE
dall’uso del VOCABOLARIO
Prot. n.4099/A4 del 5.10.04
DIZIONARIO ENCICLOPEDIA
 italiano
 inglese
 enciclopedia completa
 atlante mondiale interattivo
 viaggi 3D
 cronologia dinamica
(linea del tempo)
COMPRENSIONE del TESTO
DOMANDE DI COMPRENSIONE
 le domande inserite nel testo migliorano la comprensione
e l’apprendimento
 le domande di carattere concettuale acquistano maggior
significabilità se poste prima di leggere il testo (favoriscono
la costruzione di una traccia di lettura)
 le domande prima della lettura:
 creano aspettative
 focalizzano l’attenzione sull’argomento
 stimolano previsioni su ciò che si sta leggendo
INEFFICACE per soggetti con D.S.A.
 difficoltà a memorizzare
 difficoltà a sequenziare
RIPETIZIONE
come fattore di apprendimento
scritta orale
automatizzazione
LETTURA
SCRITTURA
CALCOLO
la LETTURA non è
l’unico canale di apprendimento
canali
sensoriali
• Insegnare la tecnica della
sottolineatura, mostrare
schemi, mappe e aiutarli
nell’organizzarle
• Usare materiale audiovisivo e
tutti i sussidi possibili
• Richiedere tempi di
attenzione contenuti
• Proporre testi di studio
riscrivendoli seguendo le
tecniche della semplificazione
(impostazione grafica,
organizzazione testuale,
scelte sintattiche e lessicali)
• Programmare le interrogazioni
• Proporre molto spesso il lavoro di
gruppo (apprendimento
cooperativo, tutor coetanei )
• Ricordarsi che i ragazzi dislessici
hanno bisogno di più tempo,
quindi ridurre la quantità di
esercitazioni e studio a casa ed a
scuola
CONSEGNARE UNA MAPPA DELL’ARGOMENTO DELLA LEZIONE
INDICAZIONI PRECISE,
DOMANDE CHIARE,
SCHEMI,
TRACCE,
COMPITI GRADUALI
O “SPEZZATI”
USO DI MEDIATORI VISIVI
RIDUZIONE DI ALCUNI
CONTENUTI,
USO DI UN
LINGUAGGIO
SEMPLICE
PROPOSTA DI ATTIVITA’
ALTERNATIVE ALLA
LEZIONE FRONTALE
TUTORAGGIO
E CONFLITTO COGNITIVO
www.larepubblica.it
lptn@uiciechi.it
www.LiberLiber.org
www.dislessia.it
formato digitale
-pdf- CARLO MOBILE
www.anastasis.it
Biblioteca Digitale
A.I.D.
AUDIOLIBRO www.larepubblica.it
la LEZIONE
recupero delle conoscenze pregresse
documentari - video interessi personali
input familiari
input scolastici
provengono
VALORIZZIAMOLI !
 informare sul tipo di argomento che si andrà a trattare in modo
da create delle aspettative
 chiedere di fare ipotesi sul contenuto
 durante la spiegazione controllare che vi guardi o che guardi il PC
 prevedere momenti di INTERVALLO
 ricordare che i tempi di attenzione sono molto ridotti
 non chiedere mai “hai capito?” non ve lo dirà mai!
 porre spesso domande di verifica di comprensione
 attenzione al linguaggio specifico
 approccio alla pagina
 esplicitare gli esercizi da svolgere in classe o per casa
(meglio se con un esempio)
 verificare SEMPRE che abbia compreso la consegna
 controllare la gestione del diario
 non dimostrare impazienza quando lo interrogate
 ricordare quanto è importante per lui il TEMPO
 non ammonire davanti a tutti
VADEMECUM - LEZIONE
DISPENSARE
parte dello STUDIO DOMESTICO
Prot. n.4099/A4 del 5.10.04
DISPENSARE
dal prendere APPUNTI
Prot. n.4099/A4 del 5.10.04
DISPENSARE
dallo scrivere SOTTO DETTATURA
Prot. n.4099/A4 del 5.10.04
STUDIO personale
 consegnare schede chiare, ben strutturate sulle quali l’alunno
possa studiare dato che non può farlo sui propri appunti e/o
su dettato
 selezionare i contenuti del testo da studiare, individuare pochi
concetti “chiave” in relazione tra loro
 personalizzare il lavoro da svolgere per casa considerando che
per un soggetto con D.S.A. certe attività richiedono tempi
molto lunghi
 far costruire mappe concettuali con mediatori visivi
 prediligere attività orali agli scritti
 valorizzare e premiare le strategie vincenti
e condividerle con la classe
problemi
paura del foglio bianco
avere
troppe idee e confuse
paura di fare
troppi errori
creazioni di TESTI
SCRITTURA
TESTO
SCRITTO
AVERE
IDEE
GESTIRE
IL
TEMPO
GESTIRE
I
MATERIALI
ABILITA’
MNEMO-
NICHE
PIANIFI-
CARE
MONITO-
RARE
ABILITA’
DI
COORDI-
NAZIONE
 linguaggio
compren-
sibile
 priorità
 logica
 penne
matite
 testi
 appunti
 dispense
orografia
grammatica
sintassi
terminologia
linguaggio
specifico
punteggiat.
 scrittura
di lettere
 sequenzi-
are
 correttore ortografico
 correttore sintattico
 predittore ortografico
e allora …
 collegamento a Internet
 materiali - testi
(scanner)
 memorizza
 pianifica
 vocabolario multimedia  sintesi vocale
 glossario
 programma di
video-scrittura
Memoria
Velocità
Estetica
Riproducibilità / Riutilizzo
Reperibilità informazioni
Scambio informazioni
Capacità di applicare le regole
per migliorare il TESTO
 durante le verifiche in classe Prot. n.4099/A4 del 5.10.04
 durante il consolidamento in classe
 per l’attività domestica
 durante le prove scritte Esame di Stato C.M.1767 del 1.3.05
DISPENSARE
dal RICOPIARE dalla LAVAGNA
Prot. n.4099/A4 del 5.10.04
 mettere pochi SEGNI ROSSI per il rischio che questi
permangono a causa del rinforzano visivo
 usare simboli di correzione diversi (forma – colore)
 correzioni ai margini del foglio
 fargli capire che gli errori sono sempre migliorabili
 dare indicazioni precise su come attuare i migliora-
menti
 considerare l’impegno
CORREZIONE
COOPERATIVE LEARNING
PERCHÈ
GRUPPI DI LAVORO
 responsabilità verso
il gruppo oltre a sè
 uguale parteci-
pazione di tutti
 interazione
positiva
 promuovere
interdipendenza
PROBLEM SOLVING
BRAINSTORMING
Indicazioni Metodologiche
di apprendimento
 superamento verbalismo (parole vuote)
 costruzione di concetti
 consolidamento degli stili cognitivi
 lavoro in gruppo che individuale
 > accettazione degli strumenti compensativi
 possibilità per l’alunno con D.S.A. di dimostrare la
propria competenza tecnologica
Scuola = LABORATORIO
 meno difficoltà nelle materie orali
 buoni ascoltatori
 la comprensione orale è migliore
 posseggono > abilità
 verifiche orali risultano più facili
 evitare di fare domande aperte
 in preparazione agli esami orali
 in preparazione agli stage
 in preparazione ai colloqui di lavoro
 uso del registratore
 uso del PC-editor di testi con sintesi vocale
 uso dei CD-ROM in dotazione al testo
 dispensare dal prendere appunti
materie ORALI
STRUMENTI DISPENSATIVI
Prot. n.4099/A4 del 5.10.04
quanti di noi trasformano le
interrogazioni orali in …
VERIFICHE SCRITTE
MAPPE
MENTALI
MAPPE
CONCETTUALI
TABELLE CARTINE
altro …
INTERROGAZIONE orale
USO DI
Mappe Mentali
T.Buzan
Mappe Concettuali
J. Novak
al centro concetto iniziale
struttura a raggiera
i concetti sono rappresentati
anche da figure o immagini
ideale per la L2
ideale per la progettazione
di testi
struttura reticolare
i concetti sono rappresentati
anche da figure o immagini
ideale per concetti complessi
ideale per esplicitare la
evoluzione temporale
QUALE MAPPA ?
MAPPA CONCETTUALE
MAPPA MENTALE
Adriana Volpato
UTILIZZO COMPUTER PER APPROFONDIMENTI E LAVORO TUTORIALE
USO DI TAVOLA
PITAGORICA
O CALCOLATRICE
Come ripararsi
Matematica e testo scritto……
• Predisporre verifiche scalari, chiare graficamente,
possibilmente su un unico argomento, non a tempo
• Lasciare usare gli strumenti di compensazione
• Valutare in modo costruttivo, con modalità che tengano conto
del contenuto, separando l’errore non oggetto di verifica
• Cercare di mettere pochi segni rossi
• Far capire che gli errori sono sempre migliorabili
• Dare indicazioni precise su come attuare miglioramenti
• Valutare l’impegno
• La valutazione sulla scheda dovrebbe riflettere il percorso dei
ragazzi e registrare i loro progressi
• Verificare le competenze acquisite e far emergere gli
apprendimenti raggiunti
 non prima che l’alunno abbia avuto il tempo di assimilare
i contenuti
 non valutare gli errori ortografici ai dislessici
 valutare il percorso personale
performance scolastica e autostima sono in rapporto
interattivo quindi ATTENZIONE!
 favorire la metacognizione
 stimolare l’accesso di nuove conoscenze sulla
elaborazione di quelle già possedute
 riservatezza sul voto
VALUTAZIONE
ORDINANZA MINISTERIALE ***.
Articoli relativi agli studenti segnalati per D.S.A .
(invariati rispetto al 2007)
N.30 Prot.2724
Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli
esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria
superiore
nelle scuole statali e non statali. Anno scolastico 2007/2008
ART. 6
DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE
1. I consigli di classe dell'ultimo anno di corso elaborano, entro il 15 maggio,
per la commissione d'esame, un apposito documento relativo all'azione
educativa
e didattica realizzata nell'ultimo anno di corso.
2. Tale documento indica i contenuti, i metodi, i mezzi, gli spazi e i tempi
del
percorso formativo, i criteri, gli strumenti di valutazione adottati, gli
obiettivi
raggiunti, nonché ogni altro elemento che i consigli di classe ritengano
significativo
ai fini dello svolgimento degli esami.
3. Per quanto concerne gli istituti professionali, tenuto conto della particolare
organizzazione del biennio post-qualifica che prevede nel curricolo una terza
area professionalizzante che si realizza mediante attività integrate tra
scuola e formazione professionale regionale e/o la partecipazione a stage
presso aziende, il documento deve recare specifiche indicazioni sul profilo e
le caratteristiche di tale area, sulle attività poste in essere e sugli obiettivi
raggiunti. Le commissioni di esame terranno conto delle esperienze realizzate
nell'area di professionalizzazione ai fini dell'accertamento delle conoscenze,
competenze e capacità, con specifico riferimento alla terza prova
4. Per le classi articolate e per i corsi destinati ad alunni provenienti da più
classi, il documento di cui ai commi 1 e 2 è integrato con le relazioni dei
docenti
dei gruppi in cui eventualmente si è scomposta la classe o dei docenti
che hanno guidato corsi destinati ad alunni provenienti da più classi.
5. Al documento stesso possono essere allegati eventuali atti relativi alle
prove
effettuate e alle iniziative realizzate durante l'anno in preparazione dell'esame
di Stato, nonché alla partecipazione attiva e responsabile degli alunni
ai sensi del Regolamento recante le norme dello Statuto delle studentesse
e degli studenti emanato con DPR n.249 del 24/6/98, modificato dal
DPR 21-11-2007,n.235.
6. Prima della elaborazione del testo definitivo del documento, i consigli di
classe possono consultare, per eventuali proposte e osservazioni, la
componente
studentesca e quella dei genitori.
7. Il documento è immediatamente affisso all'albo dell'istituto e consegnato in
copia a ciascun candidato. Chiunque ne abbia interesse può estrarne copia.
Art 12 .7
La Commissione terrà in debita considerazione le specifiche situazioni
soggettive,
relative ai candidati affetti da dislessia, sia in sede di predisposizione
della terza prova scritta, che in sede di valutazione delle altre due prove
scritte,
prevedendo anche la possibilità di riservare alle stesse tempi più lunghi di
quelli ordinari. Al candidato sarà consentita la utilizzazione di apparecchiature
e strumenti informatici nel caso in cui siano stati impiegati per le verifiche
in corso d’anno.
PROVA NAZIONALE
…Nel caso vi siano candidati con difficoltà di apprendimento che necessitino di
un formato dedicato ( versione informatizzata), atteso che non è stata effettuata
la loro rilevazione, il Presidente della commissione ovvero il vice presidente o
il commissario delegato ne informa, il giorno precedente la prova, l’Invalsi inviando
una e-mail a esameprimociclo@invalsi.it o un fax al numero 06/94185202 al fine
del tempestivo invio, nel giorno della prova, dei testi. Tale comunicazione deve essere
inviata per conoscenza anche all’Ufficio Scolastico Regionale.
CANDIDATI CON DIFFICOLTA’ SPECIFICHE DI APPRENDIMENTO
I candidati con diagnosi specifica di dislessia o di altri disturbi specifici di apprendimento
sosterranno la prova nazionale con l’ausilio degli strumenti compensativi utilizzati durante
l’anno. Per lo svolgimento della prova è previsto un tempo aggiuntivo
stabilito dalla Commissione
DPR n. 122, 22 giugno 2009
Art. 10 Valutazione degli alunni con difficoltà specifica di apprendimento
(DSA)
1. Per gli alunni con difficoltà specifiche di apprendimento (DSA)adeguatamente
certificate,la valutazione e la verifica degli apprendimenti, comprese quelle
effettuate in sede di esame conclusivo dei cicli, devono tenere conto delle
specifiche situazioni soggettive di tali alunni;a tali fini, nello svolgimento
dell'attività didattica e delle prove di esame, sono adottate, nell'ambito delle
risorse finanziarie disponibili a legislazione vigente, gli strumenti metodologico-
didattici compensativi e dispensativi ritenuti più idonei.
2. Nel diploma finale rilasciato al termine degli esami non viene fatta menzione
delle modalità di svolgimento e della differenziazione delle prove.
LO SVILUPPO DELL’INTELLIGENZA
NUMERICA
• Gelman e Gallistel = teoria dei principi di
conteggio
• Fuson = teoria dei principi della conta (
teoria dei contesti diversi)
• Hughes = classificazione stadi di scrittura
del numero
AREE DI INTERVENTO
•PROCESSI LESSICALI = capacità di attribuire il
nome ai numeri
•PROCESSI SEMANTICI = capacità di comprendere
il significato dei numeri attraverso una
rappresentazione mentale di tipo quantitativo.
•PROCESSI SINTATTICI = le particolari relazioni
spaziali tra le cifre che costituiscono i numeri
•COUNTING = capacità di conteggio
PROCESSI LESSICALI
1.Puntualizzare il nome del numero incluso lo zero
2.Definire il numero dieci
3.Imparare il nome dei numeri oltre il numero dieci
4.Leggere il nome dei numeri oltre il numero venti, le centinaia e le migliaia,
con la virgola; leggere le frazioni
5.Riflettere sullo zero che modifica il nome dei numeri e imparare a leggerlo
all'interno dei numeri
6.Associare il lessico delle operazioni alla loro funzione ( addizione,
sottrazione, moltiplicazione, divisione)
7.Associare il lessico alla funzione dei segni maggiore-minore
8.Apprendere alcuni termini specifici: doppio, metà, paio, dozzina
9.Associare il nome dei numeri all'ordinalità
PROCESSI SEMANTICI
1.Stimare le quantità ( di + e di - )
2.Cogliere l'uguaglianza tra quantità
3.Cogliere il significato dello zero
4.Passare dalla rappresentazione analogica di una quantità al numero ( leggere
la quantità )
5.Comprendere le operazioni( addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e
divisioni) e il significato di alcune proprietà
6.Riflettere sulle diverse operazioni
7.Comprendere la quantità relativa al numero, dai numeri decimali
8.Comprendere il valore e la funzione dello zero in relazione alla posizione
che occupa all'interno dl numero
PROCESSI SINTATTICI
1.Considerare i numeri a due cifre
2.Puntualizzare il posto delle cifre
3.Fissare il valore posizionale delle cifre
4.Intuire il valore posizionale dopo il cento
5.Intuire il valore posizionale dopo il mille
6.Definire la funzione dello zero
7.Automonitoring
8.Conoscere ed imparare a discriminare le differenti posizioni delle cifre nella
struttura del numero intero, nella sequenza da destra a sinistra ( e da sinistra a
destra)e determinare il valore del numero, del numero decimale
9.Conoscere il valore posizionale delle cifre nella frazione
CALCOLO A MENTE
1.Stimare le quantità ( di + e di - )
2.Cogliere l'uguaglianza tra quantità
3.Cogliere il significato dello zero
4.Passare dalla rappresentazione analogica di una quantità al numero ( leggere
la quantità )
5.Comprendere le operazioni: addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni
6.Riflettere sulle diverse operazioni
7.Scoprire e analizzare diverse modalità di calcolo a mente
8.Affrontare diverse strategie utili nel calcolo mentale di addizioni,
sottrazione, moltiplicazione, suddivisione e spartizione
CALCOLO A MENTE
1.Calcolare con subitizing; aggiungere e togliere da una determinata quantità
sempre il subitizing
2.Strategie per il calcolo: avviare all'uso della strategia n + n nel calcolo
verticale (addizione); avviare all'uso del raggruppamento per cinque, come
facilitazione; effettuare il calcolo verticale con l'applicazione dei
raggruppamenti per cinque; avviare all'uso della strategia di sommare a partire
dal numero maggiore; consolidare la strategia di variare l'ordine degli addendi;
avviare all'uso dell'arrotondamento della decina successiva; strategie di
composizione e scomposizione dei numeri; strategie di composizione e
scomposizione dei numeri con calcoli a due cifre;
3.Comprensione del riporto
4.Tabelline (1-10); ( 2); (5); (3-4); ( 6-7-8-9)
5.Calcolo della divisione
CALCOLO SCRITTO
1.Riflettere sulla funzione del calcolo scritto
2.Apprendere le procedure del calcolo scritto nell'addizione, sottrazione,
moltiplicazione, divisione
3.Imparare la prova delle operazioni
4.Imparare a stimare il risultato
5.Apprendere alcune procedure nel calcolare la frazione di una quantità
.. Non ci si può nascondere dietro al concetto di “GIUSTIZIA”
La giustizia in educazione è dare ad
ognuno ciò di cui ha bisogno!
Secondaria

More Related Content

Similar to Secondaria

Disgrafia colombo
Disgrafia colomboDisgrafia colombo
Disgrafia colombo
imartini
 
Prevenzione delle-difficolta-di-apprendimento v
Prevenzione delle-difficolta-di-apprendimento vPrevenzione delle-difficolta-di-apprendimento v
Prevenzione delle-difficolta-di-apprendimento v
imartini
 
Valerio corsi i_disturbi_specifici_dell'apprendimento x
Valerio corsi i_disturbi_specifici_dell'apprendimento xValerio corsi i_disturbi_specifici_dell'apprendimento x
Valerio corsi i_disturbi_specifici_dell'apprendimento x
imartini
 
Abilitã  visuo spaziali
Abilitã  visuo spazialiAbilitã  visuo spaziali
Abilitã  visuo spaziali
imartini
 
Abilitã  visuo spaziali n
Abilitã  visuo spaziali nAbilitã  visuo spaziali n
Abilitã  visuo spaziali n
imartini
 
Abilitã  visuo spaziali
Abilitã  visuo spazialiAbilitã  visuo spaziali
Abilitã  visuo spaziali
iva martini
 
Abilitã  visuo spaziali
Abilitã  visuo spazialiAbilitã  visuo spaziali
Abilitã  visuo spaziali
imartini
 
matematica disattica
matematica disatticamatematica disattica
matematica disattica
imartini
 
Matematica
MatematicaMatematica
Matematica
imartini
 
Matematica m
Matematica mMatematica m
Matematica m
imartini
 
Matematica h
Matematica hMatematica h
Matematica h
imartini
 
BES_USRVeneto_Allegato 3 scheda cl 1 revisione
BES_USRVeneto_Allegato 3 scheda cl 1 revisioneBES_USRVeneto_Allegato 3 scheda cl 1 revisione
BES_USRVeneto_Allegato 3 scheda cl 1 revisione
CTI_Area_Ulss7
 
Lapprendimento
LapprendimentoLapprendimento
Lapprendimento
imartini
 
Disturbi specifici di apprendimento v
Disturbi specifici di apprendimento vDisturbi specifici di apprendimento v
Disturbi specifici di apprendimento v
imartini
 
Disturbi specifici di apprendimento
Disturbi specifici di apprendimentoDisturbi specifici di apprendimento
Disturbi specifici di apprendimento
imartini
 
3 dispensa scrittura
3 dispensa scrittura3 dispensa scrittura
3 dispensa scrittura
Lucia Amoruso
 
Lampugnani
LampugnaniLampugnani
Lampugnani
imartini
 
Lampugnani
LampugnaniLampugnani
Lampugnani
imartini
 
Apprendimento linguistico ematematico dsa
Apprendimento linguistico ematematico dsaApprendimento linguistico ematematico dsa
Apprendimento linguistico ematematico dsa
iva martini
 

Similar to Secondaria (20)

Disgrafia colombo
Disgrafia colomboDisgrafia colombo
Disgrafia colombo
 
Prevenzione delle-difficolta-di-apprendimento v
Prevenzione delle-difficolta-di-apprendimento vPrevenzione delle-difficolta-di-apprendimento v
Prevenzione delle-difficolta-di-apprendimento v
 
Valerio corsi i_disturbi_specifici_dell'apprendimento x
Valerio corsi i_disturbi_specifici_dell'apprendimento xValerio corsi i_disturbi_specifici_dell'apprendimento x
Valerio corsi i_disturbi_specifici_dell'apprendimento x
 
Abilitã  visuo spaziali
Abilitã  visuo spazialiAbilitã  visuo spaziali
Abilitã  visuo spaziali
 
Abilitã  visuo spaziali n
Abilitã  visuo spaziali nAbilitã  visuo spaziali n
Abilitã  visuo spaziali n
 
Abilitã  visuo spaziali
Abilitã  visuo spazialiAbilitã  visuo spaziali
Abilitã  visuo spaziali
 
Abilitã  visuo spaziali
Abilitã  visuo spazialiAbilitã  visuo spaziali
Abilitã  visuo spaziali
 
matematica disattica
matematica disatticamatematica disattica
matematica disattica
 
Matematica
MatematicaMatematica
Matematica
 
Matematica m
Matematica mMatematica m
Matematica m
 
Matematica h
Matematica hMatematica h
Matematica h
 
BES_USRVeneto_Allegato 3 scheda cl 1 revisione
BES_USRVeneto_Allegato 3 scheda cl 1 revisioneBES_USRVeneto_Allegato 3 scheda cl 1 revisione
BES_USRVeneto_Allegato 3 scheda cl 1 revisione
 
Lapprendimento
LapprendimentoLapprendimento
Lapprendimento
 
Intelligenza numerica
Intelligenza numericaIntelligenza numerica
Intelligenza numerica
 
Disturbi specifici di apprendimento v
Disturbi specifici di apprendimento vDisturbi specifici di apprendimento v
Disturbi specifici di apprendimento v
 
Disturbi specifici di apprendimento
Disturbi specifici di apprendimentoDisturbi specifici di apprendimento
Disturbi specifici di apprendimento
 
3 dispensa scrittura
3 dispensa scrittura3 dispensa scrittura
3 dispensa scrittura
 
Lampugnani
LampugnaniLampugnani
Lampugnani
 
Lampugnani
LampugnaniLampugnani
Lampugnani
 
Apprendimento linguistico ematematico dsa
Apprendimento linguistico ematematico dsaApprendimento linguistico ematematico dsa
Apprendimento linguistico ematematico dsa
 

More from imartini

2 parliamo e discutiamo del bullismo
2 parliamo e discutiamo del bullismo2 parliamo e discutiamo del bullismo
2 parliamo e discutiamo del bullismo
imartini
 
Scheda bambino
Scheda bambinoScheda bambino
Scheda bambino
imartini
 
Subitizing
SubitizingSubitizing
Subitizing
imartini
 
intelligenza emotiva
intelligenza emotivaintelligenza emotiva
intelligenza emotiva
imartini
 
Il quaderno delle_regole_di_matematica
Il quaderno delle_regole_di_matematicaIl quaderno delle_regole_di_matematica
Il quaderno delle_regole_di_matematica
imartini
 
comunicazione_non_verbale
 comunicazione_non_verbale comunicazione_non_verbale
comunicazione_non_verbale
imartini
 
Adhd u
Adhd uAdhd u
Adhd u
imartini
 
DSA
DSADSA
osservazione fattoei di rischio dsa
osservazione fattoei  di rischio dsaosservazione fattoei  di rischio dsa
osservazione fattoei di rischio dsa
imartini
 
Prerequisiti
Prerequisiti Prerequisiti
Prerequisiti
imartini
 
Per sito-prerequisiti-letto-scrittura
Per sito-prerequisiti-letto-scrittura Per sito-prerequisiti-letto-scrittura
Per sito-prerequisiti-letto-scrittura
imartini
 
scrittura
scritturascrittura
scrittura
imartini
 
Dispensa dsa
Dispensa  dsaDispensa  dsa
Dispensa dsa
imartini
 
Dentro ai dsa n
Dentro ai dsa nDentro ai dsa n
Dentro ai dsa n
imartini
 
dislessia
dislessiadislessia
dislessia
imartini
 
stili di apprendimento
stili di apprendimentostili di apprendimento
stili di apprendimento
imartini
 
DSA
DSADSA
Dsa fasce eta
Dsa  fasce etaDsa  fasce eta
Dsa fasce eta
imartini
 
Sviluppo percettivomotorio
Sviluppo percettivomotorio Sviluppo percettivomotorio
Sviluppo percettivomotorio
imartini
 
prerequisiti della scrittura
prerequisiti della scritturaprerequisiti della scrittura
prerequisiti della scrittura
imartini
 

More from imartini (20)

2 parliamo e discutiamo del bullismo
2 parliamo e discutiamo del bullismo2 parliamo e discutiamo del bullismo
2 parliamo e discutiamo del bullismo
 
Scheda bambino
Scheda bambinoScheda bambino
Scheda bambino
 
Subitizing
SubitizingSubitizing
Subitizing
 
intelligenza emotiva
intelligenza emotivaintelligenza emotiva
intelligenza emotiva
 
Il quaderno delle_regole_di_matematica
Il quaderno delle_regole_di_matematicaIl quaderno delle_regole_di_matematica
Il quaderno delle_regole_di_matematica
 
comunicazione_non_verbale
 comunicazione_non_verbale comunicazione_non_verbale
comunicazione_non_verbale
 
Adhd u
Adhd uAdhd u
Adhd u
 
DSA
DSADSA
DSA
 
osservazione fattoei di rischio dsa
osservazione fattoei  di rischio dsaosservazione fattoei  di rischio dsa
osservazione fattoei di rischio dsa
 
Prerequisiti
Prerequisiti Prerequisiti
Prerequisiti
 
Per sito-prerequisiti-letto-scrittura
Per sito-prerequisiti-letto-scrittura Per sito-prerequisiti-letto-scrittura
Per sito-prerequisiti-letto-scrittura
 
scrittura
scritturascrittura
scrittura
 
Dispensa dsa
Dispensa  dsaDispensa  dsa
Dispensa dsa
 
Dentro ai dsa n
Dentro ai dsa nDentro ai dsa n
Dentro ai dsa n
 
dislessia
dislessiadislessia
dislessia
 
stili di apprendimento
stili di apprendimentostili di apprendimento
stili di apprendimento
 
DSA
DSADSA
DSA
 
Dsa fasce eta
Dsa  fasce etaDsa  fasce eta
Dsa fasce eta
 
Sviluppo percettivomotorio
Sviluppo percettivomotorio Sviluppo percettivomotorio
Sviluppo percettivomotorio
 
prerequisiti della scrittura
prerequisiti della scritturaprerequisiti della scrittura
prerequisiti della scrittura
 

Secondaria

  • 1. UNA DIDATTICA PER I DSA: Strumenti per interagire -a cura di SCAPIN CATERINA
  • 2. LO SVILUPPO DELL’INTELLIGENZA NUMERICA • Gelman e Gallistel = teoria dei principi di conteggio • Fuson = teoria dei principi della conta ( teoria dei contesti diversi) • Hughes = classificazione stadi di scrittura del numero
  • 3. AREE DI INTERVENTO •PROCESSI LESSICALI = capacità di attribuire il nome ai numeri •PROCESSI SEMANTICI = capacità di comprendere il significato dei numeri attraverso una rappresentazione mentale di tipo quantitativo. •PROCESSI SINTATTICI = le particolari relazioni spaziali tra le cifre che costituiscono i numeri •COUNTING = capacità di conteggio
  • 4. PROCESSI LESSICALI 1.Puntualizzare il nome del numero incluso lo zero 2.Definire il numero dieci 3.Imparare il nome dei numeri oltre il numero dieci 4.Leggere il nome dei numeri oltre il numero venti, le centinaia e le migliaia, con la virgola; leggere le frazioni 5.Riflettere sullo zero che modifica il nome dei numeri e imparare a leggerlo all'interno dei numeri 6.Associare il lessico delle operazioni alla loro funzione ( addizione, sottrazione, moltiplicazione, divisione) 7.Associare il lessico alla funzione dei segni maggiore-minore 8.Apprendere alcuni termini specifici: doppio, metà, paio, dozzina 9.Associare il nome dei numeri all'ordinalità
  • 5. PROCESSI SEMANTICI 1.Stimare le quantità ( di + e di - ) 2.Cogliere l'uguaglianza tra quantità 3.Cogliere il significato dello zero 4.Passare dalla rappresentazione analogica di una quantità al numero ( leggere la quantità ) 5.Comprendere le operazioni( addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni) e il significato di alcune proprietà 6.Riflettere sulle diverse operazioni 7.Comprendere la quantità relativa al numero, dai numeri decimali 8.Comprendere il valore e la funzione dello zero in relazione alla posizione che occupa all'interno dl numero
  • 6. PROCESSI SINTATTICI 1.Considerare i numeri a due cifre 2.Puntualizzare il posto delle cifre 3.Fissare il valore posizionale delle cifre 4.Intuire il valore posizionale dopo il cento 5.Intuire il valore posizionale dopo il mille 6.Definire la funzione dello zero 7.Automonitoring 8.Conoscere ed imparare a discriminare le differenti posizioni delle cifre nella struttura del numero intero, nella sequenza da destra a sinistra ( e da sinistra a destra)e determinare il valore del numero, del numero decimale 9.Conoscere il valore posizionale delle cifre nella frazione
  • 7. CALCOLO A MENTE 1.Stimare le quantità ( di + e di - ) 2.Cogliere l'uguaglianza tra quantità 3.Cogliere il significato dello zero 4.Passare dalla rappresentazione analogica di una quantità al numero ( leggere la quantità ) 5.Comprendere le operazioni: addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni 6.Riflettere sulle diverse operazioni 7.Scoprire e analizzare diverse modalità di calcolo a mente 8.Affrontare diverse strategie utili nel calcolo mentale di addizioni, sottrazione, moltiplicazione, suddivisione e spartizione
  • 8. CALCOLO A MENTE 1.Calcolare con subitizing; aggiungere e togliere da una determinata quantità sempre il subitizing 2.Strategie per il calcolo: avviare all'uso della strategia n + n nel calcolo verticale (addizione); avviare all'uso del raggruppamento per cinque, come facilitazione; effettuare il calcolo verticale con l'applicazione dei raggruppamenti per cinque; avviare all'uso della strategia di sommare a partire dal numero maggiore; consolidare la strategia di variare l'ordine degli addendi; avviare all'uso dell'arrotondamento della decina successiva; strategie di composizione e scomposizione dei numeri; strategie di composizione e scomposizione dei numeri con calcoli a due cifre; 3.Comprensione del riporto 4.Tabelline (1-10); ( 2); (5); (3-4); ( 6-7-8-9) 5.Calcolo della divisione
  • 9. CALCOLO SCRITTO 1.Riflettere sulla funzione del calcolo scritto 2.Apprendere le procedure del calcolo scritto nell'addizione, sottrazione, moltiplicazione, divisione 3.Imparare la prova delle operazioni 4.Imparare a stimare il risultato 5.Apprendere alcune procedure nel calcolare la frazione di una quantità
  • 10. ELEMENTI PREDITTIVI SCUOLA DELL’INFANZIA •Difficoltà di linguaggio •Difficoltà nella copia da modello e disordine nello spazio del foglio •Difficoltà di memoria •Difficoltà di attenzione •Manualità fine difficoltosa •Goffaggine nel vestirsi, allacciarsi le scarpe, riordinare •Difficoltà a ripetere sequenze ritmiche
  • 11. SCUOLA PRIMARIA : POSSIBILI DIFFICOLTA’ IN SCRITTURA: • Copiare dalla lavagna • Usare lo spazio del foglio • Mantenere la direzionalità della scrittura • Copiare i diversi caratteri tipografici • Errori di: omissione, sostituzione, inversione • Scrivere gruppi consonantici complessi, digrammi, trigrammi • Usare correttamente la punteggiatura (inadeguata o ignorata) • Memorizzare le classificazioni grammaticali • Costruire testi lessicalmente ricchi e sintatticamente complessi IN LETTURA: • Riconoscere i caratteri tipografici • Mantenere il segno nella lettura (perdita della riga e salto della parola) • Riconoscere i suoni simili • Leggere ad alta voce: lentezza ed errori ostacolano la comprensione
  • 12. SCUOLA PRIMARIA : POSSIBILI DIFFICOLTA’ IN MATEMATICA: • Errori di inversione nella scrittura di numeri • Numerare regressivamente in particolare al cambio della decina • Memorizzare gli algoritmi del calcolo delle quattro operazioni • Memorizzare le tabelline • Memorizzare i termini specifici delle figure geometriche • Memorizzare le formule • Discriminare i segni grafici ><- + • Effettuare calcoli orali NELLO STUDIO: • Difficoltà attentive e di memoria • Memorizzare informazioni in sequenza (ordine alfabetico, giorni della settimana, mesi, filastrocche, poesie) • Ricordare date, epoche storiche, i nomi nelle carte • Ampliare il lessico comprendendo i termini specifici delle discipline • Costruire organizzatori spazio-temporali
  • 13. • Terzo livello • Quarto livello • Quinto livello 14/10/09 ELEMENTI PREDITTIVI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO • Difficoltà di copia dalla lavagna • Perdita della riga e salto della parola in lettura • Difficoltà d’uso dello spazio del foglio • Omissione delle lettere maiuscole- Lettere e numeri scambiati • Sostituzione di suoni simili - Difficoltà nei digrammi • Punteggiatura ignorata • Difficoltà ad imparare le tabelline • Difficoltà a memorizzare le procedure delle operazioni aritmetiche • Difficoltà a ricordare i termini specifici delle discipline, le epoche storiche, le date degli eventi • Difficoltà espositive • Difficoltà di pianificazione • Difficoltà nel metodo di studio
  • 16. NON RIESCE A SEGUIRE LA SPIEGAZIONE
  • 29. Quali effetti genera la disabilità sul processo di apprendimento (2) * difficoltà a svolgere sequenze ripetitive di lavoro in modo standardizzato * difficoltà a procedere da solo nel compito * incapacità di controllare da solo l’adeguatezza del risultato
  • 30. COME AIUTARE IL RAGAZZO DISLESSICO? MISURE COMPENSATIVE DISPENSATIVE Strumenti che consentono di Modificazioni nell’espletamento compensare le difficoltà di dell’attività didattica esecuzione di compiti automatici derivate da una disabilità specifica
  • 31. CREARE CLIMA POSITIVO, LAVORARE SULLE DIVERSITA’
  • 32. • Cercare di organizzare lo spazio in modo accogliente e intenzionale, con punti di riferimento precisi. • Anche lo spazio insegna e stimola l’apprendimento. • Lo spazio ben strutturato aiuta i bambini ad orientarsi meglio nelle attività • Lo spazio dovrebbe garantire sia l’attività individuale che l’attività di reciproco aiuto
  • 34. I-II CLASSE Pareti parlanti: • Una parete per la scrittura con riferimenti chiari, visivi per ogni lettera e mano mano per le successive difficoltà ortografiche • Una parete per i numeri con tutti i numeri ben visibili, linea dei numeri… III-IV-V CLASSE Pareti attrezzate: • Spazi con riferimenti visivi per la lingua, la matematica, la storia, la geografia e riferimenti extralinguistici (grafici temporali, foto, schemi, mappe…) Pianificazione del lavoro: • Controllare, tutte le volte che si può, nel quaderno e nel diario che ogni cosa sia stata copiata • Qualsiasi sia l’età dei ragazzi munisci l’aula di un orologio grande e leggibile e di calendario.
  • 35. • Proporre giornalmente giochi linguistici per migliorare la competenza fonologica e metafonologica • Inizialmente presentare i caratteri scritti in stampato maiuscolo; passare allo stampato minuscolo dopo che tutti i suoni, compresi quelli complessi, sono stati presentati e padroneggiati; introdurre il corsivo con gradualità • Evitare assolutamente di presentare più caratteri contemporaneamente • Fermare il lavoro più tempo sui suoni difficili • Far manipolare le lettere in particolare con i bambini che faticano a memorizzarle • Pensare sempre che la scrittura è un mezzo per comunicare, quindi ci dovranno essere mille occasioni per scrivere • Lavorare molto sull’ortografia in modo vario e vivace • Assicurarsi che le cose scritte alla lavagna, per essere copiate, rimangano fino a che tutti abbiano trascritto • Organizzare spesso lavori di scrittura in gruppo così da favorire la crescita cognitiva
  • 36. • Organizzare un lavoro sulla struttura del testo (ideazione-progettazione-stesura-revisione) • Motivare i ragazzi alla scrittura facendo scrivere testi che si ritrovano nella quotidianità (articoli giornalistici, pubblicità, inviti…) • Non introdurre la grammatica troppo presto; selezionare gli aspetti più significativi • Presentare le lezioni in modo da lavorare in gruppo, con materiali che attivino conflitti cognitivi e li portino a riflettere sull’uso delle parole • Non “abusare” della grammatica: selezionare gli aspetti più significativi e tralasciare il resto • Lavorare ancora molto sull’ortografia, in modo vario e vivace • Se si vede che l’ortografia è un “campo minato” sollecitare ad usare mezzi compensativi (computer con correttore) e non valutarla • Predisporre un lavoro strutturato in base alle difficoltà da usare a scuola e a casa anziché assegnare compiti in serie
  • 37. ALL’ INIZIO • In fase di apprendimento, lasciar leggere per anticipazione accettando ciò che viene letto anche se inventato • Relativamente alla tecnica di lettura, organizzare un lavoro molto graduato e all’inizio, puntare molto sulle sillabe e non sulle lettere separate • Far fare brevi allenamenti in coppia assegnando un amico come tutor e predisponendo un percorso man mano più complesso ( sillabe – bisillabe – trisillabe – parole con lettere ponte – digrammi - trigrammi…)
  • 38. E PER CONTINUARE • Non forzare a leggere a voce alta tutti i bambini: non avendo gli stessi tempi di lettura non è possibile far tenere il segno • Organizzare la lettura ad alta voce con “appuntamenti” • Non utilizzare la lettura dei ragazzi ad alta voce su testi specifici: meglio la lettura dell’adulto perché guida, spiega, chiarisce
  • 39. • Leggere a voce alta fiabe, favole, racconti, romanzi a seconda dell’età dei bambini per potenziare l’ascolto e far amare la lettura; ritagliarsi un tempo di lettura ogni giorno. • Predisporre, fin dalla prima, una biblioteca di classe con libri di vario tipo, formato, difficoltà, caratteri. • Tenere diviso l’allenamento alla lettura dalla comprensione dei testi e dall’uso della biblioteca di classe. • Lasciare tempo ogni giorno, anche solo 15 o 20 minuti per la lettura individuale, senza il controllo delle prestazioni
  • 40. • Insegnare la tecnica della sottolineatura, mostrare schemi, mappe e farli costruire • Fare molto lavoro differenziato: ricerche a coppie, esperimenti, riflessioni a gruppi sulle fonti, sulle carte geografiche, sulle ipotesi scientifiche • Usare materiale audiovisivo e tutti i sussidi possibili • Richiedere tempi di attenzione contenuti e fare riposare cinque minuti tra un’attività e l’altra • Programmare le interrogazioni • Avvisare 10 minuti prima di interrogare • Far spiegare ai ragazzi, tra loro, i diversi metodi che ognuno usa per prepararsi, per stare attento… • Proporre molto spesso il lavoro di gruppo (apprendimento cooperativo) • Responsabilizzare i compagni per la lettura e la dettatura e concordare tutor coetanei • Ricordarsi che i ragazzi dislessici hanno bisogno di più tempo, quindi ridurre la quantità di esercitazioni e studio a casa ed a scuola
  • 41. • Il bambino dislessico spende già molte energie a far corrispondere ai suoni le lettere della lingua italiana • Con lo studio di un’altra lingua i suoni e la concordanze da ricordare aumentano rendendo più faticoso l’apprendimento COSA FARE? • Concordare con chiarezza i suoni con le lettere • Ricordare il significato delle parole • Se deve imparare una seconda lingua, sarebbero da preferire le lingue con una base latina perché più trasparenti • Se deve imparare l’inglese, è opportuno puntare sulla lingua parlata
  • 42. • Aiutare a pianificare i tempi di una prova orale ( rilettura del testo, degli appunti e/o mappa, preparare una lista di domande e/o schema di interrogazione, simulare l’interrogazione rispondendo ai quesiti formulati, curando l’esposizione..) • Attirando l’attenzione durante la lezione in classe (utilizzando enfasi in alcune parti del discordo: tono della voce, gestualità, mimica,uso di immagini; riformulando i concetti con esempi e parole diverse, creando conflitto cognitivo; proponendo esemplificazioni) ALCUNI COMPITI RISULTANO PARTICOLARMENTE DIFFICILI PER ALUNNI CON DIFFICOLTA’ DI ATTENZIONE ( come per alunni dislessici) Questi compiti sono: • Lavori molto lunghi anche se semplici e comprensibili, • Compiti che richiedono, in generale, buone abilità organizzative; • Prendere appunti durante la spiegazione dell’insegnante; • Prove di comprensione di testi difficili; • Produzioni scritte in assenza di una guida esterna o senza un insegnamento specifico delle strategie di composizione; • Studio di materie antropologiche o scientifiche senza che ci sia stato un insegnamento mirato delle strategie di studio; • Interrogazioni che richiedono la formulazione di discorsi articolati ed esaustivi riguardanti argomenti studiati molto tempo prima.
  • 43. STRUMENTI DISPENSATIVI  lettura a voce alta  scrittura veloce sotto dettatura  ricopiare alla lavagna  uso del vocabolario  uso mnemonico delle tabelline  programmazione di tempi più lunghi per prove scritte e studio domestico  riduzione del carico di lavoro  organizzazione interrogazioni programmate  valutazione delle prove scritte ed orali che tengano conto del contenuto e non della forma
  • 44. STRUMENTI COMPENSATIVI  computer: + controllo sintattico + controllo ortografico + sintesi vocale  tabella dei mesi, tabella dell’alfabeto e dei vari caratteri  tabella delle misure, tabella delle formule geometriche  tavola pitagorica  tavole di sviluppo mnemonico  calcolatrice  audio registratore o lettore MP3 (con cuffia)  cassette registrate  vocabolario multimediale  enciclopedia informatica multimediale su CD ROM  libro parlato (centri)  testi ridotti con audio cassette + CD ROM  scanner - OCR  internet
  • 45. • Possibilità d'uso di testi ridotti non per contenuto, ma per quantità di pagine come già avviene in vari paesi europei in cui esiste lo stesso testo ampio oppure ridotto per i dislessici • Utilizzo, per lo studio, di cassette registrate (dagli insegnanti, dagli alunni, e/o allegate ai testi) • Uso del libro parlato per arricchire il lessico e come motivazione alla lettura (uso extra scolastico)
  • 46. un buon TESTO deve avere: fondo COLORATO testo chiaro guida allo studio parole chiave evidenziate cartine-tabelle immagini
  • 47. DISPENSARE dalla LETTURA ad ALTA VOCE Prot. n.4099/A4 del 5.10.04 LETTURA … efficace lettura fatta dall’insegnante
  • 49. DIZIONARIO ENCICLOPEDIA  italiano  inglese  enciclopedia completa  atlante mondiale interattivo  viaggi 3D  cronologia dinamica (linea del tempo)
  • 50. COMPRENSIONE del TESTO DOMANDE DI COMPRENSIONE  le domande inserite nel testo migliorano la comprensione e l’apprendimento  le domande di carattere concettuale acquistano maggior significabilità se poste prima di leggere il testo (favoriscono la costruzione di una traccia di lettura)  le domande prima della lettura:  creano aspettative  focalizzano l’attenzione sull’argomento  stimolano previsioni su ciò che si sta leggendo
  • 51. INEFFICACE per soggetti con D.S.A.  difficoltà a memorizzare  difficoltà a sequenziare RIPETIZIONE come fattore di apprendimento scritta orale automatizzazione LETTURA SCRITTURA CALCOLO
  • 52. la LETTURA non è l’unico canale di apprendimento canali sensoriali
  • 53. • Insegnare la tecnica della sottolineatura, mostrare schemi, mappe e aiutarli nell’organizzarle • Usare materiale audiovisivo e tutti i sussidi possibili • Richiedere tempi di attenzione contenuti • Proporre testi di studio riscrivendoli seguendo le tecniche della semplificazione (impostazione grafica, organizzazione testuale, scelte sintattiche e lessicali) • Programmare le interrogazioni • Proporre molto spesso il lavoro di gruppo (apprendimento cooperativo, tutor coetanei ) • Ricordarsi che i ragazzi dislessici hanno bisogno di più tempo, quindi ridurre la quantità di esercitazioni e studio a casa ed a scuola
  • 54. CONSEGNARE UNA MAPPA DELL’ARGOMENTO DELLA LEZIONE
  • 57. RIDUZIONE DI ALCUNI CONTENUTI, USO DI UN LINGUAGGIO SEMPLICE
  • 58. PROPOSTA DI ATTIVITA’ ALTERNATIVE ALLA LEZIONE FRONTALE
  • 62. la LEZIONE recupero delle conoscenze pregresse documentari - video interessi personali input familiari input scolastici provengono VALORIZZIAMOLI !
  • 63.  informare sul tipo di argomento che si andrà a trattare in modo da create delle aspettative  chiedere di fare ipotesi sul contenuto  durante la spiegazione controllare che vi guardi o che guardi il PC  prevedere momenti di INTERVALLO  ricordare che i tempi di attenzione sono molto ridotti  non chiedere mai “hai capito?” non ve lo dirà mai!  porre spesso domande di verifica di comprensione  attenzione al linguaggio specifico  approccio alla pagina  esplicitare gli esercizi da svolgere in classe o per casa (meglio se con un esempio)  verificare SEMPRE che abbia compreso la consegna  controllare la gestione del diario  non dimostrare impazienza quando lo interrogate  ricordare quanto è importante per lui il TEMPO  non ammonire davanti a tutti VADEMECUM - LEZIONE
  • 64. DISPENSARE parte dello STUDIO DOMESTICO Prot. n.4099/A4 del 5.10.04
  • 65. DISPENSARE dal prendere APPUNTI Prot. n.4099/A4 del 5.10.04
  • 66. DISPENSARE dallo scrivere SOTTO DETTATURA Prot. n.4099/A4 del 5.10.04
  • 67. STUDIO personale  consegnare schede chiare, ben strutturate sulle quali l’alunno possa studiare dato che non può farlo sui propri appunti e/o su dettato  selezionare i contenuti del testo da studiare, individuare pochi concetti “chiave” in relazione tra loro  personalizzare il lavoro da svolgere per casa considerando che per un soggetto con D.S.A. certe attività richiedono tempi molto lunghi  far costruire mappe concettuali con mediatori visivi  prediligere attività orali agli scritti  valorizzare e premiare le strategie vincenti e condividerle con la classe
  • 68. problemi paura del foglio bianco avere troppe idee e confuse paura di fare troppi errori creazioni di TESTI SCRITTURA
  • 69. TESTO SCRITTO AVERE IDEE GESTIRE IL TEMPO GESTIRE I MATERIALI ABILITA’ MNEMO- NICHE PIANIFI- CARE MONITO- RARE ABILITA’ DI COORDI- NAZIONE  linguaggio compren- sibile  priorità  logica  penne matite  testi  appunti  dispense orografia grammatica sintassi terminologia linguaggio specifico punteggiat.  scrittura di lettere  sequenzi- are
  • 70.  correttore ortografico  correttore sintattico  predittore ortografico e allora …  collegamento a Internet  materiali - testi (scanner)  memorizza  pianifica  vocabolario multimedia  sintesi vocale  glossario  programma di video-scrittura
  • 71. Memoria Velocità Estetica Riproducibilità / Riutilizzo Reperibilità informazioni Scambio informazioni Capacità di applicare le regole
  • 72. per migliorare il TESTO  durante le verifiche in classe Prot. n.4099/A4 del 5.10.04  durante il consolidamento in classe  per l’attività domestica  durante le prove scritte Esame di Stato C.M.1767 del 1.3.05
  • 73. DISPENSARE dal RICOPIARE dalla LAVAGNA Prot. n.4099/A4 del 5.10.04
  • 74.  mettere pochi SEGNI ROSSI per il rischio che questi permangono a causa del rinforzano visivo  usare simboli di correzione diversi (forma – colore)  correzioni ai margini del foglio  fargli capire che gli errori sono sempre migliorabili  dare indicazioni precise su come attuare i migliora- menti  considerare l’impegno CORREZIONE
  • 75. COOPERATIVE LEARNING PERCHÈ GRUPPI DI LAVORO  responsabilità verso il gruppo oltre a sè  uguale parteci- pazione di tutti  interazione positiva  promuovere interdipendenza PROBLEM SOLVING BRAINSTORMING Indicazioni Metodologiche
  • 76. di apprendimento  superamento verbalismo (parole vuote)  costruzione di concetti  consolidamento degli stili cognitivi  lavoro in gruppo che individuale  > accettazione degli strumenti compensativi  possibilità per l’alunno con D.S.A. di dimostrare la propria competenza tecnologica Scuola = LABORATORIO
  • 77.  meno difficoltà nelle materie orali  buoni ascoltatori  la comprensione orale è migliore  posseggono > abilità  verifiche orali risultano più facili  evitare di fare domande aperte  in preparazione agli esami orali  in preparazione agli stage  in preparazione ai colloqui di lavoro  uso del registratore  uso del PC-editor di testi con sintesi vocale  uso dei CD-ROM in dotazione al testo  dispensare dal prendere appunti materie ORALI
  • 79. quanti di noi trasformano le interrogazioni orali in … VERIFICHE SCRITTE
  • 81. Mappe Mentali T.Buzan Mappe Concettuali J. Novak al centro concetto iniziale struttura a raggiera i concetti sono rappresentati anche da figure o immagini ideale per la L2 ideale per la progettazione di testi struttura reticolare i concetti sono rappresentati anche da figure o immagini ideale per concetti complessi ideale per esplicitare la evoluzione temporale QUALE MAPPA ?
  • 84. UTILIZZO COMPUTER PER APPROFONDIMENTI E LAVORO TUTORIALE
  • 86. Come ripararsi Matematica e testo scritto……
  • 87. • Predisporre verifiche scalari, chiare graficamente, possibilmente su un unico argomento, non a tempo • Lasciare usare gli strumenti di compensazione • Valutare in modo costruttivo, con modalità che tengano conto del contenuto, separando l’errore non oggetto di verifica • Cercare di mettere pochi segni rossi • Far capire che gli errori sono sempre migliorabili • Dare indicazioni precise su come attuare miglioramenti • Valutare l’impegno • La valutazione sulla scheda dovrebbe riflettere il percorso dei ragazzi e registrare i loro progressi • Verificare le competenze acquisite e far emergere gli apprendimenti raggiunti
  • 88.  non prima che l’alunno abbia avuto il tempo di assimilare i contenuti  non valutare gli errori ortografici ai dislessici  valutare il percorso personale performance scolastica e autostima sono in rapporto interattivo quindi ATTENZIONE!  favorire la metacognizione  stimolare l’accesso di nuove conoscenze sulla elaborazione di quelle già possedute  riservatezza sul voto VALUTAZIONE
  • 89. ORDINANZA MINISTERIALE ***. Articoli relativi agli studenti segnalati per D.S.A . (invariati rispetto al 2007) N.30 Prot.2724 Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore nelle scuole statali e non statali. Anno scolastico 2007/2008 ART. 6 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. I consigli di classe dell'ultimo anno di corso elaborano, entro il 15 maggio, per la commissione d'esame, un apposito documento relativo all'azione educativa e didattica realizzata nell'ultimo anno di corso. 2. Tale documento indica i contenuti, i metodi, i mezzi, gli spazi e i tempi del percorso formativo, i criteri, gli strumenti di valutazione adottati, gli obiettivi raggiunti, nonché ogni altro elemento che i consigli di classe ritengano significativo ai fini dello svolgimento degli esami. 3. Per quanto concerne gli istituti professionali, tenuto conto della particolare organizzazione del biennio post-qualifica che prevede nel curricolo una terza area professionalizzante che si realizza mediante attività integrate tra scuola e formazione professionale regionale e/o la partecipazione a stage presso aziende, il documento deve recare specifiche indicazioni sul profilo e le caratteristiche di tale area, sulle attività poste in essere e sugli obiettivi raggiunti. Le commissioni di esame terranno conto delle esperienze realizzate nell'area di professionalizzazione ai fini dell'accertamento delle conoscenze, competenze e capacità, con specifico riferimento alla terza prova
  • 90. 4. Per le classi articolate e per i corsi destinati ad alunni provenienti da più classi, il documento di cui ai commi 1 e 2 è integrato con le relazioni dei docenti dei gruppi in cui eventualmente si è scomposta la classe o dei docenti che hanno guidato corsi destinati ad alunni provenienti da più classi. 5. Al documento stesso possono essere allegati eventuali atti relativi alle prove effettuate e alle iniziative realizzate durante l'anno in preparazione dell'esame di Stato, nonché alla partecipazione attiva e responsabile degli alunni ai sensi del Regolamento recante le norme dello Statuto delle studentesse e degli studenti emanato con DPR n.249 del 24/6/98, modificato dal DPR 21-11-2007,n.235. 6. Prima della elaborazione del testo definitivo del documento, i consigli di classe possono consultare, per eventuali proposte e osservazioni, la componente studentesca e quella dei genitori. 7. Il documento è immediatamente affisso all'albo dell'istituto e consegnato in copia a ciascun candidato. Chiunque ne abbia interesse può estrarne copia. Art 12 .7 La Commissione terrà in debita considerazione le specifiche situazioni soggettive, relative ai candidati affetti da dislessia, sia in sede di predisposizione della terza prova scritta, che in sede di valutazione delle altre due prove scritte, prevedendo anche la possibilità di riservare alle stesse tempi più lunghi di quelli ordinari. Al candidato sarà consentita la utilizzazione di apparecchiature e strumenti informatici nel caso in cui siano stati impiegati per le verifiche in corso d’anno.
  • 91. PROVA NAZIONALE …Nel caso vi siano candidati con difficoltà di apprendimento che necessitino di un formato dedicato ( versione informatizzata), atteso che non è stata effettuata la loro rilevazione, il Presidente della commissione ovvero il vice presidente o il commissario delegato ne informa, il giorno precedente la prova, l’Invalsi inviando una e-mail a esameprimociclo@invalsi.it o un fax al numero 06/94185202 al fine del tempestivo invio, nel giorno della prova, dei testi. Tale comunicazione deve essere inviata per conoscenza anche all’Ufficio Scolastico Regionale. CANDIDATI CON DIFFICOLTA’ SPECIFICHE DI APPRENDIMENTO I candidati con diagnosi specifica di dislessia o di altri disturbi specifici di apprendimento sosterranno la prova nazionale con l’ausilio degli strumenti compensativi utilizzati durante l’anno. Per lo svolgimento della prova è previsto un tempo aggiuntivo stabilito dalla Commissione
  • 92. DPR n. 122, 22 giugno 2009 Art. 10 Valutazione degli alunni con difficoltà specifica di apprendimento (DSA) 1. Per gli alunni con difficoltà specifiche di apprendimento (DSA)adeguatamente certificate,la valutazione e la verifica degli apprendimenti, comprese quelle effettuate in sede di esame conclusivo dei cicli, devono tenere conto delle specifiche situazioni soggettive di tali alunni;a tali fini, nello svolgimento dell'attività didattica e delle prove di esame, sono adottate, nell'ambito delle risorse finanziarie disponibili a legislazione vigente, gli strumenti metodologico- didattici compensativi e dispensativi ritenuti più idonei. 2. Nel diploma finale rilasciato al termine degli esami non viene fatta menzione delle modalità di svolgimento e della differenziazione delle prove.
  • 93. LO SVILUPPO DELL’INTELLIGENZA NUMERICA • Gelman e Gallistel = teoria dei principi di conteggio • Fuson = teoria dei principi della conta ( teoria dei contesti diversi) • Hughes = classificazione stadi di scrittura del numero
  • 94. AREE DI INTERVENTO •PROCESSI LESSICALI = capacità di attribuire il nome ai numeri •PROCESSI SEMANTICI = capacità di comprendere il significato dei numeri attraverso una rappresentazione mentale di tipo quantitativo. •PROCESSI SINTATTICI = le particolari relazioni spaziali tra le cifre che costituiscono i numeri •COUNTING = capacità di conteggio
  • 95. PROCESSI LESSICALI 1.Puntualizzare il nome del numero incluso lo zero 2.Definire il numero dieci 3.Imparare il nome dei numeri oltre il numero dieci 4.Leggere il nome dei numeri oltre il numero venti, le centinaia e le migliaia, con la virgola; leggere le frazioni 5.Riflettere sullo zero che modifica il nome dei numeri e imparare a leggerlo all'interno dei numeri 6.Associare il lessico delle operazioni alla loro funzione ( addizione, sottrazione, moltiplicazione, divisione) 7.Associare il lessico alla funzione dei segni maggiore-minore 8.Apprendere alcuni termini specifici: doppio, metà, paio, dozzina 9.Associare il nome dei numeri all'ordinalità
  • 96. PROCESSI SEMANTICI 1.Stimare le quantità ( di + e di - ) 2.Cogliere l'uguaglianza tra quantità 3.Cogliere il significato dello zero 4.Passare dalla rappresentazione analogica di una quantità al numero ( leggere la quantità ) 5.Comprendere le operazioni( addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni) e il significato di alcune proprietà 6.Riflettere sulle diverse operazioni 7.Comprendere la quantità relativa al numero, dai numeri decimali 8.Comprendere il valore e la funzione dello zero in relazione alla posizione che occupa all'interno dl numero
  • 97. PROCESSI SINTATTICI 1.Considerare i numeri a due cifre 2.Puntualizzare il posto delle cifre 3.Fissare il valore posizionale delle cifre 4.Intuire il valore posizionale dopo il cento 5.Intuire il valore posizionale dopo il mille 6.Definire la funzione dello zero 7.Automonitoring 8.Conoscere ed imparare a discriminare le differenti posizioni delle cifre nella struttura del numero intero, nella sequenza da destra a sinistra ( e da sinistra a destra)e determinare il valore del numero, del numero decimale 9.Conoscere il valore posizionale delle cifre nella frazione
  • 98. CALCOLO A MENTE 1.Stimare le quantità ( di + e di - ) 2.Cogliere l'uguaglianza tra quantità 3.Cogliere il significato dello zero 4.Passare dalla rappresentazione analogica di una quantità al numero ( leggere la quantità ) 5.Comprendere le operazioni: addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni 6.Riflettere sulle diverse operazioni 7.Scoprire e analizzare diverse modalità di calcolo a mente 8.Affrontare diverse strategie utili nel calcolo mentale di addizioni, sottrazione, moltiplicazione, suddivisione e spartizione
  • 99. CALCOLO A MENTE 1.Calcolare con subitizing; aggiungere e togliere da una determinata quantità sempre il subitizing 2.Strategie per il calcolo: avviare all'uso della strategia n + n nel calcolo verticale (addizione); avviare all'uso del raggruppamento per cinque, come facilitazione; effettuare il calcolo verticale con l'applicazione dei raggruppamenti per cinque; avviare all'uso della strategia di sommare a partire dal numero maggiore; consolidare la strategia di variare l'ordine degli addendi; avviare all'uso dell'arrotondamento della decina successiva; strategie di composizione e scomposizione dei numeri; strategie di composizione e scomposizione dei numeri con calcoli a due cifre; 3.Comprensione del riporto 4.Tabelline (1-10); ( 2); (5); (3-4); ( 6-7-8-9) 5.Calcolo della divisione
  • 100. CALCOLO SCRITTO 1.Riflettere sulla funzione del calcolo scritto 2.Apprendere le procedure del calcolo scritto nell'addizione, sottrazione, moltiplicazione, divisione 3.Imparare la prova delle operazioni 4.Imparare a stimare il risultato 5.Apprendere alcune procedure nel calcolare la frazione di una quantità
  • 101. .. Non ci si può nascondere dietro al concetto di “GIUSTIZIA” La giustizia in educazione è dare ad ognuno ciò di cui ha bisogno!