Successfully reported this slideshow.
Your SlideShare is downloading. ×

Vuoi il successo del tuo coaching? Coraggio, umiltà e disciplina, ecco la perfetta combinazione di un coaching efficace!

Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Upcoming SlideShare
Executive Coaching.
Executive Coaching.
Loading in …3
×

Check these out next

1 of 10 Ad

Vuoi il successo del tuo coaching? Coraggio, umiltà e disciplina, ecco la perfetta combinazione di un coaching efficace!

Download to read offline

Vuoi il successo del tuo coaching? Usa coraggio, umiltà e disciplina : la combinazione perfetta per un coaching efficace.

Decidere di fare coaching è decidere di mettersi in gioco. Questo è la chiave del tuo successo!

Vuoi il successo del tuo coaching? Usa coraggio, umiltà e disciplina : la combinazione perfetta per un coaching efficace.

Decidere di fare coaching è decidere di mettersi in gioco. Questo è la chiave del tuo successo!

Advertisement
Advertisement

More Related Content

Similar to Vuoi il successo del tuo coaching? Coraggio, umiltà e disciplina, ecco la perfetta combinazione di un coaching efficace! (20)

Advertisement

Recently uploaded (20)

Advertisement

Vuoi il successo del tuo coaching? Coraggio, umiltà e disciplina, ecco la perfetta combinazione di un coaching efficace!

  1. 1. A voi futuri coachee… Vuoi il successo del tuo coaching? www.stratea.it Scritto da Christine Gallaire- Coach PCC certificato dall’ICF.
  2. 2. www.stratea.it Una premessa: mettersi in gioco Decidere di iniziare un percorso di coaching sotto intende decidere di mettersi in gioco … e richiede … CORAGGIO
  3. 3. www.stratea.it Coraggio? Il coraggio di realizzare su SE STESSO i cambiamenti Il coraggio di far sorgere e di risolvere questioni “scomode” Il coraggio di provare nuovi approcci che portino fuori dalla propria comfort zone. CORAGGIO
  4. 4. www.stratea.it Umiltà? La vera leadership non è veramente “a proposito di SE STESSO” ma riguarda soprattutto il team ed il business. L’umiltà consiste a saper valutare i propri punti di forza, le proprie competenze e i propri progressi al loro giusto valore … senza lasciare che il proprio ego si metta di trasverso.
  5. 5. www.stratea.it Disciplina? Generare un cambiamento presuppone accettare di rimpiazzare vecchie consuetudini – e a volte convinzioni personali- con nuovi approcci. Richiede di considerare il coaching con un obiettivo vero e proprio … e quindi investire energia e tempo nell’attuazione dei piani di azioni. Ancorare il cambiamento comportamentale consiste nel creare nuove abitudini e processi più efficaci … richiede attenzione, impegno costante e disciplina.
  6. 6. www.stratea.it Come scegliere il coach? Alcuni aspetti fondamentali: Optare per un coach certificato dall’International Coaching Federation per una garanzia di una formazione adeguata e di una esperienza valida. Guardare attentamente il percorso professionale del coach: esperienza in multinazionale, settore di estrazione, gestione diretta di team, conoscenza dei diversi ambiti aziendali. Fidarsi del vostro intuito: è importante che ci sia una sintonia e un’alchimia dall’inizio. Al di là di condizionare la fiducia iniziale, la sintonia permette al rapporto coach-coachee di produrre più velocemente i risultati aspettati.
  7. 7. www.stratea.it Come selezionare le proprie aree di crescita? Il cambiamento della leadership comportamentale è SEMPLICE MA NON FACILE… Perciò, si consiglia di scegliere da 1 a 3 aree di crescita ,sentite da se stesso come fondamentali per l’evoluzione della propria carriera nel futuro. Più gli obiettivi sono sentiti come propri, più l’impegno personale è intenso e produce risultati.
  8. 8. Come rendere il cambiamento visibile? Un consiglio: Evitare di lavorare in modo isolato con il coach. Invece, cercare di associare al proprio cambiamento il proprio capo, certi colleghi, i riporti diretti…. …. dichiarando i vostri obiettivi di crescita. … chiedendo a loro un feedback sui vostri progressi … … sollecitando i loro consigli o suggerimenti per il futuro. www.stratea.it
  9. 9. www.stratea.it Come misurare i risultati? Un’opzione è condurre un’indagine 360° pre e post coaching (se il periodo di coaching è almeno di 6 mesi). Un’altra opzione è lanciare a metà e a fine percorso una mini-survey per sondare le percezioni sui progressi e cambiamenti effettuati presso 6-8 colleghi/pari/colleghi/ riporti. Incontri di valutazione qualitativa aiutano anche a percepire il vissuto dell’organizzazione.
  10. 10. Grazie per l’attenzione www.stratea.it Per approfondire, vedere il video sul blog www.motivideas.com

×