Ldb key management 2014 06-20 negro- people coaching action plan

459 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
459
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
129
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Ldb key management 2014 06-20 negro- people coaching action plan

  1. 1. PEOPLE COACHING Creare valore per le persone MASSIMO NEGRO Consulente di Direzione Aziendale Business Coach Diritti Riservati. Divieto di uso anche parziale per fini diversi da quelli previsti nell’ambito del Laboratorio Key Management .
  2. 2.  Da 17 anni a stretto contatto con primari Gruppi internazionali e nazionali  Certificato APCO - International Council of Management Consulting Institutes (ICMCI)  Business Coach iscritto all’Associazione Italiana Coach Professionisti (AICP)  Trainer Specialist  Direttore Green Apple Team Cooperativa Sociale  Collaboratore rivista «Controllo di Gestione» IPSOA  Docente «Pianificazione Strategica e Business Plan» presso «Master CFO» Università di Ferrara e ANDAF  Tanto tempo fa …. Laureato Economia e Commercio presso Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Nice to meet you!
  3. 3. Principali esperienze
  4. 4. Chi è il Coach?
  5. 5. Il coaching è un rapporto di partnership che si stabilisce tra coach e cliente con lo scopo di aiutare quest’ultimo ad ottenere risultati ottimali in ambito sia lavorativo che personale. Grazie all’attività svolta dal coach, i clienti sono in grado di apprendere ed elaborare le tecniche e le strategie di azione che permetteranno loro di migliorare sia le performance che la qualità della propria vita.
  6. 6. Nel coaching si osserva “dove si trova il cliente oggi”, quale sia cioè la situazione attuale di partenza, e si definisce, in comune accordo, ciò che egli è disposto a fare per raggiungere “la meta in cui vorrebbe trovarsi domani”.
  7. 7. Come il coach può creare valore?
  8. 8. Le responsabilità del coach sono: • scoprire, rendere chiari ed allineare gli obiettivi che il cliente desidera raggiungere; • guidare il cliente in una scoperta personale di tali obiettivi; • far in modo che le soluzioni e le strategie da seguire emergano dal cliente stesso; • lasciare piena autonomia e responsabilità al cliente.
  9. 9. “non ti ci posso portare io, spero solo di poterti aiutare a trovare la via”
  10. 10. … ed è molto importante …
  11. 11. Osservazione Ascolto Guida (attraverso…) Feedback (no giudizi) Fiducia
  12. 12. “tutto ciò di cui hai bisogno è già dentro di te!»
  13. 13. Le 7 forze del Coachee
  14. 14. I 4 stili del coaching… CAPACITA’bassa alta MOTIVAZIONE APPRENDIMENTO basso alto DIRE SUGGERIRE VENDERE PORRE DOMANDE
  15. 15. Ci esercitiamo?
  16. 16. «Dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere»
  17. 17. … per questo non c’è niente di più utile che iniziare a sperimentare le tecniche del coaching su stessi…
  18. 18. … ricorda che se stai «sentendo» un’esigenza di cambiamento, questa ti porterà ad avviarti lungo un percorso di miglioramento continuo, un viaggio in cui non avrai un’unica meta da raggiungere, ma ti sentirai continuamente spinto verso vette sempre più alte… DIVENTA IL CAMBIAMENTO CHE VUOI VEDERE!
  19. 19. Sara facile? Troverai difficoltà, ostacoli, avversità di ogni tipo lungo la via. E’ la vita! Ma non sono queste che ti devono spaventare, ma il modo in cui le affronti!
  20. 20. Puoi decidere, come fanno in tanti, di lasciarti andare alla corrente e farti trascinare
  21. 21. Puoi decidere di essere tu a tracciare la rotta del tuo viaggio!
  22. 22. Attenzione! Quanto segue può generare effetti positivi sulla tua vita. Se non sei pronto, ti invito a chiudere immediatamente il documento!
  23. 23. IL TUO OBIETTIVO
  24. 24.  Risoluzioni (FOCUS) verso il risultato non verso il problema  L’obiettivo è lo stato o il risultato desiderato da una persona (che cosa vuoi?)  Gli obiettivi sono la FONTE della motivazione e possono stimolare potenti energie  Generano processi di auto-organizzazione in grado di mobilitare sia le risorse consce che quelle inconsce
  25. 25. Il tuo obiettivo è ben formato se…
  26. 26.  Espresso in positivo  Ecologico  Visualizzato, ascoltato, sentito
  27. 27. Esercizio!  SEI ALL’INIZIO DEL TUO PERSONALE VIAGGIO, PER CUI TI SUGGERISCO DI VERIFICARE SE IN TE LE SETTE FORZE SONO PRONTE A LAVORARE PER TE E CON TE
  28. 28.  SCRIVI IL TUO OBIETTIVO SEGUENDO LE INDICAZIONI RICEVUTE.  ASSICURATI CHE SODDISFI TUTTI I REQUESITI SUGGERITI. SI SINCERO!  PRENDITI IL TEMPO CHE TI SERVE MA … DATTI UN TEMPO CHE SIA FINITO.  NON PORTARE L’ESERCIZIO TROPPO PER LE LUNGHE. INTESO?  DATTI UNA TEMPISTICA PER VERIFICARLO, SENZA FARTI PRENDERE DALLA FRENESIA (GENERA STRESS IMMOTIVATO)  PUOI DEFINIRE ANCHE PIU’ DI UN OBIETTIVO Esercizio!
  29. 29. PERCHE?
  30. 30. Perché vuoi raggiungere il tuo obiettivo? Per raggiungere i tuoi obiettivi e compiere fino in fondo il tuo personale piano d’azione, devi essere fortemente motivato! Qual è il tuo «forte perché» personale e professionale?
  31. 31. Solo se hai un tuo «forte perché» sarai in grado di alzarti sui pedali e spingere ancora più forte!
  32. 32.  ACCANTO AL TUO O TUOI OBIETTIVI SCRIVI IN MODO DETTAGLIATO PERCHE’ INTENDI RAGGIUNGERLO.  IL TUO FORTE PERCHE’!  SODDISFAZIONE PERSONALE  BENESSERE FAMILIARE  SALUTE  SUCCESSO PROFESSIONALE  … Esercizio!
  33. 33. CONOSCI TE STESSO
  34. 34. Perché è importante?  Definisci il tuo «punto di partenza»  Acquisisci consapevolezza su cosa ti piace fare; le vere passioni!  Identifichi dove migliorare e su cosa sviluppare un piano d’azione rispetto ai tuoi obiettivi  Sei «facilitato» nel capire se un’opportunità si addice alle tue capacità e attitudini
  35. 35. Chi sono…  nel lavoro?  nello studio?  nelle relazioni con gli altri?  nel modo di fare e di essere?  …
  36. 36. Chi sono? ABILE ACCURATO AMBIZIOSO AVVENTATO AUTOMOTIVANTE CAPARBIO CARISMATICO CREATIVO FORTE GENEROSO ENTUSIASTA DISCRETO PERSEVERANTE ONESTO UMILE RISOLUTO OTTIMISTA SIMPATICO PRATICO ESTROVERSO INDIPENDENTE FURBO COINVOLGENTE RAZIONALE LEALE INDISCIPLINATODISORDINATO ARROGANTE EGOISTA TRISTE PESSIMISTA INDISCRETA DIPENDENTE DEBOLE INDECISO
  37. 37. L’obiettivo non è quello di farti diventare giudice di te stesso… nessuna sentenza dovrà essere emessa!
  38. 38. No! Allo stesso tempo ti suggerisco di non avere un approccio alla Homer!
  39. 39. L’obiettivo è eliminare le interferenze…
  40. 40. … ed acquisire consapevolezza (awareness)!
  41. 41. Definisci il tuo punto di partenza! Ciò che sei oggi non è quello che potrai essere domani. E l’unico a poter fare la differenza sei tu!
  42. 42. Opportunity (opportunità) Strenghts (forze) Threats (vincoli) Weaknesses (debolezze)
  43. 43.  DEFINISCI IL TUO PERSONALE QUADRANTE.  NON SCRIVERE «TRATTATI» SU CHI SEI. DEVI ESSERE SINTETICO. LA SINTESI E’ PORTATRICE SANA DI CHIAREZZA.  SCRIVI ALMENO 5 PUNTI PER OGNI QUADRANTE. FAI TU!  TI CONSIGLIO DI AVERE UN APPROCCIO ALLA «CSI». PORTA DELLE PROVE ALLE AFFERMAZIONI CHE SCRIVI. TI CONSENTIRA’ DI RIMANERE ATTACCATO ALLA REALTA’ E NON «FARTI FILM INUTILI» Esercizio!
  44. 44. COME?
  45. 45. C’è solo un modo per cambiare… AGENDO!
  46. 46. Per raggiungere il tuo obiettivo devi:  avere ben chiaro che azioni avviare  come possono aiutarti  di quali risorse hai bisogno (interneesterne, finanziarie, …)  con che tempi
  47. 47. DISCIPLINA
  48. 48. Definisci nel tuo piano dei «costruttori di fiducia»
  49. 49. Maratona di New York? Il tuo prossimo obiettivo è percorre 5 km. Poi 10, 15 e così via … secondo il percorso e il timing che ti sei dato. Non c’è altro modo per essere lì nel mezzo a farsi largo!
  50. 50. HAI DEFINITO IL TUO OBIETTIVO, CONOSCI TE STESSO … ORA DEVI DEFINIRE UN PIANO PER RAGGIUNGERE IL TUO OBIETTIVO.  DEFINISCI LE AZIONI DA COMPIERE E QUANDO.  LE RISORSE INTERNE O ESTERNE DI CUI HAI BISOGNO  I RISULTATI CHE TI ASPETTI.  I TUOI «COSTRUTTORI DI FIDUCIA» LUNGO IL PERCORSO Esercizio!
  51. 51. ELIMINARE LE INTERFERENZE
  52. 52. VALORI CREDENZE STATI D’ANIMO FISIOLOGIA DAY BY DAY Ciò che noi siamo Ciò che noi crediamo sia vero Ciò che sentiamo Come il corpo agisce Ciò che pensiamo, facciamo ogni giorno Il nostro comportamento nel day-by-day. Come ci vedono gli altri. Ciò che sta alla «nostra base»
  53. 53. Credenze Potenzianti Credenze De-Potenzianti
  54. 54. «Il pessimista è uno che se può scegliere fra due mali li prende entrambi» John Garland Pollard «Gli ottimisti moriranno tutti» Adm. Jim Stockdale
  55. 55. Poni attenzione alle tue amicizie Attento a come «ti parli»
  56. 56. Crea delle «sane» e «piccole» abitudini
  57. 57. Esci dalla tua zona di comfort!
  58. 58.  IDENTIFICA LE TUE CREDENZE DEPOTENZIANTI (IL MONDO VA COSI’…, NULLA PUO’ CAMBIARE…, TANTO SI SA COME VANNO LE COSE…). ASCOLTATI!  DEFINISCI RELAZIONI UTILI PER LA TUA CRESCITA PERSONALE; NON TI AVVELENARE CON DISCUSSIONI INUTILI!  USA UN LINGUAGGIO POSITIVO!  CREA DEI PICCOLI CAMBIAMENTI NELLA TUA VITA (TEMPO IN FAMIGLIA, LETTURE, VOLONTARIATO, SPORT, ASCOLTO,…). DEFINISCILI,ORGANIZZATI E SI DISCIPLINATO! Esercizio!
  59. 59. Come nella vita, anche nel business… C'è un solo tipo di successo: quello di fare della propria vita ciò che si desidera … ed è ciò che auguro a tutti voi!
  60. 60. www.greenappleteam.it Green Apple Team – pagina FB www.massimonegro.net negromassimo@gmail.com Massimo Negro Rimaniamo in contatto … ritroviamoci su

×