Le Rocce Pellati

2,562 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,562
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
117
Actions
Shares
0
Downloads
27
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Le Rocce Pellati

  1. 1. Sono aggregati naturali di minerali. I minerali sono sostanze solide naturali che hanno una composizione definita e costante. La composizione e la struttura di una roccia dipendono dal modo in cui essa si è formata.
  2. 2. -Rocce magmatiche: si sono formate grazie alla solidificazione della roccia fusa (magma) proveniente dalle profondità della Terra. -Rocce sedimentarie: si sono formate grazie all’accumularsi di frammenti di altre rocce oppure grazie alla presenza di minerali in eccesso nell’acqua. -Rocce metamorfiche: si sono formate grazie alla trasformazione di rocce precedentemente formate.
  3. 3. L’atmosfera agisce sulle rocce causando trasformazioni fisiche e chimiche dette degradazioni meteoriche. I fattori che causano queste trasformazioni sono: l’azione del gelo-disgelo, la variazione della temperatura, il vento, l’acqua, l’ossigeno. I primi tre fattori danno origine alla degradazione fisica delle rocce, mentre gli ultimi due danno vita ad alterazioni chimiche.
  4. 4. Un fenomeno molto importante è il carsismo che però si verifica solo nelle rocce calcaree, ricche di carbonato di calcio, il quale diventa solubile solo se entra in contatto con acqua ricca di anidride carbonica.
  5. 5. Nascono così i fenomeni carsici, ossia trasformazioni delle rocce che assumono forme superficiali e sotterranee molto particolari, nascono corsi d’acqua sotterranei e nelle grotte sotterranee si originano le stalattiti e le stalagmiti.
  6. 6. Anche gli organismi viventi, le piante, gli animali, causano la degradazione delle rocce. Ma soprattutto l’uomo può modificarle agendo in maniera diretta, (deviando il corso dei fiumi, creando laghi artificiali) o indiretta (diboscando le pendici dei monti, costruendo moli).
  7. 7. Essa modifica il territorio attraverso tre processi: a) erosione fluviale: un fiume può creare valli a V, pianure alluvionali, foci a delta o ad estuario. b) ghiacciai: l’avanzamento verso valle dei ghiacciai causa accumuli di detriti detti morene; inoltre essi possono creare anche valli a U. c) azione del mare sulle coste: le onde causano la disgregazione delle rocce soprattutto dove le coste sono alte oppure generano spiagge di erosione (quando il mare porta via sabbia) o di avanzamento se le correnti depositano sabbia.
  8. 8. Il ciclo litogenetico (anche litogenesi o ciclo delle rocce) è il modello che rappresenta le relazioni genetiche delle rocce tra loro e il magma. Le rocce ignee sono dette primarie in quanto sono le uniche che derivano dal magma e non da altre rocce, per cui si perde la memoria della struttura precedente.
  9. 9. Le rocce metamorfiche sono comunque al termine della storia di un materiale roccioso. Infatti, prima di subire anatessi a causa della profondità cui sono portate e trasformarsi in magma tramite un processo di fusione, le rocce devono subire un metamorfismo regionale.
  10. 10. Le rocce intrusive, rocce ignee intrusive o plutoniche sono le rocce magmatiche solidificate all'interno della crosta terrestre. Il lento processo di raffreddamento in molti casi ha permesso la formazione di grossi individui cristallini (fenocristalli).
  11. 11. Ciò si verifica all'interno di una pasta di fondo a tessitura cristallina più o meno fine, differente dalla struttura microcristallina o addirittura vetrosa che si ha nel caso delle rocce effusive. In molti casi, i fenocristalli possono facilmente raggiungere dimensioni di alcuni centimetri.
  12. 12. Le rocce effusive (dette anche magmatiche o ignee) si formano in seguito alla solidificazione di magmi, cioè di masse silicate fuse contenenti vari componenti (FeO, MgO, CaO, ecc.) e sostanze volatili (acqua, anidride carbonica, idrogeno, metano, ecc.)
  13. 13. Costituiscono quasi il 95% della crosta terrestre; ma, sulla superficie della Terra, questa abbondanza è nascosta dallo strato diffuso, sebbene molto sottile, di rocce sedimentarie e metamorfiche.
  14. 14. Per suolo si intende lo strato superficiale che ricopre la crosta terrestre, derivante dall'alterazione di un substrato roccioso, chiamato roccia madre, per azione chimica, fisica e biologica esercitata da tutti gli agenti superficiali e dagli organismi presenti in o su di esso. Il suolo è composto da una parte solida (componente organica e componente minerale), una parte liquida e da una parte gassosa.
  15. 15. Sono gli strati del suolo. Essi sono di diverso tipo: -orizzonte O: è lo strato superficiale e è composto da sostanze non decomposte. -orizzonte A: è ricco di materiale organico.
  16. 16. -orizzonte B: è costituto da minerali. -orizzonte C: è costituito da frammenti della roccia madre sottostante.
  17. 17. http://it.wikipedia.org/wiki/Litogenesiegionale. http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/b/be/I gneous_structures.jpg/400px-Igneous_structures.jpg Http://it.wikipedia.org/wiki/Rocce_magmaticheRo cce Http://it.wikipedia.org/wiki/Rocce_magmaticheRo cce http://it.wikipedia.org/wiki/Suolo http://www.sorellanatura- acqua.org/images/4/43/Struttura_suolo2.jpg Libro “Le scienze per te”: Bonola, Leoni, Masini, Scacchetti.
  18. 18. Barbara Pellati 3° media sez. A

×