L'orso in casa - 4 ottobre 2013

541 views

Published on

Published in: Sports
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
541
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
66
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

L'orso in casa - 4 ottobre 2013

  1. 1. N° 4 - Venerdì 4 ottobre 2013 2UJDQR 8IILFLDOH GHOO·86 $OHVVDQGULD DOFLR Editoriale L’incontro I n questi primi mesi ho avu- to l’onore e l’immenso pia- cere di essere invitato con il mio staff e diversi giocatori nei vari Club di tifosi che si tro- vano sul territorio. Ho ritrovato in queste magiche serate lo spirito e la gioia del ti- foso grigio, con gli epici raccon- ti di momenti ed emozioni che si sono succeduti negli anni passati, sempre nella gioia e nel dolore, sempre al fianco della squadra, nella speranza in un futuro in cui poter raccontare e far raccontare ad amici, figli, nipoti le gesta delle tante parti- te vissute e di quelle ancora da vivere. Non solo racconti di campo ma anche e soprattutto trasferte in pullman con gli amici di sem- pre e con volti nuovi da far sen- tire a casa. Questo è ciò che si dovrà mi- gliorare e valorizzare, questo è lo spirito che ci porterà ad ave- re una delle tifoserie ancor più belle e appassionate, con i veri valori del tifo e della fede calci- stica. Tutti su questi pullman, tutti sugli scalini degli stadi d’I- talia a incitare un solo colore ed una sola bandiera. Quella che avremo per sempre nel cuore e quella che innalze- remo sempre fieri di essere Gri- gi. Grazie a queste persone e a tutte quelle che faranno si che il sogno si avveri. Forza magico Orso. Luca Di Masi
  2. 2. 2 - venerdì 4 ottobre 2013 Supplemento a ‘Il Piccolo’ numero 100 del 4 ottobre 2013 Grafica e impaginazione Mauro Risciglione Antonella Ravazzano In collaborazione con Medial Pubblicità Srl via Parnisetti 12/A - Alessandria Prevendita Alessandria-Spal __Punti vendita Booking Show: Tabac- cheria Maxi, via Gramsci, 46 – ALessan- dria; S.O.M.S. Oviglio – Grigi Club Gino Ar- mano, via XX Settembre, 30 – Oviglio; Mail Box Etc, corso C. Marx, 28 – Ales- sandria; Roby Viaggi, C. comm. Monferra- to “Bennet” – SS 31 Villanova Monferra- to; D Viaggi, piazza Repubblica, 3 – Novi Ligure. RISULTATI 5ª GIORNATA Bassano V.-Forlì 1-0 Bellaria Igea M.-V.Vecomp Verona 2-0 Bra-Mantova 1-4 Castiglione-Spal 2013 1-1 Monza-Rimini 2-2 Pergolettese-Cuneo 0-3 Real Vicenza-Alessandria 0-2 Renate-Santarcangelo 1-0 Torres-Delta Porto Tolle 2-1 PROSSIMO TURNO 06/10/2013 Alessandria-Spal 2013 Cuneo-Real Vicenza Delta Porto Tolle-Pergolettese Forlì-V.Vecomp Verona Mantova-Bassano V. Monza-Bra Renate-Torres Rimini-Bellaria Igea M. Santarcangelo-Castiglione 2ª Divisione - Girone A Squadra Partite Reti P.ti G. V. N. P. F. S. CUNEO 10 5 3 1 1 8 3 BASSANO V. 10 5 3 1 1 7 5 REAL VICENZA 9 5 3 0 2 10 7 ALESSANDRIA 8 5 2 2 1 9 5 RENATE 8 5 2 2 1 4 3 PERGOLETTESE 8 5 2 2 1 5 5 RIMINI 7 5 2 2 1 10 7 BELLARIA IGEA M. 7 5 2 2 1 7 4 FORLÌ 7 5 2 1 2 8 8 DELTA PORTO TOLLE 6 5 1 3 1 7 5 MONZA 6 5 1 3 1 8 8 V.VECOMP VERONA 6 5 1 3 1 4 4 SANTARCANGELO 5 5 1 2 2 4 5 MANTOVA 5 5 1 2 2 10 12 TORRES 5 5 1 2 2 7 9 SPAL 2013 4 5 0 4 1 6 7 CASTIGLIONE 3 5 0 3 2 3 9 BRA 1 5 0 1 4 4 15 MARCATORI Alessandro (Real Vicenza) 6, Nicastro (Ri- mini) 5, Sinigaglia (Monza) 4, Valentini (A- lessandria) 2, Cavalli (Alessandria) 2, Spighi (Alessandria) 1, Viviani (Alessandria) 1, Tad- dei (Alessandria) 1, Rantier (Alessandria) 1, Mora (Alessandria) 1 AMMONITI Cammaroto (3), Mora (2), Va- lentini (2), Sabato, Scotto, Fer- rini
  3. 3. venerdì 4 ottobre 2013 - 3 Società prestigiosa con una storia intensa, ricca di alti e bassi. La Giacomense le porta in dote la 2 ª Divisione I precedenti... __Alessandria-Spal: la prima e l’ulti- ma vittoria. Il primo confronto tra Alessandria e Spal è datato 26 aprile 1925, nel corso del campionato di Prima Divi- sione Lega Nord e lì arriva la prima vittoria. La gara venne disputata sul campo degli Orti: 2-1 per i Grigi con le reti di Tosini all’44’ e Cattaneo all’89’, che rispondono al vantaggio spallino di Banchero. L’ultimo confronto, nel corso del campionato 2010-2011, quando in panchina sedeva Mister Remondi- na subentrato a Notaristefano, la Spal viene sconfitta al Moccagatta per 1-0: il goal di Damonte al 5’ con- segna all’Alessandria la certezza di disputare i play-off per la Serie B. Bentornata nuova Spal Domenica scorsa __Castiglione - Spal 1 - 1 (1- 0) marcatori Chiazzolino al 26, Cozzolino al 82. Castiglione: (4-4-2) Iali, Dal Compare Ruffini Patacchiola Pini; Colonetti (dal 84 Gam- baretti)Mangili Chiazzolino Paruzza; Curcio Maccabiti (dal 74 Cafferata). All. L. Ciulli Spal: (4-4-2) Menegatti; Palo- ni (dal 74 Rossetti) Buscaroli Silvestri Fantoni; Lazzari (dal 61 Personè) Landi Capellupo Di Quinzio (dal 44 Pandiani); Cozzolino Varricchio. A disp. Coletta Cenerini Braiati Ban- zato. All. L. Rossi Arbitro sig. Giua di Pisa Tino Pastorino I l 12 luglio scorso la famiglia Colom- barini, proprietaria della Giacomen- se, trova l’accordo con l’imprenditore sammarinese Roberto Benasciutti, patron della Real Spal, per la fusione delle due società e con l'acquisizione dello sto- rico marchio nasce la S.P.A.L. 2013 srl. Nel secondo dopoguerra i periodi migliori del- la Spal legati a 16 campionati di serie A ed alla mitica gestione di Paolo Mazza. Mi- glior piazzamento il quinto posto del 1959-60 con Lino Nobili tra i pali. Tanti i giocatori talentuosi lanciati dalla maglia bianco azzurra: ricordiamo Picchi, Capel- lo, Bigon, Reja e Del Neri. Gli hanno 70 e 80 sono stati caratterizzati da continui sa- liscendi tra serie B e serie C malgrado le presenze di allenatori importanti ed è l'av- vento di Giovanni Donigaglia nel 1990 con la Coopcostruttori a ridare entusiasmo e soprattutto investimenti. In due anni si passa dalla serie C2 alla B e con una pre- senza media allo stadio di 20.000 spetta- tori si punta alla serie A. Ma la realtà si trasforma in un disastro culminato con u- na clamorosa retrocessione dovuta al pre- maturo smantellamento del nucleo della doppia promozione. Dopo 3 anni di inutili tentativi di risalita, arriva addirittura la caduta in serie C2 con Donigaglia che af- fida a Roberto Ranzani il compito di rico- struire le rovine spalline. Si riparte da Gio- vanni De Biasi che punta su Cancellato, Fimognari, Pari e il portiere Pierobon (an- cora oggi in attività). È subito C1 ma negli anni successivi i risultati sono inferiori al- le attese malgrado la presenza di nomi in- teressanti come Ginestra e Pelissier. Nep- pure l'avvento di Massimiliano Allegri (2004-05) porta i frutti sperati - nono po- sto - e la crisi economica sancisce il fal- limento societario. Viene istituita la Spal 1907 grazie all'imprenditore di Comac- chio Gianfranco Tomasi: squadra iscritta in C2 (2005-06) che perde due play off consecutivi. Nel giugno 2008 la società è ceduta all'imprenditore lucchese Cesare Butelli che si presenta con il ripescaggio in Prima Divisione e Aldo Dolcetti in pan- china che conquista il sesto posto. Dolcet- ti salta l'anno successivo dopo 13 partite: al suo posto Egidio Notaristefano che por- ta i bianco azzurri dall'ultimo posto in classifica al settimo finale. Nel 2010-11 i ri- sultati sono deludenti e come sempre pa- ga l'allenatore: Remondina subentra a Notaristefano. Si arriva al ridimensiona- mento nella stagione successiva ma fioc- cano le penalizzazioni per inadempienze economiche. Saranno complessivamente 8 i punti di penalizzazione che portano la Spal ai play out persi contro il Pavia. Nel frattempo alcuni dipendenti e fornitori chiedono istanza di fallimento ed il 13 lu- glio 2012 il club viene escluso dal campio- nato, Si riparte dalla serie D, dalla Real Spal, fino al provvidenziale arrivo della fa- miglia Colombarini. La squadra Il presidente è Walter Mattioli con Simo- ne e Francesco Colombarini soci di mag- gioranza e carica di consiglieri. In panchi- na Leonardo Rossi, la passata stagione con la Giacomense ma già a Ferrara nel 2006-07. Della rosa fanno parte 11 gioca- tori ex Giacomense ed uno dalla Real Spal. Tra i pali il titolare è Pietro Menegatti (92) arrivato dal Poggibonsi, ex Ravenna e Ve- nezia. In difesa Valerio Rossetti (90) è l'e- sterno destro, proprietà Cesena lo scorso anno a Bellaria; a sinistra Simone Fantoni (92) dalla Giacomense; i difensori centrali sono Fabio Buscaroli (80) dalla Giaco- mense ex Pisa e Spezia, Tommaso Silvestri (90) dal Casale e torna a disposizione Raf- faele D'Orsi (91), lo scorso anno a Pavia che ha scontato 3 giornate di squalifica dopo la sconfitta di Bassano. Completano il reparto Federico Cenerini (92) dalla Giacomense, Andrea Paloni (93) dalla Giacomense e Nicola Falcier (91) ex En- tella. Il centrocampo ruota su Andrea Landi (92) e Stefano Capellupo (88) en- trambi ex Giacomense e Davide Di Quin- zio (89) arrivato dal Cuneo ma in forte dubbio per la botta al ginocchio patita do- menica scorsa. Subito ai ripari la Spal con l'ingaggio di Matteo Paro (83) ex Juventus Genoa Siena e Vicenza, svincolato, fermo da un anno. Manuel Lazzari (93) e Jurgen Pandiani (92) tutti ex Giacomense si alter- nano sulla parte destra. A disposizione E- doardo Braiati (80) dalla Real Spal, ex No- vara Pisa Vicenza; Alberto Banzato (94) dal San Paolo Padova di serie D. In attacco la coppia titolare è formata da Giuseppe Cozzolino (85) 20 gol nelle ultime due sta- gioni con la Pro Patria e Massimiliano Varricchio (76) 22 reti con la Giacomense ed importante carriera anche in B con Spezia, Pescara, Treviso e Cosenza. La Spal, con Bra e Castiglione, non ha ancora vinto: 4 pareggi ed una sconfitta con 6 reti segnate e 7 subite.
  4. 4. 4 - venerdì 4 ottobre 2013 Tredici domande a... Alex Sirri l1 l2 l3 l4 l5 l6 l7 l8 l9 l10 l11 l12 l13 Nato a Forlimpopoli Data di nascita Fidanzato/sposato/libero Prima società Hai sempre giocato in questo ruolo Squadra del cuore Momento top della carriera L’avversario/compagno che ha fatto più carriera Il mister più importante Passatempo Attrice preferita Attore preferito Musicista preferito 12 settembre 1991 Libero Pianta di Forlì Prima punta, poi terzino e ora difensore centrale Juventus Il gol contro L’Aquila Saponara Gadda Playstation Anne Hathaway Jason Statham Nickelback SILVIA ENNIO DAL 2001 LENTI SCONTO REALE SUI LISTINI OLTRE 2.000 MONTATURE SCONTO VENDITA DIRETTA CONSEGNA OCCHIALE IN POCHI MINUTI MISURAZIONE GRATUITA DELLA VISTA SPACCIO OCCHIALI DEGLI ALESSANDRIA Corso Acqui, 173 (zona Cristo) - Tel. 0131 240228 L YHGLDPR GD 50% 30-50% BRITISH CENTRE la scelta importante 'RYH LPSDUDUH OD OLQJXD LQJOHVH q XQD FHUWH]]D , QRVWUL FRUVL VRQR SHU ‡ EDPELQL LQ HWj SUHVFRODUH ‡ EDPELQL GHOOD VFXROD HOHPHQWDUH ‡ UDJD]]L GHOOD VFXROD PHGLD H VXSHULRUH ‡ VWXGHQWL XQLYHUVLWDUL ‡ DGXOWL GL WXWWH OH HWj ‡ D]LHQGH FRQ TXDOVLDVL SDUWLFRODUH QHFHVVLWj %ULWLVK HQWUH RI $OHVVDQGULD 3LD]]D *DULEDOGL ‡ 7HO 6DUj XQ SLDFHUH LQFRQWUDU9L
  5. 5. venerdì 4 ottobre 2013 - 5 Tredici domande a... Luca Mora l1 l2 l3 l4 l5 l6 l7 l8 l9 l10 l11 l12 l13 Nato a Parma Data di nascita Fidanzato/sposato/libero Prima società Hai sempre giocato in questo ruolo Squadra del cuore Momento top della carriera L’avversario/compagno che ha fatto più carriera Il mister più importante Passatempo Attrice preferita Attore preferito Musicista preferito 10 maggio 1988 Fidanzato Astra di Parma Sì Astra L’esperienza nella Primavera del Chievo Castagnetti Cusatis Film Jessica Alba Jeff Bridges Chrystal Fighters
  6. 6. 6 - venerdì 4 ottobre 2013 IlGrigiodonaadAzimut Azimut Consulenza sceglie un’eccellenza del territorio e sponsorizza i Grigi alessandria G R U P P O Centralcar ALESSANDRIA Via Marengo 162 - Tel. 0131 251005 Centralcar ALESSANDRIA Via Marengo 162 - Tel. 0131 251005 SUBARU Alessandria Auto ALESSANDRIA - Via Marengo, 162 SPINETTA MARENGO (AL) - Strada Statale n. 10, 20 Autovar SPINETTA MARENGO (AL) Strada Statale, 10 - Tel. 0131 618780 ALESSANDRIAAUTO VIAGGIASEMPRECONVOI. ITALGRAFICA srl Novara | Via Verbano, 146 | Tel. 0321 471269 | Fax 0321 478314 commerciale@e-italgrafica.it www.italgrafica.net legatoria emozioni stampate prepress stampa offset stampa digitale legatoria Il Bag in Box del tifoso: partnership innovativa __I simboli della tradizione si fondono con la tecnologia più avanzata e dalla collaborazione tra Alessandria Calcio, Vitop e Pico Maccario nasce il Bag in Box del tifoso con un ottimo Barbera Piemonte Doc da gustare in compa- gnia. Il sistema Bag-in-Box® è un imballag- gio innovativo costituito da un sac- chetto flessibile in materiale plastico dotato di un rubinetto erogatore e contenuto in una scatola di cartone ondulato. Potrete quindi apprezzare la qualità del famoso Barbera di Pico Maccario – lo stesso che trovate in bottiglia - fi- no all’ultimo bicchiere grazie al prati- co rubinetto, senza che l’ossigeno va- da a contatto con il vino, assicurando- ne una migliore conservazione, una volta aperto. Una partnership che nasce nel segno dei Grigi sposando eccellenze uniche del nostro territorio. Il Bag in Box del tifoso si trova in ven- dita c/o Enoteca Boido, Via San Loren- zo 99, Alessandria, Tel 0131 251049. Gigi Poggio U na serata parti- colare come può essere una gara notturna, con tutta la sua suggestione, è certamente lo scenario mi- gliore per la presentazione della partnership che le- gherà nelle prossime do- meniche l'Alessandria Cal- cio e la Azimut Consulenza Sim. E così, nella partita con la SPAL, confronto che, di per sè, evoca mo- menti di grande calcio, tra società prestigiose e cari- che di storia, ecco la ma- glia griffata con il nuovo sponsor. Da parte sua, con que- sta scelta, Azimut Consu- lenza Sim, società del Gruppo Azimut, ribadisce e rinnova il proprio impe- gno a favore del grande sport e lo fa, non a caso, so- stenendo proprio i Grigi, impegno che evidenzia l'attenzione che l'azienda riserva alle eccellenze del territorio in cui opera. Una sponsorizzazione che conferma come la stra- tegia della società grigia stia incontrando interesse e consenso e venga ritenu- ta rappresentativa e utile per promuovere al meglio uno dei simboli più impor- tanti e riconosciuti della città. Azimut Consulenza Sim è la Rete storica del Gruppo Azimut, la princi- pale realtà indipendente nel risparmio gestito, dal 2004 quotata alla Borsa di Milano e oggi trentunesi- ma società italiana per ca- pitalizzazione. La sponsorizzazione di Azimut Consulenza a favo- re dell'Alessandria Calcio è stata sancita con la sede centrale della società con un accordo annuale che prevede anche il logo sulla maglia della prima squa- dra per le prossime quat- tro gare di cui tre casalin- ghe con Spal, Rimini e For- lì. Una scelta maturata con grande e reciproca soddisfazione che consen- te alla maglia grigia di vei- colare un marchio presti- gioso e la testimonianza di un lavoro destinato a coin- volgere sempre di più il mondo imprenditoriale ed economico nella crescita del progetto targato Ales- sandria Calcio.
  7. 7. venerdì 4 ottobre 2013 - 7 La storia __Nato ad Agrigento, ma torinese di a- dozione, Salvatore Iacolino, classe 1950, arriva all’Alessandria nell’estate 2007, dopo aver vinto con la Canavese il campionato di Serie D. Con cinque giornate di anticipo, conduce la squa- dra grigia alla vittoria del campionato 2007-08 e conquista la terza promozio- ne in Serie C2 della sua carriera. Le ga- re simbolo di quella cavalcata che se- gna il ritorno dei Grigi tra i professioni- sti sono Alessandria – Biellese 3-1 (au- togoal di Lorenzini, Artico e Larganà), disputata il 9 Dicembre 2007, contro la più accreditata rivale per la vittoria fina- le del campionato; la vittoria a Genova contro la Sestrese per 3-1 (Longhi, Cre- taz e Larganà) e il 2-2 (Artico e Daleno) contro la Lavagnese, a Lavagna, con la Gigi Poggio S alvatore Jacolino entra nella storia del calcio ita- liano come uno dei prota- gonisti della prima stori- ca promozione della Ternana in serie A. Siamo nel 1971; i rosso- verdi umbri hanno un allenato- re, Corrado Viciani, che predica un credo tattico dal nome sugge- stivo – il gioco corto - fatto di gran possesso palla e squadra cortissima. “Viciani è stato un precursore – ricorda Jacolino – anche a livello di gestione del gruppo; di quella formazione s’innamorarono tutti perché cor- reva il doppio degli altri, senza sacrificare la qualità, pur con giocatori che arrivavano da espe- rienze tutto sommato normali.” “Pensa già allora facevamo una sorta di 4-3-3 a zona ma anche in settimana il nostro modo di lavo- rare era poco in linea coi tempi e le abitudini”. La serie A di Maz- zola, Rivera e Altafini è stata la ribalta a cui Jacolino si affacciò, dopo l’esperienza nel settore gio- vanile della Juventus. “Una scuo- la straordinaria, fatta di rispetto delle regole, rigore, sobrietà: lo stile Juve non era solo uno slo- gan…”. “Che ricordo conservo della A? Un altro mondo; pensa, prima di campionato a Napoli, il San Paolo una bolgia, sconfitta gol di Damiani ma noi ce la ca- viamo e la domenica successiva, in casa, il Milan di Rivera e Prati; finisce 0-0 e al 90° per puro egoi- smo spreco il gol della vittoria. Dopo l’esperienza a Terni, Bre- scia – 3 anni e mezzo - Ferrara con la Spal e infine la chiusura di carriera da calciatore a Biella. “E- ro un calciatore di personalità, perché negarlo? Un buon gioca- tore, forse un po’ fragile ma sul campo mi facevo valere e i mister apprezzavano le mie qualità”. “Da tutti ho cercato di apprende- re qualcosa; da Viciani a Pinardi, fino ad Angelillo e Suarez”. Ma come nasce Jacolino allenatore? “Da una proposta del ragionier Secco, uno dei pezzi da novanta della Juve degli anni 80. Era in atto un cambio generazionale e si pensava a figure nuove anche per gli allenatori del settore gio- vanile. Io avevo trent’anni ma ac- cettai la sfida”. Con quali modelli e riferimenti? “Come ti dicevo prima, crescere nella Juventus significava lavorare con tecnici di qualità straordinarie, più edu- catori che allenatori, da Rabitti a Grosso a Sentimenti. E allora, proprio ricordando quelli che e- rano stati i miei maestri, non ho fatto fatica, anche se la società, in quella fase storica, non investiva “Io... e i Grigi”, mille storie di calcio da giocatore e da mister: Jacolino si racconta ne e altrettanto continuammo. Poi, con la squadra terza in clas- sifica, grande rivoluzione socie- taria con l’arrivo di Gaucci e ta- bula rasa: staff azzerato e licen- ziamento. Ci voleva un momento di riflessione”. Dal momento di riflessione nasce la lunga striscia positiva delle promozioni dalla D che fanno di Jacolino una specie di mago della categoria. “Mi pia- ce dire che quelle squadre le ho sempre costruite io, conoscendo, verificando, ascoltando anche i pareri di gente di cui mi fido ma poi testando sul campo, diretta- mente… E penso di avere sba- gliato poche volte”. Casale, Cana- vese, Alessandria, Savona e Cu- promozione matematica per Artico e compagni. Mister Iacolino guida i Grigi anche nella stagione 2008-09 in un buon girone d'andata, per poi venire esonerato il 20 gennaio 2009 dopo una serie di risulta- ti negativi: su tutti il pareggio interno per 0-0 con il Carpenedolo e la sconfit- ta esterna con la Canavese per 1-0. Al suo posto subentra Luciano Foschi. Jacolino indossa la maglia grigia in occasione della gara col Castiglione neo: questi i cinque sigilli… “Col tempo ho privilegiato piazze vicine, anche se poi volevo chia- rezza nei progetti e nei pro- grammi. O- gni vittoria porta con sé qualcosa di particolare. Non posso di- menticare quel- la di San Giusto perché tutti sappiamo da dove si arrivava e dove, purtroppo, quel- la piazza è finita”. E poi Alessan- dria… “Lo sanno tutti che qui c’è un’aria diversa. Chi fa calcio qui trova un ambiente che non trovi altrove. Diventi subito alessan- drino; ti adottano, sei uno di lo- ro…” Come te lo spieghi? “Io so- no arrivato in un momento dif- ficile, dopo gli anni del fallimen- to e quella squadra che riportò il grigio in C2 era una squadra di uomini veri che fece ritrovare a tutti fiducia e allegria. Sono cose che non si dimenticano. Per que- sto sono orgoglioso di aver fatto parte di questa società e, come dire, sono a disposizione… SalvatoreJacolino, bianconerogrigio molto sui giovani ed era più o- rientata a spendere per la prima squadra. E’ stata una parentesi, peraltro lunga, molto importan- te e formativa: il lavoro del set- tore giovanile ti mette nella con- dizione di lavorare con tempi di- versi, senza dimenticare mai la necessità di costruire e comun- que dare qualcosa e quegli anni sono stati ricchi e utili”. Quindi lavorare coi giovani aiuta anche gli allenatori… “Certo; hai altri parametri e altri modi verificare il tuo lavoro ma cresci nella ca- pacità di capire e valutare; in quel periodo poi la società mi af- fidava compiti importanti: visio- nare giocatori per il futuro, mo- nitorare obiettivi di mercato. An- che lì posso dire di essere cre- sciuto”. Poi la fine con la Juve… “Si; una vicenda traumatica: un equivoco, forse una leggerezza mia. Sta di fatto che con Moggi non si poteva scherzare. Mi tro- vai a Viterbo, in C2. Eravamo contati, senza palloni per alle- narci, in mezzo a una strada, co- me si dice, ma cominciammo be- L’Espresso italiano si presenta alla vista con una crema di colore nocciola, tendente al testa di moro e distinta da riflessi fulvi. Questa crema ha una tessitura finissima, vale a dire che le sue maglie sono strette e sono assenti bolle più o meno grandi. All’olfatto ha un profumo intenso che evidenzia note di fiori, frutta, pane tostato e cioccolato, tutte sensazioni che si avvertono anche dopo la deglutizione, nel lungo aroma che permane per decine di secondi, a volte per minuti. Il gusto è rotondo, consistente e vellutato, l’acido e l’amaro risultano bilanciati senza che vi sia prevalenza dell’uno sull’altro e l’astringente è assente o comunque di ridottissima percezione. Nei locali dove troverai miscela, attrezzatura e barista qualificati dall’Istituto Nazionale Espresso Italiano /DUHJRODG·RURPLOOLOLWUL LQVHFRQGL $/(66$1'5,$ ‡ RUVR DUOR 0DU[ ‡ 7HO Per un espresso di qualità CERCA LE TAZZINE! 7255()$=,21(6$78512 www.saturnocaffe.it CREMA CAFFE’
  8. 8. 8 - venerdì 4 ottobre 2013 E la nave va… Michela Amisano C 'era il Presidente Luca Di Masi all'affollata riu- nione degli staff del Set- tore Giovanile, organiz- zata a Lobbi venerdì 26 Settem- bre, per far il punto sulla prima fase di lavoro delle diverse squa- dre di piccoli grigi. Il Presidente ha espresso pa- role appassionate per come si sta sviluppando questa fase del- la stagione, compiacendosi con il Responsabile organizzativo, Alberto Sala, per la qualità del- l'organizzazione e per l'efficien- za con cui la macchina ha co- minciato a muoversi. Una mac- china che vuole produrre atleti, calciatori e soprattutto sportivi, rispettosi delle regole, leali, de- gni di indossare la maglia grigia. Ovvio che il grande progetto di rivalutazione della tradizione della società debba passare at- traverso queste tappe, con il con- tributo di tutti, dagli allenatori e i loro staff ai dirigenti. Di qui il richiamo del Presidente al mas- simo impegno e alla massima abnegazione, dato sul quale pe- raltro, visti i primi buoni risul- tati provenienti dal campo, non è lecito dubitare. Un appello che suona - ed era inevitabile sapen- do la passione del Presidente - come atto di attaccamento alla maglia e legame ai colori che o- vunque devono essere portati, sono sempre parole di Luca Di Masi, con onore e dignità. Dopo il via ai lavori, sono intervenuti il Dott. Biagio Polla, medico socia- le dell’Alessandria Calcio, che ha elencato le norme comporta- mentali e le responsabilità da te- nere presenti nei confronti dei giovani atleti dal punto di vista medico, e il Responsabile dell’at- tività fisioterapica, Dott. Fulvio Massa, che ha spiegato a quali controlli vengono sottoposti, prima e durante l’attività agoni- stica, i bambini e i ragazzi che vivono una fase importante delle loro crescita psicofisica e quali devono essere gli steps e le prin- cipali attività fisioterapiche nel recupero fisico post infortunio. Nel corso della serata è stato inoltre presentato un nuovo sof- tware on-line per migliorare e velocizzare l’attività di scouting che, da questa stagione, verrà u- tilizzato anche dall’Alessandria Calcio. Il software è rivolto ai re- sponsabili dei settori giovanili, agli osservatori e ai procuratori ed è in grado di creare un data- base on-line, catalogando le schede di valutazione dei calcia- tori. E’ sufficiente una connes- sione Internet e la banca dati è consultabile in modo semplice e rapido da qualsiasi smartphone o computer. Ciò che rende que- sto strumento utile ed interes- sante è il poter monitorare, in qualsiasi momento e in tempo reale, tutti i giocatori che sono stati segnalati dagli addetti ai la- vori. Una modalità di lavoro in linea con un nuovo modo d’in- tendere anche l’attività di scou- ting, efficace, puntuale e razio- nale. A conclusione della riunione, il Responsabile organizzativo, Alberto Sala, ha ripreso il moni- to del Presidente Di Masi, sotto- lineando che, in pochi mesi, con un grande lavoro da parte di tut- ti gli staff del Settore Giovanile, sono già stati fatti passi impor- tanti per consentire alla “nave” di salpare. I programmi che po- tevano sembrare ambiziosi sono stati finora ripresi e interpretati con professionalità e impegno. Ora occorre proseguire il cam- mino intrapreso e prendere il largo. Avviata la stagione, il settore giovanile si confronta su tecnica e metodi di lavoro I risultati del settore giovanile __La formazione (nella foto) allenata da Mi- ster Melchiori ha chiuso sul risultato di pari- tà, 2-2, la gara con i pari età del Varese nella quarta giornata del campionato Berretti. Le reti: Simone al 44' del primo tempo per l'A- lessandria, pareggio del Varese al 2' del se- condo tempo con Bernello e vantaggio bian- corosso al 13' con Romney. Al 42' pareggio grigio con De Nardi, entrato in campo al 17' del secondo tempo. La formazione dei Gio- vanissimi Nazionali '99 ha affrontato la Sampdoria nella terza giornata di campiona- to. I blucerchiati hanno superato la squadra grigia di Mister Guaraldo per 3-0. Gli Allievi Nazionali di Mister Ferrarese invece, a ripo- so in questo turno di campionato, hanno su- perato in amichevole la Polisportiva Vian- ney, con i goal di Cabella (2), Casone, Zemide e Neirotti. La formazione degli Allievi Regio- nali '98 Fascia B Professionisti ha superato il Bra per 3-1, grazie alla doppietta di Bertucci e alla rete di Panicucci nella sua prima gior- nata di campionato. Nel 1° Trofeo Fair Play Don Bosco, i Pulcini 2004 a 7 giocatori ot- tengono il primo posto conclusivo, superan- do in finale la Don Bosco con le reti di Simon- celli (2), Trinceri, Planasi e un'autorete. GIOCAalMOCCA comincia dalla Bovio __Questa mattina primo incontro di giocatori e dirigenti con i bambini delle scuole di Alessandria nell’ambito di “GIOCAalMOC- CA”, l’iniziativa organizzata dalla società grigia in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte. Nella palestra della Scuola Bovio bambini e bambine hanno ascoltato le im- pressioni degli intervenuti e li hanno sottoposti a molte doman- de sul mestiere del calciatore e per scoprire anedotti e curiosità. Al termine dell’incontro sono stati distribuiti brick di latte, gentil- mente offerti dalla Centrale del Latte di Alessandria e Asti. Esposizione e vendita: Spalto Gamondio, 27 - 15121 Alessandria Tel. 0131.443445 - www.kimonoporte.it kimonoceramiche arredobagno Pavimenti in ceramica per interni ed esterni, rivestimenti, sanitari, rubinetterie ed accessori, box e piatti doccia, bagno turco e cromoterapia. Adesso c’è. Inquadra il QR code con il tuo smartphone o con il tablet ed accedi immediatamente alla pagina del sito dedicata a questi prodotti.

×