2UJDQR 8IILFLDOH GHOO·86 $OHVVDQGULD DOFLR 
N° 7 - Venerdì 8 novembre 2013

Editoriale

Le scelte
Luca Di Masi

L

a vita ...
2 - venerdì 8 novembre 2013
Supplemento a ‘Il Piccolo’
numero 110 dell’8 novembre 2013
Grafica e impaginazione
Mauro Risci...
venerdì 8 novembre 2013 - 3

Domenica scorsa
__Santarcangelo - Pergolettese
0-0
Santarcangelo (4-3-1-2) Nardi;
Beccaro Fed...
4 - venerdì 8 novembre 2013

Tredici domande a...
Roberto Sabato
1
l
2
l
3
l
4
l
5
l
6
l
7
l
8
l
9
l
10
l
11
l
12
l
13
l

...
venerdì 8 novembre 2013 - 5

1
l
2
l
3
l
4
l
5
l
6
l
7
l
8
l
9
l
10
l
11
l
12
l
13
l

Tredici domande a...
Simone Caciagli...
6 - venerdì 8 novembre 2013

In pullman a Cuneo
e a Mantova
__C'è una grande opportunità per tutti
coloro che vorranno seg...
venerdì 8 novembre 2013 - 7

Chi è Pierpaolo Bisoli
__Pierpaolo Bisoli, classe ’66, nasce a Porretta
Terme, in provincia d...
8 - venerdì 8 novembre 2013

Giovanissimi Nazionali
__Portieri: Navarrete Edoardo, Barbato
Mattia, Ievoli Gianmarco, Navar...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

L'orso in casa n.7 - 8 novembre 2013

419 views

Published on

Published in: Sports
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

L'orso in casa n.7 - 8 novembre 2013

  1. 1. 2UJDQR 8IILFLDOH GHOO·86 $OHVVDQGULD DOFLR N° 7 - Venerdì 8 novembre 2013 Editoriale Le scelte Luca Di Masi L a vita è fatta di decisioni importanti. Il calcio di scelte fondamentali che possono cambiare in meglio o in peggio una stagione intera.: scelte di testa, scelte di cuore, scelte affrettate e scelte ponderate. Da Presidente in nove mesi ne ho già dovute affrontare molte e posso affermare che ce ne sono state di tutti i 4 tipi. Ci sarà il tempo necessario per giudicare la bontà o meno di queste scelte ma ora non è quel tempo. Ora è il tempo di guardare, di emozionarsi, di spingere i protagonisti di queste decisioni a dare il massimo, far sì che possano dimostrare tutto quello che hanno dentro e, con il nostro calore, portarli a dare di più ancora, fino all’ultimo respiro. Le sensazioni personali sul nuovo mister sono più che positive. Il carattere duro, la fisicità possente e il modo di porsi disegnano l’identikit di quello che deve essere il mio allenatore ideale, per i Grigi del presente e del futuro. Mi auguro che possa dimostrare tutto il suo valore e che possa trasmettere ai ragazzi i suoi valori e che i ragazzi possano mettere in campo le loro abilità all’ennesima potenza. Si volta pagina. Le scelte. Dure, sofferte, mai facili ma sempre con il cuore Grigio in mano a indicare il cammino e a ricordarci ogni giorno che, per ottenere grandi successi, bisogna passare anche da delusioni e sconfitte che fortificano l’animo e fanno salire, un gradino per volta, la scala verso i traguardi importanti che tutti insieme raggiungeremo. H QR $OO·LQWYLU WD LQWHU PVVWHU L DO QHRXFD / '·$QJHOR
  2. 2. 2 - venerdì 8 novembre 2013 Supplemento a ‘Il Piccolo’ numero 110 dell’8 novembre 2013 Grafica e impaginazione Mauro Risciglione Antonella Ravazzano In collaborazione con Medial Pubblicità Srl via Parnisetti 12/A - Alessandria RISULTATI 10ª GIORNATA Prevendita Alessandria-Santarcangelo __Punti vendita Booking Show: Tabaccheria Maxi, via Gramsci, 46 – ALessandria; S.O.M.S. Oviglio – Grigi Club Gino Armano, via XX Settembre, 30 – Oviglio; Mail Box Etc, corso C. Marx, 28 – Alessandria; Roby Viaggi, C. comm. Monferrato “Bennet” – SS 31 Villanova Monferrato; D Viaggi, piazza Repubblica, 3 – Novi Ligure. PROSSIMO TURNO 10/11/2013 Bassano V.-Alessandria 4-2 Alessandria-Santarcangelo Bra-Cuneo 2-2 Bellaria Igea M.-Forlì Delta Porto Tolle-V.Vecomp Verona 0-2 Bra-Bassano V. Forlì-Real Vicenza 1-2 Castiglione-Renate Monza-Castiglione 1-1 Mantova-Delta Porto Tolle Renate-Mantova 2-2 Pergolettese-Monza Rimini-Spal 2013 2-1 Real Vicenza-Torres Santarcangelo-Pergolettese 0-0 Spal 2013-Cuneo Torres-Bellaria Igea M. 1-0 V.Vecomp Verona-Rimini 2ª Divisione Girone A Squadra Partite Reti P.ti G. V. N. P. F. S. REAL VICENZA 20 10 6 2 2 20 12 MONZA 19 10 5 4 1 20 15 BASSANO V. 18 10 5 3 2 20 13 SANTARCANGELO 18 10 5 3 2 12 5 RIMINI 18 10 5 4 1 18 12 PERGOLETTESE 16 10 4 4 2 9 7 V.VECOMP VERONA 15 10 4 3 3 11 9 ALESSANDRIA 14 10 3 5 2 14 11 RENATE 14 10 3 5 2 10 8 CUNEO 13 10 3 4 3 14 11 MANTOVA 12 10 2 6 2 20 19 SPAL 2013 11 10 2 5 3 13 14 FORLÌ 11 10 3 2 5 14 17 TORRES 10 10 2 4 4 10 15 DELTA PORTO TOLLE 7 10 1 4 5 10 15 BELLARIA IGEA M. 7 10 2 2 6 9 15 CASTIGLIONE 6 10 0 6 4 6 16 BRA 5 10 1 2 7 10 26 MARCATORI Alessandro (Real Vicenza) 10, Sinigaglia (Monza) 9, Varricchio (Spal) 9, Torri (Cuneo) 9, Valentini (Alessandria) 2, Cavalli (Alessandria) 2, Mora (Alessandria) 2, Marconi (Alessandria) 2, Taddei (Alessandria) 2 ALESSANDRIA AUTO VIAGGIA SEMPRE CON VOI. Alessandria Auto ALESSANDRIA - Via Marengo, 162 SPINETTA MARENGO (AL) - Strada Statale n. 10, 20 Centralcar emozioni stampate prepress stampa offset stampa digitale legatoria ALESSANDRIA Via Marengo 162 - Tel. 0131 251005 legatoria SUBARU Autovar SPINETTA MARENGO (AL) Strada Statale, 10 - Tel. 0131 618780 Centralcar ALESSANDRIA Via Marengo 162 - Tel. 0131 251005 G R U P P O alessandria ITALGRAFICA srl Novara | Via Verbano, 146 | Tel. 0321 471269 | Fax 0321 478314 commerciale@e-italgrafica.it www.italgrafica.net
  3. 3. venerdì 8 novembre 2013 - 3 Domenica scorsa __Santarcangelo - Pergolettese 0-0 Santarcangelo (4-3-1-2) Nardi; Beccaro Fedi Garaffoni Rossi G.; Bisoli Papa (dal 66 Pasi) Mariani; Rossi P. (dal 86 Obeng); Radoi (dal 66 Piccoli) Graziani. A disp. Calderoni Benedetti Cola Porcino All. F.Fraschetti I precedenti... Pergolettese (5-3-2) Grandi; Ferri (dal 31 Davini) Marinoni Scietti Tacchinardi (dal 86 Sambugaro Sembroni; Iovine Zanola Bertazzoli (dal 74 Zerbo; Esposito Bardelloni. All. S.Giunta Arbitro sig. Candeo di Este Note: nessun giocatore ammonito __Due i precedenti tra Alessandria e Santarcangelo e 2 vittorie per i Grigi. La prima è datata 15 gennaio 2012: gara decisa dal goal di Simone Ciancio al 34’ del primo tempo. La seconda è del 29 settembre dello scorso anno: 2-0 grigio grazie alle reti di Giacomo Gambaretti al 4’ e al rigore di Daniele Degano al 39’ (nella foto). Il volo del Santarcangelo Tino Pastorino ondato nel 1926, il Santarcangelo si affaccia al calcio che conta solo nel 1982 con la promozione in serie D, allora denominata Interregionale, dopo lunghe militanze in Prima Categoria e in Promozione. Sono 8 le stagioni consecutive prima della retrocessione del 1990; un anno ancora in Promozione poi l'ammissione all'Eccellenza dove, nel 1996, vince il girone B dell'Emilia Romagna ma perde gli spareggi contro il Boca San Lazzaro. Il nuovo salto in serie D è del 1997: 14 campionati con una sconfitta ai play off ad opera della Centese, un play out perso ma con immediato ripescaggio, un cambio di denominazione (dal Santarcangiolese a Santarcangelo nel 2004). Miglior risultato il quinto posto del 2010 con sconfitta ai play off contro il Carpi. Ma è l'anno successivo quello della storica svolta: primo posto nel girone F davanti a Teramo e Rimini con promozione ed esordio assoluto tra i professionisti. Nono posto nel girone A di Seconda Divisione, stagione 20102011 con Gabriele Angelini in panchina; dodicesima posizione la scorsa stagione con Filippo Masolini alla guida tecnica, sostituito poi da Agatino Cuttone. F La Squadra E' senza dubbio una delle sorprese, con il Real Vicenza, di questo avvio di stagione; 18 punti in classifica, terzo posto con Rimini e Bassano, cinque vittorie , tre pareggi, due sconfitte, 12 casalingo dal Forli alla prima giornata, 1-0 a Meda contro il Renate alla quinta. Dodici reti segnate, cinque subite, miglior difesa del girone, con il portiere Nardi imbattuto da 5 turni (ultimo gol subito proprio dal Renate). Il Presidente dal 1993 è Roberto Brolli, l'uomo della storica promozione tra i professionisti; Direttore Sportivo è Oberdan Melini; in panchina Fabio Fraschetti, romano, classe 1961, che per la prima volta lascia la Toscana dopo le esperienze di Arezzo, Sangiovannese e Poggibonsi. Schema tattico legato alla presenza del trequartista a supporto delle due punte e quindi tre centrocampisti. Il portiere titolare è Michele Nardi (86) da sempre a Santarcangelo (nona stagione); il secondo è Enrico Calderoni (90) prelevato in Eccellenza; difesa a 4 con Beccaro Una sorpresa ma non troppo per verificare la voglia di riscatto dei Grigi SI E IMOUIZNONE L OS I A DISIPCLIENTI DE CERCA SU FACEBOOK La Villa lap dance www.facebook.com/groups/366328979134 (93) a destra, giocatore proprietà Padova, lasciato per il secondo anno in Romagna; Giovanni Rossi (89) a sinistra, ex Spal, anche per lui seconda stagione in gialloblu. I due centrali sono Carlo Fedi (89) dal Fondi e l'esperto Mirco Garaffoni (76) ex Borgo a Buggiano, oltre 350 partite tra serie C e Seconda Divisione. Il reparto è completato da Claudio Cola (86), quinto anno; Luca Benedetti (92) proprietà Sassuolo, seconda stagione in Romagna; Antonio Porcino (95) dalla Primavera della Reggina. A centrocampo la rivelazione di stagione è Dimitri Bisoli (94) fi- glio di mister Pierpaolo, ex Prato, cresciuto nel settore giovanile del Cagliari; in mezzo gioca Paolo Rossi (83), altro ex Spal, alla sua seconda stagione; quindi Marco Mariani (92) dal Bellaria. Scalpita il ghanese Francis Obeng (86), al rientro dopo lunga assenza, sesta stagione, acquistato dal Carpi che lo ha ancora lasciato a Santarcangelo. Completano il reparto Alessio Monetti (91) dal Perugia; Mattia Negri (94) dalla Primavera del Carpi. La composizione del centrocampo ruota sulla scelta del trequartista poichè il titolare Francesco Urso (94) ex Fano e Cesena, sconta la seconda giornata di squalifica dopo l'espulsione contro la Virtusvecomp Verona. Domenica scorsa ha giocato Paolo Rossi dietro le punte con Salvatore Papa (90), secondo anno, centrale di metà campo. Possibile anche l'impiego di Ivan Piccoli (81), seconda stagione anche per lui ma con importanti esperienze ad Ancona e Cesena in serie B. In attacco se recupera Alessandro D'Antoni (88) arrivato dal Borgo a Buggiano, già visto con il San Marino e 4 reti in stagione, farà coppia con Ivan Graziani (82) alla sua terza stagione. Incerta la presenza di Simone Dell'Acqua (89) dalla Pro Patria, anch'egli alle prese con problemi fisici. A disposizione Riccardo Pasi (90) dal Bologna, ex Sud Tirol e Sorin Radoi (90) rumeno, al sua quarto campionato romagnolo. io le peroadfdste Localibat e e al cecompleanno di 033*0 %-- */ 10* 135* % .3$0-%Š 4#50 5PSUPOB 44 4UBUBMF QFS 7PHIFSB 5FM F 'BY $FMM
  4. 4. 4 - venerdì 8 novembre 2013 Tredici domande a... Roberto Sabato 1 l 2 l 3 l 4 l 5 l 6 l 7 l 8 l 9 l 10 l 11 l 12 l 13 l Nato a Potenza Data di nascita 28 luglio 1987 Fidanzato/sposato/libero Fidanzato con Marta Prima società Aviglianese Primo ruolo Portiere Squadra del cuore Milan Momento top della carriera Playoff con Ravenna per la B L’avversario/compagno che ha fatto più carriera Saponara Il mister più importante Atzori Passatempo Libri, cinema Attrice preferita Angelina Jolie Attore preferito Denzel Washington Gruppo preferito The Killers LA BOTTEGA DEL MAIALE ALESSANDRIA VIA SAN LORENZO 86 TEL. 0131 41609
  5. 5. venerdì 8 novembre 2013 - 5 1 l 2 l 3 l 4 l 5 l 6 l 7 l 8 l 9 l 10 l 11 l 12 l 13 l Tredici domande a... Simone Caciagli Nato a Pontedera Data di nascita 26 maggio 1989 Fidanzato/sposato/libero Libero Prima società Cascina Primo ruolo Centrocampista Squadra del cuore Inter Momento top della carriera Serie B col Pisa L’avversario/compagno che ha fatto più carriera Cerci Il mister più importante Gadda Passatempo Libri, cinema Attrice preferita Jessica Biel Attore preferito Denzel Washington Musicista preferito Bruno Mars
  6. 6. 6 - venerdì 8 novembre 2013 In pullman a Cuneo e a Mantova __C'è una grande opportunità per tutti coloro che vorranno seguire l'Alessandria Calcio nelle prossime due trasferte a Cuneo e a Mantova. La novità di questa stagione è che i Tifosi Grigi, così soprannominata l' “unione operativa” dei club organizzati, hanno deciso di provvedere di comune accordo all'allestimento dei pullman, per venire incontro alle esigenze organizzative ed economiche, dei fans grigioneri. Sabato 17 novembre, per la partita Cuneo-Alessandria, ritrovo alle ore 11,30 e partenza alle ore 11,45 da piazza Caduti di Nassirja (piazzale McDonald's). Costo del viaggio 15 euro. Domenica 24 novembre, per la partita Mantova-Alessandria, ritrovo alle ore 9,45 e partenza alle ore 10,00 da piazza Garibaldi. Costo del viaggio 18 euro. La proposta per le prossime due gare è davvero conveniente: prenotando subito entrambi i viaggi, il costo sarà di 15 euro a trasferta. In pratica a Mantova si pagherà 15 euro anziché 18. Informazioni e prenotazioni entro le o- re 20,00 del venerdì precedente la partita al numero 338 9065045, oppure rivolgersi presso l'edicola di Marino Cavanna in piazza della Libertà o da “L'Amico Fruttaio” in piazza Marconi ad Alessandria. E' davvero un'ottima opportunità per non far mancare ai nostri ragazzi in maglia grigia, il calore e la passione che solo i nostri tifosi sanno dare. D’Angelo... orso tra gli orsi Gigi Poggio poche ore dal suo arrivo in Alessandria, Luca D’Angelo sembra già calato nella sua nuova dimensione di allenatore dei Grigi. Un traguardo, una sfida o cos’altro? “Non ho una definizione precisa da darti; penso che per un allenatore questa sia una piazza che può dare mille motivazioni a prescindere. Qui c’è la storia, il prestigio, il pubblico, il grigio della maglia. Bisogna solo andare sul campo, sapendo che a lavorare qui si è, comunque, fortunati, cercando di trasmettere questi valori e questa consapevolezza a chi sta attorno e ti segue. E’ chiaro, comunque, che per me questa è un’opportunità straordinaria che spero di poter sfruttare dando qualcosa d’importante a chi ha creduto in me”. Come e quando nasce la tua “vocazione” di mister? “Già da calciatore cercavo di carpire i segreti dei miei allenatori. Ne ho avuti di molto bravi. Qualche nome? Sicuramente Claudio Di Pucchio che è stato un tecnico all’avanguardia per l’impostazione del lavoro e le idee tattiche. Posso dire che sia stato lui ad aprirmi certi orizzonti. E poi Acori che ricordo con altrettanto piacere”. La tua storia di tecnico parte da dove era finita quella di calciatore… “Si, è proprio così. A Smesso di giocare, ho cominciato una nuova vita, subito. Prima come osservatore, poi come allenatore degli Allievi nazionali, ovviamente a Rimini. E’ stata, manco a dirlo, un’esperienza molto utile. Vedere giocare prima e allenare poi, soprattutto nelle categorie giovanili, è un momento di crescita assoluto. Migliori le tue capacità di valutazione, ti soffermi sul particolare e poi cominci a mettere del tuo. E negli Allievi, con un ma- teriale umano già “raffinato” puoi cominciare a fare calcio vero, lavorando sui comportamenti e sulla tattica. Tutto sapere che poi ti porti dentro e ti tornerà prezioso anche col calcio dei grandi”. Eccoci al calcio dei grandi. Pronti via, la panchina del Rimini in Interregionale e arriva una vittoria di quelle che fanno epoca… “Di sicuro una vittoria meritata, dopo il terzo posto in classifica e un’estenuante serie L YHGLDPR GD SPACCIO OCCHIALI DEGLI LENTI SCONTO REALE SUI LISTINI 50% VENDITA DIRETTA CONSEGNA OCCHIALE IN POCHI MINUTI MISURAZIONE GRATUITA DELLA VISTA 01 DAL 20 di gare nei play off. Non posso negare che sia stato un momento molto importante per la mia carriera per le ragioni che immaginerai, dalla possibilità di riportare il Rimini tra i professionisti, al fatto di averla conquistata coi colori a cui ho legato gran parte della mia vita di calciatore”. Il resto è storia recente; due anni di Seconda Divisione, con coda nel finale di stagione. Il primo anno nei play off, dopo un sesto posto e l’anno passato nei play out, con la salvezza e la fine di un incubo per come le cose si erano messe, anche fuori dal campo, con una crisi dirigenziale che aveva creato rischi per la sopravvivenza del club. Ma D’Angelo allenatore? “Mi sento di dire che sono uno duttile; provo, verifico, cambio e non mi sento ancorato a un credo tattico preciso. Sono gli uomini a fare gli schemi e non viceversa. Ci mancherebbe. Ovvio che esistano giocatori che possono stare in diverse zone del campo e ricoprire più ruoli ma guai a snaturarne le caratteristiche. Non scherziamo!” Abbiamo parlato di una carriera breve ma intensa. Tanto Rimini e poi Alessandria e proprio l’Alessandria ci riporta a Il nuovo mister dei Grigi si presenta e si racconta. Ad Alessandria per dare una svolta alla carriera un episodio che, per tua stessa ammissione, ha avuto una un ruolo estremamente importante per Luca D’Angelo e cioè l’aggressione a Fanucchi al termine della gara di campionato, proprio a Rimini. “Si – sospira – non posso negare che quella domenica, quasi subito, ho capito di aver varcato una soglia che imponeva subito un passo indietro. La trance agonistica, la passione, il mio attaccamento al lavoro non potevano giustificare un’azione così grave e gratuita. E’ stato un attimo che vorrei dimenticare ma è stata anche un’occasione che mi è servita per capire quale direzione pericolosa stessi prendendo. Posso dire che da allora mi sento molto cambiato e, consentimi, anche migliorato”. Pronto per Alessandria? “Si, certo. Venire qui da avversario è già di per sé un’emozione; figurati a sedere su quella panchina, con quella curva di fianco. Io chiedo di poter lavorare e lo chiedo per i miei ragazzi che hanno bisogno di fiducia e tranquillità. Abbiamo una società forte e organizzata, attenta a ogni dettaglio. Mi è bastato star qui qualche ora per misurare la temperatura della città e verificare l’aria che si respira attorno. Dobbiamo trovare un po’ di continuità e stare tra le prime. Sono convinto che il campionato, pur nella sua anomalia, si deciderà nelle ultime 6/8 settimane. E noi ci saremo”. marenco OLTRE 2.000 MONTATURE SCONTO 30-50% SILVIA ENNIO ALESSANDRIA Corso Acqui, 173 (zona Cristo) - Tel. 0131 240228 STREVI (AL) Piazza Vittorio Emanuele II, 10 Tel. 0144 363133
  7. 7. venerdì 8 novembre 2013 - 7 Chi è Pierpaolo Bisoli __Pierpaolo Bisoli, classe ’66, nasce a Porretta Terme, in provincia di Bologna. Inizia la carriera nella squadra del suo paese, il Porretta, in Prima categoria, per poi approdare, prima alla Pistoiese, poi all’Alessandria nel campionato 1987-88 (33 presenze e 4 goal). Nel 1991 passa al Cagliari in Serie A, dove resta per sette stagioni. Nell’ottobre 1997 si trasferisce all’Empoli e, dopo due campionati, va a Perugia e poi a Brescia. Infine torna alla Pistoiese in Serie B, prima di chiudere la carriera da calciatore nella squadra dove aveva cominciato, a Porretta Terme. Nel 2002 intraprende la carriera da allenatore, partendo dalla Prima categoria col Porretta, per poi passare alla Fiorentina come vice di Dino Zoff. Dal 2005 al 2007 è a Prato, dove lancia Alessandro Diamanti, e poi al Foligno, con cui disputa i play-off per la Serie B, perdendo in finale con il Cittadella. Nell’estate 2008 viene chiamato alla guida del Cesena in C1: con i bianconeri romagnoli centra il doppio salto di categoria, arrivando alla massima serie. Nel giugno 2010 diventa allenatore del Cagliari, ma nel novembre dello stesso anno viene esonerato. Nel maggio 2011 subentra a Malesani sulla panchina del Bologna, ma a ottobre viene sollevato dall’incarico. Dopo la rescissione del contratto con la società felsinea, ritorna al Cesena, squadra che guida tuttora. In giro per l’Italia partendo da Alessandria Michela Amisano Buonasera Michela, sono in pullman, in viaggio verso Novara. Se va bene, facciamo l’intervista adesso perché quando arriviamo in albergo devo fare vedere un video alla squadra per la gara di domani e poi ceniamo”. L’occasione è da cogliere al volo, carta e penna sono pronte e iniziamo: “Mister, cosa ricorda della sua esperienza alessandrina?” “Per me fu una stagione importante, perché era la prima volta che mi allontanavo da casa e sapevo che potevo farmi cono- “ scere. Oltretutto quel campionato abbiamo sfiorato i play-off dopo il ripescaggio dall’Interregionale e ricordo che affrontammo squadre forti e blasonate: contro il Venezia ad esempio, quando allo stadio c’erano quasi 9000 spettatori e si sentiva tantissimo il calore della gente”. L’Alessandria può essere considerata un trampolino di lancio nella sua carriera da calciatore? “Direi proprio di sì perché è stata la mia prima piazza di prestigio, un posto dove si respira calcio tutta la settimana. E’ stata una tappa fondamentale della mia storia professionale, che mi ha permesso di mettermi in mo- stra davanti a squadre importanti e che mi ha fatto maturare sia come uomo e che come giocatore”. Infatti dopo la permanenza in maglia grigia, il passaggio prima all’Arezzo e poi al Viareggio e, nel 1991, l’esordio in Serie A con il Cagliari, squadra in cui ha militato per sette stagioni. E poi ancora nella massima serie con Empoli e Brescia e, dopo un cam- “Io... e i Grigi” Il mondo di Pierpaolo Bisoli, tra campo e panchina 5%#).+10' CICLI ZARMA (4#6'..+ 5%#).+10' UPE #.'55#04+# 8KC . 'KPCWFK QPC 5ECNQ 6GN (CZ UECINKQPGCNFGCNGTRKCIIKQPGV YYYRKCIIKQUECINKQPGKV pionato in Serie B con la Pistoiese, l’ultima meta della carriera da calciatore, nella squadra del suo paese, Porretta Terme, in provincia di Bologna. E di lì il nuovo Bisoli, anzi mister Bisoli... “Ho iniziato nella squadra del mio paese perché avevo promesso ad alcuni miei amici di cominciare da lì il mio percorso da allenatore e così ho fatto. Ho guidato il Porretta per due stagioni nel campionato di Prima categoria, disputando due buoni campionati, con una quarto e un quinto posto”. Dopo quest’esperienza, l’occasione di essere il vice di Zoff alla Fiorentina, un paio di campio- nati a Prato e poi un anno a Foligno, con cui ha disputato i playoff per la Serie B, persi contro il Cittadella. Nell’estate 2008 l’ingaggio dal Cesena in C1, con il doppio salto fino in serie A. Che stagioni sono state per lei? “Sono stati due anni fantastici. Portare una squadra dalla C1 alla Serie A è stata un’esperienza incredibile. Sono state stagioni in cui si respirava solo calcio, dove tutti erano protagonisti. Mi portai diversi giocatori che avevo già a Foligno la stagione precedente, come Segarelli, Zebi e Bonura, coi quali avevamo sfiorato la Serie B. E’ stata una bellissima esperienza sia dal punto di vista professionale sia da quello umano”. Lei ha un figlio di 19 anni, Dimitri, che gioca nel Santarcangelo, prossima avversaria dei Grigi. Se in futuro l’Alessandria dovesse contattarlo, cosa gli consiglierebbe? “Sicuramente gli consiglierei di accettare un’eventuale proposta, perché Alessandria è un bel banco di prova per un giovane. E’ una piazza che aiuta a maturare perché ci pressioni che in altre realtà non si vivono, proprio come è accaduto a me nella stagione in cui ho giocato lì”. C’è un ricordo particolare che la lega ad Alessandria? “Sì perché lì ho conosciuto mia moglie e dove ho ancora molti amici. E’ un po’ di tempo che non riesco a tornarci ma, se ho modo di organizzarmi, vorrei venire ad assistere ad Alessandria-Santarcangelo, per vedere la partita di mio figlio, ma anche per vedere i Grigi e ritrovare i vecchi amici”. Allora arrivederci a domenica Mister…anzi a oggi. +#.+6#m 52'% Salamini di vacca della Fraschetta Rabatòn di Litta Agnolotti di stufato ALESSANDRIA VIA POLIGONIA 71 • TEL. 0131 226621
  8. 8. 8 - venerdì 8 novembre 2013 Giovanissimi Nazionali __Portieri: Navarrete Edoardo, Barbato Mattia, Ievoli Gianmarco, Navarrete Edoardo, Paioli Alessandro. Difensori: Aviotti Andrea, Calvio Alessio, Cocozza Gianni, D’Auria Alessio, De Bianchi Matteo, Girardi Pietro. Centrocampisti: Cena Luca, Cirio Edoardo, M’Hamsi Oussama, Mingozzi Marco, Piccinini Lorenzo, Sala Alessandro, Salio Alber- to, Sbirziola Alessandro, Viola Lorenzo. Attaccanti: Capece Andrea, El Aoulani Mohamed, Guerci Matteo, Massa Federico, Tulosai Cristian. Staff - Allenatore: Mauro Guaraldo Dirigente: Enzo D’Auria Dir. Arbitro: Carlo Aviotti Massaggiatore: Lorenzo Alvigini Prep. Atlet. Alberto Friziero Prep. Portieri: Domenico Ceniviva I risultati delle giovanili __Berretti: Alessandria – Pergolettese 1-1 (Guerci). Allievi Naz. 97: Novara – Alessandria 1-2 (Amello, Neirotti). Allievi Reg. Fascia “B” 98: Alessandria – Cuneo 1-0 (Bertucci). Giovanissimi Naz. 99: Novara – Alessandria 6-1 (Sala). Giovanissimi Reg. Fascia “B” 2000: Pro Vercelli – Alessandria 1-2 (2 Mutti). Giovanissimi Reg. Fascia B 2001: Alessandria – Asti 5-0 (2 Magi, Panariello, Mani, Gerace). Esordienti 2002: Alessandria – Novese 2-1 (Filip, Brollo). Esordienti 2002: Novara – Alessandria 4-3 (3 Chiesa). Esordienti a 9 2003: Alessandria – Asca: 10-1 (4 Amendolia, 2 Randazzo, 2 Bovone, Lorenzon M., Ahib). Esordienti a 9 2003: Novara – Alessandria 2-3 (2 Viscomi, Martin). Pulcini 2004: Audax Orione – Alessandria 6-4 (3 Trinceri, Ghiardelli). Pulcini 2004-2005: Aurora Calcio – Alessandria 3-2 (2 Boido) Mauro Guaraldo, fame di vittoria Michela Amisano ontinua il viaggio tra le formazioni del Settore Giovanile dell’Alessandria Calcio. Questa settimana è la volta dei Giovanissimi Nazionali di Mister Mauro Guaraldo. Siamo giunti all’ottava giornata del girone d’andata; Mister, come valuta questo inizio di stagione? Il bilancio di questa prima parte di campionato è sostanzialmente positivo. Stiamo cercando di formare un gruppo di prospettiva, con valori e principi: quello che mi preme di più, quindi, è la crescita complessiva dei miei ragazzi, per riuscire a formarli prima come uomini e poi come calciatori. Quali sono gli obiettivi che si è prefissato all’inizio del campionato? Gli obiettivi di questa stagione puntano a creare un gruppo solido che impari a lavorare e a muoversi in questo mondo ma non solo, creandosi un’esperienza che possa essere di aiuto nella vita di tutti i giorni e poi anche in quella del campo. I valori in cui credo e che voglio trasmettere ai miei ragazzi sono: fame, determinazione, umiltà e kimonoarredobagno C lavoro. Tutto quello che vogliamo ottenere, secondo me, poi arriverà solo attraverso il lavoro, cercando di crescere in modo costante e nel minor tempo possibile, così da farci trovare pronti per disputare il prossimo anno il campionato degli Allievi Nazionali. Tra gli avversari affrontati finora quali le hanno dato l’idea di avere le carte in regola per disputare un campionato di vertice? Tra le squadre che abbiamo incontrato finora il Novara e il Genoa sono quelle che mi hanno impressionato di più. Sono organici già strutturati, sia numericamente che qualitativamente, con leve già formate e programmate dall’attività di base fino ai Giovanissimi Nazionali, con elementi che vengono anche da fuori regione. Noi invece abbiamo deciso di investire sui ragazzi della provincia. Nel suo recente passato ha lavorato per due stagioni alla Sampdoria. Cosa le ha lasciato questa esperienza? Ho vissuto un biennio importante alla Sampdoria, nel corso della quale, con la forma- zione degli Allievi Nazionali, abbiamo raggiunto il titolo italiano. Invece con i Giovanissimi Nazionali siamo riusciti a raggiungere le finali italiane. Mi sono tolto grandi soddisfazioni, ho imparato molto e, al termine di questa esperienza, sono stato premiato dalla società blucerchiata che mi ha permesso di prendere il patentino da allenatore di Seconda Categoria Uefa al Centro Tecnico di Coverciano. E’ stato un percorso impegnativo, che ha richiesto dei sacrifici, ma mi è servito come bagaglio di esperienza. Cosa l’ha convinta a restare all’Alessandria e a sposare il progetto della nuova società? Io sono di Alessandria, perciò credo che indossare la maglia grigia e allenare i ragazzi che possono diventare il futuro dell’Alessandria Calcio sia il sogno di tutti gli allenatori alessandrini. Ringrazio la proprietà che ha dimostrato fiducia nei miei confronti. Con l’arrivo del Responsabile organizzativo Alberto Sala, abbiamo da subito condiviso i programmi societari. Sono rimasto con entusiasmo perché l’annata scorsa è stata un momento importante di crescita per gli Allievi ‘97, coi quali mi sono tolto parecchie soddisfazioni; abbiamo finito la stagione da imbattuti e conseguito il titolo di Coppa Disciplina, traguardo importantissimo per la crescita del nostro Settore Giovanile. Tutto ciò mi ha convinto a rimanere, sposando appieno il progetto del Presidente Di Masi. Il benessere comincia da qui. KIMONOPORTE srl Esposizione e vendita: Spalto Gamondio, 27 - 15121 Alessandria Tel. 0131.443445 - www.kimonoporte.it

×