L'orso in casa n.17 - E quindi uscimmo a riveder le stelle

469 views

Published on

Published in: Sports
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
469
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
150
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

L'orso in casa n.17 - E quindi uscimmo a riveder le stelle

  1. 1. N° 17 - Venerdì 11 aprile 2014 2UJDQR 8IILFLDOH GHOO·86 $OHVVDQGULD DOFLR Editoriale C onquistiamola Luca Di Masi D omenica 13 aprile 2014. L’ultima promozione sul campo dei Grigi in C1 ri- sale al campionato 1999/2000. Prima del fallimento, prima del- l’Eccellenza e prima della D. So- no passati 14 anni!!! In mezzo la gioia delle promozioni dalle cate- gorie dilettantistiche e il ripe- scaggio in Prima Divisione e poi tante delusioni, partendo dalla semifinale playoff con la Salerni- tana, costruita sulle macerie mal- grado splendidi interpreti sul ret- tangolo verde. Ed ora si riparte, stiamo tornando al sole, ma non perché ci spetta dopo la retroces- sione a tavolino ma perché ce la siamo conquistata con il sudore e con la bravura di ragazzi che hanno capito cosa vuol dire far parte di un progetto importante e dove bisognava arrivare. E’ sta- to un anno difficile, con qualche ostacolo di troppo, ma solo e sempre sul campo di gioco, giu- sto scenario per una società di calcio. Ed ora si DEVE festeggia- re, basta pensieri negativi, para- goni, scaramanzie assortite; men- te libera godendosi il presente, avendo nel cuore un gran girone di ritorno e negli occhi i gol e le prodezze dei nostri giocatori. La gioia, la liberazione deve prende- re il sopravvento, deve diventare il modo di vivere il calcio, pen- sando positivo, credendo nei pas- si e nelle scelte fatte da questa società, per i Grigi, per questa maglia unica che tutti noi, io per primo, portiamo e porteremo tut- ti i giorni addosso, nei nostri cuori. Sempre.
  2. 2. 2 - venerdì 11 aprile 2014 Supplemento a ‘Il Piccolo’ numero 29 dell’11 aprile 2014 Grafica e impaginazione Mauro Risciglione Antonella Ravazzano In collaborazione con Medial Pubblicità Srl via Parnisetti 12/A - Alessandria Prevendita Alessandria-Bellaria __Punti vendita Booking Show: Tabac- cheria Maxi, via Gramsci, 46 – ALessan- dria; S.O.M.S. Oviglio – Grigi Club Gino Ar- mano, via XX Settembre, 30 – Oviglio; Mail Box Etc, corso C. Marx, 28 – Ales- sandria; Roby Viaggi, C. comm. Monferra- to “Bennet” – SS 31 Villanova Monferra- to; D Viaggi, piazza Repubblica, 3 – Novi Ligure. CASTELNUOVO BELBO (AT) Via S. Colombano 25 - Tel. 0141 799180 - www.relais23.it 2ª Divisione Girone A Squadra Partite Reti P.ti G. V. N. P. F. S. BASSANO V. 64 31 19 7 5 54 30 MONZA 53 31 15 8 8 53 35 RENATE 52 31 14 10 7 39 23 SANTARCANGELO 51 31 13 12 6 41 22 ALESSANDRIA 51 31 14 9 8 51 36 SPAL 2013 49 31 12 13 6 48 39 REAL VICENZA 48 31 14 6 11 47 44 TORRES 46 31 12 10 9 37 37 MANTOVA 45 31 11 12 8 54 45 CUNEO 42 31 10 12 9 34 30 FORLÌ 42 31 12 6 13 45 42 DELTA PORTO TOLLE 42 31 10 12 9 38 31 RIMINI 40 31 10 11 10 35 36 V.VECOMP VERONA 39 31 9 12 10 31 29 PERGOLETTESE 34 31 7 13 11 24 30 CASTIGLIONE 27 31 5 12 14 27 44 BELLARIA IGEA M. 15 31 4 4 23 22 67 BRA 9 31 2 3 26 24 84 RISULTATI 31ª GIORNATA Bassano V.-Castiglione 0-0 Bellaria Igea M.-Real Vicenza 0-2 Bra-Santarcangelo 0-2 Delta Porto Tolle-Renate 1-1 Mantova-Cuneo 1-2 Monza-Torres 4-0 Pergolettese-Spal 2013 0-0 Rimini-Forlì 2-1 V.Vecomp Verona-Alessandria 0-0 PROSSIMO TURNO 13/04/2014 Alessandria-Bellaria Igea M. Castiglione-Delta Porto Tolle Cuneo-Rimini Forlì-Monza Real Vicenza-Bra Renate-Pergolettese Spal 2013-V.Vecomp Verona Santarcangelo-Mantova Torres-Bassano V. MARCATORI Alessandro (Real Vicenza) 19, Varricchio (Spal) 18, Floriano (Mantova) 17, Pietribiasi (Bassano) 12, Fall (Rimini) 12, Masini (Mantova) 12, Marconi (Alessandria) 10, Valentini (Alessandria) 9, Cavalli (Alessandria) 7 Il tuo dentista DentalPro sa riaccenderti il sorriso. Chiama ora e prenota il tuo check up senza impegno. Siamo aperti dal lunedì alla domenica. Alessandria - c.c. Panorama Via San G. Bosco - ang. Corso G. Romita. Scopri gli altri centri DentalPro su www.dentalpro.it Ch Sia Sc r 4ECNICHE INNOVATIVE E VELOCI COME L IMPLANTOLOGIA A CARICO IMMEDIATO
  3. 3. CHE TI PERMETTE DI AVERE DENTI kSSI IN ORE 3#/02) ), .5/6/ -/$/ $) !.$!2% $!, $%.4)34! prenotazioni@dentalpro.it r INANZIAMENTI kNO A ANNI 'ARANZIA SUI TRATTAMENTI kNO A ANNI r /LTRE FAMIGLIE ITALIANE HANNO SCELTO DI TORNARE A SORRIDERE CON NOI dott. D.Cassioli Dentista DentalPro. Ieri Oggi $IRETTORE 3ANITARIO DOTT 3 $EPLANO 6ALUTAZIONE SULLA FATTIBILIT¸ DA VERIFICARE CON DIAGNOSI DEL DENTISTA )NFORMAZIONI DETTAGLIATE PRESSO CIASCUN CENTRO 787$ 'Ζ 5$335(6(17$1=$ /D WURYL GD 2UVKRS GD 0HOFKLRQQL H RQ OLQH VX ZZZDOHVVDQGULDFDOFLRLW 35(==2 35202 €
  4. 4. venerdì 11 aprile 2014 - 3 Bellaria, l’ultimo ostacolo Tino Pastorino D opo 11 anni consecutivi tra i professionisti il Bellaria retrocede in serie D, conseguenza di una stagione caratterizzata da gravi lacune societarie che si possono individuare nella con- duzione tecnica della squadra e nelle scelte della rosa dei calcia- tori. Quattro tecnici si sono al- ternati in panchina, 50 giocatori sono stati utilizzati nell'arco del- la stagione ma non sono stati sufficienti a ribaltare i pronosti- ci estivi che già indicavano il club romagnolo fra le candidate alla caduta tra i dilettanti. Nel 1952 nasce il Bellaria Calcio con la sigla A.S.C.A.R. Si inizia dalla Prima Divisione emiliana. Nel 1968 la prima promozione in se- rie D dopo il cambio denomina- zione in A.C. Bellaria (1960) e S.C. Bellaria Igea Marina (1967). Dopo due retrocessioni fino alla prima Categoria ed altri due cambi di denominazione, la svolta determinante arriva nel 1994; riconquistato il campiona- to di Promozione la società cede il titolo sportivo al Torre Pedrera e il gruppo dirigenziale si trasfe- risce nell' A.C. Igea Marina (nata nel 1984) e come S.C. Bellaria I- gea Marina riparte dalla Prima Categoria. Subito due promozio- ni consecutive poi il ritorno in serie D nel 2000 e nel 2003, dopo il quarto posto nel girone D, per ripescaggio, è ammesso alla se- rie C2. dopo Pepe, Catalano e Iacobelli c'è, dal 9 gennaio, Ayala Fanesi promosso dal settore giovanile (allenava i Giovanissimi). Il mo- dulo tattico maggiormente uti- lizzato è il 3-5-2 soprattutto con il rientro dalla squalifica di Jef- ferson e di Beghetto. Tra i pali Mattia De Deo (92) ex Taranto. Difesa con Matteo Boccaccini (93) ex Fano, Oliveira Jefferson (90) ex Venezia ma soprattutto ex Salernitana (stagione 2010- 11), ballottaggio tra Simone D'Angelo (93) ex Melfi e France- sco Sabatucci (91) dal Lumezza- ne. A disposizione Nino Di Ste- fano (90), Gabriele Varrella (94), Luigi Riccardi (93). Gli esterni di centrocampo sono Fabrizio Bra- mati (93) ex Chieti a destra e An- drea Beghetto (94) dal Padova a sinistra. I centrali sono Michele Pisanu (93) ex Entella, France- sco Cocci (92) dal Mantova e Ar- mando Amati (95) ex Rimini. A disposizione Gianpaolo Sirigu (94), Matteo Casantini (94), Gia- nluigi Migliore (91), Alessandro Ferretti (94). Attacco affidato a Daniele Grandi (93) ex Milazzo, 4 reti in stagione di cui 2 a San- tarcangelo e Nicolas Izzillo (94) dallo Spezia. A disposizione Fi- lippo Lauricella (94) dal Renate, Pasquale Mazzocchi (95), Ales- sandro Camporesi (95), Lorenzo Di Stefano (92). Il primo anno perde i play out ma è riammesso in categoria la stagione successiva. Nel 2008 il miglior piazzamento assoluto con il settimo posto. Nel 2010 ancora play out per i bianco az- zurri: ennesima sconfitta ma ul- teriore ripescaggio. La scorsa stagione il tredicesimo posto in Seconda Divizione. Da segnalare alcuni tecnici importanti che si sono seduti sulla panchina ro- magnola: Arrigo Sacchi (71-72), Franco Varrella (84-85 dopo la trafila nel settore giovanile), Lu- ca Fusi (2007-2008). Ha allenato il Bellaria per alcuni mesi del 2007 anche l'ex grigio Marco Carrara. La stagione in corso Un vero e proprio disastro: 15 punti in classifica (1 di penaliz- zazione) con 4 vittorie, 4 pareggi e 23 sconfitte. Segnati 23 gol, 68 quelli subiti (peggio ha fatto solo il Bra). In trasferta una sola vit- toria, quella nel derby di Santar- cangelo di Romagna due setti- mane or sono, poi 3 pari e 11 sconfitte. A nulla è servito il mercato di gennaio con oltre 20 movimenti tra entrate ed usci- te. La squadra Il Presidente è Sauro Nicolini con Gianni Califano nel ruolo di Direttore Sportivo; in panchina Domenica scorsa __Bellaria - Real Vicenza 0-2 (0- 0) marcatori: Moro al 59', Torri al 69' Bellaria: (3-5-2) De Deo; Boccac- cini D'Angelo N. Di Stefano; Bra- mati (dal 74' Casantini) Sirigu Pi- sanu Ferretti (dal 59' Varrella) Lauricella; Grandi (dal 80' L. Di Stefano) Izzillo. A disp. Ursini Riccardi Lombardi Mazzocchi. All. A. Fanesi Real Vicenza: (4-3-3) Tomei; Bar- zan (dal 80' Sandrin) Mei Fisso- re Porcino; Catinali (dal 74' Ca- porali) Lavagnoli Rebecchi; Ales- sandro (dal 55' Moro) Torri Pra- dolin. A disp. Cavallari Busatto Scapinello Strizzolo. All. L.Zauli Arbitro sig. Boggi di Salerno Squadre schierate a centro campo, nella partita di andata finita 5-1 per i Grigi Precedenti Alessandria-Bellaria __Due i precedenti al Moccagatta delle ultime due stagioni, finiti con lo stesso risultato: 3-1 per i Grigi. 3-1 nel campionato 2011-2012, grazie ai goal di Viviani al 10’, De- gano su rigore al 76’ e Segarelli a- l’89’. Per i biancazzurri la rete è stata messa a segno da Fioretti al 15’. Nell’ultimo confronto del 22 dicembre 2012: Mora al 22’, Ros- si al 33’ (foto) e il rigore di Cam- maroto al 49’ regalano il succes- so all’Alessandria. Il goal della bandiera per il Bellaria in quell’oc- casione è stato siglato da Nica- stro al 34’. 5PSUPOB 44 4UBUBMF QFS 7PHIFSB 5FM F 'BY $FMM CERCA SU FACEBOOK La Villa lap dance www.facebook.com/groups/366328979134 LIMOUSINE ADISPOSIZIONE DEI CLIENTI 6DEDWR DSULOH RVSLWH OD IDQWDVWLFD SRUQRVWDU ODXGLD 6DQWL 6DEDWR DSULOH RVSLWH OD IDQWDVWLFD SRUQRVWDU ODXGLD 6DQWL Localeperaddio al celibato e feste dicompleanno 033*0 %-- */ 10* 135* % .3$0-%Š 4#50
  5. 5. 4 - venerdì 11 aprile 2014 Tredici domande a... Luigi Scotto l1 l2 l3 l4 l5 l6 l7 l8 l9 l10 l11 l12 l13 Nato a Sassari Data di nascita Fidanzato/sposato/libero Prima società Hai sempre giocato in questo ruolo Squadra del cuore Momento top della carriera L’avversario/compagno che ha fatto più carriera Il mister più importante Passatempo Attrice preferita Attore preferito Musica preferita 18 settembre 1990 Fidanzato Latte Dolce (SS) Attaccante Milan Genoa, Savona, S. Arc Il Faraone Chiappino Circolo Sardo Julia Roberts Johnny Depp Tutta alessandria G R U P P O Centralcar ALESSANDRIA Via Marengo 162 - Tel. 0131 251005 Centralcar ALESSANDRIA Via Marengo 162 - Tel. 0131 251005 SUBARU Alessandria Auto ALESSANDRIA - Via Marengo, 162 SPINETTA MARENGO (AL) - Strada Statale n. 10, 20 Autovar SPINETTA MARENGO (AL) Strada Statale, 10 - Tel. 0131 618780 ALESSANDRIAAUTO VIAGGIASEMPRECONVOI. ITALGRAFICA srl Novara | Via Verbano, 146 | Tel. 0321 471269 | Fax 0321 478314 commerciale@e-italgrafica.it www.italgrafica.net legatoria emozioni stampate prepress stampa offset stampa digitale legatoria
  6. 6. venerdì 11 aprile 2014 - 5 Tredici domande a... Ivan Buonocunto l1 l2 l3 l4 l5 l6 l7 l8 l9 l10 l11 l12 l13 Nato a Napoli Data di nascita Fidanzato/sposato/libero Prima società Hai sempre giocato in questo ruolo Squadra del cuore Momento top della carriera L’avversario/compagno che ha fatto più carriera Il mister più importante Passatempo Attrice preferita Attore preferito Musicista preferito 24 febbraio 1986 Quasi sposato Udinese Trequartista Roma Rimini Diamanti D’Angelo Lettura Eva Mendes Denzel Washington Vasco Rossi MY RESTLESS BRAIN IN ESCLUSIVA PER ALESSANDRIA BALLET PAPIER IN ESCLUSIVA PER IL NORD ITALIA CARTOBOUTIQUE di Antonella Fornasiero ALESSANDRIA VIA MARIA BENSI 55 • TEL. 0131 345979 Seguici su facebook è PRIMAVERA... /D 6FDWROD 0DJLFD /D 6FDWROD 0DJLFD
  7. 7. 6 - venerdì 11 aprile 2014 Bellezza all’avanguardia Gigi Poggio U n locale confortevole e colorato, nel centro di Alessandria. Dopo quella di via San Lorenzo, eccoci nella nuova sede al 45 di via del- la Vittoria, a poche ore dall'inaugurazione prevista per sabato 12 aprile a partire dal- le 16 (tutti i tifosi grigi sono invitati). Lì ci accoglie la responsabile del negozio, Francesca Tamerlani. Sono felice della nuova sistemazione e anche di come pro- cede l'attività: tanta attenzione, facce nuove, il passaparola dei clienti è fonda- mentale. Francesca, quali sono i vantag- gi della foto depilazione con luce pulsata? Si tratta della tecnica di depilazione at- tualmente meno dolorosa, più comoda e meno costosa a lungo termine. Ha poi una serie di vantaggi come quello di schiarire la pelle macchiata dall'uso frequente del- la ceretta. La tecnologia IPL (luce pulsata intensa) nella foto depilazione offre un trattamento non invasivo per l'elimina- zione dei peli superflui e risultati di lunga durata. A differenza di quanto avviene con la lunghezza d'onda fissa dei laser, con la tecnologia IPL è possibile selezio- nare la gamma dello spettro per permet- tere di adattare la lunghezza d'onda al co- lore della pelle, al colore e alla profondità dei peli di ogni paziente e poi tratta ef- ficacemente la maggior parte dei colori dei peli, nonchè la loro dimensione da quelli sottili a quelli più tenaci. Ma che differenza c'è tra laser e luce pulsata? En- trambi i metodi si basano sulla luce per eliminare i peli superflui (fototermolisi selettiva), la luce pulsata è una tecnica più moderna del laser, permette di trattare u- na gamma più vasta di pelli e peli rispetto al laser (per esempio i peli biondi e le pelli più scure) e costituisce un metodo di de- pilazione duraturo, efficace, innocuo e meno doloroso del laser. E' una tecnica definitiva? Nella maggior parte dei casi, si riducono i peli superflui almeno dell'80, 85% per cui i pochi peli che ricompaiono dopo anni ricrescono più lentamente e so- no più deboli e fini. Per cui una volta con- cluso il trattamento saranno necessarie un paio di sedute l'anno di richiamo per mantenere i risultati. I pochi peli che ri- mangono si potranno eliminare con qual- siasi metodo di depilazione come le pin- zette, il rasoio o la ceretta. Quante sedute sono necessarie? Il numero delle sedute - ognuna di loro dura da 10 a 14 minuti - dipende fondamentalmente dalo colore e lo spessore del pelo, della pelle e anche della zona da trattare. Tra una seduta e quella successiva puoi continuare a depi- larti ma sempre utilizzando metodi che non eliminino i peli alla radice (come in- vece avviene con ceretta, pinzette, ecc) co- me il rasoio o le creme depilatorie. La du- rata del trattamento dipenderà dalla ri- crescita dei peli che varierà anch'essa da una zona all'altra. All'inizio le sedute si svolgeranno necessariamente ogni mese, ma poi la loro frequenza diminuirà, dato che il follicolo sarà sempre più indebolito e i peli impiegheranno più tempo a ricre- scere. Possono essere sottoposte al trat- tamento tutte le parti del corpo? Si, tutte, tranne le mucose, l'apertura del condotto uditivo, i peli del naso e le zone dove lo scatto più raggiungere direttamente gli occhi, come le sopracciglia o lo spazio tra queste ultime. Esistono controindicazio- ni al trattamento? Prima di iniziare le se- dute, si risponderà a una serie di doman- de per individuare eventuali controindi- cazioni come il diabete, l'epilessia, l'uso di qualche tipo di farmaco che possa essere fotosensibile, la gravidanza, l'allattamen- to, i cheloidi, i tatuaggi, oltre a una pelle molto pigmentata, scura o nera”. 4KUVQTCPVG +N )TCRRQNQ 8KC %CUCNG #NGUUCPFTKC › ITCFKVC NC RTGPQVCKQPG I precedenti tra Bra e Alessandria __Sono due i precedenti tra Bra e Alessandria nella sta- gione in corso. Le due squa- dre si sono affrontate il 18 a- gosto 2013 al F.lli Paschie- ro di Cuneo nella gara valida per la Coppa Italia di Lega Pro. 1-1 in quell'occasione, con le reti di Rantier su cal- cio di rigore all'8' e Barbaro al 59'. In campionato, al Moccagatta il 15 dicembre 2013, rotonda vittoria per i Grigi 5-0, grazie ai goal di Viviani (21'), Scotto (44'), Cavalli (45'), Spighi (49') e Marconi (55'). Bra a tavola __Una città di grande tradi- zioni enogastronomiche co- me Bra merita una visita puntuale. Lì nasce Slow food, un'idea di cibo e ali- mentazione che ha fatto storia, mutando atteggia- menti e modi di avvicinarsi al cibo. La sosta sarà utile se legata alle mille curiosità di un territorio ricco di mate- rie prime e prodotti di una storia antica. Noi vi consi- gliamo la Cantinetta, in piaz- za Caduti della Libertà. Li troverete quello che di me- glio può offrire la tradizione, con un un tocco raffinato che fa la differenza. Spazio allo sponsor No+vello, il franchising numero uno al mondo in depilazione con luce pulsata, nuovo partner commerciale dell'Alessandria Calcio, inaugura la sede in via della Vittoria 45
  8. 8. venerdì 11 aprile 2014 - 7 “Io... e i Grigi” Progetti e obiettivi, riflessioni e speranze di un giovane mister che vuole fare tanta strada Gigi Poggio S ono parole immediate e molto coinvolgenti quelle di Cristiano Scazzola, mister della Pro Vercelli, impegnato con i Bianchi nel rush di finale campionato in Prima divi- sione. “Un risultato ina- spettato ma meritatissi- mo, per l'impegno di tutti, per la saggezza de- gli investimenti e anche per l'equilibrio di tutto l'ambiente che, dopo l'avventura in serie B, è tornato sui suoi pas- si e ha ricominciato a lavorare con lo stesso scrupolo e la stessa mentalità”. Mister, lei parla di risultato merita- to ma un po' di sor- presa c'è in questa classifica della Pro... “Sì, avevamo altri obiettivi ma ciò non toglie che stiamo facendo be- ne e siamo ai ver- tici perchè è giu- sto stare lì, con un mix di elementi ben as- sortiti, in un campionato che premia qualità e valori, al di là di giudizi un po' superficiali”. Vale a dire? “Questa storia del campionato anomalo è un po' banale. Ovunque vedo squadre competitive e organi- ci di prim'ordine. Molte socie- tà hanno fatto grossi investi- menti e, in generale, le forma- zioni mi sembrano allenate bene, con idee interessanti, in cui la formula giusta è l'abbi- namento giusto tra la forza e la qualità, con molta attenzio- ne a miscelare questi due le- menti. Nessuno ci sta a mol- lare, anche in funzione del fu- turo quando si arriverà a cam- pionati incerti e di un livello certamente superiore, come penso sarà la futura C uni- ca”. Come nasce Scazzola alle- natore? “Ho sfruttato un' op- portunità unica, in un am- biente che conoscevo e ho co- minciato a lavorare consape- vole del rischio ma forte di u- na vita fatta di vent'anni di calcio, con tempi esempi im- portanti, tanti tecnici da cui ho imparato e che mi hanno trasferito insegnamenti che o- ra cerco di mettere in prati- ca”. Qualche esempio? “Farei torto a qualcuno e non voglio. Certo oggi un allenatore deve lavorare su tanti aspetti. Dico un'ovvietà se faccio riferimen- to a Garcia e Conte ma loro so- no davvero i più avanti per la varietà del lavoro. per gli sti- moli che danno, per come la- vorano sulle teste dei loro gio- catori. I riferimenti non pos- sono che essere questi. Poi o- gnuno si costruisce da sè, sa- pendo che la crescita non fi- nisce mai: guai a pensarlo”. Quindi dove vuole arrivare mi- ster Scazzola? “Ho appena ini- ziato e non posso rispondere a questa domanda; almeno ora, è troppo presto. Ma perchè non mi chiede niente dell’A- lessandria? Allora glielo dico io: Forza Grigi, sempre!” Reggio Emilia, 11 giugno 2000. L’Alessandria batte 3-2 il Pra- to e torna in C1. Il gol del 2-0 è di Scazzola (il primo acco- sciato da sini- stra) Cristiano Scazzola: “Mi piace allenare” L’Espresso italiano si presenta alla vista con una crema di colore nocciola, tendente al testa di moro e distinta da riflessi fulvi. Questa crema ha una tessitura finissima, vale a dire che le sue maglie sono strette e sono assenti bolle più o meno grandi. All’olfatto ha un profumo intenso che evidenzia note di fiori, frutta, pane tostato e cioccolato, tutte sensazioni che si avvertono anche dopo la deglutizione, nel lungo aroma che permane per decine di secondi, a volte per minuti. Il gusto è rotondo, consistente e vellutato, l’acido e l’amaro risultano bilanciati senza che vi sia prevalenza dell’uno sull’altro e l’astringente è assente o comunque di ridottissima percezione. Nei locali dove troverai miscela, attrezzatura e barista qualificati dall’Istituto Nazionale Espresso Italiano /DUHJRODG·RURPLOOLOLWUL LQVHFRQGL $/(66$1'5,$ ‡ RUVR DUOR 0DU[ ‡ 7HO Per un espresso di qualità CERCA LE TAZZINE! 7255()$=,21(6$78512 www.saturnocaffe.it CREMA CAFFE’ Cristiano Scazzola __È nato a Loano, in provincia di Savona, il 20 luglio 1971. E’ stato un centrocampista di spic- co indossando la maglia di numerose società professionistiche blasonate di C1 come Mas- sese, Spezia, Modena, Fiorenzuola, Alessan- dria, Monza e Pisa, raggiungendo anche la se- rie B con il Genoa nell’annata 1996-1997. In Grigio ha trascorso due stagioni: 1999-2000 e 2000-2001. Nel primo campionato, conside- rando anche Coppa Italia e play-off, ha colle- zionato 34 presenze e ha realizzato 7 reti, una delle quali (2-0 al 18’) nello spareggio di Reg- gio Emilia contro in Prato per la riconquista della C1. Nel 2000-2001 è sceso in campo 32 volte, siglando 9 goal ed è stato il miglior mar- catore della stagione. Nel giugno 2013 è di- ventato allenatore della Pro Vercelli, dopo aver trascorso già alcuni anni all’interno del settore giovanile dei bianchi vercellesi.
  9. 9. 8 - venerdì 11 aprile 2014 Come si diventa Grigi Michela Amisano C ontinuiamo il viaggio i- niziato nei mesi scorsi per conoscere le forma- zioni del Settore Giova- nile dell’Alessandria Calcio. Questa settimana è la volta dei Pulcini 2004 a sette giocatori di Mister Strato Landolfi e dei Pul- cini 2004 a sei giocatori di Mi- ster Emanuele Loprieno. Mister Landolfi è alla suo se- condo campionato in Grigio. Co- sa significa per lei essere rima- sto? “Ringrazio il Presidente e i suoi collaboratori e Alberto Sala, per avermi dato la possibilità di continuare questo sogno. Ho trascorso sette anni ad Acqui in precedenza, dove allenavo Pulci- ni, Giovanissimi e Allievi Regio- nali, ma per me il top è allenare qui ad Alessandria”. Nel corso della stagione sono avvenuti dei cambiamenti nella sua forma- zione, che ora si è sdoppiata… “All’inizio della stagione ho rico- minciato a lavorare con il grup- po dell’anno scorso, a cui pian piano sono stati aggiunti altri bambini. Il gruppo è arrivato fi- no a venti elementi e ci siamo accorti che era un numero abba- stanza alto. A dicembre, la socie- tà ha deciso di dividere i ragazzi in due gruppi: i Pulcini 2004 a sette giocatori che ho continua- to ad allenare io, mentre i Pul- cini 2004 a sei giocatori sono al- lenati dal nuovo Mister (Loprie- no ndr.)”. Che campionato affrontano i suoi ragazzi? “Disputiamo un campionato F.I.G.C. e abbiamo partecipato ad alcuni tornei. Quando affrontiamo gare in provincia, giochiamo sotto leva ed è giusto che sia così, perché i ragazzi crescono meglio. Fuori provincia invece abbiamo af- frontato squadre come Sampdo- ria e Torino e in quel caso ab- biamo giocato pari leva”. Qual è l’obiettivo del lavoro che svolge con la sua squadra? “L’obiettivo è quello comune di tutti gli allenatori del Settore Giovanile: portare più bambini possibili ad una categoria supe- riore e, nel nostro caso, ai Pul- cini terzo anno. La base di tutto il lavoro è il gioco e il diverti- mento, ma anche il rispetto del- le regole e dei ruoli. Il mio pro- gramma è di tipo tecnico, didat- tico ed educativo, senza dimen- ticare che questo è il periodo d’oro dell’apprendimento, per- ciò gli allenamenti si focalizzano sulla tecnica di base e sul domi- nio e la sensibilità della palla. Durante la settimana lavoro an- che dal punto di vista psicologi- co, mentre il giorno della partita punto di più sulle motivazioni”. Cosa vuole trasmettere a que- sti giovani calciatori? “Ripeto spesso ai bambini durante la settimana che la nostra arma vincente è la solidarietà e l’ar- monia. Quello che è importante, sia per noi tecnici che per i ge- nitori, è vedere che i bambini vi- vano quest’esperienza con ani- mo lieto, in un clima sereno. Vorrei anche far capire loro che la maglia grigia significa fierez- za, così a poco a poco potranno fare propria questa maglia sto- rica”. Mister Loprieno, lei è entrato da poco a far parte del Settore Giovanile dell’Alessandria Cal- cio… “Sì, ho iniziato il 7 gennaio con i Pulcini 2004 a sei giocato- ri. Mister Landolfi ha tenuto i 10 bambini che allenava già l’anno prima, mentre tutti i bambini nuovi ho iniziato ad allenarli io”. Dove allenava in preceden- za? “Ho iniziato ad allenare a 19 anni all’Europa Alessandria, poi mi sono trasferito a Pavia, dove per cinque anno ho allenato i Pulcini”. Come mai ha scelto l’Alessan- dria? “Il Pavia già l’anno scorso aveva deciso di sospendere l’at- tività di base. Sono rimasto lì fi- no a novembre nonostante non allenassi perché erano rimaste solo due squadre. Io però sono di Alessandria e la voglia di al- lenare qui c’è sempre stata. Fin da piccolo sono tifoso dei Grigi ed è l’unica squadra per cui fac- cio il tifo, tanto che da ragazzo ho smesso anche di giocare per poter seguire l’Alessandria”. Come imposta il suo lavoro con i piccoli calciatori della sua squadra? “Per me l’importante è mettere il bambino al centro del progetto, il protagonista assolu- to deve essere lui. Non sono un Mister che grida e comanda, perché è il momento dei bambi- ni e la partita del sabato è la ve- rifica del lavoro fatto in settima- na. Noi lavoriamo tanto sulla tecnica di base, sull’uno contro uno, due contro uno o due con- tro due, perché questo tipo di la- voro dà molta personalità al bambino. Superare l’ostacolo, che in questo caso è l’avversario, dà fiducia al bambino. Il lavoro psicologico sulla motivazione, sull’eliminazione del non ce la posso fare per me è importante. Alcuni bambini che non aveva- no fiducia in se stessi all’inizio, oggi sono diventati leader in campo”. Senza dimenticare le rego- le… “Sicuramente le regole sono importanti, tutti devono essere amici, collaborare, volersi bene e giocare. Imparando il calcio”. Che tipo di rapporto hanno i bambini di questa età con la ma- glia grigia? “Loro tengono tan- tissimo a far parte di questa so- cietà: sono molto attaccati alla squadra. Quando siamo venuti insieme a vedere il Mantova e- rano esaltatissimi e il sabato mi chiedevano i numeri di maglia dei giocatori che gli erano pia- ciuti di più nella partita di ve- nerdì sera”. Il benessere comincia da qui. KIMONOPORTE srl Esposizione e vendita: Spalto Gamondio, 27 - 15121 Alessandria Tel. 0131.443445 - www.kimonoporte.it kimonoarredobagnoRisultati Settore Giovanile __Berretti: Alessandria - Pavia 1-2 (De Nardi). Al- lievi Nazionali 1997: A- lessandria - Bra 5-0 (3 Neirotti, 2 Cabella). Al- lievi Regionali Fascia B 1998: Alessandria - Cen- tallo 0-0. Giovanissimi Nazionali 1999: Alessan- dria - Bra 0-3 (Pantini). Prossimo turno Berretti: Virtus Entella-A- lessandria sabato 12 a- prile. Allievi Nazionali 1997: Juventus-Alessan- dria domenica 13 apri- le. L’Alessandria al “Memorial Gusella” __Gli Allievi 98 fascia B e i Giovanissimi nazionali 99 parteciperanno al “Memorial Gusella”, previsto a Torino dal 18 al 21 aprile. Si tratta di una manifestazione di grande prestigio per la pre- senza di squadre provenienti da tutta Europa. 48 le socie- tà presenti al torneo dei Gio- vanissimi, 16 invece quelle coinvolte nel torneo degli Al- lievi. Tra i nomi più significa- tivi quelli di Napoli, Roma, Ju- ventus, Sampdoria, Genoa, A- talanta, Lokomotiv Mosca e Copenaghen.

×