SlideShare a Scribd company logo

Italian - First Esdras.pdf

1 Esdras is the ancient Greek Septuagint version of the biblical Book of Ezra in use within the early church, and among many modern Christians with varying degrees of canonicity. 1 Esdras is substantially similar to the standard Hebrew version of Ezra–Nehemiah, with the passages specific to the career of Nehemiah removed or re-attributed to Ezra, and some additional material.

1 of 11
Download to read offline
Italian - First Esdras.pdf
CAPITOLO 1
1 E Giosia celebrò la festa della pasqua in Gerusalemme al
suo Signore, e offrì la pasqua il quattordicesimo giorno del
primo mese;
2 Avendo stabilito i sacerdoti secondo le loro funzioni
quotidiane, vestiti di lunghe vesti, nel tempio del Signore.
3 Poi disse ai leviti, santi ministri d'Israele, di consacrarsi al
Signore e di collocare l'arca santa del Signore nella casa che il
re Salomone, figlio di Davide, aveva costruito:
4 E disse: «Non porterete più l'arca sulle vostre spalle; ora
dunque servite il Signore vostro Dio, servite il suo popolo
Israele, e preparatevi secondo le vostre famiglie e i vostri
parenti,
5 Secondo quanto ha prescritto Davide, re d'Israele, e secondo
la magnificenza di suo figlio Salomone, e stando nel tempio
secondo la diversa dignità delle vostre famiglie, leviti, che
prestate servizio alla presenza dei vostri fratelli, figli
d'Israele. ,
6 Offrite la Pasqua in ordine, preparate i sacrifici per i vostri
fratelli, e celebrate la Pasqua secondo il comandamento del
Signore, che fu dato a Mosè.
7 Giosia diede alla gente che si trovava là trentamila agnelli,
capretti e tremila vitelli: queste cose furono date al popolo, ai
sacerdoti e ai leviti, come aveva promesso il re.
8 Elchia, Zaccaria e Sielo, governatori del tempio, donarono ai
sacerdoti per la pasqua duemilaseicento pecore e trecento
vitelli.
9 E Ieconia, Samaia, suo fratello Natanaele, Assabia, Ochiel e
Ioram, capi di migliaia, diedero ai leviti per la pasqua
cinquemila pecore e settecento vitelli.
10 Terminate queste cose, i sacerdoti e i leviti, con i pani
azzimi, stavano in piedi in ordine molto conveniente, secondo
le famiglie,
11 E secondo le diverse dignità dei padri, davanti al popolo,
per offrire al Signore, come è scritto nel libro di Mosè: e così
facevano la mattina.
12 E arrostirono la pasqua sul fuoco, come si conviene;
quanto ai sacrifici, li cosparsero in pentole e padelle di rame di
buon odore.
13 Li presentarono davanti a tutto il popolo; poi prepararono i
preparativi per se stessi e per i sacerdoti, loro fratelli, figli di
Aronne.
14 Poiché i sacerdoti offrirono il grasso fino alla notte; i leviti
e i sacerdoti loro fratelli, figli di Aronne, prepararono la cosa
per se stessi.
15 Anche i santi cantori, figli di Asaf, erano nel loro ordine,
secondo l'ordine di Davide, cioè Asaf, Zaccaria e Jeduthun,
che era del seguito del re.
16 Inoltre i portieri erano a ogni porta; non era lecito a
nessuno abbandonare il suo servizio ordinario; i leviti
prepararono per loro i fratelli.
17 Così furono compiute in quel giorno le cose relative ai
sacrifici del Signore, affinché si potesse celebrare la Pasqua,
18 E offrite sacrifici sull'altare del Signore, secondo il
comandamento del re Giosia.
19 Così i figli d'Israele che erano presenti celebrarono in quel
tempo la pasqua e la festa dei pani dolci per sette giorni.
20 E una pasqua simile non veniva celebrata in Israele fin dai
tempi del profeta Samuele.
21 Sì, tutti i re d'Israele non celebrarono una Pasqua simile a
quella che Giosia, i sacerdoti, i leviti e i Giudei tennero con
tutto Israele che fu trovato a dimorare a Gerusalemme.
22 Nell'anno diciottesimo del regno di Giosia fu celebrata
questa Pasqua.
23 E le opere di Giosia furono rette davanti al suo Signore con
un cuore pieno di pietà.
24 Quanto alle cose accadute al suo tempo, sono state scritte
in tempi antichi, riguardo a coloro che, più di tutti i popoli e
regni, hanno peccato e hanno agito malvagiamente contro il
Signore, e come lo hanno addolorato grandemente, tanto che
le parole del Signore Il Signore si levò contro Israele.
25 Ora, dopo tutte queste gesta di Giosia, avvenne che il
faraone, re d'Egitto, venne a muovere guerra a Carcamis,
sull'Eufrate; e Giosia uscì contro di lui.
26 Ma il re d'Egitto gli mandò a dire: Che ho a che fare con te,
o re della Giudea?
27 Io non sono stato mandato dal Signore Dio contro di te;
poiché la mia guerra è sull'Eufrate: e ora il Signore è con me,
sì, il Signore è con me che mi spinge avanti: allontanati da me
e non essere contro il Signore.
28 Tuttavia Giosia non allontanò da lui il suo carro, ma
cominciò a combattere con lui, senza tener conto delle parole
del profeta Geremia dette per bocca del Signore:
29 Ma gli attaccarono battaglia nella pianura di Magiddo, e i
principi vennero contro il re Giosia.
30 Allora il re disse ai suoi servitori: Portatemi via dalla
battaglia; perché sono molto debole. E subito i suoi servi lo
portarono via dalla battaglia.
31 Poi salì sul secondo carro; e, riportato a Gerusalemme,
morì e fu sepolto nel sepolcro di suo padre.
32 E in tutta la Giudea si pianse per Giosia, sì, il profeta
Geremia si lamentò per Giosia, e i capi degli uomini e le
donne fecero lamenti per lui fino al giorno d'oggi: e questo fu
dato come un'ordinanza da osservare continuamente in tutta la
nazione. di Israele.
33 Queste cose sono scritte nel libro dei racconti dei re di
Giuda, tutte le azioni compiute da Giosia, la sua gloria, la sua
intelligenza nella legge dell'Eterno e le cose che aveva fatto
prima, e le cose ora recitate, sono riportate nel libro dei re
d'Israele e della Giudea.
34 Il popolo prese Joachaz, figlio di Josias, e lo fece re al
posto di Josias suo padre, quando aveva ventitré anni.
35 E regnò tre mesi in Giudea e a Gerusalemme; poi il re
d'Egitto lo depose dal regno a Gerusalemme.
36 E stabilì sul paese una tassa di cento talenti d'argento e un
talento d'oro.
37 Il re d'Egitto nominò re della Giudea e di Gerusalemme
anche il re Ioacim suo fratello.
38 E legò Joacim e i nobili; ma catturò Zaraces, suo fratello, e
lo fece uscire dall'Egitto.
39 Ioacim aveva vent'anni quando fu fatto re nel paese di
Giudea e di Gerusalemme; e fece ciò che è male davanti al
Signore.
40 Perciò salì contro di lui Nabucodònosor re di Babilonia, lo
legò con una catena di rame e lo portò a Babilonia.
41 Nabucodonosor prese anche degli arredi sacri del Signore,
li portò via e li pose nel suo tempio a Babilonia.
42 Ma ciò che si racconta di lui, della sua impurità ed empietà,
è scritto nelle cronache dei re.
43 Al suo posto regnò suo figlio Joacim; fu fatto re all'età di
diciotto anni;
44 E regnò solo tre mesi e dieci giorni a Gerusalemme; e fece
il male davanti al Signore.
45 Così dopo un anno Nabucodonosor mandò a farlo condurre
a Babilonia con gli arredi sacri del Signore;
46 E nominò Sedechia re della Giudea e di Gerusalemme,
quando aveva ventun anni; e regnò undici anni:
47 Ed egli fece anche ciò che è male agli occhi del Signore, e
non si preoccupò delle parole che gli erano state dette dal
profeta Geremia dalla bocca del Signore.
48 E dopo che il re Nabucodonosor gli ebbe fatto giurare nel
nome del Signore, giurò e si ribellò; e indurendo il collo e il
cuore, trasgredì le leggi del Signore Dio d'Israele.
49 Anche i governatori del popolo e i sacerdoti fecero molte
cose contro le leggi, eliminarono tutte le contaminazioni di
tutte le nazioni e contaminarono il tempio del Signore, che era
santificato in Gerusalemme.
50 Tuttavia il Dio dei loro padri mandò mediante il suo
messaggero a richiamarli, perché aveva risparmiato loro e
anche il suo tabernacolo.
51 Ma essi si facevano beffe dei suoi messaggeri; ed ecco,
quando il Signore parlò loro, si burlarono dei suoi profeti:
52 A tal punto che egli, adirato contro il suo popolo per la sua
grande empietà, comandò ai re dei Caldei di salire contro di
loro;
53 I quali uccisero i loro giovani con la spada, sì, anche entro i
confini del loro santo tempio, e non risparmiarono né giovane
né fanciulla, né vecchio né bambino, tra loro; poiché ha
consegnato tutto nelle loro mani.
54 Poi presero tutti gli arredi sacri del Signore, grandi e
piccoli, insieme agli arredi dell'arca di Dio e ai tesori del re, e
li portarono a Babilonia.
55 Quanto alla casa dell'Eterno, la incendiarono, demolirono
le mura di Gerusalemme e incendiarono le sue torri.
56 E quanto alle sue meraviglie, non cessarono mai finché non
le consumarono e le annientarono tutte; e deportò a Babilonia
il popolo che non era stato ucciso con la spada.
57 i quali divennero servi suoi e dei suoi figli, finché
regnarono i Persiani, per adempiere la parola del Signore
pronunciata per bocca di Geremia:
58 Finché la terra non avrà goduto i suoi sabati, riposerà per
tutto il tempo della sua desolazione, fino al termine di
settant'anni.
CAPITOLO 2
1 Nel primo anno di Ciro, re dei Persiani, affinché si compisse
la parola del Signore, che egli aveva promessa per bocca di
Geremia;
2 Il Signore suscitò lo spirito di Ciro, re dei Persiani, ed egli
annunciò in tutto il suo regno e anche per iscritto:
3 Dicendo: Così dice Ciro, re dei Persiani; Il Signore d'Israele,
il Signore altissimo, mi ha costituito re del mondo intero,
4 E mi comandò di costruirgli una casa a Gerusalemme in
Giudea.
5 Se dunque c'è qualcuno di voi che è del suo popolo, il
Signore, il suo Signore, sia con lui, e salga a Gerusalemme
che è in Giudea e costruisca la casa del Signore d'Israele,
poiché egli è il Signore che abita in Gerusalemme.
6 Chiunque dunque abita nei dintorni, lo aiutino, dico, quelli
che sono i suoi vicini, con oro e argento,
7 Con doni, cavalli, bestiame e altre cose, che sono state
stabilite mediante voto, per il tempio del Signore in
Gerusalemme.
8 Allora si alzarono i capi delle famiglie della Giudea e della
tribù di Beniamino; anche i sacerdoti, i leviti e tutti coloro ai
quali il Signore aveva deciso di partire per costruire una casa
al Signore in Gerusalemme,
9 E quelli che abitavano intorno a loro, e li aiutavano in ogni
cosa con argento e oro, con cavalli e bestiame, e con
moltissimi doni gratuiti di un gran numero le cui menti erano
stimolate a ciò.
10 Il re Ciro portò fuori anche gli arredi sacri che
Nabucodonosor aveva portato via da Gerusalemme e aveva
collocato nel suo tempio degli idoli.
11 Ora, quando Ciro, re dei Persiani, li ebbe condotti fuori, li
consegnò a Mitridate, suo tesoriere.
12 E per mezzo di lui furono consegnati a Sanabassar,
governatore della Giudea.
13 E questo era il loro numero; Mille coppe d'oro e mille
d'argento, incensieri d'argento ventinove, trenta fiale d'oro e
duemilaquattrocentodieci d'argento e mille altri vasi.
14 Tutti gli oggetti d'oro e d'argento che furono trasportati
ammontarono dunque a cinquemilaquattrocentosessantanove.
15 Questi furono riportati da Sanabassar, insieme con quelli
della cattività, da Babilonia a Gerusalemme.
16 Ma al tempo di Artersese re dei Persiani, Belemo,
Mitridate, Tabellio, Ratumo, Beeltetmo e Semellio il
segretario, con altri che erano loro commissari, dimoranti in
Samaria e in altri luoghi, gli scrissero contro per coloro che
abitavano in Giudea e a Gerusalemme seguono queste lettere;
17 Al re Arteserse, nostro signore, ai tuoi servi, a Ratumo lo
scrittore di storie, a Semellio lo scriba e al resto del loro
consiglio e ai giudici che sono in Celosiria e in Fenice.
18 Sia ora noto al signore re che i Giudei, che sono saliti da te
fino a noi, essendo venuti a Gerusalemme, quella città ribelle
ed empia, costruiscono le piazze dei mercati, ne riparano le
mura e gettano le fondamenta della tempio.
19 Ora, se questa città e le sue mura fossero ricostruite, non
solo rifiuterebbero di pagare il tributo, ma si ribellerebbero
anche contro i re.
20 E poiché le cose riguardanti il tempio sono ora in corso,
riteniamo opportuno non trascurare tale questione,
21 Ma per parlare al re nostro signore, affinché, se ti piace,
possa essere ricercato nei libri dei tuoi padri:
22 Troverai nelle cronache ciò che è scritto riguardo a queste
cose e comprenderai che quella città era ribelle e metteva in
difficoltà re e città.
23 E che i Giudei erano ribelli e suscitavano sempre guerre lì
dentro; per la quale causa anche questa città fu resa desolata.
24 Perciò ora ti dichiariamo, o re signore, che se questa città
sarà ricostruita e le sue mura ricostruite, d'ora in poi non avrai
più passaggio in Celosiria e in Fenice.
25 Allora il re scrisse di nuovo a Rathumus lo scrittore di
storie, a Beeltethmus, a Semellius lo scriba e agli altri
commissari e agli abitanti di Samaria, Siria e Fenice, in questo
modo;
26 Ho letto l'epistola che mi avete mandato; perciò ho
comandato di fare una ricerca diligente, e si è scoperto che
quella città fin dall'inizio si stava esercitando contro i re;
27 E gli uomini là erano dediti alla ribellione e alla guerra; e
che a Gerusalemme c'erano re potenti e feroci, che regnavano
ed esigevano tributi in Celosiria e in Fenice.
28 Ora dunque ho comandato di impedire a quegli uomini di
costruire la città, e di vigilare affinché non vi venga più fatto
nulla;
29 E che quei malvagi operai non procedessero oltre a irritare
i re,
30 Allora Rathumo, lo scriba Semellio e gli altri che erano
loro incaricati, lette le sue lettere dal re Arteserse, partirono in
fretta verso Gerusalemme con una truppa di cavalieri e una
moltitudine di persone in assetto di guerra, e cominciarono a
ostacolare i costruttori ; e la costruzione del tempio a
Gerusalemme cessò fino al secondo anno del regno di Dario,
re dei Persiani.
CAPITOLO 3
1 Ora, quando Dario regnava, fece un grande banchetto a tutti
i suoi sudditi, a tutta la sua famiglia e a tutti i principi della
Media e della Persia,
2 E a tutti i governatori, capitani e luogotenenti che erano
sotto di lui, dall'India all'Etiopia, di centoventisette province.
3 Dopo che ebbero mangiato e bevuto e, sazi, tornarono a casa,
il re Dario entrò nella sua camera da letto, si addormentò e
subito dopo si svegliò.
4 Allora tre giovani della guardia che custodiva il corpo del re
parlarono tra loro;
5 Ciascuno di noi dica una sentenza: a colui che vincerà e la
cui sentenza sembrerà più saggia delle altre, il re Dario gli
darà grandi doni e grandi cose in segno di vittoria.
6 Come vestirsi di porpora, bere d'oro, dormire sopra l'oro,
avere un carro con briglie d'oro, una corona di lino finissimo e
una catena al collo.
7 E siederà accanto a Dario a causa della sua saggezza, e sarà
chiamato Dario suo cugino.
8 Poi ciascuno scrisse la sua sentenza, la sigillò e la pose sotto
il cuscino del re Dario;
9 E disse che, quando il re sarà risuscitato, alcuni gli daranno
gli scritti; e da parte di chi il re e i tre principi di Persia
giudicheranno che la sua sentenza è la più saggia, a lui sarà
data la vittoria, come era stato stabilito.
10 Il primo scriveva: Il vino è il più forte.
11 Il secondo scrisse: Il re è il più forte.
12 Il terzo scriveva: Le donne sono le più forti: ma soprattutto
la verità porta via la vittoria.
13 Quando il re si alzò, presero i loro scritti, glieli
consegnarono ed egli li lesse:
14 E mandò a chiamare tutti i principi della Persia e della
Media, i governatori, i capitani, i luogotenenti e i primi
ufficiali;
15 E lo fece sedere sul trono reale del giudizio; e gli scritti
furono letti davanti a loro.
16 E disse: Chiamate i giovani, ed essi dichiareranno le loro
sentenze. Furono dunque chiamati ed entrarono.
17 Ed egli disse loro: Diteci il vostro pensiero riguardo agli
scritti. Allora cominciò il primo, che aveva parlato della forza
del vino;
18 Ed egli disse così: O voi uomini, quanto è forte il vino! fa
errare tutti gli uomini che lo bevono:
19 Ciò fa sì che i sentimenti del re e dell'orfano siano tutt'uno;
dello schiavo e del libero, del povero e del ricco:
20 Inoltre trasforma ogni pensiero in allegria e allegria, così
che l'uomo non si ricorda né del dolore né del debito:
21 E ciò arricchisce ogni cuore, tanto che un uomo non si
ricorda né del re né del governatore; e fa parlare ogni cosa
mediante i talenti:
22 E quando sono ubriachi, dimenticano il loro amore sia
verso gli amici che verso i fratelli, e poco dopo sguainano le
spade:
23 Ma quando sono usciti dal vino, non si ricordano di quello
che hanno fatto.
24 O voi uomini, non è il vino il più forte che spinge a fare
così? E dopo aver così parlato, tacque.
CAPITOLO 4
1 Allora il secondo, che aveva parlato della forza del re,
cominciò a dire:
2 O voi uomini, non eccellono in forza gli uomini che
governano il mare, la terra e tutte le cose in essi?
3 Ma tuttavia il re è più potente, poiché è signore di tutte
queste cose e ha il dominio su di esse; e fanno qualunque cosa
egli comandi loro.
4 Se ordina loro di farsi la guerra gli uni contro gli altri, lo
fanno; se li manda contro i nemici, vanno e abbattono i monti,
i muri e le torri.
5 Uccidono e vengono uccisi, e non trasgrediscono il
comandamento del re; se vincono, portano tutto al re, anche il
bottino, come ogni altra cosa.
6 Allo stesso modo quelli che non sono soldati e non hanno a
che fare con le guerre, ma si dedicano all'agricoltura, quando
hanno raccolto di nuovo ciò che avevano seminato, lo portano
al re e si costringono a pagare il tributo al re.
7 Eppure è un uomo solo: se comanda di uccidere, uccidono;
se comanda di risparmiare, risparmiano;
8 Se comanda di colpire, colpiscono; se comanda di rendere
desolato, rendono desolato; se comanda di costruire,
costruiscono;
9 Se comanda di tagliare, tagliano; se comanda di piantare,
piantano.
10 Così tutto il suo popolo e i suoi eserciti gli obbediscono;
inoltre egli si corica, mangia, beve e si riposa.
11 E questi lo sorvegliano attorno, nessuno può allontanarsi
per fare i propri affari, né disobbedirgli in alcuna cosa.
12 O voi uomini, come non potrebbe il re essere il più potente,
quando gli si obbedisce in questo modo? E ha tenuto a freno
la lingua.
13 Allora cominciò a parlare il terzo, che aveva parlato delle
donne e della verità, era Zorobabele.
14 O voi uomini, non è il grande re, né la moltitudine degli
uomini, né è il vino, che eccelle; chi è dunque che li governa o
li signoria? non sono donne?
15 Le donne hanno partorito il re e tutto il popolo che governa
per mare e per terra.
16 Anche da loro vennero: e nutrirono quelli che piantavano
le vigne, da dove viene il vino.
17 Anche questi confezionano vesti per gli uomini; questi
portano gloria agli uomini; e senza le donne gli uomini non
possono esistere.
18 Sì, e se gli uomini hanno raccolto oro e argento, o qualsiasi
altra cosa preziosa, non amano forse una donna che sia
avvenente in favore e bellezza?
19 E lasciando andare tutte queste cose, non restano a bocca
aperta, e anche con la bocca aperta non fissano gli occhi su di
lei; e non l'hanno forse tutti gli uomini più desiderata
dell'argento o dell'oro o di qualsiasi altra cosa bella?
20 L'uomo lascia il padre che lo ha allevato e il suo paese e si
unisce a sua moglie.
21 Non si impegna a trascorrere la vita con sua moglie. e non
ricorda né padre, né madre, né patria.
22 Dovete sapere anche da questo che le donne hanno il
dominio su di voi: non faticate e vi affaticate, per dare e
portare tutto alla donna?
23 Sì, un uomo prende la sua spada e se ne va per derubare e
rubare, per navigare sul mare e sui fiumi;
24 E guardò un leone e camminò nelle tenebre; e quando ha
rubato, rovinato e derubato, lo porta al suo amore.
25 Perciò un uomo ama sua moglie più del padre o della
madre.
26 Sì, ce ne sono molti che hanno perso il senno per le donne
e sono diventati servi per amor loro.
27 Anche molti sono morti, hanno errato e hanno peccato a
causa delle donne.
28 E ora non mi credete? non è il re grande in suo potere? non
tutte le regioni temono di toccarlo?
29 Eppure vidi lui e Apame, concubina del re, figlia del
mirabile Bartaco, seduti alla destra del re,
30 E prese la corona dalla testa del re e la pose sul suo capo;
colpì anche il re con la mano sinistra.
31 Nonostante tutto ciò, il re rimase a bocca aperta e la guardò
a bocca aperta: se ella rideva di lui, rideva anche lui; ma se lei
gli dispiaceva, il re era pronto a lusingarla, affinché lei potesse
riconciliarsi con lui. Ancora.
32 O uomini, come può essere che le donne non siano forti,
visto che fanno così?
33 Allora il re e i principi si guardarono l'un l'altro: ed egli
cominciò a parlare della verità.
34 O uomini, non sono forse forti le donne? grande è la terra,
alto è il cielo, veloce è il sole nel suo corso, poiché egli
circonda i cieli tutt'intorno e in un giorno riprende il suo corso
fino al suo luogo.
35 Non è grande colui che fa queste cose? quindi grande è la
verità e più forte di tutte le cose.
36 Tutta la terra grida alla verità, e il cielo la benedice; tutte le
opere si agitano e tremano davanti ad essa, e con essa non vi è
alcuna cosa ingiusta.
37 Il vino è malvagio, il re è malvagio, le donne sono
malvagie, tutti i figli degli uomini sono malvagi, e tali sono
tutte le loro opere malvagie; e non c'è verità in essi; anch'essi
periranno nella loro ingiustizia.
38 Quanto alla verità, essa dura ed è sempre forte; vive e
vince in eterno.
39 Presso di lei non si accettano persone né ricompense; ma fa
le cose giuste e si astiene da tutte le cose ingiuste e malvagie;
e tutti gli uomini apprezzano le sue opere.
40 Né nel suo giudizio vi è alcuna ingiustizia; e lei è la forza,
il regno, il potere e la maestà di tutte le epoche. Benedetto sia
il Dio della verità.
41 E con ciò tacque. E tutto il popolo allora gridava e diceva:
Grande è la verità e potente sopra ogni cosa.
42 Allora il re gli disse: Chiedi quello che vuoi in più di
quanto sta scritto, e noi te lo daremo, perché sei trovato il più
saggio; e tu siederai accanto a me e sarai chiamato mio cugino.
43 Allora disse al re: Ricordati del voto che hai fatto di
edificare Gerusalemme nel giorno in cui sei entrato nel tuo
regno.
44 e di mandare via tutti gli arredi che erano stati portati via
da Gerusalemme, e che Ciro aveva messo da parte quando
aveva giurato di distruggere Babilonia, e di rimandarli là.
45 Anche tu hai giurato di ricostruire il tempio, che gli
Edomiti incendiarono quando la Giudea fu devastata dai
Caldei.
46 Ed ora, o signore re, questo è ciò che chiedo e ciò che
desidero da te, e questa è la generosità principesca che
procede da te stesso: desidero pertanto che tu mantenga il voto,
il cui adempimento con la tua stessa bocca hai fatto voto al Re
del cielo.
47 Allora il re Dario si alzò, lo baciò e scrisse per lui lettere a
tutti i tesorieri, ai luogotenenti, ai capitani e ai governatori,
affinché potessero mettere in salvo lui e tutti quelli che
sarebbero saliti con lui a costruire Gerusalemme. .
48 Scrisse lettere anche ai luogotenenti che erano in Celosiria
e in Fenice, e a loro in Libano, affinché portassero legno di
cedro dal Libano a Gerusalemme e costruissero con lui la città.
49 Inoltre scrisse per tutti i Giudei che erano passati dal suo
regno alla Giudea, riguardo alla loro libertà, che nessun
funzionario, nessun governatore, nessun luogotenente, né
tesoriere dovesse entrare con la forza nelle loro porte;
50 E che tutto il paese che possiedono dovrebbe essere libero
senza tributi; e che gli Edomiti dovessero cedere i villaggi dei
Giudei che allora possedevano:
51 Sì, che si dessero annualmente venti talenti alla costruzione
del tempio, fino al tempo in cui esso fosse costruito;
52 E altri dieci talenti all'anno, per conservare ogni giorno gli
olocausti sull'altare, secondo il comandamento di offrirne
diciassette.
53 E che tutti coloro che andarono da Babilonia per costruire
la città avessero libera libertà, così come i loro posteri e tutti i
sacerdoti che se ne andarono.
54 Scrisse anche in merito. gli incarichi e le vesti dei sacerdoti
con cui esercitano il ministero;
55 Lo stesso vale per i compiti dei Leviti, che saranno loro
assegnati fino al giorno in cui la casa sarà terminata e
Gerusalemme ricostruita.
56 E comandò di dare a tutti coloro che mantenevano la città
pensioni e salari.
57 Mandò via anche da Babilonia tutti gli utensili che Ciro
aveva messo da parte; e tutto ciò che Ciro aveva comandato,
lo stesso ordinò che fosse fatto, e lo mandò a Gerusalemme.
58 Quando il giovane fu uscito, alzò la faccia al cielo verso
Gerusalemme e lodò il re del cielo,
59 E disse: Da te viene la vittoria, da te viene la saggezza, e
tua è la gloria, e io sono tuo servitore.
60 Benedetto sei tu che mi hai dato la saggezza: perché a te
rendo grazie, o Signore dei nostri padri.
61 E così prese le lettere, partì, venne a Babilonia e raccontò
la cosa a tutti i suoi fratelli.
62 E lodavano il Dio dei loro padri, perché aveva dato loro
libertà e libertà
63 Per salire ed edificare Gerusalemme e il tempio che porta il
suo nome; e banchettarono con strumenti musicali e di gioia
per sette giorni.
CAPITOLO 5
1 Dopo di ciò furono scelti gli uomini principali delle famiglie
secondo le loro tribù, per salire con le loro mogli, i loro figli e
le loro figlie, con i loro servi e le loro serve e il loro bestiame.
2 E Dario mandò con loro mille cavalieri, finché non li
ricondussero sani e salvi a Gerusalemme, e con strumenti
musicali, tamburi e flauti.
3 E tutti i loro fratelli giocavano, ed egli li faceva salire
insieme a loro.
4 E questi sono i nomi degli uomini che salirono, secondo le
loro famiglie fra le loro tribù, secondo i loro diversi capi.
5 I sacerdoti, figli di Finees, figlio di Aaronne: Gesù, figlio di
Josedec, figlio di Saraia, e Joacim, figlio di Zorobabel, figlio
di Salathiel, della casa di Davide, della stirpe di Phares, di la
tribù di Giuda;
6 Il quale pronunciò sentenze sagge davanti a Dario re di
Persia nel secondo anno del suo regno, nel mese di Nisan, che
è il primo mese.
7 Questi sono i Giudei risaliti dalla deportazione dove
dimoravano come forestieri e che Nabucodonosor, re di
Babilonia, aveva deportato a Babilonia.
8 Poi tornarono a Gerusalemme e nelle altre parti della Giudea,
ciascuno nella propria città, quelli che erano venuti con
Zorobabele, con Gesù, Neemia, Zaccaria, Reesaia, Enenio e
Mardocheo. Belsaro, Asfaraso, Reelius, Roimus e Baana, le
loro guide.
9 Il numero di loro della nazione e dei loro governatori, figli
di Phoros, duemilacentosettantadue; figli di Safat,
quattrocentosettantadue:
10 Figli di Ares, settecentocinquantasei:
11 I figli di Phaath Moab, duemilaottocentododici:
12 I figli di Elam, milleduecentocinquantaquattro: i figli di
Zathul, novecentoquarantacinque: i figli di Corbe,
settecentocinque: i figli di Bani, seicentoquarantotto:
13 I figli di Bebai, seicentoventitre: i figli di Sadas,
tremiladuecentoventidue:
14 I figli di Adonikam, seicentosessantasette: i figli di Bagoi,
duemilasessantasei: i figli di Adin,
quattrocentocinquantaquattro:
15 I figli di Aterezias, novantadue: i figli di Ceilan e Azetas
sessantasette: i figli di Azuran, quattrocentotrentadue:
16 I figli di Anania, centouno: i figli di Arom, trentadue: i
figli di Bassa, trecentoventitre: i figli di Azephurith, centodue:
17 I figli di Metero, tremilacinque: i figli di Bethlomon,
centoventitre:
18 Quelli di Netofa, cinquantacinque: quelli di Anathoth,
centocinquantotto: quelli di Betsamo, quarantadue:
19 Quelli di Kiriathiarius, venticinque: quelli di Caphira e
Beroth, settecentoquarantatre: quelli di Pira, settecento:
20 Quelli di Chadias e Ammidoi, quattrocentoventidue: quelli
di Cirama e Gabdes, seicentoventiuno:
21 Quelli di Macalon, centoventidue: quelli di Betolius,
cinquantadue: i figli di Nefi, centocinquantasei:
22 I figli di Calamolalo e Ono, settecentoventicinque: i figli di
Gerechus, duecentoquarantacinque:
23 I figli di Anna, tremilatrecentotrenta.
24 I sacerdoti: i figli di Jeddu, figlio di Gesù, tra i figli di
Sanasib, novecentosettantadue: i figli di Meruth,
millecinquantadue:
25 I figli di Fassaron, millequarantasette: i figli di Carme,
millediciassette.
26 Leviti: figli di Iesse, Cadmiel, Banuas e Sudias,
settantaquattro.
27 I santi cantori: figli di Asaf, centoventotto.
28 I portieri: figli di Salum, figli di Jatal, figli di Talmon, figli
di Dacobi, figli di Teta, figli di Sami, in tutto centotrentanove.
29 Servi del tempio: i figli di Esaù, i figli di Asifa, i figli di
Tabaoth, i figli di Ceras, i figli di Sud, i figli di Falea, i figli di
Labana, i figli di Graba,
30 I figli di Acua, i figli di Uta, i figli di Cetab, i figli di
Agaba, i figli di Subai, i figli di Anan, i figli di Cathua, i figli
di Geddur,
31 I figli di Airo, i figli di Daisan, i figli di Noeba, i figli di
Chaseba, i figli di Gazera, i figli di Azia, i figli di Finees, i
figli di Azare, i figli di Bastai, i figli di Asana , i figli di Meani,
i figli di Nafisi, i figli di Acub, i figli di Acifa, i figli di Assur,
i figli di Faracim, i figli di Basaloth,
32 I figli di Meeda, i figli di Coutha, i figli di Charae, i figli di
Charcus, i figli di Aserer, i figli di Thomoi, i figli di Nasith, i
figli di Atipha.
33 I figli dei servi di Salomone: i figli di Azaphion, i figli di
Farira, i figli di Jeeli, i figli di Lozon, i figli d'Israele, i figli di
Safet,
34 I figli di Hagia, i figli di Faracareth, i figli di Sabi, i figli di
Sarothie, i figli di Masias, i figli di Gar, i figli di Addus, i figli
di Suba, i figli di Aferra, i figli di Barodis , i figli di Sabat, i
figli di Allom.
35 Tutti i ministri del tempio e i figli dei servi di Salomone
erano trecentosettantadue.
36 Questi salirono da Thermeleth e Thelersas, guidati da
Charaathalar e Aalar;
37 Né potevano mostrare le loro famiglie, né la loro stirpe,
quale fossero gli Israeliti: i figli di Ladan, il figlio di Ban, i
figli di Necodan, seicentocinquantadue.
38 Dei sacerdoti che usurparono l'ufficio del sacerdozio e non
furono trovati: i figli di Obdia, i figli di Accoz, i figli di Addo,
che sposò Augia una delle figlie di Barzelus, e prese il nome
da lui.
39 E quando la descrizione della parentela di questi uomini fu
cercata nel registro, e non fu trovata, furono rimossi
dall'esercizio dell'ufficio del sacerdozio.
40 Poiché Neemia e Ataria dissero loro di non essere partecipi
delle cose sante finché non fosse sorto un sommo sacerdote
rivestito di dottrina e di verità.
41 Così gli Israeliti, dall'età di dodici anni in su, erano in tutto
quarantamila, oltre agli schiavi e alle serve
duemilatrecentosessanta.
42 I loro servi e le loro serve erano
settemilatrecentoquarantasette: i cantori e le donne cantanti:
duecentoquarantacinque.
43 Quattrocentotrentacinque cammelli, settemilatrentasei
cavalli, duecentoquarantacinque muli,
cinquemilacinquecentoventicinque bestie adibite al giogo.
44 Alcuni dei capi delle loro famiglie, giunti al tempio di Dio
che è a Gerusalemme, giurarono di ricostruire la casa al suo
posto, secondo le loro possibilità,
45 E di dare al tesoro sacro dei lavori mille libbre d'oro,
cinquemila d'argento e cento paramenti sacerdotali.
46 Così dimoravano i sacerdoti, i leviti, il popolo a
Gerusalemme e nella campagna, anche i cantori e i portieri; e
tutto Israele nei suoi villaggi.
47 Ma quando il settimo mese fu alle porte, e quando i figli
d'Israele furono ciascuno al suo posto, vennero tutti insieme
con un solo consenso allo spazio aperto della prima porta che
è verso est.
48 Allora Gesù, figlio di Josedec, e i suoi fratelli sacerdoti, e
Zorobabele, figlio di Salatiel, e i suoi fratelli, si alzarono e
prepararono l'altare del Dio d'Israele.
49 Per offrire su di esso olocausti, secondo quanto è
espressamente comandato nel libro di Mosè, uomo di Dio.
50 E si radunarono presso di loro le altre nazioni del paese, ed
eressero l'altare al suo posto, perché tutte le nazioni del paese
erano loro nemiche e le opprimevano; e offrivano sacrifici
secondo il tempo e olocausti al Signore, mattina e sera.
51 Celebravano anche la festa delle capanne, come è
comandato dalla legge, e offrivano sacrifici ogni giorno, come
era giusto.
52 E dopo ciò, le oblazioni continue e i sacrifici dei sabati, dei
noviluni e di tutte le feste sante.
53 E tutti quelli che avevano fatto qualche voto a Dio
cominciarono a offrire sacrifici a Dio dal primo giorno del
settimo mese, sebbene il tempio del Signore non fosse ancora
stato costruito.
54 E diedero ai muratori e ai falegnami denaro, cibo e
bevande, con allegria.
55 Anche a quelli di Sidone e di Tiro diedero dei carri perché
trasportassero alberi di cedro dal Libano, che sarebbero stati
trasportati su galleggianti al porto di Giaffa, secondo quanto
era stato loro comandato da Ciro, re dei Persiani.
56 E nel secondo anno e secondo mese dopo la sua venuta al
tempio di Dio a Gerusalemme, Zorobabel, figlio di Salathiel, e
Gesù, figlio di Josedec, e i loro fratelli, i sacerdoti, i leviti e
tutti quelli che erano vieni a Gerusalemme dalla cattività:
57 E gettarono le fondamenta della casa di Dio il primo giorno
del secondo mese, il secondo anno dopo il loro arrivo in
Giudea e a Gerusalemme.
58 E affidarono ai leviti dall'età di vent'anni le opere del
Signore. Allora si alzarono Gesù, i suoi figli e i suoi fratelli,
Cadmiel suo fratello, i figli di Madiabun, i figli di Joda figlio
di Eliadun, i loro figli e fratelli, tutti leviti, di comune accordo
preposti all'incarico. lavorando per far avanzare le opere nella
casa di Dio. Allora gli operai costruirono il tempio del Signore.
59 E i sacerdoti stavano vestiti dei loro paramenti, con
strumenti musicali e trombe; i leviti, figli di Asaf, avevano dei
cembali,
60 Cantando inni di ringraziamento e lodando il Signore,
come aveva ordinato Davide, re d'Israele.
61 E cantavano ad alta voce inni alla lode del Signore, perché
la sua misericordia e la sua gloria sono per sempre in tutto
Israele.
62 E tutto il popolo suonò le trombe e gridò a gran voce,
cantando canti di ringraziamento al Signore per la
raddrizzatura della casa del Signore.
63 Anche gli anziani dei sacerdoti, dei leviti e dei capi delle
loro famiglie, che avevano visto la casa precedente, si
recarono alla costruzione di questa con pianti e grandi grida.
64 Ma molti con trombe e con gioia gridavano a gran voce,
65 Tanto che non si udivano le trombe per il pianto del popolo;
eppure la moltitudine suonava in modo meraviglioso, tanto
che si udiva da lontano.
66 Pertanto, quando i nemici della tribù di Giuda e di
Beniamino udirono ciò, seppero cosa significasse quel suono
di trombe.
67 E si accorsero che quelli che erano in cattività avevano
costruito il tempio al Signore Dio d'Israele.
68 Andarono dunque da Zorobabele e da Gesù e dai capi delle
famiglie, e dissero loro: Costruiremo insieme con voi.
69 Poiché anche noi, come voi, obbediamo al vostro Signore e
gli offriamo sacrifici dai giorni di Azbazareth, re degli Assiri,
che ci condusse qui.
70 Allora Zorobabele, Gesù e i capi delle famiglie d'Israele
dissero loro: Non spetta a noi e a voi costruire insieme una
casa al Signore nostro Dio.
71 Noi soli edificheremo per il Signore d'Israele, secondo
come Ciro, re dei Persiani, ci ha comandato.
72 Ma le nazioni del paese opprimevano pesantemente gli
abitanti della Giudea e li tenevano stretti e ne impedivano la
costruzione;
73 E con i loro complotti segreti, le persuasioni e i tumulti
popolari, ostacolarono il completamento della costruzione per
tutto il tempo in cui visse il re Ciro: così furono impediti di
costruire per lo spazio di due anni, fino al regno di Dario.
CAPITOLO 6
1 Nel secondo anno del regno di Dario Aggeo e di Zaccaria
figlio di Addo, i profeti, profetizzarono ai Giudei in Giudea e
a Gerusalemme nel nome del Signore Dio d'Israele, che era su
di loro.
2 Allora Zorobabele, figlio di Salatiel, e Gesù, figlio di
Josedec, si alzarono e cominciarono a costruire la casa del
Signore a Gerusalemme, mentre i profeti del Signore erano
con loro e li aiutavano.
3 In quello stesso tempo venne loro incontro Sisinne,
governatore della Siria e della Fenice, con Sathrabuzanes e i
suoi compagni, e disse loro:
4 Per ordine di chi costruite questa casa e questo tetto e fate
tutte le altre cose? e chi sono gli operai che eseguono queste
cose?
5 Tuttavia gli anziani dei Giudei trovarono favore, perché il
Signore aveva visitato la deportazione;
6 E non furono impediti loro di costruire, finché non fu dato a
Dario un significato riguardo a loro, e ricevette una risposta.
7 La copia delle lettere che Sisinnes, governatore della Siria e
della Fenice, e Sathrabuzanes, con i loro compagni,
governanti in Siria e Fenice, scrissero e inviarono a Dario; Al
re Dario, saluto:
8 Sappia ogni cosa il re nostro signore: essendo entrati nel
paese della Giudea ed entrati nella città di Gerusalemme,
abbiamo trovato nella città di Gerusalemme gli anziani dei
Giudei che erano deportati
9 Costruire una casa al Signore, grande e nuova, con pietre
squadrate e pregiate e legname già posato sui muri.
10 E quelle opere vengono eseguite con grande rapidità, e
l’opera procede prosperamente nelle loro mani, e viene
eseguita con ogni gloria e diligenza.
11 Allora interrogammo questi anziani: In base al
comandamento di chi costruite questa casa e gettate le
fondamenta di queste opere?
12 Perciò, allo scopo di poterti dare conoscenza per iscritto,
abbiamo chiesto a coloro che erano i principali esecutori, e
abbiamo chiesto loro per iscritto i nomi dei loro uomini
principali.
13 Allora ci hanno risposto così: Noi siamo i servi del Signore
che hanno fatto il cielo e la terra.
14 Quanto a questa casa, fu costruita molti anni fa da un re
d'Israele grande e forte, e fu terminata.
15 Ma quando i nostri padri provocarono Dio all'ira e
peccarono contro il Signore d'Israele che è nei cieli, egli li
diede in potere di Nabucodonosor, re di Babilonia, dei Caldei;
16 Essi demolirono la casa, la incendiarono e deportarono il
popolo prigioniero a Babilonia.
17 Ma nel primo anno in cui il re Ciro regnò sul paese di
Babilonia, il re Ciro scrisse di edificare questa casa.
18 E gli arredi sacri d'oro e d'argento, che Nabucodonosor
aveva portato via dalla casa di Gerusalemme e li aveva
collocati nel suo tempio, quelli furono portati fuori dal tempio
di Babilonia dal re Ciro, e furono consegnati a Zorobabele e il
sovrano Sanabassaro,
19 Con l'ordine di portare via quegli stessi vasi e di metterli
nel tempio a Gerusalemme; e che al suo posto fosse costruito
il tempio del Signore.
20 Allora lo stesso Sanabassaro, giunto qui, gettò le
fondamenta della casa del Signore a Gerusalemme; e da allora
a questo essendo ancora un edificio, non è ancora del tutto
terminato.
21 Ora dunque, se così sembra bene al re, si cerchino gli
archivi del re Ciro:
22 E se si scoprisse che la costruzione della casa del Signore a
Gerusalemme è stata fatta con il consenso del re Ciro, e se il
re nostro signore è di questo avviso, ce lo indichi.
23 Allora ordinò al re Dario di cercare tra gli archivi di
Babilonia. E così nel palazzo di Ecbatane, che è nel paese
della Media, fu trovato un rotolo in cui erano registrate queste
cose.
24 Nel primo anno del regno di Ciro, il re Ciro ordinò che
fosse ricostruita la casa dell'Eterno a Gerusalemme, dove si
sacrificano con fuoco continuo.
25 La cui altezza sarà di sessanta cubiti e la larghezza di
sessanta cubiti, con tre file di pietre squadrate e una fila di
legno nuovo di quel paese; e le relative spese saranno pagate
dalla casa del re Ciro:
26 E che gli arredi sacri della casa del Signore, sia d'oro che
d'argento, che Nabucodonosor prese dalla casa di
Gerusalemme e portò a Babilonia, fossero restituiti alla casa
di Gerusalemme e collocati nel luogo dove lo erano prima.
27 Ordinò inoltre che Sisinnes, governatore della Siria e della
Fenice, e Sathrabuzanes, e i loro compagni, e coloro che erano
stati nominati governatori in Siria e in Fenice, si guardassero
da non interferire con il luogo, ma tollerassero Zorobabele, il
servo della Signore, e governatore della Giudea, e gli anziani
dei Giudei, per costruire la casa del Signore in quel luogo.
28 Ho anche comandato di ricostruirlo interamente; e che
cerchino diligentemente di aiutare quelli che sono dalla
cattività dei Giudei, finché la casa del Signore non sia
terminata:
29 E del tributo di Celosiria e di Fenice sarà data
accuratamente una parte a questi uomini per i sacrifici del
Signore, cioè a Zorobabel, il governatore, per giovenchi,
montoni e agnelli;
30 E anche frumento, sale, vino e olio, e tutto questo
continuamente ogni anno, senza ulteriori domande, secondo
quanto i sacerdoti che saranno a Gerusalemme indicheranno
come consumati quotidianamente.
31 Affinché si facciano offerte al Dio altissimo per il re e per i
suoi figli, e preghino per la loro vita.
32 E comandò che chiunque avesse trasgredito, sì, o avesse
sminuito qualsiasi cosa prima detta o scritta, fosse preso un
albero dalla sua propria casa, e lui vi fosse impiccato, e tutti i
suoi beni fossero sequestrati per il re.
33 Perciò il Signore, il cui nome è lì invocato, distrugga
completamente ogni re e ogni nazione che stende la mano per
ostacolare o danneggiare quella casa del Signore a
Gerusalemme.
34 Io, il re Dario, ho ordinato che queste cose siano fatte con
diligenza.
CAPITOLO 7
1 Allora Sisinne, governatore della Celosiria e della Fenice, e
Sathrabuzanes, con i loro compagni, seguendo gli ordini del re
Dario,
2 Sorvegliò con molta attenzione le opere sante, assistendo gli
anziani dei Giudei e i governatori del tempio.
3 E così le opere sante prosperarono, quando profetizzarono
Aggeo e Zaccaria.
4 E portarono a termine queste cose per ordine del Signore
Dio d'Israele e con il consenso di Ciro, Dario e Artersese, re di
Persia.
5 Così fu terminata la santa casa il ventitreesimo giorno del
mese di Adar, l'anno sesto di Dario re dei Persiani.
6 E i figli d'Israele, i sacerdoti, i leviti e gli altri deportati che
furono aggiunti a loro, fecero secondo le cose scritte nel libro
di Mosè.
7 E per la dedicazione del tempio del Signore offrirono cento
giovenchi, duecento montoni, quattrocento agnelli;
8 E dodici capri per il peccato di tutto Israele, secondo il
numero dei capi delle tribù d'Israele.
9 Anche i sacerdoti e i leviti stavano vestiti nei loro paramenti,
secondo le loro famiglie, al servizio del Signore Dio d'Israele,
secondo il libro di Mosè; e i portieri ad ogni porta.
10 E i figli d'Israele che erano in cattività celebrarono la
pasqua il quattordicesimo giorno del primo mese, dopo che i
sacerdoti e i leviti furono santificati.
11 Non tutti i deportati furono santificati insieme, ma i leviti
furono tutti santificati insieme.
12 E offrirono così la pasqua per tutti i deportati, per i loro
fratelli sacerdoti e per se stessi.
13 E mangiarono i figli d'Israele usciti dalla cattività, tutti
quelli che si erano separati dalle abominazioni del popolo del
paese e cercavano l'Eterno.
14 Celebrarono la festa dei pani azzimi per sette giorni,
facendo festa davanti al Signore,
15Per questo aveva rivolto verso di loro il consiglio del re
d'Assiria, per rafforzare le loro mani nelle opere del Signore
Dio d'Israele.
CAPITOLO 8
1 Dopo queste cose, quando regnava Artesserse, re dei
Persiani, venne Esdra, figlio di Saraia, figlio di Ezeria, figlio
di Elchia, figlio di Salum,
2 Figlio di Sadduc, figlio di Achitob, figlio di Amarias, figlio
di Ezias, figlio di Meremoth, figlio di Zaraias, figlio di Savias,
figlio di Boccas, figlio di Abisum, figlio di Finees , figlio di
Eleazaro, figlio di Aronne, capo sacerdote.
3 Questo Esdra salì da Babilonia come scriba, molto esperto
nella legge di Mosè, data dal Dio d'Israele.
4 E il re gli fece onore, perché trovò grazia ai suoi occhi in
tutte le sue richieste.
5 Salirono con lui a Gerusalemme anche alcuni de' figliuoli
d'Israele, dei sacerdoti leviti, dei cantori santi, dei portinai e
dei ministri del tempio.
6 Nel settimo anno del regno di Arterserse, nel quinto mese,
questo era il settimo anno del re; poiché partirono da
Babilonia il primo giorno del primo mese e giunsero a
Gerusalemme secondo il prospero viaggio che il Signore
aveva loro concesso.
7 Poiché Esdra aveva una grandissima abilità, tanto da non
tralasciare nulla della legge e dei comandamenti del Signore,
ma insegnava a tutto Israele le prescrizioni e i giudizi.
8 Ora la copia dell'incarico, che fu scritta dal re Arterserse e
pervenne a Esdra, sacerdote e lettore della legge del Signore, è
questa che segue;
9 Il re Arteserse manda saluti a Esdra, sacerdote e lettore della
legge del Signore:
10 Avendo deciso di agire con misericordia, ho dato ordine
che quelli della nazione dei Giudei, dei sacerdoti e dei leviti
che si trovano nel nostro regno, che sono disposti e desiderosi,
vengano con te a Gerusalemme.
11 Tutti dunque coloro che lo desiderano, partano con te,
come è sembrato bene sia a me che ai miei sette amici
consiglieri;
12 Affinché possano considerare gli affari della Giudea e di
Gerusalemme in modo conforme a ciò che è nella legge del
Signore;
13 E porterai al Signore a Gerusalemme i doni che io e i miei
amici abbiamo promesso al Signore d'Israele, e tutto l'oro e
l'argento che si possono trovare nel paese di Babilonia, al
Signore a Gerusalemme,
14 Con ciò che è stato dato dal popolo per il tempio del
Signore loro Dio a Gerusalemme: e affinché argento e oro
possano essere raccolti per giovenchi, montoni e agnelli e
cose relative;
15 affinché offrano sacrifici al Signore sull'altare del Signore
loro Dio, che è a Gerusalemme.
16 E qualunque cosa tu e i tuoi fratelli farete con l'argento e
l'oro, fatela secondo la volontà del vostro Dio.
17 E gli arredi sacri del Signore, che ti saranno dati per l'uso
del tempio del tuo Dio, che è a Gerusalemme, li porrai davanti
al tuo Dio a Gerusalemme.
18 E qualunque altra cosa ricorderai per l'uso del tempio del
tuo Dio, la darai dal tesoro del re.
19 E io, re Arterserse, ho comandato anche ai custodi dei
tesori in Siria e in Fenice, che qualunque cosa Esdra,
sacerdote e lettore della legge dell'Iddio altissimo, manderà
per loro, gliela consegnino rapidamente,
20 Per la somma di cento talenti d'argento, così anche di
frumento fino a cento cor, e cento pezzi di vino, e altre cose in
abbondanza.
21 Tutte le cose siano compiute secondo la legge di Dio con
diligenza verso l'Iddio altissimo, affinché l'ira non venga sul
regno del re e sui suoi figli.
22 Vi comando inoltre di non richiedere alcuna tassa, né
alcuna altra imposizione, né ai sacerdoti, né ai leviti, né ai
cantori santi, né ai portinai, né ai ministri del tempio, né a
nessuno che abbia a che fare in questo tempio, e che nessun
uomo ha l'autorità di imporre loro alcuna cosa.
23 E tu, Esdra, secondo la saggezza di Dio, ordina giudici e
giudici, affinché giudichino in tutta la Siria e la Fenice tutti
coloro che conoscono la legge del tuo Dio; e a quelli che non
lo sanno, tu lo insegnerai.
24 E chiunque trasgredirà la legge del tuo Dio e del re sarà
punito diligentemente, sia con la morte, sia con altra
punizione, con una multa in denaro o con la prigione.
25 Allora Esdra, lo scriba, disse: Benedetto sia l'unico Signore,
Dio dei miei padri, che ha messo queste cose nel cuore del re,
per glorificare la sua casa che è a Gerusalemme.
26 E mi ha onorato agli occhi del re, dei suoi consiglieri e di
tutti i suoi amici e nobili.
27 Perciò fui confortato dall'aiuto del Signore mio Dio e
radunai uomini d'Israele perché salissero con me.
28 Questi sono i capi secondo le loro famiglie e le varie
dignità che salirono con me da Babilonia sotto il regno del re
Arterserse:
29 Dei figli di Finees, Gerson: dei figli di Ithamar, Gamael:
dei figli di Davide, Latto, figlio di Sechenia:
30 Dei figli di Farez, Zaccaria; e con lui furono contati
centocinquanta uomini:
31 Dei figli di Pahath Moab, Eliaonia, figlio di Zaraia, e con
lui duecento uomini:
32 Dei figli di Zathhoe, Sechenias, figlio di Jezelus, e con lui
trecento uomini; dei figli di Adin, Obeth, figlio di Jonathan, e
con lui duecentocinquanta uomini:
33 Dei figli di Elam, Giosia figlio di Gotolia e con lui settanta
uomini:
34 Dei figli di Safatia, Zaraia, figlio di Michele, e con lui
sessanta dieci uomini:
35 Dei figli di Joab, Abadia, figlio di Jezelus, e con lui
duecentododici uomini:
36 Dei figli di Banid, Assalimoth, figlio di Josaphias, e con lui
centosessanta uomini:
37 Dei figli di Babi, Zaccaria, figlio di Bebai, e con lui
ventotto uomini:
38 Dei figli di Astath, Giovanni, figlio di Acatan, e con lui
centodieci uomini:
39 Dei figli di Adonikam, gli ultimi, questi sono i loro nomi:
Eliphalet, Jewel e Samaias, e con loro settanta uomini:
40 Dei figli di Bago, Uthi, figlio di Istalcurus, e con lui
settanta uomini.
41 E questi li radunai presso il fiume chiamato Theras, dove
piantammo le nostre tende per tre giorni: e poi li osservai.
42 Ma non avendovi trovato nessuno dei sacerdoti e dei leviti,
43 Allora mandai a Eleazar, a Iduel e a Masman,
44 E Alnathan, Mamaias, Joribas, Nathan, Eunatan, Zaccaria e
Mosollamon, uomini importanti e dotti.
45 E dissi loro di andare dal capitano Saddeo, che era addetto
al tesoro.
46 E ordinò loro di parlare a Daddeo, ai suoi fratelli e ai
tesorieri del luogo, di mandarci degli uomini che potessero
esercitare l'ufficio sacerdotale nella casa del Signore.
47 E mediante la potente mano del nostro Signore portarono a
noi uomini abili dei figli di Moli, figlio di Levi, figlio d'Israele,
Asebebia, e i suoi figli e i suoi fratelli, che erano diciotto.
48 Dei figli di Cannuneo, Asebia, Anno e Osaia suo fratello e
i loro figli erano venti uomini.
49 Dei servitori del tempio che Davide aveva ordinato, e degli
uomini principali per il servizio dei leviti, vale a dire, i
servitori del tempio, duecentoventi, i cui nomi erano mostrati
nell'elenco.
50 E lì feci voto di digiuno ai giovani davanti al nostro
Signore, per augurargli un viaggio prospero, sia per noi che
per quelli che erano con noi, per i nostri figli e per il bestiame.
51 Poiché mi vergognavo di chiedere al re fanti, cavalieri e
condotta per difendermi dai nostri avversari.
52 Poiché avevamo detto al re che la potenza del Signore
nostro Dio sarebbe stata con coloro che lo cercavano, per
sostenerli in ogni cosa.
53 E ancora supplicammo il nostro Signore riguardo a queste
cose, e lo trovammo favorevole nei nostri confronti.
54 Poi separai dodici capi dei sacerdoti, Esebria e Assania, e
con loro dieci uomini dei loro fratelli.
55 E pesai loro l'oro, l'argento e gli arredi sacri della casa del
nostro Signore, che il re, il suo consiglio, i principi e tutto
Israele avevano dato.
56 Dopo averlo pesato, consegnai loro seicentocinquanta
talenti d'argento, vasi d'argento di cento talenti e cento talenti
d'oro.
57 E venti vasi d'oro e dodici vasi di rame, di rame finissimo,
scintillante come oro.
58 E io dissi loro: Entrambi siete santi al Signore, e gli arredi
sono santi, e l'oro e l'argento sono un voto al Signore, il
Signore dei nostri padri.
59 Vegliate e custoditeli finché non li consegnerete ai capi dei
sacerdoti e ai leviti e agli uomini principali delle famiglie
d'Israele a Gerusalemme, nelle stanze della casa del nostro
Dio.
60 Allora i sacerdoti e i leviti, che avevano ricevuto l'argento,
l'oro e gli utensili, li portarono a Gerusalemme, nel tempio del
Signore.
61 Partimmo dal fiume Thera il dodicesimo giorno del primo
mese e arrivammo a Gerusalemme mediante la mano potente
del nostro Signore, che era con noi; e fin dall'inizio del nostro
viaggio il Signore ci liberò da ogni nemico, e così siamo
arrivati a Gerusalemme.
62 E dopo che eravamo stati lì tre giorni, il quarto giorno l'oro
e l'argento che erano stati pesati furono consegnati nella casa
di nostro Signore al sacerdote Marmoth, figlio di Iri.
63 E con lui era Eleazar, figlio di Finees, e con loro erano
Josabad, figlio di Jesu, e Moeth, figlio di Sabban, leviti: tutto
fu consegnato loro secondo il numero e il peso.
64 E tutto il loro peso fu registrato nella stessa ora.
65 Inoltre quelli che furono usciti dalla cattività offrirono in
sacrificio al Signore Dio d'Israele dodici giovenchi per tutto
Israele, ottanta sedici montoni,
66 Sessanta dodici agnelli e capri per un sacrificio di
ringraziamento, dodici; tutti loro un sacrificio al Signore.
67 E consegnarono i comandamenti del re agli intendenti del
re e ai governatori della Celosiria e della Fenice; e onorarono
il popolo e il tempio di Dio.
68 Ora, quando queste cose furono fatte, i capi vennero da me
e dissero:
69 La nazione d'Israele, i principi, i sacerdoti e i leviti non
hanno scacciato da sé gli stranieri del paese, né le
contaminazioni dei gentili, cioè dei Cananei, degli Hittiti, dei
Feresiti, dei Gebusei e dei Moabiti, Egiziani ed edomiti.
70 Poiché sia loro che i loro figli si sono sposati con le loro
figlie, e la santa discendenza si è mescolata con gli stranieri
del paese; e fin dall'inizio di questa vicenda i governanti e i
grandi uomini sono stati partecipi di questa iniquità.
71 E appena ebbi udito queste cose, mi stracciai le vesti e la
veste sacra, mi strappai i capelli dal capo e la barba, e mi
sedetti triste e molto pesante.
72 Allora si radunarono presso di me tutti quelli che allora
erano commossi dalla parola del Signore Dio d'Israele, mentre
io piangevo per l'iniquità; ma rimasi seduto tranquillo fino al
sacrificio della sera.
73 Allora mi alzai dal digiuno, con le mie vesti e la veste
sacra stracciata, chinai le ginocchia e stesi le mie mani verso il
Signore,
74 Ho detto: Signore, sono confuso e pieno di vergogna
davanti al tuo volto;
75 Poiché i nostri peccati si sono moltiplicati al di sopra delle
nostre teste, e le nostre ignoranze sono arrivate fino al cielo.
76 Poiché fin dai tempi dei nostri padri siamo stati e siamo in
un grande peccato, fino ad oggi.
77 E a causa dei nostri peccati e di quelli dei nostri padri noi, i
nostri fratelli, i nostri re e i nostri sacerdoti siamo stati
consegnati ai re della terra, alla spada, alla prigionia e alla
preda vergognosa, fino al giorno d'oggi.
78 Ed ora in una certa misura ci è stata mostrata misericordia
da parte tua, o Signore, affinché ci rimanessero una radice e
un nome nel luogo del tuo santuario;
79 E per scoprirci una luce nella casa del Signore nostro Dio,
e per darci cibo nel tempo della nostra servitù.
80 Sì, quando eravamo in schiavitù, non siamo stati
abbandonati dal nostro Signore; ma ci ha fatto grazia davanti
ai re di Persia, così che ci hanno dato da mangiare;
81 Sì, e hanno onorato il tempio del nostro Signore, e hanno
innalzato la desolata Sion, affinché ci abbiano dato una
dimora sicura in Giudea e a Gerusalemme.
82 Ed ora, o Signore, che diremo, avendo queste cose? poiché
abbiamo trasgredito i tuoi comandamenti, che tu desti per
mezzo dei tuoi servi, i profeti, dicendo:
83 Che il paese di cui entrate in possesso come eredità è un
paese contaminato dalle impurità degli stranieri del paese, ed
essi l'hanno riempito con la loro impurità.
84 Perciò ora non unirete le vostre figlie ai loro figli, né
prenderete le loro figlie ai vostri figli.
85 Inoltre non cercherete mai di avere pace con loro, affinché
possiate essere forti e mangiare le buone cose del paese, e
affinché possiate lasciare l'eredità della terra ai vostri figli per
sempre.
86 E tutto ciò che ci è accaduto ci è stato fatto a causa delle
nostre opere malvagie e dei nostri grandi peccati; perché tu,
Signore, hai reso leggeri i nostri peccati,
87 E ci hai dato una tale radice; ma noi siamo tornati indietro,
trasgredendo la tua legge e mescolandoci con l'impurità delle
nazioni del paese.
88 Non potresti tu adirarti contro di noi per distruggerci,
finché non ci avessi lasciato né radice, né seme, né nome?
89 O Signore d'Israele, tu sei sincero: poiché oggi ci è rimasta
una radice.
90 Ecco, ora siamo davanti a te nelle nostre iniquità, poiché
non possiamo più resistere davanti a te a causa di queste cose.
91 E mentre Esdra nella sua preghiera faceva la sua
confessione, piangendo e giacendo a terra davanti al tempio, si
radunò presso di lui da Gerusalemme una grandissima
moltitudine di uomini, donne e bambini: poiché ci fu un
grande pianto tra la moltitudine.
92 Allora Ieconia, figlio di Jeelus, uno dei figli d'Israele, gridò
e disse: O Esdra, abbiamo peccato contro il Signore Dio,
abbiamo sposato donne straniere delle nazioni del paese, e ora
tutto Israele è in alto .
93 Giuriamo al Signore che manderemo via tutte le nostre
mogli che abbiamo preso dalle nazioni, con i loro figli,
94 Come hai decretato, e tutti obbediscono alla legge del
Signore.
95 Alzati e metti a punto l'esecuzione: poiché a te spetta
questa faccenda, e noi saremo con te: agisci valorosamente.
96 Allora Esdra si alzò e prestò giuramento ai capi dei
sacerdoti e ai leviti di tutto Israele di fare dopo queste cose; e
così giurano.
CAPITOLO 9
1 Allora Esdra, alzatosi dal cortile del tempio, si recò nella
camera di Joanan, figlio di Eliasib,
2 E rimase là, senza mangiare carne e senza bere acqua,
lamentandosi per le grandi iniquità della moltitudine.
3 E in tutta la Giudea e a Gerusalemme fu proclamato a tutti i
deportati che si radunassero a Gerusalemme:
4 E che chiunque non si fosse riunito lì entro due o tre giorni
secondo quanto stabilito dagli anziani che governavano, il suo
bestiame sarebbe stato preso per l'uso del tempio e lui stesso
sarebbe stato scacciato da quelli che erano in cattività.
5 E in tre giorni tutti quelli della tribù di Giuda e di
Beniamino si radunarono a Gerusalemme il ventesimo giorno
del nono mese.
6 Tutta la folla sedeva tremante nell'ampio cortile del tempio a
causa del cattivo tempo.
7 Allora Esdra si alzò e disse loro: «Voi avete trasgredito la
legge sposando mogli straniere, aggravando così i peccati
d'Israele.
8 Ed ora, con la confessione, date gloria al Signore Dio dei
nostri padri,
9 Fate la sua volontà e separatevi dalle pagane del paese e
dalle donne straniere.
10 Allora tutta la folla gridò e disse ad alta voce: Come hai
detto tu, così faremo.
11 Ma poiché il popolo è numeroso e fa brutto tempo, tanto
che non possiamo stare fuori, e questa non è un'opera di un
giorno o due, vedendo che il nostro peccato in queste cose è
molto diffuso.
12 Rimangano dunque i capi della moltitudine e tutti quelli
delle nostre abitazioni che hanno mogli straniere vengano al
tempo stabilito,
13 E con loro i capi e i giudici di ogni luogo, finché non
allontaneremo da noi l'ira del Signore per questa faccenda.
14 Allora Gionata figlio di Azael ed Ezechia figlio di Teocano
presero su di loro questa faccenda; e Mosollam, Levi e
Sabbateo li aiutarono.
15 E quelli che erano in cattività fecero tutte queste cose.
16 E il sacerdote Esdra scelse presso di sé gli uomini
principali delle loro famiglie, tutti per nome; e il primo giorno
del decimo mese si sedettero insieme per esaminare la
questione.
17 Così la loro causa che teneva donne straniere fu conclusa il
primo giorno del primo mese.
18 E dei sacerdoti che si erano riuniti e che avevano mogli
straniere, furono trovati:
19 Dei figli di Gesù, figlio di Josedec, e dei suoi fratelli;
Matthelas ed Eleazar, Joribus e Joadanus.
20 E diedero le mani per ripudiare le loro mogli e per offrire
montoni per espiare i loro errori.
21 E dei figli di Emmer; Anania, Zabdeo, Eanes, Sameio,
Hiereel e Azaria.
22 E dei figli di Phaisur; Elionas, Massias Israel, Natanaele,
Ocidelus e Talsas.
23 E dei Leviti; Jozabad, Semis e Colius, che era chiamato
Calitas, Patheus, Giuda e Jonas.
24 Dei santi cantori; Eleazuro, Bacco.
25 Dei portieri; Sallumus e Tolbanes.
26 Di loro d'Israele, dei figli di Foros; Hiermas, Eddias,
Melchias, Maelus, Eleazar, Asibias e Baanias.
27 Dei figli di Ela; Matthania, Zaccaria, Hierielus, Hieremoth
ed Aedia.
28 E dei figli di Zamoth; Eliadas, Elisimus, Othonias,
Jarimoth, Sabatus e Sardeus.
29 Dei figli di Babai; Giovanni, Anania, Josabad e Amatheis.
30 Dei figli di Mani; Olamus, Mamuchus, Jedeus, Jasubus,
Jasael e Hieremoth.
31 E dei figli di Addi; Naathus e Moosias, Lacunus, e Naidus,
e Mathanias, e Sesthel, Balnuus e Manasseas.
32 E dei figli di Anna; Eliona e Asea, Melchia, Sabbeo e
Simone Cosameo.
33 E dei figli di Asom; Altaneo, Mattia, Baanaia, Eliphalet,
Manasse e Semei.
34 E dei figli di Maani; Jeremias, Momdis, Omaerus, Juel,
Mabdai e Pelias, e Anos, Carabasion ed Enasibus, e
Mamnitanaimus, Eliasis, Bannus, Eliali, Samis, Selemias,
Nathanias: e dei figli di Ozora; Sesis, Esril, Azaelus, Samatus,
Zambis, Giuseppe Flavio.
35 E dei figli di Ethma; Mazitias, Zabadaias, Edes, Juel,
Banaias.
36 Tutti questi avevano preso mogli straniere e le mandarono
via insieme ai loro figli.
37 E i sacerdoti, i leviti e quelli che erano d'Israele
dimoravano a Gerusalemme e nella campagna il primo giorno
del settimo mese; così i figli d'Israele erano nelle loro
abitazioni.
38 E tutta la moltitudine si radunò concordemente nell'ampio
spazio del portico santo verso est.
39 E dissero ad Esdra, sacerdote e lettore, che avrebbe portato
la legge di Mosè, che era stata data dal Signore Dio d'Israele.
40 Allora Esdra, il sommo sacerdote, portò la legge a tutta la
moltitudine, da uomo a donna, e a tutti i sacerdoti, per
ascoltare la legge il primo giorno del settimo mese.
41 E leggeva nel vasto cortile davanti al portico santo, dalla
mattina a mezzogiorno, davanti a uomini e donne; e la
moltitudine prestò attenzione alla legge.
42 Ed Esdra, sacerdote e lettore della legge, stava in piedi su
un pulpito di legno, fatto a tale scopo.
43 E accanto a lui stavano Mattatia, Sammo, Anania, Azaria,
Uria, Ezecia, Balasamo, a destra:
44 Alla sua sinistra stavano Faldaio, Misael, Melchia,
Lothasubo e Nabaria.
45 Allora Esdra prese il libro della legge davanti alla folla,
poiché sedeva onorevolmente al primo posto agli occhi di tutti.
46 E quando aprì la legge, si alzarono tutti in piedi. Così
Esdra benedisse il Signore Dio altissimo, il Dio degli eserciti,
Onnipotente.
47 E tutto il popolo rispose: Amen; e, alzate le mani, si
prostrarono a terra e adorarono il Signore.
48 Anche Gesù, Ano, Sarabia, Adino, Jacubo, Sabatea, Autea,
Maianea e Calita, Asria e Ioazabdo e Anania e Biata, i leviti,
insegnarono la legge del Signore, facendola comprendere a
loro.
49 Allora Attharate parlò al sommo sacerdote Esdra. e lettore,
e ai leviti che istruivano la moltitudine, a tutti, dicendo:
50 Questo giorno è santo al Signore; (perché tutti piansero
quando ascoltarono la legge:)
51 Va' dunque, mangia cibi grassi e bevi cibi dolci, e mandane
una parte a quelli che non hanno nulla;
52 Poiché questo giorno è santo al Signore: e non siate tristi;
perché il Signore ti onorerà.
53 Allora i leviti riferirono ogni cosa al popolo, dicendo:
Questo giorno è santo al Signore; non essere triste.
54 Allora se ne andarono ciascuno a mangiare, a bere, a far
festa, a dare una parte a quelli che non avevano nulla e a fare
grande allegria;
55 Perché comprendevano le parole nelle quali erano stati
istruiti e per le quali erano stati radunati.

More Related Content

Similar to Italian - First Esdras.pdf

Avvisi mena' 12 18.08.2013
Avvisi mena' 12 18.08.2013Avvisi mena' 12 18.08.2013
Avvisi mena' 12 18.08.2013Parrocchia Menà
 

Similar to Italian - First Esdras.pdf (20)

Italian - Judith.pdf
Italian - Judith.pdfItalian - Judith.pdf
Italian - Judith.pdf
 
Italian - Testament of Naphtali.pdf
Italian - Testament of Naphtali.pdfItalian - Testament of Naphtali.pdf
Italian - Testament of Naphtali.pdf
 
Corsican - Additions to Esther.pdf
Corsican - Additions to Esther.pdfCorsican - Additions to Esther.pdf
Corsican - Additions to Esther.pdf
 
Corsican - 2nd Maccabees.pdf
Corsican - 2nd Maccabees.pdfCorsican - 2nd Maccabees.pdf
Corsican - 2nd Maccabees.pdf
 
Italian - Prayer of Azariah.pdf
Italian - Prayer of Azariah.pdfItalian - Prayer of Azariah.pdf
Italian - Prayer of Azariah.pdf
 
Corsican - Testament of Naphtali.pdf
Corsican - Testament of Naphtali.pdfCorsican - Testament of Naphtali.pdf
Corsican - Testament of Naphtali.pdf
 
Corsican - Susanna.pdf
Corsican - Susanna.pdfCorsican - Susanna.pdf
Corsican - Susanna.pdf
 
Italian - Bel and the Dragon.pdf
Italian - Bel and the Dragon.pdfItalian - Bel and the Dragon.pdf
Italian - Bel and the Dragon.pdf
 
Corsican - Testament of Benjamin.pdf
Corsican - Testament of Benjamin.pdfCorsican - Testament of Benjamin.pdf
Corsican - Testament of Benjamin.pdf
 
Italian - Testament of Judah.pdf
Italian - Testament of Judah.pdfItalian - Testament of Judah.pdf
Italian - Testament of Judah.pdf
 
Avvisi mena' 12 18.08.2013
Avvisi mena' 12 18.08.2013Avvisi mena' 12 18.08.2013
Avvisi mena' 12 18.08.2013
 
Corsican - Judith.pdf
Corsican - Judith.pdfCorsican - Judith.pdf
Corsican - Judith.pdf
 
Italian - The Gospel of the Birth of Mary.pdf
Italian - The Gospel of the Birth of Mary.pdfItalian - The Gospel of the Birth of Mary.pdf
Italian - The Gospel of the Birth of Mary.pdf
 
Italian - Susanna.pdf
Italian - Susanna.pdfItalian - Susanna.pdf
Italian - Susanna.pdf
 
Italian - Letter of Jeremiah.pdf
Italian - Letter of Jeremiah.pdfItalian - Letter of Jeremiah.pdf
Italian - Letter of Jeremiah.pdf
 
Italian - Testament of Zebulun.pdf
Italian - Testament of Zebulun.pdfItalian - Testament of Zebulun.pdf
Italian - Testament of Zebulun.pdf
 
Corsican - Testament of Judah.pdf
Corsican - Testament of Judah.pdfCorsican - Testament of Judah.pdf
Corsican - Testament of Judah.pdf
 
Corsican - Prayer of Azariah.pdf
Corsican - Prayer of Azariah.pdfCorsican - Prayer of Azariah.pdf
Corsican - Prayer of Azariah.pdf
 
Letture 18 marzo 2012
Letture 18 marzo 2012Letture 18 marzo 2012
Letture 18 marzo 2012
 
Corsican - Testament of Zebulun.pdf
Corsican - Testament of Zebulun.pdfCorsican - Testament of Zebulun.pdf
Corsican - Testament of Zebulun.pdf
 

More from Filipino Tracts and Literature Society Inc.

More from Filipino Tracts and Literature Society Inc. (20)

Ilocano Soul Winning Gospel Presentation - Only JESUS CHRIST Saves.pptx
Ilocano Soul Winning Gospel Presentation - Only JESUS CHRIST Saves.pptxIlocano Soul Winning Gospel Presentation - Only JESUS CHRIST Saves.pptx
Ilocano Soul Winning Gospel Presentation - Only JESUS CHRIST Saves.pptx
 
Italian - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Italian - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdfItalian - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Italian - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
 
Irish - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Irish - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdfIrish - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Irish - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
 
Inuktitut Latin - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Inuktitut Latin - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdfInuktitut Latin - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Inuktitut Latin - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
 
Inuktitut - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Inuktitut - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdfInuktitut - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Inuktitut - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
 
Inuinnaqtun - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Inuinnaqtun - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdfInuinnaqtun - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Inuinnaqtun - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
 
Indonesian - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Indonesian - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdfIndonesian - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Indonesian - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
 
Ilocano - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Ilocano - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdfIlocano - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Ilocano - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
 
Igbo - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Igbo - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdfIgbo - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Igbo - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
 
Icelandic - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Icelandic - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdfIcelandic - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Icelandic - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
 
Lithuanian - The Precious Blood of Jesus Christ.pdf
Lithuanian - The Precious Blood of Jesus Christ.pdfLithuanian - The Precious Blood of Jesus Christ.pdf
Lithuanian - The Precious Blood of Jesus Christ.pdf
 
Lingala - The Precious Blood of Jesus Christ.pdf
Lingala - The Precious Blood of Jesus Christ.pdfLingala - The Precious Blood of Jesus Christ.pdf
Lingala - The Precious Blood of Jesus Christ.pdf
 
Latvian - The Precious Blood of Jesus Christ.pdf
Latvian - The Precious Blood of Jesus Christ.pdfLatvian - The Precious Blood of Jesus Christ.pdf
Latvian - The Precious Blood of Jesus Christ.pdf
 
Romanian - Ecclesiasticus the Wisdom of Jesus the Son of Sirach.pdf
Romanian - Ecclesiasticus the Wisdom of Jesus the Son of Sirach.pdfRomanian - Ecclesiasticus the Wisdom of Jesus the Son of Sirach.pdf
Romanian - Ecclesiasticus the Wisdom of Jesus the Son of Sirach.pdf
 
Thai - The Book of Prophet Zephaniah.pdf
Thai - The Book of Prophet Zephaniah.pdfThai - The Book of Prophet Zephaniah.pdf
Thai - The Book of Prophet Zephaniah.pdf
 
Tamil - The Book of Prophet Zephaniah.pdf
Tamil - The Book of Prophet Zephaniah.pdfTamil - The Book of Prophet Zephaniah.pdf
Tamil - The Book of Prophet Zephaniah.pdf
 
Telugu - The Book of Prophet Zephaniah.pdf
Telugu - The Book of Prophet Zephaniah.pdfTelugu - The Book of Prophet Zephaniah.pdf
Telugu - The Book of Prophet Zephaniah.pdf
 
Sinhala - The Book of Prophet Zephaniah.pdf
Sinhala - The Book of Prophet Zephaniah.pdfSinhala - The Book of Prophet Zephaniah.pdf
Sinhala - The Book of Prophet Zephaniah.pdf
 
Sanskrit - The Book of Prophet Zephaniah.pdf
Sanskrit - The Book of Prophet Zephaniah.pdfSanskrit - The Book of Prophet Zephaniah.pdf
Sanskrit - The Book of Prophet Zephaniah.pdf
 
Punjabi (Gurmukhi) - The Book of Prophet Zephaniah.pdf
Punjabi (Gurmukhi) - The Book of Prophet Zephaniah.pdfPunjabi (Gurmukhi) - The Book of Prophet Zephaniah.pdf
Punjabi (Gurmukhi) - The Book of Prophet Zephaniah.pdf
 

Italian - First Esdras.pdf

  • 2. CAPITOLO 1 1 E Giosia celebrò la festa della pasqua in Gerusalemme al suo Signore, e offrì la pasqua il quattordicesimo giorno del primo mese; 2 Avendo stabilito i sacerdoti secondo le loro funzioni quotidiane, vestiti di lunghe vesti, nel tempio del Signore. 3 Poi disse ai leviti, santi ministri d'Israele, di consacrarsi al Signore e di collocare l'arca santa del Signore nella casa che il re Salomone, figlio di Davide, aveva costruito: 4 E disse: «Non porterete più l'arca sulle vostre spalle; ora dunque servite il Signore vostro Dio, servite il suo popolo Israele, e preparatevi secondo le vostre famiglie e i vostri parenti, 5 Secondo quanto ha prescritto Davide, re d'Israele, e secondo la magnificenza di suo figlio Salomone, e stando nel tempio secondo la diversa dignità delle vostre famiglie, leviti, che prestate servizio alla presenza dei vostri fratelli, figli d'Israele. , 6 Offrite la Pasqua in ordine, preparate i sacrifici per i vostri fratelli, e celebrate la Pasqua secondo il comandamento del Signore, che fu dato a Mosè. 7 Giosia diede alla gente che si trovava là trentamila agnelli, capretti e tremila vitelli: queste cose furono date al popolo, ai sacerdoti e ai leviti, come aveva promesso il re. 8 Elchia, Zaccaria e Sielo, governatori del tempio, donarono ai sacerdoti per la pasqua duemilaseicento pecore e trecento vitelli. 9 E Ieconia, Samaia, suo fratello Natanaele, Assabia, Ochiel e Ioram, capi di migliaia, diedero ai leviti per la pasqua cinquemila pecore e settecento vitelli. 10 Terminate queste cose, i sacerdoti e i leviti, con i pani azzimi, stavano in piedi in ordine molto conveniente, secondo le famiglie, 11 E secondo le diverse dignità dei padri, davanti al popolo, per offrire al Signore, come è scritto nel libro di Mosè: e così facevano la mattina. 12 E arrostirono la pasqua sul fuoco, come si conviene; quanto ai sacrifici, li cosparsero in pentole e padelle di rame di buon odore. 13 Li presentarono davanti a tutto il popolo; poi prepararono i preparativi per se stessi e per i sacerdoti, loro fratelli, figli di Aronne. 14 Poiché i sacerdoti offrirono il grasso fino alla notte; i leviti e i sacerdoti loro fratelli, figli di Aronne, prepararono la cosa per se stessi. 15 Anche i santi cantori, figli di Asaf, erano nel loro ordine, secondo l'ordine di Davide, cioè Asaf, Zaccaria e Jeduthun, che era del seguito del re. 16 Inoltre i portieri erano a ogni porta; non era lecito a nessuno abbandonare il suo servizio ordinario; i leviti prepararono per loro i fratelli. 17 Così furono compiute in quel giorno le cose relative ai sacrifici del Signore, affinché si potesse celebrare la Pasqua, 18 E offrite sacrifici sull'altare del Signore, secondo il comandamento del re Giosia. 19 Così i figli d'Israele che erano presenti celebrarono in quel tempo la pasqua e la festa dei pani dolci per sette giorni. 20 E una pasqua simile non veniva celebrata in Israele fin dai tempi del profeta Samuele. 21 Sì, tutti i re d'Israele non celebrarono una Pasqua simile a quella che Giosia, i sacerdoti, i leviti e i Giudei tennero con tutto Israele che fu trovato a dimorare a Gerusalemme. 22 Nell'anno diciottesimo del regno di Giosia fu celebrata questa Pasqua. 23 E le opere di Giosia furono rette davanti al suo Signore con un cuore pieno di pietà. 24 Quanto alle cose accadute al suo tempo, sono state scritte in tempi antichi, riguardo a coloro che, più di tutti i popoli e regni, hanno peccato e hanno agito malvagiamente contro il Signore, e come lo hanno addolorato grandemente, tanto che le parole del Signore Il Signore si levò contro Israele. 25 Ora, dopo tutte queste gesta di Giosia, avvenne che il faraone, re d'Egitto, venne a muovere guerra a Carcamis, sull'Eufrate; e Giosia uscì contro di lui. 26 Ma il re d'Egitto gli mandò a dire: Che ho a che fare con te, o re della Giudea? 27 Io non sono stato mandato dal Signore Dio contro di te; poiché la mia guerra è sull'Eufrate: e ora il Signore è con me, sì, il Signore è con me che mi spinge avanti: allontanati da me e non essere contro il Signore. 28 Tuttavia Giosia non allontanò da lui il suo carro, ma cominciò a combattere con lui, senza tener conto delle parole del profeta Geremia dette per bocca del Signore: 29 Ma gli attaccarono battaglia nella pianura di Magiddo, e i principi vennero contro il re Giosia. 30 Allora il re disse ai suoi servitori: Portatemi via dalla battaglia; perché sono molto debole. E subito i suoi servi lo portarono via dalla battaglia. 31 Poi salì sul secondo carro; e, riportato a Gerusalemme, morì e fu sepolto nel sepolcro di suo padre. 32 E in tutta la Giudea si pianse per Giosia, sì, il profeta Geremia si lamentò per Giosia, e i capi degli uomini e le donne fecero lamenti per lui fino al giorno d'oggi: e questo fu dato come un'ordinanza da osservare continuamente in tutta la nazione. di Israele. 33 Queste cose sono scritte nel libro dei racconti dei re di Giuda, tutte le azioni compiute da Giosia, la sua gloria, la sua intelligenza nella legge dell'Eterno e le cose che aveva fatto prima, e le cose ora recitate, sono riportate nel libro dei re d'Israele e della Giudea. 34 Il popolo prese Joachaz, figlio di Josias, e lo fece re al posto di Josias suo padre, quando aveva ventitré anni. 35 E regnò tre mesi in Giudea e a Gerusalemme; poi il re d'Egitto lo depose dal regno a Gerusalemme. 36 E stabilì sul paese una tassa di cento talenti d'argento e un talento d'oro. 37 Il re d'Egitto nominò re della Giudea e di Gerusalemme anche il re Ioacim suo fratello. 38 E legò Joacim e i nobili; ma catturò Zaraces, suo fratello, e lo fece uscire dall'Egitto. 39 Ioacim aveva vent'anni quando fu fatto re nel paese di Giudea e di Gerusalemme; e fece ciò che è male davanti al Signore. 40 Perciò salì contro di lui Nabucodònosor re di Babilonia, lo legò con una catena di rame e lo portò a Babilonia. 41 Nabucodonosor prese anche degli arredi sacri del Signore, li portò via e li pose nel suo tempio a Babilonia. 42 Ma ciò che si racconta di lui, della sua impurità ed empietà, è scritto nelle cronache dei re. 43 Al suo posto regnò suo figlio Joacim; fu fatto re all'età di diciotto anni; 44 E regnò solo tre mesi e dieci giorni a Gerusalemme; e fece il male davanti al Signore. 45 Così dopo un anno Nabucodonosor mandò a farlo condurre a Babilonia con gli arredi sacri del Signore; 46 E nominò Sedechia re della Giudea e di Gerusalemme, quando aveva ventun anni; e regnò undici anni: 47 Ed egli fece anche ciò che è male agli occhi del Signore, e non si preoccupò delle parole che gli erano state dette dal profeta Geremia dalla bocca del Signore.
  • 3. 48 E dopo che il re Nabucodonosor gli ebbe fatto giurare nel nome del Signore, giurò e si ribellò; e indurendo il collo e il cuore, trasgredì le leggi del Signore Dio d'Israele. 49 Anche i governatori del popolo e i sacerdoti fecero molte cose contro le leggi, eliminarono tutte le contaminazioni di tutte le nazioni e contaminarono il tempio del Signore, che era santificato in Gerusalemme. 50 Tuttavia il Dio dei loro padri mandò mediante il suo messaggero a richiamarli, perché aveva risparmiato loro e anche il suo tabernacolo. 51 Ma essi si facevano beffe dei suoi messaggeri; ed ecco, quando il Signore parlò loro, si burlarono dei suoi profeti: 52 A tal punto che egli, adirato contro il suo popolo per la sua grande empietà, comandò ai re dei Caldei di salire contro di loro; 53 I quali uccisero i loro giovani con la spada, sì, anche entro i confini del loro santo tempio, e non risparmiarono né giovane né fanciulla, né vecchio né bambino, tra loro; poiché ha consegnato tutto nelle loro mani. 54 Poi presero tutti gli arredi sacri del Signore, grandi e piccoli, insieme agli arredi dell'arca di Dio e ai tesori del re, e li portarono a Babilonia. 55 Quanto alla casa dell'Eterno, la incendiarono, demolirono le mura di Gerusalemme e incendiarono le sue torri. 56 E quanto alle sue meraviglie, non cessarono mai finché non le consumarono e le annientarono tutte; e deportò a Babilonia il popolo che non era stato ucciso con la spada. 57 i quali divennero servi suoi e dei suoi figli, finché regnarono i Persiani, per adempiere la parola del Signore pronunciata per bocca di Geremia: 58 Finché la terra non avrà goduto i suoi sabati, riposerà per tutto il tempo della sua desolazione, fino al termine di settant'anni. CAPITOLO 2 1 Nel primo anno di Ciro, re dei Persiani, affinché si compisse la parola del Signore, che egli aveva promessa per bocca di Geremia; 2 Il Signore suscitò lo spirito di Ciro, re dei Persiani, ed egli annunciò in tutto il suo regno e anche per iscritto: 3 Dicendo: Così dice Ciro, re dei Persiani; Il Signore d'Israele, il Signore altissimo, mi ha costituito re del mondo intero, 4 E mi comandò di costruirgli una casa a Gerusalemme in Giudea. 5 Se dunque c'è qualcuno di voi che è del suo popolo, il Signore, il suo Signore, sia con lui, e salga a Gerusalemme che è in Giudea e costruisca la casa del Signore d'Israele, poiché egli è il Signore che abita in Gerusalemme. 6 Chiunque dunque abita nei dintorni, lo aiutino, dico, quelli che sono i suoi vicini, con oro e argento, 7 Con doni, cavalli, bestiame e altre cose, che sono state stabilite mediante voto, per il tempio del Signore in Gerusalemme. 8 Allora si alzarono i capi delle famiglie della Giudea e della tribù di Beniamino; anche i sacerdoti, i leviti e tutti coloro ai quali il Signore aveva deciso di partire per costruire una casa al Signore in Gerusalemme, 9 E quelli che abitavano intorno a loro, e li aiutavano in ogni cosa con argento e oro, con cavalli e bestiame, e con moltissimi doni gratuiti di un gran numero le cui menti erano stimolate a ciò. 10 Il re Ciro portò fuori anche gli arredi sacri che Nabucodonosor aveva portato via da Gerusalemme e aveva collocato nel suo tempio degli idoli. 11 Ora, quando Ciro, re dei Persiani, li ebbe condotti fuori, li consegnò a Mitridate, suo tesoriere. 12 E per mezzo di lui furono consegnati a Sanabassar, governatore della Giudea. 13 E questo era il loro numero; Mille coppe d'oro e mille d'argento, incensieri d'argento ventinove, trenta fiale d'oro e duemilaquattrocentodieci d'argento e mille altri vasi. 14 Tutti gli oggetti d'oro e d'argento che furono trasportati ammontarono dunque a cinquemilaquattrocentosessantanove. 15 Questi furono riportati da Sanabassar, insieme con quelli della cattività, da Babilonia a Gerusalemme. 16 Ma al tempo di Artersese re dei Persiani, Belemo, Mitridate, Tabellio, Ratumo, Beeltetmo e Semellio il segretario, con altri che erano loro commissari, dimoranti in Samaria e in altri luoghi, gli scrissero contro per coloro che abitavano in Giudea e a Gerusalemme seguono queste lettere; 17 Al re Arteserse, nostro signore, ai tuoi servi, a Ratumo lo scrittore di storie, a Semellio lo scriba e al resto del loro consiglio e ai giudici che sono in Celosiria e in Fenice. 18 Sia ora noto al signore re che i Giudei, che sono saliti da te fino a noi, essendo venuti a Gerusalemme, quella città ribelle ed empia, costruiscono le piazze dei mercati, ne riparano le mura e gettano le fondamenta della tempio. 19 Ora, se questa città e le sue mura fossero ricostruite, non solo rifiuterebbero di pagare il tributo, ma si ribellerebbero anche contro i re. 20 E poiché le cose riguardanti il tempio sono ora in corso, riteniamo opportuno non trascurare tale questione, 21 Ma per parlare al re nostro signore, affinché, se ti piace, possa essere ricercato nei libri dei tuoi padri: 22 Troverai nelle cronache ciò che è scritto riguardo a queste cose e comprenderai che quella città era ribelle e metteva in difficoltà re e città. 23 E che i Giudei erano ribelli e suscitavano sempre guerre lì dentro; per la quale causa anche questa città fu resa desolata. 24 Perciò ora ti dichiariamo, o re signore, che se questa città sarà ricostruita e le sue mura ricostruite, d'ora in poi non avrai più passaggio in Celosiria e in Fenice. 25 Allora il re scrisse di nuovo a Rathumus lo scrittore di storie, a Beeltethmus, a Semellius lo scriba e agli altri commissari e agli abitanti di Samaria, Siria e Fenice, in questo modo; 26 Ho letto l'epistola che mi avete mandato; perciò ho comandato di fare una ricerca diligente, e si è scoperto che quella città fin dall'inizio si stava esercitando contro i re; 27 E gli uomini là erano dediti alla ribellione e alla guerra; e che a Gerusalemme c'erano re potenti e feroci, che regnavano ed esigevano tributi in Celosiria e in Fenice. 28 Ora dunque ho comandato di impedire a quegli uomini di costruire la città, e di vigilare affinché non vi venga più fatto nulla; 29 E che quei malvagi operai non procedessero oltre a irritare i re, 30 Allora Rathumo, lo scriba Semellio e gli altri che erano loro incaricati, lette le sue lettere dal re Arteserse, partirono in fretta verso Gerusalemme con una truppa di cavalieri e una moltitudine di persone in assetto di guerra, e cominciarono a ostacolare i costruttori ; e la costruzione del tempio a Gerusalemme cessò fino al secondo anno del regno di Dario, re dei Persiani. CAPITOLO 3 1 Ora, quando Dario regnava, fece un grande banchetto a tutti i suoi sudditi, a tutta la sua famiglia e a tutti i principi della Media e della Persia,
  • 4. 2 E a tutti i governatori, capitani e luogotenenti che erano sotto di lui, dall'India all'Etiopia, di centoventisette province. 3 Dopo che ebbero mangiato e bevuto e, sazi, tornarono a casa, il re Dario entrò nella sua camera da letto, si addormentò e subito dopo si svegliò. 4 Allora tre giovani della guardia che custodiva il corpo del re parlarono tra loro; 5 Ciascuno di noi dica una sentenza: a colui che vincerà e la cui sentenza sembrerà più saggia delle altre, il re Dario gli darà grandi doni e grandi cose in segno di vittoria. 6 Come vestirsi di porpora, bere d'oro, dormire sopra l'oro, avere un carro con briglie d'oro, una corona di lino finissimo e una catena al collo. 7 E siederà accanto a Dario a causa della sua saggezza, e sarà chiamato Dario suo cugino. 8 Poi ciascuno scrisse la sua sentenza, la sigillò e la pose sotto il cuscino del re Dario; 9 E disse che, quando il re sarà risuscitato, alcuni gli daranno gli scritti; e da parte di chi il re e i tre principi di Persia giudicheranno che la sua sentenza è la più saggia, a lui sarà data la vittoria, come era stato stabilito. 10 Il primo scriveva: Il vino è il più forte. 11 Il secondo scrisse: Il re è il più forte. 12 Il terzo scriveva: Le donne sono le più forti: ma soprattutto la verità porta via la vittoria. 13 Quando il re si alzò, presero i loro scritti, glieli consegnarono ed egli li lesse: 14 E mandò a chiamare tutti i principi della Persia e della Media, i governatori, i capitani, i luogotenenti e i primi ufficiali; 15 E lo fece sedere sul trono reale del giudizio; e gli scritti furono letti davanti a loro. 16 E disse: Chiamate i giovani, ed essi dichiareranno le loro sentenze. Furono dunque chiamati ed entrarono. 17 Ed egli disse loro: Diteci il vostro pensiero riguardo agli scritti. Allora cominciò il primo, che aveva parlato della forza del vino; 18 Ed egli disse così: O voi uomini, quanto è forte il vino! fa errare tutti gli uomini che lo bevono: 19 Ciò fa sì che i sentimenti del re e dell'orfano siano tutt'uno; dello schiavo e del libero, del povero e del ricco: 20 Inoltre trasforma ogni pensiero in allegria e allegria, così che l'uomo non si ricorda né del dolore né del debito: 21 E ciò arricchisce ogni cuore, tanto che un uomo non si ricorda né del re né del governatore; e fa parlare ogni cosa mediante i talenti: 22 E quando sono ubriachi, dimenticano il loro amore sia verso gli amici che verso i fratelli, e poco dopo sguainano le spade: 23 Ma quando sono usciti dal vino, non si ricordano di quello che hanno fatto. 24 O voi uomini, non è il vino il più forte che spinge a fare così? E dopo aver così parlato, tacque. CAPITOLO 4 1 Allora il secondo, che aveva parlato della forza del re, cominciò a dire: 2 O voi uomini, non eccellono in forza gli uomini che governano il mare, la terra e tutte le cose in essi? 3 Ma tuttavia il re è più potente, poiché è signore di tutte queste cose e ha il dominio su di esse; e fanno qualunque cosa egli comandi loro. 4 Se ordina loro di farsi la guerra gli uni contro gli altri, lo fanno; se li manda contro i nemici, vanno e abbattono i monti, i muri e le torri. 5 Uccidono e vengono uccisi, e non trasgrediscono il comandamento del re; se vincono, portano tutto al re, anche il bottino, come ogni altra cosa. 6 Allo stesso modo quelli che non sono soldati e non hanno a che fare con le guerre, ma si dedicano all'agricoltura, quando hanno raccolto di nuovo ciò che avevano seminato, lo portano al re e si costringono a pagare il tributo al re. 7 Eppure è un uomo solo: se comanda di uccidere, uccidono; se comanda di risparmiare, risparmiano; 8 Se comanda di colpire, colpiscono; se comanda di rendere desolato, rendono desolato; se comanda di costruire, costruiscono; 9 Se comanda di tagliare, tagliano; se comanda di piantare, piantano. 10 Così tutto il suo popolo e i suoi eserciti gli obbediscono; inoltre egli si corica, mangia, beve e si riposa. 11 E questi lo sorvegliano attorno, nessuno può allontanarsi per fare i propri affari, né disobbedirgli in alcuna cosa. 12 O voi uomini, come non potrebbe il re essere il più potente, quando gli si obbedisce in questo modo? E ha tenuto a freno la lingua. 13 Allora cominciò a parlare il terzo, che aveva parlato delle donne e della verità, era Zorobabele. 14 O voi uomini, non è il grande re, né la moltitudine degli uomini, né è il vino, che eccelle; chi è dunque che li governa o li signoria? non sono donne? 15 Le donne hanno partorito il re e tutto il popolo che governa per mare e per terra. 16 Anche da loro vennero: e nutrirono quelli che piantavano le vigne, da dove viene il vino. 17 Anche questi confezionano vesti per gli uomini; questi portano gloria agli uomini; e senza le donne gli uomini non possono esistere. 18 Sì, e se gli uomini hanno raccolto oro e argento, o qualsiasi altra cosa preziosa, non amano forse una donna che sia avvenente in favore e bellezza? 19 E lasciando andare tutte queste cose, non restano a bocca aperta, e anche con la bocca aperta non fissano gli occhi su di lei; e non l'hanno forse tutti gli uomini più desiderata dell'argento o dell'oro o di qualsiasi altra cosa bella? 20 L'uomo lascia il padre che lo ha allevato e il suo paese e si unisce a sua moglie. 21 Non si impegna a trascorrere la vita con sua moglie. e non ricorda né padre, né madre, né patria. 22 Dovete sapere anche da questo che le donne hanno il dominio su di voi: non faticate e vi affaticate, per dare e portare tutto alla donna? 23 Sì, un uomo prende la sua spada e se ne va per derubare e rubare, per navigare sul mare e sui fiumi; 24 E guardò un leone e camminò nelle tenebre; e quando ha rubato, rovinato e derubato, lo porta al suo amore. 25 Perciò un uomo ama sua moglie più del padre o della madre. 26 Sì, ce ne sono molti che hanno perso il senno per le donne e sono diventati servi per amor loro. 27 Anche molti sono morti, hanno errato e hanno peccato a causa delle donne. 28 E ora non mi credete? non è il re grande in suo potere? non tutte le regioni temono di toccarlo? 29 Eppure vidi lui e Apame, concubina del re, figlia del mirabile Bartaco, seduti alla destra del re, 30 E prese la corona dalla testa del re e la pose sul suo capo; colpì anche il re con la mano sinistra. 31 Nonostante tutto ciò, il re rimase a bocca aperta e la guardò a bocca aperta: se ella rideva di lui, rideva anche lui; ma se lei
  • 5. gli dispiaceva, il re era pronto a lusingarla, affinché lei potesse riconciliarsi con lui. Ancora. 32 O uomini, come può essere che le donne non siano forti, visto che fanno così? 33 Allora il re e i principi si guardarono l'un l'altro: ed egli cominciò a parlare della verità. 34 O uomini, non sono forse forti le donne? grande è la terra, alto è il cielo, veloce è il sole nel suo corso, poiché egli circonda i cieli tutt'intorno e in un giorno riprende il suo corso fino al suo luogo. 35 Non è grande colui che fa queste cose? quindi grande è la verità e più forte di tutte le cose. 36 Tutta la terra grida alla verità, e il cielo la benedice; tutte le opere si agitano e tremano davanti ad essa, e con essa non vi è alcuna cosa ingiusta. 37 Il vino è malvagio, il re è malvagio, le donne sono malvagie, tutti i figli degli uomini sono malvagi, e tali sono tutte le loro opere malvagie; e non c'è verità in essi; anch'essi periranno nella loro ingiustizia. 38 Quanto alla verità, essa dura ed è sempre forte; vive e vince in eterno. 39 Presso di lei non si accettano persone né ricompense; ma fa le cose giuste e si astiene da tutte le cose ingiuste e malvagie; e tutti gli uomini apprezzano le sue opere. 40 Né nel suo giudizio vi è alcuna ingiustizia; e lei è la forza, il regno, il potere e la maestà di tutte le epoche. Benedetto sia il Dio della verità. 41 E con ciò tacque. E tutto il popolo allora gridava e diceva: Grande è la verità e potente sopra ogni cosa. 42 Allora il re gli disse: Chiedi quello che vuoi in più di quanto sta scritto, e noi te lo daremo, perché sei trovato il più saggio; e tu siederai accanto a me e sarai chiamato mio cugino. 43 Allora disse al re: Ricordati del voto che hai fatto di edificare Gerusalemme nel giorno in cui sei entrato nel tuo regno. 44 e di mandare via tutti gli arredi che erano stati portati via da Gerusalemme, e che Ciro aveva messo da parte quando aveva giurato di distruggere Babilonia, e di rimandarli là. 45 Anche tu hai giurato di ricostruire il tempio, che gli Edomiti incendiarono quando la Giudea fu devastata dai Caldei. 46 Ed ora, o signore re, questo è ciò che chiedo e ciò che desidero da te, e questa è la generosità principesca che procede da te stesso: desidero pertanto che tu mantenga il voto, il cui adempimento con la tua stessa bocca hai fatto voto al Re del cielo. 47 Allora il re Dario si alzò, lo baciò e scrisse per lui lettere a tutti i tesorieri, ai luogotenenti, ai capitani e ai governatori, affinché potessero mettere in salvo lui e tutti quelli che sarebbero saliti con lui a costruire Gerusalemme. . 48 Scrisse lettere anche ai luogotenenti che erano in Celosiria e in Fenice, e a loro in Libano, affinché portassero legno di cedro dal Libano a Gerusalemme e costruissero con lui la città. 49 Inoltre scrisse per tutti i Giudei che erano passati dal suo regno alla Giudea, riguardo alla loro libertà, che nessun funzionario, nessun governatore, nessun luogotenente, né tesoriere dovesse entrare con la forza nelle loro porte; 50 E che tutto il paese che possiedono dovrebbe essere libero senza tributi; e che gli Edomiti dovessero cedere i villaggi dei Giudei che allora possedevano: 51 Sì, che si dessero annualmente venti talenti alla costruzione del tempio, fino al tempo in cui esso fosse costruito; 52 E altri dieci talenti all'anno, per conservare ogni giorno gli olocausti sull'altare, secondo il comandamento di offrirne diciassette. 53 E che tutti coloro che andarono da Babilonia per costruire la città avessero libera libertà, così come i loro posteri e tutti i sacerdoti che se ne andarono. 54 Scrisse anche in merito. gli incarichi e le vesti dei sacerdoti con cui esercitano il ministero; 55 Lo stesso vale per i compiti dei Leviti, che saranno loro assegnati fino al giorno in cui la casa sarà terminata e Gerusalemme ricostruita. 56 E comandò di dare a tutti coloro che mantenevano la città pensioni e salari. 57 Mandò via anche da Babilonia tutti gli utensili che Ciro aveva messo da parte; e tutto ciò che Ciro aveva comandato, lo stesso ordinò che fosse fatto, e lo mandò a Gerusalemme. 58 Quando il giovane fu uscito, alzò la faccia al cielo verso Gerusalemme e lodò il re del cielo, 59 E disse: Da te viene la vittoria, da te viene la saggezza, e tua è la gloria, e io sono tuo servitore. 60 Benedetto sei tu che mi hai dato la saggezza: perché a te rendo grazie, o Signore dei nostri padri. 61 E così prese le lettere, partì, venne a Babilonia e raccontò la cosa a tutti i suoi fratelli. 62 E lodavano il Dio dei loro padri, perché aveva dato loro libertà e libertà 63 Per salire ed edificare Gerusalemme e il tempio che porta il suo nome; e banchettarono con strumenti musicali e di gioia per sette giorni. CAPITOLO 5 1 Dopo di ciò furono scelti gli uomini principali delle famiglie secondo le loro tribù, per salire con le loro mogli, i loro figli e le loro figlie, con i loro servi e le loro serve e il loro bestiame. 2 E Dario mandò con loro mille cavalieri, finché non li ricondussero sani e salvi a Gerusalemme, e con strumenti musicali, tamburi e flauti. 3 E tutti i loro fratelli giocavano, ed egli li faceva salire insieme a loro. 4 E questi sono i nomi degli uomini che salirono, secondo le loro famiglie fra le loro tribù, secondo i loro diversi capi. 5 I sacerdoti, figli di Finees, figlio di Aaronne: Gesù, figlio di Josedec, figlio di Saraia, e Joacim, figlio di Zorobabel, figlio di Salathiel, della casa di Davide, della stirpe di Phares, di la tribù di Giuda; 6 Il quale pronunciò sentenze sagge davanti a Dario re di Persia nel secondo anno del suo regno, nel mese di Nisan, che è il primo mese. 7 Questi sono i Giudei risaliti dalla deportazione dove dimoravano come forestieri e che Nabucodonosor, re di Babilonia, aveva deportato a Babilonia. 8 Poi tornarono a Gerusalemme e nelle altre parti della Giudea, ciascuno nella propria città, quelli che erano venuti con Zorobabele, con Gesù, Neemia, Zaccaria, Reesaia, Enenio e Mardocheo. Belsaro, Asfaraso, Reelius, Roimus e Baana, le loro guide. 9 Il numero di loro della nazione e dei loro governatori, figli di Phoros, duemilacentosettantadue; figli di Safat, quattrocentosettantadue: 10 Figli di Ares, settecentocinquantasei: 11 I figli di Phaath Moab, duemilaottocentododici: 12 I figli di Elam, milleduecentocinquantaquattro: i figli di Zathul, novecentoquarantacinque: i figli di Corbe, settecentocinque: i figli di Bani, seicentoquarantotto: 13 I figli di Bebai, seicentoventitre: i figli di Sadas, tremiladuecentoventidue:
  • 6. 14 I figli di Adonikam, seicentosessantasette: i figli di Bagoi, duemilasessantasei: i figli di Adin, quattrocentocinquantaquattro: 15 I figli di Aterezias, novantadue: i figli di Ceilan e Azetas sessantasette: i figli di Azuran, quattrocentotrentadue: 16 I figli di Anania, centouno: i figli di Arom, trentadue: i figli di Bassa, trecentoventitre: i figli di Azephurith, centodue: 17 I figli di Metero, tremilacinque: i figli di Bethlomon, centoventitre: 18 Quelli di Netofa, cinquantacinque: quelli di Anathoth, centocinquantotto: quelli di Betsamo, quarantadue: 19 Quelli di Kiriathiarius, venticinque: quelli di Caphira e Beroth, settecentoquarantatre: quelli di Pira, settecento: 20 Quelli di Chadias e Ammidoi, quattrocentoventidue: quelli di Cirama e Gabdes, seicentoventiuno: 21 Quelli di Macalon, centoventidue: quelli di Betolius, cinquantadue: i figli di Nefi, centocinquantasei: 22 I figli di Calamolalo e Ono, settecentoventicinque: i figli di Gerechus, duecentoquarantacinque: 23 I figli di Anna, tremilatrecentotrenta. 24 I sacerdoti: i figli di Jeddu, figlio di Gesù, tra i figli di Sanasib, novecentosettantadue: i figli di Meruth, millecinquantadue: 25 I figli di Fassaron, millequarantasette: i figli di Carme, millediciassette. 26 Leviti: figli di Iesse, Cadmiel, Banuas e Sudias, settantaquattro. 27 I santi cantori: figli di Asaf, centoventotto. 28 I portieri: figli di Salum, figli di Jatal, figli di Talmon, figli di Dacobi, figli di Teta, figli di Sami, in tutto centotrentanove. 29 Servi del tempio: i figli di Esaù, i figli di Asifa, i figli di Tabaoth, i figli di Ceras, i figli di Sud, i figli di Falea, i figli di Labana, i figli di Graba, 30 I figli di Acua, i figli di Uta, i figli di Cetab, i figli di Agaba, i figli di Subai, i figli di Anan, i figli di Cathua, i figli di Geddur, 31 I figli di Airo, i figli di Daisan, i figli di Noeba, i figli di Chaseba, i figli di Gazera, i figli di Azia, i figli di Finees, i figli di Azare, i figli di Bastai, i figli di Asana , i figli di Meani, i figli di Nafisi, i figli di Acub, i figli di Acifa, i figli di Assur, i figli di Faracim, i figli di Basaloth, 32 I figli di Meeda, i figli di Coutha, i figli di Charae, i figli di Charcus, i figli di Aserer, i figli di Thomoi, i figli di Nasith, i figli di Atipha. 33 I figli dei servi di Salomone: i figli di Azaphion, i figli di Farira, i figli di Jeeli, i figli di Lozon, i figli d'Israele, i figli di Safet, 34 I figli di Hagia, i figli di Faracareth, i figli di Sabi, i figli di Sarothie, i figli di Masias, i figli di Gar, i figli di Addus, i figli di Suba, i figli di Aferra, i figli di Barodis , i figli di Sabat, i figli di Allom. 35 Tutti i ministri del tempio e i figli dei servi di Salomone erano trecentosettantadue. 36 Questi salirono da Thermeleth e Thelersas, guidati da Charaathalar e Aalar; 37 Né potevano mostrare le loro famiglie, né la loro stirpe, quale fossero gli Israeliti: i figli di Ladan, il figlio di Ban, i figli di Necodan, seicentocinquantadue. 38 Dei sacerdoti che usurparono l'ufficio del sacerdozio e non furono trovati: i figli di Obdia, i figli di Accoz, i figli di Addo, che sposò Augia una delle figlie di Barzelus, e prese il nome da lui. 39 E quando la descrizione della parentela di questi uomini fu cercata nel registro, e non fu trovata, furono rimossi dall'esercizio dell'ufficio del sacerdozio. 40 Poiché Neemia e Ataria dissero loro di non essere partecipi delle cose sante finché non fosse sorto un sommo sacerdote rivestito di dottrina e di verità. 41 Così gli Israeliti, dall'età di dodici anni in su, erano in tutto quarantamila, oltre agli schiavi e alle serve duemilatrecentosessanta. 42 I loro servi e le loro serve erano settemilatrecentoquarantasette: i cantori e le donne cantanti: duecentoquarantacinque. 43 Quattrocentotrentacinque cammelli, settemilatrentasei cavalli, duecentoquarantacinque muli, cinquemilacinquecentoventicinque bestie adibite al giogo. 44 Alcuni dei capi delle loro famiglie, giunti al tempio di Dio che è a Gerusalemme, giurarono di ricostruire la casa al suo posto, secondo le loro possibilità, 45 E di dare al tesoro sacro dei lavori mille libbre d'oro, cinquemila d'argento e cento paramenti sacerdotali. 46 Così dimoravano i sacerdoti, i leviti, il popolo a Gerusalemme e nella campagna, anche i cantori e i portieri; e tutto Israele nei suoi villaggi. 47 Ma quando il settimo mese fu alle porte, e quando i figli d'Israele furono ciascuno al suo posto, vennero tutti insieme con un solo consenso allo spazio aperto della prima porta che è verso est. 48 Allora Gesù, figlio di Josedec, e i suoi fratelli sacerdoti, e Zorobabele, figlio di Salatiel, e i suoi fratelli, si alzarono e prepararono l'altare del Dio d'Israele. 49 Per offrire su di esso olocausti, secondo quanto è espressamente comandato nel libro di Mosè, uomo di Dio. 50 E si radunarono presso di loro le altre nazioni del paese, ed eressero l'altare al suo posto, perché tutte le nazioni del paese erano loro nemiche e le opprimevano; e offrivano sacrifici secondo il tempo e olocausti al Signore, mattina e sera. 51 Celebravano anche la festa delle capanne, come è comandato dalla legge, e offrivano sacrifici ogni giorno, come era giusto. 52 E dopo ciò, le oblazioni continue e i sacrifici dei sabati, dei noviluni e di tutte le feste sante. 53 E tutti quelli che avevano fatto qualche voto a Dio cominciarono a offrire sacrifici a Dio dal primo giorno del settimo mese, sebbene il tempio del Signore non fosse ancora stato costruito. 54 E diedero ai muratori e ai falegnami denaro, cibo e bevande, con allegria. 55 Anche a quelli di Sidone e di Tiro diedero dei carri perché trasportassero alberi di cedro dal Libano, che sarebbero stati trasportati su galleggianti al porto di Giaffa, secondo quanto era stato loro comandato da Ciro, re dei Persiani. 56 E nel secondo anno e secondo mese dopo la sua venuta al tempio di Dio a Gerusalemme, Zorobabel, figlio di Salathiel, e Gesù, figlio di Josedec, e i loro fratelli, i sacerdoti, i leviti e tutti quelli che erano vieni a Gerusalemme dalla cattività: 57 E gettarono le fondamenta della casa di Dio il primo giorno del secondo mese, il secondo anno dopo il loro arrivo in Giudea e a Gerusalemme. 58 E affidarono ai leviti dall'età di vent'anni le opere del Signore. Allora si alzarono Gesù, i suoi figli e i suoi fratelli, Cadmiel suo fratello, i figli di Madiabun, i figli di Joda figlio di Eliadun, i loro figli e fratelli, tutti leviti, di comune accordo preposti all'incarico. lavorando per far avanzare le opere nella casa di Dio. Allora gli operai costruirono il tempio del Signore. 59 E i sacerdoti stavano vestiti dei loro paramenti, con strumenti musicali e trombe; i leviti, figli di Asaf, avevano dei cembali, 60 Cantando inni di ringraziamento e lodando il Signore, come aveva ordinato Davide, re d'Israele.
  • 7. 61 E cantavano ad alta voce inni alla lode del Signore, perché la sua misericordia e la sua gloria sono per sempre in tutto Israele. 62 E tutto il popolo suonò le trombe e gridò a gran voce, cantando canti di ringraziamento al Signore per la raddrizzatura della casa del Signore. 63 Anche gli anziani dei sacerdoti, dei leviti e dei capi delle loro famiglie, che avevano visto la casa precedente, si recarono alla costruzione di questa con pianti e grandi grida. 64 Ma molti con trombe e con gioia gridavano a gran voce, 65 Tanto che non si udivano le trombe per il pianto del popolo; eppure la moltitudine suonava in modo meraviglioso, tanto che si udiva da lontano. 66 Pertanto, quando i nemici della tribù di Giuda e di Beniamino udirono ciò, seppero cosa significasse quel suono di trombe. 67 E si accorsero che quelli che erano in cattività avevano costruito il tempio al Signore Dio d'Israele. 68 Andarono dunque da Zorobabele e da Gesù e dai capi delle famiglie, e dissero loro: Costruiremo insieme con voi. 69 Poiché anche noi, come voi, obbediamo al vostro Signore e gli offriamo sacrifici dai giorni di Azbazareth, re degli Assiri, che ci condusse qui. 70 Allora Zorobabele, Gesù e i capi delle famiglie d'Israele dissero loro: Non spetta a noi e a voi costruire insieme una casa al Signore nostro Dio. 71 Noi soli edificheremo per il Signore d'Israele, secondo come Ciro, re dei Persiani, ci ha comandato. 72 Ma le nazioni del paese opprimevano pesantemente gli abitanti della Giudea e li tenevano stretti e ne impedivano la costruzione; 73 E con i loro complotti segreti, le persuasioni e i tumulti popolari, ostacolarono il completamento della costruzione per tutto il tempo in cui visse il re Ciro: così furono impediti di costruire per lo spazio di due anni, fino al regno di Dario. CAPITOLO 6 1 Nel secondo anno del regno di Dario Aggeo e di Zaccaria figlio di Addo, i profeti, profetizzarono ai Giudei in Giudea e a Gerusalemme nel nome del Signore Dio d'Israele, che era su di loro. 2 Allora Zorobabele, figlio di Salatiel, e Gesù, figlio di Josedec, si alzarono e cominciarono a costruire la casa del Signore a Gerusalemme, mentre i profeti del Signore erano con loro e li aiutavano. 3 In quello stesso tempo venne loro incontro Sisinne, governatore della Siria e della Fenice, con Sathrabuzanes e i suoi compagni, e disse loro: 4 Per ordine di chi costruite questa casa e questo tetto e fate tutte le altre cose? e chi sono gli operai che eseguono queste cose? 5 Tuttavia gli anziani dei Giudei trovarono favore, perché il Signore aveva visitato la deportazione; 6 E non furono impediti loro di costruire, finché non fu dato a Dario un significato riguardo a loro, e ricevette una risposta. 7 La copia delle lettere che Sisinnes, governatore della Siria e della Fenice, e Sathrabuzanes, con i loro compagni, governanti in Siria e Fenice, scrissero e inviarono a Dario; Al re Dario, saluto: 8 Sappia ogni cosa il re nostro signore: essendo entrati nel paese della Giudea ed entrati nella città di Gerusalemme, abbiamo trovato nella città di Gerusalemme gli anziani dei Giudei che erano deportati 9 Costruire una casa al Signore, grande e nuova, con pietre squadrate e pregiate e legname già posato sui muri. 10 E quelle opere vengono eseguite con grande rapidità, e l’opera procede prosperamente nelle loro mani, e viene eseguita con ogni gloria e diligenza. 11 Allora interrogammo questi anziani: In base al comandamento di chi costruite questa casa e gettate le fondamenta di queste opere? 12 Perciò, allo scopo di poterti dare conoscenza per iscritto, abbiamo chiesto a coloro che erano i principali esecutori, e abbiamo chiesto loro per iscritto i nomi dei loro uomini principali. 13 Allora ci hanno risposto così: Noi siamo i servi del Signore che hanno fatto il cielo e la terra. 14 Quanto a questa casa, fu costruita molti anni fa da un re d'Israele grande e forte, e fu terminata. 15 Ma quando i nostri padri provocarono Dio all'ira e peccarono contro il Signore d'Israele che è nei cieli, egli li diede in potere di Nabucodonosor, re di Babilonia, dei Caldei; 16 Essi demolirono la casa, la incendiarono e deportarono il popolo prigioniero a Babilonia. 17 Ma nel primo anno in cui il re Ciro regnò sul paese di Babilonia, il re Ciro scrisse di edificare questa casa. 18 E gli arredi sacri d'oro e d'argento, che Nabucodonosor aveva portato via dalla casa di Gerusalemme e li aveva collocati nel suo tempio, quelli furono portati fuori dal tempio di Babilonia dal re Ciro, e furono consegnati a Zorobabele e il sovrano Sanabassaro, 19 Con l'ordine di portare via quegli stessi vasi e di metterli nel tempio a Gerusalemme; e che al suo posto fosse costruito il tempio del Signore. 20 Allora lo stesso Sanabassaro, giunto qui, gettò le fondamenta della casa del Signore a Gerusalemme; e da allora a questo essendo ancora un edificio, non è ancora del tutto terminato. 21 Ora dunque, se così sembra bene al re, si cerchino gli archivi del re Ciro: 22 E se si scoprisse che la costruzione della casa del Signore a Gerusalemme è stata fatta con il consenso del re Ciro, e se il re nostro signore è di questo avviso, ce lo indichi. 23 Allora ordinò al re Dario di cercare tra gli archivi di Babilonia. E così nel palazzo di Ecbatane, che è nel paese della Media, fu trovato un rotolo in cui erano registrate queste cose. 24 Nel primo anno del regno di Ciro, il re Ciro ordinò che fosse ricostruita la casa dell'Eterno a Gerusalemme, dove si sacrificano con fuoco continuo. 25 La cui altezza sarà di sessanta cubiti e la larghezza di sessanta cubiti, con tre file di pietre squadrate e una fila di legno nuovo di quel paese; e le relative spese saranno pagate dalla casa del re Ciro: 26 E che gli arredi sacri della casa del Signore, sia d'oro che d'argento, che Nabucodonosor prese dalla casa di Gerusalemme e portò a Babilonia, fossero restituiti alla casa di Gerusalemme e collocati nel luogo dove lo erano prima. 27 Ordinò inoltre che Sisinnes, governatore della Siria e della Fenice, e Sathrabuzanes, e i loro compagni, e coloro che erano stati nominati governatori in Siria e in Fenice, si guardassero da non interferire con il luogo, ma tollerassero Zorobabele, il servo della Signore, e governatore della Giudea, e gli anziani dei Giudei, per costruire la casa del Signore in quel luogo. 28 Ho anche comandato di ricostruirlo interamente; e che cerchino diligentemente di aiutare quelli che sono dalla cattività dei Giudei, finché la casa del Signore non sia terminata: 29 E del tributo di Celosiria e di Fenice sarà data accuratamente una parte a questi uomini per i sacrifici del
  • 8. Signore, cioè a Zorobabel, il governatore, per giovenchi, montoni e agnelli; 30 E anche frumento, sale, vino e olio, e tutto questo continuamente ogni anno, senza ulteriori domande, secondo quanto i sacerdoti che saranno a Gerusalemme indicheranno come consumati quotidianamente. 31 Affinché si facciano offerte al Dio altissimo per il re e per i suoi figli, e preghino per la loro vita. 32 E comandò che chiunque avesse trasgredito, sì, o avesse sminuito qualsiasi cosa prima detta o scritta, fosse preso un albero dalla sua propria casa, e lui vi fosse impiccato, e tutti i suoi beni fossero sequestrati per il re. 33 Perciò il Signore, il cui nome è lì invocato, distrugga completamente ogni re e ogni nazione che stende la mano per ostacolare o danneggiare quella casa del Signore a Gerusalemme. 34 Io, il re Dario, ho ordinato che queste cose siano fatte con diligenza. CAPITOLO 7 1 Allora Sisinne, governatore della Celosiria e della Fenice, e Sathrabuzanes, con i loro compagni, seguendo gli ordini del re Dario, 2 Sorvegliò con molta attenzione le opere sante, assistendo gli anziani dei Giudei e i governatori del tempio. 3 E così le opere sante prosperarono, quando profetizzarono Aggeo e Zaccaria. 4 E portarono a termine queste cose per ordine del Signore Dio d'Israele e con il consenso di Ciro, Dario e Artersese, re di Persia. 5 Così fu terminata la santa casa il ventitreesimo giorno del mese di Adar, l'anno sesto di Dario re dei Persiani. 6 E i figli d'Israele, i sacerdoti, i leviti e gli altri deportati che furono aggiunti a loro, fecero secondo le cose scritte nel libro di Mosè. 7 E per la dedicazione del tempio del Signore offrirono cento giovenchi, duecento montoni, quattrocento agnelli; 8 E dodici capri per il peccato di tutto Israele, secondo il numero dei capi delle tribù d'Israele. 9 Anche i sacerdoti e i leviti stavano vestiti nei loro paramenti, secondo le loro famiglie, al servizio del Signore Dio d'Israele, secondo il libro di Mosè; e i portieri ad ogni porta. 10 E i figli d'Israele che erano in cattività celebrarono la pasqua il quattordicesimo giorno del primo mese, dopo che i sacerdoti e i leviti furono santificati. 11 Non tutti i deportati furono santificati insieme, ma i leviti furono tutti santificati insieme. 12 E offrirono così la pasqua per tutti i deportati, per i loro fratelli sacerdoti e per se stessi. 13 E mangiarono i figli d'Israele usciti dalla cattività, tutti quelli che si erano separati dalle abominazioni del popolo del paese e cercavano l'Eterno. 14 Celebrarono la festa dei pani azzimi per sette giorni, facendo festa davanti al Signore, 15Per questo aveva rivolto verso di loro il consiglio del re d'Assiria, per rafforzare le loro mani nelle opere del Signore Dio d'Israele. CAPITOLO 8 1 Dopo queste cose, quando regnava Artesserse, re dei Persiani, venne Esdra, figlio di Saraia, figlio di Ezeria, figlio di Elchia, figlio di Salum, 2 Figlio di Sadduc, figlio di Achitob, figlio di Amarias, figlio di Ezias, figlio di Meremoth, figlio di Zaraias, figlio di Savias, figlio di Boccas, figlio di Abisum, figlio di Finees , figlio di Eleazaro, figlio di Aronne, capo sacerdote. 3 Questo Esdra salì da Babilonia come scriba, molto esperto nella legge di Mosè, data dal Dio d'Israele. 4 E il re gli fece onore, perché trovò grazia ai suoi occhi in tutte le sue richieste. 5 Salirono con lui a Gerusalemme anche alcuni de' figliuoli d'Israele, dei sacerdoti leviti, dei cantori santi, dei portinai e dei ministri del tempio. 6 Nel settimo anno del regno di Arterserse, nel quinto mese, questo era il settimo anno del re; poiché partirono da Babilonia il primo giorno del primo mese e giunsero a Gerusalemme secondo il prospero viaggio che il Signore aveva loro concesso. 7 Poiché Esdra aveva una grandissima abilità, tanto da non tralasciare nulla della legge e dei comandamenti del Signore, ma insegnava a tutto Israele le prescrizioni e i giudizi. 8 Ora la copia dell'incarico, che fu scritta dal re Arterserse e pervenne a Esdra, sacerdote e lettore della legge del Signore, è questa che segue; 9 Il re Arteserse manda saluti a Esdra, sacerdote e lettore della legge del Signore: 10 Avendo deciso di agire con misericordia, ho dato ordine che quelli della nazione dei Giudei, dei sacerdoti e dei leviti che si trovano nel nostro regno, che sono disposti e desiderosi, vengano con te a Gerusalemme. 11 Tutti dunque coloro che lo desiderano, partano con te, come è sembrato bene sia a me che ai miei sette amici consiglieri; 12 Affinché possano considerare gli affari della Giudea e di Gerusalemme in modo conforme a ciò che è nella legge del Signore; 13 E porterai al Signore a Gerusalemme i doni che io e i miei amici abbiamo promesso al Signore d'Israele, e tutto l'oro e l'argento che si possono trovare nel paese di Babilonia, al Signore a Gerusalemme, 14 Con ciò che è stato dato dal popolo per il tempio del Signore loro Dio a Gerusalemme: e affinché argento e oro possano essere raccolti per giovenchi, montoni e agnelli e cose relative; 15 affinché offrano sacrifici al Signore sull'altare del Signore loro Dio, che è a Gerusalemme. 16 E qualunque cosa tu e i tuoi fratelli farete con l'argento e l'oro, fatela secondo la volontà del vostro Dio. 17 E gli arredi sacri del Signore, che ti saranno dati per l'uso del tempio del tuo Dio, che è a Gerusalemme, li porrai davanti al tuo Dio a Gerusalemme. 18 E qualunque altra cosa ricorderai per l'uso del tempio del tuo Dio, la darai dal tesoro del re. 19 E io, re Arterserse, ho comandato anche ai custodi dei tesori in Siria e in Fenice, che qualunque cosa Esdra, sacerdote e lettore della legge dell'Iddio altissimo, manderà per loro, gliela consegnino rapidamente, 20 Per la somma di cento talenti d'argento, così anche di frumento fino a cento cor, e cento pezzi di vino, e altre cose in abbondanza. 21 Tutte le cose siano compiute secondo la legge di Dio con diligenza verso l'Iddio altissimo, affinché l'ira non venga sul regno del re e sui suoi figli. 22 Vi comando inoltre di non richiedere alcuna tassa, né alcuna altra imposizione, né ai sacerdoti, né ai leviti, né ai cantori santi, né ai portinai, né ai ministri del tempio, né a nessuno che abbia a che fare in questo tempio, e che nessun uomo ha l'autorità di imporre loro alcuna cosa. 23 E tu, Esdra, secondo la saggezza di Dio, ordina giudici e giudici, affinché giudichino in tutta la Siria e la Fenice tutti
  • 9. coloro che conoscono la legge del tuo Dio; e a quelli che non lo sanno, tu lo insegnerai. 24 E chiunque trasgredirà la legge del tuo Dio e del re sarà punito diligentemente, sia con la morte, sia con altra punizione, con una multa in denaro o con la prigione. 25 Allora Esdra, lo scriba, disse: Benedetto sia l'unico Signore, Dio dei miei padri, che ha messo queste cose nel cuore del re, per glorificare la sua casa che è a Gerusalemme. 26 E mi ha onorato agli occhi del re, dei suoi consiglieri e di tutti i suoi amici e nobili. 27 Perciò fui confortato dall'aiuto del Signore mio Dio e radunai uomini d'Israele perché salissero con me. 28 Questi sono i capi secondo le loro famiglie e le varie dignità che salirono con me da Babilonia sotto il regno del re Arterserse: 29 Dei figli di Finees, Gerson: dei figli di Ithamar, Gamael: dei figli di Davide, Latto, figlio di Sechenia: 30 Dei figli di Farez, Zaccaria; e con lui furono contati centocinquanta uomini: 31 Dei figli di Pahath Moab, Eliaonia, figlio di Zaraia, e con lui duecento uomini: 32 Dei figli di Zathhoe, Sechenias, figlio di Jezelus, e con lui trecento uomini; dei figli di Adin, Obeth, figlio di Jonathan, e con lui duecentocinquanta uomini: 33 Dei figli di Elam, Giosia figlio di Gotolia e con lui settanta uomini: 34 Dei figli di Safatia, Zaraia, figlio di Michele, e con lui sessanta dieci uomini: 35 Dei figli di Joab, Abadia, figlio di Jezelus, e con lui duecentododici uomini: 36 Dei figli di Banid, Assalimoth, figlio di Josaphias, e con lui centosessanta uomini: 37 Dei figli di Babi, Zaccaria, figlio di Bebai, e con lui ventotto uomini: 38 Dei figli di Astath, Giovanni, figlio di Acatan, e con lui centodieci uomini: 39 Dei figli di Adonikam, gli ultimi, questi sono i loro nomi: Eliphalet, Jewel e Samaias, e con loro settanta uomini: 40 Dei figli di Bago, Uthi, figlio di Istalcurus, e con lui settanta uomini. 41 E questi li radunai presso il fiume chiamato Theras, dove piantammo le nostre tende per tre giorni: e poi li osservai. 42 Ma non avendovi trovato nessuno dei sacerdoti e dei leviti, 43 Allora mandai a Eleazar, a Iduel e a Masman, 44 E Alnathan, Mamaias, Joribas, Nathan, Eunatan, Zaccaria e Mosollamon, uomini importanti e dotti. 45 E dissi loro di andare dal capitano Saddeo, che era addetto al tesoro. 46 E ordinò loro di parlare a Daddeo, ai suoi fratelli e ai tesorieri del luogo, di mandarci degli uomini che potessero esercitare l'ufficio sacerdotale nella casa del Signore. 47 E mediante la potente mano del nostro Signore portarono a noi uomini abili dei figli di Moli, figlio di Levi, figlio d'Israele, Asebebia, e i suoi figli e i suoi fratelli, che erano diciotto. 48 Dei figli di Cannuneo, Asebia, Anno e Osaia suo fratello e i loro figli erano venti uomini. 49 Dei servitori del tempio che Davide aveva ordinato, e degli uomini principali per il servizio dei leviti, vale a dire, i servitori del tempio, duecentoventi, i cui nomi erano mostrati nell'elenco. 50 E lì feci voto di digiuno ai giovani davanti al nostro Signore, per augurargli un viaggio prospero, sia per noi che per quelli che erano con noi, per i nostri figli e per il bestiame. 51 Poiché mi vergognavo di chiedere al re fanti, cavalieri e condotta per difendermi dai nostri avversari. 52 Poiché avevamo detto al re che la potenza del Signore nostro Dio sarebbe stata con coloro che lo cercavano, per sostenerli in ogni cosa. 53 E ancora supplicammo il nostro Signore riguardo a queste cose, e lo trovammo favorevole nei nostri confronti. 54 Poi separai dodici capi dei sacerdoti, Esebria e Assania, e con loro dieci uomini dei loro fratelli. 55 E pesai loro l'oro, l'argento e gli arredi sacri della casa del nostro Signore, che il re, il suo consiglio, i principi e tutto Israele avevano dato. 56 Dopo averlo pesato, consegnai loro seicentocinquanta talenti d'argento, vasi d'argento di cento talenti e cento talenti d'oro. 57 E venti vasi d'oro e dodici vasi di rame, di rame finissimo, scintillante come oro. 58 E io dissi loro: Entrambi siete santi al Signore, e gli arredi sono santi, e l'oro e l'argento sono un voto al Signore, il Signore dei nostri padri. 59 Vegliate e custoditeli finché non li consegnerete ai capi dei sacerdoti e ai leviti e agli uomini principali delle famiglie d'Israele a Gerusalemme, nelle stanze della casa del nostro Dio. 60 Allora i sacerdoti e i leviti, che avevano ricevuto l'argento, l'oro e gli utensili, li portarono a Gerusalemme, nel tempio del Signore. 61 Partimmo dal fiume Thera il dodicesimo giorno del primo mese e arrivammo a Gerusalemme mediante la mano potente del nostro Signore, che era con noi; e fin dall'inizio del nostro viaggio il Signore ci liberò da ogni nemico, e così siamo arrivati a Gerusalemme. 62 E dopo che eravamo stati lì tre giorni, il quarto giorno l'oro e l'argento che erano stati pesati furono consegnati nella casa di nostro Signore al sacerdote Marmoth, figlio di Iri. 63 E con lui era Eleazar, figlio di Finees, e con loro erano Josabad, figlio di Jesu, e Moeth, figlio di Sabban, leviti: tutto fu consegnato loro secondo il numero e il peso. 64 E tutto il loro peso fu registrato nella stessa ora. 65 Inoltre quelli che furono usciti dalla cattività offrirono in sacrificio al Signore Dio d'Israele dodici giovenchi per tutto Israele, ottanta sedici montoni, 66 Sessanta dodici agnelli e capri per un sacrificio di ringraziamento, dodici; tutti loro un sacrificio al Signore. 67 E consegnarono i comandamenti del re agli intendenti del re e ai governatori della Celosiria e della Fenice; e onorarono il popolo e il tempio di Dio. 68 Ora, quando queste cose furono fatte, i capi vennero da me e dissero: 69 La nazione d'Israele, i principi, i sacerdoti e i leviti non hanno scacciato da sé gli stranieri del paese, né le contaminazioni dei gentili, cioè dei Cananei, degli Hittiti, dei Feresiti, dei Gebusei e dei Moabiti, Egiziani ed edomiti. 70 Poiché sia loro che i loro figli si sono sposati con le loro figlie, e la santa discendenza si è mescolata con gli stranieri del paese; e fin dall'inizio di questa vicenda i governanti e i grandi uomini sono stati partecipi di questa iniquità. 71 E appena ebbi udito queste cose, mi stracciai le vesti e la veste sacra, mi strappai i capelli dal capo e la barba, e mi sedetti triste e molto pesante. 72 Allora si radunarono presso di me tutti quelli che allora erano commossi dalla parola del Signore Dio d'Israele, mentre io piangevo per l'iniquità; ma rimasi seduto tranquillo fino al sacrificio della sera. 73 Allora mi alzai dal digiuno, con le mie vesti e la veste sacra stracciata, chinai le ginocchia e stesi le mie mani verso il Signore,
  • 10. 74 Ho detto: Signore, sono confuso e pieno di vergogna davanti al tuo volto; 75 Poiché i nostri peccati si sono moltiplicati al di sopra delle nostre teste, e le nostre ignoranze sono arrivate fino al cielo. 76 Poiché fin dai tempi dei nostri padri siamo stati e siamo in un grande peccato, fino ad oggi. 77 E a causa dei nostri peccati e di quelli dei nostri padri noi, i nostri fratelli, i nostri re e i nostri sacerdoti siamo stati consegnati ai re della terra, alla spada, alla prigionia e alla preda vergognosa, fino al giorno d'oggi. 78 Ed ora in una certa misura ci è stata mostrata misericordia da parte tua, o Signore, affinché ci rimanessero una radice e un nome nel luogo del tuo santuario; 79 E per scoprirci una luce nella casa del Signore nostro Dio, e per darci cibo nel tempo della nostra servitù. 80 Sì, quando eravamo in schiavitù, non siamo stati abbandonati dal nostro Signore; ma ci ha fatto grazia davanti ai re di Persia, così che ci hanno dato da mangiare; 81 Sì, e hanno onorato il tempio del nostro Signore, e hanno innalzato la desolata Sion, affinché ci abbiano dato una dimora sicura in Giudea e a Gerusalemme. 82 Ed ora, o Signore, che diremo, avendo queste cose? poiché abbiamo trasgredito i tuoi comandamenti, che tu desti per mezzo dei tuoi servi, i profeti, dicendo: 83 Che il paese di cui entrate in possesso come eredità è un paese contaminato dalle impurità degli stranieri del paese, ed essi l'hanno riempito con la loro impurità. 84 Perciò ora non unirete le vostre figlie ai loro figli, né prenderete le loro figlie ai vostri figli. 85 Inoltre non cercherete mai di avere pace con loro, affinché possiate essere forti e mangiare le buone cose del paese, e affinché possiate lasciare l'eredità della terra ai vostri figli per sempre. 86 E tutto ciò che ci è accaduto ci è stato fatto a causa delle nostre opere malvagie e dei nostri grandi peccati; perché tu, Signore, hai reso leggeri i nostri peccati, 87 E ci hai dato una tale radice; ma noi siamo tornati indietro, trasgredendo la tua legge e mescolandoci con l'impurità delle nazioni del paese. 88 Non potresti tu adirarti contro di noi per distruggerci, finché non ci avessi lasciato né radice, né seme, né nome? 89 O Signore d'Israele, tu sei sincero: poiché oggi ci è rimasta una radice. 90 Ecco, ora siamo davanti a te nelle nostre iniquità, poiché non possiamo più resistere davanti a te a causa di queste cose. 91 E mentre Esdra nella sua preghiera faceva la sua confessione, piangendo e giacendo a terra davanti al tempio, si radunò presso di lui da Gerusalemme una grandissima moltitudine di uomini, donne e bambini: poiché ci fu un grande pianto tra la moltitudine. 92 Allora Ieconia, figlio di Jeelus, uno dei figli d'Israele, gridò e disse: O Esdra, abbiamo peccato contro il Signore Dio, abbiamo sposato donne straniere delle nazioni del paese, e ora tutto Israele è in alto . 93 Giuriamo al Signore che manderemo via tutte le nostre mogli che abbiamo preso dalle nazioni, con i loro figli, 94 Come hai decretato, e tutti obbediscono alla legge del Signore. 95 Alzati e metti a punto l'esecuzione: poiché a te spetta questa faccenda, e noi saremo con te: agisci valorosamente. 96 Allora Esdra si alzò e prestò giuramento ai capi dei sacerdoti e ai leviti di tutto Israele di fare dopo queste cose; e così giurano. CAPITOLO 9 1 Allora Esdra, alzatosi dal cortile del tempio, si recò nella camera di Joanan, figlio di Eliasib, 2 E rimase là, senza mangiare carne e senza bere acqua, lamentandosi per le grandi iniquità della moltitudine. 3 E in tutta la Giudea e a Gerusalemme fu proclamato a tutti i deportati che si radunassero a Gerusalemme: 4 E che chiunque non si fosse riunito lì entro due o tre giorni secondo quanto stabilito dagli anziani che governavano, il suo bestiame sarebbe stato preso per l'uso del tempio e lui stesso sarebbe stato scacciato da quelli che erano in cattività. 5 E in tre giorni tutti quelli della tribù di Giuda e di Beniamino si radunarono a Gerusalemme il ventesimo giorno del nono mese. 6 Tutta la folla sedeva tremante nell'ampio cortile del tempio a causa del cattivo tempo. 7 Allora Esdra si alzò e disse loro: «Voi avete trasgredito la legge sposando mogli straniere, aggravando così i peccati d'Israele. 8 Ed ora, con la confessione, date gloria al Signore Dio dei nostri padri, 9 Fate la sua volontà e separatevi dalle pagane del paese e dalle donne straniere. 10 Allora tutta la folla gridò e disse ad alta voce: Come hai detto tu, così faremo. 11 Ma poiché il popolo è numeroso e fa brutto tempo, tanto che non possiamo stare fuori, e questa non è un'opera di un giorno o due, vedendo che il nostro peccato in queste cose è molto diffuso. 12 Rimangano dunque i capi della moltitudine e tutti quelli delle nostre abitazioni che hanno mogli straniere vengano al tempo stabilito, 13 E con loro i capi e i giudici di ogni luogo, finché non allontaneremo da noi l'ira del Signore per questa faccenda. 14 Allora Gionata figlio di Azael ed Ezechia figlio di Teocano presero su di loro questa faccenda; e Mosollam, Levi e Sabbateo li aiutarono. 15 E quelli che erano in cattività fecero tutte queste cose. 16 E il sacerdote Esdra scelse presso di sé gli uomini principali delle loro famiglie, tutti per nome; e il primo giorno del decimo mese si sedettero insieme per esaminare la questione. 17 Così la loro causa che teneva donne straniere fu conclusa il primo giorno del primo mese. 18 E dei sacerdoti che si erano riuniti e che avevano mogli straniere, furono trovati: 19 Dei figli di Gesù, figlio di Josedec, e dei suoi fratelli; Matthelas ed Eleazar, Joribus e Joadanus. 20 E diedero le mani per ripudiare le loro mogli e per offrire montoni per espiare i loro errori. 21 E dei figli di Emmer; Anania, Zabdeo, Eanes, Sameio, Hiereel e Azaria. 22 E dei figli di Phaisur; Elionas, Massias Israel, Natanaele, Ocidelus e Talsas. 23 E dei Leviti; Jozabad, Semis e Colius, che era chiamato Calitas, Patheus, Giuda e Jonas. 24 Dei santi cantori; Eleazuro, Bacco. 25 Dei portieri; Sallumus e Tolbanes. 26 Di loro d'Israele, dei figli di Foros; Hiermas, Eddias, Melchias, Maelus, Eleazar, Asibias e Baanias. 27 Dei figli di Ela; Matthania, Zaccaria, Hierielus, Hieremoth ed Aedia. 28 E dei figli di Zamoth; Eliadas, Elisimus, Othonias, Jarimoth, Sabatus e Sardeus. 29 Dei figli di Babai; Giovanni, Anania, Josabad e Amatheis. 30 Dei figli di Mani; Olamus, Mamuchus, Jedeus, Jasubus, Jasael e Hieremoth.
  • 11. 31 E dei figli di Addi; Naathus e Moosias, Lacunus, e Naidus, e Mathanias, e Sesthel, Balnuus e Manasseas. 32 E dei figli di Anna; Eliona e Asea, Melchia, Sabbeo e Simone Cosameo. 33 E dei figli di Asom; Altaneo, Mattia, Baanaia, Eliphalet, Manasse e Semei. 34 E dei figli di Maani; Jeremias, Momdis, Omaerus, Juel, Mabdai e Pelias, e Anos, Carabasion ed Enasibus, e Mamnitanaimus, Eliasis, Bannus, Eliali, Samis, Selemias, Nathanias: e dei figli di Ozora; Sesis, Esril, Azaelus, Samatus, Zambis, Giuseppe Flavio. 35 E dei figli di Ethma; Mazitias, Zabadaias, Edes, Juel, Banaias. 36 Tutti questi avevano preso mogli straniere e le mandarono via insieme ai loro figli. 37 E i sacerdoti, i leviti e quelli che erano d'Israele dimoravano a Gerusalemme e nella campagna il primo giorno del settimo mese; così i figli d'Israele erano nelle loro abitazioni. 38 E tutta la moltitudine si radunò concordemente nell'ampio spazio del portico santo verso est. 39 E dissero ad Esdra, sacerdote e lettore, che avrebbe portato la legge di Mosè, che era stata data dal Signore Dio d'Israele. 40 Allora Esdra, il sommo sacerdote, portò la legge a tutta la moltitudine, da uomo a donna, e a tutti i sacerdoti, per ascoltare la legge il primo giorno del settimo mese. 41 E leggeva nel vasto cortile davanti al portico santo, dalla mattina a mezzogiorno, davanti a uomini e donne; e la moltitudine prestò attenzione alla legge. 42 Ed Esdra, sacerdote e lettore della legge, stava in piedi su un pulpito di legno, fatto a tale scopo. 43 E accanto a lui stavano Mattatia, Sammo, Anania, Azaria, Uria, Ezecia, Balasamo, a destra: 44 Alla sua sinistra stavano Faldaio, Misael, Melchia, Lothasubo e Nabaria. 45 Allora Esdra prese il libro della legge davanti alla folla, poiché sedeva onorevolmente al primo posto agli occhi di tutti. 46 E quando aprì la legge, si alzarono tutti in piedi. Così Esdra benedisse il Signore Dio altissimo, il Dio degli eserciti, Onnipotente. 47 E tutto il popolo rispose: Amen; e, alzate le mani, si prostrarono a terra e adorarono il Signore. 48 Anche Gesù, Ano, Sarabia, Adino, Jacubo, Sabatea, Autea, Maianea e Calita, Asria e Ioazabdo e Anania e Biata, i leviti, insegnarono la legge del Signore, facendola comprendere a loro. 49 Allora Attharate parlò al sommo sacerdote Esdra. e lettore, e ai leviti che istruivano la moltitudine, a tutti, dicendo: 50 Questo giorno è santo al Signore; (perché tutti piansero quando ascoltarono la legge:) 51 Va' dunque, mangia cibi grassi e bevi cibi dolci, e mandane una parte a quelli che non hanno nulla; 52 Poiché questo giorno è santo al Signore: e non siate tristi; perché il Signore ti onorerà. 53 Allora i leviti riferirono ogni cosa al popolo, dicendo: Questo giorno è santo al Signore; non essere triste. 54 Allora se ne andarono ciascuno a mangiare, a bere, a far festa, a dare una parte a quelli che non avevano nulla e a fare grande allegria; 55 Perché comprendevano le parole nelle quali erano stati istruiti e per le quali erano stati radunati.