Brainstorming

2,689 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
6 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,689
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
13
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
6
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Brainstorming

  1. 1. Roma – 8 novembre 2008 Elementi per una “tempesta di cervelli” Camillo Di Tullio aka DR_WHO
  2. 2. Il Dubbio www.drwho.it Mettersi in discussione Questo documento vuole essere un piccolo contributo su come strutturare un brainstorming che porti dritto al risultato per cui è stato invocato. Questo promemoria è frutto di una mia diretta esperienza sul campo certamente migliorabile. Buona lettura!
  3. 3. Il Dubbio www.drwho.it Prima regola: l’obiettivo Prima regola fondamentale è definire in maniera chiara ed inequivocabile l’obiettivo del brainstorming. L’obiettivo deve essere qualcosa di concreto : un elemento fondamentale utile per il progetto all’interno del quale l’attività di brainstorming è chiamata. Esempio : definire il concetto di charming
  4. 4. Il Dubbio www.drwho.it Seconda regola: no censura Seconda regola è dare ampio spazio al “cervello”. Durante l’attività non è possibile inibire alcuna manifestazione creativa. L’attività di organizzazione delle informazioni avverrà in un momento successivo.
  5. 5. Il Dubbio www.drwho.it Terza regola: il moderatore <ul><li>Terza regola è nominare un moderatore dell’attività. Durante l’attività certamente si tenderà a “deviare”. Il moderatore avrà il compito di: </li></ul><ul><li>Guidare il percorso di brainstorming </li></ul><ul><li>Far rispettare le regole </li></ul><ul><li>Far rispettare il timing previsto per le fasi operative </li></ul>
  6. 6. Il Dubbio www.drwho.it Gli strumenti indispensabili <ul><li>Ecco la “cassetta degli attrezzi”: </li></ul><ul><li>Un orologio a portata di moderatore </li></ul><ul><li>Un cero numero di Post-it </li></ul><ul><li>una parete sufficientemente ampia su cui attaccare i post-it </li></ul><ul><li>definire frasi guida per stimolare il pensiero laterale. </li></ul><ul><li>Il ruolo delle frasi guida </li></ul><ul><li>Stimolare il pensiero creativo “distogliendolo” dall’approccio logico che normalmente si ha riguardo l’obiettivo. Personalmente ho sempre utilizzato frasi del tipo “se fosse” riferito all’obiettivo </li></ul><ul><li>Frasi utilizzate per il progetto di cui all’esempio precedente: </li></ul><ul><li>se fosse un animale sarebbe? </li></ul><ul><li>se fosse un utensile sarebbe? </li></ul><ul><li>se fosse una pietanza sarebbe? </li></ul><ul><li>se fosse un oggetto sarebbe? </li></ul><ul><li>se fosse un aggettivo sarebbe? </li></ul>
  7. 7. Il Dubbio www.drwho.it Il flusso operativo del BS Lo STIMOLO creativo è rappresentato dalla frase guida. Il moderatore pronuncia ad alta voce la frase guida e da quel momento sui Post-it tutti i partecipanti scrivono le cose che la frase stimola. Ogni cosa va scritta su un singolo post-it. Tempo per scrivere gli stimoli: 5 minuti Al termine dei 5 minuti il moderatore stoppa qualsiasi attività di scrittura sui post-it. Posizionare tutti i post it realizzati per quella frase stimolo su una parte di parete, posizionando in alto il post-it contenente la frase stimolo. Ripetere tale operazione per tutte le frasi stimolo.
  8. 8. Il Dubbio www.drwho.it Il flusso operativo del BS se fosse un animale sarebbe? Output 1 Output 2 Output 3 Output 4 Output 5 Output 6 Output n se fosse un ristorante sarebbe? Output 1 Output 2 Output 3 Output 4 Output 5 Output 6 Output n Struttura del wall 5 min.
  9. 9. Il Dubbio www.drwho.it Organizzare gli stimoli Al termine della “tempesa di cervelli” occorre organizzare gli stimoli (tutti i post-it). Per farlo è necessario riprendere l’obiettivo per cui il BS è stato realizzato. Esempio : definire il concetto di charming In base all’obiettivo organizzare in modo logico gli stimoli, scegliendo una frase guida da cui partire. Per l’obiettivo “charming” siamo partiti da Se fosse un aggettivo. Di lì abbiamo – per ogni frase guida – identificato gli stimoli più vicini agli aggettivi coerenti (eliminando gli altri) e così via. Il processo di organizzazione degli stimoli va avanti per “approssimazioni successive”, in base all’obiettivo madre. Al termine si avrà una indicazione focus che dovrà essere “tradotta” in termini di obiettivo.
  10. 10. Il Dubbio www.drwho.it L’esempio riportato <ul><li>Il BS che vi ho portato quale esempio, ha prodotto: </li></ul><ul><li>200 concetti (Post-it) </li></ul><ul><li>16 raggruppamenti x 58 concetti </li></ul><ul><li>5 ambiti significativi per l’obiettivo: </li></ul><ul><ul><li>ricercato (Ristorante giapponese, Pet toilettery, intimo di classe)* </li></ul></ul><ul><ul><li>benessere (Orto botanico,percorso relax, macrobiotico)* </li></ul></ul><ul><ul><li>Classe (Antiquario, Gallerie, ristorente guanti bianchi, shoes e accessori)* </li></ul></ul><ul><ul><li>Punto di riferimento (Design, Dog sitter, Nokia point, teatro/cinema)* </li></ul></ul><ul><ul><li>Originale (Norcineria, enoteca, Torrefazione, ristorante tipico)* </li></ul></ul><ul><ul><li>*= risultati Post-it </li></ul></ul>
  11. 11. Grazie per l’attenzione Camillo Di Tullio Edge Marketer a.k.a. DR_WHO per Blog area : drwho.it Contact : drwho@unconventionalm.it www.drwho.it

×