Tempo dello Spirito
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Tempo dello Spirito

  • 723 views
Uploaded on

6^ settimana : Pasqua di Resurrezione

6^ settimana : Pasqua di Resurrezione

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
723
On Slideshare
361
From Embeds
362
Number of Embeds
4

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 362

http://benessereascuola.wordpress.com 357
http://www.slideshare.net 3
http://translate.googleusercontent.com 1
http://translate.googleusercontent.com 1

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Quaresima 2011Tempo dello spirito Pasqua di Resurrezione 24 aprile 2011
  • 2. Dal Vangelo secondo Luca ( 24, 13—35 )Ed ecco, in quello stesso giorno, [il primo della settimana], due [dei discepoli] erano in cammi-no per un villaggio di nome Èmmaus, distante circa undici chilometri da Gerusalemme, e con-versavano tra loro di tutto quello che era accaduto.Mentre conversavano e discutevano insieme, Gesù in persona si avvicinò e camminava conloro. Ma i loro occhi erano impediti a riconoscerlo. Ed egli disse loro: «Che cosa sono questidiscorsi che state facendo tra voi lungo il cammino?». Si fermarono, col volto triste; uno di loro,di nome Clèopa, gli rispose: «Solo tu sei forestiero a Gerusalemme! Non sai ciò che vi è acca-duto in questi giorni?». Domandò loro: «Che cosa?». Gli risposero: «Ciò che riguarda Gesù, ilNazareno, che fu profeta potente in opere e in parole, davanti a Dio e a tutto il popolo; come icapi dei sacerdoti e le nostre autorità lo hanno consegnato per farlo condannare a morte e lohanno crocifisso. Noi speravamo che egli fosse colui che avrebbe liberato Israele; con tutto ciò,sono passati tre giorni da quando queste cose sono accadute. Ma alcune donne, delle nostre, cihanno sconvolti; si sono recate al mattino alla tomba e, non avendo trovato il suo corpo, sonovenute a dirci di aver avuto anche una visione di angeli, i quali affermano che egli è vivo. Alcu-ni dei nostri sono andati alla tomba e hanno trovato come avevano detto le donne, ma lui nonl’hanno visto».Disse loro: «Stolti e lenti di cuore a credere in tutto ciò che hanno detto i profeti! Non bisogna-va che il Cristo patisse queste sofferenze per entrare nella sua gloria?». E, cominciando da Mo-sè e da tutti i profeti, spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui.Quando furono vicini al villaggio dove erano diretti, egli fece come se dovesse andare più lon-tano. Ma essi insistettero: «Resta con noi, perché si fa sera e il giorno è ormai al tramonto». Eglientrò per rimanere con loro. Quando fu a tavola con loro, prese il pane, recitò la benedizione, lospezzò e lo diede loro. Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. Ma egli sparì dallaloro vista. Ed essi dissero l’un l’altro: «Non ardeva forse in noi il nostro cuore mentre egli con-versava con noi lungo la via, quando ci spiegava le Scritture?».Partirono senza indugio e fecero ritorno a Gerusalemme, dove trovarono riuniti gli Undici e glialtri che erano con loro, i quali dicevano: «Davvero il Signore è risorto ed è apparso a Simo-ne!». Ed essi narravano ciò che era accaduto lungo la via e come l’avevano riconosciuto nellospezzare il pane.“E come potrai lasciarci, o Signore, tu che per cercarci mentre eravamo perduti e perriportarci come pecore sulle tue spalle al regno dei cieli hai voluto così tanto soffrire?Abbandonati da Cristo, periamo di fame, essendo Egli stesso il pane della vita.Separati da Cristo, rimarremo nella morte, poiché Egli stesso è la luce del mondo.Senza di te, o Cristo, si raffredda ogni uomo, perché tu sei venuto a portare il fuocosulla terra.Senza di te, o Cristo, è povero ogni uomo, poiché presso di te sono i tesori dellasapienza e della scienza di Dio.Quanti sono da te abbandonati, si perderanno, perché tu sei la via.Quelli che lasci, resteranno nella falsità, perché tu sei la verità.Chi è staccato da te morirà, perché tu sei la vita eterna.Tu sei il pastore delle pecore: come potranno camminare sicure le pecore senzapastore?Tu sei il sole di giustizia: tolto il sole, il mondo può ancora durare?Tu sei il Maestro di verità: senza maestro i discepoli giungeranno mai alla verità?".(San Carlo - Omelia 28 agosto 1583) Buona Pasqua nel Signore !