Your SlideShare is downloading. ×
0
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
De michelis
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

De michelis

224

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
224
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Comunicazione e persuasione: l’influenza pubblicitaria sui bambini. Tesi di Laurea di Alessia De Michelis Relatore: prof. Natale Bonfiglio
  • 2. 1. La persuasione 2. L’influenza pubblicitaria sui bambini
  • 3. La persuasione messaggio fonte ricevente
  • 4. Il messaggio  La meraall’aumento del bambini → esposizione numero delle esposizioni l’oggetto viene giudicato in modo sempre più negativo.
  • 5. Il messaggio  un messaggio persuasivo deve favorire il processo di apprendimento del contenuto.  la conclusione esplicita → slogan • maggiore efficacia (casi di minore efficacia).  l’argomentazione: • bilaterale → più efficace per i riceventi contrari; • unilaterale → più efficace per i riceventi favorevoli.
  • 6. Il messaggio  il canale di comunicazione: • messaggio semplice → maggiore efficacia per la forma video/audio; • messaggio complesso → maggiore efficacia per la forma scritta;  mediazione di comprensione e piacevolezza.
  • 7. La fonte  l’aspetto esteriore: • le persone attraenti, • le scelte nei confronti dei modelli culturali dominanti, • i tratti somatici particolari.  il contatto fisico: • formazione di un’impressione positiva (variazioni culturali).
  • 8. Il ricevente  deve stabilire se la posizione contenuta in un messaggio è accettabile.  analisi di due teorie riguardanti il processo cognitivo di elaborazione di un messaggio: • il Paradigma dell’elaborazione dell’informazione; • l’approccio della risposta cognitiva.
  • 9. Il ricevente  il Paradigma dell’elaborazione dell’informazione: • 6 fasi: 1. presentazione del messaggio; 2. attenzione; 3. comprensione dei contenuti; 4. accettazione della posizione sostenuta nel messaggio; 5. memorizzazione della nuova opinione; 6. comportamento. • non devono presentarsi interruzioni.
  • 10. Il ricevente  l’approccio della risposta cognitiva: • interpretazione del contenuto in base alle credenze che il ricevente possiede;  gli atteggiamenti pre-esitenti.
  • 11. L’influenza pubblicitaria sui bambini
  • 12. Pubblicità e bambini  la percezione della realtà: • primissima infanzia → il bambino crede che ciò che vede sia tangibile; • fase successiva → il bambino comprende di non poter interagire; • 3 anni → fase del realismo percettivo o “finestra magica”; • 4 anni → il bambino comprende che la rappresentazione della realtà è fittizia.  la television literacy.
  • 13. Pubblicità e bambini  solo a partire dagli 8 anni: • il bambino acquista la capacità di distinguere la la pubblicità dagli altri programmi;  non comprende necessariamente le finalità persuasive.
  • 14. Pubblicità e bambini
  • 15. Pubblicità e bambini  l’evoluzione della pubblicità rivolta ai bambini: • il ritmo, • il bambino testimonial, • la voce fuori campo. l’uso della magia: • gli elementi della fiaba, • l’aiutante magico.
  • 16. Pubblicità e bambini
  • 17. Pubblicità e bambini  preferenze dei bambini: • formula del cartone animato; • bambini al centro di avventure emozionanti, • in un contesto famigliare armonioso.  soddisfare esigenze cognitive o affettive.
  • 18. Pubblicità e bambini  presenza di animali;  personificazioni;  inesperienza e ingenuità; l’attenzione ai piccolissimi: il “nag factor”.
  • 19. Pubblicità e bambini  la socializzazione ai consumi;  fidelizzazione alla marca;  trasferimento dell’attaccamento per i genitori sul prodotto;  trasformazione del prodotto in oggetto transizionale.
  • 20. Pubblicità e bambini  la stereotipizzazione di genere.  l’apprendimento dal modello;  contrasto con il mondo degli adulti.
  • 21. Pubblicità e bambini  l’obesità infantile: • stile di vita sedentario, • aumento del consumo calorico, • rallentamento del metabolismo.  elementi affettivi e razionali: • clima famigliare e coinvolgente, • la bontà e la genuinità.
  • 22. Conclusioni  i dati mostrano una quantità massiccia di spot rivolti ai bambini.  l’influenza della pubblicità: • l’incapacità dei bambini al di sotto dei 7-8 anni di riconoscere l’intento persuasivo della pubblicità.  la possibile mediazione della famiglia.  evitare la fruizione solitaria.  riferimenti normativi.
  • 23. Grazie dell’attenzione
  • 24. La comunicazione di massa  gli effetti a breve termine: • la teoria della dipedendenza dal sistema dei media.  gli effetti a lungo termine: • l’effetto “agenda setting”; • i processi di omogeneizzazione culturale: il modello della spirale del silenzio; • la teoria della coltivazione. • la prospettiva della differenziazione. •
  • 25. Le normative  la normativa comunitaria: • la Direttiva n. 84/450, • la Direttiva “TV senza frontiere” n. 89/552, • il Libro verde della Commissione europea.  la normativa nazionale: • la legge Mammì n. 223/1990; • la legge Gasparri n. 112/2004.
  • 26. Le normative  le autoregolamentazioni: • la Carta di Treviso; • il Codice di autoregolamentazione TV e minori; • forme di controllo preventivo alla messa in onda di spot da parte i RAI e Mediaset; • il Codice di Autodisciplina Pubblicitaria.
  • 27. Il messaggio  l’effetto di primacy e l’effetto di recency.  la vividezza: • messaggio pallido → generalmente più persuasivo; • messaggio vivido → efficace se esiste congruità tra gli elementi vividi e la posizione sostenuta nel messaggio. (controindicazioni).
  • 28. Il ricevente  gli atteggiamenti: • La durevolezza; • l’impatto esercitato.  gli attributi che contribuiscono a rafforzare l’atteggiamento: • atteggiamenti estremi o ambivalenti; • accessibilità della memoria; • credenze soggettive; • modalità di formazione dell’atteggiamento.
  • 29. Il ricevente  il ruolo dell’umore: • Influenza la motivazione a elaborare il contenuto del messaggio;  il “matching effect” : • corrispondenza funzionale → maggiore efficacia se il messaggio fa leva sulla funzione assolta da un dato atteggiamento; • corrispondenza strutturale: • a base emotiva; • a base cognitiva.
  • 30. Pubblicità e bambini  1983: 93 spot occasionalmente ripetuti. (dati Sacis).  2006: 1.000 spot rilevazione basata su una settimana campione. (dati OCP Università degli Studi di Roma “La Sapienza”).
  • 31. Pubblicità e bambini  l’influenza dello stile di fruizione della famiglia.  stili di mediazione della fruizione: • mediazione restrittiva; • co-visione; • mediazione istruttiva → funzione assolta da fratelli o sorelle maggiori
  • 32. Pubblicità e bambini fruizione solitaria → TV tappabuchi.
  • 33. Pubblicità e bambini  problemi: • nel rapporto con i genitori: • disadattamento, • pericolo; • nel rapporto con il gruppo dei pari: • inferiorità, • inadeguatezza, • insodisfazione; • per il bambino: • delusione.

×