Cuoa vannuccini 4_marzo11

683 views

Published on

Intervento a Fondazione CUOA del 4 Marzo 2011.

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
683
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
24
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Cuoa vannuccini 4_marzo11

  1. 1. Soluzioni praticabili per linnovazione sostenibile nella PA del 2011: gliFondazione CUOA strumenti delle-Altavilla Vicentina government4 Marzo 2011 Gianluca Vannuccini come riuscire a sorprendere i propri cittadini digitali senza spendere un patrimonio..
  2. 2. Storia di Maria Rossi (che fantasia!!): giovanedipendente di un piccolo comune che vuole offrire serviziinnovativi con gli strumenti dell’e-government e a budgetridotto..
  3. 3. Assunzioni di base(cosa NON tocca alla nostra giovane collega…) HW e SW di base conservazione sostitutiva integrazioni con i sistemi gestionali di back-office network sito web dell’Ente protocollo informatico albo pretorio online adempimenti SUAP ex DPR160/2010 no skill di sviluppo sw
  4. 4. Partenza!!!Prima di tutto Maria si ferma a pensare!!Meglio spendere un po’ di energie a pensare e pianificare gli interventi diinnovazione (soprattutto se con scarsi budget)
  5. 5. La nostra Maria Rossi si aggiorna sulle normative
  6. 6. “Tagga” i contenuti più importanti nei suoi segnalibri in rete....e poi li condivide con tutti i suoi colleghi: creata prima base di conoscenza per un gruppo di lavoro sulla PA digitale
  7. 7. Le principali norme e linee guida sulla PA digitale Normativa Di cosa parla Utilità x Maria RossiCodice dell’Amministrazione Tutto ciò che serve per la PA digitaleDigitale (DLgs 235/10)DPR 68/05 Regolamento tecniche PECDPCM 6/5/09 PEC ai cittadini, domicilio elettronicoDPCM 30/3/09 Regole tecniche firma digitale, validazione temporale documentiDel. CNIPA 45/09 modificata con informaticiDet. Commissariale DigitPA Regole per riconoscimento e verifica69/10 documento informaticoDPCM 31/10/00 Regole tecniche protocolloDel.AIPA CR/28/01 informatico/interoperabilitàLinee guida siti web PA (Luglio Numerose checklist su contenuti e2010) struttura dei siti web della PADPCM 1/4/08 Normativa SPCDLgs150/09 e delibere CVTI su Contenuti siti web per la trasparenzatrasparenza e performance
  8. 8. La PEC Gestore PEC Mittente Gestore PEC Destinatario Ricevuta di accettazione Ricevuta di avvenuta consegnaStrumento semplice per rapporti formali con la PA in ReteAttenzione all’allegato (che deve comunque essere un doc informatico valido): PDF/P7M: non processabile facilmente dai sistemi informativi interni XML: formato “machine-readable” e processabile in automatico e più agevolmente dai sistemi informativi
  9. 9. Il documento informatico e il nuovo CAD..quadro ancora non chiarissimo.. Piena efficacia Copia Copia fatta secondo Copia conforme con Firma effettuata/attestata da regole tecniche fino a espresso digitale pubblico ufficiale art.71 disconoscimento Copie informatiche di atti e documenti in genere depositati X (art.22c1) Copie per immagine di doc X (asseverazione) X analogici (scansioni) (art.22,c2) Copie per immagine di doc Opportunità per i cittadini! X X analogici (scansioni) (art.22,c3) Copie analogiche di doc inform X (stampe) (art.23,c1)Copie ed estratti analogici di doc Opportunità per i cittadini! X X informatici (stampe) (art.23,c2) Duplicati di doc informatici X (art.23bis,c1)Copie e estratti di doc informatici Opportunità per i cittadini! X X X (se manca attestaz (art.23bis,c2) pub uff) Copie analogiche di docamministrativi informatici (stampe) X+timbro digitale (art.23ter,c5)
  10. 10. Il riuso come “strumento” di e-government low-cost Art. 68 del CAD: La PA acquista sw valutando: 1) Se farlo in casa 2) Se prenderlo in riuso 3) Se comprare sw a licenza 4) Se comprare sw open source 5) Un mix di 1- 4 e ourc Art. 69: enS Le PA “titolari” di sw hanno obbligo di darli in e Op formato sorgente e documentato ad altre PA o Rius che ne fanno richiesta, gratuitamente.
  11. 11. Linee guida siti web PA (Luglio 2010)Interazione con la PA a 5 livelli:1. informazione,2. download modulistica,3. compilazione e invio online, Tutte le PA devono stare4. transazione, dentro dominio .gov.it .gov.it5. personalizzazione e pro-attivo pro- (direttiva 8/2009) Inclusione e partecipazione: folskonomy, geotagging di partecipazione immagini, social bookmarking, wiki, blog, RSS, co-design Formati aperti: HTML, PDF, XML, e contenuti aperti (creative commons) Reperibilità dei dati: garantire interoperabilità semantica, propone Dublin Core per associare alle risorse web dei metadati! semantica Responsabile del Procedimento di Pubblicazione dei Contenuti
  12. 12. Mumble mumble... Maria elabora un piano di azione e di comunicazione interna ed esterna Valuta costi/benefici dall’adozione di nuove metodologie di interazione con i cittadini, pianificando da subito di misurare i benefici (es. misurando tempi di esecuzione di un servizio PRIMA e DOPO) Valuta la domanda pervenuta finora, valuta tipologia di utenza target.. …e i servizi più di impatto
  13. 13. Coinvolgere tutti con la intranet apre nella intranet un blog: “quali servizi innovativi preferireste ricevere come cittadini?” non ci scordiamo che i dipendenti sono anche cittadini e possono essere di aiuto!Motivare alla condivisione!!! Nessuno condivide niente se non ne trova utilità per sé o per gli altri!!
  14. 14. Fare squadra a tutti i livelli con formazione ecoinvolgimento nell’iniziativa
  15. 15. Attenzione a chi comunicherà i nuovi servizi agli utenti dello sportello!! Una frase o una espressione agli utenti finali può vanificare l’attività di decine di persone!
  16. 16. Cameriere…la mi porti i’conto!!!!! Fase preparatoria Costi vivi (€) Costi interni Attività (giorni/Maria!)Intranet con social 0 2bookmarkingValutazione servizi, piano di 0 10azione e di comunicazioneBlog intranet 0 5Piano di formazione 0 5
  17. 17. Cominciamo con la fase “attiva”:prima ildovere, poiil piacere prima Maria “sistema” ciò che è richiesto per legge…
  18. 18. La PEC istituzionaleLa nostra Maria Rossi apre una casella PEC istituzionale per il suo Comune, es da 1GB con archiviazione/backup su server fino a 3GBE’ necessaria conservazione sostitutiva con marche temporali per la PEC? (DPCM 30/3/2009, Art. 37: PEC “validazione temporale” come segnatura di protocollo e procedura di conservazione)
  19. 19. Leggere bene il CAD e interpretarlo con qualche esperto aiutamolto a semplificare i processi e ad evitare vari avvitamenti fra firme digitali, marche temporali, e altro…
  20. 20. La rivincita dei NERDPer i colleghi amministrativi: LA PEC NON E’ UNA “ROBA per VOI INFORMATICI”!!!!
  21. 21. Ciò significa che…1) esiste un fortunato vincitore della lotteria “lettura quotidianacasella PEC”2) e NON è un informatico!!! E queste sono le 8 e venti di mattina!! Attività non banale e piuttosto stressante… Ricevute Segnatura.xml Anomalie Gestione dei backup etc
  22. 22. AIUTO UNA PEC!!!
  23. 23. Maria inserisce la PEC istituzionale nell’IndicePA
  24. 24. PEC e IndicePA Indirizzo PEC destinatario Indice PA è presente nell’indice PA?Gestore PEC Mittente Si, procedi pure Gestore PEC Destinatario Ricevuta di Ricevuta di avvenuta consegna accettazioneCittadino PA
  25. 25. Si inizia a dematerializzare..Maria Rossi definisce almeno 3/4 flussi documentali in cui la carta non sarà più utilizzata un elenco di nuovi flussi da attivare entro fine anno da comunicare ai cittadiniEsempi: verbali PM, pratiche SUAP, pratiche AIRE..
  26. 26. Comunicare le prossime uscite è “cool”Ha un forte impatto positivoNon solo si comunica cosa si fa, ma anche cosa si farà!!! Cogliere l’occasione per educare il cittadino su come si crea una PEC e come si prepara l’allegato e quali sono i formati dei files che deve usare Pensare da subito a misurare l’effetto della comunicazione (es. tasso di accessi al servizio PRIMA e DOPO)
  27. 27. Maria acquista 10 smartcard difirma digitale per i funzionari eper firmare digitalmente gli atti dainviare tramite PEC…MA SERVE SEMPRE FIRMARLI?Regolamento telematico dell’Ente perquando occorre: - firma digitale, - processo di conservazione, - verifica validità della firma, - attestazione di conformità all’originale, - etc etc
  28. 28. Leggere bene il CAD e interpretarlo con qualche esperto aiutamolto a semplificare i processi e ad evitare vari avvitamenti fra firme digitali, marche temporali, e altro…
  29. 29. Ok, per la PEC è fatta..ora Maria aggiunge qualche servizio in più…
  30. 30. Alt! Chi siete? Quanti siete? UN FIORINO!!!Maria fa mettere in piedi una piccola applicazione diregistrazione degli utenti..
  31. 31. Maria fa sviluppare un semplice sistema web di gestione dei form/allegati Servizi “transazionali”, “informativi” es. riempimento di form e invio all’ente Servizi PULL - Richiedono che l’utente si debba collegare al sito per fruirne Pensare da subito al “dopo”: manutenzione, riuso, gestione dell’esercizio
  32. 32. La teoria della relatività della PA digitale..Quando il cittadino ha inviato la PEC, il suo lavoro è finito, ma quello della PA iniziada lì!La PEC facilita il lato cittadino, ma non la gestione informatica del datoL’invio di form online permette l’invio dei dati strutturati ai back-office
  33. 33. La nostra Maria Rossi verifica che, sul portale attuale, nonmanchino i contenuti previsti dalla normativa su trasparenza e performance, dalla legge sull’accesso, e dal CAD
  34. 34. Maria soddisfa poi le norme sulla qualità dei servizi (Direttiva Stanca Luglio 2005), e le linee guida sui siti web della PA del Luglio 2010PRIMA del sondaggio: Maria pianifica cosa rilevare e a che scopoDOPO il sondaggio: valuta i risultati, ricontatta i cittadini per comunicarglieli, e mostrale azioni di miglioramento conseguenti
  35. 35. Costo degli interventi “basic”: Fase “basic” Costi vivi (€) Costi interni Attività (giorni/Maria)attivazione casella PEC e 30 3inserimento indicePAorganizzazione 3/4 flussi 0 30documentali da digitalizzareacquisto 10 smartcard 80 2semplice servizio di 15.000 20registrazione e invio formcontenuti per trasparenza, 10etcsemplici sondaggi CS h24 3.000 30
  36. 36. E ora….Gov 2.0!
  37. 37. Avviso ai naviganti: state per avventurarvi nel mondo del web sociale!Prudenza!!! Effetto boomerang molto probabile!!
  38. 38. Maria incontra i cittadini - magari con cantuccini e vinsanto per favorire lasocializzazione :-) - per verificare i servizi e contenuti più appetibili: capire cosavogliono dal loro Comune
  39. 39. Branding e comunicazione dell’innovazioneMaria Rossi definisce un logo di brand per l’iniziativa, ad esempio con siti dicrowdsourcingIl logo sarà usato in TUTTE le comunicazioni sui nuovi servizi ai cittadini, perevidenziare un cambio di passo e una novità, ed agganciarci future campagneinformativeEvitare effetto hypeMeglio stile diesel
  40. 40. E ora qualche servizio push Evento su DB Es. scadenza pagamento mensad’effetto e utilità sicuri, e previsto anche nelle lineeguida sui siti web del Luglio 2010 (livello di servizioc.d. “proattivo”) ScatenaMaria cerca di capire quando è utile che il Comune messaggio“suggerisca” al cittadino dati di suo versointeresse..senza essere troppo invasivo.. cittadinoMaria fa installare qualche “trigger” sui database discuola e pagamenti, che avvisi per e-mail i cittadiniregistrati su scadenze pagamenti, o iscrizioniscolastiche
  41. 41. Pulizie di Primavera…Prima di fare servizi PUSH occorre avere dati BUONI sul cittadinoRipulire e bonificare le basi dati interessate è fondamentale!!!!
  42. 42. Come affrontare i social network?Tentativo: usare i social media per avere, a fronte del 20% di sforzo (economico),l’80% del risultato Possibili soluzioni: Condivisione interna: blog e social bookmarking Partecipazione: tramite FB Dati “push”: streaming tramite twitter Condivisione dei dati: open data
  43. 43. Maria apre un profilo FB “ufficiale” per il suo ComunePrima di usarlo, vengono specificate le policies, organizzando/responsabilizzando chi ci scrive e con che frequenza, e come viene animato il profilo1) Evitare profili FB con ultimo post di due anni fa!2) Evitare di avere profili FB con 0 commenti e solo post a nome “Maria Rossi”!!3) Importante definire una strategia di web-marketing/animazione del profilo che faccia trasparire che dall’altra parte c’è un essere umano che condivide!
  44. 44. Maria apre un profilo twitter del suo Comuneusabile anche semplicemente come via alternativa per diffondere informazioni statiche- feeds ai propri “followers” (es. informazioni sul traffico e la viabilità, o su eventi in città)Anche qui è fondamentale specificare PRIMA le policies, e responsabilizzare chi scrive
  45. 45. la redazione dei contenuti e l’animazione dei social networks è uncompito molto oneroso ed è un Fattore Critico di Successo deiservizi innovativi: attenzione a chi lo affidate!
  46. 46. E ora Maria pensa ad esporre i dati… I numeri dell’Ente
  47. 47. E la “merce”…venghino siòri venghino!!!Associa licenza (es. Creative Commons) ai contenutiespostiEsporta in formati aperti le banche dati pubbliche piùinteressanti (es. numeri civici, esercizi, etc)associandovi metadati – OPEN DATA“Chiama” le imprese del territorio “sfidandole” atrovare/sviluppare applicazioni utili che fanno uso deidati esposti Many minds principle: “L’idea migliore su cosa fare dei tuoi dati verrà in mente a qualcun altro” principle:
  48. 48. Su mappa è meglio!Utenti Internet sono abituati a usare MAPPE e ad accedere in mobilitàUsando mappe già in rete, e con un pò di programmazione, Maria fa sviluppare unprimo semplice servizio aggiungendo “layer” di dati del ComuneSu luoghi della mappa, il cittadino può inviare commenti al ComunePrimo strumento social-geo-tagging, volendo poi integrabile con Foursquare, twitter,FB, MiaPA
  49. 49. Costi degli interventi “social”: Fase “social” Costi vivi (€) Costi interni Attività (giorni/Maria)panel con i cittadini per co-design contenuti 5branding 100 2aggiornamento su social media ed egov 3bonifica dei dati dei back-office (considerando 30comune piccolo - basi dati piccole)trigger su DB scuola e pagamenti e avvisi via mail ai 8.000 10cittadini profilatiapertura profili sui social network 6partecipazione nei social e redazione contenuti push 200/annolicenza Creative Commons sui contenuti 5apertura/pubblicazione open data 5.000 10coinvolgimento aziende del territorio sui dati esposti 20semplice servizio interattivo su mappa 10.000 20Missione-premio alle Bahamas per Maria RossiMissione- 3.000
  50. 50. Riepilogando: CAD e linee guida siti web possono aiutare molto se ben interpretati attenzione ai contenuti e alle persone che li gestiscono, e che animano i social networks è importante che i cittadini sappiano che ci sono i servizi, comunicarglieli bene con le persone giuste, e che li sappiano riconoscere (brand) nei nuovi sviluppi sw, progettare sempre e pianificare avendo ben in mente il “dopo”: esercizio, manutenzione, riuso …soprattutto per piccoli comuni…insieme è meglio!!
  51. 51. Grazie! g.vannuccini@ieee.org http://it.linkedin.com/in/gianlucavannuccini Licenza Creative CommonsQuest’opera (escluse le foto) è licenziata con Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.
  52. 52. Credits sulle foto utilizzate nelle slidesL’autore del presente documento non intende richiedere alcun diritto sulle foto utilizzate nelle precedenti slides.Per ciascuna slide in cui è stata utilizzata una foto, si indica il link pubblico a cui la foto stessa è accessibile: 1. http://www.dagcom.com/wp-content/uploads/2009/05/ricerca.jpg 2. http://images.style.it/Storage/Assets/Crops/15372/35/25671/donna-tecnologia_600x398.jpg 3. http://politicainrete.it/wp-content/uploads/2010/07/partenza.jpg 4. http://4.bp.blogspot.com/_tNKzvMExM84/TGJXwhGxJaI/AAAAAAAAAEE/BvSq9ZLJNe4/s1600/la+partenza.jpg 10. http://static.blogo.it/happyblog/ruota_02.jpg 11. http://www.digitalcore.it/wordpress/wp-content/uploads/2010/05/visibilita.jpg 12. http://stilestili.com/wp-content/uploads/2010/12/Fotolia_10966463_XS-donna-che-pensa-A.Kaljikovic.jpg 13. http://indiana.bilerico.com/2009/09/Blog.jpg 14. http://www.surfers.it/img/articoli/articoli_2009/img_7767.jpg 15. http://forum.buonissimo.org/wp-content/uploads/2010/12/neanderthal.jpg 16. http://images.vanityfair.it/Storage/Assets/Crops/233578/9/28485/donna-risparmio-soldi_225x150.jpg 17. http://3.bp.blogspot.com/_gSrifYsRunI/R5KmfF9KyrI/AAAAAAAABDM/Fbz9uVWiwT8/s1600/voto.jpg 18. http://media.libero.it/c/img99/fotogallery/lifestyle/09/988/2008/11/donna_pc_120.jpg 18. http://www.marketingjournal.it/wp-content/uploads/2010/04/pec-255x210.jpg 19. http://digilander.libero.it/nuovosito/intervallo_.jpg 20. http://blog.mammenellarete.it/wp-content/uploads/2008/03/nerd.jpg 21. http://www.wirralpcrepair.com/images/stressed.jpg 22. http://img.freeforumzone.it/upload/732803_donna%20che%20sale%20archivi.jpg 23. http://www.natura360.it/media/2009/10/corsi-comunicazione.gif 27. http://media.lookatvietnam.com/2009/09/images1858538_1.jpg 28. http://digilander.libero.it/nuovosito/intervallo_.jpg 29. http://www.mammedomani.it/images/stories/salute/articoli/donna_sudore.jpg
  53. 53. Credits sulle foto utilizzate nelle slidesL’autore del presente documento non intende richiedere alcun diritto sulle foto utilizzate nelle precedenti slides.Per ciascuna slide in cui è stata utilizzata una foto, si indica il link pubblico a cui la foto stessa è accessibile:30. http://3.bp.blogspot.com/_zkYDzoTVme0/S_MUkTI8ddI/AAAAAAAAAJo/ym-MQT-SvpU/s1600/Non_ci_resta_che_piangere.jpg32. http://www.santacaterina.asti.it/blog/coffee/images/relativissimo.JPG33. http://www.comunediacquedolci.it/files/icone/Operazione%20Trasparenza2.gif35. http://images.vanityfair.it/Storage/Assets/Crops/233578/9/28485/donna-risparmio-soldi_225x150.jpg36. http://4.bp.blogspot.com/_PkHhnT2v3pk/TMAwcSXAIKI/AAAAAAAACaM/pp9tbcNur3I/s1600/donna_pc.jpg37. http://blogstorico.files.wordpress.com/2010/11/al-largo-della-norvegia-la-riproduzione-di-una-nave-vichinga-salpa-alla-volta-del- canada-nel-1991-robert-harding-picture-library-alamy.jpg?w=600&h=45038. http://farm4.static.flickr.com/3002/3042775181_850074ab62_z.jpg39. http://blog.brivo.com/Portals/35061/images/1VisibilityMaturity.png40. http://devblog.blackberry.com/wp-content/uploads/blackberry-push-sdk.jpg41. http://www.sarsplendida.it/images/pulizie.jpg42. http://yudiworld.com/wp-content/hukum%20pareto.jpg44. http://kellabyte.com/wp-content/uploads/2011/02/image2.png45. http://digilander.libero.it/nuovosito/intervallo_.jpg47. http://www.lucianopignataro.it/wp-content/uploads/2009/12/Frutta-e-ortaggi.jpg48.http://4pidlq.bay.livefilestore.com/y1pcGYn2j0yQLmZfcyRU_Rbj6QPYTHvOllcMR5fboDYEDO2wDmyKy5qYymT1mupk1fORJnk1f JBk1YPknw_LCFaillHmoTsBOsH/miapa.png?psid=149. http://images.vanityfair.it/Storage/Assets/Crops/233578/9/28485/donna-risparmio-soldi_225x150.jpg50. http://files.splinder.com/7a3be040b4e36043f7eaa2fcb32b9412.jpeg51. http://www.cutuli.it/wp-content/uploads/2010/07/linkedin.png

×