Risparmiare energia nell'illuminazione

669 views
599 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
669
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Risparmiare energia nell'illuminazione

  1. 1. A M B I E N T E E R I S PA R M I O E N E R G E T I C O A M B I E N T E E R I S PA R M I O E N E R G E T I C O IMPRESE X INNOVAZIONE Risparmiare energia nell’illuminazione Questa guida è stata realizzata in collaborazione con AIMB - Associazione Industriali Monza e Brianza e Lyte & Lyte Italy Srl – Nova Milanese (MI). Suggerimenti per migliorare l’utilità di queste guide e per indicare altri argomenti da approfondire sono più che benvenuti: toolkit@confindustria.it www.confindustriaixi.it
  2. 2. A M B I E N T E E R I S PA R M I O E N E R G E T I C ORISPARMIARE ENERGIA NELL’ILLUMINAZIONEIl risparmio energetico è una considerevo- stemi energetici, impianti, strutture, com-le fonte di energia rinnovabile “virtuale”, ponenti, materiali, che portano alla ridu-la più immediata e accessibile a tutti. Un zione del consumo di energia. Un investi-risparmio energetico si può ottenere anche mento fatto per risparmiare energia si ripa-con investimenti minimi, di qualche mi- ga entro qualche mese o qualche anno; ilgliaia di euro. I tempi di recupero dell’in- minore consumo di energia consente la ri-vestimento sono rapidi o rapidissimi (da duzione dei costi di gestione (riduzioneuno a tre anni). Con “risparmio energeti- della bolletta energetica annuale). Da evi-co” si indica quell’area di interventi sui si- denziare che negli interventi di risparmio IL FABBISOGNO DI ENERGIA IN ITALIA: PROIEZIONI PER IL FUTURO Il prevedibile aumento del consumo pro-capite e della penetrazione elettrica determineranno in Italia un forte incremento della richiesta di energia elettrica negli anni futuri. Le proiezioni attuali danno per il 2010 un energetico dove si riducono le quantità di consumo di circa 400 miliardi di KWh energia primaria di origine fossile (petrolio (60% di incremento rispetto al 1994). e derivati, Gpl e gas naturale, carbone e Il fabbisogno di 225 miliardi di KWh al 2000, derivati) è anche possibile ridurre l’impat- previsto nei documenti presentati da parte to sull’ambiente, evitando l’emissione di ambientalista in occasione della Conferenza CO2 ed inquinanti vari. È per questo moti- sull’Energia del 1987, è stato superato vo che il risparmio energetico è assimila- con oltre 10 anni di anticipo. bile all’utilizzo di una fonte di energia rin- novabile. 1
  3. 3. RISPARMIARE ENERGIA NELL’ILLUMINAZIONE A M B I E N T E E R I S PA R M I O E N E R G E T I C O LA LUCE E IL RISPARMIO ENERGETICO La luce è una delle ni, Province, Regioni) ha una incidenza rappresentata dai Regolatori di Flusso, sia tante forme di energia del 30-40% dei consumi energetici com- nella riduzione dei consumi energetici (con esistenti senza le qua- plessivi, mentre a livello nazionale il con- risparmi fino al 40%), sia per la possibilità li la vita moderna e lo sumo energetico della Pubblica Illumina- di ridurre o evitare la costruzione di nuove sviluppo tecnologico zione rappresenta il 15-20% dei consumi sarebbero inconcepi- energetici globali. La costruzione di una centrale per la produzione bili. I consumi energetici dovuti alla Pubblica di energia elettrica richiede investimenti di circa Il fabbisogno di luce Illuminazione ancora per molti anni sono 1200 euro per KW di potenza installataA M B I E N T E E R I S PA R M I O E N E R G E T I C O artificiale è un costo destinati ad aumentare in quantità (nuove (investimento + aumento dell’inquinamento fisso significativo nel- strade-autostrade, costruzioni, gallerie, ambientale). La riduzione dei consumi energetici la vita di tutti i giorni nuovi insediamenti residenziali ed indu- può evitare la costruzione di nuove centrali con e rappresenta un dan- striali) alla media del 5-6% per anno. un costo estremamente contenuto, pari a circa no per l’ambiente in Questi livelli di crescita dei consumi ri- 180-210 euro per KW di potenza installata. generale. Questa è chiedono negli anni la costruzione di nuo- una delle ragioni per cui l’uso razionale dell’energia è una priorità assoluta. PRESERVARE LE RISORSE I moderni regolatori di flusso raggiungono ENERGETICHE: l’obiettivo del risparmio di energia elettrica I REGOLATORI DI FLUSSO ottimizzando allo stesso tempo l’illumina- LUMINOSO zione: permettono infatti di ridurre i costi L’utilizzo della luce artificiale è oggi uno fino al 40%, operando nel rispetto delle strumento obbligato in quasi tutti gli am- norme vigenti per quanto riguarda il fab- bienti (uffici, scuole, fabbriche, supermer- bisogno di luce necessaria. cati, gallerie, stazioni, aeroporti, pubblica illuminazione ecc.), per garantirne la piena I sistemi di risparmio energetico producono operatività sia sul piano illuminotecnico grandi vantaggi a favore dell’ambiente, in che per il rispetto dei criteri di sicurezza. modo particolare In base alla tipologia dei vari ambienti sum- per la riduzione delle emissioni menzionati il consumo energetico rappre- di carbonio. sentato dalla illuminazione (rispetto al con- I grandi impianti industriali e la pubblica sumo complessivo) è in molti casi rilevante ve centrali per la produzione di energia centrali per la produzione di energia elettrica. illuminazione, con l’utilizzo di queste (fino al 60%). elettrica, il cui risultato finale è: grandi in- Una buona pianificazione che preveda soluzioni per il risparmio energetico, La Pubblica Illuminazione in Europa de- vestimenti ed aumento dell’inquinamento l’applicazione dei regolatori di flusso lumi- ottengono grandi benefici economici termina un costo energetico rilevante, pa- ambientale. noso può determinare il raggiungimento di oltre a promuovere una vera ed efficace ri a circa 15-20 euro/anno per abitante, Una soluzione concreta per il risparmio importanti risultati sul piano economico ed difesa contro l’inquinamento ambientale. per le pubbliche amministrazioni (Comu- energetico nel comparto illuminazione è ambientale.2 3
  4. 4. RISPARMIARE ENERGIA NELL’ILLUMINAZIONE A M B I E N T E E R I S PA R M I O E N E R G E T I C O COME FUNZIONA UN REGOLATORE DI FLUSSO LUMINOSO Gli attuali regolatori di flusso permettono nei costi di manutenzione e nei costi ma- I VANTAGGI: di ottenere risparmi anche del 40%, grazie teriali delle sorgenti luminose. MINOR CONSUMO alla riduzione dei consumi di energia elet- Queste tecnologie sono in grado di soddi- di energia KWh fino al 40% trica (KWh), ottimizzando la gestione della sfare tutte le esigenze tecniche economi- RIDUZIONE luce in un determinato ambiente. che e progettuali, adattandosi ad ogni tipo- della potenza impegnata fino al 25% Questo risultato è il frutto di una conside- logia di ambiente senza modificare la si- MINOR CONSUMO razione: la quantità di luce prodotta da una di energia reattiva KVARh fino al 30% tuazione esistente sotto l’aspetto impianti- determinata sorgente luminosa è soggetta RIDUZIONE stico-gestionale.A M B I E N T E E R I S PA R M I O E N E R G E T I C O nel tempo ad un calo della resa luminosa degli interventi di manutenzione fino al 70% per l’usura delle lampade utilizzate; tale RIDUZIONE ESEMPIO DI APPLICAZIONE rendimento può essere controllato gesten- sorgenti luminose da smaltire fino all’80% COMPARAZIONE ECONOMICA do la tensione di rete. Nel seguente esempio (Figura 1) vengono I regolatori di flusso abbattono in modo e inoltre: mostrati i benefici derivanti dall’applicazio- consistente i costi di illuminazione at- MIGLIORAMENTO del fattore di potenza Cos ne dei regolatori di flusso riferiti a: traverso il controllo della tensione for- RIDUZIONE delle emissioni di CO2 • Riduzione della potenza impegnata. nita, ottimizzando la distribuzione lumi- • Riduzione del consumo di energia RIDUZIONE dell’inquinamento luminoso nosa, in conformità alla legislazione vi- elettrica (KWh/KVARh). gente e alle norme di buona pratica; so- • Riduzione dei costi di manutenzione. no anche la soluzione ideale per otti- mizzare le sorgenti luminose, operando FIGURA 1 - COMPARAZIONE ECONOMICA in base al principio della trasformazio- I COSTI DEL 1° ANNO DI ATTIVITÀ ne elettromagnetica della tensione (prin- cipio trasformatore/senza armoniche): SENZA DESCRIZIONE CON SENZA una volta in funzione, riducono la ten- N. COSTO TOTALE N. COSTO TOTALE sione di rete ad un livello prescelto, va- Potenza impegnata - KW 810 € 30 € 24.287,6 583 € 30 € 17.487,1 riabile tra i 175/210 Volt. Consumo en. elettrica - KWh 3.198.460 € 0,09 €287.861,4 2.302.891 € 0,09 € 207.260 Le sorgenti luminose idonee allo scopo Manutenzione per lampada - euro 1426 € 15,2 € 21.675,2 951 € 15,2 € 14.455,2 possono essere fluorescenti, ai vapori di so- Applicazioni speciali dio, ai vapori di mercurio, alogene e agli Quadri elettrici ioduri metallici. Corpi illuminanti La riduzione della tensione di rete limita € 333.824,2 COSTO TOTALE 1° ANNO € 239.202,3 l’usura delle sorgenti luminose ed allunga RISPARMIO NEL 1° ANNO € 94.621,9 in modo consistente la vita economica del- le lampade. Per questo motivo i benefici (Risparmio da miglior consumo energetico) € 87.401,72 per gli utilizzatori comprendono sia un ri- (Risparmio su manutenzione) € 7.220,18 sparmio energetico sia significativi risparmi4 5
  5. 5. RISPARMIARE ENERGIA NELL’ILLUMINAZIONE A M B I E N T E E R I S PA R M I O E N E R G E T I C O OTTIMIZZAZIONE DELLA LUCE NEGLI INTERNI Il settore delle tecnologie per l’illumina- • adozione di sistemi automatici di re- La corretta scelta dei corpi illuminanti zione efficiente (interni ed esterni). Lo zione efficiente è in continua evoluzio- golazione, accensione e spegnimento permette di ottimizzare la distribuzione schema non prevede contributi, in quan- ne e consente di conseguire risparmi dei punti luce (sensori di luminosità e del flusso luminoso, la temperatura in- to gli interventi si ripagano velocemente energetici molto elevati, spesso compre- di presenza, sistemi di regolazione). terna per i tubi T5 (essenziale per massi- da soli, ma offre la possibilità di fregiarsi si fra il 30% ed il 50%, offrendo conte- Per quanto riguarda le lampade si segnala- mizzarne la resa), il rendimento di rifles- dell’apposito logo e di venire pubbliciz- stualmente un comfort visivo migliore. no gli interventi di sostituzione delle lam- sione e la manutenzione. A tal fine oltre zati nel sito web del progetto ed in occa- Se si considera che l’illuminazione inci- pade ad incandescenza ed alogene con alla geometria giocano un ruolo impor- sione di vari eventi e manifestazioni. de per un terzo circa della bolletta elet- quelle fluorescenti compatte e dei tubi di tante i materiali. Il sito www.eu-greenlight.org offre unaA M B I E N T E E R I S PA R M I O E N E R G E T I C O trica nel settore civile e si tiene conto vecchia generazione (T12 e T8) con i re- Gli interventi inerenti alla regolazione ri- panoramica delle varie tecnologie dispo- dell’influsso positivo in termini di umo- centi trifosforo (T5). Si sottolinea come le guardano: nibili e consigli sulla corretta installazio- re e sicurezza che una buona luminosi- lampade attuali abbiano raggiunto rese cro- • il comando manuale per aree distinte, ne. È inoltre presente un elenco di ESCO tà delle aree di lavoro ha sui lavoratori, matiche e durate eccellenti. • il controllo automatico a tempo, che operano nel settore e che hanno si comprende che la razionalizzazione Per quanto riguarda gli alimentatori è be- • il comando automatico con rilevatore aderito al progetto come partner. dell’illuminazione è uno degli obiettivi ne optare per quelli elettronici, che con- di presenza, primari da perseguire. sentono di ridurre i consumi di energia • la regolazione del flusso luminoso in LE LAMPADE Gli interventi realizzabili ricadono in elettrica, di migliorare il funzionamento funzione del decadimento delle lam- A LUNGA DURATA due categorie principali: della lampada grazie alla frequenza di pade, dell’orario e dell’apporto di lu- Le lampade Long Life rappresentano la • sostituzione di componenti e sistemi con alimentazione più elevata e di consegui- ce diurna. tecnologia più avanzata nel campo delle altri più efficienti (lampade, alimentatori, re maggiori durate rispetto a quelli ma- La comunità europea ha avviato il proget- sorgenti luminose di tipo fluorescente corpi illuminanti, regolatori); gnetici. to GreenLight per promuovere l’illumina- per quanto concerne:6 7
  6. 6. FIGURA 2 - I COSTI AMBIENTALI LAMPADE LONG LIFE PRODUZIONE LAMPADE STANDARD DISTRIBUZIONEA M B I E N T E E R I S PA R M I O E N E R G E T I C O RICICLAGGIO I VANTAGGI ECOLOGICI ED ECONOMICI • Riduzione dei consumi energetici (rapporto lumen/watt). • Aumento dei livelli luminosi. • Miglioramento del comfort visivo. • Riduzione dei costi di manutenzione. • Riduzione della quantità di sorgenti luminose da smaltire. • la durata, riferita alla vita economica della sorgente luminosa (36.000/60.000 ore); • il rendimento del flusso luminoso, che decade del 14% in 36.000/60.000 ore di funzionamento; • la riduzione della mortalità precoce (13- 18%) delle lampade fino a livelli del 2-3%; • la qualità del confort visivo, offerto dal- lo spettro luminoso delle lampade, gra- zie ad un particolare trattamento brevet- tato di protezione del catodo.8

×