Verso una gestione efficiente dell'energia

814 views

Published on

Un approccio tecnico alla gestione degli usi e dei consumi energetici...

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
814
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
10
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Verso una gestione efficiente dell'energia

  1. 1. Approccio consapevole alla gestione dellenergia www.progepiter.it ENERGIA: efficienza, tecnologie e diagnosi Daniele SOGNIdaneiele.sogni@progepiter.it daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it
  2. 2. Approccio consapevole alla gestione dellenergia SOMMARIOPerchè ci interessa parlare di energia ? Quali vantaggi ? Quali strumenti ?→ oggi è possibile e opportuno per le aziende risparmiare energia con SPT moltocontenuti e ottenere visibilità e competitività→ gli strumenti gestionali e operativi sono funzionali allanalisi sistematica deiconsumi energetici >> ISO 50001→ le tecnologie sono sviluppate e consentono di intervenire in tutti i campi degli usifinali dellenergia >> FOCUS motori e edifici→ possiamo implementare diagnosi efficaci mirate su ogni azienda >> AUDIT energetico→ il fattore umano è sempre fondamentale: consapevolezza, impegno, risorse ecrescita ! >> fattore umano daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 2/53
  3. 3. Approccio consapevole alla gestione dellenergia LIMPATTO DELLENERGIA È solo un problema di approvvigionamento ? Delibera EEN 3/08Trasformare energia in energia elettrica (comoda da usare) è un processo che CAUSA EMISSIONI IN ATMOSFERAdaniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 3/53
  4. 4. Approccio consapevole alla gestione dellenergia IL VALORE DELLENERGIA Fonte: Unione PetroliferaComplessivamente, la fattura energetica equivale ad alcuni punti % di PIL, oscillando negliultimi anni dal 2,5 al 3,4% del PIL (5,2% nel periodo 1980-85) daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 4/53
  5. 5. Approccio consapevole alla gestione dellenergia IL VALORE DELLENERGIAParliamo di unentità che serve alla nostra vita, alla ns. societàma che, al tempo stesso, per trasformarla e distribuirla,causa una serie di danni reali e potenziali significativi alla scala del pianetaE possibile produrre meglio, usare meno e meglio, risparmiare ENERGIA ?Proveremo a rispondere a queste domande con esempi di paesi e imprese che hanno giàmigliorato con un doppio vantaggio singolare e plurale: → spendono meno consumando meglio → consumando meglio impattano meno a livello globaleBest practices, BTA, best in class ... daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 5/53
  6. 6. Approccio consapevole alla gestione dellenergia COME RISPARMIAREPerchè lefficienza energetica ? Non bastano le rinnovabili e il nucleare ? Efficienza energetica RES & NucleareInvestimenti flessibili Investimenti elevatiPayback time molto contenuti Payback time di molti anniMiglioramento e consapevolezza delluso Necessità di incentivi/agevolazioni per undella risorsa PB “interessante”Tecnologie consolidate, italiane Tecnologie da sviluppare, estereImpatti e rischi ambientali nulli Impatti e rischi ambientali medio-elevatiImpatti e rischi sociali nulli Impatti e rischi sociali elevatiRisparmio diretto Risparmio indiretto – scarso ?Accesso ai TEE (potenziati !!) Accesso al conto energia e CV daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 6/53
  7. 7. Approccio consapevole alla gestione dellenergia COME RISPARMIARE Potenziale risparmio mediante EE energia fossile risparmiata 2010-2020 (Mtep)20 18,2 illuminazione18 cogenerazione16 trasporti pompe di calore14 12,6 elettrodomestici 12 11,712 10,8 edilizia residenziale/terziario motori/inverter10 8,8 caldaie a condensazione 8 UPS 5,5 6 4,9 4 1,5 2 0daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 7/53
  8. 8. Approccio consapevole alla gestione dellenergia COME RISPARMIAREE da noi ? E possibile ?Le previsioni del Piano straordinario di efficienza energetica 2010 di CONFINDUSTRIA,relativamente al periodo 2010-2020 sono quindi:→ nuovi posti di lavoro: 1,6 M→ domanda di prodotti legati al risparmio energetico: 130 G€→ incremento della produzione industriale sarebbe di 238,4 G€→ risparmio integrale di energia fossile di 86 Mtep→ riduzione delle emissioni di CO2 pari a 207,6 Mton→ RISPARMIO complessivo in termini economici per il paese sarebbe di oltre 14 G€,sommando i benefici dei risparmi in bolletta (25.616 M€) e dei costi di emissione (5.190 M€)e sottraendo i costi delle incentivazioni (16.667 M€). daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 8/53
  9. 9. Approccio consapevole alla gestione dellenergia DOVE RISPARMIAREI settori più importanti secondo CONFINDUSTRIA:→ MOTORI ELETTRICI / INVERTERS→ COIBENTAZIONE E/O ALTRI INTERVENTI EDILI→ ELETTRODOMESTICI / CLIMATIZZAZIONE RESIDENZIALE→ CLIMATIZZAZIONE→ COGENERAZIONE / TRIGENERAZIONE→ ILLUMINAZIONE→ RIFASAMENTO→ HOME AND BUILDING AUTOMATION→ ICT / DATA CENTER→ RECUPERO CASCAME TERMICO… più semplicemente, per cominciare, scegliere la fornitura di energia sulla basedellandamento dei propri consumi dopo un audit documentale? daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 9/53
  10. 10. Approccio consapevole alla gestione dellenergia ESEMPI EUROPEISin dai primi anni ’90 molte aziende europee si erano dotate in modo volontario di SGETali processi si erano per lo più sviluppati aggiungendo requisiti specifici in termini diefficienza energetica a SGQ già presenti entro lazienda e particolarmente efficaci si eranomostrati SGE collegati alla ISO 14001:1996 ed a schemi EMASL’opportunità di rafforzare iniziative che ben presto avevano dimostrato tutto il loropotenziale di successo si è palesata a diversi Enti di Standardizzazione nazionali che,in modo progressivo, si sono venuti a dotare di norme nazionali sui SGE:→ l’Olanda nel 1999→ la Danimarca nel 2001→ la Svezia nel 2003 SS 62 77 50:2003 IS 393:2005→ l’Irlanda nel 2005 daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it DS 2403:2001 EnMS Specification 10/53
  11. 11. Approccio consapevole alla gestione dellenergia ESEMPI EUROPEIOlanda DAF Eindhoven (veicoli industriali) Dopo aver implementato il suo SGE nel 2004, ha registrato al 2008 un miglioramento del 25% della sua efficienza energetica (distribuito in un 30% nella linea di produzione, 14% nella linea magazzinaggi ed un 16% negli uffici) impegnandosi a mantenere un obiettivo di miglioramento di efficienza energetica del 2% annuo. daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 11/53
  12. 12. Approccio consapevole alla gestione dellenergia ESEMPI EUROPEIOlanda Douwe Egberts (caffetteria pronta) Implementato il SGE nel 2002, ha registrato miglioramenti annui dell’efficienza energetica dal 2 al 5% con proiezioni nel prossimo quadriennio dal 15 al 40%. Motivi del successo sono una efficace comunicazione, una maggiore sensibilità del personale, un’innovazione legata ad una progettazione energeticamente consapevole. daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 12/53
  13. 13. Approccio consapevole alla gestione dellenergia ESEMPI EUROPEISvezia ARLA Foods (latte e derivati) Mostra una riduzione del 5,5% dei consumi energetici complessivi in 3 anni con un risparmio di 1,2 M€ daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 13/53
  14. 14. Approccio consapevole alla gestione dellenergia ESEMPI EUROPEISvezia Sandvik Acciai (lame da taglio e leghe speciali) Dichiara una riduzione dei consumi energetici del 2% in due anni con una punta del 6.5% nella linea aria compressa durante lo stesso intervallo temporale. daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 14/53
  15. 15. Approccio consapevole alla gestione dellenergia ESEMPI EUROPEIUKDall’analisi del “National Audit Office” (1998) risulta che, tenendo conto di tutti i costi (siaquelli affrontati dalle aziende energetiche per la realizzazione dei programmi inclusi gliincentivi economici, sia i costi affrontati dagli utenti che partecipavano al programma o daaltri partner) il rapporto tra i benefici economici e i costi totali era di 4 a 1.(IPSOA 2008) daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 15/53
  16. 16. Approccio consapevole alla gestione dellenergia ESEMPI EUROPEIIrlandaIl programma di certificazione dei SGE in Irlanda vedeva nel 2007 coinvolte 35 aziende. Inquesto caso l’adesione permetteva l’accesso a corsi gratuiti di formazione tecnica emanageriale nonché a linee di finanziamento esclusiveProprio questa consapevolezza, dichiarano, ha permesso di riconoscere internamentenumerose possibilità di risparmio energetico con risparmi energetici complessivi variabilidal 5 al 15% e punte del 50% su alcuni cicli produttivi. daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 16/53
  17. 17. Approccio consapevole alla gestione dellenergia ESEMPI EUROPEIIrlanda Guinness (birre) L’implementazione del SGE, certificata nell’Aprile 2007, ha così permesso di raggiungere i seguenti risultati: → risparmi energetici (forniture di rete) maggiori di 2 M€ → riduzione delle emissioni di CO2 superiori a 80 ton (variazione 2004 – 2006). . daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 17/53
  18. 18. Approccio consapevole alla gestione dellenergia ESEMPI EUROPEIIrlanda Heinz (prodotti alimentari) L’adozione del SGE ha permesso di ottenere dei risparmi di 125 k€ con un tempo di ritorno semplice degli investimenti per un importo di 189 k€, realizzati nell’ambito dell’iniziativa di 1,5 anni daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 18/53
  19. 19. Approccio consapevole alla gestione dellenergia ESEMPI EUROPEIIrlanda Pfizer (farmaceutici) Nel corso di un solo anno, l’analisi dei circuiti caldo e freddo ha permesso di risparmiare 1,47 GWh di metano e 3,07 GWh di elettricità. Il solo miglioramento del 50% circa della efficienza del circuito di refrigerazione ha permesso di evitare la spesa di 1 M€ del suo previsto potenziamento. daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 19/53
  20. 20. Approccio consapevole alla gestione dellenergia ESEMPI EUROPEIDanimarca Faerch Plast (plastica) ha ridotto del 20% in 5 anni il consumo energetico per unità di prodotto mentre la riduzione dei consumi assoluti è invece risultata del 35% a partire dal 1996. daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 20/53
  21. 21. Approccio consapevole alla gestione dellenergia Il sistema di riferimento ISO 50001:2011Quali sono le necessità delle imprese italiane?→ migliorare le prestazioni aziendali riducendo i consumi energetici→ ridurre i costi della bolletta energetica senza incidere negativamente sui processi diproduzione→ differenziarsi dai competitor anche sul profilo del rispamio energetico→ integrare la sostenibilità ambientale dimpresa con gli aspetti energetici e potenziare ilmarketing evitando il green washing→ garantirsi un approvvigionamento energetico più sicuro e conveniente… ALLORA LA NORMA ISO 50001 PU0 ESSERE MOLTO UTILE ALLIMPRESA! daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 21/53
  22. 22. Approccio consapevole alla gestione dellenergia FOCUS: MOTORITecnologie più efficientiMOTORI ad alto rendimento efficienza strutturale RISPARMIO INTRINSECOINVERTER / controller controllo preciso del carico RISPARMIO DESERCIZIO daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 22/53
  23. 23. Approccio consapevole alla gestione dellenergia FOCUS: MOTORINuove classi di rendimento internazionali dei motoriLa nuova norma IEC 60034-30:2009 stabilisce le classi di rendimento internazionali deimotori asincroni trifase in bassa tensione, nel range di potenze da 0.75 kW a 375 kW.(IE = International Efficiency) IE1 = Rendimento Standard (paragonabile a EFF2) IE2 = Alto Rendimento (paragonabile a EFF1) IE3 = Premium Efficiency IE4 = Super-Premium-Efficiency daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 23/53
  24. 24. Approccio consapevole alla gestione dellenergia FOCUS: MOTORIConsapevolezza dei costi REALI !ANALISI COSTI CICLO VITA - LCA: 98,4% CONSUMI ELETTRICI 1,3% COSTO DACQUISTO 0,3% MANUTENZIONEIn Italia meno del 2% dei motori elettrici venduti è di classe EFF1, contro una mediaeuropea del 12% e dell’80% nei paesi scandinavi, con una riduzione potenziale deiconsumi energetici fino al 20%La prossima normativa europea fisserà criteri ancora più rigidi ma già dal dicembre 2010negli USA la norma Eisa impone un livello minimo di efficienza pari a “Nema premium”equivalente a IE3 europea per i motori importati ! daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 24/53
  25. 25. Approccio consapevole alla gestione dellenergia FOCUS: MOTORIBenefici→ Risparmi con i motori ad alto rendimento fino al 10%→ Investimenti limitati e interventi distribuibili nel tempo→ Tempi di rientro degli investimenti >> da 12 a 36 mesi per sostituzione di motore funzionante >> da 2 a 10 mesi per sostituzione di motore guasto→ Motori ad alto rendimento meccanicamente ed elettricamente più robusti daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 25/53
  26. 26. Approccio consapevole alla gestione dellenergia FOCUS: MOTORIInverterL’inverter adatta in tempo reale gli assorbimenti del motore al carico dell’applicazioneerogando solo la reale potenza richiesta pompe compressori daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 26/53
  27. 27. Approccio consapevole alla gestione dellenergia FOCUS: MOTORIBeneficiRisparmi con gli inverter fino al 50% e oltre→ Tempi medi di rientro degli investimenti >> dai 6 ai 18 mesi in applicazioni a coppia quadratica (es. pompe e ventilatori) >> dai 12 ai 36 mesi su applicazioni a coppia costante (es. compressori, pompe del vuoto, nastri trasportatori)→ Riduzione usura e allungamento vita media dellassorbitore→ Riduzione costi manutenzione impianto→ Migliore regolazione e vita dell’impianto daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 27/53
  28. 28. Approccio consapevole alla gestione dellenergia FOCUS: MOTORIBeneficiSOFT-STARTERpermettono di regolare la coppia erogata in funzione del carico, riducendo i consumifino al 40%. Particolarmente adatti per applicazioni che richiedono velocità costantecome nastri trasportatori, fresatrici, seghe, scale mobili, ecc. daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 28/53
  29. 29. Approccio consapevole alla gestione dellenergia FOCUS: MOTORIEsempiCircuito di raffreddamentoOrganizzazione Terziario - USAAssorbitori 2 pompe da 1000 mc/h cad.Intervento 2 inverter da 750 kWRisparmio energetico 4.430 MWh/annoRisparmio annuo 600.000 €/annoS. payback time 1,5 anniRiduzione emissioni CO2 730 ton/annoAltri benefici Migliore regolazione della temperatura dell’acqua Riduzione del surriscaldamento meccanico dei motori e dei conseguenti costi di manutenzione Flessibilità dell’impianto in vista del futuro ampliamento daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 29/53
  30. 30. Approccio consapevole alla gestione dellenergia FOCUS: MOTORIEsempiCompressore aria Assorbitori Compressore a vite da 75 kW, che assorbe 71 kW a carico e 1/3 della potenza a vuoto (situazione tipica)Intervento 1 inverter da 90 kW (uso gravoso)Risparmio energetico 90 MWh/annoRisparmio annuo 7500 €/annoS. payback time 1,1 anniRiduzione emissioni CO2 50 ton/annoAltri benefici Riduzione del rumore Riduzione dei costi di manutenzione del compressore daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 30/53
  31. 31. Approccio consapevole alla gestione dellenergia FOCUS: MOTORIEsempiVentilatore aria quaternaria di un cementificioAssorbitori Motore da 450 kW funzionante 8.200 ore/annoIntervento Sostituzione motore + inverterRisparmio energetico 800 MWh/annoRisparmio annuo 80.000 €/annoS. payback time 220 ggRiduzione emissioni CO2 400 ton/annoAltri benefici Riduzione del rumore Riduzione dei costi di manutenzione del compressore daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 31/53
  32. 32. Approccio consapevole alla gestione dellenergia FOCUS: MOTORITip List→ Scegliete motori semplici e di piccolo calibro, in cascata→ Utilizzare un variatore di velocità per il controllo del motore→ Utilizzo di un servoazionamento e di un motore sincrono daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 32/53
  33. 33. Approccio consapevole alla gestione dellenergia FOCUS: EDIFICIEdifici→ Più della metà dei consumi di energia sono relativi ai consumi elettrici, e sonoriconducibili a: >> riscaldamento/condizionamento >> illuminazione >> ventilazione >> comando motori→ La combinazione di differenti soluzioni tecnologiche possono consentire risparmi del30 – 60% (IEA Annual energy reports, European Commission reports) daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 33/53
  34. 34. Approccio consapevole alla gestione dellenergia FOCUS: EDIFICIInterventi possibili→ Migliorare l’efficienza dell’impianto (isolamento, lampade a basso consumo, …)→ Monitoraggio e controllo continuo dello stato dell’impianto (piani di monitoraggioorientati al miglioramento continuo)→ Ottimizzare proattivamente utilizzo dispositivi (luminosità e temperatura costante,spegnimento apparecchiature quando non necessarie…)→ Comportamenti proattivi da parte degli utenti finali daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 34/53
  35. 35. Approccio consapevole alla gestione dellenergia AUDIT ENERGETICO secondo PROGEPITERLinea guida→ Analizzare tutti i dati a disposizione (consumi energetici, macchine, impianti, involucri,ecc. ) per: >> quantificare assorbimenti e costi (diretti ed indiretti), >> calcolare i potenziali risparmi >> definire il piano di miglioramento→ Mantenere sotto controllo i consumi energetici come un altro centro di costo aziendale→ Avere uno strumento gestionale che mi permetta di monitorare e preventivare iconsumi attuali e futuri, anche in riferimento alle BAT ed eventuali progetti/interventie allora il percorso logico è questo ... daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 35/53
  36. 36. Approccio consapevole alla gestione dellenergia AUDIT ENERGETICO secondo PROGEPITER Fase 1 – audit documentale→ Riconoscere le opportunità di risparmio e ottimizzazione della fornitura→ Individuare le principali criticità del sistema energetico aziendale→ Supportare nella scelta delle migliori condizioni contrattuali Fase 2 – analisi energetica→ Identificare gli aspetti energetici significativi→ Individuare i fattori fisici e organizzativi che influenzano i consumi→ Analizzare la dinamica dei consumi degli aspetti energetici Fase 3 – definizione del piano di miglioramento→ Confrontare lo stato di fatto con le BTA disponibili→ Analizzare la fattibilità tecnico-economica→ Valorizzare i vantaggi di una gestione sostenibile dei consumi Fase 4 – implementazione del piano di miglioramento→ Risparmiare con le misure materiali e gestionali→ Migliorare i consumi con il sistema di monitoraggio→ Sensibilizzare i propri stakeholder grazie allimpegno daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 36/53
  37. 37. Approccio consapevole alla gestione dellenergia AUDIT ENERGETICO secondo PROGEPITERE quello operativo … anche mediante softwareAnalisi fatture energetiche Profilo cliente Inventory Analisi comparativa Piano di miglioramento daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 37/53
  38. 38. Approccio consapevole alla gestione dellenergia AUDIT ENERGETICO secondo PROGEPITERDove lo possiamo applicare ? … praticamente ovunque daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 38/53
  39. 39. Approccio consapevole alla gestione dellenergia AUDIT ENERGETICO secondo PROGEPITERApplicazioneAzienda con circa 100 dipendenti, produce profili per taglio termico per l’isolamentotermico attraverso la trasformazione di materie plastiche con processi di estrusione→ Consumi elettrici sono circa 3,7 GWh/anno→ Interventi effettuati >> Sostituzione motori CC da 24 kW con motori vettoriali da 15 kW. >> Sostituzione rete aria compressa per asciugatura dei profili con soffianti a canale laterale (potenza 0,75 kW) che alimentano gli ugelli di soffiaggio. >> Sostituzione compressore rotativo da 110 kW con uno di nuova generazione da 90 kW (risparmio misurato di energia pari al 35%). daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 39/53
  40. 40. Approccio consapevole alla gestione dellenergia AUDIT ENERGETICO secondo PROGEPITERApplicazione >> Sistemi automatici di rifasamento >> Installazione di nuovi setacci ad alta efficienza per la deumidificazione del polimero con controllo di processo tale da recuperare tutte le perdite di calore generate durante le diverse fasi dei cicli termici. Il controllo della velocità della soffiante permette l’ottimizzazione dei cicli di utilizzo e di rigenerazione dei setacci molecolari, con un risparmio energetico valutato intorno al 40%. >>Passaggio all’operatore del mercato elettrico più conveniente. daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 40/53
  41. 41. Approccio consapevole alla gestione dellenergia AUDIT ENERGETICO secondo PROGEPITERApplicazioneVantaggi ottenuti→ Minore potenza installata e differente classe di motori: riduzione del 10%, mediamente850 kWh/mese.→ Installazione di soffianti elettriche in sostituzione del getto in aria compressa: 2.500kWh/mese per singola linea, con un costo di € 450,00 per singolo intervento.→ Sostituzione del gruppo compressore: circa 35.000 kWh/mese, con un investimento di €42.000 e un tempo di ritorno stimato intorno ai 10 mesi.→ Nuovi deumidificatori: riduzione di consumo di circa 2.800 kWh/mese, con un costo di €7.500 per ogni singola macchina e un tempo di ritorno di circa 20 mesi. daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 41/53
  42. 42. Approccio consapevole alla gestione dellenergia AUDIT ENERGETICO secondo PROGEPITERVantaggi di una gestione sistemica per le aziende→ Conosco il costo energetico per la realizzazione di unità prodotta (EnPI)→ Avvio un percorso per prevedere, gestire e ridurre i consumi in base alle variabilienergetiche causali e/o influenzanti→ Individuo inefficienze, riduco il fabbisogno energetico e costi manutentivi→ Formulo accurati budget energetici→ Scelgo la migliore tariffa per il MIO profilo di consumo→ Definisco il miglior piano di miglioramento energetico→ Adotto un comportamento più responsabile→ Comunico REAL green e guadagno mercato 2 volte: essendo più competititivo econquistando clienti sensibili→ Conduco audit energetici e ho una visione globale (non a spot) dei consumi e deirendimenti su dati di Benchmarking→ Sviluppo formazione, acquisisco competenze e creo consapevolezza negli stakeholder daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 42/53
  43. 43. Approccio consapevole alla gestione dellenergiaPerchè ci interessa parlare di energia ? Quali vantaggi ? Quali strumenti ?→ laudit energetico ci consente di ottenere duraturi benefici di una gestionesistematica dellenergia Con unanalisi energetica possiamo conoscere e decidere come gestire e migliorare gli usi finaliRimane sempre fondamentale il fattore umano ... daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 43/53
  44. 44. Approccio consapevole alla gestione dellenergia IL FATTORE UMANOLa “componente” umana nel controllo dei consumi, del risparmio e dellefficienza èfondamentale per alcuni aspetti:1. è alla base della consapevolezza delluso dellenergia (sensibilità della disponibilitàlimitata e impattante dellenergia)2. è necessaria per capire “come” lenergia è usata (efficienza dei processi, sensibilità aimiglioramenti tecnologici, ecc.)3. è responsabile del “buon” uso dellenergia (regolazione impianti, macchine, attenzioneagli sprechi indipendenti dalla tecnologia usata, ecc.)Indicativamente si stima, in generale, che almeno il 15-30% dellenergia totale risparmiabilesia riferibile direttamente al p. 3:È evidente che anche la semplice informazione-formazione del personale possa portare, ACOSTO ZERO, alcuni % di risparmio energetico. daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 44/53
  45. 45. Approccio consapevole alla gestione dellenergia IL FATTORE UMANOConoscere gli usi e i Consapevolezza della Cultura del risparmio eprocessi energetici direzione dellefficienzaControllo operativo Risorse allocate FormazioneM&T Integrazione del SGE Capacità di integrare iCompetenza nella strategia criteri energetici nelle dellorganizzazione attività FATTORE TECNICO IMPEGNO UMANO ENERGY MANAGEMENT daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 45/53
  46. 46. Approccio consapevole alla gestione dellenergia IL FATTORE UMANO – MISURE GESTIONALIPer misure gestionali/organizzative si intendono quelle misure non riferibili direttamentead una precisa tecnologia ma bensì relative ad ambiti più generali o pervasividellorganizzazione quali:1. Layout aziendale di macro-micro area (dallorganizzazione dellunità produttiva fino aquella dellufficio, sulla base di criteri energetici, analogamente a quanto avviene per icriteri usati dalla bioarchitettura)2. Formazione e sensibilità del personale, in base alle mansioni e agli usi finali di energia3. Scelta degli approvvigionamenti energetici (scelta del fornitore, delle condizionicontrattualistiche, ecc.)4. Politica energetica dellorganizzazione5. Politiche pubbliche (regolamenti energetici) daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 46/53
  47. 47. Approccio consapevole alla gestione dellenergia IL FATTORE UMANO – MISURE GESTIONALI1. Layout aziendale di macro-micro area (dallorganizzazione dellunità produttiva fino aquella dellufficio sulla base di criteri energetici)es.→ sulla base dei flussi materia/energia→ sulla base degli spostamenti delle persone→ sulla maggiore/minore disponibilità di risorse a costo 0 (es. illuminazione naturale,microclima, ecc.)→ scelta del tipo e distribuzione delle macchine sulla base dei carichi di lavoro e dellemigliori condizioni operative (es. 1 multifunzione di elevate prestazioni al posto di 20singole stampanti ?) daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 47/53
  48. 48. Approccio consapevole alla gestione dellenergia IL FATTORE UMANO – MISURE GESTIONALI2. Formazione e sensibilità del personale, in base alle mansioni e agli usi finali di energiaes.→ partecipazione a corsi di formazione/informazione specifici per tipo mansione→ responsabilizzazione attraverso misure oggettive delle prestazioni→ incentivazione economica mediante la misura della prestazione e il confronto conprestazioni di riferimento (benchmarking)→ sensibilizzazione a comportamenti più virtuosi anche fuori dallazienda→ carsharing / carpooling (mobility manager = obbligo di legge!)→ iniziative di miglioramento delle condizioni di lavoro per una migliore produttività(integrazione con gli aspetti ambientali, di qualità e sicurezza) daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 48/53
  49. 49. Approccio consapevole alla gestione dellenergia IL FATTORE UMANO – MISURE GESTIONALI3. Scelta degli approvvigionamenti energetici (scelta del fornitore, delle condizionicontrattualistiche, ecc.)es.→ audit documentale dei consumi/carichi di lavoro→ analisi delle offerte di mercato luce/gas/carburanti mediante confronto→ richiesta dellofferta sulla base dei risultati dellaudit documentale (possibilità diraggiungere condizioni più vantaggiose)→ valutazione delle penali (distacco dalla rete, potenza reattiva)→ valutazione dellautoproduzione (da FER, cogenerazione, recuperi termici, ecc.) daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 49/53
  50. 50. Approccio consapevole alla gestione dellenergia IL FATTORE UMANO – MISURE GESTIONALI4. Politica energetica dellorganizzazionees.→ scelta di materiali a minor impatto ambientale ed energetico→ scelta di tecnologie a minor impatto ambientale ed energetico→ LCA, EPD, ecc.→ implementazione del SGE aziendale→ piano di miglioramento, ecc. LE AZIENDE PIU VIRTUOSE OGGI EFFICIENTANO E GUADAGNANO FETTE DI MERCATO ! daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 50/53
  51. 51. Approccio consapevole alla gestione dellenergia IL FATTORE UMANO – MISURE GESTIONALI5. Politiche pubblichees.→ accordi di programma (es. centrali di teleriscaldamento)→ dualismo tra fornitura energia e risparmi per lazienda (oneri di urbanizzazione, ecc.)→ misure relative ad accordi volontari sottoscritti dalle Amministrazioni (es. Patto deiSindaci, EMAS) daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 51/53
  52. 52. Approccio consapevole alla gestione dellenergia IL FATTORE UMANO – MISURE GESTIONALICome fare ?Alcune aziende iniziano ad incentivare, anche in forma economica, i propri lavoratori sullabase dei consumi energetici da loro dipendenti. Incentivare, non punireEsempioUnazienda con flotta aziendale di mezzi che ha recentemente ottenuto la certificazionedel proprio SGE ha introdotto un premio economico dipendente dalla differenza tra lamiglior prestazione energetica e quella del proprio mezzo, per gruppi omogenei di mezzi,servizi e caratteristiche dei viaggi.Lazienda cosi facendo incentiva al massimo i lavoratori ad usare in modo corretto eresponsabile i mezzi, assicurando loro una parte del risparmio ottenuto. daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 52/53
  53. 53. Approccio consapevole alla gestione dellenergia CONCLUSIONIAbbiamo parlato dei vantaggi, delle opportunità e degli strumenti di unadiagnosi e gestione efficace dellenergia :→ oggi è possibile e opportuno per le aziende risparmiare energia con SPT moltocontenuti e ottenere visibilità e competitività >> valore e impatto, dove si risparmia→ gli strumenti gestionali e operativi sono funzionali allanalisi sistematica deiconsumi energetici >> ISO 50001→ le tecnologie sono sviluppate e consentono di intervenire in tutti i campi degli usifinali dellenergia >> FOCUS motori e edifici→ possiamo implementare diagnosi efficaci mirate su ogni azienda >> AUDIT energetico→ il fattore umano è sempre fondamentale: consapevolezza, impegno, risorse ecrescita ! >> fattore umano daniele.sogni@progepiter.it www.progepiter.it 53/53

×