E-learning innovativa

1,058 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,058
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
6
Actions
Shares
0
Downloads
22
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

E-learning innovativa

  1. 1. I N N O V A Z I O N E D I G I T A L E Progetto grafico: PRC Roma IMPRESE X INNOVAZIONE E-learning innovativa I N N O V A Z I O N E Questa guida è stata realizzata grazie al contributo del Consorzio Interuniversitario (Cineca). Le guide di questa collana sono supervisionate da un gruppo di esperti di imprese e associazioni del sistema Confindustria, partner del Progetto IxI: Between SpA, Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici,D I G I T A L E Eds Italia, Gruppo Spee, Hewlett Packard Italiana, Ibm Italia, Microsoft, Telecom Italia SpA. Suggerimenti per migliorare l’utilità di queste guide e per indicare altri argomenti da approfondire sono più che benvenuti: toolkit@confindustria.it www.confindustriaixi.it
  2. 2. D I G I T A L EE-LEARNING INNOVATIVANell’attuale contesto di mercato, in conti- gruppi di imprese; interazioni con partner enua e rapida evoluzione, le aziende devo- clienti esteri. Nell’ambito della relazioneno sapersi adeguare ai cambiamenti per cliente-fornitore, ogni attore dovrebbe con-prevenire e soddisfare i fabbisogni dei clien- siderarsi partner dell’altro ed i costi della fi-ti/consumatori e devono imparare a com- liera devono essere ottimizzati lungo tuttopetere sempre di più a livello globale. L’a- il percorso, in modo che vi siano margini I N N O V A Z I O N Ezienda di oggi deve essere soprattutto: stra- per tutti.tegia, organizzazione, management, con il Esse sono caratterizzate da una successionegiusto mix di intuito, estro, creatività. di rapporti tra aziende fornitore-cliente nel-Quali “driver” possono favorire l’incremen- la catena di sviluppi, produzioni ed acqui-to di competitività di un’azienda? sti; dalle materie prime ai prodotti interme-I modelli organizzativi, la capacità di mar- di, a quelli finiti. Sono presenti Imprese diketing e comunicazione e soprattutto il ca- concezione prodotti, Imprese produttrici,pitale umano come stimolo all’innovazione. Fornitori, Subfornitori, Distributori, Punti vendita finali, ecc…Alcuni problemi delle filiere Le Imprese collegate hanno necessità dio distretti di aziende persone che sappiano essere creative e in-Descriviamo alcune loro caratteristiche ge- novatrici; la tecnologia può e deve diventa-nerali. re indispensabile supporto alla nuova im-Esistono diverse tipologie di relazioni tra postazione organizzativa dell’impresa este-imprese: filiere produttive; network di Pmi; sa, come realtà integrata di più attori. 1
  3. 3. E-LEARNING INNOVATIVA D I G I T A L E L’utilizzo di strumenti capaci di incremen- • coordinamento logistico tra imprese col- In conclusione, i manager devono saper at- tare la produttività e di favorire lo sviluppo legate; tivare e gestire la creatività, indirizzandola delle relazioni fra imprese, può contribuire • velocizzazione dei flussi di informazioni adeguatamente; devono saper anche inno- alle efficienze di “distretto”, non basato so- e poi dei flussi di prodotti; vare e rafforzare il vantaggio competitivo lo sulla vicinanza territoriale, utilizzando • maggiore diffusione di conoscenza ‘tra- ‘continuamente’ e ‘velocemente’. tecnologie adeguate. sversale’. Oggi gli strumenti ICT consentono di rico- I N N O V A Z I O N E Una parte importante nel recupero della Assume così importanza strategica l’obietti- prire e supportare moltissime fasi dei pro- competitività delle aziende può derivare vo di adeguamento degli skill delle risorse cessi di gestione, favorendo l’acquisizioneI N N O V A Z I O N E dall’aumento di integrazione e di coopera- umane per la nuova organizzazione ed in- e la diffusione di conoscenze adeguate al- zione a livello di filiera e/o distretto, grazie tegrazione delle aziende (anche con la l’interno dell’azienda per una più efficace all’impiego di strumenti Ict. creazione di nuove figure professionali). competitività. Questo obiettivo può essere conseguito ef- Esempi di nuovi fattori di successo per le Nuovo approccio organizzativo • aumento qualità/riduzione errori di pro- ficacemente anche con programmi di azio- aziende, le filiere, i distretti. e soluzioni tecnologiche applicative gettazione; ni di apprendimento e diffusione di cono- • Risposta rapida ed efficace alle esigenze Finora le aziende hanno investito preva- • maggiore completezza/qualità di informa- scenze utili per mezzo dell’“e-learning”, dei clienti; lentemente in infrastrutture e in software zioni; strumento ormai consolidato, ma che si va • Progettazione/produzione di beni/servizi applicativo a supporto dell’automazione • riduzione costi-tempi di prototipazione, perfezionando costantemente grazie all’u- richiesti dal mercato; dei processi operativi interni; altri investi- creazione cataloghi/listini e passaggio da- tilizzo di tecniche recenti e sempre più in- • Approccio gestionale organizzativo sem- menti complementari in Ict, di natura or- ti in produzione. novative. pre più orientato al mercato (esigenze ganizzativa e di conoscenze, possono co- mutevoli del cliente attuale/potenziale). stituire il mezzo con il quale abilitare al FIGURA 1 - SCHEMA DI PROCESSI PER UNA ‘GESTIONE COLLABORATIVA’ Ciò comporta la necessità di: meglio il management aziendale alla com- Generazione della Domanda e.Marketing • alleanze tra aziende (produttori, distribu- petitività. e.Procurement Acquisti Trasformazione Distribuzione Trasporti Vendite e.Supply Chain Planning tori, ecc…); Alcune azioni ‘importanti’ da attuare: • maggiore coinvolgimento per i collabora- e.Learning e.Learning e.Learning Project Management tori, soprattutto quelli ‘chiave’; favoren-D I G I T A L E Sourcing Piano Trasporti Forecast Obiettivi di Inventario Assegnazione done un tempestivo aggiornamento pro- Contratti con Fornitori Piano di Produzione prodotto fessionale; • coinvolgimento dei fornitori nella proget- FORNITORI Piano Materiali Abbinamento Domanda e Capacità Piano Itinerari Customer CLIENTI Service tazione di prodotti (maggiori informazio- MRP Master Schedule DRP ni, riduzione tempi, consegna materiali); Gestione Offerte Ordini di Acquisto Piano di Produzione Piano di Picking Piano Carichi Configurazione Prodotto • coinvolgimento partners nelle conoscen- e Piano di Capacità ATP ze e negli aggiornamenti utili. Ordini di Vendita e.Selling Tracciamento Materiali Controllo Produzione Gestione Inventario Vantaggi: • aumento produttività/riduzione costi-tem- e.Design Sviluppo Prodotti e Processi pi di progetto;2 3
  4. 4. E-LEARNING INNOVATIVA D I G I T A L E IMPORTANZA DELLA SOLUZIONE Vantaggi procurati dall’e-learning FIGURA 2 - E-LEARNING INTEGRATO NELL’AZIENDA DI E-LEARNING diffuso e tradizionale “La didattica e l’aggiornamento professionale basati Significato di e-learning sull’e-learning permettono di avere diversi vantaggi, L’e-learning, acronimo di electronic lear- ad esempio l’accesso ai corsi per un numero elevato di Piattaforma Knowledge ning, è l’insieme dei metodi e delle tecno- logie usate per erogare a distanza contenuti utenti, anche distribuiti su un vasto territorio e la W LMS Base Aziendale fruizione del materiale didattico senza limitazioni di Corso formativi e per gestire la comunicazione tra tempo attraverso una qualsiasi connessione a Internet. E I N N O V A Z I O N E ForumI N N O V A Z I O N E gli utenti (docenti, studenti e tutor). Inoltre, la disponibilità di risorse multimediali (filmati, Il boom dell’e-learning negli ultimi anni è immagini, animazioni...) fanno dell’e-learning un B Test ERP-HR stato favorito dalla diffusione della banda lar- valido strumento a supporto e ad integrazione delle ga e dall’introduzione di standard per rende- attività di didattica tradizionali”. re interoperabili, accessibili e riutilizzabili i da Relazione annuale dell’Osservatorio ANEE del 2003 Gestione contenuti formativi (L.O.: learning objects) Comunicazione Erogazione Test e monitoraggio Qualche informazione sulle forme PIATTAFORMA TECNOLOGICA Un componente base dell’e-learning è la piattaforma Learning e modalità di e-learning Management System (LMS) che gestisce la distribuzione e la Evoluzione del servizio di E-Learning fruizione della formazione. Tutte le informazioni sui corsi e le attività degli utenti restano M-learning Citazioni dalle “enciclopedie” L’e-learning (esprimibile come ‘apprendimento elettronico’) è un memorizzate nel database della piattaforma: questa caratteristica Utilizzo di dispositivi mobili (cellulari, settore applicativo della tecnologia dell’informazione, che utilizza permette all’utente di accedere alla propria offerta formativa effettivamente da qualsiasi computer collegato a Internet. L‘utente PDA) su reti WiFI, GSM, GPRS, UMTS... anche il complesso delle tecnologie Internet per distribuire online contenuti didattici multimediali. in virtù di ciò può accedere al proprio percorso formativo T-learning L’e-learning sfrutta anche le potenzialità rese disponibili da Internet modellizzato sul server, anywhere/anytime, da qualsiasi luogo in Utilizzo della TV digitale per la formazione. per fornire formazione sincrona (diretta) e/o asincrona qualsiasi momento. (indiretta/posticipata) agli utenti. Essi possono accedere ai contenuti dei corsi in qualsiasi momento e in ogni luogo in cui esista una AULA VIRTUALE Attualmente sono praticabili anche forme connessione online. Questa caratteristica e la tipologia di Per l’e-learning l’aula virtuale (o ambiente collaborativo) è la metodologia didattica che permette l’interazione (in modalità di e-learning con soluzioni tecnologiche re- progettazione dei materiali didattici portano a definire alcune forme sincrona, diretta) fra gli utenti: si tratta infatti di strumenti che centi e più innovative.D I G I T A L E di e-learning come “soluzioni di insegnamento centrato sullo studente”. favoriscono la comunicazione immediata tramite chat, lavagne condivise (whiteboard) e videoconferenza e così via. I software di Si parla di gestione di Knowledge Manage- Definizioni ambiente collaborativo possono gestire anche l’apprendimento ment utilizzando l’e-learning; di m-learning asincrono (che non necessita la presenza degli utenti nello stesso E-LEARNING E FAD (mobile learning), cioè la possibilità di ac- momento): forum di discussione, document repository, accesso ai Spesso si identifica l’e-learning con qualsiasi tipologia di formazione materiali didattici o a materiali di supporto... cedere a contenuti formativi attraverso dispo- erogata tramite tecnologia informatica (CD-ROM, Internet, sitivi mobili multimediali (come PDA, intranet,…), comunemente denominata FAD, Formazione a CONTENUTI - LEARNING OBJECTS Distanza. I contenuti dei corsi didattici possono essere progettati in diversi Smartphone o Tablet-Pc) connessi tramite In realtà, la componente Internet e/o web e la presenza di una formati: pagine di testo, animazioni 2D o 3D, contributi audio, reti di comunicazione senza fili; di T-Lear- tecnologia specifica recente (LMS) distinguono l’e-learning da altre contributi video, simulazioni, esercitazioni interattive, test,… Si versioni di formazione a distanza. Come i Computer Based Training tratta di contenuti realizzati in modalità multimediale e possono ning, che è uno dei possibili servizi che pos- (CBT) e i Web Based Training (WBT). Si parla, quindi, di e-learning essere costruiti ad hoc o essere stati modificati da materiale già sono essere realizzati tramite l’introduzione di altra generazione (o evoluzione) della formazione a distanza. esistente in formato elettronico. della TV digitale terrestre.4 5
  5. 5. E-LEARNING INNOVATIVA D I G I T A L E ESEMPI DI FORME DI E-LEARNING Esempio di Knowledge Management E RECENTI APPLICAZIONI (KM) ed e-learning Immaginiamo, con un esempio, quali possono essere i vantaggi dell’e-learning sviluppato in un ambiente evoluto: 1- Knowledge Management (KM) un utente (lo studente universitario, l’impiegato d’azienda) ed e-learning ha necessità di studiare/aggiornarsi professionalmente su Gestione della conoscenza per mezzo del- l’e-learning un argomento; per questo motivo accede a un ambiente in I N N O V A Z I O N E rete (della propria facoltà o azienda) e richiede a unI N N O V A Z I O N E Le competenze e le conoscenze che l’a- zienda acquisisce nel corso del tempo as- motore di ricerca di trovare tutti i contenuti didattici (LO) sumono un valore strategico se si integrano che rispondano a determinate caratteristiche. ll risultato nel sistema aziendale. della ricerca è una lista di LO cui è associata una breve Il tema del KM (o gestione della conoscen- descrizione tramite parole chiave. za) nasce in questo contesto e si delinea in- nanzitutto come tentativo di patrimonializ- zare tutte le conoscenze formalizzate, ov- La tecnologia basata su internet offre varie vero esplicite, dell’azienda, attraverso gran- soluzioni per la gestione della conoscenza: 2- M-learning (mobile learning) la possibilità di accedere a contenuti forma- di repository (archivi di documenti ed infor- piattaforme di e-learning collegate a sistemi Aggiornamento in mobilità tivi attraverso dispositivi mobili multimedia- mazioni) accessibili, ad esempio, dalle in- per la gestione del personale e integrate con La crescente ingegnerizzazione dei proces- li (come PDA, Smartphone o Tablet-Pc) con- tranet aziendali. ambienti di discussione, quali forum, aree si interni di una moderna azienda, l’elevata nessi tramite reti di comunicazione senza di lavoro cooperativo, blog, ecc. professionalità e specializzazione delle per- fili (wireless, siano esse di tipo locale o geo- In cosa consiste effettivamente la differenza sone che vi operano e la rapidità con cui grafico o reti cellulari). Punto di forza di rispetto a una semplice ricerca su Internet? evolvono le informazioni riguardanti i pro- questa nuova soluzione è certamente la to- Tutti i risultati della ricerca rispondono in dotti o i servizi offerti, rendono sempre più tale libertà di comunicare e fruire di infor- maniera puntuale alle effettive richieste importanti aspetti quali l’aggiornamento e mazioni senza vincoli di luogo. dell’utente, inoltre sono suggeriti argo- la formazione aziendale. Vi sono però al-D I G I T A L E menti correlati che possono fungere da cuni fattori, ad esempio la mobilità dei di- Esempio di M-learning (mobile learning) approfondimento. a differenza di quanto pendenti, che difficilmente si coniugano La m-learning è facilmente applicabile in accade cercando su Internet dove si visua- con una formazione svolta in aula. differenti comparti aziendali e per diffe- lizzano decine e decine di link a pagine La m-learning è una soluzione innovativa che renti figure professionali. web che niente hanno a che vedere con crea un ambiente di apprendimento flessibile Ad esempio, un tecnico manutentore la nostra richiesta; tale “mole di informa- che può rispondere adeguatamente alla ne- che, di fronte a una macchina da revisio- zioni” rende necessario un ulteriore dispen- cessità di accedere a informazioni puntuali nare, viene a conoscenza in tempo reale dio di tempo ed energie per selezionare in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo. delle caratteristiche specifiche di quel “manualmente” ciò che effettivamente ci Ma in cosa consiste esattamente la m-learning? modello. interessa. Con m-learning (mobile learning) si intende6 7
  6. 6. E-LEARNING INNOVATIVA D I G I T A L E A livello manageriale, si può pensare di af- CBT fiancare al normale utilizzo dei dispositivi Il Computer Based Training (CBT), o “inse- mobili (organizer, telefono cellulare, lettura gnamento basato sul computer”, è un meto- delle e.mail) la possibilità di accedere on li- do di insegnamento basato sull’uso di specia- ne a business-game o quiz relativi a corsi li programmi didattici per computer o di al- seguiti in aula o in modalità e-learning tra- tro software dedicato (in forma di CD-ROM, dizionale (ad esempio un corso di lingua in- DVD-ROM e così via). Può essere applicato glese). nella formazione a distanza o nel contesto di I N N O V A Z I O N EI N N O V A Z I O N E Oppure un addetto commerciale che in un apprendimento da autodidatta. qualsiasi momento e luogo può attingere a nozioni di vendita o ai dati relativi a un LMS cliente prima di un appuntamento. Il Learning Management System (LMS) è la In generale, la tecnologia wireless introdu- piattaforma applicativa che permette l’ero- ce una nuova concezione di e-learning, in- gazione dei corsi in modalità e-learning. tesa come “continua attività formativa am- Il Learning Management System è il softwa- bientale”, nella quale l’importanza di un re che presidia la distribuzione dei corsi on- approccio di strumenti “on-demand” verso line, l’iscrizione degli studenti, il traccia- le risorse didattiche/informative si traduce mento delle attività on-line. Gli LMS spesso nella possibilità di poterne usufruire nei operano in associazione con gli LCMS “tempi liberi” o di basso carico lavorativo 2012 prenderà il posto della TV analogica. Altre Voci correlate all’e-learning (Learning Content Management System) che (ad esempio in un viaggio di lavoro in tre- La televisione digitale terrestre si basa su Formazione a distanza (FAD) gestiscono direttamente i contenuti, mentre no); oppure nel momento stesso in cui una due innovazioni: la conversione del segna- Computer Based Training (CBT) a LMS resta la gestione degli utenti e l’ana- particolare situazione lavorativa lo richieda le analogico in digitale e l’introduzione di Learning Management System (LMS) lisi delle statistiche. (ad esempio, per un tecnico che voglia ri- uno standard (MHP) che consente l’esecu- passare e richiamare le modalità aziendali zione di applicazioni software direttamente FAD che regolano il controllo qualità di un pro- sul decoder dell’ apparecchio di ricezione. Con la formazione a distanza si intende SOLUZIONE ADEGUATAD I G I T A L E cesso in corso). Si ottimizzano così i pro- Ciò rende possibile all’utente anche di in- l‘intervento didattico senza i limiti posti DI E-LEARNING cessi di lavoro (e la catena del valore di una teragire con il programma televisivo in ese- dalla copresenza fisica. Il suo sviluppo è azienda), riducendone anche i costi. cuzione. stato profondamente facilitato da quello Il supporto all’e-learning: metodi ed esperti Un servizio di T-Learning, potendo avvaler- parallelo delle tecnologie della comuni- per una soluzione adeguata. 3- T-learning si della semplicità d’uso della TV, può am- cazione. E-learning non è solo applicazione di nuo- E-learning attraverso la televisione digitale pliare la possibilità di fruizione di formazio- La generazione attuale sarebbe quella del- ve tecnologie per la formazione. È necessa- La T-Learning è uno dei possibili servizi che ne anche ad altre categorie di utenti che, l’impiego delle tecnologie informatiche e rio innanzitutto adottare un metodo di pro- possono essere realizzati tramite l’utilizza- privi di un’adeguata cultura informatica, so- telematiche dove molti dei materiali in for- gettazione di soluzioni di apprendimento zione della TV digitale terrestre (DTT), la no normalmente esclusi dall’e-learning tra- mato cartaceo sono stati sostituiti dai testi e che consenta di compiere le scelte più ade- nuova tecnologia televisiva che entro il dizionale. contenuti elettronici. guate per il contesto in cui devono essere8 9
  7. 7. E-LEARNING INNOVATIVA D I G I T A L E za e tutorship, nelle modalità di interazione Progettazione I professionisti dell’e-learning sincrona (diretta) e asincrona, di condivisione L’instructional designer delinea la strategia e collaborazione a livello di gruppo. didattica in base ai bisogni formativi dell’u- Esperto dei contenuti: conosce approfonditamente Caratteristica dell’e-learning è l’alta flessi- tente; tiene inoltre in considerazione il li- la disciplina che sarà materia del corso on line; fornisce bilità garantita allo studente dalla reperibi- vello di alfabetizzazione informatica, le co- la documentazione necessaria (che verrà poi elaborata lità sempre e ovunque dei contenuti forma- noscenze pregresse sulla materia oggetto dagli esperti di comunicazione), evidenziando i concetti tivi, che gli permette l’autogestione e l’au- della formazione, le aspettative e la dispo- principali, i punti critici, ecc. todeterminazione del proprio apprendimen- nibilità a impegnarsi in un’attività – l’e-lear- I N N O V A Z I O N E Instructional designer: possiede un’approfonditaI N N O V A Z I O N E to; resta tuttavia di primaria importanza la ning – spesso mai sperimentata. Insieme al- conoscenza delle teorie dell’apprendimento e della scansione del processo formativo, secondo l’esperto della disciplina progetta il mate- comunicazione multimediale. Delinea la metodologia un’agenda che responsabilizzi formando e riale formativo, strutturandone la mappa didattica in base ai bisogni formativi dell’utente. Insieme formatore, al fine del raggiungimento degli concettuale e definendo il livello di interat- all’esperto dei contenuti progetta il materiale formativo, obiettivi didattici prefissati. tività e multimedialità dei contenuti. strutturandone la mappa concettuale e definendo il In linea generale, è possibile definire alcu- livello di interattività e multimedialità dei contenuti. applicate: formazione totalmente a distan- ne fasi principali che caratterizzano qual- Produzione za o formazione mista? Progettazione di un siasi progetto di formazione a distanza. È la fase di creazione dei contenuti: testi, Esperto di comunicazione/redattore: cura lo stile, percorso di studio o selezione di un reposi- immagini, animazioni, filmati, test valutati- scrive e verifica la qualità e la coerenza dei testi. tory di informazioni non strutturate? Realiz- Fase decisionale nella strategia di formazione vi, ecc. zazione dei contenuti o acquisto di pac- L’azienda decide, tramite il responsabile Grafico, tecnico audio-video, informatico chetti (learning object) da società editoriali della formazione, la strategia da perseguire Erogazione programmatore: sono le figure coinvolte nella fase di specializzate? e i metodi e gli strumenti da utilizzare, tra I corsi sono installati sulla piattaforma di e- creazione dei contenuti; si occupano di realizzare Il supporto di “professionisti dell’e-lear- cui, ad esempio, l’e-learning. learning e sono attivati gli strumenti di co- animazioni, simulazioni, video, test interattivi, ambienti ning” è pertanto fondamentale: si tratta di municazione. Entrano in campo i discenti virtuali, ecc. figure professionali con competenze diffe- e, quando previsti, i tutor (per dare suppor- renti e complementari, in cui il background prendimento che coinvolge sia il prodotto to ai discenti e animare la discussione) op- umanistico o scientifico si fonde con abili- sia il processo formativo. pure gli esperti (per fornire eventuali chiari-D I G I T A L E tà tecnico-informatiche, capaci di valutare Per prodotto formativo si intende ogni ti- menti sulla materia oggetto del corso). il contesto e scegliere le soluzioni più ade- pologia di materiale o contenuto messo a guate frutto di un compromesso tra effica- disposizione in formato digitale attraverso Valutazione cia ed efficienza. supporti informatici o di rete. Viene valutata l’efficacia del percorso didat- Si tratta di ‘instructional designers’ per la Per processo formativo si intende invece la tico, sia in termini quantitativi (numero di progettazione dei contenuti, grafici, esperti gestione dell’intero iter didattico che coin- accessi alla piattaforma di e-learning, nu- di comunicazione web, ma anche informa- volge gli aspetti di erogazione, fruizione, in- mero di utenti iscritti, successo dei quiz) sia tici e tecnici audio/video. terazione, valutazione. in termini qualitativi tramite il feedback dei L’e-learning (definizione proposta da Anee) In questa dimensione il vero valore aggiunto discenti, quale emerge nelle aree di discus- è una metodologia di insegnamento e ap- dell’e-learning emerge nei servizi di assisten- sione e nei test di gradimento.10 11
  8. 8. E-LEARNING INNOVATIVA D I G I T A L E Consulenza adeguata supporta i clienti nella scelta della soluzio- L’obiettivo fondamentale delle organizza- ne tecnologica più adatta al raggiungimen- zioni è cercare di trovare soluzioni efficien- to degli obiettivi formativi. ti, la ricerca del giusto mix tra costi (aule, Migrazione verso nuove piattaforme: il sup- piattaforme, docenti etc...), tempi (compati- porto consente alle organizzazioni che già bilità; con gli orari di lavoro) ed efficacia fanno uso di piattaforme e-learning di valu- (apprendimento). tare i costi e i benefici relativi al passaggio I fornitori di soluzioni devono supportare verso una nuova tecnologia (esportabilità I N N O V A Z I O N EI N N O V A Z I O N E nelle fasi di analisi, progettazione e svilup- dei contenuti, rispetto degli standard inter- po i clienti, per aiutarli a cogliere i vantag- nazionali, costo formazione utenti etc..) ren- gi di economicità ed efficacia che l’e-lear- dendo agevole e poco costoso il passaggio. ning può offrire: progettazione standard Usabilità e Accessibilità: definisce gli step adeguata, individuazione e scelta della e i criteri da seguire per la realizzazione di tecnologia, migrazione verso nuove piatta- interfacce usabili e accessibili, in linea con forme, usabilità e accessibilità, nuove fun- le direttive delle leggi, necessarie a facilita- zionalità, training, percorsi formativi. tare e produrre corsi e materiali didattici per dotti web formativi che consentono di ap- re l’utilizzo del sistema e-learning e a ga- la formazione a distanza, utilizzando i con- prendere mediante una modalità interattiva rantire l’accesso alla formazione a tutti, in- Creazione corsi on demand tenuti forniti dal cliente. sia in autoformazione che con il supporto dipendentemente dalle loro abilità. In collaborazione con eventuali partner Sulla base del materiale e delle indicazioni di servizi comunicativi e di tutoring. Nuove funzionalità: individua le funziona- qualificati del settore si deve poter proget- del cliente possono essere sviluppati pro- È possibile sviluppare i corsi con differenti lità necessarie al conseguimento degli livelli di complessità, simulazione ed inte- obiettivi del progetto formativo, definendo FIGURA 3 - LEARNING VALUE CHAIN razione, da prodotti monomediali interatti- le linee di sviluppo. vi a prodotti con elementi audio-video da Training: il cliente nella fase iniziale deve Assess Design Develop Deliver Customer Service digitalizzare o da produrre ad hoc. godere del supporto formativo sull’utilizzo Understand Design the solution Develop the Content, Execute Provide Customer Le metodologie adottate devono mirare al delle soluzioni adottate con l’intervento on coinvolgimento del cliente in tutte la fasi di site, o presso training rooms, di formatori,D I G I T A L E Clients Issues • Content Infrastructure and/or Training Services • Needs Analysis • Infrastructure Customized Services • Classroom • Reporting realizzazione e validazione degli step rea- per tutto il tempo necessario a prendere il • Gap Analysis • Offering • Development Process - Corse Admin. • Evaluation • Root Cause • Development Factory - Teach Curriculum • Certification lizzati. pieno presidio della tecnologia. Analysis - Standard - Hands on Labs Percorsi formativi: progettazione persona- • Select Solution - Customized - Third Party / BP Fasi di supporto lizzata; oltre alla realizzazione dei corsi e- - Multimedia • Distributed Learning • Customization - Infrastructure Progettazione standard adeguata: affianca i learning basati sulle risorse fornite dal clien- Performance Consulting Identify Assessment Fulfilment - Services clienti nella progettazione, fornendo le te, si dovrà poter procedere alla progetta- Skills Sets Skills Gap Skills Plan - Access to DL Curriculum Content competenze necessarie a realizzare conte- zione dell’intero percorso formativo, stabi- - Third Party / BP Design Development Distributed Learning nuti che rispettino i principali standard in- lendo in accordo col cliente la tempistica e Technology Learning Delivery Classroom ternazionali (IMS, AICC, SCORM). la tipologia degli interventi, in aula (in au- Distributed Learning: Any training where you do not have a face to face instructor Distributed Learning Individuazione e scelta della tecnologia: toapprendimento del discente o con l’inter-12 13
  9. 9. E-LEARNING INNOVATIVA D I G I T A L E Qualche informazione 4. Contenuti didattici segue sui costi dell’e-learning I corsi si caratterizzano per la durata che può variare, in I primi richiedono la contemporanea presenza in rete degli si tratta di un’attività onerosa, poiché prevede l’impiego di linea di massima, da 2 a 10 ore in base ai contenuti che utenti; rientrano in questo gruppo la chat, la figure specializzate per lunghi periodi. Sono molte le variabili che possono influenzare una propongono. videoconferenza e la lavagna condivisa. Scegliere questi previsione di costi per un progetto di e-learning. Inoltre i corsi hanno caratteristiche diverse a seconda del strumenti significa prevedere la presenza di un tecnico per Ordini di grandezza di costi/impegni di specialisti livello di multimedialità (complessa o semplice) dei gestire e verificarne il corretto funzionamento e di un per e-learning (in gg/uomo): 1. Corsi generici e corsi specifici contenuti. Con multimedialità complessa si intende la mediatore per garantire che i partecipanti interagiscano in Il primo elemento di riflessione riguarda l’argomento dei presenza di animazioni che consentono all’utente di maniera ordinata e corretta. Corso di 1 ora a multimedialità semplice I N N O V A Z I O N E corsi. Se i corsi vertono su argomenti di largo interesse, interagire con l’applicativo (esercizi di tipo drag and drop, Gli strumenti asincroni non vincolano gli utenti aI N N O V A Z I O N E Figure professionali Giornate uomo quali le lingue straniere, la patente informatica europea multiple choice, fill in the blank, ecc.) e la presenza di connettersi a determinate ore. Si tratta in questo caso di Instructional designer da 2 a 3 (ECDL), conoscenze di base su marketing, comunicazione, elementi grafici complessi (come simulazioni, storytelling, mezzi quali posta elettronica, forum, blog, ecc. In generale Grafico da 6 a 8 ecc. parliamo di corsi generici. riprese video del docente). La multimedialità semplice è presuppongono costi poco elevati poiché, una volta Redattore da 3 a 5 I corsi specifici riguardano tematiche tecnico specialistiche caratterizzata da oggetti formativi che prevedono una implementati, non richiedono particolari risorse per il loro Corso di 1 ora a multimedialità complessa o trasversali di interesse per un ristretto numero di grafica statica (immagini, disegni o mappe concettuali) e mantenimento e il corretto utilizzo. Per questo motivo Figure professionali Giornate uomo persone (ad esempio, un’azienda o un settore animazioni elementari prive di interattività. Le ore di sono molto usati e quasi sempre già previsti dalle Instructional designer da 5 a 7 dell’azienda). lavoro per realizzare i contenuti varia notevolmente a piattaforme di e-learning. Grafico da 10 a 16 Nel primo caso è possibile acquistare sul mercato i seconda del livello di multimedialità, così come l’impegno Redattore da 4 a 7 contenuti necessari a prezzi contenuti. dell’esperto di grafica, del programmatore o del redattore. 7. Il tutoraggio Nel secondo caso è necessario produrre contenuti ad hoc, Generalmente i contenuti didattici sono organizzati in Learning L’attività di tutoraggio è un fattore cruciale che può Esempio di Costi relativi all’acquisto di un delegando l’attività a società di consulenza esterne o Object, pertanto possono essere riutilizzati e tracciati. determinare il successo di un’attività formativa. Consiste corso a larga diffusione (nel caso un corso impegnando risorse interne all’azienda. nel mettere a disposizione uno o più tutor che ”ECDL” per la patente europea di PC) 5. La piattaforma di e-learning giornalmente comunicano con i discenti per motivarli, Le tariffe variano in base al numero di utenti. 2. Numero di utenti A seconda delle proprie esigenze e delle prospettive verificare l’andamento dell’attività, fornire materiale di UTENTI Tariffa per utente È strategicamente importante delineare fin da subito future, l’azienda può decidere di usufruire della approfondimento e, in generale, garantire l’assistenza 10- 50 €30 quanti potranno essere i fruitori di un corso on line. Infatti, piattaforma di e-learning in maniera diversa. tecnica e didattica per tutta la durata del percorso 51 - 200 €25 maggiore sarà il numero di utenti, maggiore sarà la Può infatti acquistare il servizio oppure decidere di formativo. Il tutor è pensato per gestire soprattutto piccole 201 - 800 €20 possibilità di ammortizzare il costo di produzione e implementare tutto all’interno del proprio CED, acquisendo comunità di apprendimento (10-15 persone). Ovviamente 801 - 1500 €14D I G I T A L E gestione del corso stesso. hardware, licenze software e i servizi professionali Non è un caso, infatti, che i corsi generici proposti dagli necessari. editori specializzati siano così numerosi e disponibili a La presenza sempre più diffusa sul mercato di piattaforme vento di tutor) o con l’ausilio della piatta- VANTAGGI CON UN SUPPORTO prezzi ragionevoli. open source ha sicuramente abbassato i costi relativi alla forma LCMS utilizzata, sulla base delle esi- COMPETENTE piattaforma di e-learning e incentivato lo sviluppo di genze congiunturali dell’organizzazione. 3. Componenti infrastrutturali funzioni personalizzate. Si potrà procedere sino alla pianificazio- E-learning È necessario verificare in anticipo la disponibilità di ne di un percorso formativo individualiz- Il fattore umano e le sue competenze sono computer e di connessioni veloci alla rete Internet o alla 6. Gli strumenti di comunicazione zato e personalizzato, con un’attenzione l’elemento chiave per la competitività di rete aziendale così da poter valutare da subito la necessità Esistono due categorie di strumenti di comunicazione: al singolo studente che l’abbattimento del- un’azienda. Valorizzare ed ampliare queste di acquistare l’attrezzatura adeguata. quelli sincroni e quelli asincroni. le barriere e l’asincronia del contatto ren- conoscenze attraverso l’apprendimento de possibile. continuo, attivo e personalizzato è la gran-14 15
  10. 10. E-LEARNING INNOVATIVA D I G I T A L E Vantaggi principali dell’e-learning minimo di interazione umana, ingrediente vitale del processo di apprendimento. a) Eliminazione delle barriere spaziali e temporali Con l’avvento della tecnologia abilitante, la formazione Riepilogando, i vantaggi dell’e-learning per l’insegnante e non deve più avvenire necessariamente in un determinato per l’azienda si possono così riassumere: luogo e in un determinato momento, con tutti i vantaggi • minori costi totali; che questo comporta: • tempo di apprendimento ridotto; • organizzare i tempi del proprio apprendimento sulla • apprendimento che dura nel tempo; I N N O V A Z I O N E base degli impegni professionali; • contenuti uguali per tutti e gestibili nel tempo;I N N O V A Z I O N E • risparmiare costi e tempi, evitando spostamenti per • facilità di monitorare il completamento e il superamento assistere a corsi con un conseguente miglioramento del di un corso con strumenti automatici. processo formativo. I vantaggi per lo studente si possono invece così riassumere: • formazione a disposizione “on demand”, cioè in b) L’e-learning consente di migliorare il processo qualsiasi momento; formativo, rendendolo più efficace ed efficiente • possibilità di procedere secondo il proprio ritmo di Pone lo studente in condizione attiva con autonomia ed apprendimento; de opportunità offerta oggi dalle soluzioni • eliminazione di “tempi morti” in aula e assunzione di responsabilità; inoltre, prende in • interattività; di e-learning. di spese organizzative; considerazione le differenze individuali senza restrizioni • il materiale a disposizione per consultazione o rapido Molte aziende produttrici sia di beni che di • riutilizzo dei corsi o di parti di essi (mo- temporali e spaziali. Risulta quindi più semplice realizzare aggiornamento (riduce il peso di “imparare la lezione”). servizi sono pienamente consapevoli del dularità). percorsi formativi personalizzati che consentano alle ruolo della formazione nel generare risorse persone di esprimere le proprie capacità e potenzialità. Gli svantaggi L’ interattività e lo sviluppo di un processo collaborativo Gli svantaggi per docenti e struttura: umane qualificate, oltre che un solido van- Efficacia del metodo: sono caratteristiche molto importanti. • investimenti iniziali, a volte consistenti; taggio competitivo e, quindi, profitti elevati • everywhere & anytime; • problemi tecnologici (compatibilità con software e nel lungo periodo. • bassi requisiti iniziali ¦ alta accessibilità c) Vantaggi dell’e-learning come strumento di hardware già esistente, investimenti in nuovo software e L’e-learning, con la sua capacità di integra- del mezzo; hardware ecc.); apprendimento re materiali multimediali, conferenze on li- • la qualità del corso dipende dalla qualità • Essa offre la possibilità di adattarsi ai diversi stili di • compatibilità con i contenuti; alcuni argomenti possono ne, modalità di comunicazione sincrone e dei contenuti e non da fattori esterni;D I G I T A L E apprendimento degli allievi (visivo, auditivo e visuale non essere adatti per l’insegnamento con l’e-learning; asincrone, di condividere documenti e di • personalizzazione dei percorsi formativi dinamico, ecc…). Presenta il vantaggio di formare, a • capacità e competenze tecnologiche; alcuni utenti sostenere attività di gruppo, è certamente la (learning path). costi minori, un grande pubblico distribuito possono non essere bendisposti verso i computer, la tecnologia in grado di potenziare, e in certi geograficamente. tecnologia, ecc. casi addirittura sostituire, l’aula. Miglioramento delle performance aziendali: • Si adatta alla velocità di apprendimento del singolo, che Gli svantaggi per lo studente sono invece: • workforce in continuo aggiornamento, può gestire in autonomia, in funzione della propria • possibile avversione allo strumento, o indisponibilità velocità di apprendimento, la tempistica del corso senza della tecnologia necessaria; E-learning in azienda, perché? competenza; alcuna ripercussione sui “colleghi” di corso. • portabilità della formazione: i computer non sono ancora Abbattimento dei costi legati all’aggiorna- • responsabilizzazione e coinvolgimento. • È possibile tramite strumenti di comunicazione come adeguati per essere maneggevoli e consultabili ovunque; mento professionale: • aula virtuale; interazione ridotta con altri studenti, forum, chat, email e teleconferenza avere sessioni di • banalmente, meno spese di trasfer- PERFORMANCE ¦ AGGIORNAMENTO ¦ spersonalizzazione. apprendimento collaborativo, ripristinando, quindi, quel ta/missione; ESPERIENZA16 17
  11. 11. E-LEARNING INNOVATIVA D I G I T A L E AREE-PROCESSI INTERESSABILI tribuire, fare assistenza per dei prodotti o servizi molte aree aziendali sono normal- DA APPLICAZIONI mente interessate dalle problematiche e so- DI E-LEARNING luzioni illustrate in precedenza. Gli appli- cativi ICT di ‘e-learning management’ uti- Generalmente in tutte le tipologie di Azien- lizzabili possono interessare la maggior de, Organizzazioni, Filiere, Distretti che parte delle risorse umane di una organiz- devono ricercare, sviluppare, produrre, dis- zazione che vuole mantenersi aggiornata. I N N O V A Z I O N EI N N O V A Z I O N E Esempi delle principali applicazioni di e-learning per Area aziendale e relativi processi tipici Area aziendale: Area aziendale: Planning&Control Commerciale - Clienti - Partners Processi tipici interessati: Pianificazione e Gestione Processi: CRM/customer relationship management - Strategica - Pianificazione operativa - Controllo di gestione gestione diretta clienti (intermedi e finali) - front office Applicazioni tipiche di e-learning: Business intel- Applicazioni: marketing diretto commerc. e tecnico - L’ADOZIONE DELL’E-LEARNING che in Europa) all’utilizzo di strumenti in- termedi, non solo nelle aziende, ma anche ligence/web - Integrazione di Applicativi di Partners - ecc. services support workbench - ecc. IN ITALIA nell’università e negli istituti di educazione Processo interessato: Assistenza clienti superiore. Area aziendale: Applicazioni: Gestione assistenze, ecc. Il contesto Per molte ragioni in Italia la diffusione dell’e- Operations - back office/erp La mappa della diffusione dell’e-learning learning è più lenta e difficoltosa rispetto a Processi: Sviluppo/manutenzione di nuovi prodotti/ Area aziendale: nel mondo vede, sia in termini di utenti che paesi come Stati Uniti, Regno Unito, Svezia impianti (R&D - Collaborative Design) Procurement (Fornitori – Partners) di fatturato del settore, in posizione domi- nei quali la tradizione culturale della forma- Applicazioni: Supply Chain Execution, ecc. Processi: Supply chain man.nt (scm) - nante gli Stati Uniti seguiti da vicino dal Re- zione in aula è molto più radicata; nonostan- Processi: Logistica esterna, Logistica interna Approvvigionamenti gno Unito e dai paesi del Nord-Europa (Sve- te gli incentivi per la sua diffusione (rivolti sia (magazzini/trasporti/scheduling) Applicazioni: Collaborative knowledge management, zia, Finlandia, Norvegia); la tendenza di alle aziende pubbliche e private che alle isti-D I G I T A L E Applicazioni: Distribution – Logistics – ecc. ecc. crescita è stimata molto positiva da vari os- tuzioni educative), sembra che il panorama Processi: Produzione (Prodotti - Servizi) servatori. Anche gli utenti del continente formativo italiano sia “timoroso” rispetto al- Applicazioni: Knowledge Management, ecc. Area aziendale: asiatico utilizzano in entità rapidamente l’implementazione di programmi e-learning. Processi: Assicurazione Qualità Organizzazione e Sistemi crescente le tecnologie di e-learning. Ciononostante sono nati i primi corsi di lau- Applicazioni: Quality Management, ecc. Processi: Business process reeng./innovation A favore del trend positivo statunitense, gio- rea online (Politecnico di Milano, Universi- Processi: Gestione delle Risorse Umane Applicazioni : knowledge management, ecc. cano sicuramente la tipologia organizzativa tà di Firenze…) e svariati decreti dei Mini- Applicazioni: Human Resources, ecc. Processi: Gestione dei S.I./reti/tlc di molte aziende (multinazionali e grandi stri competenti hanno lavorato affinché la Processi: Contabilità e Finanza Applicazioni: knowledge management, ecc. aziende decentrate su un vasto territorio) e diffusione nella Pubblica amministrazione una componente culturale nei confronti dell’e-learning venga pianificata e conclusa Applicazioni: Accounting, ecc. dell’educazione aperta (sicuramente più a breve termine.18 19

×