SlideShare a Scribd company logo
1 of 19
Sordità 
Integrazione a scuola 
Dott.ssa Paola Serio
MA QUANTI SONO I SORDI? 
Sordi preverbali: 0,1% della popolazione; 
Uno su mille! 
“Handicap nascosto”
E’ bene però fare una distinzione 
tra ragazzi sordi, figli di genitori 
sordi o figli di genitori udenti.
Genitori udenti 
• Solitamente educati principalmente all’oralismo; 
• Spesso sottoposti all’impianto cocleare. 
• In rari casi, o solo quando altri metodi educativi 
hanno fallito, vengono esposti alla lingua dei 
segni (il genitore la conosce molto poco; più 
facilmente viene appresa dalla madre che si 
dedica maggiormente al figlio ma spesso è 
estranea al padre e agli altri membri della 
famiglia).
Da un punto di vista psicologico 
Rischi: 
• Dover sopperire a un suo deficit o a una sua 
mancanza. 
• Non frequenterà altri ragazzi sordi come lui per 
rincorrere una normalità che gli è stata negata. 
• Farsi accettare dai coetanei udenti 
• L’identificazione nei confronti del genitore dello 
stesso sesso, tipica dell’evoluzione 
dell’adolescenza, sarà più difficile a causa del 
fatto che il figlio percepisce il genitore udente 
come diverso da lui e inarrivabile con 
conseguenze negative sulla costruzione 
dell’identità.
I ragazzi sordi figli di genitori 
sordi 
• Crescono in un ambiente dove la sordità è una 
condizione naturale e vengono esposti a una 
lingua (la lingua dei segni) che viene appresa 
spontaneamente dal bambino sordo fin dalla 
nascita; 
• La sordità non viene quindi percepita come un 
deficit ma come una caratteristica che li 
contraddistingue dalla maggioranza.
Da un punto di vista psicologico 
• Il rapporto con i genitori sarà più disteso 
• Per ciò che concerne il mondo degli udenti 
permangono difficoltà di integrazione. 
• L’adolescente sordo sarà da sempre immerso 
nella comunità sorda frequentata dai genitori; 
avrà sviluppato amicizie e relazioni con i pari 
che non lo faranno sentire isolato. Nella 
comunità, il ragazzo sordo avrà sempre una sua 
collocazione e spesso potrà ricoprire anche ruoli 
di prestigio, all’interno della comunità stessa, 
che gli permetteranno di sentirsi gratificato. 
Questo naturalmente, avrà delle ripercussioni 
positive sull’immagine di sé.
Sia i ragazzi sordi figli di genitori sordi che figli di 
genitori udenti avranno comunque difficoltà nella 
relazione con i pari udenti sia per le difficoltà di 
comunicazione, sia per la difficoltà di accettazione 
della diversità e sia per il senso di estraneità che il 
sordo vive nei confronti della realtà degli udenti che, 
non essendo da lui mai sperimentata, fatica a 
comprendere.
Criteri elencati dai terapisti per un 
inserimento nella scuola dell’obbligo: 
• Valutazione individuale di ogni caso 
• Disponibilità dei genitori 
• Linguaggio 
• Livello cognitivo 
• Disponibilità regionale 
• Protesi 
• Inserimento nella scuola materna 
• Grado di sordità 
• Assenza di disturbi collaterali 
• Personalità
Le domande dei docenti di fronte ad un 
bambino o ragazzo sordo
• Quanto e come sente il bambino? 
• Cosa implica questa perdita uditiva? Cosa capisce? Come 
bisogna parlargli? 
• A chi posso rivolgermi per ricevere informazioni complete? 
• Quali sono le cause della sua perdita uditiva? 
• Di che tipo è questa perdita? 
• Quando è subentrata la perdita? 
• Che tipo di rieducazione e scolarizzazione ha già ricevuto il 
bambino? 
• Quali informazioni ho ricevuto? Sono sufficienti? 
• Come affronto gli scambi verbali? 
• Quale pedagogia devo usare? 
• Come posso accettare la sordità e farla accettare ai compagni 
senza pietismo? 
• Cosa devo pretendere da lui e fino a dove devo accettare le 
conseguenze della sua diversità? 
• Quali sono i criteri importanti per decidere l’opportunità di un 
inserimento? 
• Il bambino sordo che ho in classe, o mio figlio, assomigliano 
al vecchio sordo che abita al piano di sopra?
STRATEGIE PER FAVORIRE LA BUONA 
COMUNICAZIONE IN CLASSE
• Controllare che il locale sia ben illuminato e che il viso 
del docente sia sempre in luce 
• Evitare il tono della voce troppo alto perché deforma 
l’articolazione 
• Parlare con un ritmo rallentato ma non scandito, 
prolungando il suono delle vocali 
• Esporre il pensiero in maniera chiara ed 
ordinata,scegliendo il lessico in maniera appropriata 
• Evitare l’uso troppo frequente di subordinate 
• Essere disponibili a riformulare messaggi ambigui 
• Durante la spiegazione, ricorrere all’uso di uno schema 
del discorso,scritto sulla lavagna, facendo riferimento ad 
esso ogni volta che si introduce un nuovo argomento 
• Usare materiale illustrato 
• Spiegare al ragazzo ciò che avviene in classe anche in 
sua assenza
Progettare l’attività didattica 
• Tenere in considerazione le conoscenze culturali e la 
competenza linguistica dell’alunno rispetto all’argomento 
• Evidenziare il glossario dei nuovi termini 
• Anticipare all’insegnante di sostegno gli argomenti che 
verranno trattati in classe per consentirle di munirsi 
preventivamente del materiale che consenta di favorire 
l’attenzione e la partecipazione dell’alunno in classe 
• Adattare il testo alle capacità dell’allievo: ricompattare, 
integrare con immagini o schemi, evidenziare concetti 
chiave 
• Ove necessario semplificare il testo evidenziando i 
concetti nuovi o complessi.
Per i compagni di classe
• Porsi di fronte e mai in controluce per 
permettergli di leggere le labbra. 
• Muovere le labbra né troppo velocemente, né 
troppo lentamente, né tenendole chiuse, né 
tenendole esageratamente aperte. 
• Evitare di avere sciarpe, foulard o altro che 
coprano la bocca. 
• Se il ragazzo non riesce a comprendere ciò che 
viene detto, ripetere provando a cambiare 
vocaboli simili. 
• Non impressionarsi per la voce strana. Si tratta 
solo di abituarsi alla comprensione.
Il ruolo dell’assistente alla 
comunicazione. 
È una nuova figura professionale che opera 
in ambito scolastico accanto al bambino sordo ed 
ha “semplicemente“ il compito di facilitare la 
comunicazione nel contesto di apprendimento tra 
docenti (curricolari e di sostegno), compagni e 
alunno sordo e di rendere accessibile all’alunno i 
contenuti scolastici e le informazioni che lo 
riguardano, fungendo così da ponte 
comunicativo.
Bibliografia 
• ARLUNO, G.; SCHINDLER, O; “Handicappati e scuola: il bambino sordo nella scuola di tutti”, 
Torino, Omega Edizioni, 1982. -*- 
• ATTILI, G.; PICCI-BITTI, P.; “I gesti e i segni”, edizioni Bulzoni, Roma, 1983 
• BLOOM, B.S., “Caractéristiques individuelles et apprentissages scolaire”, Bruxelles, éd. Labor 
1979 
• BOUVET, D.; “La parola del bambino sordo”, Milano, Masson Italia Editori, 1986 - * - 
• FURTH, H.G.; “Pensiero senza linguaggio. Implicazioni psicologiche della sordità”, Roma, 
Armando Editore, 1971 
• GANDOLA G.; “La natura delle difficoltà scolastiche” in Rivista del sostegno pedagogico della 
scuola media, no. 3, 1988 
• LADD P.; “Intégration et désintégration des Sourds dans la Société”, 2LPE 
• Dr. LAFON; conférence: «technologie actuelle» (dépistage-matériel-appareillage) in Journée 
d’étude a Sion, 14 décembre 1985 
• MORROW-LETTRE, C.; «Surdité et langage oral», in Rondal, J.A.; Troubles du langage, P. 
Mardaga éditeur 
• MOUNOUD, P.; «L’utilisation du milieu et du corps propre par le bébé», in J. Piaget, P. Mounoud, 
J.-P. Bronckart: La Psychologie, Encyclopédie de la Pléiade Ed. 
• MOUNOUD, P.; «Développement cognitif: construction de structure nouvelles ou construction 
d’organisations internes» in Bulletin de psychologie, Tome XXXIII, no. 343 
• PIAGET, J.: «Le langage et la pensée chez l’enfant», edizione Delachaux et Niestlé, Neuchâtel- 
Paris, 1976 
• PIGLIACAMPO, R.; “Lo Stato e la diversità. Aspetti dell’inserimento dei sordi gravi nella scuola 
dell’obbligo”, Roma, Armando Editore, 1983 -*- 
• SODER, M.; “L’intégration scolaire des jeunes débiles”, in Centre pour la recherche et 
l’innovation dans l’enseignement (CERI). L’éducation des adolescents handicapés – Intégration à 
l’école. Paris: OCDE, 1981 
• VOLTERRA, V.; “La lingua italiana dei segni”, Bologna, Il Mulino, 1987 -*- 
• WATELET, M.; Parents d’enfant sourd, hier, aujourd’hui... et demain, in «Vivre sourd 
aujourd’hui...et demain?», Ed. Irsa, Bruxelles, 1986, vol. 1

More Related Content

What's hot

Conoscere Per Intervenire 2
Conoscere Per Intervenire 2Conoscere Per Intervenire 2
Conoscere Per Intervenire 2Massimo
 
Protocollo e gestione documentale
Protocollo e gestione documentaleProtocollo e gestione documentale
Protocollo e gestione documentaleCostantino Landino
 
I disturbi dello spettro autistico
I disturbi dello spettro autisticoI disturbi dello spettro autistico
I disturbi dello spettro autisticoPortale Autismo
 
Maria Grazia Maffucci - relazione finale tirocinio
Maria Grazia Maffucci - relazione finale tirocinioMaria Grazia Maffucci - relazione finale tirocinio
Maria Grazia Maffucci - relazione finale tirocinioMaria Grazia Maffucci
 
Tesi completa autismo
Tesi completa autismoTesi completa autismo
Tesi completa autismoDrosinula
 
Costruttivismo e didattica
Costruttivismo e didatticaCostruttivismo e didattica
Costruttivismo e didatticaiva martini
 
Il pei e il progetto di vita
Il pei e il progetto di vitaIl pei e il progetto di vita
Il pei e il progetto di vitaFrancesca Cuculo
 
Bisogni educativi speciali e inclusione
Bisogni educativi speciali e inclusioneBisogni educativi speciali e inclusione
Bisogni educativi speciali e inclusioneAntonia Casiero
 
Slide presentazione- dsa
Slide presentazione- dsaSlide presentazione- dsa
Slide presentazione- dsaimartini
 
Demenze: prevenzione, riabilitazione. assistenza
Demenze: prevenzione, riabilitazione. assistenzaDemenze: prevenzione, riabilitazione. assistenza
Demenze: prevenzione, riabilitazione. assistenzatommaso bisagno
 
Che cosè autismo
Che cosè autismoChe cosè autismo
Che cosè autismoimartini
 
valutazioneautenticacompitirealta.pptx
valutazioneautenticacompitirealta.pptxvalutazioneautenticacompitirealta.pptx
valutazioneautenticacompitirealta.pptxLaura Antichi
 
Ritard mentale
Ritard mentaleRitard mentale
Ritard mentaleimartini
 

What's hot (20)

Conoscere Per Intervenire 2
Conoscere Per Intervenire 2Conoscere Per Intervenire 2
Conoscere Per Intervenire 2
 
Protocollo e gestione documentale
Protocollo e gestione documentaleProtocollo e gestione documentale
Protocollo e gestione documentale
 
Progettazione a ritroso dell'uda
Progettazione a ritroso dell'udaProgettazione a ritroso dell'uda
Progettazione a ritroso dell'uda
 
I disturbi dello spettro autistico
I disturbi dello spettro autisticoI disturbi dello spettro autistico
I disturbi dello spettro autistico
 
Maria Grazia Maffucci - relazione finale tirocinio
Maria Grazia Maffucci - relazione finale tirocinioMaria Grazia Maffucci - relazione finale tirocinio
Maria Grazia Maffucci - relazione finale tirocinio
 
Tesi completa autismo
Tesi completa autismoTesi completa autismo
Tesi completa autismo
 
Relazione d'aiuto
Relazione d'aiutoRelazione d'aiuto
Relazione d'aiuto
 
Costruttivismo e didattica
Costruttivismo e didatticaCostruttivismo e didattica
Costruttivismo e didattica
 
Il pei e il progetto di vita
Il pei e il progetto di vitaIl pei e il progetto di vita
Il pei e il progetto di vita
 
Bisogni educativi speciali e inclusione
Bisogni educativi speciali e inclusioneBisogni educativi speciali e inclusione
Bisogni educativi speciali e inclusione
 
Slide presentazione- dsa
Slide presentazione- dsaSlide presentazione- dsa
Slide presentazione- dsa
 
Specializzazione Sostegno
Specializzazione Sostegno Specializzazione Sostegno
Specializzazione Sostegno
 
Demenze: prevenzione, riabilitazione. assistenza
Demenze: prevenzione, riabilitazione. assistenzaDemenze: prevenzione, riabilitazione. assistenza
Demenze: prevenzione, riabilitazione. assistenza
 
Progettare l'e-Learning
Progettare l'e-LearningProgettare l'e-Learning
Progettare l'e-Learning
 
Che cosè autismo
Che cosè autismoChe cosè autismo
Che cosè autismo
 
valutazioneautenticacompitirealta.pptx
valutazioneautenticacompitirealta.pptxvalutazioneautenticacompitirealta.pptx
valutazioneautenticacompitirealta.pptx
 
Bes
Bes Bes
Bes
 
Icf cy presentazione ianes
Icf cy presentazione ianesIcf cy presentazione ianes
Icf cy presentazione ianes
 
Ritard mentale
Ritard mentaleRitard mentale
Ritard mentale
 
Pedagogia speciale
Pedagogia specialePedagogia speciale
Pedagogia speciale
 

Similar to Sordità e integrazione a scuola

Dsaii dott.ssa
Dsaii dott.ssaDsaii dott.ssa
Dsaii dott.ssaimartini
 
Dsaii dott.ssa veneziani
Dsaii dott.ssa venezianiDsaii dott.ssa veneziani
Dsaii dott.ssa venezianiimartini
 
Bilingue si cresce - un incontro sul bilinguismo infantile
Bilingue si cresce - un incontro sul bilinguismo infantileBilingue si cresce - un incontro sul bilinguismo infantile
Bilingue si cresce - un incontro sul bilinguismo infantileEsedra Srl
 
Dislessia 1
Dislessia 1Dislessia 1
Dislessia 1imartini
 
Corso morozzi dsa
Corso morozzi dsaCorso morozzi dsa
Corso morozzi dsaiva martini
 
Bambini goffi
Bambini goffi Bambini goffi
Bambini goffi imartini
 
Dislessia
Dislessia Dislessia
Dislessia imartini
 
Relazione antonio rotundo
Relazione antonio rotundoRelazione antonio rotundo
Relazione antonio rotundoimartini
 
Relazione antonio rotundo
Relazione antonio rotundoRelazione antonio rotundo
Relazione antonio rotundoimartini
 
Relazione antonio rotundo2010
Relazione antonio rotundo2010Relazione antonio rotundo2010
Relazione antonio rotundo2010imartini
 
Diapositive Autismo 3
Diapositive Autismo 3Diapositive Autismo 3
Diapositive Autismo 3mariavivo
 
Input output c
Input output cInput output c
Input output cimartini
 
Corso nuove sfide alla multiculturalità
Corso nuove sfide alla multiculturalitàCorso nuove sfide alla multiculturalità
Corso nuove sfide alla multiculturalitàRita Dallolio
 
osservazione fattoei di rischio dsa
osservazione fattoei  di rischio dsaosservazione fattoei  di rischio dsa
osservazione fattoei di rischio dsaimartini
 
Chiara de grandis
Chiara de grandisChiara de grandis
Chiara de grandisiva martini
 
Chiara de grandis
Chiara de grandisChiara de grandis
Chiara de grandisimartini
 

Similar to Sordità e integrazione a scuola (20)

Autismo
AutismoAutismo
Autismo
 
Dsaii dott.ssa
Dsaii dott.ssaDsaii dott.ssa
Dsaii dott.ssa
 
Dsaii dott.ssa veneziani
Dsaii dott.ssa venezianiDsaii dott.ssa veneziani
Dsaii dott.ssa veneziani
 
Bilingue si cresce - un incontro sul bilinguismo infantile
Bilingue si cresce - un incontro sul bilinguismo infantileBilingue si cresce - un incontro sul bilinguismo infantile
Bilingue si cresce - un incontro sul bilinguismo infantile
 
Dislessia 1
Dislessia 1Dislessia 1
Dislessia 1
 
Corso morozzi dsa
Corso morozzi dsaCorso morozzi dsa
Corso morozzi dsa
 
Corso morozzi
Corso morozziCorso morozzi
Corso morozzi
 
Bambini goffi
Bambini goffi Bambini goffi
Bambini goffi
 
Dislessia
Dislessia Dislessia
Dislessia
 
Pantusa
PantusaPantusa
Pantusa
 
Relazione antonio rotundo
Relazione antonio rotundoRelazione antonio rotundo
Relazione antonio rotundo
 
Relazione antonio rotundo
Relazione antonio rotundoRelazione antonio rotundo
Relazione antonio rotundo
 
Relazione antonio rotundo2010
Relazione antonio rotundo2010Relazione antonio rotundo2010
Relazione antonio rotundo2010
 
Sostegno al successo form bertolo toscana
Sostegno al successo form    bertolo toscanaSostegno al successo form    bertolo toscana
Sostegno al successo form bertolo toscana
 
Diapositive Autismo 3
Diapositive Autismo 3Diapositive Autismo 3
Diapositive Autismo 3
 
Input output c
Input output cInput output c
Input output c
 
Corso nuove sfide alla multiculturalità
Corso nuove sfide alla multiculturalitàCorso nuove sfide alla multiculturalità
Corso nuove sfide alla multiculturalità
 
osservazione fattoei di rischio dsa
osservazione fattoei  di rischio dsaosservazione fattoei  di rischio dsa
osservazione fattoei di rischio dsa
 
Chiara de grandis
Chiara de grandisChiara de grandis
Chiara de grandis
 
Chiara de grandis
Chiara de grandisChiara de grandis
Chiara de grandis
 

Recently uploaded

Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...
Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...
Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...holowawa
 
Ostia antica da porta di Roma a porta d'Europa
Ostia antica da porta di Roma a porta d'EuropaOstia antica da porta di Roma a porta d'Europa
Ostia antica da porta di Roma a porta d'EuropaMarina Lo Blundo
 
Lo Schema Diapositiva con LibreOffice Impress
Lo Schema Diapositiva con LibreOffice ImpressLo Schema Diapositiva con LibreOffice Impress
Lo Schema Diapositiva con LibreOffice ImpressSalvatore Cianciabella
 
Ticonzero news 149.pdf, maggio 2024, content
Ticonzero news 149.pdf, maggio 2024, contentTiconzero news 149.pdf, maggio 2024, content
Ticonzero news 149.pdf, maggio 2024, contentPierLuigi Albini
 
Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...
Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...
Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...Roberto Scano
 
Asou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptx
Asou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptxAsou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptx
Asou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptxnuriaiuzzolino1
 
Transizione Energetica e Cooperazione: non solo CER
Transizione Energetica e Cooperazione: non solo CERTransizione Energetica e Cooperazione: non solo CER
Transizione Energetica e Cooperazione: non solo CERANCI - Emilia Romagna
 
Powerpoint tesi di laurea
Powerpoint tesi di laurea Powerpoint tesi di laurea
Powerpoint tesi di laurea Valentina Ottini
 
Stati Uniti PPT geografia power point..
Stati Uniti  PPT geografia power point..Stati Uniti  PPT geografia power point..
Stati Uniti PPT geografia power point..vendettimattia2010
 
a scuola di biblioVerifica: come utilizzare CHATBOT secondo UNESCO
a scuola di biblioVerifica: come utilizzare CHATBOT secondo UNESCOa scuola di biblioVerifica: come utilizzare CHATBOT secondo UNESCO
a scuola di biblioVerifica: come utilizzare CHATBOT secondo UNESCODamiano Orru
 
No. Nessuno strumento automatico verifica o ripara l’accessibilità di un sito...
No. Nessuno strumento automatico verifica o ripara l’accessibilità di un sito...No. Nessuno strumento automatico verifica o ripara l’accessibilità di un sito...
No. Nessuno strumento automatico verifica o ripara l’accessibilità di un sito...Roberto Scano
 
AccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domani
AccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domaniAccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domani
AccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domaniRoberto Scano
 

Recently uploaded (12)

Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...
Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...
Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...
 
Ostia antica da porta di Roma a porta d'Europa
Ostia antica da porta di Roma a porta d'EuropaOstia antica da porta di Roma a porta d'Europa
Ostia antica da porta di Roma a porta d'Europa
 
Lo Schema Diapositiva con LibreOffice Impress
Lo Schema Diapositiva con LibreOffice ImpressLo Schema Diapositiva con LibreOffice Impress
Lo Schema Diapositiva con LibreOffice Impress
 
Ticonzero news 149.pdf, maggio 2024, content
Ticonzero news 149.pdf, maggio 2024, contentTiconzero news 149.pdf, maggio 2024, content
Ticonzero news 149.pdf, maggio 2024, content
 
Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...
Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...
Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...
 
Asou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptx
Asou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptxAsou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptx
Asou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptx
 
Transizione Energetica e Cooperazione: non solo CER
Transizione Energetica e Cooperazione: non solo CERTransizione Energetica e Cooperazione: non solo CER
Transizione Energetica e Cooperazione: non solo CER
 
Powerpoint tesi di laurea
Powerpoint tesi di laurea Powerpoint tesi di laurea
Powerpoint tesi di laurea
 
Stati Uniti PPT geografia power point..
Stati Uniti  PPT geografia power point..Stati Uniti  PPT geografia power point..
Stati Uniti PPT geografia power point..
 
a scuola di biblioVerifica: come utilizzare CHATBOT secondo UNESCO
a scuola di biblioVerifica: come utilizzare CHATBOT secondo UNESCOa scuola di biblioVerifica: come utilizzare CHATBOT secondo UNESCO
a scuola di biblioVerifica: come utilizzare CHATBOT secondo UNESCO
 
No. Nessuno strumento automatico verifica o ripara l’accessibilità di un sito...
No. Nessuno strumento automatico verifica o ripara l’accessibilità di un sito...No. Nessuno strumento automatico verifica o ripara l’accessibilità di un sito...
No. Nessuno strumento automatico verifica o ripara l’accessibilità di un sito...
 
AccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domani
AccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domaniAccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domani
AccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domani
 

Sordità e integrazione a scuola

  • 1. Sordità Integrazione a scuola Dott.ssa Paola Serio
  • 2.
  • 3. MA QUANTI SONO I SORDI? Sordi preverbali: 0,1% della popolazione; Uno su mille! “Handicap nascosto”
  • 4. E’ bene però fare una distinzione tra ragazzi sordi, figli di genitori sordi o figli di genitori udenti.
  • 5. Genitori udenti • Solitamente educati principalmente all’oralismo; • Spesso sottoposti all’impianto cocleare. • In rari casi, o solo quando altri metodi educativi hanno fallito, vengono esposti alla lingua dei segni (il genitore la conosce molto poco; più facilmente viene appresa dalla madre che si dedica maggiormente al figlio ma spesso è estranea al padre e agli altri membri della famiglia).
  • 6. Da un punto di vista psicologico Rischi: • Dover sopperire a un suo deficit o a una sua mancanza. • Non frequenterà altri ragazzi sordi come lui per rincorrere una normalità che gli è stata negata. • Farsi accettare dai coetanei udenti • L’identificazione nei confronti del genitore dello stesso sesso, tipica dell’evoluzione dell’adolescenza, sarà più difficile a causa del fatto che il figlio percepisce il genitore udente come diverso da lui e inarrivabile con conseguenze negative sulla costruzione dell’identità.
  • 7. I ragazzi sordi figli di genitori sordi • Crescono in un ambiente dove la sordità è una condizione naturale e vengono esposti a una lingua (la lingua dei segni) che viene appresa spontaneamente dal bambino sordo fin dalla nascita; • La sordità non viene quindi percepita come un deficit ma come una caratteristica che li contraddistingue dalla maggioranza.
  • 8. Da un punto di vista psicologico • Il rapporto con i genitori sarà più disteso • Per ciò che concerne il mondo degli udenti permangono difficoltà di integrazione. • L’adolescente sordo sarà da sempre immerso nella comunità sorda frequentata dai genitori; avrà sviluppato amicizie e relazioni con i pari che non lo faranno sentire isolato. Nella comunità, il ragazzo sordo avrà sempre una sua collocazione e spesso potrà ricoprire anche ruoli di prestigio, all’interno della comunità stessa, che gli permetteranno di sentirsi gratificato. Questo naturalmente, avrà delle ripercussioni positive sull’immagine di sé.
  • 9. Sia i ragazzi sordi figli di genitori sordi che figli di genitori udenti avranno comunque difficoltà nella relazione con i pari udenti sia per le difficoltà di comunicazione, sia per la difficoltà di accettazione della diversità e sia per il senso di estraneità che il sordo vive nei confronti della realtà degli udenti che, non essendo da lui mai sperimentata, fatica a comprendere.
  • 10. Criteri elencati dai terapisti per un inserimento nella scuola dell’obbligo: • Valutazione individuale di ogni caso • Disponibilità dei genitori • Linguaggio • Livello cognitivo • Disponibilità regionale • Protesi • Inserimento nella scuola materna • Grado di sordità • Assenza di disturbi collaterali • Personalità
  • 11. Le domande dei docenti di fronte ad un bambino o ragazzo sordo
  • 12. • Quanto e come sente il bambino? • Cosa implica questa perdita uditiva? Cosa capisce? Come bisogna parlargli? • A chi posso rivolgermi per ricevere informazioni complete? • Quali sono le cause della sua perdita uditiva? • Di che tipo è questa perdita? • Quando è subentrata la perdita? • Che tipo di rieducazione e scolarizzazione ha già ricevuto il bambino? • Quali informazioni ho ricevuto? Sono sufficienti? • Come affronto gli scambi verbali? • Quale pedagogia devo usare? • Come posso accettare la sordità e farla accettare ai compagni senza pietismo? • Cosa devo pretendere da lui e fino a dove devo accettare le conseguenze della sua diversità? • Quali sono i criteri importanti per decidere l’opportunità di un inserimento? • Il bambino sordo che ho in classe, o mio figlio, assomigliano al vecchio sordo che abita al piano di sopra?
  • 13. STRATEGIE PER FAVORIRE LA BUONA COMUNICAZIONE IN CLASSE
  • 14. • Controllare che il locale sia ben illuminato e che il viso del docente sia sempre in luce • Evitare il tono della voce troppo alto perché deforma l’articolazione • Parlare con un ritmo rallentato ma non scandito, prolungando il suono delle vocali • Esporre il pensiero in maniera chiara ed ordinata,scegliendo il lessico in maniera appropriata • Evitare l’uso troppo frequente di subordinate • Essere disponibili a riformulare messaggi ambigui • Durante la spiegazione, ricorrere all’uso di uno schema del discorso,scritto sulla lavagna, facendo riferimento ad esso ogni volta che si introduce un nuovo argomento • Usare materiale illustrato • Spiegare al ragazzo ciò che avviene in classe anche in sua assenza
  • 15. Progettare l’attività didattica • Tenere in considerazione le conoscenze culturali e la competenza linguistica dell’alunno rispetto all’argomento • Evidenziare il glossario dei nuovi termini • Anticipare all’insegnante di sostegno gli argomenti che verranno trattati in classe per consentirle di munirsi preventivamente del materiale che consenta di favorire l’attenzione e la partecipazione dell’alunno in classe • Adattare il testo alle capacità dell’allievo: ricompattare, integrare con immagini o schemi, evidenziare concetti chiave • Ove necessario semplificare il testo evidenziando i concetti nuovi o complessi.
  • 16. Per i compagni di classe
  • 17. • Porsi di fronte e mai in controluce per permettergli di leggere le labbra. • Muovere le labbra né troppo velocemente, né troppo lentamente, né tenendole chiuse, né tenendole esageratamente aperte. • Evitare di avere sciarpe, foulard o altro che coprano la bocca. • Se il ragazzo non riesce a comprendere ciò che viene detto, ripetere provando a cambiare vocaboli simili. • Non impressionarsi per la voce strana. Si tratta solo di abituarsi alla comprensione.
  • 18. Il ruolo dell’assistente alla comunicazione. È una nuova figura professionale che opera in ambito scolastico accanto al bambino sordo ed ha “semplicemente“ il compito di facilitare la comunicazione nel contesto di apprendimento tra docenti (curricolari e di sostegno), compagni e alunno sordo e di rendere accessibile all’alunno i contenuti scolastici e le informazioni che lo riguardano, fungendo così da ponte comunicativo.
  • 19. Bibliografia • ARLUNO, G.; SCHINDLER, O; “Handicappati e scuola: il bambino sordo nella scuola di tutti”, Torino, Omega Edizioni, 1982. -*- • ATTILI, G.; PICCI-BITTI, P.; “I gesti e i segni”, edizioni Bulzoni, Roma, 1983 • BLOOM, B.S., “Caractéristiques individuelles et apprentissages scolaire”, Bruxelles, éd. Labor 1979 • BOUVET, D.; “La parola del bambino sordo”, Milano, Masson Italia Editori, 1986 - * - • FURTH, H.G.; “Pensiero senza linguaggio. Implicazioni psicologiche della sordità”, Roma, Armando Editore, 1971 • GANDOLA G.; “La natura delle difficoltà scolastiche” in Rivista del sostegno pedagogico della scuola media, no. 3, 1988 • LADD P.; “Intégration et désintégration des Sourds dans la Société”, 2LPE • Dr. LAFON; conférence: «technologie actuelle» (dépistage-matériel-appareillage) in Journée d’étude a Sion, 14 décembre 1985 • MORROW-LETTRE, C.; «Surdité et langage oral», in Rondal, J.A.; Troubles du langage, P. Mardaga éditeur • MOUNOUD, P.; «L’utilisation du milieu et du corps propre par le bébé», in J. Piaget, P. Mounoud, J.-P. Bronckart: La Psychologie, Encyclopédie de la Pléiade Ed. • MOUNOUD, P.; «Développement cognitif: construction de structure nouvelles ou construction d’organisations internes» in Bulletin de psychologie, Tome XXXIII, no. 343 • PIAGET, J.: «Le langage et la pensée chez l’enfant», edizione Delachaux et Niestlé, Neuchâtel- Paris, 1976 • PIGLIACAMPO, R.; “Lo Stato e la diversità. Aspetti dell’inserimento dei sordi gravi nella scuola dell’obbligo”, Roma, Armando Editore, 1983 -*- • SODER, M.; “L’intégration scolaire des jeunes débiles”, in Centre pour la recherche et l’innovation dans l’enseignement (CERI). L’éducation des adolescents handicapés – Intégration à l’école. Paris: OCDE, 1981 • VOLTERRA, V.; “La lingua italiana dei segni”, Bologna, Il Mulino, 1987 -*- • WATELET, M.; Parents d’enfant sourd, hier, aujourd’hui... et demain, in «Vivre sourd aujourd’hui...et demain?», Ed. Irsa, Bruxelles, 1986, vol. 1